A Monopoli o al bingo?

 Scritto da il 15 febbraio 2018 alle 09:29
Feb 152018
 

Certo che il signor Lucarelli quella affermazione riguardo al bingo (chiamato così dai fagioli, beans in inglese, che si mettono sulle cartelle a copertura del numero estratto), poteva risparmiarsela. Bene ha fatto a difendere la squadra perché coloro che sono scesi in campo hanno onorato la maglia; chi più, chi meno, hanno tenuto testa all’avversario ma, davanti al pubblico di casa, più di novemila spettatori, non si può prendere gol come quelli di domenica. Sul primo, incredibile ed allucinante il ripiegamento di tre difensori senza che nessuno sia andato incontro all’avversario; sul secondo, errato piazzamento della barriera con un Pisseri apparso nell’occasione lento ad arrivare su quel pallone non irresistibile, considerate le ottime qualità del nostro estremo difensore.

La reazione rossazzurra non è tardata, complice l’atteggiamento calabrese che, da quel momento, ha indietreggiato il suo baricentro, cercando di limitare le sfuriate etnee e di addormentare l’incontro.

Non vorrei puntare il dito indice accusatorio su chi poteva essere della partita e non e’ stato schierato, perché sarebbe troppo facile e poco onesto, a bocce ferme, salire sul pulpito sciorinando nomi unitamente a tanti se e vari ma.

Lucarelli è l’allenatore e, chi meglio di lui, può valutare gli undici iniziali da schierare in campo ogni settimana; altro problema di cui e’ incolpevole, la mancanza dei due esterni d’attacco, capaci di saltare l’uomo e fare la differenza, quelli che consentono alla squadra di potersi schierare con il 4/3/3 di fabbrica ed essere più offensivi specialmente nel campo amico, quello nel quale devi essere tu a proporti e a fare la partita. Abbiamo anche appreso, nel dopo partita, dell’infortunio al ginocchio di Biagianti, unico incontrista e centrale di rottura unitamente a Bucolo, anch’esso fermo ai box per qualche tempo ancora, giocatori che, se in campo, con molta probabilità non avrebbero permesso a Mungo di partire dalla sua metà campo per arrivare indisturbato sino al limite dell’area avversaria e calciare in porta indisturbato. Un apprezzamento particolare per l’impiego di Barisic provato da esterno risultato il migliore in campo e, parere personale, incredibilmente sostituito e poi, finalmente, seconda apparizione a centrocampo di Manneh ( dopo i pochi minuti col Fondi e lo Stabia ) al quale si dovrebbe concedere più fiducia, quanto meno per le capacità di corsa del ragazzo, capace di buttare il pallone dentro il sacco a pochi minuti dalla fine, rendendo meno amara la domenica all’ambiente rossazzurro.

Purtroppo il problema non e’ il Cosenza contro il quale un pareggio può anche starci, ma il Lecce che sta devastando il campionato avendo finora perso solo una partita, guarda caso contro il Catania al Massimino.

Il problema sono i punti persi a Reggio e contro la Casertana, la sconfitta interna con la Sicula Leonzio senza le quali potevamo avere almeno otto punti in più, senza contare la sconfitta di Trapani.

Adesso, a Monopoli, con o senza tifosi al seguito salvi quelli che si recheranno al Bingo su invito del mister, si dovrà fare di tutto per vincere.

Certamente se l’ex numero nove granata, che non ha fatto mistero di come, già da ragazzino, viva e viveva lo spirito delle curve, riuscisse a capire il bisogno della serie B di questa città retrocessa inaspettatamente per “problemi” esterni alla sfera di cuoio, qualche affermazione non gradita alla piazza se la sarebbe sicuramente risparmiata.

E’ stato anche fortunato per come sono andate a finire le partite contro Andria e Francavilla (ma non solo) nelle quali, malgrado un gioco quasi sempre affidato alle ripartenze ed al maggior spessore tecnico dei singoli, è riuscito ad intavolare due successi importanti. Gli elogi per quei sei punti acquisiti hanno allentato qualche smorfia per il gioco non esaltante espresso e sicuramente, se fosse arrivato anche il terzo gol contro i rossoblu sarebbe stato definito un mago e profeta. Purtroppo questo non è accaduto anche per i meriti del portiere calabrese che e’ riuscito a parare anche l’impossibile e, in contemporanea, la vittoria dei salentini a Bisceglie che ha reso più deboli e lontani quei denti che devono stare il più possibile vicini alle parti basse e morbide dei giallorossi.

Domenica i nostri saranno di scena a Monopoli. Cosa troveranno? Sicuramente una squadra che non viene sconfitta dal 22 dicembre dello scorso anno, partita che perse proprio a Cosenza per 2-0 e che ha poi raccolto, col nuovo allenatore Scienza che ha preso il posto di Tangorra, 2 pareggi e 3 vittorie di cui l’ultima, proprio domenica contro l’Andria.

La squadra è rimasta per lo più con la rosa di inizio campionato, salvo perdere l’ex Paolucci per rescissione contrattuale, Souare’,Lo Bosco, Zimbert  e Cappiello, elementi questi che per lo più entravano saltuariamente in campo a partita in corsa, ed ha acquisito, nel mercato di riparazione, le prestazioni di Doudou, Benassi  e Minicucci.

Mister Scienza, ancora imbattuto dal suo debutto a Fondi, preferisce giocare con il 3-5-2 che vede Bardini in porta, difensori centrali Ferrara, Bacchetti e Mercadante, esterni Rota a destra e Donnarumma a sinistra, in mezzo al campo Zampa, l’ex Scoppa e Sounas con in avanti, squalificato Sarao, ci saranno presumibilmente Salvemini e Genchi, capocannoniere della squadra con già otto segnature realizzate, seguito da Sarao con sette. Ventisei i centri sinora realizzati dai gabbiani in stagione e ventuno le reti subite, per una posizione che li trova al settimo posto con 34 punti insieme al Matera e a solo una distanza da Cosenza e Rende. Solo due le sconfitte interne contro Rende ed juve Stabia, cinque i pareggi in casa tra cui spicca quello con il Trapani.

Una gara difficile per i rossazzurri che, tuttavia, va affrontata con la consapevolezza di portare via tutta la posta, al fine di cercare di contenere al massimo la distanza dalla capolista e dalla inseguitrice più pericolosa Trapani, riguardo anche alla sosta che obbligherà il Catania ai box nel turno successivo.

  28 Commenti per “A Monopoli o al bingo?”

  1. Ip Address: 151.38.95.219

    Buongiorno a tutti complimenti a raggio libero per l’articolo sicuramente domenica abbiamo una possibilità in più per scegliere se guardare la partita ho andare al BINGO………………..🤣🤣🤣🤣🤣 chissà il signor Lucarelli dove voleva arrivare?

  2. Ip Address: 83.103.74.23

    condannati a vincere, il resto è tutta fuffa!!

  3. Ip Address: 151.38.95.219

    Sicula Leonzio-Lecce, già esauriti i 200 biglietti a disposizione
    È terminata la disponibilità dei biglietti per la sfida tra Sicula Leonzio e Lecce, che si disputerà domenica 18 febbraio alle ore 14.30 allo stadio “Angelo Massimino” di Catania.

    PUBBLICITÀ

    Sono già andati esauriti i 200 biglietti messi a disposizione del club lentinese, come riporta il sito ufficiale della Sicula Leonzio.

    La società del presidente Leonardi aveva richiesto l’aumento della capienza dello stadio, non ottenendo però il nulla osta delle autorità. “Vista la grande richiesta di pubblico, la società bianconera si è mobilitata nelle sedi opportune per una maggiore richiesta di tagliandi – si legge – che, tuttavia, la Questura di Catania, per motivi di ordine pubblico non ha accettato“.

    Allo stadio, dunque, saranno presenti solo gli abbonati alle gare interne della Sicula Leonzio ed i 200 che hanno acquistato il biglietto. Ricordiamo che la trasferta è stata vietata ai tifosi del Lecce.

  4. Ip Address: 5.168.222.76

    Si. Vittoria assolutamente. Non pensiamo ad altro. Non vincere per poi riposare domenica prossima equivarrebbe a consegnare la b al Lecce su di un vassoio d’argento

  5. Ip Address: 5.90.147.85

    Giusto raggio e giusto amici gara da vincere col monopoli sempre che il nostro mister capisce come…giocare.non capisco il divieto di vendita di biglietti x leonzio lecce i pugliesi va bene ma perché i catanesi non possono vedere la partita….bo misteri del….potere comunque forza catania

  6. Ip Address: 94.37.26.24

    Mexxican non ti scervellare su cosa voleva dire non ne vale la pena !!! domenica sera sapremo se la famosa frase “ultima curva” arriva con 10 settimane di anticipo. Mi auguro vivamente che ciò non accade anche in considerazione che la Leonzio sicuramente venderà cara la pelle. Vedremo !!!!

  7. Ip Address: 5.90.59.250

    A monopoli non si passa. NOi andremo a svernare sul vostro campo.forza Lecce l’apocalisse è vicina.

  8. Ip Address: 151.68.29.53

    Enzu viri cu ta ficca ……..

  9. Ip Address: 151.68.29.53

    Buonpomeriggio a tutti ❤️💙

  10. Ip Address: 5.90.232.230

    Ma cui è stu enzo ma pensa alla leonzio ca 2 gol ve li fa…poi ne pallamo fozza catania

  11. Ip Address: 5.90.232.230

    Carusi ma fra un mese quando ci sarà leonzio catania al massimino solita storia tifosi del catania ….fuori cose da pazzi a meno che la lega non sposta la partita su altro campo siciliano….boo….misteri ….comunque per enzo domenica a monopoli 2 fisso x noi è un obbligo ciao

  12. Ip Address: 151.68.29.53

    Ciao Aurelio purtroppo la lega provola è anche questo

  13. Ip Address: 5.169.164.128

    Si Enzo vi potete rilassare. U campionato finiu . Fate come Annibale a Capua .

  14. Ip Address: 151.38.78.159

    Buonsabato a tutti ❤️💙

  15. Ip Address: 5.90.112.110

    Domani se le cose vanno come devono andare stu enzo non lo sentiamo più b 🌃 fozza ct

  16. Ip Address: 93.46.56.84

    Mi sa che Enzo aveva ragione che vergogna

  17. Ip Address: 178.39.222.16

    4:0 e buonanotte

  18. Ip Address: 178.39.222.16

    Colpa dei tifosi……,

  19. Ip Address: 178.39.222.16

    Ups 5:0 ma il Lecce pareggia…….,

  20. Ip Address: 94.37.26.24

    Il Leonzio ha fatto il suo dovere Noi no.
    E’ difficile commentare una partita non vista ma il risultato della sconfitta parla da solo.

  21. Ip Address: 151.18.59.34

    Solo. Vergogna, per il resto complimenti al Lecce per la sua imminente promozione in B

  22. Ip Address: 5.90.252.123

    Carusi ho consumato una scatola di tavor….che vergogna derisi dal monopoli plm se ha le palle deve liquidare il mister ma vedrete che non lo farà. …..non ho neanche la forza di scrivere …..che amarezza ….che notte ci aspetta saluti a tutti

  23. Ip Address: 93.46.56.84

    speriamo di centrare almeno il terzo posto ma la vedo dura

  24. Ip Address: 151.18.59.34

    Ciao Aurelio, purtroppu senza patruni nun ghiemmu a nudda banna

  25. Ip Address: 151.18.59.34

    Il Catania perde 5-0 contro il Monopoli. I tifosi rossazzurri giunti al Veneziani hanno duramente ripreso la truppa di Lucarelli al termine del match. Il video, pubblicato dalla pagina Facebook del sito internet Catanista.eu, vede un tifoso affrontare a muso duro la squadra rossazzurra che ascolta in silenzio le parole.

  26. Ip Address: 151.18.59.34

    Lo Monaco: “Una sconfitta vergognosa, un disastro. Lucarelli? Non escludo nulla”
    Intervenuto ai microfoni di Ultima Tv, Pietro Lo Monaco ha commentato l’odierna sconfitta del Catania a Monopoli.

    PUBBLICITÀ

    “È una delle pagine più nere e vergognose della storia del Calcio Catania – le parole di Lo Monaco -. In tanti anni, raramente mi è capitato di vedere il niente come oggi. Una sconfitta inspiegabile, immotivabile, senza alcuna giustificazione. È un disastro che rende vano tutto quanto di buono è stato finora e soprattutto si è disonorata la maglia. La squadra va in ritiro, e a spese loro, e non escludo altri provvedimenti. Non posso permettere a nessuno ciò che è accaduto oggi, fa male al cuore”.

    Lo Monaco non si esprime in maniera chiara sul possibile cambio di allenatore: “Una partita del genere deve necessariamente far riflettere. Non può essere etichettata come un episodio, è una sconfitta che deve avere delle motivazioni. Dopo i primi venti minuti, in cui ho visto la squadra lottare, abbiamo spento inspiegabilmente la luce, consegnandoci agli avversari ed esponendoci ad una figura che la maglia del Catania non merita. È talmente tanta l’amarezza in questo momento che fare discorsi sul futuro dell’allenatore è fuori luogo”.

    La sconfitta di Monopoli significa addio al primo posto:“Questa prestazione suggerisce che tutte le speranze che avevamo di agganciare il Lecce rimangono lettera morta. Se questa è la reazione dei calciatori, vuol dire che qualcosa non va. La nostra testa è sempre stata rivolta al primo posto, era a portata di mano e avevamo tutte le possibilità per raggiungerlo. Abbiamo però dilapidato la possibilità di arrivare in testa con i punti persi contro Reggina, Casertana, Sicula Leonzio e Monopoli.

    Lo Monaco non sa spiegarsi il perché della sconfitta: “Io continuo a dire che il Catania ha l’organico più forte del campionato, tutti gli addetti ai lavori me lo confermano. Se facciamo queste prestazioni dobbiamo pure cominciare a riflettere. Oggi in panchina avevamo gente come Di Grazia, Mazzarani e Marchese, eppure la partita è finita con la ‘ola’ del pubblico di Monopoli. Il problema è capire com’è possibile che una squadra che ha conquistato otto vittorie esterne possa affrontare in questo modo una partita così importante. Quando vedo un mio calciatore con anni di Serie A alle spalle fare tacchi e punte al limite della nostra area di rigore significa che non c’eravamo con la testa. Dobbiamo pensare a dare ancora fastidio al Lecce ed in alternativa tutelare il secondo posto. Dobbiamo raccogliere i cocci di questa giornata disastrosa e ripartire”.

  27. Ip Address: 2a01:4f8:141:4494::2

    Raggio Libero, thank you for your blog post.Really thank you! Awesome.

  28. Ip Address: 2a01:4f8:141:4494::2

    Raggio Libero, thanks!And thanks for sharing your great posts every week!

Spiacenti, i commenti sono chiusi.

su
giu