“Abbiamo chiuso per Caraglio”

 Scritto da il 15 luglio 2010 alle 22:58
Lug 152010
 

Catania, Lo Monaco: “Abbiamo chiuso per Caraglio”

Ai microfoni di Itasportpress, l’amministratore delegato del Catania, Pietro Lo Monaco, ha confermato di aver chiuso la trattativa con il Rosario Central per l’arrivo in Sicilia dell’attaccante argentino Milton Caraglio (21): “Abbiamo ottenuto il si per l’attaccante del Rosario Central Milton Caraglio. Sarà a Catania domani o sabato per la presentazione. Lo presenteremo e poi partirà per il Trentino dove raggiungerà i compagni e il tecnico Giampaolo. Una trattativa lunga e complicata che finalmente si è risolta positivamente”.

  9 Commenti per ““Abbiamo chiuso per Caraglio””

  1. Ip Address: 109.68.193.30

    buonasera da Londra popolo rossazzurro……

    ecco il ns. nuovo acquisto al quale do il benvenuto…..

    —————————-FORZA CATANIA——————————

  2. Ip Address: 109.68.193.30

    Secondo quanto riportato dal Corriere dello Sport, sarebbe arrivato stanotte a Catania l’attaccante del Rosario Central, Milton Caraglio (22).

  3. Ip Address: 109.68.193.30

    ciao amico Giorgio…

    dove sono io il mare non c’è si lavora e basta….

    ma al ritorno farei 2 tuffi per te….

  4. Ip Address: 109.68.193.30

    Catania, Capuano: “Scommetto su questa squadra, sa quello che vuole”
    15.07.2010 20:10 di Livio Giannotta

    L’esterno difensivo sinistro Ciro Capuano parla per la prima volta dal ritiro di Rumo, lo fa con l’umiltà che lo ha sempre contraddistinto. “Stiamo lavorando molto, con grande sacrificio, com’è giusto che sia in ritiro – spiega -. Tutti abbiamo le stesse possibilità di giocare, partiamo alla pari. A livello tattico non cambia molto, la linea difensiva rimane a quattro, ci sono alcune differenze rispetto al Catania di Mihajlovic. Abbiamo tanto tempo per assimiliare ciò che mister Giampaolo ci chiede. E’ un tecnico coi piedi per terra, ha tanta voglia di fare bene e ha trovato una squadra che sa quello che vuole. E’ partito Jorge Martinez, per il resto la squadra è identica allo scorso campionato, e questo è importante per noi. Come vedo la prossima seria A? Difficile, com’è sempre stato. Bisognerà affrontarlo con la massima umiltà. Il Catania dovrà raggiungere la salvezza nel più breve tempo possibile. Quando saremo sicuri di aver raggiunto l’obiettivo vedremo se ci sarà la possibilità di puntare a qualcosa di più importante. Sono pronto a scommettere su questa squadra”.

  5. Ip Address: 109.68.193.30

    Catania, Maxi Lopez: “Pronto a indossare la maglia della Nazionale italiana”
    15.07.2010 19:00 di Livio Giannotta sd5r

    Il bomber argentino del Catania Maxi Lopez si presenta nella sala stampa allestita a Rumo con tanta determinazione in vista della nuova stagione rossoazzurra, anche se non esclude al 100% la permanenza in Sicilia. Queste le dichiarazioni dell’attaccante: “Acquisire la nazionalità italiana e vestire la maglia azzurra? Io sarei disponibile nel caso in cui si presentasse l’occasione. Se speravo di partecipare ai Mondiali con la Nazionale argentina? Sì, ma in futuro le cose potrebbero cambiare, chissà. C’è tempo. Ma prima di tutto il mio interesse è fare bene a Catania. Poi se arriva qualcosa è un premio per me. Il mio futuro? Voglio restare qui, e comunque non è arrivata nessuna offerta, almeno finora. In caso di novità ne parlerò con la dirigenza, ma ribadisco che il mio primo pensiero è dare il massimo in ritiro e concentrarmi unicamente sul Catania. Mister Giampaolo? Stiamo lavorando per capire bene le sue idee perché dobbiamo essere al 100% per l’inizio del campionato.

  6. Ip Address: 87.18.9.52

    Sport
    17 luglion 2010
    IL PALLONE IN CRISI
    «La verità? Costano meno e rendono di più»
    Fabrizio Larini, 57 anni, è il direttore sportivo dell’Udinese, alla sedicesima stagione di fila in Serie A, grazie soprattutto agli stranieri: 21 nello scorso campionato. Non sono troppi?
    «In mancanza di giocatori di qualità in Italia – risponde l’erede di Gasparin, passato alla Sampdoria – le società sono costrette a pescare all’estero. È un discorso di qualità e prezzo».

    Così però si danneggia la Nazionale.
    «I campionati di Germania e Inghilterra sono pieni di stranieri, eccessivo far ricadere l’eliminazione dell’Italia sulle scelte dei club. Che ci fosse poca qualità si sapeva anche prima, viviamo una realtà dove non si dà tempo ai giocatori di crescere, c’è esasperazione e non cultura sportiva».

    Nel senso che si pensa solo alla vittoria?
    «Se perdi entra in subbuglio la tifoseria che va sotto casa di allenatore e giocatori. Rosella Sensi girava scortata per Roma prendendosi insulti. Al Milan hanno contestato Berlusconi perchè non spende più, dopo quanto ha profuso e vinto. Non c’è riconoscenza».

    La mancanza di pazienza danneggia il movimento?
    «I giovani vanno aspettati, a Udine è sempre stato così: Pizarro faticava il primo anno, non si ambientava, è stato rimandato in Cile e poi recuperato».

    Il Catania si è salvato per la quarta volta ma con 15 stranieri, di cui 11 argentini.
    «È stata la sua fortuna, con italiani di medio livello avrebbe faticato di più. E ha capitalizzato cedendo Martinez alla Juve e Vargas due anni fa alla Fiorentina. Bisogna dare merito al dg Lo Monaco: le società sono aziende, non possono per forza scegliere italiani».

    Intanto si moltiplicano le naturalizzazioni.
    «Tutti le fanno, appena possono. Per mandare Camoranesi in Nazionale, con Trapattoni, quasi si fece un referendum. Amauri è stato un caso diverso, servirebbe più chiarezza: un conto è un giocatore con origini italiane, il brasiliano della Juve ha semplicemente sposato una donna diventata italiana».

    L’Inter ha vinto la Champions con solo Materazzi, Santon, Balotelli e i portieri di riserva italiani.
    «Guardate le rose di Chelsea e Arsenal: troverete ben pochi inglesi».

    Basterà tesserare un solo nuovo extracomunitario per rilanciare il nostro calcio?
    «È una mossa demagogica, perchè allora si possono inserire decine di comunitari e il problema è aggirato. Andavano rispettati i tempi e le società, ora in difficoltà per quanto già pianificato. Così non si lavora bene».
    Vanni Zagnoli

    Copia e incolla da “avvenire.it

    Ciao joe!!!
    Se ho capito bene ti trovi a Londra per lavoro.

    Quando vieni in italia fatti un bagnetto anche per me perche’ al massimo posso farmi un bagnetto nella mia vasca da bagno.
    La verita’ non posso andare al mare perche’ a Napoli e d’intorni l’acqua del mare fa schifo.

    Interessante argomento in favore del nostro Lo Monaco.

    Sogni rossazzurri a tutti!!!

    Vamos Catania!!!

  7. Ip Address: 83.103.74.24

    Buongiorno a tutti i tifosi rossazzurri.

    Un particolare saluto ai componenti della New Star.

    Benvenuto a Caraglio, speriamo che ci faccia salvare e…. perchè no, con i suoi gol ci faccia andare in Europa…

    Mi fìru do zù Pètru!!!

  8. Ip Address: 79.35.157.66

    Salve raga’!!!
    Non arriva piu’ Caraglio per colpa della sua societa’.
    Va bene lo stesso!!!
    Zio Petrus ci pensera’!!!

    Vamos Catania!!!!

  9. Ip Address: 109.68.193.30

    ciao ragazzi…..

    mi sa che quest’anno non arriva nessuno…..

    qui per un motivo o per un altro stanno saltando tutte le trattative !!!!! come mai !!!!!

    almeno un innesto o al massimo 2 si potevano fare….

    un ala destra per rimpiazzare Martinez e un terzino sinistro per Capuano, penso che ci vogliano questi 2 giocatori per fare il salto di qualità….

    speriamo bene….

Spiacenti, i commenti sono chiusi.

su
giu