Adesso chi fermerà le critiche?

 Scritto da il 4 dicembre 2011 alle 17:26
Dic 042011
 

In un calcio dove il dio denaro ha preso ormai da tempo il sopravvento distruggendo in maniera lenta, ma inesorabile, tutti i valori più puri dello sport, mettendone a repentaglio la sua stessa esistenza, ci sta che un incontro si disputi all’ora di pranzo.

Le persone meno giovani (come me), quelle che vorrebbero che il tempo si fermasse, ricordano con immensa nostalgia il fischiettio dell’uccellino (che non era quello di Del Piero) che annunciava solenne: “La Stock di Trieste famosa al mondo per i suoi brandy vi invita ad ascoltare «Tutto il calcio minuto per minuto».

Era una sorta di sacro rituale che riempiva la domenica di tante famiglie di italiani, sia che le partite si ascoltassero allo stadio, sia da casa.

Oggi le esigenze commerciali hanno fatto sì che non esista giorno della settimana senza che si disputi almeno una partita: lunedì i posticipi, martedì e mercoledì la Champions league, giovedì si gioca l’ Europa league, venerdì e sabato gli altri anticipi e domenica ciò che resta.

Va bene che il calcio è una “droga”, ma così si rischia l’overdose!

Oggi al Massimino, (al caro vecchio Cibali) è arrivato il Cagliari del vulcanico Cellino (un pezzo di quel “trio delle meraviglie” come ho già definito il trio Cellino Preziosi e Zamparini).

Dico Cagliari e penso a Gigi Riva, ma più che alle memorabili imprese sportive penso a quando, nel 1970, dopo la vittoria dello scudetto, osò chiedere un contratto triennale per un totale di cento milioni! Ero un ragazzino, ma ricordo benissimo che si gridò allo scandalo.

A quel tempo lo stipendio medio annuo di un normale impiegato si aggirava intorno ai due milioni. Come aveva osato un calciatore, sebbene si chiamasse Riva, chiedere per un anno più di sedici volte tanto lo stipendio medio di un italiano! Che immoralità!

Tanto per rendere meglio l’idea oggi lo stipendio medio di un impiegato si aggira intorno ai ventimila euro annui (ed è gran fortuna averlo) ed è un po’ come se si considerasse scandaloso dare a Ibrahimovic un milione di euro in tre anni. Nel calcio di oggi ciò che chiese Gigi Riva nel 1970 a momenti lo pretendono modesti giocatori di Lega pro. (ex serie C).

Tornando alla partita il Cagliari è sceso in campo al Massimino affamato di punti, il Catania deciso a non concedere nulla e a mettere nel dimenticatoio l’umiliante eliminazione in Coppa Italia per mano del Novara. Purtroppo è andata male, per noi oltre un pranzo indigesto l’amaro calice di una pericolosissima sconfitta.

A parte il duttile e prezioso Izco per Montella non si registrano gravi assenze (ragazzi, spero vivamente di sbagliarmi, ma non credo che Suazo, questo Suazo, non quello di quattro anni fa, possa farci fare il salto di qualità o darci chissà quale contributo).

Il Cagliari, invece, è privo di alcuni giocatori molto importanti, come gli infortunati Astori e Nenè ( quello che a Cagliari la scorsa stagione ce ne fece tre) e lo squalificato Nainggolan (uno dei migliori centrocampisti in circolazione).

Primo tempo bruttino. Dopo una lunga fase di studio in cui non succede praticamente nulla è il Catania che si rende pericoloso prima con Almiron, anticipato dopo un passaggio filtrante di Biagianti e poi con una girata di Bergessio. La partita non decolla. I rossazzurri fanno registrare un lungo quanto sterile possesso palla e niente più, Alla mezz’ora Biagianti è costretto a lasciare il posto a Sciacca. Prima della chiusura del tempo un’occasione per parte. Al 35’ Lodi, da buona posizione, calcia alto dopo una “magia” dello sgusciante Gomez, quattro minuti dopo il veloce Ibarbo si presenta solo davanti ad Andujar, ma il nostro portiere è strepitoso e gli nega un gol quasi fatto. Si chiude il primo tempo e si ha l’impressione che per vincere ci vuole un “qualcosa in più”, qualcosa di straordinario. Al 10’ entra Barrientos al posto di Alvarez e pensi che possa succedere qualcosa.

In effetti al 18’ qualcosa di straordinario accade, ma la combina Ibarbo.

Personalmente temevo molto questo calciatore e mercoledì, nell’articolo di presentazione dell’incontro, avevo avvisato della sua pericolosità. Il giovane colombiano del Cagliari, defilato sulla destra, con uno scatto imperioso superava Legrottaglie, che, fuori area, inutilmente cercava di placcarlo, entrava in area, eludeva il ritorno di Spolli, superava un incolpevole Andujar e depositava nella porta sguarnita. A questo Montella faceva entrare (tardi, troppo tardi !) Max Lopez al posto dell’infortunato Almiron. Il Catania aveva un sussulto di nervi, spinto proprio da Max il quale al 25’ veniva strattonato in area da Canini. Bergonzi aspettava un po’ in attesa di suggerimenti auricolari, ma poi non se la sentiva di decretare un calcio di rigore che ci stava tutto.

Ibarbo diventava incontenibile e al 32’  era ancora Andujar con una prodezza a negare il raddoppio a Thiago Ribeiro servito dal giovane colombiano. Prima della chiusura un cross sbagliato di Agostini si spegneva sul palo interno, mentre Max Lopez, liberatosi in area con una prodezza, si vedeva negare il pari da una gran parata di Agazzi.

Che dire? Il Cagliari ha segnato ed ha vinto, il Catania no.

Inutile stare qui a cercare il capro espiatorio, certo che il Marchese di oggi mi ha ricordato la pubblicità di una nota marca di calze da donna “ Non stringe, non strappa, non punge” e lui oggi, non ha  né “chiuso, né spinto, né inciso”. Inciso forse sì, perdendo tanti palloni.

Ma è inutile prendersela con qualcuno, il ragazzo di Delia da diverse partite ha dato tutto e forse avrebbe bisogno di un periodo di riposo (magari 5- 6 partite).

Sicuramente c’è qualcosa da rivedere. La sconfitta (terza casalinga consecutiva incluso la partita di coppa contro il Novara) è difficile da mandar giù, anche se è problematico, cerchiamo di coglierne qualche aspetto positivo. Il Catania odierno non può fare a meno di Max Lopez (altro che darlo al Milan) e il biondo attaccante oggi pare si sia svegliato. Sciacca ha dimostrato di essere utile alla causa, Andujar ha smesso di essere distratto e poi, poi… lasciamo stare.

Speriamo solo di tornare a far punti a Bergamo. E meno male che dopo il cosiddetto “ciclo di ferro” venivano le… partite facili. Altro che Catania spettacolare, lo spettacolo ( gol di Ibarbo a parte) è qualcosa di molto diverso del Catania- Cagliari di oggi.

Pensiamo solo a far punti.

Mamma mia, però, adesso “chi fermerà le critiche”.

  24 Commenti per “Adesso chi fermerà le critiche?”

  1. Ip Address: 87.1.10.100

    Che cavolo di partita ho visto oggi, mi è rimasto impresso solo stu “Ibarbo” ha seminato il panico nelle ns. retrovie 😈 😈 😈
    ma come si fa a perdere con il Cagliari, Chievo e Novara ❓ ❓ ❓ ❓

    é una vergogna :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: tutti a pane e acqua…

  2. Ip Address: 87.11.106.45

    Buongiorno a tutti gli amici rossazzurri,Tino,il tuo articolo ci riporta a dei magnifici ricordi,ma purtroppo ormai passati.Per ciò che riguarda le critiche,fanno parte del gioco,l’importante,che non siano critiche pregiudizievoli.Sono molto rammaricato per la sconfitta e qualche scelta che mi ha lasciato perplesso,tre sconfitte consegutive(compresa quella di coppa) in casa,che si potevano benissimo evitare,anzi,forse anche i pareggi avrebbero lasciato l’amaro in bocca.Oltre a quelle che possono essere state le scelte di Montella,forse qualche giocatore si sarà montato la testa.Comunque,staremo a vedere,il discorso lo vedo molto lungo e articolato,la chiudo quì,evito di ripetermi nel giudizio delle pagelle.

  3. Ip Address: 87.19.168.170

    Ho molta fiducia in Montella ma sono costretto ad ammettere che contro il Cagliari ha sbagliato totalmente sia la formazione che l’approccio alla gara.

  4. Ip Address: 92.139.76.145

    Ciao Professore
    Solo contro il Cagliari? ed il Chievo e tutte le altre, Montella fino ad oggi a vissuto con il credito della sua innegabile carriera calcistica, ma a differenza di Mihajlovic, Simeone e perfino Zenga si è dimostrato testa dura mentre gli altri si sono adeguati al credo calcistico di Lo Monaco 4-3-3 ed è lui che compra i giocatori per quel modulo, Montella no!! lui esperimenta lui inventa, Izco terzino Lanzafame terzino, Marchese a centrocampo a fare cross 😯 😯 per Gomez 😯 😯 Lodi alla Pirlo 😯 😯 😯 Almiron ottimo davanti alla difesa lo fà giocare avanti è cosi via!!
    Senza contare le partite dove preferisce perfino Catellani a Lopez, ultima chicca, la sua dichiarazione ” Anche con Barrientos e Lopez non abbiamo segnato” si uno 30 minuti e l’altro 22 minuti, pauroso è peggio di Giampaolo 😈 😈

  5. Ip Address: 82.55.101.50

    Salve raga’!!!
    Comunicazione di servizio per joe!!! 😉 😉 😉 😐 😐 😐 😐
    Nella prima pagina del sito c’e’ scritto 3 commenti e cliccandoci sopra non ne vedo manco uno.

    Qui Napoli e dintorni cielo grigio con nuvole nerissime come il mio cuore rossoazzurro, temperatura freddina.

    Tino che dobbiamo criticare? Vogliamo spariamo sulla croce rossa Catania? Scrivi bene altro che partite di ferro che erano prima queste che verranno saranno d’acciaio!!!

    Speriamo bene!!! 🙂 😐 😕 :mrgreen:

  6. Ip Address: 85.41.235.41

    Stiamo lavorando per voi…..

    entro oggi riprende la normalità…..
    come ha detto Lux è andato in tilt anche il sito :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

  7. Ip Address: 88.66.29.191

    ho letto che a questo punto del campionato abbiamo gli stessi punti che aveva giampaura l’anno scorso
    vuoi vedere che si ripete tutta la storia cmq mai na vota che mi possa mettere a guardare la partita del Catania con una certa tranquillitá sempre co scantu ora fannu na minchiata in difesa appoi quannu pensu mma voi avvirriri ca oggi minchiati nonni fannu au appena u pensu chissi subbitu nanna cumminari una ai disgrazziati cetti voti i pighiassi a coppi lignu nda cucuzza
    vi salutu a tutti pari

  8. Ip Address: 82.55.101.50

    Salve raga’!!!
    Ciao (lux)!!! 😉 😉 😉

    Che ti devo dire fratello e fratelli rossoazzurri?
    Preghiamo!!!

    Comunque e ovunque forza Catania sempre!!! 😕 😯 😮 😡 😳 😥 👿 😈 🙄 😐 :mrgreen:

    Sogni rossoazzurri a tutti!!!

    P.S.
    Ciao joe!!! 😉 😉 😉
    Va bene!!! O.K.!!! No problem!!!

  9. Ip Address: 88.66.29.191

    cmq joe fatti tunnari i soddi stu server o comu si chiama non funziona giustu
    praticamente fa quello vuole

  10. Ip Address: 87.19.168.170

    Lux, sì è vero, l’anno scorso alla tredicesima avevamo lo stesso ruolino di 4 vinte 5 pari e 4 perse, ma, alla 13^ avevamo battuto il Bari con una rete di Terlizzi e fuori casa avevamo raccolto solo due miseri pareggi, non sei punti.
    Le prospettive sono diverse si tratta di badare più alla sostanza e non pensare di essere campioni.

  11. Ip Address: 85.41.235.41

    Lux, hai ragione il problema non sono i soldi ma quello di portare tutto il sito presso un altro hosting (si perde tempo e non si sa come andrà a finire meglio o peggio :mrgreen: :mrgreen: )

    riguardo alla squadra è dalla partita con il Milan che non funziona più niente….
    stu modulo di 3-5-2 che poi è in realta un 5-4-1 non più adatto ai ns. giocatori 😈 😈 speriamo che lo scienziato lo capisci…
    è ora di tornare al 4-3-3. secondo me 😉 😉
    sarà dura spuntarla contro l’Atalanta….

  12. Ip Address: 79.3.47.125

    Buonasera a tutti.

    ……..a buon intenditor poche parole!!

  13. Ip Address: 79.3.47.125

    Non ho mai criticato l’operato e le scelte di Montella, però stavolta devo farlo. Questa squadra non può prescindere dall’impiego di Ricchiuti. E’ l’unico in grado di dare profondità alle manovre ed è uno dei pochi che riesce a saltare l’uomo ed è in grado di difendere la palla come pochi. Mi si può dire che non ha i 90 minuti sulle gambe, e di questo sono consapevole, però se ne ha 60 di minuti glieli fai giocare, dopo che ha esaurito le energie lo sostituisci! A quel punto ha già messo in crisi le difese avversarie più di una volta.

    Dire che sono incazzato è poco. Però adesso voliamo basso, siamo scesi sulla terra anche noi. Speriamo bene!

  14. Ip Address: 79.3.47.125

    ……e poi, Lodi ed Almiron secondo Voi possono giocare assieme? Ho dei dubbi! 😯 Sto rimpiangendo molto Ledesma, almeno lui a centrocampo contrastava e recuperava parecchi palloni! E’ possibile che sia più scarso di quelli che convoca? Mah! 😯

    Sempre e comunque ……Forza Catania!

    Dimenticavo: ieri sera al Tardini ho visto qualce giocatore con la maglietta rosella e qualche giocatore con la maglietta bianca, tra al nebbia, che passavano di tanto in tanto nelle mie vicinanze…… e cù a visti a pattita ahahahahahah!! 😆

  15. Ip Address: 82.61.6.58

    Sei andato a vedere i Meusa 😉 😉 😉 😉

  16. Ip Address: 82.61.6.58

    anche io la penso come te: lodi e Almiron non possono giocare insieme 😯 😯
    si pestano i piedi, hanno lo stesso ruolo. o l’uno o l’altro.
    Allora benvenga un ledesma, ma non lo faranno giocare perchè non si è ancora accordato sull’ingaggio. Verrà ceduto a Gennaio :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

  17. Ip Address: 80.183.38.81

    BUONGIORNO A TUTTI FRATELLI ROSSOAZZURRI NON FACCIAMOCI IL SANGUE AQUA PARTITA DA DIMENTICARE PURTROPPO CI ASPETTA UNA TRASFERTA DIFFICILE MA FORZA CATANIA SEMPRE NEL BENE E NEL MALE

  18. Ip Address: 95.247.11.96

    Buongiorno raga’!!!
    Ciao angelo!!! 😉 😉 😉

    Qui Napoli e dintorni, cielo grigio temperatura freddina.

    Con il cuore rossoazzurro nelle mutande vi auguro una buona giornata!!! 😐 😀 😯 🙄 😥 😳 :mrgreen:

    Forza Cataniaaaaaaa!!!

  19. Ip Address: 95.233.230.47

    Buongiorno a tutti gli amici rossazzurri,ciao Angelo e Giorgio.Penso che non sia proprio il caso di fare drammi,però il rammarico c’è,e, delle riflessioni vanno fatte.
    sinceramente non guardo al momento se la classifica dello scorso anno era la stessa di quella attuale,perchè,nel bene o nel male,a vedere il Catania di Montella,tutto sommato non ci si annoia,a dispetto di Giampaolo,che la gente si addormentava anche allo stadio e non solo a casa.

    Per quanto riguarda la partita persa con il Cagliari,qualche scelta non l’ho condivisa nei modi e nei tempi,ma la cosa che più mi crea qualche “disagio”,è la mancanza di continuità nell’approccio alle partite e nella gestione delle stesse,cerco di spiegare meglio il mio pensiero.

    Nella gestione tecnica di una partita,in certi casi le sostituzioni risultano azzeccate in altre no,esempio:
    condivisibile l’ingresso di Barrientos ma non al posto di Alvarez,che seppur non disputando una grande partita,per lo meno dava maggior equilibrio all’assetto del 3-5-2 e non capisco,perchè non sia stato sostituito Almiron ,che non aveva inciso per niente sulla gara,anzi chè Alvarez.

    Ritengo tardivo l’ingresso di Lopez,che avrei inserito prima e alla luce di quello che ho scritto precedentemente,al posto di Gomez(assente da quattro gare,non perchè fuori ruolo,ma perchè sufficientemente applicato).

    Quello che rimprovero a Montella(ma continuo a sostenere,ritengo che con lui si possa aprire un ciclo) più di ogni altra cosa,sta nel fatto,che in queste settimane non è riuscito a gestire il calo ditensione del gruppo(“la classifica ci ha fatto perdere cattiveria”,parole sue),perchè ritengo,che questa sia la causa maggiore delle defaince della squadra nell’ultimo periodo.

    La coabitazione di Lodi e Almiron,va interpretata in base al modulo,è mio modesto parere,che nel 3-5-2,possono benissimo coesistere e le prestazioni precedenti lo dimostrano a pieno,perchè sostenuti da due esterni in fase di copertura e Lodi nelle ripartenze avversarie non si trova mai solo quando Almiron non ha il tempo di rientrare.

    Mentre in un 4-3-3,oppure in un 4-2-3-1(dipende anche dagli altri interpreti in campo)essendo loro due l’asse portante della manovra e della fase di copertura,le caratteristiche della seconda fase non sono proprio confacendi ai due centrocampisti,le difficoltà diventano maggiori in mezzo al campo.A Lecce,con il 4-2-3-1 degli ultimi 20″,il centrocampo era così formato

    Lodi e Biagianti d’avanti alla difesa,e Almiron-Barrientos-Gomez,i tre dietro a Lopez.
    Tant’è vero, che dopo quasi una partita giocata fino a quel punto sulle fasce, con questo modulo,il Catania cominciò a giocare per vie centrali e da lì,è nato il gol vittoria di Barrientos,certo,sarà stata anche una casualità,però,non sempre le casualità sono solo frutto delle stesse.

    Insomma,le scelte tecniche di un allenatore non sempre risultano azzeccate,io ho sempre detto,l’importante che quelle sbagliate,siano sempre meno di quelle indovinate ma come ho detto prima,ritengo più importante la gestione del gruppo,cosa che stava riuscendo bene a Montella,fino alla partita con il Milan.

    Spero,che riprenda in mano la situazione.

  20. Ip Address: 2.38.147.244

    Buongiorno a tutti!
    Approfitto oggi del mio raffreddore per riposarmi e dedicare alcune righe al nostro Catania.
    Come dico da alcune settimane e come dice, ancor prima di me l’amico Chiarezza, anche se a volte con atteggiamenti che non condivido (perdonami Vittorio, sai che sono tipo franco e leale), il nostro mister Montella mostra evidenti segni di preoccupante superficialità.
    Credo, e spero di sbagliarmi, che abbiamo approfittato del momento iniziale di ricerca della forma migliore delle nostre precedenti antagoniste per riuscire a racimolare i punti acquisiti grazie all’impeto ed altrettante buone prestazioni improntate sulla fisicità e su episodi spesso fortunati.
    Continuo a pensare che il nostro assetto sia un 5-3-2 e non un 3-5-2; lo stesso Izco, che improvvisamente non è diventato un campione e che non vale lo Schelotto della passata stagione, in quel modulo è impiegato più da difensore che da ala. Marchese è ben supportato da Spolli ma i tecnici avversari hanno capito che il nostro centrale è lento e puntualmente ci trafiggono da quella parte mentre Marchese è impegnato a crossare per Cantarutti e Carnevale.
    Cinque difensori in casa vogliono dire propensione offensiva pari a zero e tali sono state le occasioni da rete del Catania fino al 91°.
    Contro il Chievo qualcuno dice che non meritavamo di perdere ma anche lì il primo tiro del Catania arriva su rigore al 68°!!
    E col Novara? Abbiamo perso, si, ma contro quale Novara, quello titolare? No, amici, il Novara non aveva un solo centrocampista di ruolo (il solo Pesce che conosciamo bene) e schierava parecchie seconde linee.
    Montella se stai dormendo svegliati, ma se sei sveglio meglio che io chiuda gli occhi….

  21. Ip Address: 2.38.147.244

    Ciao Peppe, scrivevo in contemporanea!

  22. Ip Address: 2.38.147.244

    Lodi in quel ruolo è lento. I nostri avversari stanno raggiungendo progressivamente la migliore forma, i campi bagnati non agevolano la tecnica, e lui ne ha tanta per carità, e domenica non gli ho visto fare un lancio lungo più di 7-8 metri.
    Il nostro centrocampo mi preoccupa molto.

  23. Ip Address: 80.183.38.81

    BUONASERA A TUTTI I FRATELLI ROSSOAZZURRI CIAO PEPPE58 QUOTO IL TUO POST N.19 FORZA CATANIA SEMPRE 😉

  24. Ip Address: 87.19.168.170

    Un caro saluto a tutti gli amici tifosi. Condivido la maggior parte delle vostre osservazioni, in tutti noi c’è profonda delusione. Mi aspetto una pronta reazione da parte della squadra.

Spiacenti, i commenti sono chiusi.

su
giu