Amore e psiche

 Scritto da il 31 maggio 2017 alle 16:44  Aggiungi commenti
Mag 312017
 

Una delle storie mitologiche che ci hanno raccontato ai tempi del liceo,  tratta dalle Metamorfosi di Apuleio, racconta di Amore e Psiche e della scelleratezza della seconda nell’essere stata vinta dalla curiosità di guardare in faccia il suo amante e da questo, per tale motivo, abbandonata e sottoposta a prove terrificanti prima di poter riabbracciare, benedetta dagli dei, il suo sposo. La stessa difficoltà, ritengo sussista nel far convivere e ricongiungere l’amore per la nostra maglia di chi si sforza a rivederla nella serie che le competerebbe, con la ragione, legata al momento storico ed economico che attraversa il calciocatania.

Ad ogni inizio di stagione, proviamo a dimenticare il passato sperando che, come a Psiche, ci venga donato il sonno, quello che ad essa consegnò Proserpina durante la sua discesa agli inferi, una tra le tante prove alle quali fu sottoposta da Venere in persona per guadagnare l’immortalità e così ricongiungersi con il suo amato. Un sonno lungo e profondo che getti oblio sul recente trascorso e con un colpo di spugna ci facesse dimenticare dei gol sprecati, delle assenze di efficaci trame di gioco, di punti gettati alle ortiche ed anche delle magre figure in campi al limite della regolarità e a prestazioni al di sotto delle aspettative generali.

Un sonno che dovrebbe allontanarci dal pensare ai problemi di bilancio, alle rate di mutuo sulle spalle di una società in difficoltà, vittima e carnefice di se stessa, di debiti su debiti contratti e ancora non del tutto onorati, dopo aver bruciato, ancora in volo, quell’ampio paracadute che doveva riportaci su terreni fertili e arati anziché sulle sabbie mobili di una lega nella quale è facile entrare ma difficilissimo uscirne perché, in tale categoria, da quei rubinetti mediatici anche aprendoli al massimo, non scorre nulla. Forse più facile dal purgatorio della serie B ascendere all’olimpo della  serie maggiore, come dimostrato da belle realtà del nostro calcio in passato, e come quest’anno ancora confermato dalla Spal e, mi auguro, possa esserlo anche dal Benevento, entrambe formazioni rimaste invischiate nel pantano della serie C per tanti e tanti anni.

Purtroppo dal sonno ci sveglia non il bacio di Eros ma le dichiarazioni dell’a.d. Pietro Lo Monaco, riportandoci alla dura realtà, confessando apertamente che i problemi finanziari rimangono intonsi, in particolare quell’accordo dato per certo nel mese di aprile col lo Sporting di Lisbona non ancora sottoscritto, omettendo, per dimenticanza, per voglia di centellinare le difficoltà o perché, mi auguro, risolto, di parlare del caso Castro. Ecco che, svegliati da questo colpo di frusta, quella speranza di ripartire da zero punti la prossima stagione,  viene messa a dura prova anche perché le nuove regole non si limitano a prevedere punti di penalizzazione avverso le società inadempienti, ma prevedono la mancata partecipazione ai nastri di partenza. Così che in questa storia anche il nostro Catania , come la bella della favola, abbandonata prima e poi ritrovata e baciata dal dio alato, momento magistralmente scolpito anche dal Canova, deve lottare contro tutto e tutti  per riabbracciare  Amore , quel cupido che cerca di allontanarsi sulle ali delle difficoltà, delle situazioni debitorie, dei risanamenti annunciati e ancora non realizzati, nel momento stesso che vengono esposti pubblicamente, come la lanterna nelle mani di Psiche che illumina il volto dell’amato.

La cruda realtà ci rammenta che anche per questa stagione, come per le due precedentemente trascorse, il Catania è chiamato a rivoluzionare la rosa, addirittura  in quel settore che fino a poco tempo fa era considerato una diga invalicabile, la difesa. In particolare, ovviamente, quella con Bergamelli centrale, la cui presenza costante sino al momento dell’infortunio, aveva assicurato tranquillità al reparto difensivo e la cui esperienza aveva permesso a Gil, debuttante in maglia rossazzurra, di restare tranquillo e di crescere notevolmente. Il loro affiatamento aveva permesso al Catania di restare, per alcune settimane, in testa alla classifica delle squadre meno battute delle serie professionistiche  per poi mantenersi comunque nei piani alti della stessa sino a quasi tre quarti del campionato, consentendo a Lo Monaco di poter cedere un altro centrale esperto e di provata esperienza come Bastrini, errore questo, a mio parere, che abbiamo pagato salato non essendo arrivato nel mercato di gennaio un altro centrale difensivo di ruolo.

Il già annunciato addio ai due centrali titolari, insieme a quello di Di Cecco inventato terzino di destra da Rigoli e che bene ha premiato sul campo quella scelta, impone la necessaria acquisizione di un terzino di fascia  per sostituire Parisi non ritenuto da molti all’altezza delle aspettative per larghi tratti di stagione, dimostrando, come scritto in precedenza,  che questa squadra sarà costretta a cominciare a ricostruirsi da quel settore, la  difesa, apparso l’unico tassello che poteva competere anche l’anno prossimo ai massimi livelli.

Cosa accadrà nei reparti che hanno disatteso tutte le aspettative, centrocampo e attacco? Necessariamente dovranno subire ribaltamenti, ma saranno possibili atteso che i contratti di Scoppa, Biagianti, Bucolo e Mazzarani sono in essere anche per il nuovo anno? L’innesto già annunciato di Lodi a centrocampo impone, a mio parere,  che accanto abbia dei giocatori disposti a correre per lui e la scelta mi porta a valutare positivamente sotto  tale aspetto  il rientrante Silva e il giovane Manneh i quali potrebbero essere affiancati ai rocciosi Biagianti e Bucolo che difficilmente si muoveranno dalle falde  dell’Etna, sperando che anche Di Grazia non venga  sacrificato sull’ara delle criticità di bilancio, così come il suo collega Russotto dato già in partenza campionato durante.

In attacco un Pozzebon apparso lento e fuori dagli schemi tattici (ammesso che ci siano stati) lontano parente di quel Pozzo di buono decantato dal Direttore e da centellinare a piccoli sorsi ma inebriante come un buon vino d’annata, rimarrà saldo e fiero magari affiancato da quel Calil emigrato a Livorno in cerca di se stesso ma ancora alla ricerca di quello che fu il bomber artefice della promozione in maglia granata? Oppure il galvanizzato Anastasi riuscirà a far bene a Catania così come a Messina? Rivoluzione in tutti i ruoli quindi,  a cominciare da un nuovo mister, operazioni che ci riportano alla realtà, portandoci a considerare che, difficilmente, una squadra rivoluzionata in tutte le sue componenti possa compattarsi in un mese di preparazione creando quei meccanismi ed automatismi che vengono affinati col tempo e partita dopo partita.

Terza stagione di serie C che ricomincia con le rivoluzioni, ma non prima di conoscere se quelle difficoltà extra calcistiche siano state risolte, partendo almeno da zero in questa stagione per poi  tornare a  sognare di “riveder le stelle”, quella serie B che appare guardando il cielo vicina ma poi, nei fatti, dannatamente lontana.

  72 Commenti per “Amore e psiche”

  1. Ip Address: 79.51.184.242

    Bravo e conciso raggio libero Ciao joe

  2. Ip Address: 80.117.228.217

    Ciao Angelo,
    Allenatore non si sa chi è…
    Giocatori chi va via, chi rimane ???
    Siamo nella confusione totale…
    Il Catania partirà senza penalizzazione.
    Io non ciò capito niente.

  3. Ip Address: 5.90.141.185

    Joe ti aiuto io a capire a catania finché. C’è il capotreno non si capirà mai nende …..solo soffrire la musica non cambia….

  4. Ip Address: 5.86.13.100

    Ottimo articolo di raggio libero….

  5. Ip Address: 62.2.176.13

    Buongiorno a tutti

    Ancora parliamo di questa pseudo società? Una cosa é sicura! Questi dopo 4 anni un passo in avanti non lo hanno fatto e non lo faranno. Dicono che sia Lucarelli il nuovo allenatore………….

    A questo punto non me ne frega niente chi é l’allenatore, chi sono i giocatori quando inizeranno.

    Se a dicembre il Catania é primo in classifica allora potrò dire hanno fatto qualcosa di buono anzi stanno fare qualcosa di buono.

    chi vivrà vedrà

    saluti a tutti

    Ma conoscendo questi individui non credo proprio

  6. Ip Address: 195.31.204.114

    Buonpomeriggio a tutti , ciao jamaiama, ancora tutto top secret

  7. Ip Address: 62.2.176.13

    Ciao Mexxican

    Siamo rimasti in pochi. Vediamo quanti abbonamenti vendono quest’anno……………………..

    Penso che possono giocare a Torre del Grifo…………………….

    Io non so se mi abbono a Sportube

    Saluti a tutti

  8. Ip Address: 94.165.226.148

    Buongiorno ❤️💙 Ciao jamaiama , e buona festa della repubblica a tutti , vero siamo rimasti in pochi peccato

  9. Ip Address: 2001:b07:645a:c57c:3ddf:6f3c:7dbf:6edd

    Ci siamo tutti, ma purtroppo non c’e’ niente di nuovo da commentare. Un abbraccio……

  10. Ip Address: 95.234.61.86

    Ci sono anch’io,ma non vi è niente da commentare,solo aspettare aspettare e sperare in buone notizie saluti a tutti.

  11. Ip Address: 151.35.104.122

    Cari amici, non potendo commentare nulla sulla nostra Società, considera importante fare delle considerazioni sulla partita che si disputerà questa sera a Cardiff. Considero,( scusate l’ espressione , ma è l’unica che posso fare ) degli emeriti ” srtronzi ” i tifosi italiani ,e parlo logicamente dei non juventini , che per odio nei confronti della squadra che ha vinto sei scudetti consecutivi ( per capacità propria e per ‘ incapacità evidente delle altre squadre, fanno il tifo per la squadra spagnola ! La. J uventus , anche se non vi è simpatica ,adesso rappresenta l ‘ Italia ! Rosicate pure, ma fare il tifo per il Real è la cosa più stupida ed innaturale ! Purtroppo ,è una cosa tipicamente ( tra le tante) ed unicamente appannaggio del cosi detto bel Paese! Forza ITALIA!

  12. Ip Address: 178.39.222.16

    Grande ARMANDO!!!!!

    Siamo italiani e tifiamo sempre ITALIA!!

    Io che vivo in SVizzera so di cosa parlo!

    FORZA JUVE

  13. Ip Address: 2001:b07:645a:c57c:c967:d68:3dac:190e

    La Juventus questa sera rappresenta tutti noi Italiani, quindi forza Juventus e soprattutto viva l’Italia. Ciao Armando, un abbraccio a tutti

  14. Ip Address: 88.74.26.210

    non sono d’accordo, la rubentus sicuramente non mi rappresenta, così come d’altronde il Real non rappresenta tutta la Spagna (vai a chiedere ai catalani o ai baschi se stasera hanno tifato per il Real). Io di tifare per una squadra che ha fatto del furto il proprio stile di vita (per carità, non quest’anno) proprio non me la sento e sapere che arriva lì lì per prendere il trofeo più importante e lo perde in malo modo (il Napoli ha fatto una figura sicuramente migliore) mi fa felice, perché così è una piccola vendetta per tutte le schifezze fatte negli anni ai danni di tante e tante squadre, e noi ne sappiamo qualcosa (ricordo ancora il gol regolare annullato a Bergessio in seguito alle proteste della panchina rubentina e il gol irregolare della rubentus convalidato). Sono contento che stasera abbia vinto il migliore, bravo Zidane!

  15. Ip Address: 88.74.26.210

    E da “emerito stronzo” (caro Armando questione di opinioni, io ritengo chi stasera ha tifato rubentus un emerito fesso, l’Italia, quale Italia, quella che si ricorda di noi solo per parlare di mafia?) aggiungo che oggi hanno rosicato solo i rubentini, gli amanti del bel calcio e delle partite vinte con merito hanno goduto come ricci Come me 😀
    Buonanotte a tutti.

  16. Ip Address: 83.171.178.254

    Pietropaolo, il tuo discorso non fa una grinza e condivido in pieno! Non mi sono di certo messo a tifare Real, ma come si fa a tifare Rubentus, quella squadra contro cui in Italia -Buffon docet- le altre squadre “si scansano”? Quel goal di Bergessio, ed in generale l’andamento di quella partita, grida ancora vendetta! Sono contento che ha perso la Rube, anche se non sono certo felice della vittoria del Real.
    La Rube rappresenta il peggio dell’Italia, quella parte mafiosa, prevaricatrice ed arrogante che purtroppo domina incontrastata e che ha spinto molti -frequentatori di questo sito compresi- a dover abbandonare la propria terra per ricercare occasioni migliori di vita…Viva Catania, viva l’Italia, abbasso la Rube!!!

  17. Ip Address: 79.34.252.205

    Non interessa niente della juve,e dato che non vi sono notizie del catania,vado a fare una passeggiata e saluto tutti voi
    a presto.

  18. Ip Address: 5.169.119.17

    Oggi tutti a ricordarci che la Juve rappresentava l’Italia; dopo la vittoria contro il Barcellona si sentivano canti e inni contro il meridione. Non mi sento rappresentato come Italiano ne’ dalla Juve, ne dal Milan , Fiorentina Inter o vattelappesca. Se il Catania un domani vincesse qualcosa per me e’ solo la vittoria di Catania e della sua gente. Tifo Italia quando scende in campo col tricolore al petto per il resto sono tifoso di Catania e di tutte le squadre che la rappresentano ed in tutti gli sport nei quali la mia città e’ degnamente rappresentata. Il resto per ne aria fritta.

  19. Ip Address: 5.169.119.17

    A coronamento di quanto sopra, da catanese voglio informare col permesso della Redazione, che Catania ha una squadra di calcio femminile che e’ stata promossa quest’anno in serie B dopo una cavalcata inpressionate di tutte vittorie e solo un pareggio. Da pochi giorni rivoluzionata nei suoi componenti societari, si accinge ad affrontare squadre ubicate in regioni geografiche del centro e sud italia al momento senza i necessari finanziamenti la cui assenza pregiudicherebbe l’iscrizione a quel campionato. Figurarsi che lo “sponsor ” e’ rappresentatosolo dai ragazzi della nord pronti a donar loro una serie di magliette. Da poco e’ stato aperto un conto corrente nel quale chi vuole può versare ciò che può perché anche il poco rappresenta tanto per loro.
    qui di seguito riporto gli estremi dell’IBAN IT 96 J 01030 16919 00000 1118471 a.s.d.Catania femminile Monte dei Paschi Siena. Grazie a tutti

  20. Ip Address: 94.160.108.160

    Buongiorno e buona domenica a tutti ❤️💙Personalmente sono stato indifferente, anche se ieri ho visto la partita insieme a tanti rubentini certo perdere sette finali su nove qualcosa vuol dire …………

  21. Ip Address: 178.39.222.16

    Io esco dal coro!

    Noi contro la Juve?! Puo anche starci.

    Ma da 6 anni abbiamo gente al timone del Catania che sono peggio di ogni rubentino del mondo!

    Abbiamo gente come Pulvirenti avevamo gente come L’argentino abbiamo gente come LoMonaco che chiede abbonamenti senza fare capire cosa accadrà al Catania!

    E parliamo di rubentini?

    Giusto tutti contro il Catania, perché Pulvirenti non ha fatto niente. Si sono inventati tutto non é vero niente.

    Quasi come i rubentini…… ma siamo in serie C e di chi é la colpa?

    Io ancora non lo so.

    Saluti a tutti

  22. Ip Address: 151.35.139.183

    Cari amici ,finalmente il sito si rianima ! Il nostro Catania ,adesso non ci da il minimo spunto per commentare ed allora parliamo di altre cose ! Vedete ,non si tratta di essere juventini , milanisti , interisti e via di seguito si tratta di essere ITALIANiI . Non voglio alimentare ancora polemiche ma queste sono il sale per qualsiasi sito e questo nostro langue per colpa sopratutto dei responsabili di una squadra portata al disastro ! Che cosa vogliamo commentare? Bene per la squadra femminile del Catania migliore dei maschietti ! Allora ? Caro Jama Jama mi immagino che cosa significa per un italiano soggiornare all’ estero ,specie in in paesecoma la Svizzera promotrice di vari referendum ultra nazionalisti ! Ed allora ( rispettando ovviamente tutte le opinioni ) ribadisco che anche se abbiamo subito dei torti ( e chi non se li ricorda ? ) chi rappresenta l ‘ Italia all’ estero ,si chiamasse pure Canicattì ( e mi scuso per gli abitanti di questo centro ) va rispettato sopratutto da connazionali italiani ! Sono catanese ,non juventino( ci tengo a dirlo )? Chiamate gli juventini rubentini e perché i romanisti non li chiamate accoltellini? Insomma tutto il mondo è paese ma prima della propria squadra c’ è l’ Italia! Lungi da me fare il patetico o dare lezioni ,ma credo ,dall’ alto della mia età che io abbia il diritto ed il dovere scrivere certe cose !

  23. Ip Address: 94.166.109.238

    Ciao jamaiama stiamo parlando di due cose diverse, la verità che il calcio italiano è marcio , facile vincere in Italia poi in Europa le nostre blasonate squadre fanno solo ridere .

  24. Ip Address: 94.165.5.36

    ESCLUSIVA TMW – Catania, accordo con Lucarelli per un biennale
    04.06.2017 17.58 di Alessandra Stefanelli
    Fonte: Raffaella Bon
    ESCLUSIVA TMW – Catania, accordo con Lucarelli per un biennale Il Catania è ormai sempre più vicino a Cristiano Lucarelli, allenatore del Messina. Come raccolto da TMW restano da limare pochi dettagli, dopodiché l’allenatore livornese potrà legarsi ai siciliani, a cui piace molto ormai da tempo. Il tecnico firmerà un biennale.

  25. Ip Address: 88.74.26.210

    Caro Arrmando, nenach’io voglio alimentare polemiche. Ma ripeto, per me la rubentus rappresenta solo sé stessa, non l’Italia, lasciando ognuno libero di pensarla come vuole. Sicuramente se ci fosse stato il Napoli al suo posto non mi sarebbe stato così indifferente, ma quella è una questione personale, le squadre al di sopra di una certa linea geografica per me semplicemente sono di un altro paese e non meritano il mio tifo. Si cerchino i propri tifosi in Austria visto che é una vita che fanno cori razzisti nei confronti dei meridionali. Quando si renderanno conto loro per primi di essere italiani come noi, allora potrei cominciare a vederla diversamente. Ma fino a quel momento continuerò ad essere contento quando perderanno. Buonanotte.

  26. Ip Address: 88.74.26.210

    Commento sulla notizia Lucarelli allenatore. Al solito prendiamo uno che ha collezionato solo esoneri, questo la dice lunga sugli obiettivi della società. Un altro anno di sofferenza.
    Ma non ci nnerunu scecchi a fera?

  27. Ip Address: 2001:b07:645a:c57c:18bb:75a4:3dfb:38c

    Aspettiamo almeno un pò prima di cominciare a dare giudizi negativi…….Buona nottata a tutti

  28. Ip Address: 158.148.206.35

    Mentre in provincia di Lecce le Messaggerie trionfavano regalando la A2 al Catania e dimostrando ancora una volta che Altre realtà sportive etnea trionfano in contemporanea la scauadra di calcio del Lecce usciva sconfitta ad Alessandria unitamente al Cosenza e ci faranno compagnia per tutta la stagione del nuovo anno dimostrando ancora una volta, sempre ammesso che ce ne fosse bisogno, che i play off sono una lotteria alla quale si partecipa, ma poi e’ il destino e non solo la bravura a decidere. Quattro nitide conclusioni a rete leccesi sono state ben parate dall’estremo difensore alessandrino e dove lui non è arrivato ci ha pensato la traversa a dire no. Un altro palo durante i tiri finali dagli undici metri ha respinto il tiro di Cianci relegando ancora, per la prossima stagione, i giallorossi pugliesi alla lega pro. Saranno loro la squadra da battere a mio parere il prossimo anno ed è pertanto necessario che il Catania costruisca una squadra idonea a contrastare quella supremazia che il Lecce ha dimostrato ieri di possedere . Ma tutto questo discorso non serve a nulla se prima non si stacca quel dannato assegno di un milione e quattrocentomila euro.

  29. Ip Address: 178.39.222.16

    Ciao ragazzi

    Ok. Siamo italiani a modo nostro……

    Una volta a Milano ho visto Milan-CT sai chi mi chiamava terrone? Quei tifosi del Milan che parlavano dialetti meridionali!!!!!

    Io tifo sempre per le italiane! Ma se gioca il CT é logico che tifo ancora di più.

    Ragazziu siete fantastici, perché riusciamo a parlare di tutto

  30. Ip Address: 94.160.225.108

    Buongiorno a tutti ❤️💙

  31. Ip Address: 94.163.66.145

    Lo Monaco a ISP: “Speriamo in un’intesa con lo Sporting. Presto il nuovo allenatore”
    Sono ore importantissime per il Catania, impegnato a pianificare la prossima stagione dopo due campionati in Lega Pro avari di soddisfazioni. L’amministratore delegato etneo Pietro Lo Monaco, a tal proposito, ha rilasciato un’interessante intervista al portale Itasportpress. Ecco le frasi più significative:

    NUOVO ALLENATORE – “Credo che siamo vicini alla definizione del nuovo condottiero, ma non voglio dire altro perchè siamo appunto nella fase finale. Manca poco insomma e poi saprete chi sarà l’allenatore rossazzurro. Sarà Lucarelli? No comment”.

    “CASO RINAUDO” – “Entro il 26 giugno ci sono alcune scadenze che vanno onorate. (…)Ci resta da sistemare quella più importante con lo Sporting. Speriamo di ritrovare l’intesa dopo che è saltato un precedente accordo che avevo trovato con il loro amministratore delegato. Il club di Lisbona è una polisportiva e il Consiglio direttivo avendo ricevuto dalla Fifa una multa da 2 milioni di euro, ha bocciato la mia proposta ed ha preteso che pagassimo il milione e quattrocentomila euro subito. Adesso spero che ci concederanno la rateizzazione di 100 mila euro al mese, viceversa saremmo costretti entro il 26 giugno a pagare tutto cash. Sarebbe un bel guaio”.

    IL FUTURO DEL CLUB – “(…) Ho lasciato un impero e quando sono tornato ho trovato solo macerie. Ma adesso le cose vanno meglio e siamo con la testa fuori. Dopo tanti anni di attività nel mondo del calcio, se dovessi riportare il club etneo dove l’ho lasciato, sarebbe come aver fatto un vero miracolo”.

  32. Ip Address: 94.163.66.145

    Mha , non era già Tutto sistemato ? L’allenatore già preso squadra già fatta caso Rinaudo risolto? Bhoooo

  33. Ip Address: 87.21.1.193

    Era il sette di aprile quando fu annunciato l’avvenuto accordo con lo sporting per lo spinoso caso Rinaudo. Quotidiani e media si scatenarono, osannando gli artefici di quella conquista come novelli Cesare dal ritorno delle Gallie, per essere riusciti a far accettare ai dirigenti portoghesi la dilazione del debito, come se nella lama del gladio tenuto dalla parte dell’elsa ci fosse scritto “o così o niente, soddi non ci nne'”. Dopo il giubilo, gli squilli di tromba , i serti di alloro e i tappeti di porpora, accantonato quel problema che non lo era più, ci gettammo nuovamente in tema campionato per risvegliarci, dopo quest’altra stagione fallimentare da undicesimo posto, con un comunicato, apparso giorni fa quasi con timidezza , tra quelli inneggianti allenatori e cannonieri di prossimo arrivo, che ci riportava impietosamente al medioevo di due mesi fa annunciando che lo Sporting non aveva accettato la proposta rossazzurra e che pretende il pagamento cash di quanto dovuto, dando tempo al Catania, almeno da quello che si legge, sino al 26 giugno prossimo. Nuvole di tempesta sotto il cielo etneo, con un Catania che cerca ancora una dilazione , magari aumentando la rata annua , a discapito del tempo necessario ad estinguerla. Ecco che, di colpo, ci accorgiamo che quel gladio allora tenuto in mano era dalla parte sbagliata, quella della lama, e con l’elsa rivolta allo sporting non si poteva minacciare o ferire nessuno, ma solo farlo sorridere. In un momento così delicato per i nostri colori c’è ancora, come se nulla fosse, chi continua ad intonare note armoniose invitandoci a partecipare a quel valzer di allenatori e nuovi componenti da aggiungere alla rosa. No. Io rimango seduto al mio banco aspettando quel fatidico ventisei sperando che si riesca a trovare nuovamente un accordo o che Finaria riesca a racimolare il gruzzolo richiesto , per poi continuare a sperare in una stagione di vertice , la terza in lega pro, sulle note di quei nomi che da almeno un mese girano , corrono, scompaiono e poi ritornano su quei fogli di carta stampata come se ci trovassimo su di un circuito di formula uno. Proprio ieri ho dato un occhiata su wilkpedia trasalendo nel leggere che Fabian Rinaudo risulta ancora essere un giocatore del Catania dato in prestito (gratuito?) alla squadra Argentina del Gimnasia di La plata. Cioè noi forse non saremo iscritti al campionato perché non disponiamo di 1,4 mil di euro da dare allo Sporting ma poi siamo così generosi nel lasciarlo in prestito (gratuito?) ad altri? Così come a gratis ci siamo liberati di tutti quegli argentini, ma anche di Rosina e perché no, adesso anche di Gil Drausio? E dopo tutta questa beneficenza a 360 gradi adesso, novelli San Francesco, non riusciamo a trovare l’accordo o a saldare lo Sporting? Certo se questi sono gli “affari” che in passato abbiamo fatto , ritengo che l’artefice di ciò dovrebbe indossare il saio del penitente a vita.

  34. Ip Address: 94.163.103.2

    👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻grande catanese a Napoli

  35. Ip Address: 94.163.103.2

    Un buongiorno a tutti , per il resto nulla da commentare ci siamo abituati……

  36. Ip Address: 62.2.176.13

    Salve a tutti

    catanese a Napoli ha detto tutto!

    Ragazzi ma al Catania i dirigenti ci sono (rincoglioniti) o cosa? devono pagare debiti e danno i giocatori a gratis? E adesso signor LoMonaco chiedi ancora che la gente si deve abbonare? o lo chiedi dopo il 26.6.2017???

    Tanto io sono ignorante e non capisco niente…………… Signor LoMonaco lei che é sperto mi dica cosa debbo fare. Voglio comprare una macchina ma non pagare………….é disposto?

    A questi livelli questa gente……….. e noi speriamo in cosa?

    Ragazzi vi saluto e aspetto la macchina lucidata sotto casa……………….

  37. Ip Address: 62.18.122.82

    Ciao jamaiama, aspetta 😀E spera 😀

  38. Ip Address: 62.18.122.82

    Litteri: “Catania? Nessun contatto, ma giocare nella squadra della mia città sarebbe fantastico”
    Uno dei primi nomi accostati al Catania in tema di calciomercato è quello di Gianluca Litteri, centravanti di proprietà del Cittadella.

    Litteri, che è originario proprio della città etnea, è reduce da un’ottima stagione in Serie B con la maglia granata, conclusa sommando 31 presenze e 13 reti.

    L’ex centravanti di Ternana e Latina, intervistato da Goalsicilia.it, dice di non essere a conoscenza di contatti con la dirigenza rossazzurra: “Non so nulla onestamente. Ad oggi non ci sono contatti, vedremo cosa succederà“.

    Litteri però ribadisce quanto aveva già dichiarato in passato riguardo la sua volontà di vestire, un giorno, la maglia rossazzurra: “Ribadisco quello che ho detto in passato: giocare nella squadra della mia città sarebbe fantastico“.

    L’attaccante del Cittadella in rossazzurro non ha mai giocato, avendo militato, prima di trasferirsi nel settore giovanile dell’Inter, nella società catanese del San Pio X e nel Giarre.

    Qualora arrivasse una proposta concreta dal Catania, Litteri dovrebbe considerare l’idea di lasciare la Serie B, dove quest’anno ha fatto bene, e scendere di una categoria: “Sarebbe una cosa da valutare bene, le situazioni però vanno create“.

    Oltre alla volontà del calciatore, sarebbe comunque da chiarire anche quella del Cittadella, visto che Litteri è stato uno degli uomini chiave della stagione dei veneti, arrivati fino al turno preliminare dei play-off. Insomma, staremo a vedere.

  39. Ip Address: 62.18.122.82

    Aspettando 😀

  40. Ip Address: 82.59.55.139

    Cristiano Lucarelli e A.C.R. Messina hanno deciso di non continuare il loro rapporto, in scadenza al 30 giugno.
    In questo momento la società è concentrata, in tutte le sue componenti, negli adempimenti burocratici per l’iscrizione al prossimo campionato di Serie C, nella campagna abbonamenti e nell’iter per ottenere la concessione dello stadio “Giovanni Celeste”.
    La programmazione tecnica rappresenterà una priorità a partire dalla prossima settimana.
    Il Lucarelli allenatore: «Mi ispiro a Mazzarri, credo nel 4-3-3 e…»
    Fonte: Pisatoday
    Davide Villaggio 06/06/17 – 11:36

    Cristiano Lucarelli è il nome che con maggior insistenza viene associato alla panchina del Calcio Catania per la prossima stagione. Il tecnico toscano ha però in essere un contratto col Messina e dovrà risolverlo – in qualche modo – per poter firmare per un altro club. La dirigenza non pare scoraggiata, e attende. Nel frattempo, val la pena farsi un’idea di chi sia Lucarelli allenatore, al di là della nomea costruita in tanti anni di carriera come attaccante. A presentarsi è lo stesso tecnico, attraverso le parole utilizzate nelle conferenze stampa che hanno segnato l’inizio delle sue pur poche esperienze su diverse panchine di club italiani.

    «Mi piace schierare un 4-3-3 che, come modo di esprimersi nel rettangolo di gioco, sia il riflesso del mio carattere, ovvero carisma, grinta, aggressività, un gioco bellicoso e che tende a creare più che a difendere». Questo dice Lucarelli quando alla presentazione tenutasi a Pistoia nel 2014, a febbraio la dirigenza della Pistoiese lo esonererà. Un intoppo che non fu il primo e non sarebbe stato neanche l’ultimo. A differenza di quanto capitato al suo mentore, un allenatore esonerato una sola volta nella sua lunga carriera. Chi è? «Ho avuto tanti tecnici importanti che mi hanno fatto da maestri e mi hanno insegnato a crescere e a maturare – continua Lucarelli – ma colui che mi ha fatto innamorare del mestiere di allenatore è, indubbiamente, Walter Mazzarri. Mi ispiro a lui da quanto alleno».

    Come detto da lui stesso, l’ex attaccante del Livorno è un profilo carismatico che può portare un pizzico di coraggio e di grinta a un gruppo che, nell’ultimo campionato, ha dimostrato di essere manchevole sotto questi punti di vista. Tra l’altro, Lucarelli ha dimostrato di sapere reggere anche le pressioni dovute a turbolenze societarie. Situazioni delle quali Catania è stato vittima e che tutt’ora restano un patema. In riva allo Stretto, durante la transizione tra la presidenza Stracuzzi e quella Proto, Lucarelli ha creato un rapporto importante e sinergico con il suo gruppo, un’arma di vitale importanza per un tecnico giovane come lui. In una situazione calcisticamente impossibile per via delle molteplici problematiche, in quel di Messina è riuscito a tenere unito uno spogliatoio che rischiava di sgretolarsi ed è riuscito a raggiungere una salvezza che, pochi mesi prima, sembrava un miraggio.

    «Non è semplice intervenire in una situazione così complessa – diceva solo qualche mese addietro, ai giornalisti messinesi – Nel mio DNA non esiste la parola “arrendersi”. Ho provato a creare un dialogo con la squadra facendo capire loro che anche se si attraversa un periodo difficile e a causa di questo non si riesce ad esprimere in campo le proprie potenzialità, c’è una cosa importantissima che un elemento della squadra può fare: sacrificarsi e mettersi tuttavia a servizio dei compagni e di una città intera che, domenica dopo domenica, viene allo stadio a supportarli».

    Fondamentale per la sue esperienze è il rapporto che instaura con squadra e tifosi. Riguardo al rapporto con questi ultimi, a Catania, non troverà una situazione idilliaca. Parte della tifoseria è e resta in aperta contestazione verso la proprietà. Il Massimino, durante il corso della passata stagione, è rimasto più volte quasi deserto. Ciò, nonostante gli appelli ripetuti da parte della nuova dirigenza. Sintomo di una scollatura profonda tra ambiente e club. Sempre nella conferenza di presentazione a Messina proprio riguardo all’importanza dei tifosi, Lucarelli ha detto la sua.

    «In merito a questo voglio anche affermare che, secondo un mio pensiero, non concepisco non avere i tifosi dalla nostra parte perché in una categoria come la Lega Pro il pubblico può fare la differenza. Non esiste espressione più vera del dodicesimo uomo in campo. Quando giochiamo in casa dobbiamo essere consapevoli di essere in superiorità numerica. I nostri tifosi – conclude quello che è ancora oggi l’allenatore del Messina – sono indispensabili per guidarci, domenica dopo domenica, alla vittoria».

  41. Ip Address: 82.59.55.139

    AVagliasindi‏ @AVagliasindi 7 min7 minuti fa

    Come anticipatovi, è ufficiale la risoluzione del rapporto che legava fino al 30 Giugno 2017 Cristiano Lucarelli al Messina.

  42. Ip Address: 94.161.176.152

    E quindi? Dovrebbe approdare a Catania? 😳 L’ennesima scommessa di Lomonaco ……..

  43. Ip Address: 82.59.55.139

    Nei prossimi giorni si vedrà,ma la cosa più importante è risolvere il caso Fabian Rinaudo saluti a tutti

  44. Ip Address: 94.163.0.179

    Buongiorno a tutti ❤️💙 Alla fine di cosa si parla ? di salti mortali per una misera iscrizione in lega pro ‘C’ , ma di cosa parliamo che aspettano a cedere la società? Questi infami hanno rotto il caxxo ha più di quattro anni che ci prendono per il culo, e ancora……. basta con la colpa di questo ho di quello, ho storiella dei tifosi

  45. Ip Address: 62.2.176.13

    Ciao Ragazzi

    la macchina non é arrivata………………

    LoMonaco sperto é, ha comprato un centravanti che fa anche l’allenatore…………….. paghi uno pigghi due…………

    Mexxican, tanto dopo il 26 sembra che ci sia più il niente!

    Da 5 anni solo malacumpassa fanno e noi a parlare di GLORIA……….

    Tanti saluti a tutti

  46. Ip Address: 94.163.241.208

    Ciao jamaiama, il 26 ? Che arrivi presto almeno ci mettiamo l’anima in pace, e speriamo che da quelle ceneri si possa ripartire…………….

  47. Ip Address: 94.163.241.208

    Maledetto infame del capotreno

  48. Ip Address: 79.19.23.250

    Giugno, il mese della rinascita, della ripartenza in attesa dell’estate e delle vacanze……il mese della sofferenza per il popolo rossazzurro. Da tre anni la storia si ripete e siamo in attesa di conoscere se, alla fine di questo, potremo sperare (sic😢) di iscriverci al campionato di lega pro giocandoci le chance di promozione con Agrigento, leonzio, pagani e altre. Tutto iniziò tre anni fa quando fummo portati all’attenzione dei media per i fatidici treni del gol, così , salvi sul campo, ci ritrovammo in lega pro con penalizzazioni al seguito ma scongiurando il pericolo della radiazione. L’anno scorso ,di questi tempi, il caso Castro ci regalo’ sette punti di penalità malgrado il ritorno di Lo Monaco ed oggi siamo qui, terzo giugno, aspettando di conoscere se la proprietà, artefice dei nostri guai, risponda economicamente come dovrebbe allo Sporting, racimolando quanto richiesto dal club portoghese da ben tre anni. Troppo facile aver firmato cambiali in bianco o sperare che la controparte strappasse quei titoli di credito. Adesso facciano le loro mosse saldando quanto dovuto di corsa o stilassero un piano di rimborso che possa essere accettato dalla controparte oppure si levassero di torno e restituiscano il Catania alla sua gente , per ricominciare da zero e tornare a parlare solo di pallone.

  49. Ip Address: 94.167.123.237

    Buongiorno a tutti ❤️💙 , ciao catanese a Napoli sicuramente è meglio ripartire da capo non se ne può più ogni estate c’è ne sempre una ‘ ora basta ‘

  50. Ip Address: 62.2.176.13

    FORZA BERETTI¨!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  51. Ip Address: 94.166.81.146

    Buongiorno ❤️💙 Catania, Lo Monaco: “Siamo vivi e non molliamo. Con lo Sporting stiamo parlando”
    Sono giorni importanti in casa Catania, con la dirigenza etnea al lavoro su più fronti, da quello tecnico a quello economico passando per l’iscrizione al prossimo campionato.

    PUBBLICITÀ

    L’amministratore delegato etneo Pietro Lo Monaco ha fatto il punto, ai microfoni di Ultima tv, su quella che è la situazione attuale del club.

    Cristiano Lucarelli pare ormai essere il prescelto per la panchina della prossima stagione. Lo Monaco non fa il nome ma parla di un tecnico già preso: “Con l’allenatore abbiamo l’intesa, ma già da diverso tempo. Stiamo già parlando e programmando la prossima annata che, se Dio vuole, ci vedrà ai nastri di partenza senza punti di penalizzazione e quindi con la possibilità di giocarsela alla pari con gli altri“.

    In primo piano c’è il caso Rinaudo, con il Catania che ha avanzato una nuova proposta di rateizzazione del debito allo Sporting Lisbona: “La società portoghese ha inteso fare questa richiesta, quella di avere il saldo totale, cosa che ci metterebbe veramente in difficoltà. I lavori procedono, stiamo continuando a parlare con loro per convincerli a fare una rateizzazione“.

    Lo Monaco esprime fiducia nel lavoro di risanamento economico che si sta portando avanti: “Crediamo di poter riuscire nel giro di un anno o due a sistemare tutta la situazione del Catania. Quello che è stato fatto quest’anno secondo me ha dell’incredibile. Noi siamo vivi e non molliamo una virgola”.

  52. Ip Address: 62.2.176.13

    Ragzzi

    Avete capito fra un anno o due sperano di sistemare la situazione………………. Ancora due anni cosi! E dopo?

    Tutti ad abbonarsi!!!!!!!!!!!! LoMo non pagate Rinaudo e siete vivi e non mollate una virgola? Se non pagate non esisterete pù altro che siete vivi………………….

    Questo non ci fa, questo proprio ci é!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Saluti a tutti

  53. Ip Address: 151.35.148.177

    Cari amici, tra supposizioni ,tentativi di avere qualche notizia , che si avverino delle speranze molto,molto poche realistiche, mo’ permetto esternare delle considerazioni ,queste situazioni su fatti reali! Con un po’ di rabbia per la situazione della nostra società e tanta ammirazione per alcune Società che stanno suscitando molto clamore perla loro salda strutturazione e per la loro serietà . Mi riferisco al Benevento che in due anni è passato dalla lega Pro alla serie A , la Spal risorta dopo tanti anni di purgatorio in serie minori, il Carpi che continua a stupire il Frosinone che noi ,un tempo guardavamo dall’ alto in basso! Che malinconia ,rabbia e tristezza ! Società sane ,che malgrado qualche frase di Lotito di qualche tempo fa , arricchiscono la Serie A con i loro tanti giovani ! Scienderanno presto in B ? Poco male ,! Intanto danno dimostrazione di come si debbono gestire Società con pochi mezzi ma tanto entusiasmo e sopratutto tanta competenza ed onestà( vedi anche il Crotone ) Insomma tutto il contrario di noi ,derelitti, che abbiamo i primati di come si scendono rapidamente le categorie e come si insiste nel mantenere debiti e cattivissime gestioni ! Pazienza e buone ( se è possibile ) e tranquille vacanze con il tanto caldo di adesso ! Ciao Filippo !ed anche a tutti gli amici del sito !

  54. Ip Address: 158.148.211.201

    Sono sereno. Convinto più che mai che il problema Sporting si risolverà. Mia impressione personale ma ritengo che il Direttore, da vecchio marpione e uomo navigato , il problema lo ha già risolto ma gli piace far restare per un po’ i tifosi sulla graticola. Troppo tranquillo e sereno durante la sua chiacchierata con alcuni tifosi in un noto fans club cittadino e ai microfoni di itasportpress perché io possa temere il peggio. Penso che a fine mese, magari proprio il proprietario, durante la conferenza stampa già preannunciata, comunicherà l’avvenuto raggiunto accordo tra scroscianti applausi da parte della ristretta cerchia di invitati che lo ringrazieranno e osanneranno come il nuovo Mose’ pronto a guidare il popolo rossazzurro fuori dalle tenebre delle catene della lega pro. Personalmente non lo applaudirò, secondo me avrà fatto solo metà del suo dovere rappresentando la proprietà, non una nuova, ma la stessa che ci porto’ in questo inferno. Come suo dovere pagare stipendi, IRPEF, acquisire giocatori di livello per farci rientrare nel calcio che conta, trasmettendo entusiasmo e sicurezza. Questo il suo dovere e ciò che ci aspettiamo. Come ci aspettiamo di ritrovare un Catania che giochi a calcio e non un complesso di statuine smarrite e timide.

  55. Ip Address: 5.169.216.250

    Buongiorno e buon week end a tutti ❤️💙

  56. Ip Address: 79.13.61.31

    Buon fine sabato e buona domenica a tutti

  57. Ip Address: 87.7.199.89

    POST COPIATO DALLA “LA DOMENICA ALLO STADIO”

    Ciò che sarebbe “normalità”,a Catania diviene un Evento…ed allora signori giornalisti,sarete 3 o al massimo 4,se non volete la solita sceneggiata,fategli le domande giuste,perché di minchiate ne abbiamo sentite abbastanza…a proposito di numeri,4 domande precise,se volete,ve le suggeriamo…Fino al 23 giugno 2015 come mai ad azione di dissesto dei conti in corso da parte del sig.Cosentino invece di cacciarlo fuori a pedate,lo aveva confermato rinforzando addirittura i suoi poteri?Come mai a Sky nello agosto 2015 richiese come attenuante dello aver ammesso di aver tentato di comprare le partite,”le difficoltà della piazza…sapete…quella del 2 febbraio..”.Come mai dopo aver rivenduto al Chievo le prestazioni del giocatore Castro non provvide a saldare i conti con la società originariamente proprietaria e furono cestinati tutti i solleciti di pagamento della Fifa?Lei oggi pensa di avere le risorse economiche necessarie ovvero milioni di euro per riportare senza altri casi Rinaudo di cui lagnarsi,Immediatamente il Catania in B?Risposte chiare,siamo stanchi di Chiacchiere e Commedie.

    COME NON ESSERE D’ACCORDO?

  58. Ip Address: 188.13.28.22

    Troppo semplice catanese a Napoli purtroppo sarà la solita sceneggiata con quei quattro lecchini di giornalisti dove cercheranno di montare il tutto a regola d’arte ……….

  59. Ip Address: 188.13.28.22

    Lo Monaco: “Siamo in dirittura d’arrivo per un nuovo centrocampista. Lodi grande colpo”
    L’amministratore delegato del Catania Pietro Lo Monaco, intervenuto ai microfoni della trasmissione di Telecolor “Sport Sicilia“, fa il punto sul momento del club rossazzurro, tra iscrizione al prossimo campionato e mercato.

    Si parte dalla situazione finanziaria del club: “La vicenda Rinaudo è fastidiosa – ha detto Lo Monaco – ma non serve a nessuno pretendere l’intera somma, una somma enorme per un club di Lega Pro anche se colpevole. Il Catania vuole pagare con calma, abbiamo proposto una transazione e speriamo lo Sporting accetti. Per gli altri adempimenti, come gli stipendi, stiamo lavorando da tempo, siamo pronti. Appena ci saranno le entrate che aspettiamo dalla proprietà, ottempereremo a tutto quello che c’è da fare per l’iscrizione. Servono due milioni di euro, la proprietà provvederà”.

    Si passa poi a parlare di mercato e più in particolare dell’assetto del centrocampo: “Lodi penso sia un lusso per questa categoria. Per una squadra di Lega Pro è un grande colpo tesserare un calciatore come il regista campano. Gli altri confermati in mediana sono Biagianti, Mazzarani e Da Silva mentre c’è un altro innesto in dirittura d’arrivo che firmerà a giorni”.

    La quota di Over tesserabili scenderà da 16 a 14 con naturali ripercussioni sulla campagna acquisti di tutte le società di Lega Pro: “Stando così il regolamento, è inevitabile che si alzerà il numero degli Under. Noi abbiamo ragazzi interessanti come Manneh, Di Stefano, Graziano e Rizzo. Poi ci sono i giovani già in organico come Di Grazia, Barisic e Parisi. Qualche altro Under arriverà, la cosa certa è che ci presenteremo ai nastri di partenza con una squadra competitiva”.

    Si parla poi di un rapporto con i tifosi da recuperare: “La gente di Catania ha dentro di sé questa squadra. Come società abbiamo da camminare ancora tanto per ripristinare un rapporto che questi ultimi anni un po’ deludenti hanno incrinato. Confido sempre nell’amore che i tifosi hanno per questa squadra, speriamo di eliminare al più presto le scorie che resistono“.

  60. Ip Address: 5.168.216.244

    Che tifosi strani che ci hanno fatti diventare! Chiusi nel nostro mondo di comparse scomode da additare a colpevoli di scelleratezze da altri causate , mai ascoltati ma chiamati a sentire post partita che diventavano settimana dopo settimana dischi ripetuti il cui suono infastidiva come quello prodotto da solchi scalfiti . Negli ultimi tre mesi di giugno di tre anni sciagurati, entriamo ancora nel giallo della possibile non iscrizione, di probabili punti di penalizzazione , di cantilene che ci rammentano che non ci sono risorse , sebbene promesse , ma che tardano ad arrivare e che puntuali ci vengono raccontati da giornalisti sulle loro pagine o sui loro blog. Tesoretti e risorse, di milioni e milioni , che rimangono al momento ancora carta straccia perche’ non confermati anzi non annunciati per niente da chi detiene la borsa alla cintura dentro la quale non si sente provenire alcun suono confortante. In attesa della firma del nuovo mister o del suo annuncio ufficiale se firma ci fu, non ci resta che attendere il 26 per certificare l’accordo o meno con lo Sporting da cui dipende la nostra iscrizione al campionato prossimo. Ancora giorni di passione attendono noi tifosi . Altro che mini conferenze e scuse

  61. Ip Address: 178.39.222.16

    Catanese a napoli

    LoMo dice che ha comprato e inizieremo alla grande! Come non gli credi? Ha anche venduto 25000 abonamenti e pagato i 400 milioni per Messi e ha anche preso i gemelli di Ronaldo……..
    E il presidente ci parlerà…….

    Buona Domenica

  62. Ip Address: 94.165.219.160

    Buona domenica a tutti ❤️💙, oramai si sparano solo caxxate a chi la spara più grosse, di concreto ancora nulla

  63. Ip Address: 94.165.219.160

    Catania, Franco: “Il peggio è passato. Il 2018 sarà il nostro anno”
    Le parole del massimo dirigente del club rossazzurro
    di Redazione ITASportPress, 11 giugno 2017, 7:54
    1330

    Lunga intervista a La Sicilia per il presidente del Catania, Davide Franco. Il massimo dirigente rossazzurro parla del momento della società etnea alle prese con la questione Rinaudo e l’iscrizione al prossimo campionato: “Sono grande tifoso del Catania, quest’anno è scattato dentro di me qualcosa di particolare, una passione vera e non riesco più a saltare una partita del Catania. Siamo sulla buona strada, sono fiducioso e presto faremo il punto della situazione in maniera più dettagliata con numeri alla mano. Posso anticipare che si può guardare con maggiore distensione al futuro. E’ andata meglio di come pensavo. A fare la squadra ci penserà Lo Monaco che è un vero esperto nell’acquisto dei giocatori. Il Catania, a giugno 2016, aveva una passività di 5,6 milioni, ora va decisamente meglio. Finaria? Ha a cuore le sorti del Catania e lo dimostreremo con i fatti. Il 2018 sarà l’anno buono per noi”.
    Redazione ITASportPress

  64. Ip Address: 79.26.147.15

    Grazie Papu. Una volta lo si ringraziava al termine di quelle serpentine sulla fascia sinistra che ubriacavano stordendo i difensori avversari o per quei tiri teleguidati che si insaccavano in rete facendo gioire tutti i cuori rossazzurri presenti sugli spalti o increduli davanti agli schermi di casa. Una volta. Adesso lo ringraziamo per rappresentare quel lingotto che sposterà l’ago della bilancia a favore del club etneo consentendo così di poter offrire ai lusitani la risorsa idonea ad azzerare o rendere meno pesante il gravame di quel contratto scellerato firmato con superficialità dall’allora amministratore delegato del calciocatania. Siamo così legati indissolubilmente al probabile trasferimento in una squadra di prima fascia del nostro caro Papu, sperando che l’Atalanta lo piazzi ad un prezzo alto per guadagnare il più possibile da quella torta , la cui fettina si potrà cosi girare allo Sporting. Sicuramente , la trattativa tra Atalanta e parrebbe più Roma che Inter o Milan andrà avanti per un po’. Così mentre il Papu sarà in vacanza , il popolo rossazzurro rimarrà incollato a seguire il calciomercato sperando che avvenga al più presto la fumata bianca, perché, da quello che si legge, il nuovo accordo prevederebbe una rateizzazione del debito più sostanziosa alla quale dovrà essere aggiunto, se ci sarà, quel bonus che guadagnerebbe il Catania dal trasferimento del suo ex gioiello. Mentre la situazione risulta ancora in stallo, il Presidente Franco parla di risorse e che si farà di tutto per portare in B il Catania. Purtroppo sarebbe semplice spingere una squadra verso altri palcoscenici col solo fiato delle parole! Fatti signor Franco, fatti ! Di quelli , ancora pochi purtroppo.

  65. Ip Address: 62.2.176.13

    Ciao a tutti

    Se dimezzo c’é l’Atalanta penso che qualcosa di buono uscirà! Li i dirigenti sono sperti al contrario di quelli nostri! Non conosco il presidente Franco, ma a giudicare dalle parole che dice non mi pare essere troppo sveglio.

    Prima di parlare perché non fanno i fatti ed escono i soldi? Ad oggi non sappiamo quello che é vero, ma sentiamo alti dirigenti dire delle stronzate.

    Vediamo cosa succederà

    Saluti a tutti i superstiti…………….

  66. Ip Address: 80.117.92.204

    Appunto! I primi a fare chiacchiere . Risanamento, tesoretto, ma a chi la danno a bere !!

  67. Ip Address: 94.160.190.32

    Buonpomeriggio a tutti ❤️💙Tra risanamento e mercato, tutto tace …..

  68. Ip Address: 62.2.176.13

    Ciao Mexxican Ciao Cataneseanapoli

    Siamo rimasti i tre mohicani…………….. o i tre del Avemaria……………

    ma un sceicco per il CATANIA niente? un cinese?

  69. Ip Address: 5.87.249.35

    Ciao jamaiama, a Catania non viene nessuno c’è il capotreno 😉

  70. Ip Address: 79.37.160.21

    Il capotreno e’ geloso.

  71. Ip Address: 5.169.230.93

    UFFICIALE – Lodi firma con il Catania

    Francesco Becciani FRANCESCO BECCIANI13 GIUGNO 2017 – 19: 27

    Il Calcio Catania ha ufficializzato l’acquisto di contratto di Francesco Lodi. La notizia era solo in attesa dell’ufficialità, che si è concretizzata proprio in questi minuti a Torre del Grifo. Il centrocampista ed il Catania hanno ufficializzato il sodalizio fino al 30 giugno 2020. Lodi dunque è ufficialmente il primo acquisto del club etneo in vista della stagione 2017/18.

  72. Ip Address: 5.169.230.93

    Vero catanese a Napoli 😀

 Lascia un commento

ATTENZIONE: I contenuti dei commenti rappresentano ESCLUSIVAMENTE il punto di vista dell'autore. Nei commenti e' vietato compiere o indurre a compiere qualsiasi tipo di reato, ed e' vietato Danneggiare, lesionare in alcun modo i diritti altrui. E che il commento non abbia contenuto razzista o sessista, non sia offensivo, calunnioso o diffamante. La Redazione si riserva il diritto di rimuovere i commenti che violino le precedenti regole a suo insindacabile giudizio. Gli IP sono registrati ed utilizzati in caso di controversie per intraprendere percorsi legali contro i molestatori.


(Richiesto)

(Richiesta. Non sarà pubblicata)

Question   Razz  Sad   Evil  Exclaim  Smile  Redface  Biggrin  Surprised  Eek   Confused   Cool  LOL   Mad   Twisted  Rolleyes   Wink  Idea  Arrow  Neutral  Cry   Mr. Green

su
giu