Andujar va al Napoli

 Scritto da il 23 gennaio 2014 alle 17:39
Gen 232014
 

Andujar-Catania

L’accordo è stato raggiunto tra il Catania e il Napoli per la cessione di Mariano Andujar,  come vice del portiere di Rafael. Un’operazione chiusa da Bigon con largo anticipo visto che il rossazzurro si trasferirà in Campania solo nella prossima stagione,  con un contratto di tre anni e mezzo.
Domani probabilmente svolgerà le visite mediche.  Invece per questi sei mesi che mancano al termine della stagione,  si ipotizza un suo trasferimento in Spagna al Betis.

  35 Commenti per “Andujar va al Napoli”

  1. Ip Address: 91.252.0.57

    Meno 1 avanti con i prossimi

  2. Ip Address: 79.4.15.37

    Mi dispiace l’anno scorso ha fatto molto bene….

  3. Ip Address: 79.4.15.37

    Ma si può sapere a che prezzo è stato ceduto :mrgreen: :mrgreen:
    Mistero della società, un silenzio assordante….
    Forza Catania

  4. Ip Address: 79.51.220.229

    in fin dei conti è stato un portiere importante per noi…spero possa fare bene,quanto merita,e che riesca nell’intento di andare ai mondiali….buona fortuna…

  5. Ip Address: 79.27.43.83

    questo anno col catania ai fatto poco e niente ti auguro miglior fortuna

  6. Ip Address: 151.74.148.4

    Probabilmente il Napoli verserà dei soldi che sono necessari per far arrivare qualcuno per l’attacco.
    Senza soldi non si compra nessuno e si rischia davvero grossissimo.

  7. Ip Address: 151.54.94.122

    Sono d’accordo, intanto il Catania con questa partenza riduce il monte ingaggi. Uno dei rami secchi è stato tagliato aspettiamo con fiducia che la pulizia continui …

    Forza Catania sempre!

  8. Ip Address: 82.55.101.148

    Buonasera raga’!!!
    Ciao angelo,Mexxican, joe, elefante rossoazzurro, Perplesso e Catanista60!!!

    Notte rossoazzurro a tutti!!! 😐

  9. Ip Address: 93.46.47.221

    RAGAZZI IO SPERO NELL ARRIVO DI GIANNETTI E UN VERO TALENTO SAREBBE UN PO COME QUANDO ARRIVò LODI DAL FROSINONE . . . . . .!

  10. Ip Address: 92.135.76.15

    Ora si ca semu ne manu ri Diu, ma vi rendete conto che loha comprato il Napoli e non il Roccacannucia? e ora tutto sulle spalle di Frison ca già in ogni partita fa uno svarione, mah ora si ca incomincio a credere che anche con Maran la cosa si fa complicata, spogliatoio spaccato, Barrientos abulico, Plasil ca sa che se ne va…………ma penso che ancora la frittata non sia pronta, con la partita di Andujar il portiere che hai prossimi mondiali potrà essere titolare e anche campione del mondo ?l’Argentina è fortissima e Romero finito, ma noi tifosi masochisti gridiamo e nun capemu un cazzu.
    Ora siccome nessuno vuol capire quello che dico saro’ ancora più chiaro di come lo sono sempre, e cioè dico la mia sulla possibile retrocessione del Catania,
    Mai sarà perchè siamo scarsi o meglio i giocatori, perchè io dei tifosi del Catania certamente non tutti , ma anche in questo sito ultimamente sono proliferati, ho una pessima considerazione, mai ha tifare veramente anche vincendo ci sono critiche ma critiche a vanvera e non come Cataniasta o Peppe 58 che saluto,
    Dicevo altre volte quanti milioni è stato venduto Gomez 6 milioni siamo sicuri? e se qualcosa arristau fora? e come è finita con Lo Monaco? cresta sui giocatori e appropriazione indebita sui conti del calcio Catania , denunzie a destra e manca e poi silenzio, e ora qualcuno (tifosi) sperano in un suo titorno 😯 😯 potri continuare ma chi vuol capire capisca, l’altro giorno anche l’infame di tuttosport diceva che tra poco scoppia uno scandolo tra società, giocatori e procuratori, e proprio stasera in Francia sta scoppiando lo scandolo PSG di chi è la proprietà, ecco io mi preoccupo solo di fatti extracalcistici e non del campo, e questo smembramento della squadra, mi lascia perplesso!!! ma non come il ns. perplesso che saluto 🙂 🙂

  11. Ip Address: 84.165.162.226

    Era ora, era come un peso sullo stomaco,a dire le verita’ non mi e’ mai piaciuto come portiere,d’accordo,qualche parata la faceva ma faceva pure tanti sbagli ,nn e’ mai stato un portiere che trasmetteva sicurezza,con tutto il rispetto,nn aveva quella esplosivita’ che
    dovrebbe avere un portiere di alto livello.

  12. Ip Address: 82.145.216.194

    CATANIA, poker di Maxi Lopez contro la
    Primavera. Terapie per Alvarez
    23.01.2014 18:47 di Andrea Carlino
    articolo letto 635 volte
    Doppia seduta d’allenamento per il Catania a
    Torre del Grifo. In mattinata i rossazzurri si
    sono concentrati sulla parte atletica, mentre
    nel pomeriggio test-match con la Primavera,
    caratterizzato da 4 reti di Lopez. A segno
    anche Leto, Plasil e Bergessio, rientrato in
    gruppo così come Guarente. Terapie per
    Alvarez, in palestra Bellusci e Rolin.

  13. Ip Address: 82.145.216.194

    Sì doveva investire su questo :

    Cagliari, Adryan si presenta: “Ringrazio Cellino
    per avermi voluto”
    23.01.2014 19.53 di Raimondo De Magistris
    articolo letto 3241 volte
    E’ stato presentato questo pomeriggio Adryan
    Tavares Oliveira, gioiellino classe ’94 che il
    Cagliari ha acquistato dal Flamengo. Queste
    le sue dichiarazioni in sede di presentazione:
    “Ringrazio Cellino per avermi voluto. Cercherò
    di ripetere sul campo quel che lui mi ha visto
    fare con la casacca del Flamengo. Sono un
    trequartista, gioco fra le linee, destra o
    sinistra non è un problema. Il calcio europeo è
    molto diverso da quello carioca: voglio fare
    esperienza, crescere professionalmente”.

  14. Ip Address: 82.145.216.194

    ESCLUSIVA-GOMEZ, l’agente: “Catania? Non
    si muove da Verona”
    23.01.2014 20:26 di Stefano Ricci
    Juan Ignacio Gómez Taleb, meglio conosciuto
    come Juanito è un attaccante esterno del
    Verona che oggi la Gazzetta dello Sport ha
    accostato al Catania. A riguardo l’agente
    Antonio Dell’Aglio ha risposto ai microfoni di
    Itasportpress.it per fare chiarezza sul futuro
    del suo assistito. “Juanito ha un altro anno di
    contratto con il club gialloblù e vuole
    rispettarlo. Ad oggi non ci sono arrivate
    offerte ma in ogni caso Gomez non si muove
    da Verona”

  15. Ip Address: 79.27.43.83

    lo scorso anno andujar era un campione tutto in una volta e diventato una mezza calzetta forse era stanco di stare a catania

  16. Ip Address: 79.27.43.83

    CATANIA – L’offerta di 1.6mln per la comproprietà del tesserino ha convinto il Siena. Arriva lo sta bene della società toscana al trasferimento dell’attaccante al Catania. Per chiudere l’operazione manca il sì del giocatore. Possibili sviluppi già nelle prossime ore. E’ quanto riferisce il giornalista di Goal.com Renato Maisani.

  17. Ip Address: 79.27.43.83

    Il Catania deve fare presto per cedere l’attaccante Maxi Lopez che sta per valutare le offerte arrivate dal Trabzonspor, in Turchia e il Rayo, in Spagna. La dirigenza etnea per il momento ha escluso piste italiane anche perchè l’argentino non sarà ceduto in prestito secco. La trattativa con il Trabzonspor potrebbe proseguire anche dopo il 31 gennaio visto che in Turchia il calciomercato chiude qualche giorno dopo rispetto a quello italiano esattamente il 3 febbraio 2014.

  18. Ip Address: 87.13.208.51

    Finalmente si è saputo il prezzo di Andujar. 😳 😳 troppo basso secondo me

    Il Napoli ha definito l’acquisto del portiere argentino del Catania Mariano Andujar. Raggiunto un accordo con i partenopei fino al 2017, operazione da circa 1,5 milioni di euro.

  19. Ip Address: 79.27.43.83

    Il portiere del Catania, Alberto Frison è intervenuto in conferenza stampa a Torre del Grifo. Queste le dichiarazioni raccolte da Itasportpress.it. “Contro la Fiorentina ci si aspettava una reazione nel secondo tempo che non è arrivata. Ci prediamo ogni responsabilità per il brutto secondo tempo e pensiamo alla prossima partita contro l’Inter. Sarà una gara difficile perché quella nerazzurra è una grande squadra nonostante il momento non positivo ma noi andremo a San Siro per fare punti che ci servono. Futuro? Ho pensato sempre di lavorare tranquillo e sono concentrato sul mio lavoro e non penso ad altro. Ai tifosi dico di starci sempre vicini e sostenerci con gli incoraggiamenti perché ne verremo fuori. Milito vuole fare gol? I giocatori nerazzurri sono tutti forti ma io cercherò di chiudergli la saracinesca. Mi fa arrabbiare che siamo una squadra importante e ci ritroviamo in fondo alla classifica ma sono certo che ci tireremo fuori. Bisogna cambiare rotta e andare a Milano per conquistare punti”.

  20. Ip Address: 87.7.42.72

    Buonanotte, popolo rossoazzurro!

  21. Ip Address: 212.14.141.175

    Buongiorno a tutti.
    Speriamo che oggi arrivi la risposta positiva di Giannetti visto che sia Gomez che anche Scocco sono sfumati.Ma perchè la società non cerca anche qualche giocatore svincolato (ma non rotto) ?

  22. Ip Address: 79.55.198.130

    Buongiorno raga’!!!
    Qui Napoli e dintorni, cielo nero con pioggia e vento.

    Buona giornata a tutti!!! 😐

  23. Ip Address: 79.27.43.83

    buongiorno a tutti fratelli dal cuore rossazzurro siamo in attesa degli eventi 😎

  24. Ip Address: 212.14.141.175

    Ovvio che Andujar voleva andar via da Catania: primo perchè non gli andava da fare da vice a Frison e poi perchè non si sa mai poteva anche rischiare il Mondiale.Penso che il Napoli lo girerà in Inghilterra per poi farlo rientrare nel prossimo campioato.
    Ora per il Catania urge trovare un vice a Frison.

  25. Ip Address: 79.27.43.83

    oggi non ce nenti ppa jatta mancu ppe giurnalisti :mrgreen: :mrgreen:

  26. Ip Address: 82.145.216.206

    CALCIOMERCATO CATANIA JUANITO GOMEZ
    MARTINHO VERONA / MILANO – Il Catania
    insiste per Juanito Gomez : secondo ‘Sky’, il
    club etneo ha offerto al Verona 1,5 milioni di
    euro più la metà del cartellino di Martinho ma
    la società veneta, per il momento, resiste.

  27. Ip Address: 212.14.141.175

    Ultime notizie calciomercato: Andujar a Napoli per le visite mediche. Non si sa ancora però se rimarrà in prestito al Catania fino a giugno o verrà girato all’estero.
    Inoltre dalla redazione di Tuttomercato web si apprende che Lo staff tecnico della Fiorentina è rimasto ben impressionato nella partita giocata ieri da Niccolò Giannetti tanto da inserirsi nella trattativa cosi come per l’altro giovane del Siena Rossetti.
    Ora speriamo che anche questa trattativa non vada a monte visto che il tempo stringe.
    Nessuna nuova invece sulla cessione di Max Lopez.

  28. Ip Address: 79.27.43.83

    questi giornalai non sanno piu cosa inventarsi :mrgreen: :mrgreen:

  29. Ip Address: 79.27.43.83

    Chi perde tra Inter e Catania rischia di infilarsi in un tunnel senza via d’uscita. Domenica a San Siro si affrontano due squadre in crisi di risultati e di gioco anche se i nerazzurri hanno sicuramente fatto meglio dei rossazzurri. Mazzarri contro l’ultima della classe dovrebbe riproporre il 3-4-2-1.Sembra recuperato Alvarez (contusione al ginocchio a Genova) ma è certa la presenza di Palacio alle spalle di Milito. Dubbio Kuzmanovic-Taider per il centrocampo che Mazzarri risolverà alla fine

  30. Ip Address: 79.27.43.83

    INTER – CATANIA
    DE MARCO
    POSADO – MARRAZZO
    IV: CARIOLATO
    ADD1: RUSSO
    ADD2: FABBRI

  31. Ip Address: 151.74.185.141

    Buon pomeriggio a tutti, Ciao Vittorio.

    Permettimi di non essere d’accordo con te riguardo a Mariano Andujar.
    Primo perché oramai aveva fatto il suo tempo a Catania.
    Secondo perchè voleva andare via.
    Terzo perché alla resa dei conti non è che sia questo fulmine di guerra.
    Quarto perché credo sia uno dei problemi dello spogliatoio del Catania.

    Un abbraccio, Mario.

    Forza Catania sempre!

  32. Ip Address: 79.27.43.83

    ciao catanista approvo la tua disamina al cento x cento su andujar forza catania

  33. Ip Address: 79.4.15.37

    Buon pomeriggio a tutti…..

    Mariano Andujar al Napoli, è arrivato anche l’annuncio da parte della società partenopea, diffuso sia tramite il proprio sito ufficiale che attraverso l’account Twitter, sul quale è stata postata questa foto che ritrae il portiere argentino, proveniente dal Catania, nel corso dell’espletamento delle visite mediche. Nei prossimi giorni la formalizzazione dell’accordo, contestualmente si provvederà a definire l’immediato futuro dell’estremo difensore classe 1983, che dovrebbe essere mandato a giocare, Betis Siviglia in pole.

  34. Ip Address: 79.27.43.83

    ROMA – Sarà il Sig. Andrea De Marco della sez. di Chiavari a dirigere la gara Inter-Catania. Il fischietto, avrà come assistenti di linea il Sig. Fabrizio Posado di Bari ed il Sig. Alfonso Marrazzo di Tivoli. Assistenti d’area il Sig.Carmine Russo di Nola ed il Sig. Michael Fabbri (CAN B) di Ravenna. Quarto ufficiale il sig. Gianluca Cariolato di Legnago.

    Nella sua carriera non ha diretto alcuna squadra più del Catania. In totale 26 precedenti: 8 vittorie, 7 pareggi, 11 sconfitte. Ha diretto il Catania in C1, ai play-off di C1, in serie B ed in serie A. Il primo precedente risale al 2000/2001, Catania-Savoia 1-1. Ha assegnato quattro rigori a favore del Catania e comminato 8 espulsioni a scapito.

    Torna a dirigere il Catania dopo l’1-0 in Catania-Udinese della stagione 213/14. Seconda vittoria stagionale per il Catania, firmata Maxi Lopez. Determinante il calcio di rigore procurato da Legrottaglie. Nella stagioen 2012/13 aveva diretto il 3-1 sull’Udinese. A segno andarono Gomez, doppietta, e Lodi. Per l’Udinese Muriel a fine gara. Diresse anche l’esordio stagionale del Catania e di Maran sulla panchina rossazzurra: pareggio esterno 2-2 a Roma. Osvaldo e Nico Lopez (in pieno recupero) risposero alle reti di Marchese e Gomez.

    Nell’attuale serie A ha diretto 9 partite: 7 vittorie interne, un pareggio, un successo esterno.

    Nella stagione 2011/2012 diresse Catania-Udinese 0-2, reti di Di Natale e Fabbrini e rigore mancato da Gomez. Ricordiamo anche il successo del Lecce 1-2 al Massimino. In vantaggio grazie alla rete di Bergessio, il Catania regge fino all’80° (Di Michele sbaglia un rigore) quando Corvia mette a segno la rete dell’1-1 che fa imbestialire Carrizo: una parola di troppo, ammonito, un applauso di troppo, espulso. Il Catania ha terminato i cambi ed in porta va Lodi. Al 90° arriva il goal della vittoria salentina, siglato Di Michele, che approfitta dell’improvvisazione di Lodi come estremo difensore per raccogliere una corta respinta e depositare il rete. Termina tra i fischi del pubblico rivolti all’arbitro, che a seguito degli insulti ricevuti dai tifosi farà in modo di far comminare una salata multa alla società.

    Più indietro nel tempo troviamo gli ultimi due precedenti che hanno visto il Catania vincente, sempre di mercoledì. stagione 2010/2011 diresse Catania – Udinese (10 Novembre 2010), decisa dalla rete di Lopez (la prima di testa col Catania), e prima ancora Catania – Cesena 2-0, reti di Silvestre e Lopez. Avrebbe dovuto dirigere Siena – Catania quando però la sfida venne rinviata per neve e successivamente affidata al collega Carmine Russo della sezione di Nola.

    Prima della gara contro il Cesena, in ordine di tempo, ha diretto lo 0-0 di Bergamo contro l’Atalanta, 2009/2010, pari con pochissime emozioni se non l’espulsione dell’allora allenatore nerazzurro, Antonio Conte. Unico precedente della scorsa stagione, per trovarne un altro si va al Campionato 2008/2009, quando il Milan batte 2-0 il Catania al Massimino con reti di Inzaghi e Kakà. E’ quello un Catania già salvo ed ampiamente rimaneggiato che schiera tra i pali l’esordiente Kosicky.

    In quella stessa stagione Fiorentina – Catania termina 2-0, con reti di Mutu e Gilardino nel secondo tempo. In quella gara Izco giocò da esterno destro difensivo, sfoderando una delle sue prestazioni migliori ed andando anche vicino alla rete con un colpo di tacco in volo.

    Diresse anche l’andata tra Catania e Milan, terminata in pareggio, 1-1. Alla rete dalla distanza di Pato, colpevole dormita di Polito, rispose Spinesi nel secondo tempo, segnando dopo neanche 10′ dal suo ingresso in campo: pregevole l’assist di Colucci (spostato a destra nel tridente offensivo) per il bomber di Pisa, che deposito in rete trafiggendo Kalac. Catania che andò vicino anche al clamoroso successo, ancora una volta con Colucci.

    Il ricordo più lontano delle gare da lui dirette al Massimino, in assoluto, è proprio un pareggio in casa, 1-1 contro il Savoia, stagione 2000/01, al termine del quale Gaucci (allora presidente, ndr) ordinò il ritiro punitivo per la squadra etnea. Al goal di Umberto Marino, il Catania rispose solo al 94′ con Kanjengele, e col Savoia in 10 dall’11′ del secondo tempo. Gaucci sollevò dall’incarico Iaconi (allora allenatore, ndr) e contestò duramente la squadra, creando una profoda spaccatura nello spogliatoio. In quel campionato De Marco diresse anche la gara di ritorno, vinta dal Catania 1-2 (reti di Apa ed Ambrosi), che resterà l’unico successo esterno dei rossazzurri col fischietto ligure, ed anche il pareggio Nocerina – Catania 1-1, con rete di Umberto Marino, prelevato a Gennaio dal Savoia. Nel 2001 diresse anche l’1-0 con cui l’Avellino batté al Partenio il Catania.

    Nell’anno della promozione in B diresse la sconfitta esterna col Taranto, 1-0, ed il successo interno contro il Castel di Sagro, 2-1, doppietta di Eddy Baggio.

    In serie B diresse la sconfitta esterna a Venezia, in vantaggio i padroni di casa con Budan, pareggio nel secondo tempo di Oliveira e rete del definitivo 2-1 ad opera di Fantini (75′). Il Catania chiuse in 10 la gara per l’espulsione di Cicconi (93′). Nel Maggio 2003, ancora primo anno in B, diresse i rossazzurri a Cosenza, nella trasferta salvezza (con 5000 etnei al seguito, ndr) clamorosamente ciccata dalla squadra (Cosenza già senza speranze di salvezza), terminò 3-1 con goal della bandiera di Taldo al 63′.

    Seguì, nella stagione successiva, la contestatissima gara Livorno – Catania. I rossazzurri si videro prima annullare una rete per fuorigioco inesistente fischiato a Giallombardo, poi, passati in svantaggio per autorete dello stesso esterno sinistro, riuscirono a rimontare con Mascara e Sedivec (all’87′) fino al 2-1. Ma al 95′, a recupero scaduto, De Marco fischiò un rigore a favore dei padroni di casa per atterramento di Protti nettamente fuori dall’aera di rigore. Pareggio e pandemonio sugli spalti.

    Ancora peggio andò, stessa stagione, a Vicenza, veneti in vantaggio con Tamburni, vera bestia nera per i rossazzurri, poi due espulsi per il Catania, Stendardo e Grieco, ed a conclusione la rete di Biondini. Alla prima in casa in serie B, quando la stagione 2003/04 era al suo epilogo, il Catania superò 2-0 i Pescara, con reti di Mascara e DelVecchio.

    A seguire, stagione 2004/05, due gare casalinghe contro Salernitana (2-1, reti di Russo e Vugrinec) e Piacenza (1-1, Sardo per il Piacenza e Serafini per il Catania). Prima in A col Catania a Firenze, 3-0 per i viola con reti di Jorgenses, Toni e Dainelli tutte dopo l’espulsione di Biso, per doppia ammonizione, al 36′ del primo tempo, affrettatissima. Catania che terminò in 9, espluso anche Stovini all’81′. Da aggiungere a questi precedenti il 3-2 in Coppa Italia contro l’Udinese, al Friuli, quarto di finale d’andata, con reti di Izco e Martinez per il Catania, Ferronetti, Pepe e Felipe per i friulani.

  35. Ip Address: 79.27.43.83

    Dieci partite esterne, dieci sconfitte con ben ventisette reti subite, ovvero quasi la media di tre reti a partita al passivo; sono questi i numeri con i quali il Catania si presenta domenica a San Siro al cospetto di un Inter reduce dalla settimana sicuramente più travagliata di questa stagione.

    La squadra di Maran viene dalla brutta prova interna contro la Fiorentina, priva di alcun spunto positivo e da resettare il più in fretta possibile; nulla ha funzionato e nella settimana appena trascorsa il tecnico rossazzurro avrà avuto sicuramente il suo bel da fare sia dal punto di vista psicologico (autostima, convinzione ed impegno non devono più mancare da qui a fine campionato) sia tecnico perché il 4-3-3 con gli attuali interpreti non è il modulo giusto.

    L’Inter di Mazzarri ha come unico obiettivo stagionale il raggiungimento della quinta posizione in classifica che darebbe accesso ad un posto in Europa League, vista la prematura eliminazione in Coppa Italia agli ottavi contro l’Udinese, ed il distacco dalla quarta posizione occupata dalla Fiorentina è di ben otto punti e sembra difficilmente colmabile da qui a fine anno a meno di clamorosi ribaltoni. Il mercato di Gennaio attualmente non ha portato alcun giocatore alla corte di Mazzarri, molti giocatori sono sul piede di partenza ed in tal senso l’ultima settimana sarà decisiva per apportare cambiamenti ad un organico che ha lacune ben note e va rafforzato in vista dell’obiettivo Europa.

    Nonostante il non felicissimo momento dei nerazzurri, il divario tecnico sulla carta non lascia scampo al Catania che è quotato ben 9.00 dai bookmakers a fronte dell’1.33 per i padroni di casa, mentre l’X è pagato 4.75 ed è giocato pochissimo fin qui dai vari scommettitori. L’Inter ha come unico obiettivo la vittoria e proprio per questo giocherà con Palacio e Milito dall’inizio in un modulo più sbilanciato vista anche la presenza di Alvarez. Già nella partita di Genoa la squadra ha creato un buon numero di occasioni da rete con questo schieramento offensivo, semmai il problema riguarda l’equilibrio in fase di non possesso e la condizione fisica che porta i nerazzurri a calare vistosamente nella seconda parte dei match. Di contro Maran potrebbe cambiare modulo, passare ad un 4-2-3-1 per dare fiducia a Rinaudo (accanto a Lodi) e ridisegnare l’assetto offensivo vista la squalifica di Barrientos, il non felice momento di Castro e la voglia di mettersi in mostra di Keko e Leto.

    Il risultato più probabile dovrebbe essere il 3-0 (un parziale del genere favorirebbe anche le quote over 2,5 ad 1.63 ed il no goal ad 1.75), vista la sterilità offensiva del Catania e la partita offensiva che l’Inter imposterà sin dai primissimi minuti. Va detto che l’indole di Mazzarri ha fin qui portato l’Inter a tenere un atteggiamento spesso prudente ed attendista anche nei match casalinghi contro squadre sulla carta nettamente inferiori all’Inter. Però la situazione specifica con il recupero di Milito, il malumore dei tifosi ed un quinto posto da dover difendere con le unghia e con i denti, porterà ad un cambio di mentalità senza comunque lasciar scoperto il fianco alle ripartenze del Catania.

    Sfruttando sempre le quote le previsioni dei bookmakers, andiamo a disegnare lo scenario che domenica pomeriggio alle 16:45 potrebbe presentarsi guardando la classifica di serie A nella zona bassa per le squadre che lottano per la salvezza.
    Partiamo ovviamente dallo scontro diretto tra Livorno e Sassuolo, in cui entrambe le compagini cercheranno innanzitutto di non perdere; i toscani hanno cambiato allenatore in settimana (è arrivato Di Carlo) e non sono ancora riusciti a rafforzare un organico che non sembra poter riuscire a competere per la salvezza; a differenza del Sassuolo che presenterà almeno tre nuovi innesti giunti nel mercato di riparazione. Il cammino molto altalenante degli emiliani e la necessità dei toscani di muovere la classifica dovrebbe lasciar propendere per un pareggio a quota 3.20 (la più bassa di giornata per il segno X tra i vari match).
    L’altro scontro diretto di giornata andrà in scena al Ferraris di Genova tra Sampdoria e Bologna e la quota dei padroni di casa è davvero bassa (circa 1.80) sia per l’ottimo momento che i ragazzi di Mihailovic stanno attraversando e sia per la settimana molto travagliata vissuta in casa emiliana con la questione Diamanti a tener banco. Il fantasista dovrebbe restare in rossoblu, ma la vittoria dei doriani, anche in previsione del derby di settimana prossima, dovrebbe confermare la fiducia ed il pronostico espresso dai bookmakers.

    Invece il Chievo andrà a far visita al Napoli in una partita sulla carta senza storia, visto che i partenopei devono assolutamente vincere per non farsi raggiungere dalla rampante Fiorentina al terzo posto, utile per la Champions League. Le quote d’altronde non lasciano presagire un esito differente e sono le più basse del turno di campionato (appena 1.25 il segno 1).

    Restano infine Cagliari ed Udinese che distano quattro punti dalla zona pericolo e non stanno attraversando un momento felicissimo; i sardi ospiteranno l’incognita Milan in una partita difficilmente pronosticabile e non così scontata sulla carta; il segno X potrebbe rispecchiare una gara equilibrata e temporaneamente mettere da parte le critiche ed i rispettivi momenti negativi. Infine l’Udinese, reduce da una striscia negativa in campionato di tre sconfitte consecutive, intervallate però dai due successi in Coppa Italia contro Inter e Milan. Domenica i friulani andranno a Parma, contro una squadra tra le più in forma del campionato, in una gara dall’esito molto incerto con quote molto equilibrate; il colpaccio esterno è dato a 4.00, non appare così improbabile e potrebbe sancire la fine della crisi per la squadra di Guidolin.

    Sulla carta quindi domenica pomeriggio il Catania resterebbe a quattro punti dalla quartultima posizione occupata da Chievo e Bologna (probabili perdenti), e potrà avvicinarsi a questo mini gruppetto nel match interno comunque decisivo della settimana prossima contro il Livorno. E’ chiaro come un risultato positivo a San Siro potrebbe sconvolgere i piani ed i calcoli della lotta salvezza; d’altronde le partite per invertire il trend negativo si stanno riducendo e non sarà sufficiente vincere i soli scontri diretti per raggiungere l’obiettivo finale di permanenza in massima serie.

    N.B. Le quote fanno riferimento a quelle emesse dalle principali agenzie di scommesse italiane

Spiacenti, i commenti sono chiusi.

su
giu