Buon compleanno Nino

 Scritto da il 24 febbraio 2013 alle 11:24
Feb 242013
 

pulvirenti compleanno

Il Calcio Catania festeggia oggi il cinquantunesimo compleanno del Presidente Antonino Pulvirenti: rivolgiamo i nostri auguri carichi di rispetto, gratitudine ed affetto, all’uomo che ha saputo cancellare la linea di demarcazione, un tempo netta, tra i nostri sogni di gloria e la realtà. L’abnegazione e le intuizioni che nascono dall’esperienza consentono al nostro timoniere di andare oltre, tracciando con equilibrio e forza una nuova strada da percorrere, per giungere a realizzare ambizioni esaltanti come i migliori regali di compleanno: il Presidente è nato a Catania e di conseguenza, per definizione, non si accontenta ma suscita, studiando l’obiettivo europeo, la naturale voglia di emergere di chi come lui è nato e vive in una terra talmente bella da stimolare quotidianamente al compimento di grandi cose. Il Capitano del club, l’uomo dei patti e dei fatti chiari, coinvolge sempre ognuno di noi appassionati nella gestione del patrimonio di emozioni rossazzurre, per lo sviluppo di una società che è tesoro della città: ecco perché l’augurio è condiviso da tutti.

la Redazione di Forzacatania46.com formula al nostro presidente gli auguri di un felice compleanno.

ForzaCatania sempre…..

 

  72 Commenti per “Buon compleanno Nino”

  1. Ip Address: 85.41.235.41

    Auguri al ns. carissimo Presidente,
    Speriamo con una bella vittoria :sciarpa:

  2. Ip Address: 85.41.235.41

    E’ ufficiale, Parma-Catania si gioca regolarmente alle 15:00 Il Gos, dopo esseresi riunito ed avere svolto il sopralluogo al Tardini, ha dato il proprio parere favorevole alla disputa della partita.

  3. Ip Address: 80.116.248.236

    Ciao joe!!! :ciao: :ciao: :ciao:
    Auguri al Presidente Pulvirenti e forza Catania sempre!!!! :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  4. Ip Address: 79.46.14.128

    ciao joe giorgio mi associo a voi forza :catania: grande presidente auguroni :sciarpa: :catania: :salve:

  5. Ip Address: 79.46.14.128

    Parma-Catania: Si gioca, nessun rinvio!
    PARMA – Il GOS di Parma ha espresso parere positivo alla disputa della sfida del Tardini. Determinanti gli sforzi profusi nella nottata dalla società gialloblu per ripulire dalla neve parte delle tribune e terreno di gioco. Non sarà necessario neanche attendere le 16, come da concessione della Lega Serie A in caso di necessità.
    Le intenzioni del…

  6. Ip Address: 79.46.14.128

    Parma – Catania si giocherà dopo il rischio rinvio per causa neve e i tifosi ducali nei loro forum esprimono i loro commenti prepartita.

    A Parma dalla propria squadra si aspettano tutti una vittoria:

    “dobbiamo vincere a tutti costi”……”Solo un imperativo: 3 punti a tutti i costi”, “si vince facile! 2-0”….”dopo un mese e mezzo sarebbe anche ora”, e c’è chi pensa: ”Finalmente la gara giusta”.

    Molti parmigiani pensano che non sia una partita facile: “Partita difficilissima, Catania in formissima ed esaltato”…“Mi attacco solo ad una cosa: il Catania prima o poi dovrà pur perdere”.

    Dopo un commento del genere: “vittoria per far abbassare la cresta ai catanesi “ iniziano i convenevoli fra le due tifoserie: ”I Catenesi sono Ganzi!!”.

    Anche pensieri più articolati e motivati: ”Speriamo di riprenderci, ma l’avversario ora come ora è il peggiore che potesse capitare, siete un eccellente squadra con un tecnico di valore che mi piacerebbe un giorno vedere a Parma”. “A me il Catania piace moltissimo e sono contento del campionato che sta facendo, e voi come sempre siete i benvenuti a dimostrazione che a Parma da fastidio chi si comporta da padrone a casa nostra ( i napoletani ) mentre chi si comporta bene è il benvenuto, venga da Stoccolma o venga da Catania pari sono !”

    “Forza Parma! Ma il catania mi piace.. Bella squadra, merita il posto che occupa in classifica.. E mi rode.. Non dico che vinca il migliore perché tifo il parma! ma so che alla lunga vi sorpasseremo.. Come l’anno scorso!!”

    Non mancano nemmeno commenti gastronomici: “Io sono già entrato in clima partita…dal punto di vista enogastronomico infatti ieri sera a cena ho stappato una bottiglia di Rosso Etna”, “per non parlare del pesto di pistacchio di Bronte come condimento pasta che in pochi conoscono…inoltre fate anche gli arancini…al pistacchio che ritengo davvero squisiti”.

    Per il periodo storico italiano c’è chi si perderà pure il match: “causa votazioni io perderò la partita…partita delicatissima”

    Per i ducali l’importante è vincere chiunque sia il marcatore: “buone notizie gente..Almiron e Barrientos out..gara da vincere in tutti i modi..mi va bene anche un gol della moglie di Pavarini”

    Commenti e come dico sempre tutto il resto e noia :incavolato: :sciarpa: :catania: :salve:

  7. Ip Address: 2.2.227.243

    Buongiorno a tutti pari
    Sono già nel riscaldamento brrrrr chi friddu
    Ciao Prof OK 😉 😉

    Leggo per la partita di oggi Keko in campo? io sono d’accordo il buon Maran sa quello che fà???!!! fino a prova contraria 😆 😆 😆 😆

    Oggi e solo oggi si decide il futuro del Catania, se vince o pareggia, si aprono scenari fantastici, anche se ripeto pericolosi!!
    Comunque anche se l’Europa la vedo pericolosa, non possiamo giocare per perdere ed allora forza Catania con gol di Keko se veramente gioca, :catania: :catania:
    auguri al PRESIDENTE :catania: :catania:

  8. Ip Address: 88.66.31.251

    Auguri Ninuzzu e che la forza sia con te
    io oggi ci credo Vinceremo, adesso è venuto il nostro tempo , per sbalordire
    e farci ammirare
    Fozza Catania

  9. Ip Address: 80.116.248.236

    Formazioni ufficiali:

    CATANIA (4-2-3-1): Andujar; Bellusci, Spolli, Legrottaglie, Marchese; Izco, Lodi; Castro, Keko, Gomez; Bergessio. A disp.: Frison, Terracciano, Potenza, Rolin, Alvarez, Ricchiuti, Salifu, Doukara. All.: Maran.
    Squalificati: Biagianti (1) Diffidati: Barrientos, Bellusci
    Indisponibili: Sciacca, Capuano, Barrientos, Cani, Almiron

    Forza Cataniaaaaaaaaa!!! :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :catania: :catania: :catania:

  10. Ip Address: 79.46.14.128

    alloraaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaasemu u cataniaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

  11. Ip Address: 2.2.227.243

    LODIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII presente GOLLLLLLLLLLLLLLLLLLL

  12. Ip Address: 79.46.14.128

    cataniaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa e dueeeeeeeeeeeeeeeeee che cataniaaaaaaaaaaaaaaaaaa :catania: :catania: :catania: :catania: :catania: :catania:

  13. Ip Address: 2.2.227.243

    KEKOOOOOOOOOOOOOOOOOO e 2 U ricevu ca signava

  14. Ip Address: 82.54.219.135

    C’ azziccau Chiarezza gol di lodino e kekino 😀 😀 😀 😀 😀 😀

    ma bergessino s’ammuccau 3 gol :incavolato: :incavolato: :incavolato: :incavolato:

    Avanti cosi …… come mi diverto :catania:

  15. Ip Address: 88.66.31.251

    Chiarezza è scritto nelle stelle andremo in champion e il palermo andrá in b

  16. Ip Address: 88.66.31.251

    Joe stiamo giocando da grande squadra
    abbiamo capito che si diventa grandi solo se ci credi e loro ci credono semplice no

  17. Ip Address: 82.54.219.135

    Lux è piacevole vedere la ns. squadra giocare cosi in trasferta.

  18. Ip Address: 79.46.14.128

    e iiiiivaiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii vaiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiicataniavaiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii :catania: :catania: giorgio dopo tanta neve che bella cosa na jurnata e soleeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :salve:

  19. Ip Address: 2.2.227.243

    Ciao mbari lux e mbari Joe
    Quassù fa friddu ma friddu, pero’ glui arbitrin alla fine ci stavunun mittennu a manuzza, fallo su Legrottaglie quando na casa,

    Oggi pero’ i miei complimenti vanno allo staff tecnico del Catania,; ma quandu currunu :catania: :catania: :catania: :catania: :catania: :catania: :catania:

  20. Ip Address: 79.46.14.128

    e comunque il gol di amauri e stato un gol sporco perche a buttato a terra legrottaglie forza catania sempreeeeeeeeeeeeee :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  21. Ip Address: 2.2.227.243

    Mbari angileddu unni a statu? sempre più in alto l’Inter a 1 punto ed il Milan a 2 punti ie orta affunnamu l4inter :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :catania: :catania: :catania:

  22. Ip Address: 79.46.14.128

    vittorio vittoriaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa 😆 😆 😆 😆 😆 :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :salve: :salve: :salve: :salve:

  23. Ip Address: 88.66.31.251

    Chiarezza ma scusari m’bari ma io a questo punto un pensiero alla champion ce lo farei :catania: :catania: :catania: :catania: :catania: :catania: :catania:
    un saluto a tutti
    come godo

  24. Ip Address: 87.13.239.73

    Va bene che il gol di Amauri era irregolare per fallo, ma Legrottaglie non si deve mai comportarci e protestare cosi, poteva mettere il gioco la vittoria :incavolato: :incavolato: :incavolato:
    Da lui non mi potevo mai aspettare una cosa del genere….
    Godiamoci sta ennesima vittoria e FORZACATANIA :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  25. Ip Address: 79.46.14.128

    peppe unni siiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii ce friddu ccassupira comu rici chiarezza 😆 😆 😆 😆 😆 :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :catania: :catania:

  26. Ip Address: 2.2.227.243

    Legrottaglie per un momento si scuddau ro Signuri 😆 😆 😆 ma il brutto è che sarà squalificato insieme a Bellusci ammonito :piangere: :piangere: ma Rolin è pronto
    Ma chi squadruni c’avemu, ora voglio sentire i giornalai e compagnia bella, Lux nun ci pinsari a Champion’s addivittemuni e lanciamo i carusi ca su soddi, bravo Keko ,una partita un esordio ed un puppettu :catania: :catania: :catania: :catania:

  27. Ip Address: 79.2.101.87

    Che bella serata!
    Tanti saluti agli amici.
    Superata di slancio la prima montagna, in ogni caso (facciamo gli scongiuri) siamo già a 42 più avanti di un punto rispetto all’anno scorso alla 28^ giornata.
    Domenica “mangiamoci l’Inter.
    Dal derby o la vittoria del Milan o il pari, così c’è la possibilità di mettere la freccia di sorpasso! Che sballo :catania:

  28. Ip Address: 79.2.101.87

    Senza Legrottaglie, senza Bellusci, ma chi gioca goca non importa sanno tutti cosa fare. :sciarpa:

  29. Ip Address: 79.46.14.128

    Catania, KE-KOlpo!
    Il Catania passa a Parma, espugnando il Tardini per la prima volta nella sua storia. Lodi torna al goal, Keko segna all’esordio, è un colpo europeo. Alla prima prova il Catania non sbaglia e si proietta nuovamente in zona Europa in attesa dell’impegno di Fiorentina ed Inter. Unico neo, l’espulsione di Legrottaglie nel finale. :sciarpa: :sciarpa:

  30. Ip Address: 79.46.14.128

    PARMA – La prima prova Europa per il Catania si consuma al Tardini. La neve, copiosa nelle notti e nei giorni precedenti rischia di mettere a repentaglio lo svolgimento dell’incontro tra Parma e Catania. Grande il lavoro degli addetti emiliani che sgombrano lo stadio dal ghiaccio e fanno propendere il GOS per la conferma dell’evento.

    Nonostante ciò è il freddo a dominare e il bianco della neve fa da contorno ad una gara molto importante per entrambe le compagini. Il Parma si ritrova con una classifica meno sorridente rispetto all’inizio del 2013. La squadra di Donadoni è in leggero calo e si presenta a questo match per allontanare un periodo che l’ha costretta ad guardare il treno europeo allontanarsi pian piano. Il tecnico gialloblu conferma il suo 4-3-3 con Amauri al centro e Belfodil a sinistra, supportati in avanti dalla velocità di Biabiany. Catania sente l’entusiasmo a mille. La vittoria contro il Bologna ha definitivamente sancito la salvezza e adesso puntare all’Europa è un dovere, Come ha detto il presidente Pulvirenti in settimana, “per la città e i tifosi”. Nonostante le assenze di Almiron, Barrientos e Biagianti, Maran non rinuncia al collaudato 4-2-3-1 e conta sulla motivazione dello spagnolo Keko, all’esordio dal primo minuto in serie A, al fianco di Gomez e Castro. Davanti il solito Bergessio, dietro Legrottaglie rientra perché Alvarez non ce la fa, lasciando scalare Bellusci sulla sinistra.

    RieccoLO-DIsinistro

    Al di là di ogni pronostico qualche raggio di sole accoglie l’ingresso delle due squadre in campo. Iniziano aggressive le due formazioni e per questo il Parma prova ad affidarsi a qualche lancio dalle retrovie, sempre ben controllato dalla difesa. Ma è un Catania deciso. Lo si vede dai contrasti decisi. Al minuto 5 Castro conquista una punizione defilata sul lato destro. Alla battuta si presenta Lodi, ancora a secco nel 2013. Parte con una breve rincorsa e beffa Mirante. Il suo sinistro passa al lato della barriera e gira sul palo non coperto. Il portiere degli emiliani è colpevolmente in ritardo e non ci arriva. Al quinto il Catania è già avanti.

    Al decimo è ancora Catania. Gomez recupera palla a centrocampo, semina il panico superando due avversari e appoggiando per Castro che crossa per Bergessio: Gonzalo in piena area controlla e spara un rasoterra che si stampa sul piede di Mirante, più fortunato che bravo.

    La reazione del Parma è sterile. Si affaccia dalle parti di Andujar solo su corner. È soprattutto la paura di lasciare lo spazio in ripartenza all’Elefante che costringe l’undici di Donadoni a non rischiare troppo. Gomez e Castro sembrano in giornata di grazia e dispensano colpi di alta classe tra dribbling e corsa palla al piede. A soffrire maggiormente la pressione è forse lo spagnolo che soffre forse l’emozione dell’esordio e sbaglia qualche appoggio di troppo.

    Che Catania! Che Keko!

    Tra il ventesimo e il venticinquesimo, il Catania dimostra il pieno controllo della gara:staziona in mezzo al campo e giostra la palla da grande squadra. Gomez, Castro, Lodi e Bergessio si trovano a meraviglia. Gioco a due tocchi e torello per i giocatori del Parma. Purtroppo manca l’ultimo passaggio e il bel gioco non si concretizza.

    Belfodil si fa male in uno scontro con Andujar, che lo anticipa, e intorno al 25’ deve lasciare il campo per Palladino. Il Parma dal canto suo si sveglia al 27’. Lo fa con un tiro da fuori che lambisce il palo. È Parolo a provarci dai trentacinque metri. Ma è solo un brivido. Serve raddoppiare per metter in ghiaccio la partita. E Bergessio avrebbe l’occasione per farlo: clamoroso è però l’errore dell’argentino che all’altezza del dischetto si ritrova sul destro un pallone che sarebbe da spingere facilmente in rete ma che finisce alto di qualche centimetro sulla traversa. Mirante ringrazia.

    Quanto sia messo bene in campo l’undici di Maran lo si capisce dall’innumerevole serie di passaggi sbagliati in fase di impostazione dei gialloblu.

    Con il trascorrere dei minuti anche Keko si trasforma in uomo pericoloso. E quando deve girare la fortuna, gira. E proprio lo spagnolo è l’uomo giusto nel momento giusto. Castro riceve in area, controlla, rientra sul sinistro e tira sul secondo palo. Mirante ci arriva con la punta delle dita ma non è abbastanza perché il rapace Keko raccoglie e appoggia di prima intenzione un tap in vincente. Il Catania va al riposo sopra 0-2.

    TITOLO

    Si ricomincia con il Parma un po’ piu aggressivo ed alto. Bellusci, ammonito nel primo tempo, sente dolore al polpaccio e chiede il cambio. Alvarez al 49’ gli subentra. Due minuti dopo è Amauri a creare il primo vero pericolo della seconda frazione. Su angolo di Belfodil, incorna l’oriundo mandando a lato. Il Catania sembra ancora con la testa negli spogliatoi e rischia anche qualche istante dopo su una incursione di Biabiany.

    Gli emiliani sviluppano una pressione a tutto campo per provare a rimettere in piedi la partita e la partita si incattivisce. A farne le spese è Paletta che riceve un giallo. Però alla distanza Amauri fa salire bene i suoi e la sua grinta è contagiosa: lotta su ogni pallone e guadagna punizioni e corner. Il livello di attenzione della difesa rossazzurra è fortunatamente alto e qualunque pericolo viene arginato sia centralmente che lateralmente.

    Intorno al ventesimo gli etnei provano a mettere la testa fuori. Gomez e Lodi scambiano ma le squadre sono lunghe e spesso il Catania non riesce a seguire l’uomo che riparte. Con le squadre allungate, i rossazzurri faticano a contenere Biabiany. E così al 25’ il francese è libero di andare sul fondo e mettere un rasoterra in area verso l’accorrente Amauri. Ci vuole il tempismo di Andujar per salvare. Quattro minuti dopo quasi a porta vuota il francese manda di testa sulla traversa. Poi ancora Amauri si avvita di testa ma spedisce a lato. È il momento degli emiliani che producono il loro maggior sforzo nella seconda parte della ripresa. Nel frattempo in campo vanno Ninis per Valdes e Salifu per Keko, protagonista della giornata rossazzurra.

    A dirla tutta il Parma ci prova in tutti i modi e il Catania resta rintanato nella sua metà campo. Ma se qualche volta gli etnei rischiano che il Parma accorci le distanze, il controllo del match non è mai in discussione.

    Dalla possibile gioia del terzo gol ai brividi finali. Brividi causati dall’unico errore dell’arbitro Giacomelli che non vede una chiara trattenuta di Amauri su Legrottaglie. L’attaccante del Parma si smarca fallosamente e resta libero in area, con tutto il tempo per battere a rete e trafiggere Andujar per l’1-2. Il difensore del Catania perde la testa e protesta reiteratamente. L’arbitro lo espelle.

    Sono solo piccoli brividi finali perché i rossazzurri espugnano Parma, chiudendo in dieci ma non concedendo altra chance ai gialloblu. Il Catania vince meritatamente la terza trasferta stagionale e si proietta a ridosso delle grandissime, in attesa dei loro scontri. Tre punti che pesano, su un campo mai espugnato, tre punti che confermano lo stato di forma, fisico e mentale, degli uomini di Maran. Un primo tempo da campioni, un secondo di contenimento. I punti diventano 42 e il Buon Compleanno al Presidente è servito. In alto le proboscidi, il sogno continua!

    Commenti siamo stati tenaci siamo stati grandi siamo stati elefanti :sciarpa: :sciarpa: :salve: :catania: :catania:

  31. Ip Address: 2.2.227.243

    Sanu a mangiari l’ossa co sali , la Kakketta scrive

    Il Parma regala un tempo al Catania: i siciliani ringraziano e vanno avanti 2-0. Quando gli emiliani si svegliano, ormai è troppo tardi. Amauri accorcia al 42′, Legrottaglie si fa espellere, ma negli ultimi minuti non succede più nulla. La crisi del Parma continua (seconda sconfitta casalinga dopo quella contro il Napoli, non vince dal 6 gennaio), mentre il Catania vola e sogna (ormai a pieno titolo) l’Europa: siciliani a 42 punti, uno solo dalla zona in cui ci si contende in posto in Champions League. Non male, no?

    Ma ke cazzuni regala 🙄 🙄 🙄
    Si meritanu tumpulati a tinchitè

  32. Ip Address: 80.116.248.236

    Buonasera raga’!!! 😆 😆 😆 :salve: :salve: :salve:
    Che gioia!!! Che meraviglia!!! :catania: :catania: :catania:
    Mi ricordo gli anni 60°!!! 😀 😀 😀

    Angelo,

    Che bella corsa e’ na jurnata’e’sole
    dint’o core c’è ‘na passione… ca nun more.
    STA O’ CATANIA!!!

    Forza Catania sempreeeeee!!!

  33. Ip Address: 93.46.32.111

    Come può uno scoglio arginare il mare, ? recitava Battisti. Cosi, nessuno può fermare la marcia del Catania. 42 punti, mi pari di esseri o Pronto Soccorso do Spitali Garibaddi. Saluti a tutti gli amici, i cuntenti, i felici e magari i violenti :salve: :ciao: :catania: :sciarpa:

  34. Ip Address: 88.66.31.251

    si lo ammetto io appartengo alla categoria di quelli violentemente felici e orgogliosi 😆 :ciao: a tutti i :sciarpa: del :catania:

  35. Ip Address: 88.66.31.251

    Chiarezza vorrei sapere che ne pensi di Keko
    per me una grande sorpresa
    io la farei giocare sempre sulla fascia destra

  36. Ip Address: 93.46.32.111

    A volte la Lux fa vedere le cose con maggior Chiarezza. E fu cosi che l’Angelo Joe, inviato da Giorgio da Napoli, divento il Salvatore della situazione per avere condotto nella Val del Mongibello il professore Tino a riposare dalle fatiche giornaliere, approfittando della chiusura delle scuole. Ma fu li che, al calar della sera, un Faro luminoso si accese e comparve il Presidente Pulvirenti con due palle in mano da spalmare e grattuggiare sulle bianche nevi. E l’Etna si ammantò di colori ducali. :salve: :ciao: :sciarpa: :catania:

  37. Ip Address: 93.46.32.111

    Mi chiedono: ma a casa di chi il professore è stato condotta nella Val del Mongibello? a casa di Peppe. Chiaro no?
    Ma quantu sugnu lisciu. Carusi oggi tutto è concesso. :catania:

  38. Ip Address: 88.66.31.251

    cmq leggo nei vari siti delle critiche a Legrottaglie per aver dato di testa ed essersi fatto espellere
    invece io ho capito perchè il buon frate Nicola abbia avuto questa reazione così eccesiva
    secondo me a lanciato un messaggio alla squadra a non credere che la partita sia chiusa
    le partite si vincono al fischio di chiusura mica prima
    ed evidentemente Legrottaglie deve aver notato un certo rilassamento mentale nei compagni di squadra da qui la sua reazione oltre naturalmente che aveva subito un fallo che ci e costato l’accorciamento del vantaggio poi magari mi sbaglio
    ma se non avesse reagito così misà che avremmo subito il pareggio

  39. Ip Address: 79.46.14.128

    caro saretto tu si mpueta e sai mpuitari e tutti nsemi forza catania ama gridari 😆 😆 😆 :sciarpa: :sciarpa: :salve:

  40. Ip Address: 79.46.14.128

    GSP: “Tutto per essere felici. Meritavamo più del 2-0. Legrottaglie..”

    Il direttore Gasparin dopo la gara: “Avremmo meritato qualcosa in più del 2-0 alla fine primo tempo. Siamo stati bravi a saper soffrire. La reazione del Parma era prevedibile. Peccato per l’espulsione di Legrottaglie, ma c’è un fallo evidente non visto. Domenica spero che tutti i tifosi rossazzurri siano allo stadio”. :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  41. Ip Address: 79.46.14.128

    PARMA – Le parole del direttore sportivo del Catania, Sergio Gasparin, al termine della partita

    “Quello che noi avevamo detto si è concretizzato. Una volta raggiunta la salvezza abbiamo detto che avremmo fatto di tutto per arrivare più in alto possibile. Oggi conquistiamo la terza vittoria fuori casa, la prima nella storia a Parma. Dimostrazione che squadra, società, tutti hanno alzato l’asticella più in alto possibile. Stiamo dimostrando coi fatti, in maniera coerente e credibile come in altri aspetti curati in questa stagione.

    “Se ci fosse bisogno di rimarcarlo, ribadirlo, sottolinearlo, ancora una volta con giocatori importanti assenti, i sostituti hanno dimostrato che tipo di lavoro, tutti assieme, siamo riusciti a costruire in termini di gruppo, società, squadra. Nel senso più autentico e vero del termine.

    “Keko? Sorrido perché cenando insieme una sera, settimana fa, gli feci una battuta, dicendogli “non succede, ma se succede” allora appena arrivato negli spogliatoi, oggi, mi ha detto “direttore, non succede ma se succede” e ci siamo abbracciati. Dimostrazione che tutti portano un contributo importante all’interno del gruppo con atteggiamento positivo. Nomino l’unico che non ha ancora giocato? Augustyn, l’abbiamo fatto giocare con la Primavera visto che Cabalceta era al Sub 20. Ha accettato ben volentieri ed ha fatto il goal al 92° valso il pari contro la Roma. Questo è codice di comportamento e modo di essere che va a identificare il nostro modo di fare e di essere.

    “Finale in sofferenza per un fallo nettissimo non visto. Peccato l’espulsione di Nicola, mancherà contro l’Inter come Bellusci. Nel primo tempo meritavamo più del 2-0. Nella seconda parte abbiamo sofferto in trincea. La reazione dei ducali era prevedibile. E’ un vittoria importante, su di un campo difficile contro un avversario di valore, c’è tutto per essere felici.

    “Domenica è una gara che regala grandi entusiasmi. Spero che richiami tutti i tifosi rossazzurri. Incredibilmente ed entusiasticamente è uno scontro diretto.

    :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :salve:

  42. Ip Address: 93.46.32.111

    Caru angileddu, chi ci vo fari a vita e chissa, ppi na partita vinta a parma tu suggerisci :”Forza Catania a ma gridari”, allura iu tarrispunnu? je su battemu l’Inter, viremu, rimmilu tu, chia a ma fari? Fossi a ma priparari a bilici pi viaggiari pi l’Europa, o fossi a ma cuminciari a pinsari a viviri nda Coppa? fissarii su chissi, ora veni a stati je ju mi o fazzu i bagni a praja. Ciaoooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo.

  43. Ip Address: 79.46.14.128

    😆 😆 😆 😆 😆 una buona serata saretto :sciarpa: :sciarpa: 😉 :salve: :catania: :ciao:

  44. Ip Address: 2.2.227.243

    Ciao Lux
    Su Keko che posso dire, niente!! come si fa a giudicarlo dopo una partita ? e poi l’emozione dell’esordio, bravo Maran schierandolo al posto di Salifu ha mandato un segnale chiaro e netto alla squadra , voglio vincere!!!
    Riguardo Legrottaglie; anche per me ha perso la trebisonda, ma è anche vero che ha dimostrato a tutta la squadra, (a differenza dell’anno scorso,) qui nessuno si deve rilassare, e questo ci fa ben sperare per il dopo!!!

    Comunque oggi che molti salgono sul carro, una soddisfazione me la voglio prendere, chi ancora dice che il Catania è ancora il Catania dello scienziato, vedi Saretto non ho detto CRETINO 😉 😉 oggi sono beato,e Maran e dall’inizio che non lo critico , ma ho sempre detto stiamo a vedere ed oggi ho visto, ho visto 19 giocatori che lo aiutano e si dedicano anima e corpo , per il loro Mister,
    Poi non voglio parlare di Andujar e Alvarez inopitamente spediti l’anno scorso ed oggi sicurezze inoppugnabili! e che dire che Maran alla fine ha fatto quello che dico da più da un anno e anche Beppe alla fine si era convinto 4/2/3/1 e questo il vero modulo del Catania ha gli uomini per farlo specialmente fuori casa o Domenica prossima con l’Inter

    Per stasera spero solo che Cassano venga espulso o un leggero stiramento, e l’unico giocatore in Italia che da 5/6 palle gol a partita!!

  45. Ip Address: 93.46.26.42

    Ciao a tutti e buona notte. Un affettuoso pensiero per Angelo :salve: :ciao: :sciarpa: :catania:

  46. Ip Address: 87.6.67.253

    Buonasera a tutti i fratelli Rossazzurri, e che serata 😀 😀 😀
    Intanto l’Inter perde 1-0 gol del mio amico il Faraone, a Catania ci facciamo un masso cosi…… e il sorpasso ci sarà. Avemo uno squadrone di Champions non Europa league 😯 😯
    ma vi rendete conto che l’anno prossimo verrà il Barca, Real Madrid a giocare a Catania :sciarpa:
    Grazie Saretto per la poesia

  47. Ip Address: 87.6.67.253

    Saretto, il tuo post n. 36 è stato inserito sopra nella pagina dedicata alle poesie dei tifosi 😀 😀

  48. Ip Address: 2.193.23.188

    Buonasera a tutti! :salve:
    Auguri di buon compleanno al nostro presidente! :ciao:
    Essere allo stadio e vedere giocare il Catania in modo strepitoso e soprattutto cesello vincere, è motivo di gioia ed orgoglio!

    Abbiamo una gran bella squadra! :sciarpa:

    Sogni colorati di rosso e di azzurro a tutti Voi… :salve:

  49. Ip Address: 80.116.248.236

    Buonasera a tutti!!! :salve: :salve: :salve:
    Stasera per festeggiare il Nostro Catania ci siamo quasi tutti a scrivere, manca il grande Marcello, Simone dal Belgio, Salvatore dagli USA scrivera’ stanotte e scusatemi se dimentico qualcuno.
    Ancora non devo leggere i giornali on-line e vedere filmati causa la lunga occupazione del nipotino al PC. :incavolato: :incavolato: :incavolato:

    Sogni rosso e azzurro a tutti!!! :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  50. Ip Address: 85.41.235.41

    Buongiorno a tutti…..
    Riporto i post di Salvatore rimasti nella pagina precedente 😯 😯

    salvatore grasso
    24 febbraio 2013 alle 20:19
    Ip Address: 72.226.121.41

    Anche questa volta,il CATANIA ha rischiato di non vincere una partita che almeno nella prima frazione ,aveva dominato.In ogni caso,domenica prossima ci sara’ al MASSIMINO uno scontro al vertice,a prescindere da quello che potra’ succedere tra poco a Milano.Tengo personalmente a sottolineare il ritorno alla segnatura di Lodi[lo avevo pronosticato anche se avevo detto su rigore ma va bene lo stesso…….Ho visto anche l’incontro della Sampdoria e ho notato che nonostante l’infortunio a Icardi, Maxi Lopez e’ rimasto in panchina.A questo punto,,mi auguro che sia vero l’obbligo del diritto di riscatto di Maxi ,da parte della Sampdoria perche’ altrimenti il CATANIA fatichera’ a trovare un acquirente per il giocatore stesso.Sempre FORZA CATANIA……
    salvatore grasso
    25 febbraio 2013 alle 03:04
    Ip Address: 72.226.121.41

    Ho visto il derby con particolare attenzione perche’ giocava l’Inter,prossimo avversario del CATANIA..Non mi voglio far prendere dall’entusiasmo ma penso che la nostra squadra puo’ veramemte aspirare alla vittoria.Nel primo tempo,infatti i neroazzurri non sono esistiti ed erano soverchiati dal Milan specie a centrocampo.Nella ripresa,poi,forse perche’ il Milan era a corto di energie,l’inter ha meritato il pari ma comunque niente di trascendentale ma solo grande impegno.Ora il CATANIA si trova a solo 2 punti dalla squadra di Stramaccioni e giochera’ in casa.Mi auguro solo che venga mandato a dirigere la partita un arbitro imparziale perche’ con le altre 2 grandi Juve e Milan non e’ stato possibile.Ancora e’ presto per parlare di formazione,e il CATANIA avra’ ,come al solito le sue defezioni,ma sappiamo tutti che i sostituti non faranno rIimpiangere titolari.Sempre FORZA CATANIA

  51. Ip Address: 79.55.152.103

    Buongiorno raga’!!! :salve: :salve: :salve:
    Ciao joe!!! :ciao: :ciao: :ciao:
    Qui Napoli e dintorni, cielo coperto e molto ma molto grigio, la temperatura e’ freddissima.

    Anche se il cielo e’ grigio io lo vedo rosso e azzurro!!! 😛 😀 😆

    Buona giornata a tutti!!! :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :catania: :catania: :catania:

  52. Ip Address: 93.46.34.71

    Buon giorno a tutti. Mi è doveroso riconoscere che Lux, nel suo post n. 38, ha perfettamente colto nel segno. Legrottaglie, a parte lo scatto d’ira, che è comprensibile da parte di chi sa di essere nel giusto, ma che è deprecabile ai fini del regolamento, ha dato un chiaro segnale all’arbitro di fermarsi li con le concessioni facili. Dopo la sua espulsione, conoscendo la correttezza del giocatore, la giacchetta nera, non si poteva più permettere altre fantasticherie, che avrebbero potuto contribuire a determinare un risultato diverso 😉

  53. Ip Address: 2.2.227.243

    Buongiorno a tutti pari

    Ciao Salvatore
    Riguardo Maxi Lopez credo che le cose stiano cosi!!

    Sampdoria
    Il 10 luglio 2012 viene ufficializzato il suo passaggio alla Sampdoria,[41] con la formula del prestito oneroso (2,5 milioni di euro)[42] con diritto di riscatto[43] fissato a 6 milioni di euro.[42] Il calciatore sceglie di indossare la maglia numero 10.[44]

    Ora se la Samp non lo riscatta tornerebbe a Catania, ed io ne sarei contento, a Catania il vento è cambiato ‘ vedi spogliatoio)e un Maxi Lopez versione Simeone per noi vuol dire un attaccante che ieri a Parma faceva minimo 2 gol, hai hai Bergessio ma come si fa a sbagliare gol fatti!!

  54. Ip Address: 79.2.101.87

    Un caro saluto a tutti gli amici tifosi.
    Dal gruppetto delle migliori si è staccato definitivamente il Parma, risucchiato nel gruppone della mediocrità.
    Se stasera l’Udinese non batte il Napoli anche l’Udinese, almeno per il momento, sarà fatta fuori.
    Mi dispiace per Guidolin che ha dichiarato di rodersi il fegato vedendo il Catania in classifica sopra l’Udinese, mi sa che finirà in qualche clinica.
    A dodici giornate dalla fine sono rimaste soltanto le prime 8 squadre a giocarsi, o se volete con Juventus e Napoli in Champions altre 6 per 4 posti e fra queste c’è il Catania. :catania:

  55. Ip Address: 79.2.101.87

    Ennesimo colpo di scena di Zampa di legno: cacciato Malesani ritorna Gasperini, in pratica è stato cacciato fra Sannino, Gasperini e Malesani, l’allenatore meno colpevole della situazione del Palermo ed è stato ripreso il più colpevole.
    Giusto così, guisto che a portare la squadra in serie B sia l’allenatore più responsabile.
    Eppure…basterebbero due vittorie consecutive a Torino contro il Torino e in casa contro il Siena per poter sperare ancora nella salvezza, mirando ad Atalanta e Chievo che appaiono in difficoltà.
    Ma il Palermo ha vinto solo 3 gare in 26 come farà ad ottenere 2 vittorie su 2 ?
    Peccato con il Palermo in serie B il prossimo anno ci mancheranno i 3 punti nello scontro al Massimino.

  56. Ip Address: 79.55.152.103

    Salve raga’!!!
    Ahi ahi ahi Zampadilegno, che combini al Palermo!!!

    Bravo Legrottaglie anche se aveva ragione.

    Nicola Legrottaglie: “Gesto sbagliato a prescindere dal fallo subito, chiedo scusa a tutti”

    L’errore è sempre in agguato, anche nei momenti in cui viaggi sulle ali dell’entusiasmo dettato da una prestazione individuale e collettiva praticamente perfetta: Nicola Legrottaglie è uomo e calciatore di prima grandezza, il suo senso di responsabilità nei confronti dei compagni, del club e di chi segue il calcio in generale lo porta oggi a non nascondersi dietro la vittoria, analizzando nuovamente l’espulsione rimediata ieri. Il nostro numero 6 torna sull’episodio e si conferma professionista in grado di dare un esempio di onestà e correttezza, ammettendo l’errore: “Ho sbagliato e chiedo scusa a tutti. Al direttore di gara ed ai suoi collaboratori, per l’insistenza delle proteste: nascevano dalla profonda convinzione di avere subito una scorrettezza (le riprese avvalorano questa ricostruzione, ndr) ma questa non è una valida giustificazione; alla squadra, al mister, a tutto il gruppo di lavoro ed alla società, per avere rimesso in discussione una vittoria ampiamente meritata, lasciando il Catania in inferiorità numerica; al pubblico, infine, perché sono altri i messaggi che cerco di diffondere, in particolare sul piano del rispetto, delle regole e delle persone, della sportività e della compostezza”.

  57. Ip Address: 93.46.20.10

    Siamo perfettamente convinti della “signorilità” di Nicola Legrottaglie. :salve:

  58. Ip Address: 72.226.121.41

    Commentando i risultati di questa giornata e in attesa dei posticipi di stasera,si deve rilevare la vittoria della Roma che e’ rimasta a solo die punti dal nostro grande CATANIA..Come anche lo stesso allenatore ha ammesso,la Roma e’ stata fortunata perche’ la partita e’ stata assai equilibrata.Peccato,un pari ci sarebbe andato come il cacio sui maccheroni…..Stasera mi auguro che sia pari tra Bologna e Fiorentina,anche se cosi’,i viola temporaneamente ci scavalcheranno in classifica . Per Le Grottaglie che credo abbia esagerato ,,prevedo una squalifica al minimo di due giornate e non mi meraviglerei di 3 turni.Certo una brutta tegola e meno male che abbiamo lo stesso vinto.Sempre FORZA CATANIA……..

  59. Ip Address: 2.2.227.243

    L’avevo detto subito che Legrottaglie per un attimo ” si scuddau ro Signuri” ma contro l’inter sono sicuro che Maran giocherà con sorprese in difesa!!

  60. Ip Address: 79.46.14.128

    BUONA SERA FRATELLI DAL CUORE :catania: Fastidiosissssimi
    La squadra di Maran si conferma a ridosso della zona europea. Tanti spunti interessanti emergono dalla terza vittoria esterna degli etnei, sul Parma. Dalla solidità difensiva allo strabiliante impatto di Castro nel campionato italiano. E’ la formula giusta per continuare a far bene ed infastidire sempre di più le “nobili”.
    :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :salve:

  61. Ip Address: 79.46.14.128

    inShare
    digg
    Premettiamo con obiettività che il Parma, soprattutto nel primo tempo, è stato davvero poca cosa, mancava l’uomo più in forma del momento cioè Sansone, e Donadoni si è intestardito col 4-3-3 chiedendo ad una punta centrale (Belfodil) di fare l’esterno. Probabilmente anche il miglior Parma oggi avrebbe sofferto più del dovuto contro questo Catania, la cui partenza sprint ha sorpreso tanto Mirante, sul primo palo, che per il resto dei 45′ tutti compagni in maglia gialloblu, incapaci di imbastire un’azione degna di non meritar fischi all’intervallo e l’abbandono della tribuna del presidente Ghirardi.

    L’approccio alla partita dei ragazzi di Maran è risultato decisivo per le sorti dell’incontro; la cattiveria e la voglia di vincere si sono viste sin dai primissimi minuti. Il raddoppio di Keko è arrivato solo alla fine del primo tempo, ma poteva arrivare ben prima. Se solo Bergessio fosse stato più preciso sotto porta.. E’ questa la mentalità e lo spirito con cui il Catania, senza nulla da perdere, deve affrontare queste ultime partite sperando di raggiungere l’obiettivo Europa. Ottima è stata anche la gestione del risultato nella ripresa con una difesa che si mantiene reparto difficilmente perforabile ed Andujar decisivo pur toccando pochi palloni.

    A mio avviso, merita un plauso particolare il “Pata” Castro, autore di una prestazione davvero positiva. L’argentino aveva il compito di bloccare sul nascere le azioni parmensi andando a pressare il cileno Valdes, regista e metronomo dei gialloblu, ed ha svolto alla perfezione il ruolo che Maran gli aveva affibbiato ad inizio gara visto che Valdes è stato il peggiore in campo, sostituito e fischiato dai propri tifosi.Tanta corsa e spirito di sacrificio che comunque non ne hanno limitato la lucidità in fase offensiva, al punto che l’azione del raddoppio di Keko è nata da una sua iniziativa (sempre su Valdes) e sono da ricordare anche altri spunti degni di nota nel primo tempo. Nella ripresa, così come i compagni, è rimasto molto basso ed ha provato a portare su l’azione nelle poche ripartenze occorse. Sicuramente il modulo 4-2-3-1 sta giovando alle ottime prestazioni di questo ragazzo che dovrà davvero dire grazie a Maran che lo sta lanciando alla ribalta nella sua prima stagione italiana, facendo addirittura meglio di suoi predecessori illustri nel primo anno rossazzurro.

    Le note dolenti fortunatamente sono state poche e non hanno inciso in modo significativo sul risultato finale conseguito, ma l’ingenuità di Nicola Legrottaglie poteva davvero costare caro al Catania nel finale di partita. Dopo una prestazione assai positiva, il buon Nicola ha esagerato nelle seppur giuste proteste verso l’arbitro Giacomelli in occasione del gol di Amauri. La spinta dell’italo-brasiliano è parsa netta, anche senza bisogno di moviola e replay, però la reazione così veemente e rabbiosa di Nicola ha rischiato di compromettere il finale di partita lasciando i compagni in dieci uomini nel concitato finale di gara. La spinta del Parma non è stata tale da creare pericoli negli ultimissimi minuti, ma si poteva evitare sicuramente qualche patema in meno, tenendo anche conto che Nicola salterà, così come Bellusci, l’importantissima sfida di domenica prossima contro l’Inter. L’uruguaiano Rolin, dopo Juventus, Milan, Lazio e Napoli, è pronto a giocare la quinta partita stagionale da titolare contro la quinta squadra più forte d’Italia, niente male per un esordiente nel campionato italiano e chiamato in causa solo quando conta.

    Piccola nota di demerito anche per Gonzalo Bergessio, che ha fallito un paio di occasioni da rete sin troppo facili per un giocatore del suo calibro e che potevano chiudere anzitempo la pratica, peccato ma nulla da togliere al suo impegno profuso nel duello d’altri tempi con l’altro argentino Paletta.

    Ormai è alla ribalta di tutti i quotidiani nazionali, mister Maran non ne sta sbagliando più una, azzeccando tutte le mosse con una percentuale di errore ormai prossima allo zero. Scherzi e battute a parte, anche oggi il tecnico rossazzurro ha dovuto fare di necessità virtù sia in difesa (Alvarez non al top) sia in mezzo al campo (Almiron e Barrientos infortunati), e l’unica scelta vera e propria dell’undici titolare, ovvero il ballottaggio tra Keko e Ricchiuti, l’ha azzeccata. La meteora spagnola, da un anno e mezzo a Catania, e mai schierato sin qui in campionato, ha iniziato un po’ in sordina, ma sul finire del primo tempo è riuscito con un paio di discese a mettere in difficoltà il dirimpettaio Mesbah ed è anche riuscito a siglare il gol vittoria. Corsa, vivacità ed intraprendenza fanno di lui una valida alternativa da qui sino a fine campionato e chissà se l’anno prossimo la società deciderà di puntare in maniera più decisa su di lui.

    Gli occhi di tutti i tifosi del Catania brillano alla vista della classifica, indipendentemente da ciò che faranno Inter, Milan, Lazio, Napoli e Fiorentina che completeranno il turno di campionato nelle prossime ore. 42 punti significa aver già superato i punti ottenuti nelle prime due stagioni di serie A e mancano ancora ben 12 partite al termine del torneo. Il mini campionato dei rossazzurri formato da tredici giornate e che ha come obiettivo il raggiungimento di un posto in Europa è iniziato nel migliore dei modi in attesa di sapere cosa faranno le “dirette concorrenti” sicuramente più blasonate, probabilmente sempre più “infastidite” dalla presenza dei rossazzurri. Bisogna continuare così, giocando con questa serenità e sana incoscienza che ti permette di affrontare gli avversari senza patemi, ma con la consapevolezza di poter entrare nella storia di questa società.

    Commenti TUTTO IL RESTO E NOIA 😆 😆 :sciarpa: :sciarpa: :catania: :catania: :salve:

  62. Ip Address: 79.46.14.128

    GIACOMELLI NON CONVINCE (Parma Sera)

    “Nella ripresa la direzione di gara del sig. Giacomelli ha lasciato parecchi dubbi. In area di rigore del Catania si lotta, sia con le buone che con le cattive. Legrottaglie affronta in maniera non del tutto chiara Biabiany, che al limite dell’area frana giù. Per l’arbitro è tutto regolare. Da questo momento in poi, la partita gli sfugge un po’ di mano, con il fischietto triestino che lascia passare alcuni interventi decisi in ogni zona del campo. Rosi sul proseguio dell’azione incriminata entra da dietro, in maniera scomposta su Bergessio, l’arbitro fischia il fallo, ma ammonisce Paletta per proteste. Lo stesso esterno crociato è protagonista più volte di diverse entrate molto dure, che però non vengono sanzionate con i giusti cartellini. Momento di caos anche sull’azione del gol emiliano. Amauri si libera in maniera irregolare della marcatura di Legrottaglie. Il difensore rossazzurro finisce giù in maniera plateale, mentre Amauri mette alle spalle di Andujar la palla dell’1-2. Veementi le proteste del difensore etneo, che va corpo a corpo col direttore di gara, che prima lo ammonisce e poi gli mostra il cartellino rosso. Reazione davvero inaccettabile da parte del calciatore etneo, giusta la decisione di mandarlo negli spogliatoi, ma da rivedere l’azione da gol.

    MOVIOLA (Goal.com)

    “Nel primo tempo viene segnalato (erroneamente) fuorigioco a Bergessio, che poi di testa colpisce il palo. Nella ripresa Legrottaglie commette un netto fallo su Biabiany al limite dell’area di rigore (quasi sulla linea), ma l’arbitro lascia correre. Appare infine netta la spinta con cui Amauri si libera di Legrottaglie in occasione del goal. Il difensore etneo non ci sta, e viene espulso per eccessive proteste.

    Amauri, gol irregolare (La Gazzetta dello Sport)

    “Poca personalità mostrata dall’arbitro e anche un paio di errori pesanti. Non c’è fuorigioco sul 2-0 di Keko. Nella ripresa il Parma chiede un rigore per l’entrata di Legrottaglie su Biabiany: c’è il fallo non fischiato, ma avviene appena fuori area. Nel finale è da annullare il gol di Amauri che si libera di Legrottaglie tirandolo per una mano. Questo non giustifica la reazione del difensore che si scaglia contro l’arbitro strattonandolo per un braccio (come aveva fatto Amauri con lui…): Giacomelli mostra incredibilmente solo il giallo che si tramuta in rosso dopo nuove lamentale. Brutta entrata a gambe unite di Rosi su Bergessio: manca l’ammonizione.

    :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  63. Ip Address: 79.46.14.128

    Maran, il Catania non ha la pancia piena (La Gazzetta del Sud)

    “‘Anche a salvezza raggiunta stiamo continuando a lottare’

    “”Mi fa piacere che si sia sbagliato chi pensava ad un Catania a pancia piena. E’ vero, si poteva temere un rilassamento dopo la conquista della salvezza. Invece i ragazzi stanno continuando a lottare. Noi vogliamo continuare a fare bene”. Sorride Rolando Maran, tecnico del Catania, dopo la convincente vittoria (1-2) in casa del Parma. Unica nota negativa l’espulsione di Legrottaglie. ”Rivedendo le immagini ho capito perche’ Nicola era cosi’ arrabbiato: c’era una chiara trattenuta su di lui”.

    Castro: «Il Catania ci sta mettendo tutto se stesso» (Tuttosport)

    “Il centrocampista argentino incita i suoi compagni a non mollare: « Anche se è molto difficile arrivare in Europa League ma siamo tranquilli, noi stiamo lavorando al massimo»

    “Castro è intervenuto a fine partita dopo la vittoria contro il Parma. E’ uno dei beniamini del Catania, uno delle chiavi di volta del meccanismo incredibilmente perfetto della formazione di Maran. Descrivere Castro come un uomo contento è poco: «E’ stata una v ittoria sofferta però abbiamo fatto un grande lavoro e abbiamo portato a casa tre punti. Con grande corsa e forza andiamo avanti perché è importante per noi. Adesso c’è l’Inter ma in casa siamo forti, e puntiamo a vincere. Difficile arrivare in Europa League ma siamo tranquilli».

    Catania, Maran ci crede: “Orgogliosi di giocarcela sino alla fine” (Repubblica)

    “Il tecnico degli etnei dispensa applausi per il successo a Parma, bel regalo di compleanno al presidente Pulvirenti: “Abbiamo sfoggiato la giusta mentalità, fornendo una gran prestazione. Ora consapevoli di poterci divertire con coraggio e sacrificio”. Castro: “Europa League dura ma ci siamo”

    “Grandi abbracci al triplice fischio, per salutare l’ennesima impresa del Catania rivelazione. Il colpo esterno al ‘Tardini’ è un graditissimo regalo per i 52 anni del presidente Pulvirenti e lancia davvero gli etnei come guastafeste delle grandi nell’inseguimento all’Europa. MARAN: “GRANDE PRESTAZIONE SU CAMPO DIFFICILE” – “Provo una grande soddisfazione. Era un campo difficile. Abbiamo fatto una grande prestazione per una grande impresa – sottolinea il tecnico Rolando Maran nel dopo partita -. Siamo scesi in campo con il piglio giusto e la giusta mentalità, quella di andare su un campo difficile per giocarsela e portare a casa il massimo. Nel secondo tempo ci aspettavamo la reazione del Parma, avevamo speso tanto nel primo e gli avversari hanno premuto. Abbiamo sofferto un po’ anche se abbiamo avuto le occasioni per chiuderla, ma nell’economia di questa gara direi che abbiamo meritato”.

    Maran: “E’ stata una vittoria meritata” (La Gazzetta dello Sport)

    Ennesima vittoria del Catania di Maran, autentica rivelazione di questo campionato. Ora i siciliani, dopo aver sbancato Parma, sognano davvero l’Europa: “C’è soddisfazione – ha dichiarato Maran – in un campo difficile ci voleva una grande impresa. Abbiamo avuto il piglio giusto, mostrato coraggio e la giusta mentalità. È stata una vittoria meritata. Rimanere in inferiorità numerica (espulsione di Legrottaglie per proteste dopo il gol di Amauri, ndr), dopo aver appena preso la rete, poteva dare la spinta giusta al Parma ma siamo stati bravi a restare stretti e a concedere poco”. Anche Castro, eletto migliore in campo, è soddisfatto anche se… “Abbiamo fatto un grandissimo lavoro e portato a casa i tre punti. Un risultato ottenuto con grande corsa e grande forza. Una partita difficile ma in casa siamo forti. È difficile arrivare in Europa League ma noi stiamo andando bene”

    Maran: «Ora sono curioso di vivere la prossima gara» (Tuttosport)

    “L’allenatore del Catania, con compostezza ma assoluta felicità, commenta il nuovo risultato pieno conquistato stavolta sul campo del Parma: «In un campo difficile serviva una grande prestazione, abbiamo dimostrato di avere mentalità e abbiamo portato a casa il massimo. Ci aspettavamo la reazione del Parma, abbiamo sofferto un po anche se abbiamo avuto più di un’occasione per chiudere la partita»

    Sorride Rolando Maran. Anche se davanti le telecamere parla della prestazione del suo Catania, vittorioso contro il Parma nello stadio Tardini per 2-1, senza far trasparire troppo la sua gioia. Il Catania è salito in classifica a 42 punti, sempre più vicino all’Europa League: «In un campo difficile serviva una grande prestazione, abbiamo dimostrato di avere mentalità e abbiamo portato a casa il massimo – commenta Maran – Ci aspettavamo la reazione del Parma, abbiamo sofferto un po anche se abbiamo avuto più di un’occasione per chiudere la partita e abbiamo vinto una gara meritatamente. Siamo rimasti bravi a rimanere corti. Stiamo provando a raggiungere qualcosa di incredibile».

    Maran sogna con un Catania in formato europeo: “Ci toglieremo altre soddisfazioni. Lodi è da nazionale” (Goal.com)

    “L’allenatore etneo è raggiante dopo il 2-1 di Parma: “Era un campo difficile, ma siamo entrati col piglio giusto. Merito anche di Andujar, autore di una stagione in crescendo”.

    Il Catania, ormai, non può più nascondersi: il colpo di Parma ha lanciato gli etnei nell’Olimpo delle squadre che lottano per un posto in Europa. Un’intera città sogna ad occhi aperti, e sogna pure l’allenatore Rolando Maran, meno abbottonato del solito dopo l’impresa del Tardini. “Abbiamo vinto su un campo difficile, entrando col piglio giusto per portare a casa il massimo – esordisce l’ex tecnico del Varese a ‘Sky’ – Nella prima parte abbiamo speso tanto, pagando nella ripresa. Potevamo chiudere la partita, poi loro hanno accorciato le distanze e lì ho temuto un po’. Ma siamo stati bravi a tenere”.

    Che Lodi per l’Europa (La Gazzetta dello Sport)

    “Fa volare Catania E Maran lo esalta «Da Nazionale»

    “Il play «Abbiamo dimostrato di poter ambire al 6˚ posto. Adesso diamo l’attacco all’Inter»

    “Rolando Maran ringrazia Francesco Lodi per la sua prestazione perfetta. «È da nazionale » si lascia scappare il tecnico. Lui, preferisce parlare di calcio giocato. Della vittoria a Parma e di un’Europa che non sembra un miraggio. E di cui è lecito parlare. Ma andiamo con ordine, iniziando dal colpo a Parma. «Abbiamo sofferto un po’ nel finale ma abbiamo dimostrato che questa squadra può ambire a traguardi importanti. Noi giochiamo sempre allo stesso modo, in casa e fuori». Lodi sottolinea l’importanza dell’impresa: «Era un bivio per noi perché sapevamo che facendo risultato qui la classifica sarebbe diventata ancora più bella. Con tutte le partite che ci sono ancora da giocare, stare a 2 punti dal terzo posto è una cosa che tutta la città di Catania non avrebbe mai immaginato».

    :catania: :catania: :catania: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :salve: :salve:

  64. Ip Address: 79.46.14.128

    IL PRESIDENTE A FATTO 51 ANNI NON 52 COME DICE L’ARTICOLO

  65. Ip Address: 85.41.235.41

    Buonasera a tutti…
    Finalmente Habemus Canem 😀 😀

    Il Giudice Unico del Players’ Status Committee, lo statunitense Chuck Blazer, ha autorizzato in data venerdì 22 febbraio il tesseramento d’autorità di Edgar Çani per il Calcio Catania, a seguito dell’istanza congiunta del nostro club e del calciatore riferita alla controversia legale volta ad ottenere lo svincolo dal Polonia Varsavia: la cruciale decisione giunge nel rispetto dei tempi previsti ed il Calcio Catania non sarà così tenuto a riconoscere alcun indennizzo alla società polacca. Sulla scorta di tale provvedimento, la F.I.G.C. ratificherà nei prossimi giorni la validità delle procedure di tesseramento e Çani sarà a tutti gli effetti a disposizione di mister Maran.

  66. Ip Address: 85.41.235.41

    Angelo, ma dove c’è scritto 52 anni 😀 😀 😀
    “cinquantunesimo compleanno del Presidente Antonino Pulvirenti”
    FORZACATANIA :sciarpa:

  67. Ip Address: 79.46.14.128

    CIAO JOE LEGGI BENE IL MIO POST NUMERO 63 DOVE DICE CATANIA MARAN CI CREDE ORGOGLIOSI DI GIOCARCELA FINO ALLA FINE .REPUBLICA

  68. Ip Address: 79.46.14.128

    MI E SALTATA UNA B REPUBBLICA 😳 😳 :incavolato: :incavolato: :sciarpa: :sciarpa: :salve: :salve:

  69. Ip Address: 79.2.101.87

    Una buona serata a tutti gli amici tifosi.
    Dove abito io sta piovendo da cani.
    Nicola Legrottaglie ha tutta la mia stima incondizionata, come uomo e come calciatore, ha sbagliato è vero, ma certo che un arbitro come Giacomelli (quest’anno il peggiore in assoluto) non si capisce come sia arrivato in serie A.

  70. Ip Address: 72.226.121.41

    E’ incredibile ma il miglior giocatore del CATANIA deve essere considerato fino a questo momento Castro.E’ arrivato quasi in punta di piedi e oltre a trovare spazio in squadra,si e’ dimostrato un giocatore assolutamente determinante anche per la sua duttilita’;La sua capacita’ di adattamento e’ diventata ormai proverbiale e sia che giochi dal primo minuto,sia che entri in azione nella ripresa,,si dimostra sempre pronto alla chiamata.E’ certamente l’uitima scommessa vinta dal CATANIA..Tornando a Maxi Lopez,credo che il suo tempo a Catania sia finito e che sara’; difficile piazzarlo altrove se la Samp non lo riscattera’.Sempre FORZA CATANIA

  71. Ip Address: 79.55.152.103

    Buonasera raga’!!! :salve: :salve: :salve:
    Ciao Salvatore, joe, Angelo, Chiarezza, Saretto e Prof.!!! :ciao: :ciao: :ciao:
    Sono passato un attimo per augurarvi una buonanotte rosso e azzurra a tutti!!! :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  72. Ip Address: 95.238.103.39

    fa cciamo un bel regalo al ns presidente.Domenica catania-inter messaggio al tifoso che va allo stadio,non venire a mani vuote ma porta con te sciarpa e bandiera.che il massiminio sia tutto rossoazzuro.forza catania……………………..

Spiacenti, i commenti sono chiusi.

su
giu