CATANIA LAZIO 1-0 LE PAGELLE

 Scritto da il 18 marzo 2012 alle 21:10
Mar 182012
 

Il Catania a caccia di selvaggina fresca, con un sol colpo, abbatte un’aquila azzurra e porta altri tre punti a casa, supera l’Inter in classifica (i rossazzurri sono in vantaggio negli scontri diretti) e si piazza a ridosso dell’altra capitolina romana. Gli uomini di Montella, tengono testa a una Lazio terza in graduatoria e giocano la partita da “veterani consumati”, proprio uno dei veterani in forza al Catania, sigla il gol partita, Nicola Legrottaglie, oltre a sfornare, le ormai solite gare da “incorniciare”. Tutta la squadra ha risposto bene al richiamo del proprio tecnico, massima attenzione, cercare d’imporre il proprio gioco e così è stato, tranne qualche insufficienza, per il resto, tutti da elogiare.

CARRIZO: 6,5 – Gran parata sul finire della prima frazione di gioco su Dias, ma l’arbitro, aveva fermato il tutto per fuori gioco. Nella ripresa su Hernanes, riesce a ripetersi. Una mezza incertezza su un cross nella ripresa esce in mezzo a un guazzabuglio di giocatori ma non prende il pallone. Se voleva dimostrare ai suoi ex compagni qualcosa, ci è riuscito benissimo.

BELLUSCI: 6,5 – Nel primo tempo, Cndreva lo mette più volte in difficoltà, soprattutto nella velocità. Nella ripresa, fa meglio e diventa un baluardo assieme ai suoi compagni di reparto.

LEGROTTAGLIE: 7,5 – Gran gol (quarto in questa stagione), che regala i tre punti al Catania. Dalle prestazioni che continua a offrire, sembra che stia vivendo una seconda giovinezza. Assieme a Spolli, neutralizzano Klose, una sola palla pericolosa a disposizione dell’attaccante azzurro, ma sempre lui, s’immola ribattendo all’ultimo istante.

SPOLLI: 7 – Insuperabile, attualmente, assieme a Tiago Silva, è uno dei migliori centrali di difesa del nostro campionato. Riesce a tamponare tutte le falle che si aprono in difesa, fa salire il reparto difensivo con intelligenza tattica e a Klose, regala una delle peggiori domeniche. Un suo intervento nel finale di gara, porta Klose a sbagliare un’ottima occasione, mettendo il sigillo sul risultato.

MARCHESE: 6,5 – Il ragazzo di Delia, ormai non fa più notizia, corre tanto sulla corsia di sinistra, solo due volte Mauri riesce a impensierirlo seriamente, ma prese le misure, se la cava alla grande.

IZCO: 5,5 – Oggi non è stata una delle sue migliori partite, anzi, quasi non pervenuto fino all’80”, quando nel finale Montella ha schierato il centrocampo a quattro, da lì, si è visto il suo carattere di sacrificio e volontà. Diciamo che oggi, il capitano, si è preso un “giorno di riposo”, ci può stare, visto che il buon Mariano, è uno dei pochi, che garantisce pieni polmoni in tutte le gare fino al triplice fischio.

LODI: 7 – Nei primi 15” del primo tempo, non sempre riusciva a trovare i tempi e gli spazi giusti, anche perché, la cattiva vena di Izco e le non perfette condizioni fisiche di Almiron, hanno fatto sì, che Lodi, stesse quasi a ridosso di Hernanes e spesso, quando cercava palla o spazi, si trovava come un imbuto davanti, con Ledesma e Brocchi pronti a pressarlo. Nei minuti iniziali, riesce a mettere un pallone d’oro sulla testa di Gomez che spreca malamente. Comunque, è sempre lui a dettare i tempi della squadra, con sempre più efficacia.

ALMIRON: 5,5 – Che non era in perfette condizioni fisiche, si sapeva, però Montella l’ha voluto rischiare lo stesso. L’argentino non riesce a incidere in mezzo al campo, si mangia letteralmente un gol, su un invito di alta classe di Barrientos. Avrà modo di riscattarsi più avanti.

BARRIENTOS: 5,5 – Alterna numeri di alta classe, come il lancio per Almiron a leziosismi, che non portano nulla di concreto. Che stia soffrendo un pò di stanchezza e qualche acciacco? Montella lo sostituisce con Llama.

BERGESSIO: 6,5 – Dovessi fare un paragone, trovo un solo aggettivo, ”GLADIATORE”, lotta su ogni pallone e con tutti gli avversari che gli capitano a tiro. Si sbraccia, rincorre, fa a spallate con Diaz e biava senza mai tirarsi indietro. Sfiora di un soffio la rete colpendo la palla di testa, sfiorando di un niente l’incrocio dei pali. Riesce a fare reparto da solo e, fa salire la squadra quando serve. Encomiabile.

GOMEZ: 6 – Nell’uno contro uno, spesso fa venire i brividi alla difesa laziale, anche se non sempre riesce nell’intento. Si divora un gol quasi fatto su un’invitante lancio di Lodi. Tenta il tiro da fuori in qualche circostanza, ma la mira è imprecisa.

LLAMA: 6,5 – Entra, e mette in subbuglio la fascia sinistra. Montella gli chiede di attaccare lo spazio in mezzo al campo e portare palloni avanti, senza dimenticare la fase difensiva. Riesce a fare le due cose con impegno e caparbietà. La punizione da dove scaturisce il gol di Legrottaglie, viene da un suo inserimento nella fascia.

RICCHIUTI: 6 – Sostituisce Almiron e dà il suo contributo ai compagni con buon dinamismo.

LANZAFAME: 6 – Entra solo nei minuti di recupero e il suo impatto si rivela importante per la squadra, lotta e si procura due punizioni che fanno guadagnare del tempo prezioso.

MONTELLA: 7 – La squadra, sta sempre più rispecchiando le sue idee di intendere il calcio. I giocatori lo seguono a occhi chiusi. Colpisce il modo come riesce a dare equilibrio tattico e psicologico alla squadra, da fare invidia ai più navigati. Questa vittoria, lo mette nella condizione, almeno di provarci con i suoi ragazzi, a inseguire un sogno, quello europeo. Non sarà facile, ma tentare non nuoce.

 

  11 Commenti per “CATANIA LAZIO 1-0 LE PAGELLE”

  1. Ip Address: 82.55.67.211

    Grande Carrizo si merita un bel 7 ma anche il 6.5 va bene è una sicurezza in porta….

  2. Ip Address: 94.167.32.86

    Bravo Peppe ma, anch’io come Joe avrei dato sette a Carrizo … un abbraccio.

    Forza Catania!

  3. Ip Address: 79.13.8.208

    buongiorno a tutti fratelli della costa rossazzurra archiviata la situazione salvezza il catania ci a regalato lennesima vittoria battendo di misura una lazio confusa in campo adesso si puo toglire qualche altro sassolino dalla scarpa e possiamo sognare di andare sempre piu in alto ciao peppe58 sono in sintonia con te riguardo le paggelle meno che una ti ricordo che lodi per poco non faceva autogol quindi un punticino in meno ci starebbe per il resto tutto va bene un saluto rossazzurro a giorgio catanista joe chiarezza prof mongibello marcello e tutti quelli che vengono dopo forza magico catania facci sognare 😉 😉 😉

  4. Ip Address: 79.3.61.114

    Buongiorno raga’!!!
    Stamattina le scuole sono chiuse per la festa del papa’!!!

    Qui Napoli e dintorni, cielo sereno e temperatura mite.

    Auguri a peppe58 e a tutti i papa’!!!

    Copia e incolla dal Corriere della Sera
    Articolo ridotto.

    18/03/2012

    Montella, la rivelazione
    Scritto da: Massimo De Luca alle 23:06 del 18/03/2012

    Tags: Branca, Catania, Inter, Montella, Moratti, Napoli, Oriali, Pozzo, Udinese

    C’è il campionato di Milan e Juventus e il campionato delle altre , sempre più lontane.

    E qui, fra le “altre”, il Catania si è già virtualmente garantito il titolo di squadra dell’anno. E naturalmente Montella, che ne è il regista, viaggia verso il titolo, platonico ma non troppo, di allenatore dell’anno. Battendo nettamente una Lazio impantanatasi da due giornate, dopo l’esplosione di gioia del derby vinto, il Catania ha affiancato l’Inter, da cui lo separa un oceano di budget. In attesa del posticipo Roma-Genoa, Montella si toglie anche lo sfizio di agganciare la sua ex squadra che non gli ha dato fiducia, preferendo le incognite del progetto di Luis Enrique. In molti, a Roma, cominciano a chiedersi se sia stata la scelta giusta. Di certo il Catania esibisce una manovra di qualità ed efficacia altissime: è stato assemblato bene, è allenato benissimo, ha resuscitato un rottamato di lusso come Almiron, che nessuno voleva più. Segna quasi quanto subisce (36 a 35 , un dato zemaniano) ma dà spettacolo, sempre: e anche questo rimanda alla filosofia del vecchio Zdenek che, col Pescara, sta incantando la serie B. L’Europa, adesso, è un obiettivo possibile. Un risultato straordinario.
    [Esplora il significato del termine: 18/03/2012 Montella, la rivelazione Scritto da: Massimo De Luca alle 23:06 del 18/03/2012 Tags: Branca, Catania, Inter, Montella, Moratti, Napoli, Oriali, Pozzo, Udinese C’è il campionato di Milan e Juventus e il campionato delle altre , sempre più lontane. E qui, fra le ]

  5. Ip Address: 79.13.8.208

    auguroni peppe58 ate e tutti i papa 😉 😉

  6. Ip Address: 2.2.19.39

    Buongiorno a tutti pari,

    Ciao Beppe finalmente ti posso criticare, come sempre severo :mrgreen: :mrgreen: per me 1 punto in più a tutti quanti meno Legrottaglie , Spolli e Bellusci a loro 2 punti in più , hai voglia che dicono Klose e Mauri fuori forma, ANNIENTATI dai ns. in più Legrottaglie fà pure il gol, 1 in meno a Montella (Scherzo?) quando capirà che tra Lodi ed Almiron solo uno puo’ essere al top, quando giocano in quel modo? tutti osannano Lodi player basso, io no ❗ ❗ ❗ per me dove lui rende di più è tra le linee, i suoi passaggi possono mettere in difficoltà qualsiesi squadra!!

    Poi per chi diceva che la Lazio ha Klose è l’Udinese Di Natale ed io affermavo che il Cartania senza esperimenti era al loro livello, dalla conversione fissa al 4-3-3

    Catania, continua la favola, secondo nel girone di ritorno
    19.03.2012 08.20 di Simone Bernabei articolo letto 583 volte
    Fonte: Corriere dello Sport
    © foto di Giuseppe Celeste/Image Sport

    Il Catania di Vincenzo Montella si trova a 41 punti, con la salvezza in tasca ben prima della fine del campionato. Contro la Lazio, si legge sul Corriere dello Sport, è arrivato al sesto risultato utile consecutivo, e la cosa sorprendente è che se analizzassimo solo il girone di ritorno, gli etnei sarebbero secondi a pari punti col Napoli a solo 2 lunghezze dal Milan capolista. :mrgreen: :mrgreen:
    La mia gioia è incontenibile!!

  7. Ip Address: 2.2.19.39

    Tutto ed il contrario di tutto PULVIRENTI BUTTALO FUORI MA DA SUBITO!!!!!

    CATANIA, Lo Monaco: “Catania andrà avanti anche senza di me. Montella è bravo, ma se vuole andare, non lo bloccheremo”
    19.03.2012 10:47 di Andrea Carlino
    © foto di Federico De Luca

    L’amministratore delegato del Catania, Pietro Lo Monaco è stato ospite della trasmissione di Radio 1, “Radio anch’io Sport”. Ecco le sue dichiarazioni sul suo futuro a Catania: “Nella vita tutto ha un inizio e tutto ha una fine. Dopo tanti anni ci può stare che le strade si dividano. Il Catania è una struttura solida che andrà avanti, a prescindere da chi la guiderà. Io alla Fiorentina? Al momento non ho né la voglia né la testa per fare questo tipo di discorsi. Voglio chiudere bene le cose a Catania, poi vedremo. Montella? Ha il dna dell’allenatore importante. Lui ha un altro anno di contratto, ma a me piace ripetere che il vento non si può trattenere: quando uno mostra chiari segnali di andare via, è libero di fare la propria strada”.

  8. Ip Address: 79.46.98.65

    Buongiorno a tutti,ciao Angelo,GRAZIE 😆 😉
    Buon onomastico a tutti i Giuseppe e auguri a tutti i papà 😆 😀 🙂 😛 😉

    Ciao Vittorio,ci sta che si possano criticare i voti delle pagelle :mrgreen:
    forse hai ragione quando dici che nei voti sono un pò tirato,ma cerco di analizzare con un pò di distacco dall’essere tifoso,però,non è detto che ci riesca,anzi,forse a Montella,ho dato mezzo voto in più(avrei tolto Izco nel primo tempo).

    Su Lodi,lo preferisco nella posizione attuale,magari come dici tu,più avanti potrebbe essere più efficace nell’ultimo passaggio,però,la squadra potrebbe risentirne negli equilbri della gestione della palla,non vedo nessun altro che,sappia dettare i tempi come lui e pensare,e ancora,è in fase di crescita in questo nuovo ruolo che Montella gli ha ritagliato quest’anno.

    Sulla questione “telenovela”,adesso,devono fare in modo di non stufare la gente con dichiarazioni che come dici tu,parlano di tutto e il contrario di tutto.Se la collaborazione Catania-Lo Monaco,è finita,amen,d’altronte,le dichiarazioni di Pulvirenti ieri sera e Lo Monaco stamattina,mi sembra che siano espliciti,perciò,ognuno faccia il proprio lavoro con professionalità fino alla fine,senza giochetti o ripicche da bambini e poi,ognuno per la propria squadra con i dovuti ringraziamenti.

    Sono d’accordo su quello che dici degli attacanti laziali,chi dice che Klose,Hernanes e Mauri non sono in forma,è perchè si vuole sminuire il lavoro,ottimo,fatto dai nostri difensori.Il voto di Spolli,sarebbe alla pari di Legrottaglie,ma il gol,ha fatto la differenza. :mrgreen:

    Il voto di Carrizzo,6,5,penso che non possa andare oltre,ha fatto due parate di ottima fattura,per il resto,normale amministrazione e il “mezzo errore” nell’uscita a vuoto,è da considerare.La parata su Diaz,l’arbitro ha fischiato un fuori gioco,però,ha dimostrato di essere attento e pronto.Sta iniziando a dare sicurezza al reparto e lui stesso sta acquistando fiducia partita dopo partita.

  9. Ip Address: 79.46.98.65

    Errata corrige: “Per la propria strada e non squadra”. 😳

  10. Ip Address: 79.46.98.65

    Va bene va,stamattina devo andare dietro la lavagna con il cappello da asino. 😳

    Acquisendo e non acquistando.

  11. Ip Address: 88.49.102.71

    Buongiorno a tutti! Belli e brutti!!
    Bentornato alle pagelle di Peppe e già che ci siamo:
    AUGURI A TUTTI I PEPPONI ED AI BABBI COME ME!!
    Solo su Izco mi trovi in disaccordo; credo che proprio la cattiva vena di Almiron e la gabbia creata attorno a Lodi da Reja abbiano costretto il nostro Marianito ad un lavoro talmente oscuro da non vedersi.
    Per me almeno la sufficienza la merita.
    Ho visto un Lanzafame con una verve rinnovata, se continua con questo piglio potrebbe davvero tornare utilissimo nelle prossime importanti gare.
    Bergessio ormai è il mio beniamino.
    FORZA CATANIA SEMPRE! SQUADRA E CITTA’!!

Spiacenti, i commenti sono chiusi.

su
giu