CATANIA-LAZIO, LE PAGELLE

 Scritto da il 19 aprile 2011 alle 07:57
Apr 192011
 

PATATRAC ROSSAZZURRO!!!

Un Catania al quanto imbarazzante serve su un piatto d’argento la vittoria alla Lazio. Gli uomini di Simeone non riescono a sfoderare una prestazione degna delle precedenti quattro vittorie di fila al Massimino, gli etnei, forse abbagliati dal punticino conquistato la settimana precedente a Bari, nei giorni successivi che hanno preceduto l’incontro con i laziali, si sono rilassati più del dovuto, forse pensando che il più era già stato fatto. Al 93” di domenica scorsa, gli etnei si sono risvegliati da un incubo che probabilmente li accompagnerà per tutta la settimana precedente l’incontro all’olimpico di Torino contro la Juventus. Simeone dovrà lavorare intensamente in questi giorni per fare ritrovare il giusto entusiasmo e la giusta concentrazione, se non si vuole compromettere più del dovuto la situazione attuale nelle restanti cinque partite, gli etnei devono rialzare la guardia e fissare nuovamente l’obiettivo salvezza.

ANDUJAR: 5 – Continua lo show delle incertezze del portiere argentino, le defiance che spiccano più di tutte sono la totale assenza nelle uscite in presa alta. Quasi mai blocca la palla in prima battuta, le sue tentate uscite sono sempre insicure e sul cross che porta Hernanes a sbloccare il risultato con un tap in da trenta centimetri, resta inchiodato sulla linea di porta. Nel finale rimane come paralizzato sulla punizione di Zarate che è la fotocopia dei due gol su calcio piazzato già subite da Giovinco. Due soli sono gli interventi che richiamano parzialmente quale sia il lavoro del portiere, uno nel primo tempo, uscendo tra i piedi di Floccari e una su Lichtsteiner con la collaborazione di Terlizzi.

ALVAREZ: 6 – La sua è una partita fisica, riesce in qualche modo a contrastare prima Sculli e poi Zarate, Reja capisce l’antifona, è spedisce sul lato opposto, cioè quello più debole, l’attaccante Laziale. Nel primo tempo non trova la giusta sintonia con Schelotto per potersi spingere in sovrapposizione e nemmeno nella ripresa quando il risultato lo richiederebbe. In fase difensiva mette in atto alcuni buoni interventi rendendo difficile la vita a chi si presentava dalle sue parti. Nella ripresa, sbaglia malamente a rinviare un pallone sulla pressione di Zarate in area di rigore, nel complesso è sempre il più battagliero e l’ultimo ad arrendersi, almeno per questo merita la sufficienza.

SILVESTRE: 5 – Il suo rientro dopo la squalifica non è dei migliori, anzi, da capitano dovrebbe strigliare i compagni, invece affonda pure lui nella mediocrità della prestazione rossazzurra. Il capitano etneo ha sofferto più del dovuto la velocità e imprevedibilità dell’attacco biancoceleste. A parziale discapito, il mancato filtro dalla linea mediana del Catania, però troppo spesso si è trovato in affanno, anche sulle palle alte e negli anticipi su Floccari. Hernanes in più di un’occasione lo infila come il coltello nel burro, che le voci di mercato hanno distratto la sua concentrazione?

TERLIZZI: 4,5 – Si potrebbe fare lo stesso discorso fatto per Silvestre, ma lui ha più responsabilità nelle reti subite dal Catania, concede troppi spazi per i facili tap in di Mauri e Floccari. Inizialmente si divide Sculli con Alvarez quando il laziale sosta dalle sue parti e non trova grosse difficoltà, poi con l’ingresso di Zarate e il girovagare di Hernanes sulla trequarti campo, lo fanno andare nel “pallone”. Un paio di volte si salva con l’esperienza contro giocatori notevolmente più veloce di lui come Zarate. Salva un gol fatto sulla linea nella ripresa, poi dopo1-2 di Mauri, molla come tutti i suoi compagni, ma da uno come lui ci si aspetta che dia la carica ai alla squadra, invece di spegnersi alle prime difficoltà..

CAPUANO: 4,5 – Parte con il giusto approccio alla gara, propone qualche sgroppata e qualche buona chiusura in fase difensiva. Dal momento in cui Sculli lascia il posto a Zarate, diventa una pecorella impaurita. L’argentino lo fa letteralmente impazzire, ci si mette anche Liechtsteiner con le sue sovrapposizioni da cui arriva il cross del primo gol ed è asfaltato dalle progressioni degli avversari. Qualcuno aveva sussurato prima della gara se avesse potuto far rimpiangere Marchese, ai posteri l’ardua sentenza.

CARBONI: 5 – Nei primi dieci minuti corre come un forsennato ma senza costrutto, si perde sempre il suo diretto avversario Hernanes e sulla pressione di Bresciano s’inizia a intravedere che il vichingo è in difficoltà. Soffre maledettamente il passo dell’uruguagio trequartista laziale e nella foga di limitarlo, spesso lascia sguarnita la mediana per le incursioni di Ledesma e Mauri. Alla fine si appiattisce e non riesce ad arginare la manovra avversaria. Disarmante il suo totale crollo nella ripresa.

LODI: 4,5 – La fotocopia della gara di Bari, non ne azzecca una. Messo vicino a Carboni a protezione della difesa, fuori dalla sua posizione ideale, è impossibilitato a dettare i tempi di gioco, ci mette anche molto del suo, non è mai deciso anche nei passaggi più semplici, forse la sua peggior prestazione in maglia rossazzurra. Non riesce mai nell’intento di illuminare il gioco del Catania, assieme a Carboni dovrebbe fare la fase difensiva del centrocampo e nel frattempo con Ricchiuti quella d’attacco. Non gli riesce a fare né la prima, né la seconda. Forse sarebbe il caso che gli fosse affidato un ruolo diverso, forse quello suo naturale?

RICCHIUTI: 6 – Splendida la verticalizzazione a beneficio di Bergessio in occasione del gol realizzato da Schelotto subito dopo l’inizio del secondo tempo. La sua prestazione non sarà la migliore di quelle sin qui disputate, però sicuramente, è la migliore nei confronti dei suoi compagni. Come il solito cerca di fare partire dai suoi piedi i suggerimenti migliori, ma non trova la giusta collaborazione, né dal reparto di centrocampo, né da quello d’attacco. A metà ripresa, provato dalla stanchezza e di dover fare reparto da solo, è sostituito da Gomez.

SCHELOTTO: 5,5 – Nel primo tempo si cerca di mettere in moto la sua velocità per cercare di fare partire le iniziative del Catania, ma non trova quasi mai il corridoio giusto. Gioca una gran quantità di palloni nei primi venticinque minuti di gara, ma ne spreca più della metà. Alla lunga Radu gli prende le misure e gli riesce difficile superarlo. Realizza il gol del momentaneo 1-1 a inizio ripresa ma fatica a trovare i varchi giusti per garantire quell’azione per creare la superiorità numerica a centrocampo. Forse gestisce male anche la sua autonomia fisica, finendo anche lui nella mediocrità di tutta la squadra.

BERGESSIO: 4,5 – Svolge un discreto lavoro di copertura nella stessa zona di Capuano, però sia l’uno sia l’altro si dimentica che esiste anche la fase d’attacco, soprattutto l’attaccante argentino. Lascia troppo isolato il compagno Maxi Lopez, non si capisce che tipo di prestazione avrebbe dovuto fare, per tutta la gara non è sembrato né carne né pesce. Della sua prestazione unica cosa da salvare il suo tiro respinto da Muslera, che trova Schelotto libero di depositare la palla del 1-1 in fondo alla rete.

MAXI LOPEZ: 5,5 – Solo in mezzo a tutta la difesa avversaria, cerca di battagliare con tutti, ma è sistematicamente anticipato da Dias e Biava, da solo può fare ben poco. Non è assistito dai compagni, alla lunga si sfinisce inutilmente, pagando caro l’assenza di chi avrebbe dovuto assisterlo e con la quale dialogare. Tutto ciò che riesce a fare, è un’azione solitaria, calciando un sinistro a lato su un’azione di forza in piena area. Alla fine non gli resta che alzare bandiera bianca anche a lui.

LEDESMA: 5 – entra al posto di uno spento Lodi, però il suo ingresso in campo non produce nessun beneficio alla manovra rossazzurra. Entra in un ambiente del tutto fuori fase e anche lui è coinvolto nello grigiore più totale. Era stato chiamato a registrare e rimettere in moto un reparto in mano agli avversari, ma fallisce il compito. E’ lento e svogliato nei passaggi, non azzecca i tempi nelle chiusure e spesso si pesta i piedi con Gomez. Rispetto a qualche prestazione precedente ha fatto un passo indietro.

GOMEZ: 4,5 – Simeone lo mette al posto di Ricchiuti e lo fa piazzare a sinistra, spostando Bergessio come seconda punta. Prova a infilare la retroguardia laziale con qualche accelerazione, ma ormai è rimasta una figura sbiadita del Gomez d’inizio campionato. Esegue qualche dribbling ma spesso e volentieri preferisce provare ad avventurarsi con azioni personali che non producono nulla d’interessante, s’intestardisce in azioni personali irritando qualche compagno. Nel finale, si potrebbe dire, anche lui si spegne nell’appiattimento della squadra, ma il giocatore etneo non si è mai acceso.

MORIMOTO: s.v. Entra a gara ormai compromessa, mette in rete un pallone ma gli viene fischiato il fallo di mano.

SIMEONE: 4,5 – forse nelle intenzioni c’era tutta la convinzione di avere preparato bene in settimana la partita della vita, come l’ha chiamata quella contro la Lazio, il presidente del Catania Pulvirenti, ma nella realtà si è visto tutt’altro. In certi casi i sistemi di gioco vanno a farsi benedire se non sono accompagnati dalla certezza di avere la giusta consapevolezza e convinzione di quello che richiede un impegno importante come quello di domenica scorsa. Domenica scorsa, sulla carta

La squadra schierata inizialmente da Simeone, sarebbe dovuta essere quella migliore, ma la scelta di schierare Capuano al posto di Marchese, che non aveva sfigurato nelle ultime tre partite, si rivela un fallimento. In campo si vede una squadra quasi in vacanza, forse il punto guadagnato a Bari ha fatto credere che c’era il tempo per rilassarsi, ma un allenatore queste cose durante la settimana le deve percepire. Un buon tecnico deve sempre avere il polso della situazione in mano ed è impossibile non accorgersi se durante i giorni a venire dell’incontro, nella squadra c’è un calo di tensione, o una minore attenzione all’importanza della volata finale per la salvezza. Contro la Lazio è scesa in campo una squadra scarica, un gruppo senza entusiasmo e cosa più grave, una squadra che non ci ha creduto mai, tranne nel momentaneo pareggio, per poi subito dopo tornare nell’oblio. Se vogliamo, possiamo evidenziare che il gol dell’1-2 laziale, viziato da un fuori, gioco, abbia per qualche momento scoraggiato gli undici etnei, evidenziamolo pure ma ridurre a questo la totale disfatta del Catania sarebbe come mettersi il prosciutto negli occhi e non volere vedere la realtà. Simeone non è stato capace di dare la giusta scossa durante l’intervallo ma cosa peggiore, è stata non rendersi conto che certe scelte nei ruoli, come quello di Lodi, interditore, o proporre un Gomez per niente utile in questo momento, schierare un Capuano dopo due mesi di assenza, al posto di Marchese, o non riuscire a dare una personalità a questa squadra, che solo a sprazzi la fa intravedere. Allora qualche dubbio può sorgere sulle qualità, se non tecniche, ma di personalità di quest’allenatore.

RIZZOLI: 5,5 – Partita non difficile da amministrare, grazia Bresciano che avrebbe meritato la seconda ammonizione e conseguente espulsione, ma altrettanto fa con Silvestre, che nei minuti finali si lascia andare a qualche fallo di troppo e l’arbitro bolognese chiude entrambi gli occhi. Grossa topica del suo assistente, che non vede il fuorigioco di Mauri sul 2-1 laziale.

  37 Commenti per “CATANIA-LAZIO, LE PAGELLE”

  1. Ip Address: 88.45.219.230

    amici rossazzurri buongiorno.
    giuseppe, leggere le tue pagelle il martedì sta diventando una bella abitudine.
    d’accordo su tutto e del resto sono pochi i salvabili per questa partita. mezzo punto in più a sclerotto e bergessio lo avrei dato… ma siamo li..

    le desma è da 4 decisamente, rovina un azione da goal appena entrato e latita per il resto della partita. ci sono giocatori che in campo dovrebbero essere dei leader e lui non ci riesce proprio, lo abbiamo aspettato , incoraggiato, sostenuto, incitato ma non possiamo stare più ad aspettare.
    simeone 2 . signori è l’aspetto inquetante di questo catania. dimostra di non comprendere che aria tira durante la settimana negli spogliatoi… non legge la partita mai . schiera una formazione con uomini fuori ruolo vedi lodi bergessio e manda alla ghigliottina gente come capuano o terlizzi alle prese con uomini con passi decisamente diversi come zarate o Liechtsteiner. Pulvirenti dalle dichiarazioni di fine partita lo tira chiaramente in ballo come coresponsabile. difficilmente prevedo un futuro per lui nel catania.
    forza catania
    8) 8)
    Giampiero

  2. Ip Address: 85.41.235.41

    Buongiorno a tutti….
    Ogni volta che leggo queste “pagelle” mi viene la pelle d’oca…
    sto Catania mi fa venire il mal di testa, manco l’anno scorso l’avevo…
    speriamo bene.

  3. Ip Address: 212.195.241.127

    Ciao Joe
    Io non è che voglia difendere Simeone a tutti i costi, io non ci sto a questo gioco al massacro della squadra, l’altro giorno ho detto a fine anno tiriamo le somme, sia in questo sito che d’appertutto non si fa altro che parlare male dei calciatori, allenatore ed ora escono pure le storie su Lo Monaco e Pulvirenti, cosa vogliamo fare, piangersi addosso?..;.Capitolo Lo Monaco è da mesi che non mi convince, Mascara….Sosa….dichiarazioni d’affetto per il Napoli, da li il mio ritornello, OCCHIO PRESIDENTE, ma in questo caso sono d’accordo con lui, Pulvirenti a fatto delle esternazioni della domenica a caldo da primo tifoso del Catania!! come del resto noi!!
    Vedi Joe io non ho il prosciutto negli occhi ed è per questo che quando vedo le altre squadre dico , almeno noi abbiamo più punti di 6 squadre ed è più facile che ci salviamo, per le diagonali, l’esterno di difesa ( U tezzinu)
    Esterno d’attacco ( l’ala) ci pinsamu u prossimu annu!!! Quest’anno solo una cosa tifare è incoraggiare, Io Penso che queste continue critiche, è mi ripeto anche dopo delle importantissime vittorie, Genoa , Lecce, Palermo, facciano solo male alla squadra, e li faccia pure incazzare, dico questo non solo per questo sito ma anche di altri siti, da li l’esternazione di Lo Monaco ( NEI MURI SULU MINCHIATE) che mi trova perfettamente d’accordo con lui!! ma adesso anche i giornali nazionali stanno realizzando che il Catania in B è un affare per loro,( u CATANISI LEGGI SULU A SICILIA!!!) ed avere il brescia o la samp in A è meglioi del Catania, allora basta con la filosofia del gioco e quant’altro, che puo’ anche influenzare i tifosi allo stadio, per me fino alla fine solo FORZA CATANIA!!!

  4. Ip Address: 88.45.219.230

    cioa chiarezza concordo al 100%.
    tutti , e quando dico tutti penso anche a presidenza, dirigenza, giornalisti tifosi, dobbiamo stringerci intorno alla squadra
    ti do ragione quando dici che il catania è scomodo a tanti dimostrazione ne è il fatto che alla prima scivolata tutti a darci già per retrocessi. dico io manco i calcoli ci sappiamo fare. d’accordo che il catania visto al massimino non fa fare salti mortali ma siamo pur a 4 punti dalla meta con due incontri a venire molto abbordabili.. certo la juve in trasferta come prossima partita non ci voleva… ma non dispero.
    continuo a dire il clima da funerale non aiuta, come si dice a catania ” u trivulu mpara a chiangiri” calma e gesso e cerchiamo di recuperare il morale per queste ultime 5 gare.
    FORZA CATANIA
    8) 8)
    Giampiero

  5. Ip Address: 79.27.108.1

    Buongiorno a tutti gli amici del sito,in ordine d’entrata,ciao Giampiero,Joe,Vittorio.Chiarezza noi continuiamo a non comprenderci,perchè tu dai per scontato che la critica della partita singola,è da associare al totale fallimento della stagione,è anche vero che se la squadra,delude in due prestazioni consegutive,è da giudicare negativamente le due partite consegutive.In questa stagione,soprattutto in questo sito,si è sempre discusso con saggezza e intelligenza la stagione del Catania,per nulla fallimentare ma un pò deludente alle aspettative di tutti,dirigenza compresa.Tu continui a dire che bisogna incitare la squadra,stare vicino ai giocatori,ma cosa pensi chi stiamo facendo un pò tutti se non tifare e incoraggiare,ma hai visto domenica allo stadio,quando c’è qualche allenamento a porte aperte,i tifosi sono sempre presenti? In questo momento il tifoso del Catania è solo un pò preoccupato e penso che se nei vari siti o muri questo viene esternato non sia un “delitto”,poi gli eccessi fanno male ovunque,nel tuo post che ho appena letto,quando tu ti riferisci a Lo Monaco e dici occhio presidente,non penso che voglia denigrare quello che ha fatto,ho sta facendo il direttore ma semplicemente che non stai condividento l’attuale gestione del momento,che può essere condivisibile o meno.Quello che voglio dire è,sicuramente c’è una grande delusione per come si stà portando al termine questa stagione,poi ognuno di noi ha la libertà intellettuale di individuare di chi sono le maggiori responsabilità.In conclusione,ricollegantomi al quesito posto ieri da Mario…ognuno vede quello che vuol vedere. :mrgreen: :mrgreen:

  6. Ip Address: 79.27.108.1

    😳 Ricollegandomi…e non l’obbrobrio che ho scritto..

  7. Ip Address: 212.195.241.127

    Si hai ragione ognuno vede quello che vuol vedere!!!
    Ed io vedo solo critiche alla squadra, allenatore ma il peggio è che queste critiche ci sono anche quando si vince!!! Allora se Simeone azzecca le sostituzioni “Bravo non aveva altre scelte” traduzione anche un cretino li avrebbe fatto!!! se poi ripete le stesse sostituzioni e questi non incidono sulla partita ” Simeone ha sbagliato” traduzione un peso e due misure , vedi questo per me è criticare ad muzzum, poi aspettiamo la fine e vedremo, ora sono stanco di non farmi capire!! o meglio ……………………

  8. Ip Address: 212.195.241.127

    😳 Le faceva (sostituzioni)!! scrivo sempre di getto, ed anche se faccio molti errori non li corrego mai!! 😯 😯

  9. Ip Address: 79.10.40.37

    buonpomerigio amici rossazzurri ciao chiarezza joe lux e tutti gli altri la stagione e stata quella che e stata importante e salvarci forza catania io ci credo 😈 😈

  10. Ip Address: 85.41.235.41

    Buon pomeriggio a tutti….
    Chiarezza, noi lo sai benissimo che il Catania ce l’abbiamo nel ns. DNA CON UN AMORE IMMENSO…. noi ammiriamo, critichiamo. …. abbiamo capito cosa possiamo fare nel nostro piccolo per migliorare le cose. …

    sostegno completo per la permanenza in serie A, non m’interessa con quale squadre ci dobbiamo incontrare, il loro valore la loro classifica….
    i giocatori devono entrare in campo per vincere e chiudere questa annata deludente, in attesa di riaprire un ciclo nuovo dove possiamo soffrire di meno….
    non dovevamo lottare per la salvezza, dovevamo essere ma meta classifica come il Cagliari o il Bologna, cosa hanno più di noi ?????
    penso solo la grinta e onorare la maglia. cosa che a Catania non c’è più….
    detto dalla società questa è la squadra più forte che il Catania ha mai avuto !!!!
    io rispondo da tifoso che questa è la squadra più scarsa che noi non abbiamo mai avuto….
    non stiamo chiedendo la luna, solo 4/5 punti in 5 partite…..
    spero che si fanno presto….

    ———————————————FORZA CATANIA———————————

  11. Ip Address: 92.135.94.5

    😯 🙄 😀
    ok Joe sai che ti voglio bene!! come dici tu

  12. Ip Address: 78.13.58.90

    Buonasera a tutti.
    Commento alle pagelle:
    Basse, davvero basse ma è difficile non condividerle.
    Mezzo punto in più a Terlizzi lo avrei dato, giusto per il salvataggio che ci avrebbe tolto l’alibi della rete in fuorigioco e perchè in fondo ha giocato nè più e nè meno che come Silvestre.
    Capuano forse non era ancora al meglio e si è visto.
    Tutto il resto risponde esattamente alla mia sfera di osservazione della partita in analisi.
    Peccato, anche perchè Pulvirenti ad inizio gara sembrava ci tenesse tanto e per questo motivo credo abbia manifestato come non mai il proprio dispiacere.
    Attendiamo i prossimi giorni per sperare che la squadra faccia un buon lavoro, che nessuno faccia esternazioni poco incoraggianti e che magari da Torino si possa tornare con almeno un punto.
    FORZA CATANIA SEMPRE!!SQUADRA E CITTA’!!

  13. Ip Address: 79.27.108.1

    Rinnovo i saluti a tutti,ok Vittorio,ognuno rimane della propria opinione,l’importante ‘ca ccè a saluti….
    Oggi ho avuto un pò di tempo per fare zapping tra i vari siti sportivi,per quanto riguarda il Catania( l’unica cosa importante per cui m’interessa informarmi ), si dice in giro,che i rossazzurri hanno ancora un buon margine da potere amministrare per centrare la salvezza ma di contro, si sono un pò complicati la vita da soli e non hanno un buon calendario, questo è il pensiero che aleggia negli addetti ai lavori.Comunque spero in un moto d’orgoglio di tutta la squadra affinche si torni da Torino con un risultato positivo,sarà paradossale ma ho la senzazione che contro i bianconeri faremo risultato. Insomma và…un pò di cogli…ni li avranno sti giocatori!!!! :mrgreen: :mrgreen:

  14. Ip Address: 79.27.108.1

    Ciao Marcello,sta diventando un appuntamento,quello di scrivere in contemporanea 😆 😆 :mrgreen: :mrgreen:

  15. Ip Address: 85.41.235.41

    ricambio il voler bene 😆 😆 😆

  16. Ip Address: 85.41.235.41

    un saluto a Peppe e Marcello 😀 😀 😀

  17. Ip Address: 79.27.108.1

    TUTTOmercatoWEB: CATANIA NEWS
    Catania, segnano in tanti ma manca un bomber come Spinesi
    19.04.2011 19.05 di Redazione ITA Sport Press per itasportpress.it articolo letto 16 volte

    Il laterale del Catania, Ezequiel Schelotto, con la rete realizzata domenica scorsa alla Lazio, è il quindicesimo calciatore rossazzurro ad aver segnato almeno una volta. Un record per la serie A condiviso con il Genoa. Questo aspetto si presta a una duplice lettura, positiva e negativa: di buono c’è che il Catania ha portato in avanti tutti gli uomini sfruttando anche una manovra corale. Ma c’è il risvolto della medaglia perché nessun centravanti in organico è andato in doppia cifra. Maxi Lopez è fermo a quota 8, dietro l’ex del Gremio c’è il vuoto. A 4 reti il difensore argentino Matias Silvestre che ha sfruttato l’elevazione e le palle inattive per bucare di testa la rete avversaria. La macchina da gol del Catania durante la gestione di Giampaolo si è fermata a quota 18 su 20 partite, mentre con Simeone in panchina i rossazzurri hanno firmato 13 reti su 13 partite. La distribuzione si è equivalsa nelle due gestioni. Ma la cosa che deve far riflettere la società etnea è l’assenza di un bomber da più di 15 gol a campionato. Al Catania manca dai tempi di Spinesi che al primo anno di A collezionò ben 17 marcature.

  18. Ip Address: 79.27.108.1

    Catania, Ricchiuti: “In trasferta senza grinta. Mi interessa poco ciò che dicono Lo Monaco e Pulvirenti. Futuro? Da decidere”
    19.04.2011 16:29 di Manuela Puglisi: ITASPORTPRESS.

    Il trequartista del Catania, Adrian Ricchiuti mai come in questa occasione ha parlato ai cronisti senza peli sulla lingua in conferenza stampa. Queste le dichiarazioni dell’italo argentino raccolte da Itasportpress.it. “Con la Lazio non abbiamo fatto le cose che dovevamo fare. Abbiamo lasciato troppo campo e i laziali ne hanno approfittato punendoci. Siamo stati passivi e anche con la paura addosso. Il presidente si è lamentato? Il massimo dirigente puo’ dire ciò che vuole perché esce i soldi, ma adesso l’importante è che squadra si rimetta in palla, poi a me di quello che dice il direttore e Pulvirenti mi interessa fino a un certo punto, io penso alla squadra. Scelte tecniche sbagliate contro la Lazio? Il mister ha deciso così amen. Adesso bisogna subito archiviare la sconfitta casalinga e pensare a come fare punti a Torino contro la Juve. Dobbiamo andare al Comunale senza paura cercando anche di attaccare. Lo Monaco dice che mancano 4 punti alla salvezza? Non so come fa il direttore a fare questi calcoli, l’importante è che arriviamo presto alla salvezza. Il destino è nelle nostre mani e se facciamo le cose per bene ci salviamo senza aspettare regali dagli altri. Mi manca il gol? Certo non segno da un anno… Passo spesso la palla e sono altruista, ma non so se questo vuol dire essere fesso. Futuro? Si vedrà, deciderà la società ma prima penso alla salvezza. Perché perdiamo in trasferta? Non ci crediamo abbastanza, ci manca la cattiverie delle altre squadre tipo Chievo e Cesena che quando vanno fuori ci mettono la grinta che a noi manca. A volte si va in trasferta e partiamo sconfitti in partenza”.

  19. Ip Address: 78.13.58.90

    Eilà Joe.
    Peppe, ultimamente ci sono molte coincidenze che ci riguardano, meglio così. 😉

  20. Ip Address: 78.13.58.90

    Perchè Ricchiuti parla di futuro se ha appena rinnovato?
    Bisognerebbe dire anche: perchè i giornalai glielo chiedono….?.. 😕

  21. Ip Address: 85.41.235.41

    Ecco uno che ha tirato fuori le palle!!!!!
    bravo RICCHIUTELLO……..

  22. Ip Address: 79.27.108.1

    Ragazzi,quello che sto leggendo sul mercato del Catania,mi ha fatto accapponare la pelle,perciò non mi sforzo neanche di fare copia incolla.Ma dico io,come si fa ad apprendere tutte queste notizie dall’argentina,si,perchè giornalisticamente tutto è improntato ancora una volta sull’asse siculo argentino.Leggo di partenze e arrivi su quest’asse come se fossero noccioline,allora dico,va bene che si devono dare notizie,ma su dieci, inventarne undici è veramente troppo. Ma mi facciano il piacere!!!!! ❓ ❓ ❓

  23. Ip Address: 79.27.108.1

    Catania, Spolli: “Affrontare la Juve con mentalità vincente”
    19.04.2011 16:58 di Manuela Puglisi: ITASPORTPRESS.

    Il difensore del Catania, Nicolas Spolli è intervenuto in conferenza stampa a Torre del Grifo. Queste le dichiarazioni raccolte da Itasportpress.it. “Sto bene e mi alleno col gruppo. Se vincevamo col Bari sarebbe stato diverso anche con la Lazio, ma ormai è inutile parlare di cosa è successo in passato. Bisogna guardare avanti e dare il massimo, per raggiungere la salvezza prima possibile a cominciare da sabato con la Juve. Vogliamo fare risultato a Torino magari entrando in campo con la mentalità vincente. La squadra ha spirito combattivo e sono certo che raggiungeremo la salvezza. Paura di Matri o Toni? Sono giocatori importanti ma io sono fiducioso che faremo una bella gara”

  24. Ip Address: 79.27.108.1

    Juve, Del Piero: “Col Catania vogliamo vincere”.

    E quannu mai…’cu iè ‘ca non voli vinciri ‘co Catania? ma iù iaiu a ‘mprissioni ‘ca u signò Deppieru attrova ‘nà brutta soppresa ‘nda l’ovu ri Pasqua,e fossi ‘ca ‘cci facemu mangiari ‘dù aceddi ‘ccù l’ova….
    ahu…mi sparai a ‘chiappira….. :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

  25. Ip Address: 92.135.94.5

    Che strano Ricchiuti fine carriera è tifosi tutti a favore o quasi 🙄 🙄 🙄 parla, tutti parlano, ma una chicca del vero calcio, quello che conta che fortunatamente Lo Monaco lo attua è, quando gli altri lo pensano tu devi averlo fatto, si no!! si futtutu!!! 😀 😀 😀 😀 😀 !! u restu su Chiacchieri ie ttabbaccheri i lignu, mi rifaccio ai cosiddetti giornalai, ai cosiddetti opinionisti ai cosiddetti, chiangiulii !! Mani avanti , anzi petto avanti; FORZA CATANIA
    a proposito anzi no Buonanotte a tutti,
    Un saluto a Giorgio , Giorgio io volevo fare come te , ma non ce la faccio!!!

  26. Ip Address: 78.13.58.90

    Buonanotte Chiarezza.

  27. Ip Address: 78.13.58.90

    Saluti a tutti ragazzi, oggi frittata cipolla e patate!! 😀 😆 😛

  28. Ip Address: 79.27.108.1

    Forse adesso riesco a comprendere,visto che sono ignorante,da oggi in poi mi limiterò a dialogare solo con chi riesco a capire,mi sono stufato di ripetere sempre le stesse cose,Vittorio,sei padronissimo di non condividere e criticare quello che io posto o scrivo negli articoli,sicuramente non mi toglierà il sonno,se pensi che io faccia parte dei cosiddetti giornalai, ai cosiddetti opinionisti ai cosiddetti, chiangiulii che remano contro e mettono le mani avanti,questo è, e rimane un tuo problema.

  29. Ip Address: 79.27.108.1

    Marcello,con che cosa l’accompagni la frittata,con birra,o un bel bicchiere di vino rosso???? 😉 😉

  30. Ip Address: 78.13.58.90

    Peppe, stavo spegnendo e mi hai bloccato.
    Vino rosso, Merlot, nuovo, aperto il 10 aprile.
    Adesso vado davvero.
    A prestissimo!!

  31. Ip Address: 95.251.24.40

    Buonasera raga’!!! :wink 😉 😉
    Finalmente ho il mio PC!!! 😀 😀 😀
    Domenica come avevo scritto mi sono messo con la testa nell’acqua della vasca con una cannuccia in bocca per respirare dalle 15 alle 16:55. Sono uscito e come un fulmine ho messo subito la pagina dello sport su televideo e……sono rimasto di sasso….. non potevo immaginare una sconfitta cosi umiliante.
    Vero che la Lazio e’ una bella squadra ma perdere in questo modo per me e’ un campanello d’allarme per le prossime partite. Penso senza essere smentito che ci servono almeno 4 punti se non di piu’.
    Abbiamo un calendario tremendo, tre partite fuori Torino Brescia ( ci vorranno fare la festa) e Inter, in casa Cagliari e Roma.
    Mamma mia!!! Raga’ mi vengono i giramenti di testa e il perche’ di questa mio abbassamento di pressione me lo da la Nostra squadra che ancora non ho capito di che pasta sia fatta.

    Non ho comprato ne giornali e ne visti filmanti e adesso leggo i vostri commenti .
    Vorrei essere positivo come voi della Nostra squadra ma io invece rimango non pessimista ma nervoso e turbolente fino alla fine di questo “disgraziato” campionato.

    Se non alziamo la testa saranno “gazzi amari”!!!

    Una buonanotte a tutti.

    Comunque e ovunque forza Catania!!! 🙁 🙁 🙁

  32. Ip Address: 82.145.210.155

    Buon giorno a tutti fratelli. La colpa dell’andamento scarso della quadra e di “tutti” i giocatori che vanno in campo senza Anima! Perché dico questo? Io sono rimasto sbalordito dai signori giocatori di una società(bologna) che non pagava stipendi da mesi e con dignità ,coglioni e amore per questo sport hanno conquistato una salvezza ampiamente meritata ,pur avendo punti di penalizzazione! e sicuramente l’allenatore che hanno è rimasto incredulo dell’amore che hanno quei ragazzi per il Calcio! Questo esempio deve essere valido per tutti i calciatori che purtroppo come tutti sappiamo li comanda il dio denaro ………….. Vi ricordo il mio pensiero , tutti a zappari a terra i mannassi!

  33. Ip Address: 79.26.190.30

    Buongiorno a tutti gli amici del sito.

    Toto panchina: anche il Corsport conferma Itasportpress su Ballardini al Catania
    20.04.2011 11:34 di Redazione ITA Sport Press

    Il Catania la prossima stagione avrà un nuovo tecnico. La società e in particolare l’ad Pietro Lo Monaco, anche se pubblicamente non lo ammetteranno mai fino al termine del campionato o a salvezza raggiunta matematicamente, stanno già pensando a sostituire Diego Simenone che non ha convinto a pieno. Itasportpress ha anticipato molto tempo fa che sulla panchina del Catania, stagione 2011/12, siederà Davide Ballardini al 99%. C’è stima tra l’ex rosanero e Lo Monaco fortificatasi nell’ultimo giorno di calciomercato invernale a Milano quando parlarono per almeno 2 ore nella sede ufficiale delle trattative. La notizia di Itasportpress, oggi viene confermata anche dal quotidino sportivo Corriere dello Sport che in un analisi delle 20 panchine di A, accosta Ballardini al Catania. In alternativa Conte del Siena.

  34. Ip Address: 79.26.190.30

    ESCLUSIVA ITASPORTPRESS- Ag. Fifa Quadri conferma Itasportpress: “Il Catania su Menseguez ma consiglio Torres. Questi alcuni talenti per l’Italia”
    20.04.2011 09:25

    Il calciomercato accende i motori in vista della riapertura ufficiale della campagna trasferimenti calciatori prevista per giugno. Molti dirigenti e operatori di mercato stanno puntando i fari sul calcio sudamericano, fucina di talenti da acquistare a prezzi calmierati. L’agente Fifa, Stefano Quadri, che con il suo socio Alessio Pelosi rappresenta l’agenzia Bola Management, fa il punto in chiave mercato su alcuni calciatori sudamericani di cui ne cura gli interessi che potrebbero arrivare in Italia nei prossimi mesi. “Juan Carlos Menseguez del San Lorenzo –spiega l’agente in esclusiva ai microfoni di Itasportpress- è il nostro giocatore di spicco. Ha passaporto italiano ed è stato proposto alla Lazio e al Palermo. A gennaio era difficile portarlo in Italia ma adesso è pronto per la serie A. Il Catania? Siamo in contatto da qualche settimana con la dirigenza etnea interessata a questo giocatore. Un primo colloquio c’è già stato ma per vie indirette. Sarebbe una buona piazza per Menseguez Catania visto che in quella squadra giocano molti giocatori del San Lorenzo e tantissimi argentini. Ai dirigenti rossazzurri proporremo anche Aureliano Torres (29), terzino sinistro del Paraguay che gioca sempre nel San Lorenzo. Di questo elemento ne parleremo anche con altre società come Lazio e l’Udinese. Potrebbe esserci anche il ritorno in serie A, dopo l’esperienza alla Sampdoria, di Jonathan Pablo Bottinelli leader del San Lorenzo. Un giovane che potrebbe arrivare in Italia è il capitano dell’Ecuador, Dennys Quiñonez diverse presenze nell’ Under 20. E’ soprannominato il “nuovo Cambiasso” dopo quello che ha fatto vedere durante il sub 20 in Perù. Adesso si aggregherà alla nazionale maggiore per la Coppa America. Altro elemento interessante è il centravanti Sebastian Andres Balsas Bruno (24), detto “El torero” del Racing Montevideo. Contiamo di portarlo in Europa ma ha proposte dall’Inghilterra e dalla Scozia. Ha passaporto comunitario. Infine c’è un laterale che potrebbe arrivare in Italia: si tratta del giovane esterno difensivo dell’FC Zlin, Lukas Kutra (20). Sa spingere bene sulla fascia ed stato identificato come il nuovo Daniel Alves. Piaceva al Foggia ma potrebbe trasferirsi in un club di serie B”.

  35. Ip Address: 79.26.190.30

    Juve, Chiellini e De Ceglie pronti per il Catania
    19.04.2011 23:52 di Redazione ITA Sport Press articolo letto 72 volte

    Il tecnico della Juve, Gigi Delneri ritroverà Giorgio Chiellini per la sfida di sabato sera contro il Catania. Il giocatore infatti è rientrato in gruppo ed ha svolto lo stesso lavoro dei suoi compagni. Verso il recupero anche Paolo De Ceglie. Per quanto riguarda l’assetto tattico anti-Catania, Delneri sembra orienato ad un ritorno all’antico con il 4-4-2. Gli interpreti in attacco dovrebbero essere Del Piero e Matri.

  36. Ip Address: 92.135.94.5

    Si me nonna aveva i roti era na motocicletta, gli amici degli amici, parrunu su Itasport solo per destabilizzare……i tifosi e squadra, un disegno perverso, noi non siamo la Sampdoria, ma il Catania, cosa succede se il Catania perde a Torino? anche se le altre perdono !!! U finimunnu_, non per niente continuo a dire Forza Catania a dispetto di tutti!! Beppe 58 ora non ti sentire attaccato, anche se certi articoli, io non li riporterei, a che pro per dire che la pensano come te!!! converrai che è un articolo destabilizzante , non certamente per Simeone che ha un contratto che scade giugno 2012………..ma per i giocatori!!!

  37. Ip Address: 79.26.190.30

    Ciao Vittorio, nel tuo ultimo non c’è niente per cui mi potrei sentire attaccato,quello che ho postato oggi, è 1% di quello che ho letto ieri. In alcuni siti ho letto tante di quelle cose che non valeva nemmeno la pena di riportarle,però le notizie vere o false che siano,ci sono e non penso che qualche notizia di mercato destabilizzi più di tanto i giocatori,sono professionisti e ormai sono abituati a questo genere di cose,i loro agenti li informano giornalmente di tutti i movimenti,cosa vuoi che gli ne freghi di qualche notizia giornalistica,che al 80% non è vera. A proposito,ieri l’altro mi facevi notare come Cinesinho(bellisimo il minuto di silenzio nelsuo ricordo,anche se la sconfitta ha prevalso nei miei pensieri) sia stato una persona molto importante per te,io ero piccolo e l’ho ricordo a malapena come giocatore,ma anch’io ho avuto un ex giocatore del Catania,che per 40 giorni durante il corso di allenatore è stato per me un mentore,non ha avuto la stessa valenza di Cinesinho,ma la sua modesta carriera nei professionisti l’ha fatta,è Renzo Uzzecchini,ex giocatore della Sampdoria,Catania,Mantova Parma,ecc…ecc…..sai cosa mi ripeteva sempre?

    “Ricordati,che un buon allenatore deve avere oltre alla sapienza tecnica e tattica,deve avere, carattere e personalità ( anche nella vita penso che si debbano avere queste “qualità”), un buon allenatore deve saper leggere la psiche del giocatore e agire di conseguenza. Solo la tecnica nel calcio non basta”.

    Queste sono un sunto di alcuni consigli, che per me si sono rivelati importanti e che mi ripeteva spesso,posso dirti che sono stati degli ottimi consigli e a tal punto mi sono fatto un’opinione di Simeone,non l’ho ritengo in grado di essere all’altezza di una squadra e una piazza come Catania,magari mi sbaglierò ma la penso così.

Spiacenti, i commenti sono chiusi.

su
giu