feb 022014
 

gol-almiron

Ore 9,00 mi sono appena alzato.  Il caffé è già pronto, leggo il quotidiano comprato prima da mio figlio.

Guardo i convocati e la probabile formazione. Considero che la squadra non sia poi  così scadente come potrebbe far pensare la classifica, anzi, credo proprio che sia una buona formazione. Poi, il pensiero va al nostro presidente e di rimando ai tifosi. Così mi fermo per un attimo a pensare.

Penso a tutte le critiche, a tutti i rimbrotti, a tutti i malumori di questi ultimi tempi. Non vedo positività, ma solo sentenze.

Sento chiacchiere da bar senza nessun compromesso.

Considero che ancora il campionato è lungo e ci sono i presupposti per dare una decisa sterzata alle negatività degli ultimi mesi.

Penso che noi Catanesi dovremmo essere più grati, più riconoscenti a lui,( al Presidente), per averci (fino ad oggi), fatto vivere questa bellissima avventura.

Penso agli insulti dell’ultima partita giocata al Massimino verso la sua persona e mi rammarico di come la gente faccia presto a dimenticare, a non aver riconoscenza, a mettere in discussione tutto quello che è stato fatto.

Dimenticando che tutto quello che abbiamo vissuto è stato solo grazie a lui.

Malgrado mi sforzi di capire, non riesco a trovare nessuna giustificazione plausibile a tanta meschinità.

… Ma chi ce lo doveva dire che un giorno avremmo visto un Catania così bello ? un Catania che ci avrebbe fatto sognare ad occhi aperti ? Abbiamo cancellato dalla memoria gli anni bui forse perchè tanta acqua e’ passata sotto i ponti?

O forse chi contesta non era nemmeno nato?

O era solo in fasce?

Un embrione di tifoso, o un figlio della serie A?

Per questo faccio una considerazione e mi preme dirla a tutti, a chi non lo sapesse o a chi lo avesse dimenticato : “prima di lui, prima di Nino Pulvirenti c’era il niente“.

Si viveva di piccole gioie, di vittorie relative. Di sali e scende da una categoria ad un’altra, (e qui non parliamo certo di quella in cui adesso ci pregiamo di appartenere).

Si viveva di alti e bassi e di tante delusioni.

Una su tutte, la più grande di tutte,  ”la radiazione!”

Poi, dopo tanto lottare ci fu il ripescaggio, a seguire i campi di periferia. Infine, la morte di chi ci aveva messo il cuore e la salute e pur con tutti i suoi limiti aveva portato avanti la bandiera del tifoso: “Angelo Massimino!” Era con lui che si chiudeva un’era fatta di improvvisazioni e colpi di teatro. Un’era di personaggi irripetibili figli del loro tempo.

Dopo Massimino ci furono i Gaucci, quelli che ci prendevano in giro promettendo mari e monti e che avevano in mente solo le sorti del Perugia.

Infine, il nostro attuale Presidente, che insieme a Pietro Lo monaco è stato capace di creare un impero dal nulla, con il Centro sportivo di proprietà, con le vittorie contro le grandi, con un ottavo posto che mai nessuno, (nemmeno il più incallito tra i tifosi), avrebbe potuto immaginare fosse possibile raggiungere per una realtà come la nostra.

Per questo oggi, nell‘attuale situazione che vive il Catania, pur non sapendo come andrà a finire quest’annata così disgraziata io dico : Grazie NINO perché io non dimentico!

ORE 13,30

mi avvio velocemente a piedi verso lo stadio: abito molto vicino. La giornata e grigia e c’è un vento fastidioso. Il sole, fa capolino affacciandosi timidamente fra le nuvole e il mio cuore si rinfranca. La novità di oggi e’ che dopo tanto tempo vado con i miei due figli allo stadio e sono felice.

Mi avvicino allo stadio e vedo in lontananza una sagoma a me cara, quella di mio fratello. Ci salutiamo, ci abbracciamo, e andiamo a prendere il caffé nel solito bar.

Usciamo dal bar. Cammino e penso, penso e m’avvicino. Commentiamo lungo la strada:

- che pensi, cosa ti aspetti oggi, fratello.

- mi aspetto di vedere una formazione battagliera. Mi aspetto di vedere “il Catania”, il vero Catania. quello che fino all’anno scorso ci faceva divertire ed entusiasmare,quello che se la giocava con tutti: voglio proprio vedere, sono curioso di vedere!

Passiamo i vari controlli e siamo dentro. L’aria e’ frizzantina ma si sta abbastanza bene.

Mi siedo e ascolto.

Ascolto i commenti, le varie “elucubrazioni mentali” di chi mi siede accanto, sulla destra, a sinistra, sopra e sotto di me, insomma di tutti quelli a me vicino. I commenti in tribuna sono variegati e non proprio simpatici: lo stadio si sa, e’ l’incontro di varie anime, di tipi strani, di persone “convinte” (in tutti i sensi) e allora forse, e meglio sedersi ed aspettare.

Aspettare gli eventi. Sedersi, non parlare, ed ascoltare.

Ascoltare e farsi due risate. Farsi due risate quando un tipo qualunque con molta tranquillità, afferma che per lui  il Catania è una squadra scarsa. Che manca un attaccante , che il mercato è stato deludente e via con queste menate … Io da parte mia non sorrido a questa affermazione mi limito solamente all’indifferenza perché, tanto si sa : lo stadio e l’incontro di varie anime … da lontano odo i botti della festa, lungo le strade di Catania se ne sente l’odore, si vive l’atmosfera di una festa unica in tutto il mondo e tra sacro e profano unisco con la mente l’amore per la maglia e quello per S.Agata.

Questa gara così importante arriva proprio alla vigilia della sua festa.

Della nostra festa. Della festa per antonomasia, quella che unisce tutti i Catanesi in un unico e grande abbraccio verso la loro santa. Così in cor mio prima della partita, rivolgo un pensiero a lei e chiedo l’aiuto della nostra Santuzza …

14,50

Il cielo comincia a borbottare e il sole è scomparso, alla lettura delle formazioni sento che Maran conferma il 3-5-2 con l’esclusione dalla formazione iniziale di Izco a favore del Pitu Barrientos, siamo tutti in fibrillazione e dalla curva Nord esce fuori uno striscione polemico contro il Presidente …

Vi racconto adesso di una partita incredibile, della sagra degli errori e di come un personaggio che dovrebbe essere al di sopra delle parti, in maniera quasi scientifica riesca a fare in modo che il Catania sia costretto ad inseguire per tutto il secondo tempo il Livorno. Non sono stupito da questo atteggiamento perché non è infatti la prima volta che il Catania deve fare i conti con Bergonzi che non smentendosi mai quando si tratta del Catania, fischia sempre e comunque a favore della squadra avversaria.

Si parte

Il Catania mi da subito l’impressione di non essere una squadra tranquilla però gioca in maniera aggressiva. Il Livorno dal canto suo gioca la partita senza patemi d’animo o particolari difficoltà. Faccio notare a mio fratello la posizione in campo del Pitu , dove si vede chiaramente che fatica molto, secondo me dovrebbe giocare più sul centro destra. Ed è proprio sul Pitu che si concentrano le maggiori attenzioni dei centrocampisti avversari.  Fanno un gran pressing a centrocampo e non consentono al Catania una manovra offensiva fluida, non lasciano alla squadra spazi utili, giocando tutto sulle ripartenze, con un Emeghara che nell‘arco di tutta la partita si dimostrerà la carta vincente di Di carlo e del Livorno.  Il primo tempo si chiude sullo 0-0.

Nessuno, visto l’andamento della prima frazione di gioco avrebbe potuto pensare ad un secondo tempo inadatto ai deboli  di cuore dove ho visto un Catania mettere il cuore oltre l’ostacolo, reagire con forza e coraggio ai misfatti del sig. Bergonzi, alle papere del proprio portiere, alle lamentele del pubblico subito pronto a cambiare opinione al primo pareggio di Bergessio. Ho visto una squadra mai doma, un Presidente tifoso espulso dal pessimo arbitro di oggi e un Catania pieno di difetti ma pronto a lottare fino alla fine.

Di questa gara mi rimane tanta amarezza per il risultato finale, ma anche tanta fiducia vista l’orgogliosa reazione a tutte le avversità.

Insomma il bicchiere per me è mezzo pieno perché se è vero che questa doveva essere la partita della svolta per il campionato del Catania.

Se è chiaro che doveva essere una vittoria ma non lo è stata.

E’ anche vero che il pareggio di oggi ci consente di dimezzare ugualmente il distacco dalla zona salvezza, perché il Bologna il Chievo e il Sassuolo hanno perso le rispettive gare e la differenza da loro adesso e di tre soli punti.

Guardiamo avanti con ottimismo, pensiamo positivo.

A PARMA PER VINCERE: IO CI CREDO!

A SOSTEGNO DI UNA FEDE: “FORZA CATANIA!”

  55 Commenti per “CATANIA-LIVORNO, VISTA DA UN TIFOSO”

  1. Ip Address: 79.43.108.167

    Come ho vissuto la partita del catania contro il livorno di oggi…..ho vissuto la partita intera al cardiopalma…..avevo il cuore che viaggiava a mille,e alla fine della partita,e dico sul serio,non ho pensato alla brutta situazione del Catania,alla classifica che ci condanna,al gioco non espresso…ma ho avuto una gioia immensa,indescrivibile,piangevo,piangevo dalla gioia…..credo che neanche se fossimo arrivati dove c’è l’europa league avrei avuto una simile reazione……è stato bellissimo…oggi abbiamo visto il cuore profondo del CATANIA…

  2. Ip Address: 82.48.152.30

    Mario, mi fai vivere intense emozioni.

    Cataniaxsempre d’accordo sulla formazione che hai calato…..al 100%.

  3. Ip Address: 79.56.39.30

    buongiorno a tutti fratelli dal cuore rossazzurro se vinciamo ci esaltiamo se paregiamo critichiamo se perdiamo semu da b il catanese non e mai contento in un momento come questo dovremmo stringerci attorno alla squadra e al presidente i fischi non servono a niente forza catania sempre ciao mario ancora non avevo letto quello che ai scritto complimenti

  4. Ip Address: 82.145.208.24

    Buon giorno a tutti pari!!!!
    Mario come al solito mi hai fatto sentire a casa mia!!!! Complimenti, ho immaginato tutto quello che descrivi nei minimi dettagli e sembrava realtà, Grazie…….

  5. Ip Address: 37.100.4.52

    il timore di vincere le partite ci frena ai visto che lottando con la forza de cuore si e pareggiato al partita dovrebbe essere cosi sempre. Il portiere deve fare mea culpa e un intero campionato che sti portieri ci fanno perdere un sacco di partite,,,quando ripiango Pretovic..

  6. Ip Address: 92.139.241.111

    Grande Mario, Sono d’accordo al 100% ,

    Ho letto con piacere uno dei pochi articoli, scritti da un vero tifoso, e non da un giornalaio qualsiesi, poi la tua descrizione del tifoso catanese? L’hai fotografata perfettamente, se hai letto quello che ho scritto a caldo alla fine della partita, dicevo la stessa cosa,.a dopo………….

  7. Ip Address: 79.56.39.30

    “Ci sono un paio di buchi nella direzione di Bergonzi: quello più grave è il rigore concesso al Livorno con la collaborazione negativa dell’addizionale Tommasi (reduce da un penalty molto generoso dato al Genoa nel turno precedente). L’episodio: Frison in uscita su Emeghara forse tocca anche il pallone, ma di sicuro non interviene sulla gamba dell’avversario che finisce a terra troppo facilmente. L’altro sbaglio è più giustificabile: il definitivo 3-3 è viziato dal fuorigioco (pochi centimetri) di Almiron sul cross di Izco, ma non era facile vederlo per l’assistente Preti. In precedenza erano stati ben giudicati il primo e il terzo gol del Livorno e quello di Bergessio (niente fuorigioco). Dopo il 3-3 espulso Pulvirenti per esultanza eccessiva. Era stato allontanato anche il tecnico Maran per proteste dopo il rigore dato al Livorno.

  8. Ip Address: 79.56.39.30

    Twitter: @ItaSportPress

    Il pareggio contro il Livorno lascia l’amaro in bocca al Catania che ha gettato al vento un’altra occasione per lasciare l’ultimo posto in classifica e soprattutto di avvicinare le avversarie per la salvezza. Non è stata complessivamente una buona prova della difesa etnea e anche del portiere Alberto Frison che in due circostanze poteva essere più reattivo. Una prestazione che costerà cara al portiere ex Vicenza visto che a Parma tornerà a difendere la porta rossazzurra l’argentino Mariano Andujar.

  9. Ip Address: 95.239.107.74

    Buongiorno raga’!!!
    Ciao a tutti.

    Notte travagliata per me tifoso rosso e azzurro.
    Non possiamo giocare con i nervi scoperti perche’ ad ogni partita ci buttano fuori anche il magazziniere.

    Buona giornata a tutti!!! :neutral:

  10. Ip Address: 82.48.152.30

    Buongiorno a tutti pari.

    Riflettendo a mente fredda: certo che Bergonzi sembra ce l’abbia in modo particolare con noi!
    Ribadisco: 3 note negative…Bergonzi…..Leto…….Frison!

  11. Ip Address: 31.189.98.2

    Buongiorno a tutti quanti ,risveglio con l’amaro in bocca perché si poteva vincere ma Bergonzi ieri ci ha messo del suo ma la reazione dei giocatori mi fa ben sperare

  12. Ip Address: 79.56.39.30

    ciao mexxican la reazione e stata quella giusta e io ti dico ce la possiamo giocare con chiunque forza catania

  13. Ip Address: 188.103.165.54

    Mario, inannzitutto complimenti per il bell’articolo. Fa piacere sapere che ci siano tifosi come te in grado di apprezzare tante cose e vedere il bicchiere sempre mezzo pieno. Ciò non toglie che alcune critiche vanno fatte ed è questo, credo, il senso delle frasi di alcuni tifosi che ti sembrano aver dimenticato il passato fatto di campi di terra e categorie senza riflettori. La critica, se intesa in senso costruttivo, è volta a stimolare il miglioramento, l’accettazione acritica invece giova solo ai padroni e non consente nessun progresso. Per questo motivo, massimo rispetto per ciò che ha costruito e ci ha regalato Pulvirenti in questi anni, ma è più che giustificato fargli notare gli errori commessi n campagna acquisti, dove l’affare peggiore in assoluto si è rivelato essere l’ennesimo argentino, tale… Cosentino! Il problema è che Pulvirenti sembra non accorgersene e questo fa incacchiare molte persone, che poi esagerano e sfogano la propria ira e la sensazione di impotenza sul presidente.
    Per quanto riguarda la partita io, purtroppo, non riesco a vedere il bicchiere mezzo pieno: con tutta la rabbia in corpo che avevamo, con una delle migliori formazioni che possiamo offrire al momento e in casa contro la penultima in classifica ancora una volta non siamo riusciti a vincere. Invidio chi riesce a essere ottimista in questa situazione ma a viru cchjú janca ri prima.
    Buona giornata a tutti i tifosi rossazzurri.

  14. Ip Address: 93.46.21.97

    Non è tutto perduto la squadra sta migliorando i giocatori danno tutto in campo.
    Un pari a parma e vittoria al Massimino con la Lazio
    dopo queste due ne restano 15:5vittorie,5 pareggi e le altre cinque si potrebbero pure perdere .

  15. Ip Address: 92.139.241.111

    Pietro Paolo, semplicemente ti faccio notare che in porta c’era il PORTIERE che il 96% dei tifosi invocavano, e li non so dov’è l’errore del presidente, ti faccio notare altresi che Peruzzi, Rinaudo, e ci metto sempre Leto che nel primo tempo ha giocato in una formazione schierata in modo errato da Maran, che poi logicamente ha cambiato, ed aggiungo Plasil sono giocatori che ha comprato Cosentino, Dunque dare la colpa a Cosentino dell’attuale situazione e quanto meno esagerato, e poi siamo sicuri che Cosentino abbia preso De Canio? pi mia mancu sapeva cu era, poi se qualcuno ripiage Lo Monaco, non sto qui a fare la lista dei giocatori inutili che ha comprato, Gasperin si Pulvirenti ha fatto male a cambiarlo, ma li ho la mia idea e lo espressa molte volte, Gasperin era AD del Catania, con tutti gli onori e oneri anche nella certificazione dei bilanci, chissa forse non era d’accordo su alcune operazioni? estero su estero, diciamo Argentina, Gomez e cosi via……………a buon intenditor poche parole…………

  16. Ip Address: 79.4.15.37

    Buongiorno a tutti….
    Comunque per dirla tutta, siamo veramente sfortunati, sfigati.. è un’annata davvero storta, strana. Non riusciamo a venire a capo di questa situazione in cui tutto ci gira male.
    contro l’Inter potevamo vincere alla grande, ieri si doveva vincere senza l’orrore di Frison :mrgreen: :mrgreen:
    Con 4 punti in più, in zona salvezza sicura attaccati alla Sampdoria, comincio a credere guardando la classifica e mi conforta la reazione della squadra ieri nel secondo tempo.

  17. Ip Address: 79.56.39.30

    ciao joe da buon tifoso devi pensare positvo buona giornata

  18. Ip Address: 79.56.39.30

    CATANIA – Le attese da un lato. La realtà dall’altro. Secondo le attese il Catania avrebbe dovuto spazzar via il Livorno, prendersi tre punti nel primo tempo ed aspettare al 90° gli insuccessi altrui. Il programma della domenica perfetta. Capita poi che,ed sarà circa la ventunesima volta in questa stagione, per una lunga serie di errori nulla vada secondo le attese. Peccato! Ma chiedo: c’era da sorprendersi? No! E finalmente così è stato: finalmente non una, non due, tre reazioni. Con dentro tutto: la rabbia, le botte, il fango, il sudore, errori, parolacce, gestacci, espulsioni ed il pallone che va dentro non importa come.

    Questa è la realtà! Ed ad abituarcisi il Catania ci ha messo così tanto tempo che è un delitto rammaricarsi adesso, proprio adesso, per non aver vinto secondo le attese piuttosto che rincuorarsi di non aver perso, per come la gara è andata in realtà. Chiaro sia: una partita del genere, il Catania di qualche giornata fa l’avrebbe persa non una, non due ma tre volte. Più delle ipotesi parlano i ricordi. Quel Catania uscito ‘non vincente’ tra i fischi, stavolta è uscito ‘non vincente’ tra gli applausi, applaudendo sua volta il proprio pubblico.

    Nella ritrovata capacità di non perdere, l’incapacità di vincere. L’acqua sta sempre metà: la realtà. Il bicchiere è mezzo pieno o mezzo vuoto? Dipende dalle attese. Mezzo vuoto, pensando a quel che sarebbe potuto accadere con una vittoria. Mezzo pieno, immaginando ciò che non sarebbe più potuto accadere con una sconfitta. Pieno, se si pensa che ciò che sarebbe potuto accadere con una vittoria adesso, potrebbe ancora accadere in futuro. Vero, però così andiamo oltre la realtà. E serve proprio questo perché la realtà combaci con le attese.

    Quindi, un bel respiro profondo. Classifica alla mano. Bologna, Chievo Verona e Sassuolo hanno perso, in casa. Nonostante gli acquisti. Il Livorno resta avanti, anche negli scontri diretti, ma non scappa a far da quartultima. Il riferimento per la salvezza restano sempre Bologna e Chievo, entrambe battute 2-0 al Massimino, adesso un punto meno distanti: tre. Sono a portata di vittoria. Peccato che adesso, vincere, per il Catania, sia realmente difficile. Ma nell’attesa di vincere, riuscire a non perdere permette almeno di tener viva la speranza, la possibilità, e la classifica.. per chi al di là delle attese, immagina (bene) che in realtà dovrà lottare fino all’ultima giornata.

  19. Ip Address: 2.198.185.231

    daccordo, il cuore finalmente…, ma non mi raccontino che domenica prossima vogliono far rientrare quell’acchiappafarfalle di Andujar (ecco spiegato perchè se lo tengono altri 6 mesi PIUTTOSTO CHE AVER PRESO UN ALTRO TIPO IL VALIDO BIZZARRI). Questo cambiamento continuo non giova al CT soprattutto se si parla di…UN ritorno al passato. No Andujar; mille volte meglio Frison, cui si può perdonare l’inesperienza e la tenSione ma di cui è indiscutibile la superiorità tecnica e di reattività rispetto all’argentino. VIA I FANTASMI…

  20. Ip Address: 67.242.203.211

    Anche io dalla lontana America non ho potuto dormire stanotte e adesso;qui sono le 8 del mattino]mi trovo[ morto di sonno] a pensare a quello che poteva essere e che non e’ stato.Pe rme;come per tutti i miei interlocutori.e’ stata una partita incredibile e la paragono[sia pure per traguardi differenti]a quella disgraziata dell’anno scorso con l’inter.Mi soffermo a pensare a quella punizione di Lodi nei minuti finali e a che cosa sarebbe successo se CICCIO avesse segnato………Evidentemente la fortuna ‘invece, non ci e’ amica e se salvezza sara’ ,,dovremo conquistarla con lo stesso cuore mostrato nel secondo tempo se vogliano ancora sperare ..Ecco,se se posso fare un appunto,credo che abbiamo aspettato un tempo per cominciare a giocare mentre avremmo dovuto e potuto prendere il comando delle operazioni sin dal primo minuto.In ogni caso,sembra che le altre concorrenti alla salvezza,ci vogliano aspettare ma a questo punto non dobbiamo guardare al cammino delle altre ma cercare di ottenere piu’ punti possibili.Per finire due parole sul nostro portiere che non sara; stato reattivo come le altre volte ma che certo non puo essere addidato come l’unico colpevole del traccolo difensivo della nostra squadra.La verita’ e’ che i nostri difensori[a parte Rolin]’non potevono competere con la velocita’ degli attaccanti labronici. con le conseguenze che poi abbiamo xisto……SEMPRE FORZA CATANIA

  21. Ip Address: 79.33.107.171

    ciao peppe61,sono d’accordo con te sul preferire frison ma secondo me maran ha deciso di mettere andujar in porta,per le sue ultime interviste,dove diceva chiaramente che avrebbe fatto di tutto per riprendersi e meritarsi il posto di titolare,dato che punta a giocare il mondiale da titolare….e forse fa pure bene a rimettere andujar,il quale,sono sicuro,ci metterà tutto l’impegno possibile…. :wink:

  22. Ip Address: 92.139.241.111

    Io mi chiedo chi siamo noi a giudicare e sempre ma sempre a criticare, qualcuno voleva Giovinco, Insigne Quagliarella e poi critica Cosentino che non li ha presi :smile: :smile:
    Ora leggo di Andujar, un giornalaio che già mette zizzania alla squadra, io dico solo Maran ed il nostri dirigenti sanno quello che fanno e ci salveranno, riporto l’articolo di chi già sa tutto e influenza i tifosi o presunti tali!!!! Io mi chiedo ma sig ALESSIO ALAIMO ma cu ciù rissi ca joca Andujar?

    Catania, bocciatura per Frison: a Parma torna Andujar
    02.02.2014 21.06 di Alessio Alaimo Twitter: @alaimotmw articolo letto 19467 volte
    © foto di Federico De Luca

    Il pareggio contro il Livorno lascia l’amaro in bocca al Catania che ha gettato al vento un’altra occasione per lasciare l’ultimo posto in classifica e soprattutto di avvicinare le avversarie per la salvezza. Non è stata complessivamente una buona prova della difesa etnea e anche del portiere Alberto Frison che in due circostanze poteva essere più reattivo. Una prestazione che – scrive Itasportpress – costerà cara al portiere ex Vicenza visto che a Parma tornerà a difendere la porta rossazzurra l’argentino Mariano Andujar.

  23. Ip Address: 79.56.39.30

    ciao chiarezza e come dici tu invece di buttare acqua sul fuoco lo alimentano un caro saluto rossazzurro

  24. Ip Address: 95.239.107.74

    Notte rosso e azzurro a tutti!!! :neutral:

  25. Ip Address: 79.3.71.168

    Riporto un commento rimasto in dietro :wink: :wink:

    l Poeta
    3 febbraio 2014 alle 19:30
    Ip Address: 79.3.98.43

    Vedere il presidente Pulvirenti ieri durante la partita, mi fa capire che ormai è alla frutta…. vederlo con il rosario in mano, crede che ormai solo un miracolo possa salvare il Catania….
    Presidente non pensa forse che si hanno una serie di giocatori che non solo all’altezza di giocare in serie A in base ai tantissimi errori che commettono durante i 90 minuti.
    Non pensa che cercare giocatori a basso o bassissimo livello di ingaggio che non li vuole nessuno, brocchi che altre squadre tendono a toglierseli per che non hanno futuro trovano un bel rifugio a Catania.
    Presidente Lei ha colpa che, per la prima volta l’anno scorso, ci ha fatto vedere un Catania che giocava alla pari con le altra squadre, per la prima volta non si doveva lottare all’ultima giornata per avere il responso di restare o scendere in B;
    BASTA adesso BASTA, dopo dopo averla vista ieri esultare per un pareggio che non serve a niente;
    Dopo aver visto un Catania che subisce 3 gol in casa da una squadra messa peggio;
    Dopo aver letto l’intervista del presidente definendo coerente gli acquisti effettuati a Gennaio;
    Alzo i remi in barca….
    Presidente lei a portato il Catania in A ora lei lo riporta in B
    Tutto quello che ha fatto in questi anni è cancellato dal quel gesto con il rosario in mano e da una smorfia del viso che sa di un sorrisetto di presa per il c..lo per tutti i veri tifosi.
    GP

  26. Ip Address: 91.255.31.233

    Intanto Maxi lopez ha segnato portanti in vantaggio la Sampdoria

  27. Ip Address: 79.56.39.30

    javascript:grin(‘:mrgreen:’) joe questo e il mio problema dimmi cosa devo fare grazie

  28. Ip Address: 79.33.107.171

    ora,penso,che abbiamo la conferma che a maxi non gli andava proprio di giocare da noi… :neutral:

  29. Ip Address: 79.3.71.168

    vai a questo sito e scarica javascript nel tuo computer
    http://www.java.com/it/download/

  30. Ip Address: 79.3.71.168

    è un ingrato, qui l’abbiamo sempre trattato bene, ci serviva uno come lui ma non voleva giocare :mrgreen: :mrgreen:

  31. Ip Address: 79.33.107.171

    mamma mia quanto si soffre quest’anno ragazzi,meno male che c’è sant’aituzza a risollevarci…

  32. Ip Address: 82.145.208.226

    A vistu ca Maxi Lopez segnau!!!! A Catania c’è u malu vessu completo si ni vanu iucaturi e fanu gol

  33. Ip Address: 82.145.208.226

    I giocatori che abbiamo sono buoni, certe circostanze fanno in modo che giochino in una certa maniera

  34. Ip Address: 82.145.208.226

    Certe circostanze si sono viste ieri dirette sulla faccia del presidente, che ha fatto le sue scelte a inizio campionato e adesso si sta mangiando le mani….. Lui lo sa che la squadra c’è la può fare e non vuole mollare ma certe circostanze dovrebbero cominciare a sparire……

  35. Ip Address: 79.33.107.171

    comunque quest’anno,sta servendo anche a noi tifosi,che penso e spero abbiano capito,CHE NON SI TIFA UNA SQUADRA SOLO QUANDO ESSA VINCE! :smile:

  36. Ip Address: 151.74.171.32

    Spinesi:

    L’ex calciatore del Catania, Gionatha Spinesi, prosegue la sua collaborazione con Itasportpress.it curando la rubrica “L’occhio del Gabbiano”.

    E’ stata un’occasione sprecata quella del Catania che ieri non è riuscito a battere il Livorno. Una partita davvero incredibile con due squadre che hanno fatto vedere cose positive e negative. Da pisano una vittoria del Catania mi avrebbe fatto felice due volte ma purtroppo non è arrivata. A tratti la prestazione della squadra etnea è stata buona sul piano nervoso con una grande reazione dopo i gol del Livorno. Come Maran io vedo il bicchiere mezzo pieno anche perché la salvezza adesso è a soli tre punti dunque basta una vittoria anche a Parma per ridare fiato alle trombe. Quest’anno ci si salverà con 35 punti se si continua con questo ritmo lento.
    Certo non posso però non evidenziare cosa non ha funzionato in casa Catania. Innanzitutto è stato un errore giocare una partita così importante alla roulette russa. Nella ripresa infatti il Catania senza ragionare più si è gettato in avanti facendo saltare l’equilibrio tattico ed esponendosi al contropiede degli amaranto che ne hanno approfittato. Partite così si vincono in altro modo ovvero senza rischiare nulla e vincendo anche 1-0 su rigore o autorete. Il rischiare il tutto per tutto nella ripresa è stato un atteggiamento sbagliato. Il Livorno non aspettava altro per far male a Frison. Peccato che presi dall’ansia e dalla paura in campo nessuno dei ragazzi ha saputo leggere la situazione e cambiare subito rotta. Il Livorno usciva dall’area con un uomo palla al piede il quale lanciava Emeghara o Paulinho che nell’uno contro uno con i difensori avversari aveva sempre la meglio. Si è giocato a far fare gol al Livorno mentre sfide del genere vanno giocate in altro modo. Adesso il cammino è più in salita perché il calendario non è favorevole al Catania che in casa riceverà le prime tre della classe e necessariamente dovrà vincere almeno tre partite in trasferta. A Parma sarà dura perché la squadra di Donadoni ha una buona difesa e sarà importante non subire gol.

    Mercato- La squadra aveva bisogno di qualche ritocco. Serviva una punta in alternativa a Bergessio o di pari livello. Per salvarsi bisogna vincere e si vince con gli attaccanti che la buttano dentro. Tutte le avversarie del Catania che lottano per la salvezza hanno un pacchetto di 4 /5 punte. Fedato è un elemento interessante ma senza esperienza, Leto invece è evanescente perché fa una giocata inutile: si appoggia all’avversario diretto a 40 metri dalla porta e permette alla squadra avversaria di riorganizzarsi in tempo. Non salta mai l’uomo, di testa non ne prende una e poi litiga sempre. Io senza allenamento farei meglio.

    Detto da lui, mi viene lo sconforto…….lui dice sempre cose giuste! :sad:

  37. Ip Address: 79.33.107.171

    CATANIA, la pagella di Criscitiello di fine mercato
    03.02.2014 09:30 di Redazione ITA Sport Press Twitter: @ItaSportPress

    Il direttore di Tuttomercatoweb.com Michele Criscitiello, nel proprio editoriale ha dato i voti al mercato invernale sulle 20 di A. Questo il giudizio sul Catania: Parte bene con il ritorno di Ciccio Lodi ma finisce tutto lì. Ripetiamo per la millesima volta che il problema, a Catania, non sono né i calciatori né l’allenatore. Manca una guida societaria e Pulvirenti sta giocando con il fuoco. La serie B è dietro l’angolo e non è stato fatto nulla per evitarla. Catania, Voto 5,5

  38. Ip Address: 92.139.241.111

    I chiaccheri stanu a zero, ancora una volta avevo ragione la famosa punta c’è l’avevamo in casa, ma i PSEUDO tifosi, incominciado da questo sito , solo a criticare e gettare fango, sin dal precampionato, e poi dite che non voleva restare, ma restare a fare cosa, la riserva a Castro a Bergeessio? ma itivinni a circare Okaka che nemmeno lui con certi tifosi sarebbe venuto, e siccome sono incazzato, mi dispiace che Andujar sia rimasto, veramente i TIFOSI DEL CATANIA, non tutti per carità, ma un buon 90% sono la rovina del Catania e si meritano la BBBB

  39. Ip Address: 79.33.107.171

    ciao chiarezza,inizio col dirti che mi dispiace che tu la pensi così su molti tifosi,ma a quanto pare è un dato di fatto…spero che io non sia nella tua lista dei tuoi PSEUDO tifosi,e spero di non averti dato l’immagine sbagliata di me…d’altronde,ho solo 14… :wink:

  40. Ip Address: 79.33.107.171

    ho solo 14 anni :oops:

  41. Ip Address: 188.103.165.54

    Ma non vi viene il dubbio che i jucaturi ca si nni vanu ri Catania e signunu, u fanu picchì attrovunu n’allenaturi seriu e na società seria? Ma uora mi vuliti riri ca Maran e Mihailovic su a stissa cosa? O che la Sampdoria, che si è incaponita su Mihailovic fino a quando l’ha preso, è la stessa cosa del Catania marca Pulvirenti-Cosentino, ca nni puttanu a De Cantro?
    Avaja carusi, tagghiamula cca fassa!

  42. Ip Address: 92.139.241.111

    Elefante tranquillo tu Mexxican e molti altri ancora vi godrete un Catania in serie A per molto tempo, perchè siete la parte sana del tifo, quelli che non sopporto sono i disfattisti e i criticoni senza sapere quello che dicono, la prova ieri il catania sotto tutti o quasi a fischiare, pareggia a tifare, Lopez ci ha salvato dalla serie B poverino voleva andare al Milan e non al Roccacannuccia, aumento di stipendio e San Siro, e i nostri PSEUDO che fanno lo fischiano perchè resta 4 gg in Albergo, lo detto l’altra volta io per 1.5 di € l’anno e giocare nel Milan ci sarei stato 1 mese, come tutti quelli che criticano, ritorna e tutti lavativo , cornuto etc etc e su tutti i siti, mannatili Andujar, Peruzzi, Lopez, Castro addivinnau na medda, quel povero Alvarez e dovuto scappare da Catania, come Sardo, Tifosi pa farsa,

    Buonanotte Elefante, vedrai che ci salviamo, contro tutto e contro tutti, vedere stasera il Lopez del Derby insieme a Mihajlovic e vedere dove siamo noi oggi mi ha mandato la serata di traverso
    Ps E se qualcuno si offende, vuol dire ancora di più che ho ragione

  43. Ip Address: 176.200.204.160

    @Chiarezza, Maxi Lopez ci ha salvato con 11 gol e va bene dopodiché è 3 anni che non conchiuri nenti.
    Ha fatto gol e gli auguro di farne ancora così la Samp lo riscatta e ci paga, ma nel frattempo lo hanno rimandato indietro sia Milan che Samp.

  44. Ip Address: 151.74.171.32

    @chiarezza,
    Lopez e stato forse uno travi più grandi giocatori che il Catania abbia mai avuto, il primo anno era incredibile dal vivo una forza della natura, non vedevi nemmeno quando tirava. Poi un involuzione , forse perché tagliati i capelli , chissà.
    Un gesto di disinnamoramento verso la città e i tifosi, rinchiuso nel l’hotel ad attendere che qualcuno lo liberasse da noi, attendeva di poter fuggire, ma tutto si perdona, figuriamoci.
    Certo, da un attacco debole siamo passati ad un attacco debolissimo, ma ormai che si fa?
    La psiche del giocatore era al punto che qui ormai si sentiva in cella, voleva andar via, ed è giusto così.
    Ovvio che con Simeone giocavano in due, lui e Bergessio, ma quello è stato il miglior tecnico seduto sulla nostra panchina, cosa che poi ha ampiamente confermato.

    Non è giusto criticare i tifosi, abbiamo avuto tanto ma dato tantissimo, in altre piazze avrebbero fatto una sollevazione popolare, dell’ottavo posto all’ultimo in pochi mesi e un tecnico come il Decantro.
    La colpa non è certo dei tifosi….. Non è giusto criticare i tifosi, non credi?

  45. Ip Address: 151.74.171.32

    E in ogni caso, il Lopez visto ieri sera, il suo allontanamento da Catania, la mancata voglia da parte della società, dell’ambiente a far si che il ragazzo potesse contribuire alla rinascita qui a Catania, e stato un peccato.

    Averlo ceduto in prestito, liberandosene come un oggetto da rottamare, in cambio del nulla ( Fedato ha un altro ruolo e un altro spessore, senz’altro meno inferiore) rappresenta l’ennesima sconfitta di una dirigenza e di una società, la ostentata sicurezza circa un mercato di riparazione condotto perseguendo obiettivi poi raggiunti, dimostra che si è perseguito sempre sulla stessa strada segnata in estate.
    Dire pubblicamente che qualche obiettivo non si era riusciti a raggiungerlo, non avrebbe portato alcuna vergogna, che male c’è ad ammettere propri insuccessi? Lo ha fatto L’Inter, lo fatto ha Lotito, lo ha fatto Galliani, poteva ammetterlo anche il Catania senza vergogna, volevamo una punta non ci siamo riusciti.

    I tifosi hanno acclamato Lopez, lo hanno perdonato, la società doveva fare la sua parte non in termini economici, ma cercare di recuperarlo nel cuore e nella mente, sia per il,ragazzo lui sia per il il patrimonio proprio.
    Si è deciso di cederlo, bene., in cambio di chi?

    Forse come ha scritto qualcuno, questo fa parte delle scelte della gestione di quest’anno, dove non se ne azzecca una che fosse una.
    Forse Criscitello ha ragione anche questa volta, sarà poco simpatico, sarà prevenuto verso di noi, ma spesso ci azzecca: la mancanza di un direttore sportivo, da collante tra società e spogliatoio, una motivatore anche sugli aspetti psicologici di coloro che sono più a disagio, forse, è la mancanza più evidente in società.
    I fatti, aihme, dicono questo fino ad ora, altrimenti non si capisce perché la squadra sia così impelagata nei bassifondi.
    Ma cercheremo di riprenderci, ma é dura assai.

    Buona mattinata a tutti.

  46. Ip Address: 212.14.141.175

    Buongiorno a tutti gli amici .
    Lopez sarebbe rimasto se qualcuno della dirigenza gli avesse offerto sicurezza e avesse creduto in lui. A Genova è bastata una stretta di mano col Mihajlovic , lui ha creduto in Max e Max ieri sera lo ha ripagato nel derby.
    Mi sembra che nel Catania si dia spazio solo A Bergessio- Barrientos e Lodi.Gli altri sono considerati solo pedine : del resto si sta criticando già Frison . Tutti possono avere una giornata storta anche Buffon ha fatto delle papere , e poi il rigore per il Livorno non c’era. Comunque se il Catania gioca col cuore ci salveremo.

  47. Ip Address: 82.145.208.170

    Buongiorno a tutti pari!!!!!
    Perplesso ti do ragione sulla gestione societaria, il problema non è Pulvirenti ma è chi gli sta attorno!!!!
    C’è un interesse non di poco per chi è subentrato in società ultimamente, e questo non si vuole nemmeno pensare!!!! Basta vedere la presuntuosita che ha avuto un dirigente, che non faccio il nome, di andare in un altro hotel per fare il calciomercato, a spese della società tralaltro, quando c’era il box pronto all’Ata Hotel!!!!! E normale che le società non ti danno conto se tu non sei presente o sbaglio????
    La questione Maxi Lopez e evidente, lui non c’è la con i tifosi ma con qualcuno della società se no non si spiega altro la sua prestazione di ieri sera, d’altronde ha solo svolto pochi allenamenti con la nuova squadra, di solito chi è un ottimo giocatore fa delle prestazioni del genere.
    Pulvirenti con quel gesto di sfogo ha fatto capire cosa ha dentro e tradotto in palore povere per me significava :ma cui spacchiu mu fici fari a mia!!!!! Purtroppo stanno giocando con i suoi sentimenti e qualcuno ne trae vantaggio………….
    Io la penso così, spero di sbagliarmi.

  48. Ip Address: 82.145.208.87

    Tie eccola :

    SAMPDORIA, Maxi Lopez: “Qui mi fanno
    sentire un calciatore a Catania no”
    03.02.2014 23:39 di Redazione ITA Sport
    Press
    articolo letto 954 volte
    Momento assai felice per Maxi Lopez che ha
    deciso il derby di Genova con un gol bello che
    ha cancellato il ko dell’andata. L’argentino si
    è riscattato pienamente dopo le difficoltà di
    Catania e spiega il motivo ai microfoni di Sky:
    “Con Mihajlovic c’è un feeling particolare e
    prima di firmare ci siamo parlati a lungo. Ho
    scelto la Samp sia perché gioca un grande
    calcio ma anche perché qui mi fanno sentire
    calciatore visto che a Catania non me lo
    hanno fatto fare. Sono tornato a Genova in un
    momento giusto perché abbiamo tanti
    obiettivi da raggiungere. Dedico il gol ai miei
    compagni che mi permettono di fare bene e mi
    hanno accolto a braccia aperte e poi ai miei
    bambini”.

  49. Ip Address: 82.145.208.87

    E Mihajlovic a detto che Maxi a gli occhi della tigre!!!!!

  50. Ip Address: 82.145.208.87

    Scusate mi sono perso le h…..

  51. Ip Address: 82.48.152.30

    Buongiorno a tutti.

    Chissà perché quando giocava con il Catania aveva gli occhi del coniglio!

  52. Ip Address: 91.252.92.101

    Buongiorno a tutti

  53. Ip Address: 79.56.39.30

    buongiorno a tutti fratelli dal cuore rossazzurro Stampa: Troppi gol subiti, ricominciare dalla difesa
    Le reti subite sono troppe. Contro il Livorno hanno inciso sul risultato più di quelle segnate, altrettante, in una sfida che al netto di errori arbitrali e non il Catania avrebbe potuto vincere. E’ tempo di lavorare in previsione della gara contro il Parma. I gialloblu giocano un buon calcio, sono molto efficaci in zona offensiva. La difesa rossazzurra stavolta sarà pronta? si fara trovare pronta non preoccuparti giornalaio

  54. Ip Address: 79.56.39.30

    Twitter: @ItaSportPress

    Carlo Muraro, ex attaccante dell’Inter e oggi voce di Sky Sport, ha commentato diverse volte le partite del Catania con la solita competenza tecnica. Dopo aver visto all’opera la squadra di Maran contro l’Inter a San Siro, è stato inviato da Sky per la partita con il Livorno. Questo il commento di Muraro ai microfoni di Itasportpress.it sulla prestazione della squadra etnea . “Il Catania visto a Milano ha giocato senza paura avendo di fronte un avversario blasonato. Ieri invece nel primo tempo la squadra di Maran era legata e timorosa e difatti il Livorno ha fatto un’ottima prima parte di gara tirando molto di più verso la porta. La partita è cambiata nella ripresa dopo il primo gol di Emeghara. La reazione del Catania c’è stata, ma la squadra si è disunita nel tentativo di pareggiare e il canovaccio è continuato così fino alla fine del match. Il Livorno ha approfittato della frenesia del Catania punendolo in contropiede con la complicità del portiere Frison che ieri ha inciso sul risultato”.

    Modulo- “Mi ha lasciato perplesso anche il modulo di Maran in avvio che si è opposto a specchio agli avversari anziché proporre il solito 4-3-3. Barrientos da interno sinistro non ha inciso mentre quando nella ripresa il mister lo ha riportato a destra il Catania ha cambiato atteggiamento. Pitu a destra tiene la palla sul suo piede migliore e vede tutto il campo incidendo parecchio”.

    Leto- “Leto è un giocatore molto possente che tiene la palla incollata tra i piedi e rallenta il gioco. Non è bravo a saltare l’uomo per la stazza ma spalle alla porta potrebbe essere una valida alternativa a Bergessio visto che sarebbe utile per gli inserimenti a rimorchio dei compagni di squadra. Per me Leto è una punta ma esterno non lo vedo perché non è agile”.

    Fedato “Invece proverei Fedato sulle corsie esterne. L’ex Bari non è goleador ma quando parte ha le stesse caratteristiche di Papu Gomez. Bravo nell’uno contro uno punta l’avversario sia largo che verso il centro però non vede sempre la porta come l’argentino del Metalist”

  55. Ip Address: 82.145.217.181

    Ragazzi c’è il nuovo articolo cambiate pagina….

Spiacenti, i commenti sono chiusi.

su
giu