Catania non pervenuto

 Scritto da il 16 settembre 2012 alle 20:50
Set 162012
 

Era una sfida importantissima e molto sentita dai tifosi Rossazzurri  in scena allo stadio Artemio Franchi di Firenze dove si affrontano due papabili sorprese di questo campionato.

Nel primo tempo la gara è equilibrata ma la Fiorentina ha uno Jovetic in più che porta in vantaggio i viola.

Nella ripresa subito il secondo gol il Catania si spegne lentamente e la partita scivola via sino al triplice fischio finale senza particolari sussulti.

Netta superiorità della Fiorentina, al Catania sono mancati i guizzi dei propri ataccanti, e torna da Firenze con la prima sconfitta. La formazione di Maran e’ apparsa poco concreta ed ha registrato certamente un passo indietro rispetto alle prime due uscite stagionali.

Lucas Castro: “Abbiamo lavorato tanto durante la settimana ma non siamo riusciti a riproporre il lavoro fatto sul campo. Avremmo voluto fare il nostro gioco, la Fiorentina non ce l’ha permesso e non ne è venuta fuori una bella partita per noi. I viola si sono dimostrati superiori, meritando la vittoria. Abbiamo faticato a reagire. Dove preferisco giocare? Non importa, a centrocampo o più avanti è lo stesso, accetto qualsiasi decisione del mister. L’importante è farmi trovare sempre pronto”.

Souleymane Doukara: “Non nascondo che ero emozionato per l’esordio ma non ho avuto alcuna paura, assolutamente. Sono contento per aver esordito in Serie A, avrei preferito festeggiare un risultato positivo per il Catania. Il mister ci aveva chiesto di essere compatti, invece eravamo troppo lunghi e abbiamo commessi degli errori. Sconfitta giusta, la gara non è andata secondo quanto ci aspettavamo. La vittoria viola è frutto soprattutto dei nostri errori. Se spero di giocare di più? Decide il mister, ho sempre sentito fiducia e questo è importante. A me non resta che dare sempre il massimo, poi spetta al mister scegliere”.

Sergio Gasparin: “Ha vinto la squadra più forte, una compagine attrezzata per l’Europa, dotata di un organico veramente importante. Niente da dire sul risultato, la Fiorentina ha meritato di portare a casa i tre punti ed è giusto riconoscere i meriti dell’avversario. Purtroppo abbiamo commesso degli errori, non è stata una performance positiva. Preferisco non entrare nei dettagli tattici e tecnici, avremo modo di conoscere alla ripresa degli allenamenti i perchè di questa prestazione. Roncaglia? Partita da migliore in campo la sua. Sicuramente affronteremo il Napoli con un atteggiamento diverso, ricordandoci che ci attende un’altra partita dal coefficiente di difficoltà molto elevato. No, non penso ci sia stato appagamento. Obiettivo Europa League? La società ha sempre parlato di salvezza, gli obiettivi non sono cambiati”.

Nicolas Spolli: “Secondo me nel primo tempo abbiamo fatto discretamente bene, dopo l’intervallo ci è mancata la reazione. Potevamo e dovevamo fare di più nell’arco dei 90 minuti. Non sapevo di giocare dall’inizio, la notizia mi è stata comunicata in mattinata e sono felice di essere tornato in campo dopo l’infortunio. Brava la Fiorentina che ha espresso un bel calcio ma non si è visto il solito Catania. Dopo l’1-0 ci siamo sbilanciati e disuniti. Partita da archiviare in fretta, testa rivolta subito al Napoli. E’ importante non fare drammi. Toni e Roncaglia? Toni resta un grande centravanti, Facundo è un difensore che si metterà in buona evidenza nel corso della stagione, ha dimostrato di essere un ottimo giocatore disputando una bella partita”.

Rolando Maran: “Jovetic è stato bravo in occasione del gol, non era facile. Mi spiace perché fino a quel momento non avevamo rischiato molto, ma noi saremmo dovuti essere più propositivi e abbiamo sbagliato molto la prima palla in uscita e questo ci ha fatto innescare poco i nostri attaccanti. Dobbiamo subito ripartire e rimboccarci le maniche in vista del Napoli. Sarà un impegno difficile, l’importante sarà imparare dagli errori, imparare a crescere ogni settimana. Oggi abbiamo commesso qualche errore in più, e questo ha complicato un po’ tutto ma la squadra ha personalità e qualità per tornare sulla strada giusta. Potevamo mettere più in difficoltà la Fiorentina, i ragazzi hanno sbagliato troppi passaggi e ci siamo ritrovati di frequente a rincorrere l’avversario perdendo lucidità. Non avremmo dovuto lasciare l’iniziativa ai viola nel secondo tempo, hanno avuto il pallino del gioco, questa è stata la chiave. Il Catania ha cercato di riequilibrare l’incontro ma dopo il 2-0 è stato ancora più complicato rimontare”.

 

  26 Commenti per “Catania non pervenuto”

  1. Ip Address: 82.59.2.229

    Peccato che abbia fatto una figuraccia contro i viola speriamo di riscattarci contro il Napoli in casa…..
    Maran Maran ma dovè questo gioco propositivo ❓ ❓ ❓ ❓
    Forza Catania

  2. Ip Address: 82.59.2.229

    Ciao Lux, ho letto adesso il tuo post….. per me ha sbagliato formazione.
    Biagianti in campo e Izco in panchina, Barrientos ha passeggiato per 90 minuti e Castro in Panca
    Lodi non era lui, ha il mal di pancia per l’ingaggio e poi non parliamo di Almiron :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: conclusione centrocampo inesistente la difesa non ha retto

    FIORENTINA CATANIA
    55 Possesso palla (%) 45
    5 Angoli 3
    7/16 Tiri dentro/totali 4/8
    601 Palle giocate 471
    68,6 % passaggi riusciti 60,9
    12′:01″ Supremazia territoriale 6′:48″
    57,4 % attacco alla porta 54,3
    45,7 % protezione area 42,6
    62,7 % pericolosità 26,9

    Mi consola solo Zampalesta che ha mandato via Sannino e preso Gasperini 😉 😉 😉

  3. Ip Address: 82.48.144.68

    Ciao Joe, sono d’accordo con te. 😉 gIOCO PROPOSITIVO? Unni?

    Specialmente per Zampalesta! :mrgreen:

  4. Ip Address: 79.33.41.95

    buongiorno a tutti fratelli della costa rossoazzurra siamo stati sconfitti da una fiorentina che a proposto in campo il suo gioco e i nostri non erano in palla adesso dobbiamo affrontare il napoli speriamo con piu cattiveria e agonismo forza catania sempre 😉 😉

  5. Ip Address: 95.245.183.249

    Buongiorno rga’!!!
    Ciao Angelo!!! 😉 😉 😉
    Qui Napoli e dintorni, cielo sereno e temperatura mite.
    Ho l’amaro in bocca che non vi dico!!! 😥 😥 😥

    Buona giornata a tutti!!!

  6. Ip Address: 95.245.183.249

    Salve raga’!!
    Ma che e’ successo?
    Mica siamo morti?
    Su ragazzi che il Catania si riprendera’!!!

    Forza Cataniaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!

  7. Ip Address: 212.195.241.127

    Buongiorno a tutti pari
    Ciao Giorgio, morti? e perché , siamo a pari punti della ROMA nella posizione sx della classifica e con 2 partite fuori casa, ora viene il bello, vediamo cosa facciamo col Napoli e da li si vedrà di che pasta e fatto Maran e non i giocatori che li conosciamo bene, comunque un poco di riposo a Legrottaglie io lo darei.

  8. Ip Address: 95.245.183.249

    Ciao Chiarezza!!! 😉 😉 😉
    Sui giocatori non mi esprimo mai e lo sai, salvo qualche eccezione.
    Che si parla tanto male negli altri siti dell’ allenatore io aspetterei ancora, perche’ quello che ho visto anche se in Serie B le squadre di Maran dava del filo da torcere a tutti.
    Stamattina il nostro sito sembra un “cimitero”, scherzo ovvio, ma lo so che abbiamo le palline giu’ ma essere un po’ piu’ ottimista fa bene a noi tifosi.

    Certamente fa rabbia non combattere ma c’e’ l’avversario che non ti fa giocare e noi tifosi vediamo tutto nero e ci viene un magone tremendo e la “paura”.

    Pensa al Napoli che verra’ al Massimino, verrebbe dire son “azzi acidi”!!!

    Ma sinceramente quest’anno penso che con Rolin e Castro siamo piu’ forti.
    Se restava il Max allora non c’erano santi per nessuno, peccato che abbia preferito assecondare la moglie e non scendere a Catania.
    Libro chiuso comunque, andiamo con i nostri giocatori e combattiamo i nostri avversari in ogni partita.

    Forza Cataniaaaaaaaaaaa!!!

    Buon pomeriggio a tutti!!!

  9. Ip Address: 88.66.2.2

    Buonasera a tutti
    Joe secondo me la formazione andava bene e proprio che hanno giocato male
    oltre ciò e mancata la giusta carica di agonismo c’erano i fiorentini che sembravano degli assatanati i nostri invece parevano vuoti di energie e poco lucidi ..
    Maran sará bravo , ma io preferisco gli allenatori che fanno scendere le loro squadre in campo col sangue agli occhi e se poi dovesse andare male di sicuro noi tifosi apprezeremo la loro combattività
    ma ieri abbiamo perso da polli e mi fa male al cuore doverlo scrivere

  10. Ip Address: 79.33.41.95

    BUONASERA A TUTTI FRATELLI DELLA COSTA ROSSOAZZURRA UN CORDIALE SALUTO A LUX GIORGIO CHIAREZZA JOE PROF MONGIBELLO PEPPE58 CATANISTA E TUTTU U RESTU DA CUMACCA Il Catania che aspetta, il Catania che non t’aspetti
    C’è il Catania che non ti aspetti, raccolto eppure scoperto, che non osa eppure rischia. C’è il Catania che impone la sua personalità all’Olimpico e la smarrisce al Franchi, che non rinuncia a giocare contro il maestro delle verticalizzazioni e lo fa contro un avanguardista del possesso palla in orizzontale. C’è poi..

  11. Ip Address: 79.33.41.95

    C’è poi il mister, che vuole che il Catania aspetti, che argini l’avversario invece di contrastarlo, che ne limiti l’azione piuttosto che ribaltarla. È lo stesso mister che ha fatto quattro punti con Roma e Genoa e per grandi linee lo stesso approccio alla fase di non possesso, sia chiaro. Registriamo solo che il Catania aspetta, aspetta l’uomo fino al limite dell’area senza mai uscire, aspetta il tiro che alla fine arriva, aspetta forse l’episodio che cambi la partita e viene accontentato. Lo schermo ai difensori è per natura re-attivo o non sarebbe tale ma una difesa troppo passiva diventa una resa, ed è quello che è successo in occasione del gol in maniera simbolica così come in larga parte del match. Jovetic al limite e nessun gli corre incontro, nessuno esce in contrasto e quando un uomo col guanto stregato incontra un uomo col piede fatato… quello col guanto stregato è un uomo “morto”.

    Se a questo si aggiungono ripartenze a ottanta metri dalla porta avversaria e ali offensive al limite dell’area sbagliata, viene fuori una prestazione, e questo si che era da aspettarselo per le caratteristiche di squadra, per lo meno non all’altezza. La sicurezza te la dà il gioco, attenzione a non dimenticare la lezione della passata stagione. Non solo quali e quanti frutti possa dare la fiducia che deriva dal possesso palla e dal controllo del gioco, ma anche e soprattutto che il Catania può farlo, che il Catania deve farlo. Si fa presto a trascurare, lo abbiamo detto dopo le prime confortanti prestazioni e lo ripetiamo dopo la prima più opaca, che le stagioni migliori del Catania sono state quelle in cui la squadra ha potuto, voluto o dovuto a volte imporre il proprio gioco. Da Marino a Montella, passando per Mihajlovic, il Catania non è una squadra col DNA dell’attesa ed ogni tentativo di far prevalere la tattica sulla tecnica, l’intelligenza sull’estro ha avuto effetti deleteri. Fa eccezione Walter Zenga e il suo Catania concreto ai limiti del fortunato, per il resto la storia dice che la squadra dell’elefante può anche partire bene senza passare per la ricerca del gioco, è capitato e ricapiterà, ma alla lunga sappiamo tutti come andrà a finire. Un conto è non cercare sempre il gioco, un altro è non farsi trovare neanche quando è il gioco a bramarti, a chiamare a gran voce la regia di Lodi, a reclamare inserimenti per le linee oscure di passaggio di Barrientos. I palloni o li tieni tu o ne recuperi in gran quantità, ma non lo puoi certo fare se hai in campo un solo incontrista per di più in cerca della migliore condizione atletica. A zappar la terra coi guanti di seta che ti aspetti? Che il lavoro viene male e il guanto ne esce peggio, essenzialmente perché non è il suo lavoro.

    La passata stagione l’incontrista era sempre uno e i guanti non erano solo di seta, erano proprio gli stessi. E allora che succede? Succede che lo scorso anno non si lavorava la terra, non così. Quando la palla non era tra piedi l’avversario lo si aggrediva, come ha insegnato la Spagna piglia tutto nelle competizioni per club e in nazionale, o come, senza scomodare i maestri iberici, la Juventus di Conte e il Napoli di Mazzarri. Nelle parole dei giocatori, nella convinzione e non solo nei sogni dei tifosi, quest’anno si può fare qualcosa di impensabile, ma per ottenere quello che non hai mai ottenuto devi fare cose che non hai mai fatto. Dobbiamo scegliere di non accontentarci, un punto a Firenze non è il massimo a cui ambire, non c’era proprio niente da aspettare. C’è chi aspetta che le cose accadano, chi ci spera e chi ci crede. E poi c’è chi fa il modo che le cose accadano. Se la meta è il sogno devi battere la strada del coraggio.

    😉 😉 😉

  12. Ip Address: 79.33.41.95

    Stampa: Catania irriconoscibile, non funziona niente.. Capita!

    La rassegna dei quotidiani in edicola: Gli errori del Catania spingono avanti la Fiorentina. Maran “tradito” dalle prestazioni sottotono di Gomez, Almiron, Lodi, Legrottaglie e Barrientos. Abile Montella ad irretire le fonti di gioco rossazzurre. Non funziona nulla nel Catania, neanche dopo i cambi, nessuna reazione. Sconfitta meritata sulla quale riflettere. Cose che capitano.

  13. Ip Address: 2.12.64.175

    Ricordo a tutti questi pseudo tifosi e giornalai da salotto, che il Catania l’anno scorso ha perso contro squadrette che per di più son finiti in serie b, ma ora fare le pulci alla squadra, quando anche la Roma data dai suddetti giornalai con 2 partite in casa si trova in classifica insieme a noi, ed il Milan? ed il Real Madrid?
    Ciao Lux si vede che non hai visto le prime 2 partite 😉 😉 un abbraccio

  14. Ip Address: 2.12.64.175

    😳 😳 suddetti giornalai come pretendente allo scudetto :mrgreen: :mrgreen:

  15. Ip Address: 2.12.64.175

    Cha giornalai amici di Lo Monaco

    Si dimentica dimenticano di dire che già siamo a metà di quello che aveva fatto “U picuraru”

    E poi perché non dicono che già abbiamo fatto 5 gol? con 2 partite fuori casa, ?
    Ecco Giorgio io m’incazzo con la gente che comodamente e senza capire di calcio spara sentenze, a cu semu u Real Madrid? 😈 😈 ma non perché il Catania abbia perso, ci puo’ stare, ma le critiche per partito preso no!! quelle non li accetto da nessuno!! 😈 😈

    CATANIA, solo quello di Atzori ha fatto peggio in difesa
    17.09.2012 16.23 di Redazione ITA Sport Press per itasportpress.it articolo letto 228 volte
    Solo la difesa del Catania della stagione 2009/10, con 8 reti subite, ha fatto peggio di quella attuale nelle prime tre giornate di campionato. Gli etnei guidati allora da Gianluca Atzori, poi esonerato, persero la prima in casa con la Sampdoria (1-2) poi a Parma (1-2) e a Udine (4-2). Fu una stagione tribolata nella quale il Catania raccolse solo 9 punti dopo le prime 15 giornate finendo addirittura in fondo alla classifica. Dopo l’addio ad Atzori venne ingaggiato il serbo Siniša Mihajlović che rimise le cose a posto avviando una lunga cavalcata vincente dopo aver perso per 1-0 contro il Livorno al Massimino. Ma tra il Catania di allora e quello di oggi c’è un abisso. L’attuale rosa è composta da atleti di grande qualità ed esperienza che fanno stare più tranquilla la società. Certo la fase difensiva del debuttante Maran fa preoccupare perché c’è una continuità di reti subite. Due a Roma, due col Genoa e due con la Fiorentina. E’ più semplice abbozzare delle marcature individuali, sfruttare le qualità dei singoli piuttosto che predisporre un’organizzazione difensiva che si muova in funzione della palla. Maran dal primo giorno di lavoro a Torre del Grifo ha curato molto la fase difensiva e gli stessi giocatori lo hanno sottolineato spesso. Purtroppo però le cose non vanno secondo i migliori auspici. La difesa è rimasta a quattro e gli elementi sono gli stessi delle scorse stagioni ma qualcosa va corretta. Troppa improvvisazione nell’applicazione del fuorigioco, scalate mai perfette per vie esterne e diversi buchi centrali. Di questo passo non si andrà molto lontano perché nelle prossime due gare casalinghe al Massimino arriveranno il Napoli e l’Atalanta nel turno infrasettimanale. Due formazioni che sfruttano alla perfezione le ripartenze e il Catania dovrà chiudere gli spazi in difesa per evitare brutte sorprese. Il Milan ne sa qualcosa punito proprio dai nerazzurri di Colantuono.

  16. Ip Address: 79.33.41.95

    chiarezza mi sono permesso di postare questi articoli non pensavo di farti arrabiare anche perche questi giornalisti quando la squadra fa bene sono gli stessi che la esaltano con questo non li difendo anche perche sempre giornalai sono un abbraccio angelo 😉 😉 😉

  17. Ip Address: 79.44.21.213

    Un caro saluto a tutti gli amici tifosi.
    Mi avete anticipato in tutto con i vostri commenti, ho modificato un po’ il mio articolo per non essere ripetitivo.
    Catania non pervenuto, speriamo che la prossima cambi la musica.

  18. Ip Address: 88.66.2.2

    Chiarezza spero davvero che mi sia perso qualcosa e mi possa ricredere con la mia valutazione
    ad ogni buon conto quello che ho visto domenica mi ha molto deluso
    anche perché maran non solo ha perso il confronto con montella
    ma torno a ripetermi non ha saputo caricare la squadra , nel secondo tempo devi sopperire alle carenze tattiche perlomeno con l’agonisco , e invece nisba di nisba vabbè dai ci rifaremo cmq contro il napoli la vedo ancora più complicata li ci vorrà che tutti i giocatori del catania abbiano le famose tre m…. :mrgreen: :mrgreen:
    avanti va un saluto a tutti

  19. Ip Address: 2.12.64.175

    Ciao Angelo a parte che tu ti puoi permettere tutto quello che vuoi, io sono sempre onorato di leggere quello che tu scrivi, ma avrai capito oramai da tempo che io non amo gli sciacalli………………. :mrgreen: :mrgreen: o cosiddetti tifosi da salotto o giornalai da tv…………… :mrgreen: :mrgreen: ma nemmeno i lecchini tipo antenna sicilia, mentre apprezzo molto i conduttori di Corner Micale e Patanè :mrgreen: :mrgreen: poi di quelli Nazionali non li calcolo nemmeno lecchini al servizio di chi gli rilascia un’intervista 😈 😈

    Lux si ti sei preso un Catania che sotto di un gol immeritato contro il Genoa butta il cuore e la grinta in campo e dopo essere passato in vantaggio viene raggiunto, ma non domo va a vincere la partita, e a Roma a casa del dio del bel gioco a dato una lezione alla Roma e benché raggiunto sul 2a2 al 91° stava vincendo lo stesso al 93° con una traversa presa da Castro.
    Di iero già ho detto senza centrocampo non si va da nessuna parte, poi dare come ho letto in qualche sito la colpa della brutta partita di Lodi, per il contratto non rinnovato è un emerita cazzata che solo qualche cretino puo’ dire!!

  20. Ip Address: 2.12.64.175

    Lux ti sei perso e non preso 😳 😳 😳

  21. Ip Address: 79.33.41.95

    ti ringrazio per la risposta eloquente che mi ai dato amico chiarezza ti rinnovo il mio abbraccio rossoazzurro 😉 😉

  22. Ip Address: 79.33.41.95

    chiarezza questa me la devi legere e poi mi dici qualcosa
    ORE 18.54 – Autore: Redazione TuttoCalcioCatania.net

    Alla vigilia di Fiorentina-Catania Vincenzo Montella aveva escluso che ci fossero incomprensioni con Antonino Pulvirenti dopo l’addio al Catania confessando di aver rispettato un patto con lui. In realtà non è andata esattamente così. Solo nel caso in cui si fosse fatta avanti la Roma, infatti, ci sarebbe dovuto essere il via libera da parte della società etnea per la cessione di Montella. I fatti, invece, dimostrano che il tecnico napoletano ha lasciato Catania senza pensarci troppo, destinazione Firenze, secondo la versione di Montella per “motivi personali”. Non si parli allora di patto rispettato perché non è andata così. Ecco spiegato il motivo per cui Pulvirenti non si è lasciato in buoni rapporti con l’ex romanista. (TuttoCalcioCatania.net)

  23. Ip Address: 79.33.41.95

    ops mi e saltata una g leggere 😳 😳

  24. Ip Address: 95.245.183.249

    Salve raga!!!
    Ciao Angelo, Chiarezza e Lux!!! 😉 😉 😉
    Sogni rosso e azzurro a tutti!!!

  25. Ip Address: 88.66.2.2

    dai Chiarè si era capito che non avevo preso ma solo perso di sti tempi perdere però mi fa incazzà :mrgreen: :mrgreen:

  26. Ip Address: 88.66.2.2

    Ciao Giorgio e buon riposo

Spiacenti, i commenti sono chiusi.

su
giu