Catania – Paganese 2-1

 Scritto da il 30 ottobre 2016 alle 19:42
Ott 302016
 

catania-paganese

Il Catania dopo la splendida vittoria contro il Lecce, fa sua la partita contro la Paganese con tanta fatica  e incertezza sotto la porta avversaria. I rossazzurri arrivano sul fondo per ben nove volte,  senza  trovare la zampata finale,  costretti a rimontare lo svantaggio iniziale firmato da Reginaldo,  poi ci pensano Paolucci e Biagianti a siglare le reti della rimonta, nel calcio conta il risultato finale…
Nei minuti finali la Paganese si spinge in avanti ma la formazione etnea resiste e porta a casa tre punti fondamentali che lanciano i rossazzurri a metà classifica. La partita finisce con i tifosi in festa che acclamano una squadra che pur non brillando dal punto di vista del gioco è riuscita a ribaltare il risultato.
Catania batte soffrendo una coriacea Paganese che si è arresa soltanto alla fine.

Biagianti: Una grande emozione, il gol con la maglia da capitano sotto la Curva Nord. Un giorno speciale. Gol? Di Cecco mi ha messo una grande palla, io ho cercato di fare un mezzo pallonetto e ho battuto il portiere. Sono veramente felice, non sono un goleador e fare rete e vincere è sempre qualcosa di speciale. Paolucci? Ci teneva tanto a fare gol. Ora pensiamo al Messina, in Coppa Italia.

Rigoli: Spero sia la vittoria della svolta. Non era facile battere la Paganese. Loro hanno dimostrato il loro valore, non era facile vincere questa partita. Un risultato che può dare la giusta serenità all’ambiente. Abbiamo subito gol nel nostro momento migliore. La squadra ha dimostrato spirito di sacrificio, in particolare nel secondo tempo. Paolucci e Biagianti? Due esempi importanti per il gruppo. Mazzarani? Viene da un periodo di inattività, non si è allenato con una squadra e dunque ha bisogno di ritmo. Può fare tutti i ruoli di centrocampo. Al momento l’ho messo come mezzala e con la sua esperienza e qualità ci sta dando una mano. Paolucci? Aveva una voglia matta di fare gol, la sua esperienza è importante per noi. Ora spero continui a segnare.

  8 Commenti per “Catania – Paganese 2-1”

  1. Ip Address: 151.68.160.46

    manca ancora la zampata vincente di un vero goleador….ancora la strada e lunga ma il fatto di essere un po fuori dall’ultima mette un po di morale…adesso ce il foggia e fuori casa che la maledizione…inesorabile diventa ancora un tabu”’…..

  2. Ip Address: 2.238.18.189

    Vinciamo anche Foggia zu pinu è l’ora della svolta e a gennaio con qualche acquisto importante decolliamo e ci aggiudicheremo anche i playoff

  3. Ip Address: 5.169.237.234

    Basta non perdere a Foggia per capire che la squadra incomincia a prendere forma e maturare oggi contro un modesto avversario chiusa tutta nella propria metà campo la squadra e riuscita a ribaltare il risultato, qualcosa di difficile qualche giornata fa

  4. Ip Address: 151.68.160.46

    l’ora della svolta se arrivera’ sara a gennaio..ma i calil e i russotto e qualcun altro ormai hanno la valigia in mano per prendere il treno …ecco dove sta il fatto..e vero che oggi la fortuna a girato verso i piedi di paolucci e biagianti…ma quanto durera?? ci vuole gente che mostrano i denti e attributi in attacco..non scoraggiandosi…ai fischi….vedi higuain o giudain….a messo dentro un pallone che a fatto vincere la rubentus..eppure e quello che e….a noi ci manca uno o due del genere…di signorine che si smontano in attacco non sappiamo cosa farcene…..si deve vincere fuori casa…per dimostrare il vero catania che ancora non decolla in maniera decisiva…

  5. Ip Address: 151.37.93.30

    Questa volta la fortuna ci ha dato una mano ! Ancora con il gioco non ci siamo,però era importante dare continuità e non svalorizzare il successo insperato con il Lecce ! Solita distrazione in difesa ,e meno male che il pareggio è avvenuto qualche minuto dopo il vantaggio della Paganese,! Importante per il morale il gol di Paolucci che fino a quel momento è apparso poco tonico e un po’ spaesato! Più che giusto il rilievo fatto dagli altri amici ! Manca un vero realizzatore ! Avessimo quello ,sarebbe un bel salto di qualità ! Ci sono i soldi per gennaio ? Adesso,intanto , cerchiamo di migliorarci in trasferta ! Il campo del Foggia non è quello più adatto a tale compito ,però proviamoci! Speriamo che Rigoli ,con il tempo , veda meglio le partite ed utilizzi i propri giocatori meglio di come ha fatto fino ad ora! Comunque sono stati tre punti benedetti ,che fanno. classifica e morale!

  6. Ip Address: 82.49.25.207

    Bella prova di carattere ma in attacco ancora non ci siamo. Paolucci con il gol ha salvato la faccia e rappezzato una prestazione al di sotto delle aspettative. Siamo leggeri in attacco e i cross sono inutili visto l’altezza delle nostre punte. A gennaio si dovrà intervenire e prendere un ariete d’aria che sfrutti i palloni e faccia la differenza in avanti. Penso che il Direttore veda cosa non va e risolverà il problema, intanto ci siamo allontanati dalla zona calda e possiamo ben sperare per il futuro. Il bivio di Foggia sarà determinante ma intanto godiamoci questi sei punti in due partite e poi si vedrà, in attesa della partita di coppa contro il Messina del 02/11.

  7. Ip Address: 87.30.123.18

    Catania, Lo Monaco a ISP: “A Messina per vincere, poi il Foggia. Rossoneri favoriti, ma noi…”
    “La vittoria di ieri ha avuto il sapore di Serie A visto che a segnare sono stati Paolucci e Biagianti”
    di Redazione ITASportPress, 31 ottobre 2016, 17:25
    0

    Il successo contro la Paganese ha migliorato la classifica del Catania che adesso si ritrova ad un passo dalla zona playoff. La squadra di Rigoli comincia a carburare e il bello deve ancora venire, come sottolinea ai microfoni di Itasportpress.it l’a.d. etneo Pietro Lo Monaco: “Questa squadra come organico ha qualità superiori a Lecce e Foggia e questo lo ripeto da tempo. Domenica prossima affronteremo i rossoneri e il pronostico è dalla loro parte visto che giocano in casa, ma andremo allo “Zaccheria” per giocare la nostra partita cercando di portare a casa punti importanti. Il Foggia ha un gioco collaudato che rispecchia quello della stagione precedente dove sono arrivati ad un passo dalla Serie B, quindi sappiamo di affrontare una squadra ben organizzata“.
    PAGANESE – “Facendo un passo indietro posso affermare che non è stato facile rimontare un buon avversario come la Paganese che quest’anno secondo me vincerà molte partite in trasferta. La squadra campana è ben organizzata, di buon tasso tecnico ed esprime un buon calcio. Ritengo che tra quelle viste al “Massimino”, è una delle migliori se non la migliore in assoluto. La nostra squadra ha un cuore e un’anima e mi piace che la gente si sta identificando in questi giocatori. Ieri il Catania è stato attento e non ha concesso molto all’avversario, ma devo fare i complimenti al tecnico Grassadonia e al ds Ferrigno. Con quest’ultimo ieri mi sono rivisto dopo tanto tempo ed è stato un incontro piacevole. Fabrizio è come un figlio per me visto che ha cominciato con il sottoscritto il percorso di direttore sportivo. Gli auguro che possa fare bene con la sua squadra che gioca a memoria con due talenti giovani come Cicerelli e Deli che si inseriscono bene. Prenderli a gennaio? Mi sembra difficile “.
    SAPORE DI A – “La vittoria di ieri ha avuto il sapore di Serie A visto che a segnare sono stati Paolucci e Biagianti. Questi due bravi ragazzi, oltre a essere importanti per noi dal punto di vista tecnico, hanno scelto di tornare a Catania e di sposare un progetto che non è certamente facile. Eppure con impegno, passione e amore per questa città, si sono messi in discussione e ieri sono stati determinanti contro la Paganese. Anche altri giocatori della vecchia guardia hanno il piacere di stare con noi. Ieri in tribuna, oltre a Giovanni Marchese che ormai è un fedelissimo visto che si allena con noi, c’era anche Nicola Legrottaglie. Questo testimonia che si era creato un connubio forte allora tra squadra e città e questo deve essere di buon auspicio per tentare di ricrearne un altro. Bisogna ridare alla nostra gente quello che gli è stato tolto in maniera inopinata”.

  8. Ip Address: 2001:0b07:02ee:12bd:4c56:cfcf:1b87:a3db

    Manca un regista e un buon finalizzatore e c’è molta discontinuità da parte dei calciatori in termini di rendimento,unico appunto di questa stagione riguarda Calil giocatore che ha dimostrato ormai da tempo di non amare questa piazza fornendo prestazioni scandalose,per Russotto mi dispiace dipendesse da me lo farei giocare sempre,probabilmente gli è mancata la fiducia del tecnico a mio avviso è il giocatore più talentuoso che abbiamo,Paolucci lo farei giocare gli ultimi 20 o 30 minuti tenerlo per tutta la partita è come giocare in 10,Barisic deve giocare al centro è l’unico in grado di finalizzare di testa

Spiacenti, i commenti sono chiusi.

su
giu