Conosciamo la Vibonese

 Scritto da il 25 novembre 2016 alle 11:20
Nov 252016
 

pro

Dopo la sconfitta rimediata a Francavilla che ancora duole per come è maturata, il prossimo impegno riservato ai rossazzurri è la Vibonese, anche questa squadra che lo scorso anno militava in serie D e si è affacciata al professionismo modificando la sua precedente rosa inserendo elementi di categoria tra i quali spicca la punta centrale Salanitri, dal passato nelle giovanili etnee, già a segno con sette marcature in stagione di cui una su rigore siglato in casa contro il Lecce, partita quella pareggiata per 2-2.

Sinora il bottino di 14 punti la vede al dodicesimo posto, una posizione dietro a quella etnea, in compagnia del Messina, Siracusa, Paganese, e Akragas e la relega tra le squadre impegnate per non retrocedere. L’attuale allenatore Massimo Costantino come il suo collega Calabro, ha avuto il merito di accompagnare questa squadra nella cavalcata dello scorso anno per la lega pro e bene ha fatto il presidente Giuseppe Caffo nativo della città etnea ma da cinquant’anni  trasferitosi  in Calabria per ragioni lavorative a mantenerlo al suo posto anche per la stagione in corso. Intervistato, il proprietario non ha fatto mistero che il suo cuore è in parte rossazzurro e per questo si sente onorato di confrontarsi con quella che ritiene una squadra attrezzata per disputare almeno i play off.

Dalla partita sarà assente l’ex Rossetti fermato da un infortunio che lo terrà lontano dai campi di gioco sino a gennaio e la roccia difensiva Sicignano appiedato dal giudice sportivo. Il reparto arretrato avrà cosi il problema di accogliere un rincalzo che potrebbe essere o Cinquegrana mai impiegato o, più probabile, sarà spostato in quel ruolo l’ex difensore etneo Sabato a fianco di Manzo ex Pomigliano con Paparusso sulla fascia difensiva sinistra mentre a destra l’ex Cuneo Franchino sempre presente a marcare il cartellino per la quindicesima volta. Riguardo al modulo che predilige mister Costantino egli, dopo l’iniziale 4-3-3 nelle ultime uscite è passato ad un più accorto 4-3-1-2 con il quale ha avuto il merito di vincere in casa con la Reggina, fuori contro il Monopoli e pareggiare ad Andria  mentre in casa ha trovato l’ultimo stretto pareggio alla quattordicesima contro il Melfi. A centrocampo giostra Giuffrida, ragazzo nato nel centro storico Catanese accanto a Legras o Chiavazzo, e Yabre’ con il trequartista Favasuli ad innescare le punte Di Curzio e Salanitri.

Il valore della rosa pari a 1,88 milioni di euro viene compensato dal carattere e dalla generosità che l’equipe  possiede, ben forgiata in questo dal suo tecnico.

Un occhio di riguardo devono dedicare i nostri difensori a Salanitri autore di sette dei nove gol totali realizzati dalla squadra di Vibo Valenzia mentre la difesa ha raccolto un passivo di 17 marcature frutto di 3 vittorie, 5 pareggi e 6 sconfitte ma viene da quattro risultati utili consecutivi. Così come il Francavilla, la squadra calabra verrà al Massimino sulle ali dell’entusiasmo, con il suo presidente che coronerà il sogno in qualità di accompagnatore di sedere in una panchina di quello che da piccolo era lo stadio dei suoi beneamini.

Come intenderà affrontare questa sfida il nostro  mister? Ritengo che la formazione prescelta vedrà il ritorno di Bergamelli affiancato a Bastrini qualora venisse confermata a Gil la seconda giornata di squalifica, con Djordjevic e De Cecco esterni e a centrocampo l’inamovibile Biagianti accanto a Fornito e Bucolo . Assisteremo quasi certamente in avanti al rientro di Di Grazia con Mazzarani e uno tra Basiric e Paolucci.

Spero che ci mettano anima e voglia per cercare di vincere contro una squadra che darà filo da torcere che compenserà i limiti tecnici e di organico con grinta e volonta’. Non ci resta che attendere la fine del match per giudicare la prestazione dei rossazzurri con la speranza di poter raccontare qualcosa di positivo.

  16 Commenti per “Conosciamo la Vibonese”

  1. Ip Address: 79.4.15.37

    Buongiorno a tutti…
    Speriamo che il Catania vince e convince, cosi saremo tutti contenti.

  2. Ip Address: 151.47.217.87

    Si ha ragione La Redazione, quando scrive che la squadra calabrese viene a Catania ,ben caricata dai recenti risultati positivi! Stiamo molto attenti perché non hanno nulla da perdere e vorranno dare una soddisfazione al loro patron che torna a Catania ,da presidente di una squadra ben messa e che ha già una discreta posizione in classifica! Si dovrà fare un gioco areoso e velo sulle fascia laterali ! Specialmente Di Grazia ,che speriamo ,ritrovi la via della rete ! Per l’ ennesima volta scrivo che vorrei vedere Rigoli che riesca a leggere bene la partita meglio di quanto non l’ abbia fatto fino ad ora . Bisogna vincere ! Il pareggio equivale ad una sconfitta !

  3. Ip Address: 79.49.150.56

    Si vincere a tutti i costi perché non è’ pensabile neppure un pareggio perché l’ambiente scoppierebbe. Avanti quindi e andiamoci a prendere sti tre punti per poi pensare al Cosenza dove li’ non sarà una passeggiata

  4. Ip Address: 5.169.7.118

    Buongiorno a tutti incontriamo un’altra neo promossa , la dov’è il Catania a lasciato i punti……..

  5. Ip Address: 5.168.212.91

    Buonasera a tutti. Da qualche parte traspare la notizia che marco Biagianti non sarà in campo domenica per un problemino muscolare. Si cerca di recuperarlo ma mister Rigoli se non al meglio, non vorrebbe rischiarl0. Secondo me fa bene perché poi dopo 6 giorni di gioca a Cosenza e li servirebbe come il pane .

  6. Ip Address: 151.57.104.100

    FUORI CALIL E RUSSOTTO CHE HANNO LE VALIGIE IN MANO DA UN PEZZO…E ORA DI FINIRLA A METTERE DENTRO GENTE DEMOTIVATA SI RISCHIA DI PERDERE PUNTI PREZIOSI…UN BRAVO ALLENATORE NON LI FAREBBE GIOCARE….MEGLIO METTERE GENTE CHE ASPIRA A SUDARE LA MAGLIA PIUTTOSTO METTI LA PRIMAVERA….VERO E CHE SONO PAGATI GIOCANO O NON…PERO’ I PUNTI PERSI FANNO LA DIFFERENZA..CHE PUO COSTARE CARO…..AI FINI DELLA CLASSIFICA.

  7. Ip Address: 5.169.98.255

    Buon sabato a tutti ❤️💙

  8. Ip Address: 87.11.92.71

    Giusto Zu Pinu, l’allenatore dovrebbe essere per prima cosa psicologo e caricare i ragazzi dal punto di vista emotivo e caratteriale. Bastone o carota a seconda delle necessità per poi mettere in campo coloro che ritenga più carichi e motivati. Se no è’ meglio che cambi attività

  9. Ip Address: 151.82.18.16

    Hai ragione caro Catanese a Napoli ! Questa che scrivi tu dovrebbe essere una delle doti di un allenatore! Rigoli, purtroppo,pare che questa dote non l’ abbia ! Tra le sfortune che. ,da qualche tempo , il Catania ha e’ di aver trovato degli allenatori ( vedi gli ultimi Pancaro , Moriero ) ed adesso l’ attuale , privi di quella forza , di quella energia. da inculcare ai giocatori! Questa è l’ amara constatazione ! Se uno nasce quadrato non può diventare tondo, ! Speriamo nel domani vittorioso!

  10. Ip Address: 178.39.222.16

    Armando

    Hai ragione fino a un certo punto. Giocatori finiti come Calil non li resciusciti più, sono morti dentro! Perché gli hanno prolungato il contratto? E questa non é colpa di Rigoli. Diamo le colpe anche a LoMonaco quelle che sono sue. E le colpe di Rigoli a Rigoli. Alla fine giocatori professionisti che ogni domenica gli servono calci in culo, non puo essere! O a te quando vai a lavorare il capo ogi giorno ti deve ricordare perché vai a lavorare?
    Rigoli é quello che é, ma LoMonaco lo ha messo la. E fa bene a mantenerlo la. Se a gennaio le mele marce andranno via, ne vedremo delle belle.
    Purtroppo tutti possono sbagliare
    Aspettiamo e vediamo e sosteniamo Rigoli finché é il nostro allenatore.
    LoMonaco a lavoro!!!

  11. Ip Address: 151.47.139.124

    Sul fatto che Calil sia finito d’ accordo ma l ‘ unico che non se era accorto era stato Rigoli ,che lo teneva ,ostinatamente in campo fino all’ altro giorno ! Certamente ognuno ha le sue colpe e noi aspettiamo pazientemente che anche Lo Monaco cominci a farsi sentire Ad ognuno il suo ! Rigoli ,deve far giocare coloro che si sentono in grado di velocizzare il gioco ,questo ,benedetto gioco ,che ancora ,il tecnico non ha ancora dato al Catania ! Però non tutte le colpe sono sue ! Alcuni giocatori dovevano lasciare la squadra prima dell’ inizio del campionato ! Il primo a levare le tende doveva essere Calil ,che ancora ha la faccia tosta di sostenere che ci tiene al Catania ! Grazie tante , essere ben rimunerato senza dare niente in campo! Ma neppure Lo Monaco è immune di colpe ! Sarà stanco ,forse,ma deve mostrare ,di nuovo la sua ,ben nota energia,sfoggiata in passato! (. Vedi la ben nota fermezza mostrata ,in tempi migliori ,con Andujar )

  12. Ip Address: 5.169.107.215

    Ragazzi secondo me è ingiusto dare le colpe a lo Monaco per aver trattenuto Calil , Russotto, bergamelli (che voleva andare via ) e Bastrini. Per Calil ha sperato che a fianco di Paolucci poteva far bene di nuovo, Russotto e bergamelli erano i migliori lo scorso anno e li ha lasciati così come Bastrini. L’errore aver preso Nava inaffidabile e speriamo che sbologni a gennaio Scoppa in stand by perché è un buon giocatore ma lento. Ho fiducia in lo Monaco, La nostra ultima speranza . In compenso diminuito il debito di almeno 5 mil di euro e coi debiti non si va da nessuna parte

  13. Ip Address: 2a01:cb19:077c:2600:9548:36f2:edd8:3711

    finalmente vittoria é stata….prendiamocela senza se e senza ma……..spezziamo una lancia in favore di Russotto che oggi ha mostrato attaccamento alla società con una prova degna del suo nome.

  14. Ip Address: 5.169.38.177

    Buonasera a tutti, finalmente vittoria senza entusiasmo

  15. Ip Address: 2001:0b07:02ee:12bd:8505:9281:d9b5:2175

    Russotto è il giocatore più forte che abbiamo

  16. Ip Address: 5.169.38.177

    Bhoooo

Spiacenti, i commenti sono chiusi.

su
giu