Dai Bilanci alle…Previsioni

 Scritto da il 3 gennaio 2013 alle 11:14
Gen 032013
 

Maran3

La Dea Bendata la fa da padrona in tutte le manifestazioni prossime della nostra vita ma, qualche volta,a nostro rischio e pericolo, noi ci avventuriamo lungo la strada delle “previsioni” non perché  amiamo sfidarla, correremmo il rischio di autocombustione fulminante, ma semplicemente  per provare il gusto di sentirci protagonisti del nostro “tempo che verrà”, azzardando previsioni su fatti che ci riguardano più direttamente o per i quali nutriamo particolare interesse.

“Che bello essere spacinnati” direbbe qualcuno, ma non è così. Provare a fare delle previsioni  su fatti o avvenimenti, più o meno futuri, che ci coinvolgono personalmente o che riguardano i nostri “interessi” in ambito familiare o relative a contesti a noi vicini, ci rende la vita più interessante, meno stucchevole e costituisce un costante stimolo  per affrontare con sempre maggiore “cognizione di causa” l’avventura della nostra vita.

Niente di particolarmente impegnativo rappresentano   per noi   le  mere considerazioni che ci apprestiamo a fare sugli esiti finali del corrente Campionato di Calcio Tim, nel quale è impegnato la nostra squadra del cuore e della quale seguiamo con tanto interesse e, qualche volta,  apprensione le sorti. Forse siamo stimolati a dare concreta realizzazione a queste nostre “previsioni di risultati calcistici futuribili ” preoccupati dalla voglia di vivere con minore amarezza un ipotetico  “negativo” esito finale, oppure perché, consapevoli di essere giunti oltre metà percorso avendo realizzando un numero totale di punti forse maggiore alle previsioni, giochiamo a goderci il bel risultato raggiunto e “tentiamo” la Dea Bendata con l’auspicio di concederci qualche soddisfazione che vada oltre l’immaginario comune. Noi ci proviamo. In concreto:

                                                                 Partite da Disputare N.19

Previsione punti

   Da Disputare al Massimino: n. 9 P.ti P.ti   N.10   Da Disputare fuori casa
 N.5 Da Disputare  Contro avversari che in atto occupano posti < del Catania(Bologna, Cagliari,Palermo, Siena e Pescara) 12 5 N. 5 Da Disputare Contro avversari che in atto occupano posti < del Catania(Genoa, Atalanta,Chievo, Sampdoria e Torino)
N.  1 Da Disputare contro avversario ritenuto al = del Catania(Udinese) 1(3) 1(0) N.  1 Da Disputare contro avversario ritenuto al = del Catania(Parma)
N. 3 Da Disputare contro “Grandi” (Roma,Fiorentina,Inter) 5(3) 2 N. 4 Da Disputare contro “Grandi” (Napoli,Juventus,Milan, Lazio)

Per una “previsione” di 26  oppure ( 25) punti Totali. N.B.- non si tiene conto dell’esito della partita da disputare al Massimino  contro il Torino .

Forse possiamo essere tacciati di eccessivo ottimismo, ma i 50 punti auspicati da Andujar non rappresentano un miraggio perché sono nelle nostre gambe.

Se riusciamo a mantenere la giusta concentrazione soprattutto nella prima parte del “ritorno” nel quale avremo da affrontare in  casa Roma, Fiorentina e “ vendicare” Bologna  mentre,  andremo di seguito a Genoa, Napoli,  Bergamo e Parma in esterna. Occorre fare subito “risultati”,  non  tanto impossibile quanto necessari per costruire la carica agonistica da fare esplodere nel  mese di Marzo che definirei a  dir poco  “terribile”. In successione, ospiteremo l’ Inter  e l’ Udinese al Massimino, intervallate dalla visita alla Juventus, con conclusione a Roma contro la Lazio. Sarà molto importante la verifica dei risultati raggiunti  a questo punto del Campionato perché dal suo esito sapremo per quale traguardo finale  giocare.

Domanda, come mai? Il perché ce lo suggeriscono:

-le  restanti otto partite, 4 da disputare al Massimino e altrettanti da giocare al di fuori del rettangolo di gioco catanese, vedono il Catania impegnato, laddove si esclude la visita da fare al Milan a San Siro, contro compagini che a momenti,  soffrono per la posizione in classifica rispetto al Catania;

-con l’approssimarsi della fine del campionato, a meno del verificarsi di insperate catastrofi, il Catania incontrerà squadre il cui destino potrebbe essere già segnato dagli esiti degli scontri diretti, in bassa classifica, e dai risultati verificatisi a seguito degli scontri con le “grandi”, così come avere a che fare con  avversari già paghi per la raggiunta salvezza;

– La squadra rossazzurra con l’approssimarsi della primavera,potendo giostrare  sui campi asciutti, avrà modo di  sfruttare al meglio le qualità Tecniche che esprime il suo organico;

– Potrà eventualmente fare tesoro dello “stress” a cui sono soggette le “Grandi” impegnate nei tornei europei.

E qui, al contrario di quanto avvenuto nel campionato scorso, che bisognerà dare dimostrazione della fame che attanaglia l’ambiente tutto per il  raggiungimento di traguardi  più ambiziosi degli anni precedenti. Sarebbe la giusta ricompensa per gli addetti ai lavori, per i  catanesi e per siciliani che credono nel  valore Calcio-Sport, oltre che  un passo in avanti verso una maggiore e concreta valenza nell’ambiente. Noi ci abbiamo provato, lasciamo alla Dea Bendata ogni altro risultato. A chi legge, l’invito a formulare considerazioni e  previsioni proprie.

Saluti

  68 Commenti per “Dai Bilanci alle…Previsioni”

  1. Ip Address: 95.247.44.24

    Buongiorno a tutti. :bye:

    Ho notato, leggendo qua e là, che per Caraglio la faccenda si sta complicando. 🙁
    Oltre la squadra che lo detiene, la quale asserisce che ha già offerte supariori ai 5 milioni, sembra che ci sia il Palermo, nella persona di Lo Monaco (puh!), che ce lo vuole soffiare. Certo è che tutte le volte che il Catania si muove per prendere un giocatore, ci sono o sorgono degli imprevisti! 🙁

    Comunque, staremo a vedere! Dal canto mio sono fiducioso perchè Pulvirenti ha dato la sua parola dicendo che ci saremmo rinforzati! :good:

    Vi rinnovo i saluti!! :salve: :salve: :sciarpa: :catania:

  2. Ip Address: 212.195.241.127

    Buongiorno a tutti pari

    Sognare non costa niente ed allora le mie previsioni 🙂 🙂

    Vinceremo con Torino sabato prossimo e siamo a 28 🙂 🙂

    Vinceremo in casa con: Bologna, Cagliari,Palermo, Siena e Pescara (Basta stare concentrati e non come l’anno scorso) e siamo a 43 🙂 🙂

    Tra Udinese Roma,Fiorentina,Inter 2 le vinciamo Roma e Fiorentina 2 le pareggiamo
    Inter e Udinese e siamo a 51

    Fuori casa Genoa(1), Atalanta(0),Chievo(3), Sampdoria(1) Parma (1)e Torino(0) e siamo a 60

    ci restano Napoli(1°,Juventus(3),Milan(0), Lazio(1) e semu a 65 punti

    e mi spiego per me nel girone di ritorno ci mancano sia per concentrazione e sviste arbitrali almeno 7-9 punti che sommati ai 28 fanno come minimo 35 punti …..e se tanto mi dà tanto se tutto fila quasi liscio………. 🙂 🙂 🙂 tanto sognare non costa nulla………… :yahoo: :yahoo:

    Ciao Mongibello non ti preoccupare per Caraglio come dici qualcuno arrivera, mi preoccupo per Marchese (e pensare che non lo volevo vedere nemmeno in panchina)
    il suo procuratore e degno figlio di suo padre cioè Lippi ed allora spero in Gasperin

  3. Ip Address: 212.195.241.127

    Volevo dire nel girone d’andata……ci mancano….. :wacko: :wacko:

  4. Ip Address: 88.66.34.23

    Ciao Vittorio ti vedo ottimista , come sempre del resto
    speriamo non siano solo sogni
    cmq anche Pulvirenti vuole l’europa ma l’unica strada percorribile per arrivare all’europa è la coppa italia e siamo onesti come si fa ? se proprio ci si vuole arrivare occore un attaccante questo Caraglio di cui si parla mi sembra un buon elemento che farebbe ne sono sicuro bene alla causa del Catania
    ma oltre a lui ci vorrebbe almeno un difensore bravo ma bravo davvero e poi sarebbe importante che andujar alzasse ancora il suo rendimento e tenerlo costante per il resto della stagione . carusi solo sogni io mi accontento di una salvezza tranquilla e se poi si offre l’opportunita di fare qualcosa di importante che rimanga nella storia di questa Società allora noi per primi dovremo crederci
    ma senza fare traggedie se poi non si riuscirá
    sognare fa bene all’anima per un breve periodo
    la realtà invece quando arriva e solo mazzate in faccia
    purtroppo
    ciao a tutti

  5. Ip Address: 87.3.103.185

    Un caro saluto a tutti gli amici tifosi.
    Ciao Mongibello e Lux.
    Ciao Saretto il tuo è stato un lavoro simpatico lodevole, ma, secondo me fine a se stesso.
    Ciao Vittorio vale lo stesso discorso fatto per Saretto.
    Voi mi insegnate che nel calcio ogni partita fa storia a sé, pertanto è impossibile fare previsioni di questo genere, se non per scherzarci su o per gioco.
    La storia del calcio passata e recente ci ha insegnato che si può perdere in casa con l’ultima in classifica (vedere ieri il Chelsea contro il Q.P. R) e vincere fuori casa contro una squadra forte.
    Ad un certo punto del campionato contano le motivazioni.
    Vittorio per quanto riguarda le sviste arbitrali al Catania mancano 4 punti, ma fra i punti mancanti non possiamo mettere assolutamente i cali di concentrazione, altrimenti mancherebbero dei punti a tutte le squadre.
    Le tue previsioni sono veramente da sogno (magari si avverassero) nella realtà sarebbe già bello se il Catania riuscisse a centrare il traguardo dei 50 punti.

  6. Ip Address: 88.66.34.23

    Bona seratina a tutti pari
    girovagando tra i vari forum del Catania
    ho scoperto che il Catania non ha mai vinto nella sua storia
    l’ultima del campionato di andata nei campionati di serie A
    porca bestia e io che credevo che contro il turin vincevamo
    a questo punto io dico che un pareggio mi starebbe benissimo
    ammeno che sabato sfatiamo il tabù
    ma porca vacca come cazz e possibile che ci abbiamo tutti i record negativi di questo mondo

  7. Ip Address: 88.66.34.23

    come se non bastasse dopo che ho letto il resoconto dell’alenamento che ha seguito dal vivo per noi l’amico Beppe mi sento ancora più sconfortato

  8. Ip Address: 212.195.241.127

    Ciao Lux

    Se nella vita non si è ottimisti cosa ci resterebbe? :yahoo: :yahoo: :yahoo:

    Ciao Prof non credo tanto che il lavoro di Saretto sia fine a se stesso, anzi mi sembra un’analisi logica ( non ottimistica come la mia) di quello espresso sul campo del Catania nel girone d’andata. poi visto che sei il “mago” delle statistiche, mi dici quante squadre hanno perso 5-7 punti dopo il 90° minuto? per parlare di concentrazione…..

  9. Ip Address: 88.66.34.23

    appunto se non si ottimisti nella vita cosa resterebbe ?
    forse rabbia , delusione ,tristezza ,ipertensione, vallo a sapere Vittorio
    oppure piu semplicemente resterebbe una visione chiara e trasparente della realtà da accettare con animo sereno che ne dici Chiarè non sei d’accordo con me

  10. Ip Address: 212.195.241.127

    Si amico mio in linea di massima sono d’accordo, ma sono uno che” vede il positivo anche nelle cose più cattive, c’è un detto sudamericano che dice ” Todos los que pasa conviene” Traduzione Tutto quello che succede è conveniente………..da rifletterci su

    Ora con il Torino possiamo anche perdere………..ma se già ci bagniamo prima che piova…………..VINCIAMO e tutti felici, poi il Torino mi è antipatico :sciarpa: :sciarpa:

  11. Ip Address: 79.51.178.160

    BUONASERA A TUTTI FRATELLI DAL :heart: :catania: MI ASSOCIO A CHIAREZZA OTTIMISMO NON A FATTO MAI MALE COME VA VA UN SALUTO A SARETTO OTTIMA DISAMINA MEGLIO DI UN GIORNALISTA CIAO LUX PROF MONGIBELLO JOE PEPPE58 GIORGIO CATANISTA E TUTTO IL RESTO DELLA CUMACCA ROSSO E AZZURRA :yahoo: :yahoo:

  12. Ip Address: 79.51.178.160

    Ricominciare bene: Occhio a questi precedenti!
    Il Catania come dire, in tempi come questo, come il Natale, lascia sempre che l’atmosfera di festa e di bontà lo pervada nel profondo, e nella profonda flemma vacanziera lo mantenga ben oltre il termine prefissato per la tregua di campionato. Sempre complicati i riavvi del Catania, sempre, ma almeno stavolta si gioca in casa..
    :good: :good:

  13. Ip Address: 109.117.132.132

    Buona sera a tutti….
    Chiarezza, Lux, Prof, Mongi, Peppe, Giorgio, Angelo…… e a tutti quelli che seguiranno.
    Ho letto una intervista di NINO dul corriere dello sport
    “Il Torino e il Genoa dovranno necessariamente attendere, ancora: Sergio Bernardo Almiron e Giovanni Marchese non lasceranno Catania, resteranno in Sicilia con tutta probabilità fino al termine della stagione. C’erano state voci di imminenti cessioni, che interessavano Spolli, Gomez e Bergessio ma il presidente Pulvirenti ha rasserenato la piazza catanese: «Respingete tutte le offerte, di qualunque entità esse siano». E per di più, è sempre vivo sul mercato in entrata: serve un attaccante, un vice Bergessio che non dovrebbe essere Milton Caraglio. Qualora arrivasse una punta, Morimoto o Doukara lasceranno la Sicilia.”

    quindi sta volta si fa sul serio, penso che il Catania può raggiungere minimo quota 50/55 punti ma non bastano per l’Europa ma come ha detto Lux si può tentare con la coppa del NONO sempre che le prime 3 squadre si qualificano per l’europa

  14. Ip Address: 79.51.178.160

    In ogni caso, avvisiamo Maran, invitandolo a non far spallucce come l’anno scorso Montella, di prestare la massima attenzione. Questa la “fedina” del Catania al rientro dai tranquilli bagordi natalizi:

    Stagione 1997/1998 – Serie C2 gir. C Dopo il 3-0 patito a Trapani, disgraziata chiusura dell’anno, gli etnei attendono il Chieti al Cibali. Termina 0-0, col Catania in 10 per l’espulsione di Cicchetti.

    Stagione 1998/1999 – Serie C2 gir. C Si gioca in casa alla ripresa del campionato, ed il Catania, in casa, non perde si sa. E’ il Catania di Piero Cucchi, il Catania della promozione in serie C1. Bifera in porta, Furlanetto, Cicchetti, Monaco e Di Julio in difesa, Brutto, Tarantino, Marziano, Ripaldi, Passiatore, Lugnan. Contro il Tricase, arbitra il Sig. Trefoloni, i rossazzurri passano grazie alla rete di Umberto Brutto.

    Stagione 1999/2000 – Serie C1 gir. B: Giovedì 6 Gennaio il Catania scende in campo a Castel di Sangro. Simonelli schiera Passiatore e Zampagna all’attacco, ma la porta dell’ex, Ciccio Bifera, resiste ed anche quando cade sotto i colpi di Passiatore, le reti di Iaquinta e Bernardi non evitano la sconfitta agli etnei.

    Stagione 2000/2001 – Serie C1 gir. B: Il campionato riprende a Viterbo il 7 Gennaio. E’ il derby dei Gaucci: Riccardo è il presidente del Catania, Alessandro Tulliani (a.d. dei locali) è il fratello della fidanzata di Luciano, padre di Riccardo. Vincono i padroni di casa per 2-1, con reti di Rossetti e Masini. Per il Catania va a segno Cicconi. Gara, quel Viterbese – Catania, che passerà alle cronache più per le intemperanze di un isolato ultras catanese: “Correva il 35′ del secondo tempo quando il portiere della Viterbese Nicola Di Bitonto è stato colpito con un pugno tra la testa e le spalle da un tifoso del Catania, entrato in campo senza che le forze dell’ ordine si accorgessero di nulla. L’ estremo difensore della Viterbese è stato soccorso e ha ripreso regolarmente il suo posto dopo pochi minuti, mentre l’ aggressore è tornato sugli spalti senza pagar dazio per la pericolosa bravata”. Allenatore dei rossazzurri: Ivo Iaconi.

    Stagione 2001/2002 – Serie C1 gir. B: Giocare il giorno della Befana contro le “streghe” di Benevento poteva in qualche modo esser mai frainteso come un segno benaugurate? Il Catania di Vierchowod per 1-0, rete di Manni al 87′, su rigore. Sterili gli attacchi del tandem offensivo Cicconi – Kanjengele, l’africano “fenomenale”, e dall’età non meglio specificata, portato in quel Gennaio dalla dirigenza Gaucci per rinsaldare la squadra che avrebbe conquistato ai play-off, a Taranto, l’accesso alla serie B.

    Stagione 2002/2003 – Serie B: Anno nuovo felice? Al Picchi di Livorno, pur cambiata la categoria, i rossazzurri si confermano renitenti. In panchina siede Benjamin Toshack, ex Real Madrid e nazionale gallese, in attacco a Lulù Oliveira, la dirigenza Gaucci ha affiancato Carlo Taldo, che ricostituisce col Falco la coppia del goal determinante per la promozione del Como in serie A, avvenuta la stagione precedente. Proprio Taldo, al 31′, porta in avanti il Catania che però si vedrà agguantato e recuperato dalle reti di Prott e Biliotti che trova il goal del 2-1 a 2′ dalla fine. Allenatore del Livorno era l’esordiente Roberto Donadoni.

    Stagione 2003/2004 – Serie B: Salvata la categoria ben oltre il termine stabilito dal campionato, e nonostante le problematiche d’un organico allestito nei pochi giorni extra appositamente concessi, i rossazzurri di Colantuono sono la sorpresa di quel torneo. A Dicembre si parla di salto di categoria, Luciano Gaucci promette rinforzi salvo poi.. passarli alla Fiorentina, che al Franchi attende il Catania alla ripresa del campionato. E chi apre le marcature dei viola? Tale Vryzas, attaccante perugino che dalla scuderia Gaucci era passato in viola anziché in rossazzurro. Al 47′ la Fiorentina vince 3-0, terminerà 3-2 con reti di Delvecchio (nel campionato in corso tornato a segnare proprio al Franchi) ed Oliveira.

    Stagione 2004/2005 – Serie B: Buon 2005, Modena! Il Catania si spinge fin in Emilia – Romagna a presentare i propri auguri. E’ il 6 Gennaio e Sommese impone l’1-0 al Catania di Nedo Sonetti, quello che scende in campo con la coppia Vugrinec – Ferrante in avanti.. con gli anni, che ha in Lombardi il proprio uomo ovunque, ed un Lo Monaco anche in campo: il difensore Massimo. Cambiata la dirigenza, solfa reiterata. Peculiarità? Quel Modena era allenato da Stefano Pioli, tecnico che adesso siede proprio sulla panchina del Bologna, avversario alla ripresa della stagione in corso.

    Stagione 2005/2006 – Serie B: In molti ricorderanno questa come la partita più emozionate della cavalcata trionfale verso la serie A. Stavolta si gioca in casa, ma l’abbrivio è come sempre da sbronza post-festiva. Al Massimino, il Piacenza dell’ex Padalino, si porta in vantaggio ad inizio secondo tempo con Cacia. Lo 0-1 non si schioda, stregata la porta del giovanissimo Cassano, almeno fino al minuto 85, quando Umberto Del Core, inserito al 71′ (dopo il 2-2 all’ultimo minuto strappato a Bergamo, contro l’Albinoleffe, nell’ultima dell’anno) si conferma uomo della provvidenza spedendo in rete il pallone dell’1-1. Radice (che l’anno prima, al Garilli, metteva a segno l’autogol che valeva agli etnei lo 0-1 finale) viene espulso per proteste, Piacenza in 10. E’ l’assalto, che all’88′ porta alla rete del vantaggio, con De Zerbi. Al 92′ la strepitosa rete di Lucenti, appena entrato, sotto l’incrocio dei pali, chiude i conti. In quella partita i dirigenti etnei noteranno un terzino destro, il “miglior terzino destro” della serie B di quella stagione: Gennaro Sardo.

    Stagione 2006/2007 – Serie A: Che galoppata! Matricola in serie A, il Catania di Marino chiude il 2006 in zona Champions, un traguardo incredibile che fa sognare la città e parlare i giornali, prodighi di titoloni indimenticabili. Poi arriva Gennaio, ed il 14, in uno dei pochi anni di pausa prolungata, al Bentegodi di Verona il Catania riceve il Chievo, che non potrà mai immaginare sua futura, direttissima, concorrente alla salvezza. Passati in vantaggio con la rete di testa di Stovini, i rossazzurri lasciano che nel secondo tempo Semioli prima e Pellissier (su rigore) poi, invertano gli equilibri con i quali s’era chiusa la prima metà di gioco.

    Stagione 2007/2008 – Serie A: Al Massimino arriva la Juventus, è la prima volta della “vecchia signora” contro i rossazzurri nell’era Pulvirenti. Scontato il purgatorio in serie B, i bianconeri patiscono la verve del Catania di Baldini che dà scacco tattico a Ranieri portandosi subito in vantaggio con Spinesi (cross di Vargas, e posizione di fuorigioco dell’attaccante). Ma a 5′ dalla fine un improvvido intervento di Biagianti su Del Piero, ed uno zelante Rocchi, concedono ai bianconeri il tiro dal dischetto, che il numero 10 juventino non manca. Termina 1-1 sotto una pioggia battente.

    Stagione 2008/2009 – Serie A: Vedi Napoli e poi.. perdi. Walter Zenga affida a Morimoto il peso offensivo del Catania, in scena al San Paolo. Il nipponico va anche a rete, ma “troppo” sul finale di primo tempo. Nonostante manchino ancora 5′ allo scadere dei minuti di recupero concessi da Celi, l’officioso quarto uomo (Valeri) induce l’arbitro a fischiar il termine della gara proprio quando “Taka”, avviatosi in porta, batte Iezzo (ex portiere del Catania, per l’occasione tra i pali del Napoli). Buono invece il goal di Maggio al 80′.

    Stagione 2009/2010 – Serie A: Quando nel giorno dell’Epifania, Sinisa Mihajlovic incontra il Bologna, società che frettolosamente l’aveva esonerato la stagione precedente, sa come caricare i suoi ragazzi per la sfida che li attende al Massimino. E’ una gara bloccata ma che il Catania non dispera mai di poter far sua, e così avviene all’81′, quando da palla inattiva il testone di Spolli svetta tra gli avversari e manda in rete il goal della vittoria. La rimonta in classifica del Catania, partito dall’ultimo posto in classifica col nuovo corso Mihajlovic, era appena iniziata.

    Stagione 2010/2011 – Serie A: Dove si gioca? A Roma, in trasferta. Una garanzia. Ma stavolta a toppare la ripresa è più la terna arbitrale che non il Catania, capace di ribaltare l’1-0 di Borriello con le reti di Silveste e Maxi Lopez, che mandano al riposo le due squadre sull’1-2 per gli etnei. Nel secondo tempo protagonista il guardalinee Musolino che prima non vede come il pallone rimesso al centro da Riise, sulla rete del 2-2, avesse oltrepasso la linea di fondo, quindi convalida il 3-2 di Vucinic in pieno fuorigioco. Terminerà 4-2 con Pulvirenti adirato: “Brighi (arbitro della gara) – dirà il Presidente del Catania – ha segnato una doppietta”.

    Stagione 2011/2012: Arriviamo al passato più recente. Il Catania di Montella, avvisato della pericolosità dei riavvii complicati, va a Bologna spavaldo. L’8 Gennaio è un’assoluta catastrofe. Con Campagnolo in porta, ed il 3-5-2 in campo, i rossazzurri appaiono stanchi, abulici. La partita è noiosa ma al 50° passa il Bologna con la solita rete di un difensore: caratteristica irrinunciabile delle sfide al Dall’Ara. Espulso Biagianti, gara in discesa, al 90° arriva il raddoppio di Di Vaio, altro habitué del goal contro il Catania.

    Ma.. e la domanda sorge spontanea: “Il Catania ha mai vinto, in trasferta, alla ripresa del Campionato (qualunque esso fosse?)”. Sembrerebbe di no, ed invece sì. Bisogna tornare con i ricordi alla.. Stagione 1996/1997 – Serie C2 gir.C: E’ la prima dopo quella, tragica, della morte del presidente Angelo Massimino. Il Catania, ripartito nel 1993 dall’Eccellenza, ha riconquistato la C2 nel 1995 e si appresta a disputare il suo secondo campionato consecutivo nuovamente tra i professionisti. Alla ripresa dalle festività natalizie, gli etnei allenati da Giovanni Mei scendono sul campo del Bisceglie. E’ il 12 Gennaio del 1997 e la formazione catanese recita così: Patrizio Fimiani, José Sparti, Alessandro Cicchetti, Tommaso Napoli, Fabio Ercoli, Antonino Di Dio, Maurizio Pellegrino, Orazio Russo, Roberto Ricca, Lorenzo Intrieri, Antonino Pannitteri. Proprio il bomber paternese (11 goal quella stagione), mise a segno la rete che valse vantaggio e vittoria.

    Completiamo l’excursus col dato del Gennaio 1996, stagione del ritorno tra i professionisti. Il 7 Gennaio il Catania ospita in casa l’Albanova: Vantaggio di Grillo al 35′, al 79′ pareggio dell’Albanova con Rogazzo che perdura fino al 91′ quando tale Pasquale Marino mette a segno la rete del 2-1 finale.

    Stagione 2012/2013: Il Torino, stavolta in casa. Dove il Catania non perde dagli ultimi 17 anni. Sin dal suo ritorno tra i professionisti. Maran è avvisato.. bisogna tenere alta l’attenzione!

    Commenti TUTTO IL RESTO U SAPITI :yes: :yes: :catania: :sciarpa: :salve: :salve:

  15. Ip Address: 79.51.178.160

    Stampa: Entusiasmo a mille, Bergessio recupera, Pulvirenti ribadisce

    La rassegna dei quotidiani in edicola: Caldo abbraccio per il Catania. Oltre mille tifosi sono accorsi a Torre del Grifo in occasione della prima seduta d’allenamento a porte aperte dopo mesi di lontananza. Occhi puntati sui Bergessio che pare recuperato. Pulvirenti ribadisce l’incedibilità dei titolari.
    :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  16. Ip Address: 79.51.178.160

    Pulvirenti: Vi spiego perché non cedo i big (Il Corriere dello Sport)

    “il presidente del Catania illustra le strategie societarie e accarezza l’europa

    “Pulvirenti «boom». A mercato appena iniziato, il presidente del Catania ne ha per tutti. E spiega nel dettaglio i motivi per cui nessuno dei titolari dell’attuale «rosa» andrà via prima di giugno: « Sono stufo di leggere dell’interessamento di questa o di quella società per i giocatori del Catania – attacca – Io la mia l’ho detta il mese scorso e penso di essere stato sufficientemente chiaro: a gennaio il Catania cederà soltanto alcuni calciatori che hanno avuto meno possibilità dei compagni di mettersi in mostra; i cosiddetti big non si muoveranno da qui e per questo ho dato mandato ai dirigenti che si occupano del nostro mercato di rifiutare ogni offerta, anche la più allettante ».

    Catania (Tuttosport)

    “Oltre un migliaio di tifosi rossazzurri sono accorsi per riabbracciare il Catania nel primo allenamento a porte aperte del nuovo anno. A interrompere – per poco più di un mese e mezzo – la piacevole consuetudine, che prevede l’ingresso dei sostenitori per almeno un allenamento alla settimana, i lavori effettuati sul campo centrale – quello dotato di una tribuna capace di ospitare 1.900 persone – del Centro sportivo di Torre del Grifo. E così ultimati i lavori Rolando Maran – di concerto con la società etnea – ha voluto regalare ai giocatori il caldo abbraccio della tifoseria catanese. La tensione che si respira alle falde dell’Etna è diversa e decisamente positiva. Risultati e classifica sorridono infatti al Catania, nonostante diversi episodi negativi (decisioni arbitrali e un pizzico di sfortuna) abbiano impedito di avere almeno 5 punti in più rispetto agli attuali 25 che costituiscono pur sempre un bottino ragguardevole a 90’ dal giro di boa

    Bergessio e Salifù recuperano in vista del Torino (Il Giornale di Sicilia)

    “Allenamento a porte aperte per il Catania e grande rispostadaparte dei tifosi. Più di mille sostenitorihannoassistito alla seduta dei rossazzurri diMaran che preparano il match interno di sabato contro il Torino di Ventura. Marchese ha firmato l’unico goldella sfida in famiglia. In gruppo Bergessio e Salifu. Risentimento muscolare per Morimoto, a riposo così come Potenza, influenzato. Terapie per Alvarez. Lavoro differenziatoper Biagiantie riabilitazione per Sciacca: il centrocampistaè tornato a correre per la prima volta dopo l’intervento chirurgico dello scorso ottobre.

    In mille per il ritorno del Catania (Il Giornale di Sicilia)

    “La presenza di Bergessio in campo dà per scontato l’impiego dell’attaccante argentino contro il Torino

    “Torre del Grifo,nonpoteva esserci accoglienza più calorosa per i rossazzurri al loro primo allenamento a porte aperte del nuovo anno

    “Potenza non si è allenato per l’influenza; in terapia Alvarez (problema tendineo), Lavoro differenziato per Biagianti; prima sgroppata per Sciacca.

    “Insomma,aconti fatti la rosa a disposizione di Maran è abbastanza ristretta e lo potrebbe essere ancora di più se almeno tre-quattro atleti andranno via con il mercato di gennaio, come sembra. Ieri, intanto, lo staff tecnicohaprevistounintenso programma di allenamento. In mattinata test per verificare la condizione atletica e poi esercizi in palestra.Nelpomeriggio, con la straordinaria cornice di tifosi, esercitazioni sui calci piazzati, che restano una prerogativa della formazione etnea, e partitella con il campo su diverse grandezze. In evidenza Marchese che ha segnato l’unica rete della confronto a squadre contrapposte e che non sembra assolutamente risentire del “caso” che lo riguarda: il mancato, fino ad ora, rinnovo del suo contratto che scadrà a giugno di quest’anno. La società si è dichiarata più volte sicura della correttezza del calciatore, anche se radiomercato rilancia l’ipotesi di unsuo accordo già sottoscritto con il Genoa. Si torna a parlare, inoltre, di una ripresa della trattativa per portare Adrian Ricchiuti all’Ascoli, che già lo voleva a inizio stagione. Il centrocampista argentino non rientra nei piani di Maran e accetterebbedibuongrado la categoria inferiore pur di poter giocare.

    Maran torna a parlare con serenità di Pescara:non siamo stati cinici (Il Giornale di Sicilia)

    “Con il Torino non potrà mancare concentrazione e qualità del gioco, non solo perché la partita è alMassimino, maanche perché bisogna ripartire col passo giusto e stabilire un record al giro di boa: quella quota 28 che è anche un grandissimo passo verso la salvezza con grande anticipo. Formazione, intanto, da verificare, a cominciare dal sostituto di Alvarez: Bellusci o Rolin?

    Solo ipotesi e disegni tutta colpa della legge Complicati i casi di Napoli, Lazio e Fiorentina (Il Corriere dello Sport)

    “A Palermo sembrava che Zamparini fosse pronto a costruirsi nel giro di qualche ora il nuovo impianto. Adesso non se ne parla più. Complicatissime le situazioni a Napoli e Firenze. In una dimensione più operativa sembra essere entrata l’Inter; in stand by il progetto del nuovo stadio del Catania al Librino. Tra le nebbie si sono persi i progetti del Siena e della Samp, in attesa di tempi migliori quello del Pescara.

    Catania, mille occhi su Bergessio (La Sicilia)

    Il centravanti argentino si muove con cautela. Per ora Maran schiera Castro tra i titolari

    “Entusiasmo in tribuna, con goliardici inviti di rinnovo contrattuale per Marchese. Si ferma Morimoto, ritorna Salifu. Biagianti e Sciacca migliorano

    “Tutti gli occhi incrociano lo sguardo di Bergessio. Gonzalo guarda la tribuna e poi scatta. Improvvisamente: cambio di direzione, corsa decisa e più fluida di quel che avemmo immaginato. Gioca, però, con le presunte riserve perché Maran va sul sicuro e s’affida a Castro, inserendolo nel tridente offensivo dei piccoletti, con Gomez e Barrientos ai lati. Gonzalo, dunque, in attesa che torni «Golzalo» si impegna, ma durante la partitella insisterà in un solo contrasto pericoloso, quello con Spolli che ha la meglio ed esce palla al piede dalla propria area. «Marchese, firma», grida il pubblico. Lo fa Lodi, a fine giornata, su uno striscione con il numero 10 azzurro e con la scritta rossa. Ma proprio Ciccio è un obiettivo di mercato delle grandi. Il Catania non lo cede, ma l’Inter insiste, il Milan sta all’erta, la Juve monitora. Vuoi vedere che… Maran, dunque, schiera la formazione base? Possibile, perché da una parte si muovono in sintonia Andujar; Bellusci, Legrottaglie, Spolli, Marchese; Izco, Lodi, Almiron; Barrientos, Castro, Gomez. Dall’altra parte, rispondono Frison; un Primavera, Augustyn, Rolin, Capuano; Salifu, Paglialunga, Ricchiuti; Doukara, Bergessio, Keko. Chi manca all’appello? Morimoto, che ha accusato un malanno muscolare, Potenza (febbricitante), Alvarez (infortunato, salta Torino). Ai bordi del campo corrono, cronometro in mano, Biagianti e Sciacca. Migliorano, forse capitan Marco rienterà tra i 23 convocati di sabato.

    L’abbraccio ritrovato (La Gazzetta dello Sport)

    Al lavoro di nuovo tutti insieme, i tifosi scaldano il Catania

    “Arrivano in mille alla ripresa dopo le festività. Lo striscione più grande è per Lodi Tanto affetto e applausi per Marchese, una spinta al club per il suo rinnovo

    “Mille persone, un abbraccio sincero, quasi asfissiante. Dopo due mesi di lavori sul campo centrale, il village rossazzurro apre ai tifosi che attendevano impazienti questo momento da condividere con la squadra, sorpresa della serieAinsieme alla Fiorentina. E i giocatori ringraziano e respirano a pieni polmoni l’aria di ottimismo, beneficiano degli incoraggiamenti che arrivano dalla tribuna. I tifosi applaudono. Il primo giro di campo, la prima e unica marcatura della partitella (Marchese), i gol sfiorati da Almiron e da Augustyn, le parate di Frison e di Andujar, il numero di Lodi su punizione. Tutto fa spettacolo. E che spettacolo. Il Catania è in forma e avverte il Torino che si trova in ritiro a un passo, a Ragusa.

    :heart: :heart: :sciarpa: :sciarpa:

  17. Ip Address: 87.3.103.185

    Un caro saluto a tutti gli amici tifosi.
    Leggo adesso la richiesta di Vittorio al quale rispondo: non c’è una giornata di campionato, dico una che faccia registrare reti dall’89’ al 95′, tante volte si tratta di reti ininfluenti ai fini del risultato, altre determinanti.
    Dal momento che mi hai fatto una richiesta specifica ti rispondo e mi viene facile farlo perchè nel mio personale registro appunto oltre al nome dei marcatori anche il minuto.
    Ebbene, tralasciando le reti ininfluenti ai fini del risultato possiamo registrare:
    1^ giornata Fiorentina-Udinese 2-1 con rete di Jovetic al 92′ poi Roma- Catania 2-2 con rete di Nico Lopez al 93′.
    2^ giornata Cagliari-Genoa 1-1 con pareggio del caglieritano Ekdal al 92′.
    3^ giornata Palermo-Cagliari 1-1 con rete del pari di Sau all’89’ e Roma-Bologna 2-3 con rete della vittoria del Bologna di Gilardino al 91′
    4^ giornata Parma-Fiorentina 1-1 con rete del pari di Valdes su rigore al 93′ dopo che la Fiorentina aveva sbagliato il rigore del raddoppio e ancora Atalanta-Palermo 1-0 con rete vittoria di Raimondi all’89’. E così via, settimana per settimana come alla 10^ quando il giovane Pogba ha dato la vittoria alla Juventus sul Bologna segnando la rete del 2-1 al 94′. E non continuo perchè riempirei tutto il sito.
    Come puoi notare le disattenzioni ci sono sempre state, il Catania ha avuto la sfortuna che quelle sue sono state determinanti perchè ha perso ben 5 punti (2 a Roma, 2 a Udine e 1 a Pescara), ma anche le altre squadre hanno motivo di piangere, che dire del Napoli raggiunto dal Torino all’11^ giornata al 92′ da una rete di Sansone e superato dal Bologna in casa per 2-3 con due reti maturate nei minuti finali?

  18. Ip Address: 87.3.103.185

    Nella prima frase del post è saltato in «non», quindi che non faccia registrare.

  19. Ip Address: 93.46.46.43

    Saluti a tutti voi. In vista della riapertura della campagna acquisti, considerato che il Presidente Pulvirenti ha più volte ribadito che il Catania non “smonta” per soldi(euro) e non avendo la voglia di inventare compra-vendite fittizie per stimolare dibattito “giornalaio” falso, mi sono tolto lo sfizio, “alla luce di quanto avvenuto fino adesso sul campo”, e non per pura fantasia, di provare a pensare cosa potrebbe riservarci il futuro. Nulla di serio o di pretenzioso, semplicemente una esercitazione mentale per tenere vivo il dibattito tra amici. Personalmente gradisco tanto fare l’analisi dei fatti accaduti perchè fanno “esperienza”, però mi piace anche non aspettare a bocca aperta che le pere cadino dall’albero, ogni tanto vado a controllare lo stato di maturazione. Saluti affettuosi :salve: :sciarpa:

  20. Ip Address: 87.21.144.3

    Buonasera raga’!!!
    Il Presidente, a Gennaio, non vende nessuno dei Big ma in Estate …….. :wacko: . ci saranno molti che scapperanno, a noi ci rimane :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

    Forza Cataniaaaaaa!!! :catania: :catania: :catania:

    Sogni rosso e azzurro a tutti!!! :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  21. Ip Address: 93.46.39.27

    Buon giorno a tutti voi con :heart: e :salve: .Giorgio, personalmente ho avuto sempre stima del Presidente Pulvirenti per l’equilibrio, la serenità e la coerenza con la quale ha affrontato i problemi, il giorno 2 e tutto ciò che è seguito ne sono la testimonianza. Personalmente sono convinto che, a giugno, andranno via uno o due al massimo dei giocatori che compongono la rosa attuale, per le necessità normali di fare cassa e mantenere sempre il bilancio in attivo (ma questo è il destino e la fortuna delle cosiddette provinciali) e che le loro partenze, se non lo sono già, saranno integrate nell’organico attuale senza sconvolgimenti di sorta. Il Catania, dopo quanto realizzato, ha dimostrato di possedere le peculiarità necessarie e sufficienti per essere collocare tra le squadre che meritano la serie maggiore. Saluti

  22. Ip Address: 87.17.18.217

    Buongiorno raga’!!! :salve: :salve: :salve:
    Ciao Rosario!!! :bye: :bye: :bye:
    Vero Rosario quello che scrivi, anch’io ho stima per il Presidente che fa gli interessi del Calcio Catania perche’ e’ anche un tifoso ma se altre societa’ offrono gli ingaggi superiori ai nostri sono “azzi amari”!!! Chi fermera’, Marchese, Spolli, Lodi, Almiron, Bergessio e Gomez. Non ci metto Barrientos che ancora si deve esprimere bene come giocatore.

    Buona giornata a tutti!!! :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  23. Ip Address: 93.46.43.22

    Giorgio, se ancora i contratti hanno un valore legale; Se i contratti possono essere “adeguati” Se l’appartenenza ad una squadra che tiassicura non solo l’oggi ma anche il domani; Se essere inserito in uno “spogliatoio collaudato”; Se fare parte attiva di meccanismo che funziona o rischiare l’inserimento in un nuovo spogliatoio hanno un significato, a volte, prima di cambiare, ci pensi. Questo vale non solo per i calciatori. Silvestre insegna. Se poi, vogliono andarsene tutti, che se ne vadano.Vuol dire che il Presidente racimolerà somme di una certa consistenza, non potrà essere accusato di smantellare e, per mantenere vivo l’interesse dei :sciarpa: si dovrà accollare l’esigenza di rinnovare la squadra con tutti i rischi che questo comporta. Ma, sottolineo, la mia impressione e che i sostituti oer gli eventuali partenti già li abbiamo in casa. Dico questo perchè al di la delle continue e disorientanti voci di mercato alimentate da chi ha interesse a farlo, credo che i Dirigenti catanesi sanno meglio di ognuno di noi chi sono i giocatori effettivamente richiesti dal mercato. Per conto mio Pulvirenti e soci si…non sono della Galbani ma… forse l’azienda Catania la sanno condurre bene. (Galbani vuol dire fiducia… ricordi questa pubblicità ? ) Ciao con affetto :salve: :catania: :sciarpa:

  24. Ip Address: 87.3.103.185

    Un caro saluto a tutti gli amici tifosi.
    Ciao Giorgio.
    Ciao Saretto, condivido in pieno i tuoi post n.21 e n.23.
    Riguardo quanto scrivi nell’articolo non volevo certo offenderti definendo il tuo lavoro lodevole, ma fine a se stesso, semplicemente…in questo momento le pere sono troppo verdi per poterne saggiare il loro stato di maturazione.
    Riproponi lo stesso lavoro a nove giornate dal termine (ultima fase del campionato) e assieme a te mi sbilancerò nel fare il mio pronostico.
    Per quanto riguarda il Catania dopo 25 punti in 18 partite è naturale che i 50 punti sono alla portata della squadra rossazzurra, ma tu ricordi benissimo cosa è accaduto con Montella nella fase finale del campionato, pertanto aspettiamo ancora un po’.
    Con amicizia.

  25. Ip Address: 85.41.235.41

    Buongiorno a tutti…
    concordo con i 50 punti, basta non fare l’errore dell’anno scorso e diventare i BENEFATTORI….

    In tanto cominciamo a battere il Torino che fuori casa ha fatto quasi sempre risultato, sarà una partita dura e difficile.

    Un passo alla volta abbiamo 2 partite in casa da sfruttare al meglio, con 6 punti in più si può sognare….

  26. Ip Address: 87.17.18.217

    Salve raga’!!!
    Caro Saretto, spero che hai ragione tu. :wacko: :wacko: :wacko: :good: :good: :good:
    Ciao Prof. e joe!!! :bye: :bye: :bye:
    Tutti ci ricordiamo i punti persi nel girone di andata del campionato dell’anno scorso, spero che i Nostri abbiano cambiato atteggiamento.
    Adesso con due partite di fuoco contro il Torino e la Roma cerchiamo, non sara’ facile, di far valere la legge del Massimino cioe’ giocare con intelligenza, con il cuore e grinta.

    Forza Cataniaaaaaaa!!! :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  27. Ip Address: 87.17.18.217

    CATANIA, 23 convocati per il Torino
    04.01.2013

    Al termine di un’intensa seduta d’allenamento, svolta in mattinata a porte chiuse a Torre del Grifo e seguita dalla conferenza pre-gara, il tecnico del Catania Rolando Maran ha convocato 23 giocatori. Rossazzurri in ritiro da stasera, in vista della sfida in programma domani alle 18.00 allo stadio “Angelo Massimino” contro il Torino F.C., gara valida per la diciannovesima giornata del girone d’andata del Campionato Serie A Tim 2012/13.

    Questi gli atleti a disposizione:
    Portieri –
    21 Andujar, 1 Frison, 29 Terracciano.
    Difensori –
    18 Augustyn, 14 Bellusci, 33 Capuano, 6 Legrottaglie, 12 Marchese, 2 Potenza, 5 Rolín, 3 Spolli.
    Centrocampisti –
    4 Almiron, 28 Barrientos, 19 Castro, 13 Izco, 10 Lodi, 16 Paglialunga, 24 Ricchiuti, 30 Salifu.
    Attaccanti –
    9 Bergessio, 35 Doukara, 17 Gomez, 26 Keko.

  28. Ip Address: 93.46.45.142

    RAGAZZI ANDATE A VEDERE SU YOU TUBE SEDE CALCIO PALERMO AHAHAHAH CHE RISATE !!!!!! FORZA CATANIA :sciarpa:

  29. Ip Address: 93.46.41.230

    Cari giovanotti! Personalmente ho fatto una previsione e niente di più. Giusta o sbagliata che sia, il suo scopo era quello di sollevare il dibattito tra quanti, in questo sito, con interesse ed affetto mostrano il loro attacamento alla :sciarpa: .Professore, nessun problema personale, meglio consultare dati di fatto (cuore delle statistiche) che indicano strade e fatti futuri più prevedibili, che azzardare previsioni. Ma noi, qualora tali previsioni non si dovessero verificare, non ci strappiamo i capelli. Con sincera stima, Saretto :good: :mail: :yahoo: :catania: :sciarpa:

  30. Ip Address: 212.195.241.127

    Ciao Saretto
    Sono d’accordo con te , avevo pronosticato che chiuderemo a 61 :sciarpa: :sciarpa: e spero che sia anche la previsione della società, ma un motivo c’è di questa affermazione, l’anno scorso l’obiettivo era di superare il record……e tutti sapete come è finita, Lo Monaco e Montella già a metà campionato volevano cambiare aria, i giocatori erano abbandonati a se stessi cosi alla fine ad obiettivo raggiunto la salvezza, tutti hanno ceduto, quest’anno non sarà cosi Gasparin resta e Maran vuole restare ed i giocatori hanno tutto l’interesse di chiudere in bellezza, se poi proprio non arriviamo a 61 me ne faro’ una ragione senza stapparimi i capinni.

    Prof le tue statistiche sono sempre interessanti ma fortunatamente il calcio e bello perchè molte volte vengono smentite, e come giustamente facevi notare Chelsea QPR
    0 A 1 :bye: :bye:

  31. Ip Address: 87.3.103.185

    Un caro saluto a tutti gli amici tifosi.
    Ciao Vittorio, mancano 20 partite alla fine e il mio cuore di tifoso vorrebbe che il Catania facesse 60 punti, ma chi ragiona solo da tifoso rischia di essere poco obiettivo.
    il Catania l’anno scorso non ha mollato a metà campionato, ma a 7 partite dalla fine quando aveva 43 punti ed era a soli 2 punti dall’Inter, poi nelle ultime 7 gare ha conquistato soltanto 5 punti.
    Adesso il Catania ha 25 punti dopo 18 partite, ma se io dicessi come te che chiuderà a 61 punti mi sentirei solo un tifoso e non un osservatore obiettivo.
    Ammesso che il Catania batta il Torino (ci spero tanto ma temo il pareggio) chiuderebbe a 28 punti il girone d’andata.
    Fare 33 punti nel ritorno con l’organico del Catania mi sembra cosa impossibile.
    Chiudere a 61 significherebbe chiudere al 5°posto e questa mi sembra una previsione da tifoso non da osservatore obiettivo.
    A meno che io, dopo oltre 50 anni che seguo il calcio non riesca più a valutare il reale valore delle squadre, escludo categoricamente che il Catania possa andare oltre il settimo posto.
    Poi, da tifoso, sogno che il Catania diventi l’anti Juve e che riesca a fare anche 40 punti in 20 partite.
    Di tanto in tanto anch’io sogno, poi mi arriva “una secchiata d’acqua gelata in faccia” mi sveglio e scopro che Togni al 95′ ha condannato il Catania alla sconfitta
    (a Pescara, non fuori casa contro la Juventus).
    Con stima.

  32. Ip Address: 93.46.34.70

    Con la Chiarezza di un Professore dirò:La cosa che più rende interessante e sereno questo scambio di idee sta nel fatto che la premessa all’oggetto del nostro dialogo è la scontata salvezza.Forse, in una scala graduata, il “salto di qualità” consiste proprio in questo. Desidero ricordare al Professore che esiste una connessione “tra causa ed effetto”. Se cerchi di eliminare le cause gli effetti non si materializzano. E’ stato Togni a condannare il Catania a Pescara(effetto), oppure Almiron dissennato a provocare un inutile punizione (causa)? Mi piace dialogare con voi e scambiare opinioni e questo giustifica la mia presenza in questo sito.Cordiali ed affettuosi(mi sono lasciato andare ?) saluti, Saretto :salve: :whistle: :catania:

  33. Ip Address: 87.3.103.185

    Ciao Saretto il filosofo scozzese David Hume ci insegna che non sempre le stesse cause producono gli stessi effetti.
    Ma mettendo da parte Hume credo che la causa non sia stato Almiron ma chi vedendolo trascinare penosamente per il campo non l’ha sostituito negli ultimi 5 minuti con un calciatore più fresco.
    Un caro saluto.

  34. Ip Address: 93.46.34.70

    Senza disturbarbare i filosofi, tu pensi che i giocatori sono senza cervello ? Ricambio :salve: :catania: :sciarpa:

  35. Ip Address: 87.3.103.185

    Saretto leggo adesso il tuo post e ti rispondo: tutti coloro che hanno praticato uno sport qualsiasi sanno bene che ci sono dei momenti in cui la fatica e la situazione agonistica annebbiano le idee.
    Tutti gli atleti sono in grado di ragionare, ci mancherebbe, ma ci sono dei momenti in cui la fatica e la foga agonistica :sciarpa: :sciarpa: non consente loro di riflettere; è compito dell’allenatore cogliere determinate situazioni e intervenire.
    A tutti una buona serata.

  36. Ip Address: 93.46.34.70

    Ma quanti giocatori dovrebbe sostituire contemporaneamente? Saluti :catania: :sciarpa:

  37. Ip Address: 79.51.178.160

    BUONASERA A TUTTI FRATELLI DAL :heart: :catania: Torino? Ricordo……”Sala&Fascetti nella sfida infinita per la Serie A”
    Il nostro Ettore nel primo appuntamento del nuovo anno con la sua rubrica, ci parla della volata finale tra Catania e Torino per la promozione diretta in Serie A, e dei famosi commenti di Sala e Fascetti, opinionisti di “Mix Sport”, unica finestra sulla serie B in quel 2005/06.
    :sciarpa: :sciarpa: :salve: :salve:

  38. Ip Address: 79.51.178.160

    Divertiti durante le feste? Con la pancia piena di panettoni, torroni e scacciate varie, ci lasciamo alle spalle un 2012 pieno di soddisfazioni, sperando in un anno nuovo ancora più ricco di avvenimenti positivi per i nostri colori. Concentriamoci immediatamente sulla prima battaglia del 2013: Sabato affronteremo il Torino, neopromossa dal cammino altalenante.

    Nonostante il discreto organico e la guida di un allenatore d’esperienza come Ventura infatti i granata non sono riusciti a dare una vera e proprio fisionomia al loro gioco, il loro campionato per il momento è anonimo, anche se si trovano in una posizione più o meno tranquilla a quattro punti dalla zona rossa. Il granata per i tifosi etnei è un colore poco gradito da qualche anno a questa parte. Più precisamente dalla stagione 2005/06, quello della promozione in serie A.

    Infatti quell’anno tra le due squadre ci fu una vera e propria “volata finale” per il secondo posto e quindi la promozione diretta senza passare dai play off. I personaggi principali della squadra torinese, non brillarono di sportività e simpatia nelle dichiarazioni rilasciate alla stampa durante la stagione. Ricordiamo i continui “dolori”del presidente Cairo e dell’allenatore De Biasi. Ma ciò che fece traboccare il vaso della pazienza fu il sospetto, per alcuni malcelato, tifo mediatico pro-Torino espresso dalla Rai ed impersonato, volenti o nolenti, da due personaggio che un po’ tutti i cuori rossazzurri ricorderanno: L’accoppiata Sala – Fascetti, opinionisti fissi del pomeriggio sportivo di Rai 3 che in quella stagione era l’unica finestra della serie B, “Mix Sport”.

    Scelta accurata o casuale, comunque singolare: Claudio Sala fu una vera e propria bandiera del Torino avendo vestito la maglia granata per ben undici stagioni vincendo anche uno scudetto. Eugenio Fascetti aveva allenato la squadra piemontese per una stagione. Insomma due commentatori, osservatori, opinionisti per tradizione non certo al di sopra di ogni sospetto che escludesse una loro simpatia “pro Torino”.

    Come tutti ricorderete, per noi tifosi delle squadre della cadetteria quello fu un anno terribile: La stagione 2005/06 fu la prima giocata interamente di sabato pomeriggio, tanto che alla prima giornata ben sei partite non vennero disputate per la protesta dei sindaci di alcune città contrarie alle partite di sabato. Ma il trauma vero fu la mancanza di un’emittente televisiva che trasmettesse tutte le partite, infatti Sky acquistò solo anticipi e posticipi , mentre le partite del sabato furono comprate dalla Rai, che quell’anno, in quanto ad organizzazione a livello di programmi calcistici, non brillò.

    Risultato? Il sabato trasmettevano in alta frequenza solo una partita, Atalanta, Torino, Catania quasi mai nonostante militasse ai vertici della graduatoria. Al contempo, un orribile “riquadretto” in bassa frequenza faceva vedere le reti delle partite dei campi non collegati. Il supplizio però non finiva qui, infatti nell’intervallo ed a fine partita, eravamo anche costretti a sopportare monologhi celebranti la gloria del Torino. All’inizio non davamo molto credito alle loro parole, ma quando il duello tra Torino e Catania cominciò ad accendersi, i loro commenti cominciarono ad essere sempre meno accettabili per il campanile rossazzurro, tanto che sugli spalti degli stadi dove andava a giocare il Catania, come anche in casa, cominciarono ad apparire stendardi e striscioni contro i due personaggi. Anche piuttosto violenti, verbalmente. Come da foto.

    La volata finale tra Torino e Catania, iniziò il 21 aprile 2006, alla diciassettesima giornata del girone di ritorno. Gli etnei prima di quella giornata si trovavano al secondo posto con un “abbondante” vantaggio di ben sette punti sui granata terzi in classifica.
    Quel giorno Il pareggio interno nel posticipo serale del Catania contro il Verona per zero a zero e la contemporanea vittoria del Torino per uno a zero in casa contro l’Avellino fece accorciare il vantaggio a cinque lunghezze. A complicare definitivamente la situazione fu la sconfitta dei nostri beniamini a Modena per due reti a uno: Chi scorderà mai la doppietta dello sconosciuto Tamburini? La vittoria esterna dei nostri rivali a Trieste portò il distacco a solo due punti!

    Il Torino a quel punto aspettava disperatamente un altro passo falso degli Etnei. Infatti chiudendo il campionato con lo stesso numero di punti, a salire sarebbero stati i piemontesi avendo gli scontri diretti dalla loro parte (uno a uno in casa nostra e due a uno per loro a Torino). Da lì in poi nacque un vero e proprio duello a colpi di vittorie, dichiarazioni più o meno sportive e tante polemiche. Le proteste granata più grandi scoppiarono quando il Catania per motivi di ordine pubblico disputò la trasferta contro un già retrocesso Catanzaro sul campo neutro di Lecce. La Lega Serie A decise infatti di far disputare quella partita in Puglia perché il piccolo stadio calabrese non avrebbe potuto ospitare i 10.000 etnei che volevano assistere all’incontro. A nulla valsero le lamentele granata, che intesero ciò come un favoritismo approvato dalla Lega Calcio per il Catania, la partita fu disputata nella città salentina e il Catania se la aggiudicò per tre reti a uno!

    Il singolare atteggiamento dei due commentatori nel corso del minuto di silenzio, non approvato dalla Lega ma rispettato con palla in movimento per commemorare la memoria dei tifosi etnei coinvolti in un incidente automobilistico sulla strada per Lecce, indusse il consiglio comunale a richiedere la registrazione del programma per valutare la possibilità di adire le vie legali al fine di tutelare l’onorabilità della città intera.

    A nulla valse neanche la promessa di un altro storico personaggio Granata, Emiliano Mondonico che in quella stagione allenava l’Albinoleffe. Infatti alla vigilia dell’ultima e decisiva giornata di campionato, dichiarò alla stampa che il Torino doveva pensare a vincere contro la Cremonese, e che a fermare il Catania ci avrebbe pensato la sua squadra. Come andò a finire invece ce lo ricordiamo tutti e ce lo ricorderemo per sempre!

    Il Torino si dovette accontentare dei Play off che vinse, battendo in una soffertissima doppia finale il Mantova solo dopo i tempi supplementari della gara di ritorno. Sabato cominciamo nel modo migliore questo nuovo anno, perché come dicevano i nostri nonni, il buongiorno si vede dal mattino!

    :catania: :yahoo: :heart:

  39. Ip Address: 95.235.30.159

    Buonasera raga’!!! :salve: :salve: :salve:
    Ciao Chiarezza, Prof. e Saretto!!! :bye: :bye: :bye:
    Ben vengano i tuoi commenti Saretto!!! :good: :good: :good:

    Faccio il copia e incolla dei primi trasferimenti del Catania sul sito ufficiale della legaseriea.it calcio mercato e con sorpresa scopro il nome di un giocatore di cognome Maran, forse sara’ il figlio del Mister? :mail: :mail: :mail:

    Data trasferimento Nome giocatore Tipo di trasfer. Squadra di proven..

    04/01/2013 Maran Gianluca Temporaneo Mezzocorona
    03/01/2013 Bria Mario Rientro prestito Cosenza
    03/01/2013 Franchina Gabriele Rientro prestito Brindisi

    Sogni rosso e azzurro a tutti!!! :catania: :catania: :catania: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  40. Ip Address: 95.235.30.159

    Salve raga’!!!
    Secondo me ho fatto uno scoop giornalistico che ancora nessuno, fino a questo momento, non hanno pubblicato sui nostri siti catanesi.

    Copia e incolla da Corriere Alpi Trentino

    Gianluca Maran a Catania con il papà Rolando
    Calcio. Il terzino lascia il Mezzocorona, giocherà nella squadra Primavera della società etnea

    di Daniele Loss

    RENTO. Gianluca Maran lascia il Mezzocorona e raggiunge papà Rolly al Catania. Tutto vero: il 18enne difensore sveste la maglia gialloverde, prende armi e bagagli si trasferisce in Sicilia. Maran, esterno mancino classe 1994, giocherà il resto della stagione nella formazione “Primavera” del Catania e inizierà il proprio percorso nel calcio che conta, dopo essersi fatto le ossa in Piana Rotaliana. Per l’ufficialità bisognerà attendere il 2 gennaio, giorno in cui riaprirà il mercato delle società professionistiche, ma il trasferimento nell’isola del giovane Maran è cosa fatta.
    Ieri il giocatore è salito per l’ultima volta al “Comunale” di via Santa Maria, ha salutato i compagni e oggi sarà già a Catania con il papà Rolando, che dirigerà il primo allenamento post-natalizio della squadra etnea. Diciotto anni compiuti a maggio, il giovane Maran è un esterno mancino in grado di giocare sia nel ruolo di terzino, sia come esterno alto in un centrocampo a quattro. Dopo aver militato nelle formazioni Giovanissimi nazionali e Allievi Nazionali del Mezzocorona, Gianluca Maran all’inizio della scorsa stagione è stato promosso in prima squadra. Per lui metà campionato agli ordini di Stefano De Agostini (con poco spazio, visto che a sinistra giocava l’esperto Pellizzari), prima del trasferimento al Real Vicenza, formazione che militava nel torneo d’Eccellenza veneto. L’esperienza fuori dai confini provinciali è durata però pochissimo: nella finale regionale di Coppa Italia, disputata un anno fa, Maran è incappato in un grave infortunio (rottura del legamento crociato del ginocchio) che l’ha costretto ad operarsi e ad un lungo stop.
    In estate il ritorno in campo e subito una maglia da titolare per il calciatore trentino, preferito al coetaneo Pisetta sia da Beppe Orsini che da Max Giacomotti, attuale allenatore della formazione gialloverde. Nel girone d’andata Maran ha collezionato 15 presenze ed è stato uno dei giocatori più utilizzati dai due tecnici trentini, segno tangibile della crescita operata dal mancino di Trento.
    Adesso una nuova avventura, diversa e decisamente più entusiasmante con la supervisione di papà Rolando, uno dei tecnici emergenti della serie A (il Catania è a metà classifica ma ha di che recriminare), che regalerà sicuramente qualche consiglio importante al figlio Gianluca. Intanto un altro giovane trentino sbarca nel calcio “vero”.

  41. Ip Address: 80.183.39.151

    Buonasera a tutti, gente!

    Chiarezza, grazie per le parole di conforto. Speriamu ca u Signuri t’ascuta!

    Lux. mi fai moriri quannu rici ca avemu tutti i rfecord negativi! Ma è veru!

    E non solo, tutte le volte che un attaccante deve raggiungere, che ne so, quota 100? Se gioca con noi addirittura arriva a 101!! 🙁

  42. Ip Address: 79.51.178.160

    BUONGIRNO A TUTTI FRATELLI DAL :heart: :catania: CIAO GIORGIO BUONA SPESA :salve: :salve:

  43. Ip Address: 79.51.178.160

    :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :heart: :heart: :heart: :heart:
    Il conto alla rovescia è partito. Il Catania, che ha sempre affermato di ambire primariamente alla salvezza, sa bene quanto sia importante, per avvicinarsi all’obiettivo, vincere contro il Torino. Un successo consentirebbe infatti ai rossoazzurri di conquistare quota 28 punti, portandosi così a -12 dai 40 tradizionalmente sufficienti per assicurarsi la permanenza in A. A detta di molti questo Catania ha un organico che potrebbe puntare a qualcosa di più “appetitoso”, ma meglio mantenere i piedi per terra. Perché nessuna delle compagini che precedono in classifica gli etnei è intenzionata a mollare, ogni squadra è determinata a dare filo da torcere a chiunque per raggiungere gli obiettivi prefissati. Il fatto che club con un budget superiore a quello del Catania navighino in cattive acque, e presto potrebbero uscire rafforzati dal mercato di “riparazione”, avvalora la tesi del divieto di rilassarsi. :sciarpa: :sciarpa:

  44. Ip Address: 79.51.178.160

    LE PROBABILI FORMAZIONI (3-5-2) Andujar; Rolin, Legrottaglie, Spolli; Izco, Castro, Lodi, Almiron, Marchese; Gomez, Bergessio.

    (4-3-3) Andujar; Rolin, Legrottaglie, Spolli, Marchese; Izco, Lodi, Almiron; Castro, Bergessio, Gomez.
    :good: :good: :catania:

  45. Ip Address: 88.66.45.177

    Buondì
    il toro va chiuso in un angolo e poi ca funcia ci n’ammadari tanti finu a fallu addivintari puppetta
    Fozzzzaa :catania: :catania: :catania:

  46. Ip Address: 79.56.192.25

    Buongiorno raga’!!!
    Ciao Angelo, stamattina l’elenco della spesa e’ corta finalmente!!! :bye: :bye: :bye:
    Ciao Mongibello e Lux!!! :bye: :bye: :bye:
    Speriamo stasera che i Nostri ci regalano una bella Befana senza “carbone nero”!!!

    Forza Cataniaaaaaaaa!!! :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

    Buona giornata a tutti!!! :good: :good: :good:

  47. Ip Address: 93.46.40.149

    Buongiorno a tutti. Professore, plaudo alle sue considerazioni garbate e cortesi.Con sincera amicizia, Saretto. Battiamo il Torino e incassiamo i tre punti.Almeno questo è il nostro desiderio. Però questi sono venuti a “riscaldarsi in Sicilia” e ad ammirare le bellezze di Ragusa Ibla. Spero che la voglia di turismo ha prevalso sul “riscaldamento”. A dopo e :yahoo: :catania: :sciarpa:

  48. Ip Address: 87.3.103.185

    Un caro saluto a tutti gli amici tifosi.
    Saretto fra tifosi il lei è abolito.
    Sono d’accordo battiamo il Torino, ma questo Torino fuori casa è una squadra che non lascia giocare.
    Si chiudono molto bene e hanno perso solo due partite su nove, comunque non c’è due senza tre, speriamo bene. :sciarpa:

  49. Ip Address: 92.139.119.105

    Buongiorno a tutti pari

    Quando faccio la mia analisi lo sottindeso varie volte, che parlo chiaramente di “sogno di tifoso” ma dico anche presuntuosamente che conosco l’ambiente che c’è negli spogliatoi…………..e vi assicuro che l’anno scorso in quello del Catania c’era un aria irrespirabile dovuta a Lo Monaco e Montella il quale caro Prof ti posso assicurare , è un allenatore super valutato dai giornali e con un deratano grande quanto una casa, per ora le cose gli vanno bene come a Catania grazie alle società prima Catania e dopo Firenze dove ha trovato un DS Pradè profondo conoscitore di calcio che gli ha fatto una squadra che se non va in Champion’s ha fatto un campionato fallimentare, ma vedremo alla fine, poi aggiungo anche che il girone di ritorno ci riserverà molte sorprese dovuto anche alla preparazione atletica che le squadre hanno svolto e li mi lancio in un’altra considerazione………….la Roma terrà?
    la Lazio per me migliorerà, La Fiorentina per il potenziale sarebbe da Champion’s vedremo cosa farà lo scienziato per non arrivare nei primi 7 , la Juve vincerà il campionato solo se viene eliminata della champion’s se no rischia di restare a mani vuote restano Milan e Inter tutti e due dipendono dal mercato di gennaio, Giorgio non mi sono dimenticato del Napoli solo che non lo vedo proprio, Mazzarri va via? De Laurentis ci crede e se ci crede deve fare minimo 4 acquisti importanti se no ci sarà una discesa impensabile….per la retrocessione si salvano tranquillamente Palermo Cagliari Genoa e Sampdoria , tolgo Parma , Atalanta e Catania nel limbo della metà classifica tra i primi 10 restano Pescara Torino Siena Chievo e Udinese si proprio l’Udinese che lotteranno per non retrocedere!!

    Ora il Catania deve giocare non per la salvezza o il record ma per i 60 punti se entra in campo con questa mentalità puo’ fare quello che ha fatto sempre l’Udinese cioè arrivare sempre tra le prime, e mentre l’anno scorso o anche l’anno prima si poteva ma non si è potuto per varie ragioni quest’anno ci sono tutti i presupposti per fare un campionato che resterà nella storia del Ns. Catania , cosa che arriverebbe con un anno di ritardo, perchè se Lo Monaco confermava Simeone già l’anno scorso arrivevamo a 60 punti :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  50. Ip Address: 95.250.104.66

    Buongiorno a tutti,mi scuso se in certe occasioni non riprendo certi dialoghi dei vostri post,ma non sempre(purtroppo) ho il tempo di leggerli,perciò,spesso mi perdo alcuni passaggi.
    Ritornando per un attimo alle mie impressioni percepite nell’allenamento,come ho detto,spero di sbagliarmi e voglio essere ottimista come Vittorio :salve: e tanti altri di voi.

    Lux :bye: :salve: la mia preoccupazione sta anche nel fatto che le statistiche non sono delle migliori,però,queste di tanto intanto vengono sfatate perciò,può anche darsi come dici tu che,i ragazzi, ‘mettunu ‘ù ‘toru ‘nd’anangulu e ‘cca ‘fungia,’ccinni ‘rununu ‘tanti ‘finu ‘à ”fallu ‘addivintari ‘puppetta ahahahah…. :yahoo: :yahoo:

    Un saluto a tutti voi :bye: :salve: :good: :yahoo: :sciarpa: :catania:

  51. Ip Address: 95.250.104.66

    Ciao Vittorio,scrivevamo in contemporanea. :bye:

  52. Ip Address: 79.56.192.25

    Salve raga’!!! :salve: :salve: :salve:
    Ciao Chiarezza, Rosario e Peppe58!!! :salve: :salve: :salve:
    Ci avviciniamo alla partita dei Nostri contro il Torino che si chiude a riccio, quindi partita equilibrata chi sbaglia paga.
    Chiarezza, del Napoli provo solo simpatia.

    Forza Cataniaaaaaaaa!!! :catania: :catania: :catania: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  53. Ip Address: 79.51.178.160

    CIAO LUX I PUPPETTA DI TORO COMU SANU :yes: :yes: :yes: :catania: :catania: :sciarpa: :sciarpa:

  54. Ip Address: 88.66.39.143

    :salve: Angelo secunnu mia sanu boni :yes: :yes: :yes:
    Fozzzzaaa :catania: :catania: :catania:
    un saluto al resto della cumacca :bye: :bye: :bye:

  55. Ip Address: 93.46.43.209

    Questo è un Toro da non prendere per le corna perchè nel tentativo di “matarlo” presto, rischiamo di farci male. :yahoo: :catania: :sciarpa: occorre avere :whistle: :salve: e farlo stancare. Saretto

  56. Ip Address: 79.51.178.160

    LODI LODI CHE AI FATTO :wacko: :wacko: :unsure: :unsure:

  57. Ip Address: 79.51.178.160

    UN CALCIO DI RIGORE SBAGLIATO PECCATO MA STANNO METTENDO TUTTO IN CAMPO FORZA RAGAZZI :catania: :catania: :sciarpa: :sciarpa: :heart: :heart:

  58. Ip Address: 109.116.153.38

    partita storta, speriamo di uscire con un risultato positivo….

  59. Ip Address: 92.139.119.105

    Per me questa è una squadra che con la giusta mentalità arriva a 55 =60 punti
    per me grandiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii e bravi Barrientos e Almiron ma Bellusci su tutti

  60. Ip Address: 79.51.178.160

    UN PUNTO MEGLIO CHE NIENTE ANCHE SE MERITAVAMO DI PIU PER COME ANNO GIOCATO I NOSTRI RAGAZZI FORZA :catania: SEMPRE :sciarpa: :salve:

  61. Ip Address: 79.51.178.160

    Primo Tempo

    Catania che attacca da sinistra a destra dei vostri immaginari teleschermi.
    Calcio d’inizio affidato al Catania. Partita Iniziata.
    0′ Catania in possesso palla, Bellusci lancia Bergessio passaggio per Almiron, tiro dalla distanza del centrocampista fuori di poco.
    2′ Torino chiuso in difesa, Catania che non riesce a trovare spazi. Azione corale del Catania ma la difesa spazza.
    3′ Cross di Bellusci per Barrientos, che colpisce di testa il pallone ma è troppo alto e finisce fuori.
    5′ Catania che pressa alto. Recupera un buon pallone al centro campo.
    6′ Izco cross dalla destra, Angolo.
    7′ Angolo battuto, ma nulla di fatto rimessa dal fondo per il Torino.
    9′ Graziato dall’arbitro Spolli per un brutto fallo su Bianchi.
    11′ Punizione per il Catania zona centrocampo. Izco si invola fascia destra ma viene fermato.
    12′ Espulso Lodi. Pazzesco Catania in 10.
    14′ Punizione per il Torino da buona posizione. Cross al centro di Masiello, la difesa spazza.

    Lodi commette un brutto fallo, gomitata davanti gli occhi dell’arbitro. Rosso diretto.
    15′ angolo per il Torino, Tiro dalla distanza deviazione di Spolli, Andujar spiazzato riesce con le punta delle dita a devia un pallone destinato in rete.
    17′ azione del Catania ma l’assistente segnala fuorigioco.
    19′ Testa di Meggiorini che sfiora l’incrocio dei pali. Azione pericolosa del Torino.
    20′ Barrientos fascia destra per Izco atterrato il Area. Rigore.

    Rigore per il Catania. Batte Bergessio. Palooooooooooooooooooooooooooooooooo

    22′ Punizione per il Catania. Barrientos al centro la difesa spazza.
    23′ Cross di Vives dalla sinistra. Para in uscita Andujar.
    25′ Barrientos tiro dalla distanza. Fuori.
    26′ Gomez tiro dalla distanza indirizzato all’incrocio dei pali, Miracolo di Gillet che devia in corner.
    27′ Izco recupera un pallone al centrocampo in scivolata. Grandissimo!
    28′ Torino fallosissimo. l’arbitro non vede brutti falli.
    29′ Barrientos ammonito per proteste.
    30′ Punizione per il Torino dalla trequarti di campo. Cross dalla destra, Marchese spazza.
    32′ angolo per il Torino. Nulla di fatto, riparte il Catania che guadagna una rimessa laterale da buona posizione. Nulla di fatto.
    34′ Gomez cerca di aprire la difesa ospite ma procura un contropiede sulla ripartenza del Torino. Bianche per fortuna era in fuori gioco.
    36′ Torino in avanti. Catania riparte con Barrientos per Gomez che lancia Bergessio ma viene anticipato.
    39′ Barrientos lancia Marchese anticipato.
    39′ Gomez sulla ribatuta lancia Bergessio in area che purtroppo al momento del tiro cade ma riesce lo stesso a tirare. Il tiro debole rimbalza su Gillet in uscita e il pallone finisce fuori.
    41′ La porta stasera sembra stregata.
    42′ Marchese fascia sinistra fa a sportellate con il difensore ha la meglio ma Gomez non riesce a prendere il pallone passato da Marchese.
    nessun recupero

    Fine Primo Tempo

    Secondo Tempo
    Calcio d’inizio affidato al Torino.
    Partita iniziata.
    45′ Angolo per il Torino. Parata di Andujar.
    46′ Cross di Marchese la difesa spazza e Almiron guadagna una punizione da buona posizione. Barrientos al centro. Nulla di fatto.
    47′ Angolo per il Torino. Nulla di fatto.
    49′ Torino che prende coraggio, Azione corale cross dalla sinistra, testa di Marchese che spazza.
    Si riscaldano Capuano, Doukara e Castro.
    51′ Bergessio da fuori area, Gillet si distende e devia in corner. Nulla di fatto.
    54′ Cerci dalla distanza, altissimo sopra la traversa.
    55′ Bianchi solo davanti ad Andujar lanciato a rete, tiro telefonato per Andujar. Bianchi grazia Andujar.
    57′ Cambio per il Torino esce Gazzi per Birsa.
    59′ Almiron fa a Sportellate con Cerci ha la meglio il giocatore rossazzurro.
    59′ Ammonito Vives.
    60′ Serpentina di Cerci fuori dall’area di rigore. semina il panico ma è Almiron che spazza.
    62′ Azione del Torino esce Andujar e ferma tutto.
    63′ Catania che guadagna una punizione ma perde palla facilmente e il Torino riparte, cross dalla sinistra, tiro al volo fuori.
    65′ Cerci prende campo, tiro a girare dal limite dell’area di rigore verso l’incrocio dei pali fuori di un soffio. Da qui sembrava goal.
    66′ Bergessio esce per Castro.
    67′ Cerci sulla fascia sinistra sta facendo quello che vuole. Marchese è troppo stanco.
    69′ Punizione per il Catania.
    70′ Darmian ammonito per fallo su Izco.
    71′ Almiron da centrocampo tiro fortissimo ma centrale para Gillet.
    72′ Incredibile azione del Catania, Barrientos in velocità sulla destra, triangola con Castro viene atterrato ma Gomez recupera palla passaggio per Castro al centro ma il neo entrato tira pianissimo e paga Gillet.
    74′ Punizione per il Torino per fortuna il Torino è in fuorigioco.
    75′ Masiello ammonito. Punizione per il Catania. Nulla di fatto il Catania perde palla.
    77′ Cross dalla sinistra per il Torino para Andujar.
    78′ Azione per il Catania fascia sinistra Marchese lancia Gomez che invece di tirare o crossare butta il pallone fuori facendo un pallonetto.
    79′ Entra Verdi per Cerci.
    79′ Esce Almiron stanchissimo per Salifu.
    80′ Gomez ruba palla all’ultimo uomo del Torino viene atterrato ma l’arbitro lo ammonisce solamente.
    82′ Barrientos tira la punizione, angolo fuori di un soffio.
    83′ Espulso Maran.
    85′ Punizione per il Catania. Ribatte la difesa sulla ribattuta, Salufu dalla distanza tiro forte e preciso para Gillet.
    86′ Torino in possesso palla. Marchese spazza un pallone pericoloso in area.
    88′ Torino in avanti, cross dalla destra fuori di un soffio.
    89′ Marchese liberato in area tiro fuori.
    3 i minuti di recupero
    90 + 1′ Torino in avanti fuorigioco.
    90 + 2′ Cambio per il Catania esce Barrientos per Capuano.
    90 + 3′ Castro atterrato in area l’arbitro da simulazione.
    90 + 3′ Espulso Pulvirenti

    Fine Partita

  62. Ip Address: 87.3.103.178

    Un caro saluto a tutti gli amici tifosi.
    Ho dovuto aspettare che finisse il girone d’andata per vedere giocare contro il Catania la squadra peggiore della serie A: il Torino.
    Almeno per quanto visto stasera fra il Catania e il Torino c’è una categoria di diffferenza.
    In superiorità numerica per 80 minuti la squadra di Ventura non ha fatto un tiro in porta, sviluppando un gioco squallido fatto di passaggi orrizontali.
    Mai un affondo, mai una verticalizzazione, fallosi fino all’inverosimile si sono portati a casa un punto grazie a una buona dose di fortuna.
    Contro il Catania non avevo mai visto giocare una squadra così male, continuando a giocare così meriterebbero di finire in serie B. 🙁

  63. Ip Address: 87.3.103.178

    Sono due punti buttati contro una squadra che tolti Cerci e il portiere Gillet è da serie B.
    Sono molto rammaricato per l’espulsione di Lodi e il rigore sbagliato da Bergessio, ma stavolta a Maran non ho proprio nulla da rimproverare ha gestito bene la partita e bene i cambi.
    Per quel che ho visto io in 11 contro 11 il Torino di stasera avrebbe preso almeno due reti.
    A tutti una buona serata.

  64. Ip Address: 79.51.178.160

    A PARTE GLI EPISODI IL CATANIA A GRAZIATO UNO SQUALLIDO TORINO ANCHE IN DIECI IL CATANIA A FATTO LA PARTITA E CI A CREDUTO FINO ALLA FINE FORZA :catania: :salve: :salve:

  65. Ip Address: 79.49.43.86

    Ciao Angelo, Prof., Chiarezza, Saretto, Joe, Lux, Giorgio, Peppe, Catanista, e tutto u restu da cumacca! :salve:

    Peccato, peccato davvero, Lodi ha messo in crisi una squadra per un gesto deprecabile! Peccato anche per il rigore di Bergessio. Io onestamente avevo prensato che lo facesse battere a Barrientos e quando ho visto Bergessio sul dischetto mi sono preoccupato. Comunque pazienza, i ragazzi hanno giocato con il cuore e si sono impegnati tutti al massimo. Va bene così, come dice Chiarezza possiamo fare molto e si vede! Buona serata a tutti e anche buona domenica. :sciarpa:

  66. Ip Address: 88.66.39.143

    pensiamo a salvarci a me sti discorsi di 60 punti e via discorrendo mi fanno preoccupare non poco , però ognuno di noi e libero di dirla e raccontarla come vuole io nel mio piccolo vedo che abbiamo una buona squadra ma niente di più per questo mi tengo sulle mie abbiamo giocatori che non riescono a mantenere il top della forma per lungo tempo ma che anzi al contrario per ottenere risultati positivi
    fanno degli sforzi piscofisici non indifferenti e mi dispiace che molti non si accorgano di questo dato di fatto , io torno a ripetere se si vuole raggiungere a fine campionato una posizione di classifica prestigiosa bisogna assolutamente intervenire sul mercato inutile dire dove intervenire e ben noto a tutti
    e qui smetto
    augurandovi una buona serata a voi tutti

  67. Ip Address: 88.66.39.143

    psicofisico

  68. Ip Address: 79.56.192.25

    Buonasera raga’!!! :salve: :salve: :salve:
    Anche questa e’ andata.
    Mio figlio stava vedendo la partita Catania-Torino su Sky e gli ho detto di abbassare la voce per non sentirla in diretta, mentre io ogni tanto do’ un’occhiatina alla web cronaca. Leggo con stupore l’espulsione di Lodi per una gomitata all’avversario.
    Mi metto le mani nei capelli e mi dico speriamo “che c’e’ la caviamo”.
    Poco dopo leggo il rigore sbagliato da Bergessio , mamma mia vuoi vedere che ci va male?
    Fortunatamente e’ finito con un pareggio e un punto in saccoccia.
    Leggendo i vostri post il Catania ha giocato bene anche se in 10.
    Ancora non ho visto nessun filmato della partita, ma Lodi e altri Nostri giocatori quest’anno sembrano “perdere la trebisonda” molto facilmente.
    Leggo che sono stati espulsi anche Mister Maran e il Presidente, quindi Bergonzi ne ha combinate sicuramente tante.

    Sognio rosso azzurro a tutti!!! :bye: :bye: :bye:

    Forza Cataniaaaaaa!!! :catania: :catania: :catania: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

Spiacenti, i commenti sono chiusi.

su
giu