De Canio in sala stampa

 Scritto da il 15 novembre 2013 alle 16:17
Nov 152013
 

De-Canio

Mister De Canio: L’obiettivo primario, al momento, è ritrovare l’organico al completo, passaggio importante per un miglior rendimento.

Udinese – Il pressing collettivo,l’applicazione da parte dei calciatori è una soddisfazione enorme. Alleno un bel gruppo, una bella squadra. Contro i friulani è stato un segnale importante che mi ha convinto delle potenzialità di questa squadra che migliorerà ancora appena la rosa sarà al completo. Dopo il successo ho notato qualcosa di diverso in positivo anche se bisogna dare il giusto peso a tutto anche alle sconfitte. Questo mi fa rendere conto delle potenzialità che possono venire fuori da una rosa al completo e nelle migliori condizioni. Bisogna fare tutto con il giusto entusiasmo e con allegria,la serenità va controllata ma io sono anche qui per vigilare in allenamento. Questo è un bel gruppo e sono contento di essere qui a Catania anche se mi sarebbe piaciuto essere arrivato qualche anno fa in un momento diverso da quello attuale.

Allenamenti – Ci sono stati dei cambiamenti del lavoro settimanale e sono serviti per conoscere meglio gli aspetti tecnico-tattici della squadra, migliorare la condizione fisica per quelle che sono le necessità di ogni singolo giocatore. Ci si allena per acquisire quella condizione necessaria per evitare guai muscolari ma per Torino abbiamo ancora qualche giorno per pensarci.

Peruzzi – E’ un ragazzo molto attento e desideroso di recuperare il tempo perso ed è molto motivato. Non è al meglio essendo stato a lungo fermo. Qualsiasi giudizio su di lui mi sembra inopportuno adesso perché è un calciatore non ancora nella condizione ottimale. E’ comunque un ragazzo molto attento, desideroso di recuperare il tempo perso, fortemente motivato. Proprio quello che serve al Catania. Gli infortunati si allenano per guarire in maniera completa, acquisendo quella condizione necessaria perché al successivo sforzo non si facciano ancora male. preferisco aspettare una settimana in più piuttosto che accelerare e perderli di nuovo dopo.

Emergenza – Ho allenato una squadra con soli 11 elementi e questo è il problema principale di questa squadra. Con un organico al completo si alza il livello di attenzione, cresce la competitività e la fiducia all’interno del gruppo. Comunque i ragazzi stanno prendendo consapevolezza della situazione difficile e chi sta giocando sta dando tutto in campo. La difesa è l’unico reparto che mi ha dato la possibilità di fare altre scelte e la presenza di Gyomber e Rolin conferma questo anche se l’emergenza ti obbliga a non fare cambi. Per me è fondamentale premiare la meritocrazia,concetto a cui credo fortemente nella vita. Cerco di lavorare per avere credibilità anche all’interno dello spogliatoio. Naturalmente una vittoria che mancava da tempo contro una squadra di valore dà maggiore beneficio.

Tachtsidis – Il greco è classe 91 e non bisogna dimenticarlo. A Roma ha subito enormi pressioni ma ogni calciatore anche a 32 anni deve sempre migliorarsi e per me lui ha entusiasmo e margini di miglioramento. Sono soddisfatto in questo senso. Posizione in campo del giocatore? Tutto va all’insegna dell’equilibrio quindi giusto attaccare ma anche bisogna sapersi difendere.Sono molto fiducioso perché vedo da parte di tutti i componenti del gruppo questa partecipazione attiva, mi ritengo veramente sereno e soddisfatto. In chiave tattica tutto deve essere alla ricerca dell’equilibrio, più giocatori s’inseriscono in zona gol, più soluzioni si possono avere, ma è altrettanto vero che poi c’è un momento in cui l’avversario ha la palla e devi difendere. Allenarsi per cercare il giusto equilibrio tra le due fasi è compito fondamentale di qualsiasi allenatore, l’importante è avere giocatori dotati di qualità e voglia di applicarsi

  31 Commenti per “De Canio in sala stampa”

  1. Ip Address: 79.53.169.68

    Quando il Catania avrà recuperato tutti gli effettivi potrà giocarsela e battere chiunque.
    Resta da capire come è possibile, che questa normale evenienza, non si sia mai verificata dall’inizio del campionato ??
    Dopo ben tre mesi dall’inizio del campionato la squadra ancora presenta evidenti problemi di tenuta atletica ed esplosività.
    Ritengo che questa estate siano stati commessi evidenti errori nella preparazione e nella gestione di giocatori ancora non pronti.
    Il presidente ha giustamente fatto pagare con l’esonero all’allenatore, questa strana e pericolosa situazione.
    Ora bisogna stringere i denti e certamente voleremo nel girone di ritorno.
    Sempre forza Catania.

  2. Ip Address: 92.139.117.235

    Ciau Cicciu
    ti faccio notare che gli infortunati c’è li aveva pure Maran e la preparazione sia stata la stessa dell’anno precedente, detto questo bene ha fatto la società a cambiare l’allenatore per dare una scossa anche se la colpa principale non sia stata sua,, vedi gli arrivi all’ultimo momento Plasil e Monzon e direi anche Tachtdisis e gli infortunati Peruzzi e Freire, poi a questi si sono aggiunti i vari infortuni dei vecchi e tutto questo ha portato ad un logico nervosismo e da li le varie espulsioni, Bellusci Alvarez, Legrottaglie, ma vedere che siamo a 4 punti dal 10 posto mi da la certezza che con la rosa a disposizione ci possiamo arrivare tranquillamente..

  3. Ip Address: 95.235.41.45

    ciau cicciu e chiarezza sicuramente a influito molto i vari infortuni ma adesso che l’infermeria si andra svuotando ci dovremmo divertire a vedere giocare il nostro catania anche perche e cambiata la mano forza catania sempre :sciarpa: :sciarpa: :salve: :salve:

  4. Ip Address: 95.245.219.18

    Buonasera raga’!!!
    Ciao Cicciu, Chiarezza e Angelo!!! :salve:

    D’accordissimo raga’ con voi!!! :incavolato:

    Notte a tutti!!! :sciarpa:

  5. Ip Address: 94.222.14.250

    carusi non vallaggati a cuscienza. Aspettiamo di vedere una squadra che convince oltre a vincere. Delle due vittorie di questo campionato nessuna mi è sembrata netta e decisa. Quando penso che la Sampdoria si è presa mihailovic, il chievo ha ripreso corini e nuattri cjavemu a de canio che con tutto il rispetto nfinaora cchi fimm a fattu?
    Speriamo bene… Il problema è che le squadre piccole le abbiamo affrontate in casa e non abbiamo saputo batterle (tranne il chievo) e allora chi dobbiamo battere, le grandi? Con questa squadra mi pare difficile, anche se spero di sbagliarmi.
    Appoi Gioggio ta pozzu riri na palora? A Catania si rici “carusi”, no “raga’`”, tu sei di Catania o di Napoli?
    Buona serata e fozza Catania

  6. Ip Address: 79.52.38.246

    Buonasera a tutti… :salve:
    Cicciu, sono d’accordo con te. Troppi infortuni non possono essere un caso. E’ probabile che la preparazione abbia lasciato a desiderare.
    Dò un “cunsigghiu” …non stiamo lì a cercare la perfezione su ogni cosa che si scrive…oppure sapere da dove uno viene od è nato…… Chiunque è tifoso del Catania merita rispetto….. :sciarpa:
    Rosso come il fuoco, azzurro come il mare, l’amore per il Catania non si può spiegare! :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  7. Ip Address: 79.53.169.68

    Ciao a tutti.
    La barzelletta che la preparazione è stata fatta allo stesso modo dello scorso anno non la bevo assolutamente.
    Il preparatore è lo stesso, ma le direttive al preparatore sui tempi di ottimizzazione della preparazione li dà l’allenatore che, guarda caso è stato esonerato,mentre il preparatore è ancora al suo posto.
    Gli incidenti in serie sono figli di una carente preparazione atletica e di sforzi effettuati senza la dovuta preparazione.
    Vedi Monzon impiegato subito con preparazione non adeguata e bruciato per mesi, Leto idem, Almiron utilizzato con un grosso tagiio al piede in varie partite ed esposto a figuracce incredibili, Izco utilizzato con la caviglia in disordine per tantissime partite ed ancora non recuperato,Bergessio utilizzato con le infiltrazioni nella caviglia, etc, etc, etc ed è bene chiarire che nelle partite in cui vi è stato questo utilizzo scellerato il Catania ha regolarmente perso.
    Speriamo di recuperare tutti al più presto ed in buona forma.
    Sono convinto che dopo il Catania volerà alla faccia di quell’ imbecille di Criscitello e Lo Mo.
    Buona notte a tutti.

  8. Ip Address: 72.226.121.41

    A differenza dell’anno scorso,non c’e’ fino a questo momento una squadra cuscinetto,una squadra con la quale si poteva pronosticare di avere[;almeno sulla carta] vita facile.L’anno scorso,il Siena con i sei punti di penalizzazione e malgrado un buon girone di ritorno,fu retrocesso.l.L’anno scorso,poi,il Pescara[orfano di Zeman e dei suoi gioelli[Insigne,Immobile e Verrati]fin dall’inizio fu in difficolta’ e gia’ all’inizio del girone di ritorno,si poteva pronosticare la sua retrocessione.Quest’anno,dopo 12 giornate non esistono queste situazioni e la lotta per la salvezza sara’ piu’ difficile del normale e saranno necessari piu’ punti del previsto per rimanere tra le elette del calcio italiano.La nostra squadra ,purtroppo,si e’ trovata impelegata in una realta”’ che pensava non le appartenesse piu’ cercare cioe’ di mantenere la categoria.Tutti ci auguriamo che l’ultima vittoria sia quella della svolta e che il CATANIA cominci a fare punti anche in trasferta.SEMPRE FORZA CATANIA

  9. Ip Address: 95.235.41.45

    buongiorno a tutti fratelli dal cuore rossazzurro ciao giorgio occhio alla spesa 😆 😆 forza catania sempre :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  10. Ip Address: 95.235.41.45

    “Pian piano però rientreranno tutti e sarà allora che forse De Canio avrà più di una gatta da pelare, perchè sarà chiamato a scegliere tra le diverse alternative che gli si presenteranno grazie ai recuperi dei giocatori. Qualcosa però si è già mosso davvero, perchè forse nessuno credeva più nel recupero di quel Maxi Lopez che ha ripreso a combattere da leone, reagendo alle situazioni personali e a quelle strettamente legate al mercato. Figuriamoci poi se qualcuno poteva immaginare di vedere un Capuano in condizioni smaglianti dopo i tanti infortuni subìti negli ultimi anni, tanto da vederlo in campo per scelta tecnica a scapito della sorpresa Biraghi. Niente di definitivo, ci mancherebbe, e ancora tantissimo da migliorare giorno dopo giorno. Contro l’Udinese si è rivista la luce, ma i problemi ci sono ancora e si vedono tutti. Era importante ripartire e lo si è fatto, ma la classifica attuale impone l’esigenza di continuare a cercare punti contro qualunque avversario. Il metodo sarà banale da individuare, ma applicarlo è tutta un’altra cosa. Ecco perchè De Canio sta cercando di far capire a tutti che il posto non è garantito a nessuno e non lo sarà nemmeno a chi, tra i cosiddetti intoccabili, tornerà dall’infortunio. E’ l’unico modo per dare la scossa decisiva e per far sì che chi ci crede faccia davvero l’impossibile per guadagnarsi la fiducia del tecnico e contribuire alla risalita appena iniziata dall’inferno del fondo della classifica. La strada è lunghissima e gli ingredienti per percorrerla con maggiore serenità devono essere tanti, ma il proposito tecnico di non dare certezze a nessuno può realmente stimolare questo gruppo e può spingere ognuno dei suoi componenti a lavorare per conquistarsi il posto e per ritrovare sicurezza nei propri mezzi, mettendola al servizio della squadra.

    :sciarpa: :sciarpa: :salve: :salve: solo catania tutto il resto e noia

  11. Ip Address: 79.55.198.253

    Buongiorno o buon appetito!!!
    Ciao Angelo (spesa lunghetta, managgia :piangere: ) e joe (bello le bandierine abbinate a chi scrive dall’ Italia e dall’estero).

    Buona giornata a tutti!!! :sciarpa:

  12. Ip Address: 95.235.41.45

    Dopo sei turni, il Catania è tornato finalmente al successo. Già alla vigilia era chiaro come la vittoria fosse fondamentale per restare agganciati al treno salvezza e per dare un segnale a tutto l’ambiente dei progressi, intravisti nelle ultime apparizioni, e delle potenzialità di una squadra che si sta “affacciando” seriamente al campionato con un paio di mesi di ritardo.

    Il match-winner e migliore in campo dei suoi è stato Maxi Lopez, che non segnava in maglia rossazzurra da quasi due anni. Maxi ha lottato per tutto il match dimostrando una condizione fisica in crescendo, e dai suoi gol passano sicuramente buona parte delle speranze di salvezza e di fare risultato del Catania, almeno fino a Gennaio. Ha tanto da farsi perdonare ai tifosi rossazzurri, visti i comportamenti degli ultimi mesi, ma ha l’opportunità di riconciliarsi con il pubblico etneo per poi decidere serenamente di percorrere altre strade.

    Rendimento complessivo della squadra

    Voti alti, con qualche 7, anche per i due giocatori schierati da De Canio a supporto di Maxi Lopez, ovvero Keko e Castro; lo spagnolo ha disputato un’ottima prima frazione costringendo Gabriel Silva sulla difensiva ed allungando la squadra in avanti, mentre nella ripresa è pian piano calato mostrando una ancora non perfetta condizione fisica. Lo spagnolo ha disputato tutti i quattro incontri con De Canio in panchina, confermando di meritare la fiducia guadagnata durante i vari allenamenti anche tra i propri compagni. È sicuramente un ragazzo da tenere in considerazione, date anche le sue caratteristiche di cursore offensivo, quasi uniche nell’attuale organico rossazzurro e dispiace per il gol clamorosamente fallito a due passi da Brkic nella prima frazione.

    Altra prestazione positiva, cosi’ come a Napoli, per il Pata Castro che sopratutto nella ripresa sfodera alcune giocate e ripartenze davvero notevoli sia per qualità e quantità sia sopratutto per importanza visto che hanno consentito al Catania di respirare e rifiatare dopo i veementi attacchi dei friulani. A differenza di Keko, le sue prime apparizioni con De Canio erano state molto negative, in particolare contro il Sassuolo, mentre sabato è apparso presente ed in partita per tutti i novanta minuti, mettendo da parte quel difetto di continuità, spesso rimproveratogli, ed esibendo un’intelligenza tattica che contribuirebbe certamente a farlo diventare un giocatore davvero completo.

    Top settimanali

    Maxi Lopez 6,625 Keko 6,625 Castro 6,5

    Flop settimanali

    Izco 5,875 Guarente 5,875 Almiron 6

    Top stagionali

    Plasil 6,161 Barrientos 6,054 Rolin 6

    Flop stagionali

    Monzon 5,2 Guarente 5,5 Leto 5,563 :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  13. Ip Address: 79.13.172.24

    Giudicare come flop stagionale due giocatori che, a causa di carenza di condizione ed infortuni vari praticamente non hanno giocato, come Monzon e sopratutto Leto è incredibile.
    Per ammissione dello stesso De Canio Leto dovrebbe essere pronto fra qualche mese e Monzon ancora non è chiaro.
    Fiducia equilibrio e sempre forza Catania.

  14. Ip Address: 79.55.198.253

    Buonasera raga’!!!
    Ciao Cicciu!!! :salve:
    Sono d’accordissimo con te su Leto e Monzon, troppo presto per giudicare.

    Notte a tutti!!! :sciarpa:

  15. Ip Address: 87.19.66.179

    Buonasera a tutti….
    Pietro, Giorgio è di Napoli ma ha sangue rossazzurro nelle vene, come tutti noi 😉
    Sulla preparazione atletica, mi sa che questa volta il ns. preparatore ha toppato di grosso, sbagliando tutto. Troppi giocatori acciaccati, speriamo di recuperare il massimo con questa sosta.

  16. Ip Address: 95.250.13.93

    Buongiorno raga’!!! 😆
    Ciao joe e Angelo!!! :salve:

    Buona domenica a tutti!!! :sciarpa: 😆 :sciarpa:

  17. Ip Address: 95.250.13.93

    Salve raga’!!!
    Un po’ di gossip che ci tocca da vicino, spero che Maxi non stia male per questa storia che finisce in soldoni per Nara.

    Copia e incolla da La Kakketta dello Spork.

    Wanda Nara scarica Maxi Lopez via Twitter
    In Argentina: “Colpa di un flirt con Icardi”

    La modella e moglie dell’attaccante del Catania lascia il marito dopo aver dichiarato con un tweet la fine del matrimonio. Secondo la stampa Argentina la causa è una presunta storia tra lei e l’attaccante dell’Inter

    Tre giorni fa Wanda Nara, moglie di Maxi Lopez attaccante del Catania, ha annunciato via Twitter la fine del suo matrimonio: «Hasta acà llego mi amor», ha scritto sul social. “Fin qua è arrivato il mio amore”, la traduzione letterale del messaggio. Ci fermiamo qui, il senso della frase. Poi ha fatto le valigie ed è salita sul primo aereo per l’Argentina.

    A TUTTO GOSSIP — Ieri mattina Wanda, assieme a Valentino, Benedicto e Constantino, i tre figli avuti da Maxi, è sbarcata a Buenos Aires. All’aeroporto di Ezeiza è stata intercettata da alcuni giornalisti. La versione online del Clarin, quotidiano argentino, ha attribuito a Wanda queste dichiarazioni: “Ho lottato molto per salvare il mio matrimonio. Non so se sia finito”. Poi nell’articolo si legge: “Quando le è stato chiesto del presunto coinvolgimento in una relazione con Mauro Icardi, ha ammesso di conoscerlo, ma ha negato che ci sia qualcosa di più dell’amicizia”.

    BUM! — In Argentina sospettano che la 26enne Wanda Nara abbia un flirt col 20enne Mauro Icardi, centravanti dell’Inter. La signora Lopez ha smentito, ne prendiamo atto, però a Baires e dintorni il pettegolezzo impazza, corre di bocca in bocca e di sito in sito. Lo stesso Clarin, ieri sera, ha rilanciato il gossip del giorno con un articolo nella sezione spettacoli dell’edizione web: “Ci sono fonti che indicano come la cosa vada al di là dell’amicizia”. Tornata a casa, Wanda ha affidato i suoi pensieri a un comunicato: “Non è facile descrivere l’angoscia e la tristezza che si provano quando due persone smettono di convivere, tanto più se ci sono tre bellissimi bambini frutto del loro amore”. Minuto uno.com ha fatto i conti in tasca alla coppia in procinto di separarsi: “Il divorzio porterà a dividere un patrimonio di 18 milioni di dollari”.

    GRANDE AMICIZIA — Non ci sono dubbi sul fatto che MaxiLopez e Icardi siano amici (o che lo siano stati). Compagni di squadra nella Sampdoria della scorsa stagione, si frequentano fuori dal campo. A settembre, in occasione della sosta per la Nazionale, fecero assieme una gita in barca sul mare di Sicilia. Una foto, pubblicata dall’edizione siciliana della Gazzetta, li immortala sorridenti a bordo, insieme a Wanda e ad altre persone. Due mesi più tardi dall’Argentina arrivano voci di tutt’altro tenore: spazzatura o qualcosa di vero c’è? Lo scopriremo solo vivendo.

    Sebastiano Vernazza

  18. Ip Address: 79.35.45.232

    Buongiorno a tutti… :salve:

    “Carusi” ma aviti nutizi supra a jucaturi do Catania ca si stannu aricupigghiannu? :sciarpa:

    Rosso come il fuoco, azzurro come il mare, l’amore per il Catania non si può spiegare! :sciarpa: :sciarpa:

  19. Ip Address: 79.52.14.107

    Dell’avventuriera Wanda Nara ne facciamo con gioia a meno (ha ribadito ancora una volta che a Catania non vuole tornare per motivi vari non specificati.
    Di Maxi abbiamo bisogno ed anche Maxi ha bisogno del tifo di Catania che ha capito le vicissitudini dolorose e continuerà ad appoggiarlo nell’opera di ricostruzione.
    Chiudiamo questo capitolo doloroso prescrivendo al nostro Maxi la migliore delle medicine per un centravanti il GOOOOOLLLLL.
    Sempre forza Catania.

  20. Ip Address: 95.235.41.45

    buongiorno a tutti fratelli dal cuore rossazzurro ciao giorgio mongibello e cicciu condivido il tuo post cicciu forza catania sempre :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :salve: :salve:

  21. Ip Address: 95.235.41.45

    Stampa: Monzon e Boateng pronti, cos’altro serve?
    Oltre Peruzzi, la sosta dovrebbe permettere di recuperare anche Boateng e Monzon. L’organico di De Canio va piano piano ricomponendosi. Le assenze più pesanti tuttavia, continuano a pesare sul gioco e sulle scelte del tecnico. Nella speranza di rivedere anche Spolli, a Torino, c’è già chi si domanda, e si risponde, su quale strategia dovrà tenere il Catania nel mercato di Gennaio.
    :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :salve: :salve: :salve:

  22. Ip Address: 95.250.13.93

    Salve raga’!!!
    Ciao Mongibello, Cicciu e Angelo (stamattina prima di te!!! 😀 )!!! :salve:

    Spero che Maxi superi questo momento terribile, e’ vero che la mamma e’ sempre la mamma ma il padre se e’ padre sente dentro di se la distanza dei figli.

    L’attaccante del Catania Maxi Lopez affida a Sky Sport una sua dichiarazione sulla sua ormai nota vicenda personale. Sarà la prima e unica sull’argomento. “Non commento, non ho nulla da rispondere e non devo rispondere a nessuno. Io, da padre, in questo momento ho solo da pensare alla serenità dei miei figli, che sono la cosa più importante che c’è. Loro sono la mia priorità. Il resto per me non conta“.

  23. Ip Address: 87.1.149.83

    Ciao Angelo, Giorgio, Cicciu, Joe, Salvatore, Chiarezza, e tutti gli altri… :salve:

    Cicciu, d’accordissimo con te, condivido in pieno il post n. 19.

    Speriamo che Peruzzi giochi bene come finora se n’è parlato. :sciarpa:

  24. Ip Address: 87.1.149.83

    ….interessante!

    Mercato 2014 Catania: i primi rinforzi dall’infermeria, poi Bianchi o Ardemagni (Calciomercato.com)

    “Il Catania più deludente dal ritorno in serie A, a differenza di ciò che potrebbe sembrare scontato, non attuerà alcuna rivoluzione a gennaio: Pulvirenti e Cosentino sono convinti che i rossazzurri non avranno bisogno di rinforzarsi. Tantissimi infatti gli infortunati che mister De Canio ha necessità di recuperare: molti di loro torneranno disponibili proprio il prossimo gennaio. Bergessio e Barrientos su tutti ma soprattutto Peruzzi, che già dopo la sosta potrebbe iniziare ad essere utilizzato. Il terzino destro argentino è stato il vero colpo di mercato degli etnei nella sessione estiva: ecco perchè potrà essere considerato a tutti gli effetti un vero e proprio rinforzo, nella speranza che entro gennaio abbia già raggiunto una forma più che adeguata. Simile la situazione di Bellusci, in ripresa da una brutta lesione al collaterale del ginocchio e che ha intenzione di rinnovare il proprio contratto in scadenza. Qualcuno però arriverà ugualmente. Pulvirenti infatti potrebbe piazzare un colpo dall’Hajduk Spalato: si tratta di Mario Pasalic, 18enne, centrocampista centrale, che potrebbe crescere alle spalle di Guarente e di Tachtsidis. Il ragazzo è molto promettente e verrebbe acquistato per una cifra di poco inferiore a 1,5 milioni di euro: si tratterà sulla base del prestito oneroso con promessa/impegno di riscatto a favore del Catania. Anche in attacco c’è la necessità di rinforzarsi. I nomi più appetibili sono due: Ardemagni del Chievo, sperando che il nuovo allenatore Corini non punti su di lui (emulando in tal senso mister Sannino); Rolando Bianchi, deludente al Bologna ma che proprio domenica scorsa si è sbloccato.

    :sciarpa: :sciarpa:

  25. Ip Address: 95.235.41.45

    Il risultato racconta di una disfatta, anzi peggio: Un’involuzione. L’anagrafica della formazione rossazzurra in campo a Napoli dice altro, o meglio, lascia sperare in altro: Un tentativo di evoluzione. Per cui, il 3-0 sofferto in Campania potrebbe raccontare una storia diversa, prender i connotati dell’atteso, o almeno attendibile, effetto collaterale. Quasi fisiologico.

    Tanti i nomi nuovi, ed un’età media da “primo superiore”. E’ questa la nuova Primavera del Catania. Una rivoluzione, in atto dall’insediamento del nuovo direttivo giovanile ed il cui completament era programmato in concomitanza con la lunga sosta del campionato. Un mese di sosta, Ottobre, in ragione dei campionati del mondo U19 svolti in Arabia Saudita.

    Un mese di valutazioni, consultazioni, decisioni ed operazioni che hanno riformato non solo l’organico, quanto anche la filosofia d’azione dei tecnici, dei preparatori e, conseguenza, anche quella dei ragazzi. Tutto come programmato e proclamato nella conferenza stampa. Pitino, Pellegrino, Petralia, Manitta, unica voce, in questo senso:

    “Individueremo i ragazzi con le potenzialità adatte per puntare al professionismo. Prediligeremo le risorse locali. Li valorizzeremo accompagnandoli lungo il percorso di crescita con programmi individualizzati funzionali all’obiettivo di produrre calciatori formati, tatticamente, tecnicamente e caratterialmente per inserirsi nella prima squadra”.

    Valorizzare, per un allenatore, significa preferire ad un ragazzo di comprovato valore il suo compagno magari più giovane, meno esperto. Poprio per questo adatto, valorizzabile da un campionato come quello Primavera, che ormai sta stretto a chi, essendoci cresciuto dentro, per continuare a crescere deve cimentarsi n campionati più competitivi, quindi formativi.

    E’ l’evoluzione. E’ quel che il Catania sta accompagnando. Una decisione giusta quanto obbligata. Di sopravvivenza. Chiuso con Ottobre il vecchio ciclo, già finito con la partecipazione alle finali scudetto, se n’è aperto un altro. E’ il tempo dei 96, dei tanti Allievi promossi in prima squadra e di altri talenti, come Katsetis, Zekovic, Ostrek, Livaja.

    La nuova filosofia societaria è più attenta ai singoli, ma la valorizzazione del singolo, in uno sport di squadra come il calcio, non può che passare dalla capacità di questo nell’integrarsi e cooperare con i compagni al suo fianco. C’è tanto talento, nei giovani rossazzurri. Alle capacità ed all’umanità del tecnico Giovanni Pulvirenti, far dei tanti bravi singoli, una squadra. A questo serve l’allenatore, questo va chiesto ad un allenatore, è questo che differenzia un allenatore da un ‘personal trainer”.

    E’ iniziata da Novembre una nuova stagione, un nuovo campionato. In prima squadra, come in Primavera.. Le ragioni sono diverse, ma il cammino è comune. Un cammino di crescita, collettiva. Affidato a rinnovate motivazioni e nomi nuovi sui quali puntare. All’inizio arriveranno solo le difficoltà. Come a Napoli. Ma sulla bontà della programmazione, e sul senso di questa pesante sconfitta, solo il tempo, scandito dal lavoro, darà il giudizio giusto. E di lavoro ce n’è e ce ne sarà tanto da fare. :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :salve: :salve: :salve:

  26. Ip Address: 72.226.121.41

    Premesso che non ci sono partite facili e quindi vinte in partenza e che non esistono partite perse prima di giocare e che il livellamento quest’anno e’ superiore a quello degli anni passati, osserviamo le partite che restano alla nostra squadra da qui alla fine del 2013.Un anno che ci ha dato il piu’ bel CATANIA della storia a fine maggio e che rischia di darci il peggior CATANIA dell’era Pulvirenti alla fine di dicembre.La nostra squadra affrontera’ il Torino,;fuori[,il Milan [in casa’,la Sampdoria di Sinisa [fuori],il Verona dei miracoli[incasa[ e chiudera’ l’anno solare in casa della Roma per adesso capolista.Non c’e’che dire,si tratta di partite difficilissime e dove conquistare punti sara’ estremamente duro ma dove sara’ assolutamente necessario conquistarne parecchi,se non si vuole essere gia’ fuori dalla lotta salvezza a meta’ campionato.Penso e ho gia’ espresso il mio parere gia’ parecchie volte che l’aspetto piu’ importante per superare questi ostacoli,sara’ il raggiungimento di una perfetta condizione fisica..Ci dovra’ essere ,inoltre,una particolare determinazione e una buona dose di fortuna.Non facciamo pronostici su quanti punti potremo conquistare ma ci auguriamo che la nostra squadra dia il massimo per cercare di conquistare piu’ punti possibili.SEMPRE FORZA CATANIA

  27. Ip Address: 79.53.87.47

    Buongiorno raga’!!!
    Ciao Mongibello, Salvatore e Angelo!!! :salve:

    Ciao joe!!! :salve:
    Stamattina non si entrava nel sito, problemi?

    Buona giornata a tutti!!!

  28. Ip Address: 95.235.41.45

    buongiorno a tutti fratelli dal cuore rossazzurro ciao giorgio e joe queste faccine pian piano stanno scomparendo 8) 8) Mai una vittoria a Torino, alla ricerca dei primi punti esterni
    Le statistiche non incoraggiano. Il Catania non ha mai vinto a Torino contro i granata. I rossazzurri sono l’unica squadra a non aver ancora raccolto nemmeno un punto in trasferta. Il Torino non vince in casa dalla prima giornata, ma ha incontrato avversari ‘complicati’ e vede nel Catania l’occasione buona per tornare al successo.
    🙄 🙄

  29. Ip Address: 95.235.41.45

    CATANIA – Curiosità e statistiche di Torino-Catania

    Imbattuti
    Il Catania non ha mai battuto il Torino in casa. In 18 incontri giocati in Piemonte, 7 pareggi 11 vittorie granata.

    Anno scorso
    Lo scorso anno Catania e Torino pareggiarono all’andata (0-0) come al ritorno (Torino, 2-2); a segno Almiron e Bergessio per il Catania, Cerci e Bianchi per il Torino.

    Promozione
    Catania e Torino vennero promosse insieme in serie A nella stagione 2005/06. Da allora, quattro i confronti nel massimo campionato: due vittorie granata e due pareggi.

    Erba voglio
    Due i giocatori rossazzurri in passato nel mirino del Torino. Si tratta di Maxi Lopez, auspicato successore di Bianchi, ed Alrmion, pallino di Ventura dalla comune militanza nel Bari.

    Cerci
    Il giocatore più temibile del Torino è Cerci. L’attaccante della nazionale ha segnato 8 reti finora. E’ il vice capocannoniere del campionato, dietro Giuseppe Rossi.

    Due per De Canio
    Con la rete di Lopez contro l’Udinese salgono a due i giocatori rossazzurri già andati a rete a disposizione di De Canio: Lopez e Castro.

    Otto volte Cerci
    Sono otto gli incontri tra Cerci ed il Catania. L’attaccante ha segnato la prima volta ai rossazzurri nell’ultima giornata del campionato 2012/13 la rete del temporaneo 1-1 (2-2 finale).

    Zero punti
    Il Catania non ha ancora ottenuto un solo punto in trasferta in questa stagione. L’ultimo lo ottenne proprio pareggiando a Torino nell’ultima gara della stagione 2012/13.

    Dodici
    Dodici punti, tre più del Catania. Il Torino ha ottenuto due vittorie in stagione, come i rossazzurri, ma ha perso tre partite meno, pareggiandole.

    Astinenza vittoria
    I granata non vincono all’Olimpico di Torino dalla prima giornata. Batterono 2-0 la matricola Sassuolo. A seguire impegni complicati: Mlan, Hellas Verona, Juventus, Inter e Roma. Quattro pareggi, sconfitta solo nel derby con la Juventus.

    Roma
    Contro il Torino si è fermata la cavalcata della capolista Roma. La squadra di Garcia, battuto il record di vittorie consecutive dall’inizio del campionato, dieci, si fermò all’Olimpico. Pareggio per 1-1, e niente 11^ vittoria. Precedente interno più recente dei granata.

    Porta aperta
    Il Torino ha chiuso a porta inviolata una sola gara di campionato, l’esordio contro il Sassuolo. Nelle seguenti undici partite ha sempre subito almeno un goal. Ventuno reti subite in totale, nove in casa su sei partite.

    Solo quattro
    Sono appena quattro le reti messe a segno dal Catania in trasferta. Insieme ad Udinese e Cagliari è Il secondo peggior attacco esterno del campionato dopo quello del Chievo, appena un goal.

    Torino Gol
    Il Torino segna, e tanto. Su dodici gare l’appuntamento col gol è mancato tre volte: due trasferte ed il derby con la Juventus. Tre sconfitte sulle quattro totali. Le reti fatte ammontano a 18, 10 quelle interne.

    Unici e rari
    Il Catania è l’unica squadra del campionato a non aver conquistato ancora neanche un solo punto in trasferta. Sei sconfitte su sei gare giocate. Il Chievo, con due pareggi, ha fatto meglio.

    Peggior difesa esterna
    Con quindici reti subite, la difesa del Catania è la peggiore in gare esterne. Segue quella dell’Hellas Verona, a quattordici.

    Quarta
    Il Torino non vince in campionato dalla quarta giornata, quando superò 1-2 il Bologna, al Dall’Ara. Dei sei pareggi ottenuti, nessuno è arrivato a reti bianche: tre 2-2, due 3-3 ed un 1-1.

    Gol Gol
    Negli ultimi tre confronti a Torino, la gara contro il Catana si è sempre conclusa con entrambe le squadre in gol.

    Rimonte
    In casa, il Torino è stato rimontato da Milan ed Hellas. Ha rimontato Inter (in dieci uomini dai primi minuti) e la Roma.

    Percentuale
    Il Torino segna il 61% delle proprie reti nel secondo tempo. In tutte le gare interne, ad eccezione dello 0-1 contro la Juventus, ha sempre segnato almeno un goal nella seconda metà di gioco.

    🙁 🙁 🙁

  30. Ip Address: 95.235.41.45

    CATANIA – Importante successo per la Slovacchia U21. In Georgia, Gyomber e compagni si impongono per 1-3 in rimonta conquistando la vetta del girone di qualificazione agli europei. Il difensore del Catania, titolare, è rimasto in campo per l’intera durata della gara, impiegato al centro della difesa. Terminati gli impegni con la nazionale, il difensore slovacco già nei prossimi giorni tornerà a disposizione del tecnico rossazzurro.solo catania tutto il resto e noia 😆 😆 😉 😉

  31. Ip Address: 79.4.15.37

    Buongiorno a tutti…
    Purtroppo stiamo avendo problemi con il server, bandiere e alcune faccine non sono supportati dal sistema , sembra che rende il contenuto del sito troppo pesante,
    Ci scusiamo per il disguido.

Spiacenti, i commenti sono chiusi.

su
giu