Finalmente Sfatato il tabù trasferta

 Scritto da il 9 dicembre 2012 alle 19:26
Dic 092012
 


Siena Catania finisce 1-3, al primo gol di Rosina che illude il Franchi, rispondono i due argentini, Castro e Bergessio che sigla una doppietta.

Da quel momento i Rossazzurri salgono in cattedra, con una manovra che almeno nel primo tempo non trova la via del gol, i bianconeri sembrano incapaci di contrastare il Catania, e rischiano di subire il pareggio.

al 5′ minuto Bergessio inventa un assist per Castro e batte Pegolo, sempre Bergessio al 12′ su un passaggio filtrante di Lodi, con un diagonale segna la rete del sorpasso.

I Rossazzurri dominano la partita con un gioco stratosferico e il Siena quasi inesistente.

Al 37′ sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Bergessio smarcato in area segna il gol del 3-1.

Per la squadra di Cosmi, al secondo ko consecutivo è notte fonda, per Maran arriva la prima vittoria in trasferta con un bel gioco vincente.

Forza Catania sempre, speriamo che sia l’inizio di quel salto di qualità tanto sperato.

 

Maran: Un successo di carattere e personalità. Lo cercavamo da tempo, oggi non era facile rimontare in casa di un ottimo Siena ma la squadra mi è piaciuta perchè non ha mai mollato e nella ripresa ha dominato. Sono contento per Bergessio, questa prestazione gli farà bene. Con questa lucidità e determinazione andremo lontano, peccato per qualche episodio negativo che nell’ultimo periodo ci ha penalizzato, anche se il gruppo è sempre stato solido e positivo.

Vittoria frutto di tutta la squadra, non solo della doppietta di Bergessio, oggi non era facile. Abbiamo reagito con voglia e lucidità ed abbiamo chiuso la partita. Non pensiamo agli episodi, ci sono state gare in cui non è andato tutte bene, ma abbiamo sempre avuto la convinzione, soprattutto fuori casa, di poter fare risultato.

 

Lodi: Siamo felici di esserci sbloccati fuori casa, questo campo ci porta fortuna, anche lo scorso anno vincemmo. Abbiamo disputato una gara di grande intensità, specialmente nella ripresa. Loro alla prima occasione sono andati in vantaggio, noi siamo cresciuti col passare dei minuti e nei secondi 45′ abbiamo dominato. Una partita di grande carattere, una rimonta fondamentale, dopo le ultime due sconfitte avevamo bisogno dei tre punti, ora dobbiamo continuare in questo modo.

 

Castro: Il Catania ha giocato una buona partita oggi perchè ha mantenuto grande equilibrio e ordine in tutto il campo. Adesso archiviamo subito questa vittoria e pensiamo al Parma mercoledì prossimo in Coppa Italia. Ci teniamo a passare il turno. Non siamo in affanno e in questi due giorni recupereremo la fatica. Concorrenza con Barrientos? Non è importante questo, conta il Catania e il gruppo. Io quando vengo utilizzato do il massimo. Gol al Massimino dopo i due fuori? Lo spero tanto per i miei tifosi.

 

Salifu: Sono felice per la mia prima vittoria in campionato, spero vada sempre così e possiamo continuare a vincere. Però dobbiamo subito pensare alla gara col Parma in Coppa Italia. Ho iniziato con qualche difficoltà ma sto adattandomi in questa squadra. Io mi impegno il più possibile. Esterno o al centro fa lo stesso, ho giocato anche davanti la difesa e qualche volta in attacco. Dispiace di lasciare il posto a Izco ? No, decide il mister ma poi è importante che vinciamo e non se gioco io.

 

Bergessio: Sono contento per questa vittoria e anche per la mia doppietta. Più importante per me il secondo gol e oggi sono felice per aver raggiunto lo stesso numero di reti della scorsa stagione. Spero di fare molto di più. Voci di mercato? Fino alla fine della stagione resto a Catania, mi piacerebbe crescere ma per il momento sto tranquillo. Futuro? Voglio continuare in Italia perchè mi trovo bene. Pensiamo adesso al Parma perchè vogliamo passare il turno in coppa Italia. Oggi era importante la vittoria e ci siamo riusciti, adesso con la Sampdoria si deve vincere per forza.

 

  9 Commenti per “Finalmente Sfatato il tabù trasferta”

  1. Ip Address: 82.57.88.212

    Maran: “Rabbia chiave della partita. Vittoria del gruppo, non del singolo”

    Maran: “Nel primo tempo costruito tanto ma capitalizzato male. Nel secondo tempo determinante è stata la rabbia. La vittoria appartiene al gruppo, non al singolo. Adesso dobbiamo dare continuità. La prestazione è valsa il risultato. Sono contento soprattutto della reazione dopo un primo tempo chiuso in svantaggio”.

  2. Ip Address: 82.57.88.212

    inShare
    digg
    CATANIA – Dalla sala stampa dello stadio Montepaschi Arena, le parole del tecnico del Catania al termine di Siena-Catania 1-3

    Rolando Maran (allenatore Calcio Catania): “Al di là della vittoria è stata importante la prestazione offerta dalla squadra e la risposta data nella seconda metà di gioco. Nel primo tempo siamo andati sotto perché non siamo mai riusciti ad esser precisi. Alla ripresa abbiamo messo in campo la forza mancata in precedenza dalla quale è derivato una prestazione diversa nel torno e negli esiti, tanto da farci chiudere la partita a 10′ dalla fine.

    “Aver ottenuto punti su di un campo come quello di Siena è importante perché arriva contro un avversario ostico nostro diretto concorrente alla salvezza. Siamo stati bravi soprattutto nel non perderci d’animo quando ci siamo ritrovati sotto di un goal. Questo risultato premia la nostra ottima reazione, determinante è stata la rabbia che abbiamo messo in campo alla ripresa. Nel primo tempo avevamo costruito tanto.

    “E non è stato certo facile raggiungere questo traguardo stanti le tante assenze alle quali abbiamo dovuto far fronte. Ma oggi abbiamo dato prova che i giocatori andati in campo si sono dimostrati all’altezza della aspettative e di quei giocatori che sono stati chiamati a sostituire. Questo avvalora più che il lavoro del singolo quello del gruppo.

    “Il nostro futuro lo costruiamo sulle prestazioni. Questa gara mi fa dire che la via è giusta. Adesso dobbiamo trovare continuità e ribadire quanto di buono visto in casa ed in questa trasferta anche nei prossimi appuntamenti.

  3. Ip Address: 82.57.88.212

    SIENA – Conta vincere. Ciò può avvenire solo attraverso la prestazione, vero. Ma a prescindere dalla prestazione conta vincere. Vale sia per il Siena che per il Catania, appaiate o quasi in meriti, distanti in classifica a seguito della penalizzazione combinata ai toscani, implicati nel calcioscommesse. Ristrettezze di organico per Maran che deve far fronte a tante assenze alle quali può sopperire senza snaturare modulo e vocazione della squadra dovendo tuttavia pagar qualcosa in termini di esperienza, dei singoli ed intesa, tra i reparti. Castro, Rolin e Salifu collezionano la loro terza presenza consecutiva tra Coppa Italia e Campionato, un record. Nel Siena abbondanza, Reginaldo perde il ballottaggio con Valiani, Del Grosso vince quello con Rubin.

    Ritmi lenti in avvio. Lodi prova a dare la scossa al 4° con n siluro da fuori area che termina oltre la traversa. Manovriero il Catania, aggressivo il Siena. Al 6° nuova conclusione etnea, Salifu, stavolta molto alta sopra il montante. All’8° occasione per Sestu, contrasto vincente con Rolin, a tu per tu con Andujar l’esterno senese piazza sui guantoni dell’estremo etneo. All’8° il vantaggio del Siena, svarione di Legrottaglie che scivola al limite dell’area favorendo l’inserimento di Rosina che, a giro, timbra la sua prima rete in bianconero. Il Catania continua a detenere il possesso palla ma sbaglia troppo, sia in fase di impostazione che in fase di conclusione. Ancora Legrottaglie commette al 23° una leggerezza che gli costa l’ammonizione, sintomo di concentrazione che non c’è.

    Fioccano i corner per i rossazzurri. Sintomo di una manovra che c’è ma, nelle prossimità dell’area di rigore non riesce a trovare le combinazioni giuste per aggirare la difesa di casa. Manca l’apporto di Almiron a centrocampo, Gomez non riesce a saltar l’uomo, Castro vi riesce ma poi si perde nell’indecisione. Il Siena sorride e con pochi passaggi riesce a rendersi pericoloso in area etnea, uno smacco. Al 38° sa di ulteriore beffa il salvataggio di Felipe sulla linea quando Castro, liberato da Marchese, cerca di superare Pegolo con un pallonetto. Al 40° Almiron conclude per la prima volta, a lato. Finisce il primo tempo, comincia il secondo, in egual maniera. Tiro di Almiron, a fil di palo. Al 47° Gomez, su cross di Castro, stampa da zero metri all’angolino dove però arriva Pegolo. Le avvisaglie di un Catania diverse sono evidenti e si concretizzano al 49° quando Bergessio serve Castro in area. Nuovamente a tu per tu con Pegolo, l’argentino stavolta rinuncia al cucchiaio per una bella sventola, è pareggio. Passa 1′ e Bergessio ha sui piedi il pallone del vantaggio, ma viene anticipato. Al 53° conclusione precisa di Gomez, Pegolo a mano aperta, ben più pericolosa l’occasione dalla quale nasce il tiro: Castro non controlla in tre tempi un prezioso pallone in area.

    Dopo una fase di pressione, la prima del secondo tempo per il Siena, su ripartenza il Catania trova la rete del vantaggio. Il passaggio centrale per Lodi mette il Catania in condizione di manovrare con Lodi al limite, palla a Bergessio un po’ troppo lunga, ma l’attaccante con una zampata fa fuori Pegolo concludendo sul filo interno del palo opposto, è il 66°. Il Siena cerca di scuotersi con le sostituzioni operate da Cosmi che a 10′ dalla fine dà fondo ai tre cambi. Senza esiti. Maran vorrebbe inserire forze fresche ma la panchina gli concede davvero poche alternative anche solo per mantenete gli equilibri in campo. Solo a 4′ dalla fine arrivano i primi cambi, più per far scorrere il cronometro che altro.

    Il Catania dovrebbe amministrare ma non vi riesce. All’81° arriva così la rete di Bergessio sugli sviluppi dell’undicesimo angolo. Solo sul secondo palo, l’argentino firma la sua prima doppietta in campionato, la seconda consecutiva dopo quella messa a segno in Coppa Italia pochi giorni addietro, contro il Cittadella. All’83° occasione per Larrondo, pescato solo davanti ad Andujar, colpo di testa in scivolata, para l’estremo etneo. Gli ultimi minuti con due goal di vantaggio allontanano gli spettri delle rimonte patite all’Olimpico di Roma ed al Friuli di Udine.

    Dopo circa nove mesi di gestazione arriva la prima vittoria esterna del Catania di Maran. Arriva proprio nello stesso stadio che aveva visto gli etnei trionfare nell’ultimo precedente a registro, nel Febbraio del 2012. Un primo tempo inguardabile viene riscattato da una seconda metà di gioco in cui il Siena veste i panni del peggior Catania subendo le offensive dei rossazzurri, redivivi prima che il bianconeri mostrino affanno fisico o mentale. Ulteriore merito agli etnei va dato l’esser riusciti a sopperire alla panchina corta ed alle fatiche della Coppa Italia, combinatesi in mezzo alla settimana, riuscendo a venir fuori con carattere e qualità, seppur alla lunga. Il risultato arriva grazie alla prestazione, come richiesto dal direttore Gasparin, aiutando non poco la classifica degli etnei oltre al morale, che vede così interrompersi anche la striscia di due sconfitte consecutive in campionato, lavate con due 1-3, in Coppa prima, in campionato adesso. Resta da analizzare ed interrogarsi sull’ennesimo primo tempo regalato ad un avversario poi dimostratosi, nella sincerità della propria dimensione, mediocre.

    Commenti tutto il resto e noia 😈 😈 😈

  4. Ip Address: 82.57.88.212

    Le pagelle: In copertina ci va Bergessio, 9 (o quasi)

    Le valutazioni attribuite ai protagonisti rossazzurri di Siena-Catania 1-3: Dopo un primo tempo abulico il Catania riesce ad esprimersi in maniera convincente anche grazie alle prestazioni in crescendo dei propri trascinatori, Bergessio leader ed uomo copertina.

  5. Ip Address: 82.57.88.212

    SIENA – Le valutazioni attribuite ai rossazzurri protagonisti di Siena-Catania 1-3

    Andujar 6.5 Poco da fare sulla rete di Rosina. Per il resto della gara appare sicuro negli interventi

    Alvarez 7 Inizia timidamente ma, col passare dei minuti, acquisisce sicurezza. Nella ripresa appare, così come tutta la squadra, più propositivo

    Legrottaglie 7 Scivola malauguratamente sull’azione che porta in vantaggio i senesi. Rimedia anche un’ammonizione su una palla persa a centrocampo. Nella ripresa si riscatta chiudendo con precisione sulle sterili avanzate senesi

    Rolin 7 Partica accorta senza particolari sbavature. Tenta anche, senza fortuna, qualche sortita offensiva

    Marchese 7 Dopo un inizio altalenante, cresce anche lui col passare dei minuti prendendo sempre più consapevolezza dei propri mezzi

    Almiron 7+ Primo tempo anonimo o quasi, secondo da protagonista. Si prende sulle spalle il peso del centrocampo etneo e riesce a dare rapidità al reparto. Peccato per l’ammonizione che gli costerà un turno di squalifica

    Lodi 7+ Nel primo tempo alterna passaggi errati a buone iniziative. Nella ripresa sfrutta al meglio gli spazi rendendosi protagonista dell’azione che porta alla prima rete di Bergessio.

    Salifu 7 Buona la prestazione del giovane centrocampista rossazzurro. Sbaglia poco e riesce spesso a rubare palla e far ripartire la squadra.

    Nella ripresa subentra: Paglialunga s.v. Pochi minuti nel finale di gara

    Gomez 7 Ha per due volte la palla buona per ritornare al gol ma in entrambi i casi è bravo Pegolo ad opporsi. Vivace nelle iniziative, dovrebbe essere più cinico sottorete

    Nella ripresa subentra: Capuano s.v. Pochi minuti nel finale

    Bergessio 8.5 Dopo un primo tempo anonimo è assoluto protagonista della ripresa con un assist sul gol di Castro e due reti che lo rilanciano alla grande dopo un periodo di “astinenza”.

    Nella ripresa subentra: Doukara s.v. Pochi minuti per lui nel finale

    Castro 7.5 Risolutivo per le sorti dei rossazzurri. Sigla il gol del pareggio su assist di Bergessio e ricambia il favore smarcando di testa il compagno sul gol del 3-1. La migliore prova dell’argentino in rossazzurro.

    All. Maran 7 Dopo un primo tempo abulico, il Catania trova d’improvviso rabbia e stimoli per imporre la propria superiorità sui padroni di casa. Il secondo tempo dei rossazzurri è da manuale con una difesa attenta, un centrocampo rapido nelle ripartenze e la coppia Bergessio-Castro micidiale sotto rete. Prima importantissima vittoria esterna e prospettive incoraggianti per chiudere l’anno in bellezza.

    Arbitro Doveri 7 Buona la direzione di gara sebbene la giacchetta gialla non debba risolvere situazioni particolarmente complicate. Equilibrata la gestione dei cartellini.

  6. Ip Address: 93.46.45.22

    Abbiamo vinto il Palio per il secondo anno consecutivo. Buona notte a tutti.Rosario 😆 😀 😉

  7. Ip Address: 79.2.33.44

    E vaiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii!! Grande partita, soprattutto di carattere! Grande Catania, GRande Castro, Grandissimo Bergessio. E’ una squadra, la nostra, che non può prescindere da lui!|

    Buona serata e buona settimana a tutti Voi.
    Io questa vittoria me la godo. E come dicono in Trentino Alto Adige “ma spacchìu!” :mrgreen:

  8. Ip Address: 95.238.6.177

    Buongiorno raga’!!!
    Dopo due settimane da incubo finalmente siamo sereni!!! 😀 😀 😀
    Barrientos lo reputo un bravo giocatore ma se non corre meglio Castro.
    Salifu cresce e anche Rolin.

    Buona giornata a tutti!!!

  9. Ip Address: 82.57.88.212

    buonasera a tutti fratelli dal cuore rosso e azzurro Stampa: Il Catania si sveglia e ribalta il Siena

    La rassegna dei quotidiani in edicola: Prima vittoria stagionale esterna per il Catania, meritata grazie ad un secondo tempo arrembante che non lascia possibilità di replica ai padroni di casa che, in vantaggio, vedono ribaltato il risultato. Mattatore di giornata Bergessio. Per la prima volta un Catania “casalingo” anche in trasferta.
    😈 😈

Spiacenti, i commenti sono chiusi.

su
giu