Freire al Catania

 Scritto da il 5 luglio 2013 alle 18:18
Lug 052013
 

federico-freire

l Calcio Catania S.p.A. comunica di aver acquisito a titolo definitivo il diritto alle prestazioni sportive del calciatore Federico Freire, classe 1990. L’atleta argentino, che dispone di passaporto comunitario ed in patria ha già vinto due titoli nazionali con il Vélez Sársfield, si aggregherà ai nuovi compagni in occasione del raduno, giovedì 11 luglio a Torre del Grifo.

E’  stato prelevato a parametro zero….

Freire è un centrocampista centrale mancino, detto volante in Sud America. E’ un trattatore di palla eccezionale, usa bene sia l’esterno che l’interno del piede sinistro. Ha una struttura fisica notevole:  180 centimetri di altezza e 80 chilogrammi di peso.

 

  202 Commenti per “Freire al Catania”

  1. Ip Address: 79.4.15.37

    Benarrivato a Catania Freire 😀 😀 😀

    spero di vederti giocare presto….. :sciarpa:

  2. Ip Address: 79.4.15.37

    Come mai che veniamo a saperlo solo adesso ❓ ❓ ❓
    l contratto di Freire, è stato depositato dal Catania il 10 giugno 2013…..

  3. Ip Address: 79.16.37.168

    Ciao joe!!!
    Penso che doveva finire il campionato argentino ed era vincolato fino al 30 Giugno con il Velez.
    Di piu’ non so dirti o forse c’era un’altra squadra che se lo voleva “pigliare” e quindi il Catania l’ha fatto firmare prima mah!!!

    Sogni rosso e azzurro a tutti!!! :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  4. Ip Address: 72.226.121.41

    Sono contento perche’ il mio ultimo post che riguardava proprio Freire e’ stato benagurante perche’ la situazione si e’ risolta dopo di esso.Speriamo comunque che si riveli un ottimo acquisto ma sono fiducioso perche’ gli argentini hanno fatto sempre bene a Catania.SEMPRE FORZA CATANIA

  5. Ip Address: 79.37.238.113

    buongiorno a tutti fratelli dal cuore :catania: giorgio buona spesa CATANIA – Eccolo, finalmente, il centrocampista argentino tanto atteso e già a suo tempo annunciato dal Presidente Pulvirenti: “Oltre a Leto abbiam preso anche un centrocampista argentino, di cui adesso non posso dirvi il nome“. Il nome l’ha detto quest’oggi la Lega Serie A: Federico Freire, classe 1993, cresciuto nelle giovanili del Velez Sarsfield, una “botte cara” che sforna talenti seppur giovani spesso già maturi e con un’impronta, professionale e tecnica, molto chiara e del tutto particolare nel calcio argentino.

    Un nome a lungo taciuto, attendendo la naturale conclusione del rapporto col club argentino in cui il ragazzo ha percorso l’intero tragitto giovanile fino all’esordio in prima squadra. Il 30 Giugno, a contratto estinto, il viaggio dall’Argentina a Catania ma già il 10 Giugno il contratto di Federico Freire era stato presentato e protocollato in Lega Serie A, in virtù della possibilità concessa ai giocatori a fine contratto di cercare e firmare con un nuovo club pur col contratto ancora in essere col precedente. Deposito, che giustifica il titolo, avvenuto congiuntamente a quello di Sebastian Eduardo Leto, al cui annuncio, a suo tempo, era appunto stato legato quello dell’argentino del mistero: che oggi è facile pensare fosse appunto Freire.

    Un “Izco”, almeno nel ruolo, ma con una formazione più completa e specifiche limitate alla fase offensiva. E’ il classico “volante”, il terzo di centrocampo, ma con qualcosa in più in termini di tecnica abbinata all’indispensabile capacità e facilità di corsa da quella linea tanto in avanti che indietro. Davvero giovanissimo, classe 1990, ha sfiorato le nazionali giovanili argentine ed, attraversato un periodo complicato della propria carriera, è riuscito a centrare il sogno di esordire nel Velez già nella stagione 2011/2012, il 27 Aprile, contro l’Estudiantes.

    Da allora nessun goal ed un totale di 13 presenze tra campionato e coppa Libertadores. Una stagione, l’ultima, che avrebbe dovuto portarlo alla consacrazione ma che lo ha visto a lungo relegato in panchina nonostante l’inizio “favorevole” grazie all’infortunio del titolare che, tutto d’un tratto, gli aprì la possibilità di un posto fisso nell’undici: che , pur arrivato, sfumò dopo le prime difficoltà , anche fisiche, contribuendo, forse, a suggerire al ragazzo che sarebbe stato meglio “cambiare aria”, e quindi andare a scadenza, senza rancore.

    Dotato del doppio passaporto, chiare origini spagnole, il Catania incamera un giovane molto promettente seppur con pochissima esperienza nel calcio professionistico. Una scommessa a parametro zero a lungo cercata e centrata con un evidente progetto di valorizzazione alle spalle. A 22 anni, Federico Freire si approccia al campionato se non “più bello”, certamente “più difficile” del globo calcistico. Avrà dalla sua gli anni, il talento ed uno spogliatoio che certo contribuirà a farlo sentire a casa, oltre che l’esempio di giocatori quali Almiron ed Izco, giusto per restare in ambito centrocampo, ed in ambito argentino.

    Tanti auguri, Freire ricambio il tuo abbraccio chiarezza forza :catania: sempre :sciarpa: :sciarpa: :salve: :salve:

  6. Ip Address: 79.16.37.168

    Buongiorno raga’!!! :salve: :salve: :salve:

    Qui Napoli e dintorni cielo azzurro e temperatura calda.

    Angelo, spesa ridotta!!! 😆 😆 😆

    Buona giornata a atutti!!! :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  7. Ip Address: 79.37.238.113

    L’Atletico stringe per Gomez (Live Sicilia)

    “El Papu promesso sposo dei Colchoneros.

    “Il sodalizio etneo va avanti con oculatezza. C’è attesa per definire la questione legata alla cessione del “Papu” Gomez con l’Atletico Madrid: la pista è tutt’altro che raffreddata. Anzi. “Dopo tre stagioni ad alti livelli col Catania, andrò in un top club”, aveva confermato nei giorni scorsi Alejandro Gomez, aggiungendo: “E’ incredibile che una squadra come l’Atletico sia interessata a me”. Interessamento senza alcun ripensamento e il Papu andrebbe via ad una cifra non inferiore ai 9 milioni di euro. Sarebbe il primo colpo estivo dei Colchoneros e valutando il fatto che il patron Pulvirenti, Gomez lo aveva acquistato a poco meno di 3 milioni di euro e che all’interno dell’attuale rosa si trova già il sostituto ideale (Castro), alla fine non si può certo dire che il Catania non abbia avuto il suo rendiconto. Tuttavia, un rincalzo in panchina per quel ruolo ci vorrà comunque.

    Calciomercato Bologna: nasce l’idea Maxi Lopez (Corriere dello Sport)

    “A Zanzi è saltata in testa, ma la trattativa si presenta costosa senza dimenticare del guaio muscolare dell’argentino con la maglia della Sampdoria

    “Non c’è solo il Torino sulle tracce della punta ex Sampdoria. In Italia starebbe pensando a Maxi Lopez anche il Bologna. Secondo indiscrezioni che giungono dal capoluogo emiliano, la società felsinea non avrebbe ancora avviato contatti né con l’entoruage del giocatore, né con il Catania, ma considera praticabile la pista che porta all’argentino nel caso in cui saltasse l’ingaggio di Santa Cruz.

    Commenti solo catania tutto il resto e noia :catania: :catania: :sciarpa: :sciarpa: :salve:

  8. Ip Address: 79.30.130.184

    Buona serata a tutti… :salve:

    Beh, sono contento dell’arrivo di Freire, anche se era già stato annunciato da tempo.

    Adesso aspettiamo gli altri movimenti, sia in entrata che in uscita… :sciarpa:

    Buon fine settimana a Voi tutti.

    Rosso come il fuoco, azzurro come il mare, l’amore per il Catania non si può spiegare! :sciarpa:

  9. Ip Address: 95.250.154.88

    Salve raga’!!!
    Ciao Mongibello!!!

    Mongibello, anche se ancora non e’ ufficiale Lodi se ne va, spero che non si smantella la squadra ma come sai bene a noi ci resta solo i colori della Nostra maglia.

    Forza Catania sempre!!!!!!!!

    Sogni rosso e azzurro a tutti!!! :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  10. Ip Address: 79.37.238.113

    buona domenica a tutti fratelli dal cuore :catania: 199 avvisi, non basteranno perchè…
    199 sono i movimenti in entrata e uscita da Genova degli ultimi due anni. Eppure ancora in molti cedono ai giochi di Preziosi. Lodi è l’ultimo a preferire l’instabilità ligure alla stabilita di Catania. Lasciando amaro in bocca ai tifosi catanesi, e più di qualche “come mai?”.

  11. Ip Address: 79.37.238.113

    Per un giocatore andare al Genoa Cricket and Football Club è un po’ come per un allenatore essere alle dipendenze di Zamparini. Non lo dico io, lo dicono i fatti. Il Genoa, soprattutto negli ultimi anni è diventato infatti un autentico porto di mare, dove chi c’era ieri non c’è oggi, e chi c’è oggi di sicuro non ci sarà domani. Ripeto, lo dicono i fatti: 61 movimenti totali nella sessione estiva del calcio-mercato 2011-12 (22 in entrata, 39 in uscita), 38 a gennaio 2012, 62 nella sessione dell’anno seguente (19 entrate, ben 43 in uscita), 16 tra ingressi e uscite a gennaio 2013, già 22 movimenti nella sessione odierna. Totale: 199 movimenti di mercato in appena due anni, senza contare gli ingressi e le uscite del settore giovanile.

    E pure, c’è chi ancora sogna la stabilità a Genova. Parliamo di Lodi, non contato (ancora) in quei 199 movimenti di mercato, ma pronto ad approdare nel “porto di mare” per eccellenza del campionato italiano. In cerca di stabilità, anche lui. Una volta valeva il motto “uomo avvisato, mezzo salvato”, ma qui, nonostante ben 199 avvisi, gli uomini non provono neanche a salvarsi, cedendo di schianto alle lusinghe dei giochi di Preziosi.

    Cosa spinge uomini di tutte le nazionalità a cedere ai canti delle sirene di “Achille” Preziosi? Difficile da capire. Milioni? No, non ci sono contratti così tanto milionari come quelli a disposizione degli sceicchi del calcio mondiale (Psg, Malaga, Monaco, in testa). Promesse? Sì, forse, ma quali? Ti prometto un contratto più che buono per più anni per poi mandarti da qualche altra parte? Può essere anche ciò, ma non abbiamo le prove provate. Preferiamo pensare che al Genoa ci si va perchè il capuologo ligure è una bella città, si vive bene e magari si hanno meno problemi che altrove. O meglio, ci illudiamo che sia questa la motivazione per non farci altri filmini immaginari in testa.

    Lodi, uno che a Catania consideravamo quasi come l’icona Totti alla Roma. Lodi, un altro che preferisce cedere più che restare. Sì, ma con quale progetto va a Genova? Difficile da capire. La squadra si salva a mala pena, ha i tifosi (giustamente!) sul piede di guerra, non ha un gruppo di giocatori stabile (escludendo capitan Rossi, tutti hanno un anno o poco più di permanenza a Genova sulle spalle), ed è diventata negli anni una sorta di succursale delle grandi, Milan in testa (vedi “casi” El Shaarawy, Boateng, Constant, Merkel, Acerbi). Lodi al Genoa ritroverà un’altra nostra bandiera, Giovanni Marchese, anche lui caduto nella rete dei giochi di Preziosi. Contento lui, ma temiamo che anche il buon Giovanni si sia sbagliato di grosso a preferire la stabilità di Catania a qualche mila euro in più.

    E così un altro dei nostri se ne va. Si dirà: “io tifo solo la maglia”. Sì certo ok, quello sempre. Ma a me, il coro “Lodi, Lodi, Lodi” quando l’arbitro fischiava un calcio di punizione dal limite a nostro favore, mi mancherà un bel po’.

    Commenti solo catania tutto il resto e noia 😆 😆 :sciarpa: :sciarpa: :catania: :catania: :ciao: :ciao:

  12. Ip Address: 79.37.238.113

    Maxi Lopez interessa in Spagna (Europa Calcio)

    “Dopo il ritorno dal prestito alla Sampdoria, e le parole del suo procuratore, Andrea D’Amico, che via abbiamo riportato nei giorni scorsi, il futuro di Maxi Lopez, sarà sicuramente lontano da Catania. Nelle ultime ore, come riportato dal blog di Gianluca Di Marzio, si sono fatte avanti Malaga e Valencia, entrambe alla ricerca di una punta di movimento, per consentire l’ingresso in area delle seconde punte o dei centrocampisti.

    Catania, su Maxi Lopez ci sono Valencia e Malaga (TMW)

    “Potrebbe essere lontano dall’Italia il futuro di Maxi Lopez. L’attaccante del Catania, che nella scorsa stagione ha giocato con la maglia della Sampdoria, secondo quanto riferito da Sky Sport è seguito da Malaga e Valencia che cercano un attaccante dalle caratteristiche dell’argentino.

    Maxi Lopez è in eccesso al Catania: Malaga o Valencia nel suo futuro? (Goal.com)

    “L’attaccante argentino, dopo non essere stato riscattato dalla Sampdoria, difficilmente resterà in Sicilia. Possibile un suo approdo in Liga spagnola.

    Dopo non essere stato riscattato dal Milan e dalla Sampdoria l’attaccante argentino Maxi Lopez è tornato al Catania. Il diretto interessato però non sembra affatto interessato a restare in Sicilia, anche perchè la sua voglia di giocare in una squadra con maggiori ambizioni rispetto a quella etnea ha indispettito e non poco l’ambiente catanese. Secondo quanto riportato da Sky Sport 24 il futuro dell’ex-Barcellona e Gremio potrebbe essere la Spagna, precisamente la Liga. Sia il Malaga che il Valencia sembrano interessate al cartellino della punta, che nell’ultima stagione con la maglia blucerchiata non ha potuto mettersi in mostra causa l’esplosione di Icardi ed un fastidioso infortunio al ginocchio.

  13. Ip Address: 79.37.238.113

    Catania e Torino si contendono Cirigliano (Europa Calcio)

    Cirigliano nel mirino di due italiane

    “Il centrocampista Cirigliano del River Plate è stato proposto a mezza Italia. Dopo il Verona, anche il Torino e il Catania hanno messo gli occhi sul giovane argentino. Però, come riporta l’edizione odierna de la Gazzetta dello Sport, il Verona è in vantaggio ed in queste ore sta trattando con il River per il prestito del 21enne.

    La Gazzetta dello Sport

    Il Catania a sinistra continua a trattare Monzon (Lione) ed è sempre vigile su Rojo (ma lo Sporting spara alto), mentre per Maxi Lopez oltre al Torino spunta anche il Malaga. Se parte Agazzi, un’idea del Cagliari per la porta è Frison (Catania); in attacco chiesto, così come i siciliani, il prestito di Longo all’Inter.

    Gomez: ”L’Inter è un grande club come l’Atletico, ma…” (Europa Calcio)

    “Ad Alejandro Gomez comincia a star stretto il Catania. Infatti, l’esterno argentio rossoazzurro, in una intervista a Goal.com, ha parlato del suo futuro prossimo. ”Nei tre anni al Catania ho fatto un grandissimo lavoro e non è giusto avere preconcetti verso chi gioca per club non di primo livello”, ha affermato Gomez, che poi sul suo futuro ha ammesso: ”Sia Atletico Madrid che Inter sono due grandi club. È un sogno essere associato a questi due grandi club. Se devo andare mi piacerebbe iniziare la preparazione con la nuova squadra, ma per ora devo tornare a Catania”.

    Catania: Piace il giovane Lertora (Tuttosport)

    “E’ un centrocampista, classe ’90, del Godoy Cruz: i rossazzurri stanno sondando il terreno

    ” Il Catania si fa strada sul mercato. E’ stato ufficializzato l’arrivo di Federico Freire, centrocampista del Velez ma la colonia argentina della squadra potrebbe allargarsi nei prossimi giorni. Infatti i rossazzurri stanno sondando un altro giovane centrocampista, Federico Lertora, un classe ’90 del Godoy Cruz. E poi non si mollano alcune piste sudamericane per quanto riguarda l’esterno sinistro, Monzon è sempre in pole.

    Commenti forza catania sempre :catania: :catania: :sciarpa: :sciarpa: :salve: :salve: :ciao:

  14. Ip Address: 87.18.140.106

    Buongiorno raga’!!! :salve: :salve: :salve:

    Qui Napoli e dintorni, cielo azzurro e temperatura calda!!!

    Ciao Angelo!!! :ciao: :ciao: :ciao:

    Buona domenica a tutti!!! :catania: :catania: :catania:

  15. Ip Address: 212.195.241.127

    Buongiorno a tutti pari,

    Perché i giocatori vanno a Genova? semplice o quasi, qualunque cosa se ne dica su Preziosi per me è un genio ed l’unico che insieme a Zamparini e Pozzo guadagnano in uno sport dove tutti ci rimettono, tolto il Catania , ma non è che guadagni molto, I tre presidenti citati fanno affari a più non posso ed è vero che sono, specialmente Preziosi è telecomandato da Galliani e Moratti , acquista a poco un giocatore che interessa ai due con tacito accordo e poi gli lo rivende, logicamente lui lo paga meno di Inter o Milan squadre alle quali poi lo gira e li fà sempre una plus valenza e sia Inter o Milan lo pagano meno, alcuni casi evidenti ma non solo sono quelli citati nell’articolo precedente, El Shaarawy, Boateng, Constant, Merkel, Acerbi ma la lista è molto più lunga, poi c’è Zamperini, pazzo? e se volesse mollare? perchè anche lui è un ottimo scopritori di talenti ed un ottimo manager, trova sempre giocatori che poi rivende a prezzi pazzeschi sul momento dato, ma non da sole come Lo Monaco, cioè che dopo aver venduto Cavani per mi sembra 25ml adesso ne prende altri 7 se il Napoli lo vende a 63 ml e Pastore? e Tony finito poi al Bayer? senza contare molti altri, poi l’anno scorso il gioco si è interrotto ma andando in serieb, lui riesce a vendere sempre a prezzi che il Catania si sogna, vedi Iljlic o come si chiama ………lo stesso dicasi per pozzo che solo grazie ai gol di Di Natale riesce sempre a valorizzare giocatori buoni ma non fuoriclasse e venderli come se lo fossero, vedi Isla o Sanchez 30 ml per citare gli ultimi, e noi? Vargas Martinez e forse Gomez che se fosse stato al Palermo o al Genoa valeva 25 ml…per me ripeto anche se sono controcorrente Bravi Zamparini e Preziosi poi eticamente e tutt’altra cosa…. :ciao: :ciao:

  16. Ip Address: 79.37.238.113

    Stampa: Adesso serve il terzino..
    Due settimane sono passate ma il Catania non è ancora riuscito a chiudere per il terzino sinistro il cui arrivo era stato annunciato dal presidente Pulvirenti. Lungaggini di calciomercato al centro dell’odierna rassegna stampa. Due sono le piste conosciute: Monzon e Longo, meno gettonata quella Pucino, caduta nel dimenticatoio.

  17. Ip Address: 79.37.238.113

    un cordiale saluto chiarezza Catania, ecco Freire: ora il terzino (La Sicilia 06.07.2013)

    L’argentino è stato preso in contemporanea con il deposito in Lega del contratto di Leto

    “PUCINO, CALA IL SILENZIO. La trattativa era stata data per conclusa, una volta superata la pregiudiziale del pagamento cash, posta dal diesse varesino Milanese e manifestata la disponibilità ad accettare la contropartita tecnica proposta dal Catania (Doukara), e per il passaggio in rossazzurro del difensore casertano (22 anni) mancava soltanto l’ufficialità, mai arrivata: c’entri o no l’arrivo di Tachtsidis, è un fatto che di Pucino si è smesso di parlare. E ADESSO ROJO. A una settimana esatta dall’avvio della preparazione, non sono pochi i nodi da sciogliere. Oltre alla questione dei rinnovi (attese novità per Alvarez, Bellusci e Biagianti), restano da definire le posizioni di Gomez (soltanto un lapsus il fatto che il giocatore, parlando delle società interessate a lui, abbia parlato pure dell’Inter?) e di Maxi Lopez, che sarà regolarmente convocato per il ritiro di venerdì prossimo, ma che difficilmente tornerà a indossare il rossazzurro (l’anno scorso, se ricordate, la Gallina bionda riuscì a non rimettere piede a Catania e attese il suo passaggio in prestito alla Sampdoria), e da scegliere il giocatore che sostituirà Marchese sulla fascia di sinistra (in ballo Marcos Rojo dello Sporting di Lisbona e Monzon del Lione solo catania :sciarpa: :sciarpa: :catania: :catania: :salve: :ciao: :ciao:

  18. Ip Address: 87.18.140.106

    Copia e incolla dal Corriere Mercantile di Genova

    Genoa, frenata per Lodi
    Vrsaljko e Konate ad un passo
    Sembrava un’operazione facile facile, di quelle che si chiudono in poche ore. E invece lo scambio Tachtsidis – Lodi per il momento non è ancora andato in porto e neppure si ha la sicurezza che ci andrà.
    Lo scoglio è rappresentato dalla volontà del giovane difensore greco di non lasciare per la seconda volta il Genoa ma di volersi giocare le proprie carte. Quando il club rossoblù ha rilevato la seconda metà del suo cartellino dalla Roma, al ragazzo era stato detto che sarebbe stato al centro del progetto e quindi con buone possibilità di giocare anche titolare.
    Così quando l’altro giorno è stato avvertito dello scambio con il Catania ha subito puntato i piedi prendendo tempo e facendo capire abbastanza nettamente quelle che sono le sue intenzioni.
    Il presidente Preziosi e quello del Catania Pulvirenti hanno preso atto della situazione e quindi ora non possono fare altro che attende la risposta del giocatore che non dovrebbe arrivare prima di domani.

  19. Ip Address: 79.52.41.251

    Buonasera a todos… :salve:

    Ciao Giorgio, Angelo, Chiarezza e …… tutti gli altri presenti e non.. 😆

    Giorgio, come vedi, sembrava fatto lo scambio Taxi/Lodi, però c’è sempre qualche ostacolo non previsto che debbono superare… 😉

    Sinceramente, il fatto che Tachtsidis non voglia venire a Catania, già mi fa incavolare… ma che si aspettano di andare tutti al Real, al Barcellona oppure che so al Chelsea, Liverpool…. mah!
    La notizia non mi piaceva affatto, adesso che sembra non voglia venire, mi sta già sulle scatole… e mi chiedo: “”perché?””

    Presidente, chi non vuol venire a Catania lascialo stare dove si trova. La maglia rossoazzurra la deve indossare chi muore dalla voglia di farlo!! :incavolato:

    Un abbraccio, gente!!

  20. Ip Address: 87.18.140.106

    Buonasera raga’!!! :salve: :salve: :salve:

    Ciao Angelo, Chiarezza e Mongibello!!! :ciao: :ciao: :ciao:

    Chiarezza, ti devo dire la verita’? Quello che fa Preziosi compra a uno e ne guadagnare molto per le altre squadre mi fa incazzare se fossi tifoso del Genoa .

    Zamparini a quasi distrutto il Palermo, ha avuto la fortuna di accumulare
    un avanzo primario mai visto in precedenza e il Palermo e’ in Serie B, mentre Preziosi si e’ salvato per un pelo.
    Sapranno fare pure gli affari, come dici tu, ma come presidenti fanno proprio schifo.

    Mongibello, il bello vorrei sapere chi effettivamente voleva questo cambio alla pari Taxi-Lodi.

    Lodi se ne voleva andare? Come mai il 26 Giugno in una intervista su SkY parlava ancora come giocatore del Catania?

    Io sono contento che Taxi abbia detto no al Catania (ma chi se ne frega!!!).
    Poi vogliamo giocatori onorati di vestire la Nostra maglia.

    Adesso se Preziosi vuole Lodi monetizzare please!!!

    Dobbiamo sapere se e’ vero che Lodi voleva andare via, se e’ vero si metta all’asta tanto c’e’ tempo, la scadenza del calcio mercato finisce il 2 Settembre.

    Sogni rosso e azzurro a tutti!!! :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  21. Ip Address: 79.27.175.227

    buongiorno a tutti fratelli dal cuore :catania: ancora su lodi non ce niente di concreto CATANIA – Secondo quanto riportato dai media spagnoli e confermato da Sky Sport, Maxi Lopez avrebbe raggiunto un accordo di massima col Valencia. Resta da trovare l’accordo tra il club spagnolo ed il Catania che vorrebbe cedere l’attaccante a titolo definitivo. :ciao: :ciao: :salve: :salve: :sciarpa: :catania:

  22. Ip Address: 79.27.175.227

    [] Ed è un nuovo inizio brllante come pochi, da record. La concorrenza fa davvero bene al gruppo: é la filosofia di Zenga che nella prima parte del campionato non schiera mai lo stesso undici della partita precedente. Ruota anche la fascia di capitano. Dopo otto giornate, col 2-0 nel derby, a firma Mascara-Martinez, i rossazzurri suggellano la quarta vittoria interna consecutiva ed il sesto risultato utile nelle prime otto giornate, raggiungendo addirittura il terzo posto in classifica. Il punto più alto toccato dal Catania nella sua storia recente in serie A. Una quota tuttavia, che si sarebbe da lì in avanti ridimensionata e di parecchio. L’annata 2008/2009 resterà comunque piena di soddisfazioni per i colori rossazzurri ed anche piena di colore: vedi lo schema “pantaloncino abbassato” di Plasmati sulla punizione che, contro il Torino, Mascara trasforma in rete, vedi anche quel che accade dopo la partita, in zona interviste, quando proprio “WalterOne”, in pieno stile Mourinho, ritorna al giornalista Rai, Enrico Varriale, la cortesia ricevuta giorni addietro. “Lei da giocatore faceva poche uscite a vuoto, anche se una ce la ricordiamo tutti (Italia-Argentina, ndr)”, è il benvenuto di Varriale in trasmissione, a cui Zenga risponde: “Varriale, si chieda chi l’ha messa lì e perché ce la fanno stare”, “Zenga, il presidente della Lega le ha raccomandato buona educazione”, “Il maleducato è lei, Varriale […] preferisco fare uscite a vuoto che avere a che fare con gente come lei”, “Lei continua ad offendere e deve stare attento a quello che dice”, “Ohh Varriale che paura che mi fa, sono qui che tremo. Aspettavo questo momento per venire da lei a dirglielo”.

    Una scenetta che resterà storica anche grazie alle “repliche” mandate in onda su “Radio Sportiva”. E non sarà neanche il primo, né l’ultimo battibecco con un giornalista. A Massannunziata, nel pre, nel post ed anche durante le conferenze stampa, se ne vedono e sentono non pochi. Intanto, il Catania di Zenga rallenta nonostante regali ancora grandi soddisfazioni come il 4-0 nel derby col Palermo. Altra puntata storica. Il gioiellino della stagione è Mascara che regala goal spettacolari e che, a fine stagione, insieme a Biagianti, si guadagnerà persino la soddisfazione della convocazione, e nel suo caso dell’esordio, con la maglia azzurra. Della storica trasferta di Palermo, indimenticabile resterà il viaggio di ritorno con sosta obbligata nell’area di servizio del “Gelso Bianco”dove, ad attendere il pullman, migliaia di tifosi diedero il loro bentornato alla squadra. Uno tra tutti, convinse Zenga (dopo qualche reticenza) persino a farsi baciare sulla testa. Fu il sigillo di quella vittoria. Il Catania che aveva iniziato l’annata con sette risultati utili nelle prime otto giornate, chiude con 7 sconfitte nelle ultime nove giornate, ma è anche il primo a chiudere, dal ritorno in A, la questione salvezza con parecchie giornate d’anticipo, per di più con una sconfitta, quella contro la Fiorentina. L’ultima gioia, la regala il 3-1 sul Napoli, nell’ultima in casa, ricordata anche per la prodezza di Falconieri dalla distanza. Non rinnova, Zenga. Non chiaramente, ma l’intenzione era trapelata già da tempo. Su di lui voci d’un interessamento della Sampdoria. Ma il tecnico terrà a chiarire: “Non ho voluto rinnovare non perché avessi già un’altra squadra, ma perché avevo intenzione di guardarmi attorno”.

    Spiegazioni offerte non dalla sala stampa dell’Inter, suo grande sogno, nemmeno da quella della Sampdoria né della Fiorentina, ma da quella del Palermo, dove approda poche settimane dopo il congedo dal rossazzurro. Trasferimento che non va giù ai tifosi rossazzurri soprattutto per quel “chi non salta è catanese” a cui Zenga partecipa sotto la curva dei rosanero, più che per la battuta di spirito: “Il Palermo deve ambire allo scudetto”. La vendetta sarà un piatto servito freddo, al primo nuovo incontro. Il Catania passa intanto a Gianluca Atzori, già vice Baldini che lo stesso Baldini rinnegò e continuò a rinnegare poiché, al momento dell’esonero, e dell’arrivo di Zenga, Atzori non lo seguì, scegliendo di rimanere vice di Zenga per le ultime 7 gare della stagione. A suo modo, una piccola “maledizione” che ebbe effetti devastanti. Il nuovo Catania di Atzori puntava tutto su Morimoto, scommetteva su Augustyn, contava sull’apporto di Silvestre, Carboni, Martinez e Mascara. Un disastro, nonostante la provata preparazione del tecnico, nonostante lo splendido precampionato. Il Catania iniziò col piede sbagliato, perdendo all’esordio in A, in casa, al 92°, con l’uomo in meno (espulso Augustyn) e dopo aver subito anche il primo goal in assoluto dell’intero campionato (che valse a Mariano Andujar una fornitura di vini), dopo appena 9′ di gioco. Il primo risultato utile sfuma contro l’Udinese: Catania due volte in vantaggio, fischi per i bianconeri dal pubblico di casa all’intervallo, ed alla ripresa risultato finale di 4-2 per i friulani. In vantaggio anche contro la Lazio, Foggia pareggia di testa. In vantaggio contro la Roma, a tempo scaduto,92′, De Rossi, su calcio d’angolo inventato e concesso, pareggia. Sfortunatissimo, il Catania. Costruisce tanto ma conclude poco e, Morimoto, non sembra più quel cecchino spietato d’un tempo. La prima vittoria arriva all’ottava giornata, quando in porta non c’è Andujar ma Campagnolo. E’ un risultato importante ma illusorio, che non avrà seguito. Nelle successive sette partite, due pareggi e cinque sconfitte, l’ultima a Siena, dove il Catania, come ad Udine, passa due volte in vantaggio ma alla fine perde 3-2. E’ la goccia che fa traboccare il vaso della pazienza.

    Il Catania, che ha sempre protetto il proprio allenatore e le proprie scelte, matura la scelta di esonerare Atzori. E’ la quindicesima giornata. I rossazzurri sono penultimi. La squadra viene affidata a Sinisa Mihajlovic. Una mossa coerente con quella già portata anni prima con l’arrivo di Zenga. un ex calciatore, un tecnico dotato di grande carisma e presa, specie morale, sui giocatori, anche con un po’ d’esperienza in più rispetto a Zenga (aveva allenato già a Bologna). Il suo arrivo non è accompagnato dallo stesso scetticismo serpeggiante all’arrivo di Zenga. visto il precedente. Tuttavia, la presentazione non è delle migliori. Il Catania perde in casa contro il Livorno sull’unica occasione dei labronici: segna Danilevicius. Alvarez centra il palo pieno a pochi minuti dalla fine. Dopo questa ennesima sconfitta, il Catania scende all’ultimo posto. E’ il punto più basso dell’era Pulvirenti. Verrà mai via questa sfortuna? Il presidente Pulvirenti, in quel dopo gara, parlerà alla stampa affermando: “Tra cinque anni il Catania giocherà in Europa League”. Anche da quelle parole, non approvate dall’allora direttore generale Pietro Lo Monaco (“Il presidente parla da tifoso”, ndr) comincerà il riscatto e la rapida risalita nel girone di ritorno più emozionante e spettacolare della storia recente. Della parentesi Atzori, l’unica nota lieta, verrà ricordata esser coincisa col pareggio 1-1 a Palermo, costato la panchina a “chi non salta catanese é” Walter Zenga. Anche in quell’occasione il Catania diede una “lezione di calcio”, ma di vincere.. neanche a parlarne!

    [ :sciarpa: :sciarpa: :catania: :catania: :ciao: :salve: …]

  23. Ip Address: 79.4.15.37

    Buongiorno a tutti….
    Speriamo 😉 😉 😉

    Catania-Monzon, il Lione autorizza le visite
    Articolo pubblicato lunedì 8 luglio 2013 alle 00:16

    Monzon si avvicina al Catania. Tra martedì e mercoledì il giocatore atterrerà in Sicilia, perché il Lione ha autorizzato le visite mediche. L’accordo tra le due società non c’è ancora, ma Monzon si avvicina e le sensazioni sono positive.

  24. Ip Address: 95.238.6.14

    Buongiorno raga’!!! :salve: :salve: :salve:
    Ciao Angelo e joe!!! :ciao: :ciao: :ciao:

    Qui Napoli e dintorni, cielo azzurro con nuvolette e temperatura calda.

    Ho letto che Lodi ha una nuova compagna addirittura catanese, il motivo di andarsene da Catania sarebbe questo? Mah!!! Staremo a vedere!!!

    Mancano 4 giorni per il ritiro, dall’elenco sapremo chi resta e chi va (Max e Lodi?).

    Buona giornata a tutti!!! :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  25. Ip Address: 79.27.175.227

    Stampa: Tachtsidis firma, non firma, accetta, rifiuta, salta tutto, infine: “Fumata bianca”
    Secondo quanto riportato dai media nelle ultime 24 ore, l’affare Tachtsidis-Lodi è in bilico. Il regista napoletano non è “sbarcato” dalla nave da crociera che l’ha condotto fino al porto di Genova mentre il regista greco è dubbioso sul suo trasferimento a Catania. Nelle ultime ore, pare esser arrivata la schiarita decisiva per il buon esito dell’affare,

  26. Ip Address: 79.27.175.227

    Tachtsidis verso il sì Il Catania lo aspetta Oggi la fumata bianca? (La Gazzetta dello Sport)

    “Nella settimana dell’inizio del ritiro in sede, il Catania aspetta ancora il sì di Tachtsidis. Secondo il Corriere Mercantile di ieri, il greco vuole restare al Genoa. Dall’entourage rossazzurro nessuna risposta, perché la trattativa è ancora in corso e domani dovrebbe essere il giorno dell’annuncio o della rinuncia. A chi? A Tachtsidis, (FORTE) perché a quanto pare Lodi al Genoa andrà lo stesso per volontà dei più alti dirigenti rossazzurri di cedere e del Genoa di acquisire uno specialista delle punizioni che sa come fare giostrare il centrocampo. Del resto Preziosi ha dato l’ordine di prendere a tutti i costi il giocatore. E, allora, che fare? Aspettare altre 24 ore e capire se ci sono margini per rimettere in moto lo scambio. La svolta Ma in serata, ecco la virata pro rossazzurri: pare che il Genoa abbia convinto il greco a dire di sì e, dunque, domani al rientro in Italia, l’ex calciatore della Roma dovrebbe dire di sì alla formazione etnea. Se non dovesse ar rivare il greco, il Catania potrebbe considerare la situazione Almiron, consegnando all’argentino un compito di responsabilità nel centrocampo, con la soluzione Biagianti, che sta discutendo il rinnovo da tenere presente più che mai. Ma il compito del Catania ora è sfoltire la rosa, soprattutto il parco attaccanti. Qualcosa si muove a proposito di Maxi Lopez, che adesso fa gola al Bologna, ma anche a due club spagnoli, tra i quali il Malaga e il Valencia. Una cosa sembra certa: Lopez potrebbe non tornare in Sicilia, attualmente si trova in vacanza proprio in Spagna e su twitter continua a postare fotografie del suo soggiorno che potrebbe diventare la sua sede definitiva.

    Calciomercato Genoa, Tachtsidis rifiuta il Catania: bloccato il passaggio di Lodi (Goal.com)

    “E fu così che il greco bloccò tutto. Pareva fatto il passaggio di Francesco Lodi al Genoa, ma Panagiotis Tachtsidis non pare convinto della destinazione Catania. Si dovrà lavorare, ma ora come ora le trattative hanno subito una frenata. L’ex giocatore della Roma, squadra in cui ha militato nell’ultima stagione tra luci e ombre, non vuole andare in Sicilia: preferisce giocarsi le sue chance a Genova, ma la società etnea potrebbe convincerlo davanti al progetto giovane ed europeo. Non è in discussione l’accordo tra Grifone e Lodi, che potrebbe arrivare in Liguria anche senza passare da Tachtsidis: di certo l’affare verrà rallentato dai dubbi del greco, non è escluso che il Genoa possa inserire qualcun altro nella trattativa.

    Tachtsidis non è convinto del Catania (Europa Calcio) L’affare però non sembra essere saltato

    “Mancava tanto così al passaggio del centrocampista greco Panagiotis Tachtsidis (22) dal Genoa al Catania, ma nelle ultime ore c’è stato un improvviso dietro front da parte dello stesso giocatore, che non sembra essere allettato dalla destinazione etnea. Questo ripensamento del ragazzo rischia di far saltare lo scambio che porterebbe Francesco Lodi al Grifone, ma la trattativa potrebbe ugualmente andare in porto, anche se con qualche giorno di ritardo.

    Tachtsidis dice no al Catania (As Roma Live)

    “L’ex centrocampista giallorosso ha rifiutato un’offerta proveniente dal club siciliano

    “L’avventura di Tachtsidis alla Roma non è stata certo esaltante. Durante il ritiro estivo a Riscone e nelle amichevoli pre-campionato, il centrocampista greco aveva messo in mostra delle buone qualità. Poi, però, nel corso della stagione, il suo rendimento ha deluso le aspettative tanto che il 20 giugno scorso il Genoa ha deciso di riscattarlo. Secondo le ultime voci, Tachtsidis avrebbe rifiutato un’offerta da parte del Catania: l’ex giallorosso sarebbe dovuto rientrare nella trattativa che avrebbe portato Lodi in Liguria.

    Tachtsidis firmerà col Catania (Pianetagenoa1893)

    “Erico Preziosi e Urbano Cairo hanno trovato un’intesa per Ciro Immobile. Secondo Gianluca Di Marzio «nella trattativa c’è dentro soltanto Emiliano Moretti, e non Danilo D’Ambrosio». Il giornalista di Sky Sport riferisce che non ci saranno problemi per lo scambio Lodi-Tachtsidis tra Genoa e Catania. Il giocatore greco arriverà martedì in Italia per firmare il suo contratto con il club etneo.

    Tachtsidis rifiuta il trasferimento: Lodi andrà comunque al Genoa (Calcio Web)

    “Era un affare considerato concluso da tutti: Francesco Lodi sarebbe finito al Genoa, con Panagiotis Tachtsidis che avrebbe ingrossato le fila del club etneo. Proprio il greco, però, ha stoppato tutto: non vuole trasferirsi al Catania e, almeno per adesso, non sembrano esserci margini perchè il centrocampista ellenico cambi idea. Ciò non mette a rischio il passaggio di Lodi in Liguria: in un modo o nell’altro, il trasferimento si farà. Le modalità che però sino a qualche giorno fa parevano certe, sono adessoo in forte dubbio.

    Catania: potrebbe saltare lo scambio Lodi-Tachtsidis (Lavika)

    “Dopo lo scorcio di stagione da titolare disputato con la Roma di Zeman, Tachtsidis era pronto a disputare una nuova stagione da protagonista il Liguria

    Secondo quanto riportato dal “Corriere Mercantile”, lo scambio tra Lodi-Tachtsidis potrebbe andare in fumo. Motivo: il calciatore greco ex Roma avrebbe qualche dubbio ad accettare la proposta di indossare la maglia rossazzurra. La volontà del giovane centrocampista potrebbe bloccare il trasferimento di Lodi al Genoa.

    Genoa-Catania, rischia di saltare scambio Lodi-Tachtsidis (Catania Today)

    Lo scambio tra i due centrocampisti potrebbe andare in fumo. Motivo: il calciatore greco ex Roma avrebbe qualche dubbio ad accettare la proposta di indossare la maglia rossazzurra

    “econdo quanto riportato dal “Corriere Mercantile”, lo scambio tra Lodi-Tachtsidis potrebbe andare in fumo. Motivo: il calciatore greco ex Roma avrebbe qualche dubbio ad accettare la proposta di indossare la maglia rossazzurra. La volontà del giovane centrocampista potrebbe bloccare il trasferimento di Lodi al Genoa. Dopo lo scorcio di stagione da titolare disputato con la Roma di Zeman, Tachtsidis era pronto a disputare una nuova stagione da protagonista il Liguria. I nuovi risvolti e l’affare Lodi, potrebbero non essere graditi come soluzione finale.

  27. Ip Address: 79.27.175.227

    Catania 2013-14, nessuna rivoluzione tattica Freire regista, Tatchsidis custode della difesa (La Sicilia 07.07.2013)

    Oltre che con il tridente offensivo, Maran lavorerà su più soluzioni, compresa la difesa a tre, con Izco cursore di fascia, capace di piazzarsi sulla fascia per avanzare fino all’area avversaria. Il ruolo del reparto arretrato e i movimenti in uscita non appena il mosaico sarà completato dall’arrivo di un laterale sinistro che sostituisca Marchese

    “Il 4-3-3, arma contundente del Catania, non si tocca. Semmai, per esigenze tattiche, o per emergenze varie, verrà modificato e diventerà un 4-2- 3-1 ampiamente verificato con l’efficacia delle vittorie ottenute dai rossazzurri nello scorso campionato. Ecco l’importanza di ripartire con un allenatore che è lo stesso della stagione passata: Maran conosce pregi e difetti del gruppo, farà inserire i nuovi acquisti così come è accaduto con Castro, che sembrava un… Izco, talmente calato nella parte del protagonista, da non sembrare una matricola. Abbiamo fatto riferimento della difesa a quattro: ma quante volte, il Catania ha utilizzato il modulo formula 3, approfittando della duttilità di Mariano Izco, capace di agire come «falso» terzino fino ad avanzare sulla linea dei centrocampisti. E proprio Izco, come accennato più volte, sarà l’ago della bilancia del gioco prossimo venturo, con le capacità di accelerazioni che ha. Il punto è questo: Tachtsidis sarà una sorta di custode della difesa, un play basso alla De Rossi. E utilizziamo il paragone con capitan futuro perché rende l’idea di quanta protezione potrebbe dare la presenza del greco in un contesto, quello rossazzurro, che poi dovrà mantenere l’equilibrio nel possesso di palla. Con Izco esterno e Freire regista, potrebbe toccare ancora ad Almiron (ammesso che non venga ceduto, ma questo lo sapremo alla fine del ritiro presumibilmente) presidiare la fascia sinistra, tenendo sempre d’occhio la trattativa del rinnovo possibile di Marco Biagianti, protagonista di un ottimo finale di campionato. Insomma se fosse 3-5-2, Izco si staccherebbe dalla difesa nella fase di possesso, Tachtsidis agirebbe alla Carboni o alla Edusei, davanti alla difesa, Freire fungerebbe da regista puro, un po’ come faceva Lodi, Almiron o Biagianti occuperebbero la parte interna di sinistra. Bergessio, Barrientos e, se dovesse entrare subito in forma fisica accettabile, Leto potrebbero diventare i tre attaccanti, senza dimenticare Castro. Uno dei tre, Castro o Barrientos soprattutto, partirebbe dalla linea di centrocampo per dare, successivamente, man forte al Toro Bergessio. Ipotesi che Maran studierà direttamente sul campo, ecco perché la prima parte del ritiro, come consuetudine, si terrà a porte chiuse e a Torre del Grifo. Le prove generali, al di là delle amichevoli con le squadre minori, si potranno mettere in atto durante la settimana di lavoro a Novarello, centro sportivo che ospiterà i rossazzurri dal 2 al 6 agosto. Novara e Varese saranno gli avversari di un Catania non certo sperimentale, perché i rossazzurri partiranno da schemi consolidati, ai quali si aggiungeranno varianti tattiche interessanti, sicuramente atte a migliorare la fluidità del gioco, soprattutto la copertura e le uscite della difesa, reparto che, a parte il terzino sinistro prossimo venturo, avrà gli stessi identici protagonisti, perché il rinnovo di Legrottaglie, la conferma di Spolli, in barba ai corteggiamenti argentini (che si verificano ogni anno, durante le sue ferie in patria), i prossimi rinnovi di Alvarez e di Bellusci, permetteranno a Maran, che in porta avrà ancora Andujar e quasi certamente anche Frison, di oliare meglio i meccanismi della retroguardia.

    Commenti solo catania tutto il resto e noia 😆 :sciarpa: :catania: :salve:

  28. Ip Address: 79.27.175.227

    Catania, il Lione autorizza le visite mediche di Monzon (Europa Calcio)

    “Monzon è praticamente un giocatore del Catania. Il Lione, come riportato dal blog di Gianluca Di Marzio, ha infatti autorizzato le visite mediche per il giocatore. Monzon arriverà in Sicilia tra martedi e mercoledi. Le due società non sono ancora giunte a un accordo ma è questione di dettagli.

    Catania, focus mercato Il riepilogo delle trattative (Live Sicilia)

    “Il Catania è, invece, ancora fermo al palo per quel che riguarda l’acquisto di un terzino sinistro in grado di non far rimpiangere il neo genoano Marchese. Un vero e proprio tormentone di inizio estate quello riguardante questo argomento con nomi che si susseguono di giorno in giorno senza che si arrivi alla definizione certa di una trattativa specifica. Rojo e Monzon, Mesbah o Grillo o qualche altro calciatore abile in quel ruolo… purchè si definisca la situazione. Sinora i tentativi rossazzurri in tal senso non sono andati a buon fine ma l’abilità del duo Bonanno-Cosentino non mancherà certo di centrare presto l’obiettivo.

    Ipotesi Rojo si complica (Catania Today)

    “Un altro argentino, ma giocatore dello Sporting Lisbona, era stato accostato con insistenza alla società del presidente Pulvirenti. Si tratta del difensore Rojo. Secondo quanto riporta “La Gazzetta sportiva”, la pista che porta al giocatore sembra complicarsi, a causa delle alte pretese del club portoghese.“

  29. Ip Address: 79.27.175.227

    QUANDO I CALCIATORI VENGONO DAL MARE LODI, STABILE E LE ALTRE NAVI ROSSOBLÙ (Il Secolo XIX)

    “Ha guardato Genova dal mare. Da vicino. Dal suo porto che la racconta. Così Francesco Lodi ha conosciutoperlaprimavoltalasuanuova città, da (quasi) rossoblù. «Bella».Eda far appassionare a colpi mancini. Il regista promesso del Grifonenonèsceso dalla Msc Preziosa su cui è stato per unasettimana in crociera nel Mediterraneo con la compagna, attraccata alle 8 di ieri. E ripartita per Napoli alle 17. Rimastoabordo, toccherà suolo ligure nei prossimi giorni. Domani,aCatania dove sta diventando ex. Nel giorno in cui in Sicilia è previsto pure l’arrivo di Panagiotis Tachtsidis, per il sì agli etnei che va a sbloccare la trattativa così come impostata giorni fa. Ieri, il primo contatto fra LodieGenova. All’antica, nella stagione che celebra i 120 anni rossoblù, simbolico l’approdo del centrocampista di Frattamaggiore. Lì dove il 28 luglio 1923 de Prà egli altri si imbarcavano sullamotonavePrincipessa MafaldaperlaprimatournèediunasquadraitalianainSudamerica. Lì dove il 14 novembre 1930 si presentò sul ponte del transatlantico Conte Rosso, accolto da tifosi in festa, El Filtrador Guillermo Stabile. Sogni di calcio che vengono dal mare. Il nuovo comandante in campo per il Genoa e la città che all’orizzonte ha visto giungere (e ha salutato) campioni

    Catania, focus mercato Il riepilogo delle trattative (Live Sicilia)

    “A cinque giorni dall’inizio del ritiro precampionato, in programma nel centro sportivo di Torre del Grifo, ancora grandi manovre in casa rossazzurra in vista del completamento della rosa a disposizione di Maran per la stagione calcistica 2013-2014. Di certo, al momento, ci sono gli ingaggi di Freire che arriva a parametro zero dal Velez e del talentuoso Leto atteso con particolare curiosità dopo aver smaltito un grave infortunio. Inoltre, potrebbe arrivare a breve Panagiotis Tachtsidis nell’ambito della trattativa che porterà Ciccio Lodi al Genoa. Le due società sono già d’accordo ed alla ratifica dello “scambio” con congualio in favore del Catania manca solo la firma dei due centrocampisti. Certo, resta da capire cosa possa aver convinto il mancino di Frattamaggiore –autentico leader della piazza etnea- ad accettare il trasferimento in un club quantomeno della medesima “fascia” del Catania malgrado il blasone storico vantato dalla società di Preziosi.

  30. Ip Address: 72.226.121.41

    Tra pochi giorni i giocatori si raduneranno per iniziare ufficialmente il ritiro.A questo punto,per me il problema piu’ grosso non sono tanto i giocatori in entrata ma quelli in uscita.Abbiamo moltissimi giocatori che tornano dai vari orestiti o comproprieta;,altri che non rientrano ne piani della societa’ ma fino ad ora ,fanno parte dell’organico della societa’ stessa..Non sto qui a fare nomi perche’ i miei interlocutori tutti ferratissimi in materia ,certamente li conoscono ma certo che bisognera’ ,prima o poi,cercare di sfoltire i ranghi.Tornando all’affare Lodi,ringraziamo sentitamente il napoletano per questi due anni e mezzo ,ma voltiamo pagina…….Sono sicuro che anche per le punizioni,troveremo qualcuno che lo potra’ sostituire degnamente.SEMPRE FORZA CATANIA

  31. Ip Address: 79.49.60.155

    Ciao Salvatore!!! :ciao: :ciao: :ciao:

    Non so se e’ vero!!!

    Ho controllato ma lo dice solo un sito cioe’ itasportpress

    Fabian Monzon a Torre del Grifo!!!

  32. Ip Address: 79.4.15.37

    Mi sembra che è fatta per Monzon :sciarpa:

    CATANIA, Monzon a Torre del Grifo
    08.07.2013 13:22 di Redazione ITA Sport Press Twitter: @ItaSportPress

    Potrebbe arrivare già oggi il comunicato ufficiale del Catania per Fabian Monzon, terzino sinistro che verrà subito affidato a mister Maran in vista del ritiro estivo. Come anticipato questa mattina dalla nostra redazione, con astuzia e abilità la dirigenza etnea è riuscita a prendere l’argentino. Monzon, secondo quanto appreso da Itasportpress.it, si trova già a Torre del Grifo per le visite mediche e la firma sul contratto.

  33. Ip Address: 79.4.15.37

    Giorgio, abbiamo scritto la stessa cosa 😀 😀

  34. Ip Address: 79.4.15.37

    Tachtsidis verso il sì. Nelle prossime ore la fumata bianca……

  35. Ip Address: 79.4.15.37

    A me piace come attaccante 🙂 🙂

    ESCLUSIVA TMW – Catania, tentazione Abel Hernandez
    08.07.2013 13.56 di Alessio Alaimo Twitter: @alaimotmw

    Il Catania cerca un attaccante. Occhi puntati su Abel Hernandez, in uscita dal Palermo di fronte ad un’offerta importante. C’è stato un contatto informale, al Catania piace Hernandez. Sul tavolo 5 milioni per la metà più una contropartita tecnica. Un’operazione molto difficile da realizzarsi, ma mai dire mai. E l’idea Hernandez, al di là di come andrà, testimonia le ambizioni del Catania. Una società che ha voglia di crescere ed imporsi nel tempo. Su Abel restano comunque vigili Roma e soprattutto Napoli. Il calciatore è valutato 12 milioni di euro. E se non arrivasse un’offerta consona, Hernandez potrebbe anche restare al Palermo…

  36. Ip Address: 2.2.231.109

    Buongiorno a tutti pari

    In sintesi a tutte le notizie

    Lodi acqua d’avanti e ventu d’arreri

    Monzon FAVOLOSO più forte che Marchese

    Hernadez 12 milioni?????????????????e Gomez 9 ma mi faccia il piacere, lo dicevo l’altro giorno i top dei Presidenti sono PREZIOSI E ZAMPARINI a loro il mio più sentito OMAGGIO, ma Hernandez a 12 ml sei un grande ………………… :ciao: :ciao: :ciao:

  37. Ip Address: 2.2.231.109

    Ora se io fossi l’ad del Catania e che sia vera la notizia che l’Atletico Madrid voglia anche Bergessio , farei un pacchetto 20 ml tutti e 2 e ve li porto di corsa!! Lopez ne vale 100 di Bergessio e se avesse il suo carattere giocherebbe al posto di Higuain in nazionale Argentina……………..

  38. Ip Address: 79.27.175.227

    CATANIA – Fine settimana ancora povero di movimenti. Fatta eccezione per l’ufficialità di Federico Freire, attesa da Giugno, le novità giunte sono tutte interlocutorie. Da Tachtisidis a Monzon, passando per Lopez, Gomez e Lertora: affari possibili ma non ancora concretizzati. Ed intanto, giorno 11, comincia il “mega” ritiro.

    Tachtisidis
    Sembrava tutto fatto ed invece, come consono ad uno scambio: non lo è. Metter d’accordo quattro teste è già cosa dura (club cedente, club acquirente, procuratore e giocatore), con due in più, raggiungere l’accordo non può che risultare ancora più difficile. La mancata ratifica del passaggio di Lodi al Genoa, attesa domenica scorsa, slitta. La notizia questa è. La causa, la più probabile e credibile, quella standard in queste situazioni, quella che anche se non confermata al 99% “lei è”: l’indecisione della contropartita. Sia perché tanti giocatori, faticano tanto ad accettar di esser giudicati dai giornali (e dal proprio club) una contropartita, sia perché l’intenzione di Lodi è quella di andar via di fretta, in un modo o nell’altro, quella di Tachtsidis di ponderare con calma il proprio futuro. Volontà che mal si conciliano. Se il primo andrà comunque via da Catania, il secondo potrebbe non approdarvi mai. E nessuna delle due eventualità il Catania percepirà come dramma. Val la pena ricordare una frase a suo modo storica del presidente Pulvirenti: “Quando un giocatore ha un dubbio nel venire a Catania noi ci facciamo mille dubbi sul suo dubbio”. Antesignana de “un giocatore che viene a Catania deve aver gli occhi che brillano al solo pensiero”.

    Maxi Lopez
    Potrebbe risolversi come sperato la vicenda del “non” ritorno di Maxi Lopez. Il giocatore, in vacanza in Spagna, ha ricevuto almeno due proposte da club della Liga. Particolarmente interessante pare quella avanzata dal Valencia. Il club rossazzurro vorrebbe cedere il giocatore a titolo definitivo, per non dover trattare il rinnovo, ma dopo l’annata poco soddisfacente trascorsa a Genova, questa richiesta comporterà un sacrificio in termini di valutazione del cartellino. Piste italiane parlano di Bologna e Torino. Si cercherà di chiudere prima dell’inizio del ritiro.

    Lertora
    Fa davvero sensazione leggere di un’offerta di 5mln di euro per un ragazzo del Godoy Cruz, Federico Lertora, classe 1990, incontrista di centrocampo. Fa ancor più sensazione leggere che la richiesta giunga dal Catania, che mai ha investito una tale somma su di un solo giocatore (il più pagato, con circa 3mln, resta Rolin). Nonostante ciò, il ragazzo non pare incline al trasferimento: “Se potessi scegliere vorrei giocare nel calcio inglese, ma anche il calcio europeo, in generale, mi piace. In questo momento tuttavia, voglio restar concentrato sul Godoy Cruz e sulla prossima stagione che si prospetta difficile”. Cinque milioni..

    Più Monzon che Rojo
    Prende piede la trattativa più accreditata. Forti le resistenze dello Sporting Lisbona per Rojo, meno quelle del Lione per Monzon, già ceduto in prestito la scorsa stagione e quindi meno considerato nell’ambito del progetto tecnico della formazione francese. La corsa a due tra terzini vede avvicinarsi sempre più il traguardo per il classe 1987 dalla buona corsa e dal tiro potente la cui candidatura è emersa qualche giorno dopo i primi contatti con lo Sporting Lisbona per Rojo. Le premesse per trovare “un giocatore ancor più bravo di Marchese” sono state poste.

    Gomez
    Altro affare di cui si fa un gran parlare ma che ancora non vede la luce è il trasferimento di Alejandro Gomez all’Atletico Madrid. Non si farà per soli 8 milioni. Il Catania pare ne abbia chiesti di più agli spagnoli che hanno alzato l’asticella a nove. Si potrebbe chiudere ad una cifra di poco superiore ai dieci. L’ipotesi che il giocatore inizi la stagione a Torre del Grifo è tutt’altro che remota anche se sarebbe auspicabile il contrario magari anche per velocizzare alcuni affari in entrata: come spesso si dice in queste situazioni. Non tanto per una questione economica quanto per ragioni squisitamente numeriche. I convocati per il ritiro del Catania non entrerebbero in un solo pullman.

    Bergessio
    Ultimissime dalla Spagna, l’Atletico Madrid torna nuovamente a pensare a Bergessio come sostituto a Radamel Falcao. Non è una notizia nuova, non ha preso rilevanza in passato, difficile ne prenda adesso. Ma nel calciomercato regna la regola: tutto è vero perché tutto è possibile. Una regola che funzionerebbe meglio applicata alla nostra quotidianità..

    Commenti solo catania tutto il resto u sapiti 😆 :sciarpa: :salve: :catania:

  39. Ip Address: 79.49.60.155

    Ciao joe e Chiarezza!!! :ciao: :ciao: :ciao:
    joe, ancora non ho visto la notizia sui giornali siciliani di Monzon.

    Chiarezza mi fai morire dal ridere!!! 😆 😆 😆 😆 😆 😆
    Ma si dateci i soldi!!!!!!

    Se dici che Monzon e’ bravo meglio per noi.
    Adesso leggo pure per Bergessio ci sono sirene dell’Atletico Madrid.

    Speriamo che non ci sfascino la squadra!!! :incavolato: :incavolato: :incavolato:

  40. Ip Address: 79.49.60.155

    Copia e incolla dal giornale spagnolo AS :incavolato: :incavolato: :incavolato: :incavolato: :incavolato: :incavolato: :incavolato: :incavolato: :incavolato: :incavolato:

    lunes, 08/07/2013

    ATLÉTICO DE MADRID
    El club se fija en Bergessio como un posible sustituto de Falcao
    Gonzalo Bergessio juega en el Catania y coincidió con el Cholo allí y en San Lorenzo. Desde la llegada de Andrea Barta a la dirección deportiva, el club sondea la Serie A.

    El Atlético se ha fijado en Gonzalo Bergessio como posible sustituto de Falcao. El delantero del Catania, que pronto cumplirá 29 años, podría contar con el visto bueno de Simeone y el club rojiblanco ya ha contactado con su agencia de representación y Pulvirenti, presidente de la entidad siciliana. En ambos casos, los contactos fueron positivos. El Catania comunicó que dejaría partir al jugador por una cifra cercana a siete millones de euros, razonable para las arcas del club. Y el jugador se mostró ilusionado, aunque exigió una ficha de dos millones de euros limpios (igualmente factible).

    El Atleti está rastreando la Serie A, sobre todo desde que Andrea Berta (ex del Parma) se uniera al club como adjunto a la dirección deportiva. Y aparte de contemplar el tándem ofensivo Gómez-Bergessio del Catania para reforzar el extremo y el puesto de nueve, los rojiblancos se han fijado en jugadores como Ljajic, delantero de 21 años que la Fiorentina quiere vender. Con la tentativa por Bergessio, con el que Simeone coincidió en San Lorenzo y luego pidió cedido cuando empezó a entrenar al Catania, el Atlético deja claro que también contempla opciones modestas. :incavolato: :incavolato: :incavolato: :incavolato: :incavolato: :incavolato: :incavolato: :incavolato: :incavolato: :incavolato: :incavolato: :incavolato: :incavolato: :incavolato: :incavolato: :incavolato: :incavolato: :incavolato: :incavolato: :incavolato: :incavolato: :incavolato: :incavolato: :incavolato:

  41. Ip Address: 2.2.231.109

    Ciao Giorgio

    Lo vedi che ho ragione, Bergessio come dice l’articolo 7 milioni con un campionato alle spalle favoloso 15 gol veri e gioco con impegno 150% Hernandez senza giocare ed infortunato e parte che porta sfiga sia Bari che Palermo in serie B 10000Ml 😆 😆 😆 😆 😆
    Pulvirenti Cosentino e Bonanno :catania: :catania: :catania: :catania: sveglia

  42. Ip Address: 2.2.231.109

    Non avevo letto il finale dell’articolo spagnolo, Bergessioe favorevole ma vuole 2 MILIONI ANNUI ora si che c’è da ridere a crepapelle :incavolato: :incavolato: :incavolato: :incavolato: :incavolato:

  43. Ip Address: 79.49.60.155

    Ciao Chiarezza, vedi le bufale dei pennivendoli!!! :incavolato: :incavolato: :incavolato:

    Copia e incolla dal sito ufficiale del Calcio Catania.

    lunedì 8 luglio 2013

    Comunicato Stampa

    Il Calcio Catania S.p.A. rende noto di non aver richiesto alla società Olympique Lionnais, nè ricevuto dalla stessa, alcuna autorizzazione per sottoporre il calciatore Luciano Fabián Monzón alle visite mediche.

  44. Ip Address: 87.7.42.122

    Buongiorno a tutti…

    Ciao Giorgio…. come vedi siamo d’accordo: chi se ne vuole andare se ne vada. Chi non vuol venire, rimanga dov’è ….
    Se Monzon dovesse arrivare a Catania, saremmo a posto in difesa. A centrocampo direi che ci sia una certa abbondanza e tra l’altro di qualità . In avanti spero che non vada via Bergessio… :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  45. Ip Address: 2.2.231.109

    A parte che si scrive Lyonnais io non ci credo, credo che il giocatore voglia Catania e più soldi ed il Lyon voglia realizzare di più, allora il Catania smentisce le visite mediche!!!
    Ma credo che per Monzon sia già fatta!!! ed io sarei contentissimo lo visto giocare 2 anni fà nel Nizza ed era fortissimo, ottime punizioni e parecchi gol

  46. Ip Address: 2.2.231.109

    Ciao Mongibello
    Anch’io per 7 ml desidero che Bergessio resti; ma per 12 ml ? o 20 Gomez Bergessio? :catania: :catania: :catania: :catania: scusami ma ci pottu apperi :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  47. Ip Address: 79.49.60.155

    Ciao Mongibello e ancora una volta Chiarezza!!! :ciao: :ciao: :ciao:

    E’ pero’ se leggete bene il comunicato del Catania non smentisce “la trattativa”!!! 😯 😯 😯

    Mentre SiciliaToday dice che l’obiettivo del Catania e’ Marcos Rojo.

    Tanto non ci perdiamo niente e con calma leggetevi questo articolo da prendere sempre per “le pinze”.

    Catania, Monzon tutto fumo e niente arrosto. Comunicato del club

    8 Jul 2013 16:30

    Con un comunicato stampa il Catania ha voluto fare chiarezza in merito alle ultime indiscrezioni di mercato che davano per certo il trasferimento di Fabian Monzon al Catania e soprattutto l’autorizzazione al trasferimento in sede da parte del Lione per le visite mediche: “Il Calcio Catania S.p.A. rende noto di non aver richiesto alla società Olympique Lionnais, nè ricevuto dalla stessa, alcuna autorizzazione per sottoporre il calciatore Luciano Fabián Monzón alle visite mediche”.

    Di fatto il Catania smentisce l’imminente firma del calciatore con i colori rossazzurri e avvalora le informazioni date in esclusiva da SiciliaToday.net nelle ultime ore che danno invece per vicino Marcos Rojo. Oltretutto a Lisbona sarebbe ancora in corso un incontro per sbloccare il trasferimento dell’argentino dallo Sporting al Catania.

  48. Ip Address: 212.195.241.127

    ariciao Giorgio questo conferma quello che dicevo prima, il Catania tratta con lo sporting Lisbona per fare abbassare il prezzo di Monzon o viceversa, e se alla fine invece dei 2 ne arriva un’altro :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  49. Ip Address: 212.195.241.127

    Con tutto il rispetto per Bergessio e Hernandez

    🙄 🙄 🙄 🙄 🙄 🙄 🙄 🙄 🙄

    Barcellona, UFFICIALE: David Villa all’Atletico Madrid per soli 5 milioni!

  50. Ip Address: 79.4.15.37

    Catania, Monzon è in Sicilia: tutta la verità
    Articolo pubblicato lunedì 8 luglio 2013 alle 17:07 – Calciomercato.
    Fabian MONZON

    Comunicati di smentite a parte, ecco la situazione che riguarda Monzon. L’argentino preme per andare al Catania, oggi è stato in Sicilia (sbarcato ieri notte a Fontanarossa) visitando anche il centro sportivo di Torre del Grifo. Ed è lo stesso calciatore, che oggi non ha svolto le visite mediche, a spingere affinché il trasferimento avvenga. Anche perché così avrebbe la possibilità di riconquistare la maglia della Nazionale, Sabella è a conoscenza della situazione e si è già sentito col giocatore. E domani il vice-presidente Cosentino andrà nuovamente a Lione per cercare di chiudere la trattativa. Il club francese, proprietario del cartellino, chiede 4,5 milioni mentre il Catania offre 2,5-3 milioni.

  51. Ip Address: 79.49.60.155

    Ciao ciao ciao Chiarezza!!! :ciao: :ciao: :ciao:
    Il Catania se vuole vendere “purtroppo” deve abbassare i prezzi!!! La Spagna e’ attanagliata pure dalla crisi economica come da noi :incavolato: :incavolato: :incavolato:

    Sogni rosso e azzurro a tutti!!! :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

    P.S.
    Mia moglie e’ in “trasferta” a Modena ed io mi devo mettere a cucinare!!! :piangere: :piangere: :piangere:

  52. Ip Address: 87.7.42.122

    Ciao Chiarezza e cia Giorgio.

    Certo, Chiarezza, sono d’accordo anch’io che con una ventina di milioni sarebbe il caso di accompagnarli anche a piedi …. e ti farei compagnia nel portarglieli! Il problema sarebbe lo smantellamento della squadra che rischierebbe di non trovare validi sostituti…. :salve:

  53. Ip Address: 79.49.60.155

    Arci ciao Mongibello!!!
    Preparata la cena breve, meno male.

    Mongibello se vedi i prezzi, come ha pubblicato Chiarezza, di David Villa all’Atletico Madrid per “soli” 5 MLN di Euro, significa che Gomez non parte.

    Come dici, bene tu, anch’io vorrei che non si smantella la squadra, ma i giocatori se possono guadagnare di piu’ altro che se ne vanno prendono il “primo piccione” e volano.

    Copia e incolla da La Sicilia

    Pubblicato: 08/07/2013

    Monzon, ci siamo

    Il Catania smentisce di aver chiesto l’autorizzazione per sottoporre l’argentino alle visite mediche, ma la trattativa è ormai in dirittura d’arrivo. Entro 48 l’ore annuncio –

    “Il Calcio Catania S.p.A. rende noto di non aver richiesto alla società Olympique Lionnais, nè ricevuto dalla stessa, alcuna autorizzazione per sottoporre il calciatore Luciano Fabián Monzón alle visite mediche”. Con questa nota ufficiale, diramata nel primo pomeriggio, la società etnea frena le voci che vogliono il laterale sinistro argentino già in città e pronto a firmare il contratto che lo lega ai colori rossazzurri.

    La trattativa per Monzon resta comunque in fase avanzata. Il vicepresidente Cosentino, che sta curando personalmente la buona riuscita dell’operazione, deve solo raggiungere l’accordo economico con il Lione: il club etneo, come scritto più volte, conta di chiudere per una cifra inferiore ai tre milioni di euro. L’accordo non è lontano. L’annuncio dell’ingaggio di Monzon è atteso nel giro delle prossime 48 ore, così da poter aggregare il giocatore al gruppo che si presenterà al raduno a Torre del Grifo, in programma giovedì.

    Notte notte!!! :salve: :salve: :salve:

  54. Ip Address: 79.4.15.37

    Un salutone a tutti…..

    Sembra che la trattativa si è sbloccata 😉 😉

    Trovata l’intesa col Catania. Panagiotis Tachtsidis, che non ha mai detto no al Catania ma, semplicemente, ha avuto qualche tentennamento iniziale, accetta la proposta dei rossoazzurri. Il centrocampista greco è pronto a rimettersi in gioco nella piazza etnea dopo la non esaltante esperienza romana. Martedì firmerà il contratto che lo legherà ai rossoazzurri, mentre Francesco Lodi sarà ufficialmente un giocatore del Genoa.

  55. Ip Address: 212.195.241.127

    Io penso solo una cosa o pagano il giusto valore in base al campionato trascorso o allora restiamo come siamo, e penso che la società stia seguendo questa strada, di Monzon ho già detto è un grande a Lione non si è integrato e poi non è vero che il Catania offra 3 milione, lo vuole in prestito con opzione all’acquisto e si devono mettere d’accordo su questo, le fonti giornali francesi, ma sbagliero’ totalmente caro Mongibello
    ma il sostituto di Bergessio c’è l’abbiamo in casa ed è Lopez quello visto contro il Catania a Genova se l’anno scorso c’era lui in forma faceva 20 gol, io spero che resti e si faccia vedere bene, tradotto in soldoni venderei Bergessio ma sia la Fiorentina che l’Atletico Madrid hanno preso Gomez e Villa e penso che il discorso finisca qui, mentre terrei Gomez che con Leto e Lopez farebbe sfracelli o allora il 4-4-2 il modulo di Maran

    Vedere per credere

    ————-Andujar
    Alvarez—-Bellusci—Spolli—–Monzon
    Izco——-Almiron—Barrientos—-Gomez
    ———Bergessio—-Lopez

    e se permettete Riserve ma titolari Leto Tachtsidis Castro Biagianti Legrottaglie etc etc
    Questa è una signora squadra per lottare per l’Europa

  56. Ip Address: 212.195.241.127

    Mi sono accorto che c’è un italiano solo allora al posto di Bellusci metto Rolin e cosi sia , forse che facciamo anche la Copa Libertadores in Sud america :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  57. Ip Address: 79.22.45.170

    Ciao Chiarezza e ciao Giorgio :salve:
    D’accordo sul fatto che sarebbe una grande squadra e pronta a lottare per l’Europa, ma forse trascuri i ricorrenti infortuni ai quali il povero Maxi Lopez è spesso è volentieri soggetto!
    Comunque, speriamo bene… personalmente sono abbastanza fiducioso ! :sciarpa: :sciarpa:

  58. Ip Address: 79.49.158.62

    Buongiorno raga’!!! :salve: :salve: :salve:

    Qui Napoli e dintorni, cielo nuvoloso e temperatura calda.

    Buona giornata a tutti!!! :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  59. Ip Address: 79.49.158.62

    Copia e incolla da SiciliaToday

    ESCLUSIVA- L’agente di Monzon: “Affare fatto col Catania? Piace agli etnei ma possono arrivare altre offerte”

    di Antonino Bulla Twitter: @BullaAntonino Pubblicato: 8 Jul 2013 22:38

    Fabian Monzon, 26enne terzino sinistro di nazionalità argentina, è uno dei candidati insieme a Marcos Rojo a diventare nuovo rinforzo del Catania per il reparto arretrato. La giornata di oggi è stata contraddistinta da numerose notizie che davano per fatto l’arrivo del giocatore del Lione al Catania. La stessa dirigenza rossazzurra ha precisato di non aver fatto richiesta al club transalpino per le visite mediche a Torre del Grifo. Per fare chiarezza sul futuro dell’ex giocatore del Boca Juniors, l’agente di Monzon Federico Simonian ha spiegato la situazione attraverso una email inviata in esclusiva a SiciliaToday. Le parole di Simonian raccolte negli ultimissimi minuti dalla nostra redazione non lasciano dubbi almeno su una cosa: Monzon potrebbe diventare un giocatore del Catania ma la trattativa è tutt’altro che conclusa o ben avviata.

    “E’ vero l’interesse del Catania nei riguardi di Monzon – ha spiegato Simonian – Il giocatore tuttavia ha un contratto con la Fluminense e per rispetto non possiamo parlare dei dettagli. Posso dire che diversi club si sono interessati al giocatore che è stato sempre molto appetito. E’ possibile che arrivi più di una offerta per il ragazzo. Nel calcio tutto è possibile”.

    Pretattica, bluff, verità.. solo il tempo ci darà le risposte concrete. La nostra tesi non cambia, il Catania aspetterà l’evolversi della trattativa per Rojo con lo Sporting Lisbona prima di prendere qualsiasi decisione su Monzon.

  60. Ip Address: 79.27.175.227

    buongiorno a tutti fratelli dal cuore :catania: ciao giorgio stamattina sei stato mattiniero 😆 CATANIA – Dopo Fernanendez, 81°, 82° nome accostato al Catania: Abel Hernandez. L’attaccante del Palermo e della nazionale uruguyana rientrerebbe nel novero dei papabili ad un posto nel nuovo attacco della formazione rossazzurra che ancora, tuttavia, è impegnata nella cessione di Maxi Lopez, Morimoto, Cani, Catellani ed Antenucci.

    Di seguito la lista aggiornata delle trattative.

    Difensori: Tito (serie D), Avelar (Cagliari), Grillo (Siena), Beltrame (Juventus), Biraghi (Inter), Vitale (Napoli), Roncaglia (Fiorentina), Piccini (Fiorentina), Lulic, Bottinelli (San Lorenzo), Buffarini, Fabianini (Atl.Rafaela), Mesbah (Milan), Morleo (Bologna), Rivas (Verona), Kelic (?), Rubin (Torino), Rojo (Sporting Lisbona), Vangioni (River Plate), Iberbia, Camporese, Silvestre (Inter), Pisano (Cacharita), Pucino (Varese), Izquierodz (Lanus), Cahais (Racing Avellaneda), Basanta (Monterey), Monzon (Fluminense), D’Ambrosio (Torino), Becker (Rosario Central), Contessa (Andria), Ghoulam (Saint Etienne).
    Centrocampisti: Kurtic (PA), Calello (Siena), Bellomo (Bari), Rodrigo Javier de Paul (Racing), Farina (Racing), Duncan (Inter), Fossati (Ascoli), Elizari (Quilmes), Ruiz (San Lorenzo), Moralez (Atalanta), Biondini (Atalanta), Scaglia (Brescia), Razzotti (Velez), Cirigliano (River Plate), Pulzetti (Bologna), Lertora (Godoy Cruz), Rojas (Olimpia), Freire (Velez), Colazo (Boca Juniors), Botta (Inter), Miño (Boca Juniors), Mirko Livaja (Adriatic Split), Tachtsidis (Genoa).
    Attaccanti: Scocco (NOB), Bianchi (Torino), Ardemagni (Modena), Nico Lopez (Roma), Immobile (Genoa), Russell (Dundee), Beric, Belotti (Albinoleffe), Troianiello (Sassuolo), Altidore (Az Alkmaar), De Luca (Atalanta), Julian Benitez, Gomez, Garritano (Giovanili Inter), Obi (Inter), Seferovic (Fiorentina), El Hamdaoui (Fiorentina), Longo (Inter), Pinilla (Cagliari), Palcic (Luka Koper), Fredes (Independiente), Chiricò (Lecce), Stevanovic (Torino), Adryan (Flamengo), Pizzini (Independiente), Fernandez (Independiente), Hernandez (Palermo).

    Commenti solo catania tutto il resto e noia :sciarpa: :catania: :catania: :salve:

  61. Ip Address: 79.49.158.62

    Ciao Angelo!!! :ciao: :ciao: :ciao:
    Devo cucinare e non so che Santi pregare!!! :piangere: :piangere: :piangere:

  62. Ip Address: 79.27.175.227

    come ti capisco amico mio ci vuol pazienza
    ORE 20.15 – Autore: Livio Giannotta

    Nuove parole d’elogio all’indirizzo del Catania giungono da Alberto Di Chiara, noto ex calciatore e procuratore sportivo italiano. Di Chiara accomuna i rossoazzurri ad altre squadre che rappresentano le eccezioni in un contesto generale di scarsa programmazione e precarietà economica. Ecco il suo pensiero su La Nazione, ripreso in sintesi da TuttoCalcioCatania.net: “La Fiorentina è stata brava, a partire dalla scorsa stagione fino all’acquisto di Mario Gomez, a rifondare una squadra in maniera radicale riuscendo a combinare quello che nel calcio è sempre piu merce rara , cioè il rapporto qualità prezzo! Ora vediamo cosa farà con Jovetic. Poi l’Udinese che ormai da anni riesce a raggiungere l’Europa grazie ad abili strategie di mercato e alla sua fitta rete di osservatori che pescano sempre talenti nei posti piu impensabili. La Juventus, che dopo un anno di assestamento, è riuscita a rifondare una squadra competitiva tecnicamente e mentalmente parlando, per cercare di raggiungere il grande traguardo europeo della Champions ormai rimasto per ora solo un lontano ricordo. Poi citerei anche il Catania il Chievo il Parma il Cagliari L’Atalanta….insomma quelle squadre che con possibilità enormemente minori rispetto alle grandi riescono ad ottenere ottimi risultati e a lanciare giovani di valore. Spesso e volentieri la colpa è piu dei presidenti o per meglio dire delle proprietà che danno mandato a personaggi forse non del tutto all’altezza della situazione”. (TuttoCalcioCatania.net)

  63. Ip Address: 79.49.158.62

    Copia e incolla da La Sicilia

    LUNEDÌ 8 LUGLIO 2013

    ESTATE ROSSAZZURRA
    l’intervista esclusiva
    PEPPE MASCARA
    «Catania, a Bergessio
    non si rinuncia
    Torno? Da dirigente»

    «Il Catania è rimasto la mia famiglia sportiva
    se un giorno il presidente riaprirà la porta…»

    GIOVANNI FINOCCHIARO
    Lo «sceicco» Mascara arriva in redazione
    in motorino: «Così evito ritardi, ho una
    giornata intensa che non vi dico. Meglio
    tornare a giocare a calcio al più presto».
    A Catania no. Magari resta a Dubai.
    «Ho un altro anno di contratto, vedremo,
    rientro entro dieci giorni all’Al Nasr».
    Che, intanto, ha salutato Zenga.
    «Che ha lavorato bene, vedremo le prossime
    scelte dei dirigenti».
    Sarebbe tentato di rientrare in Italia?
    «Le dico la verità: in un anno ho vissuto
    professionalmente e personalmente
    emozioni forti. I miei tre figli stanno frequentando
    la scuola internazionale d’inglese
    ».
    E anche lei sta imparando. Facciamo un
    esame: j’m, you are…
    «Lei scherza, io dico sul serio: i primi
    giorni di esperienza a Dubai c’erano 52
    gradi, mi sono chiuso in albergo per studiare
    qualche particolare per non farmi
    trovare totalmente impreparato».
    Adesso a che punto siamo?
    «Molto meglio, grazie».
    Anche casa sua è un incanto.
    «Ho regalato a mia moglie una location
    bellissima: casa a tre passi da mare.
    Quando dico tre
    passi non esagero».
    Eccoci al calcio:
    16 gol segnati,
    un bottino esplosivo.
    «Nelle prime undici
    partite ho segnato…
    undici gol.
    Giocavo di punta».
    Poi è arrivato
    Morimoto…
    «E ha fatto bene: 10
    gol. Mancava un
    centrocampista e Zenga mi ha chiesto di
    partire da lontano».
    Risultato?
    «Cinque reti, ma in Champions asiatica
    siamo andati male».
    C’è, a Dubai, un club italiano niente male.
    «Tramite Paolo Cannavaro, mio ex compagno
    nel Napoli, ho conosciuto Fabio, ci
    ha raggiunti spesso anche Ciro Ferrara».
    Ed eccoci all’amarcord rossazzurro.
    «Ho ritrovato Muntasser, mio compagno
    di squadra al Perugia, ma ex rossazzurro.
    Fa il manager per un altro club».
    Come si supera l’impatto con l’allenamento
    programmato alle 22.30?
    «Ci si adatta anche alle docce con l’acqua
    calda fino a 52 gradi. Il Ramadan è l’ostacolo
    piu’ importante
    Ce ne parli.
    «Durante il periodo di digiuno non è
    semplice lavorare, ma abbiamo superato
    il momento».
    E poi la pausa preghiera durante l’allenamento.
    «E’ capitato spesso, dopo il mese di novembre
    ci siamo allenati alle 17. Durante
    le prove generali capitava di fermarci
    20 minuti per la preghiera».
    E lei si accodava?
    «Non ho mai pregato con loro per rispettare
    i miei principi e quelli dei miei compagni
    ».
    Con i tifosi com’è andata?
    «Ho ricevuto una grande accoglienza,
    hanno visto che ho giocato come so, anche
    se qualcuno pensa che, approdando
    negli Emirati, avrei soltanto preso sole e
    soldi. Se non porti la mentalità giusta,
    torni a casa dopo un mese. E, poi, in campionato,
    tutti corrono come dannati. Infatti
    abbiamo perso il treno delle prime
    posizioni».
    Non ne parla volentieri, ma lei ha conosciuto
    Maradona.
    «Sembra che sia un modo per vantarsi».
    Ci siamo procurati una foto che non
    mente…
    «Giocava, Maradona, una sera a calcetto.
    Muntasser mi ha portato all’interno dell’impianto,
    dicendomi: ti faccio una sorpresa
    incredibile. Che spettacolo veder
    toccare il pallone a Diego».
    Il metodo Zenga, all’Al Nasr, è cambiato?
    «Grosso modo lavoravamo come si faceva
    qui, basandoci sulla velocità e sulla
    tattica. Come ho trovato il mister? Sereno,
    molto motivato. E’ stato lui a volermi
    e per questo devo ringraziarlo».
    Ha rivisto, qui a Catania, il presidente
    Pulvirenti?
    «L’ho sentito giorno fa. Adesso segue il
    mercato in prima persona».
    I rapporti sono sempre idilliaci: Pulvirenti
    presto la vorrà come dirigente.
    «E’ rimasto parte della mia famiglia. Nel
    Catania ho vissuto pochissimi momenti
    brutti, altri davvero belli che non potrò
    cancellare».
    Dunque?
    «Un giorno quando smetterò di calciare,
    busserò alla sua porta per parlare col
    presidente. Ho lasciato un lavoro incompleto
    e voglio proseguire».
    Lodi, se dovesse andare via, sarebbe
    una grave perdita?
    «Pedina fondamentale; ma col greco acquisisce
    un potenziale fisico notevole».
    Chi è il giocatore a cui non si potrà rinunciare
    «Bergessio».

  64. Ip Address: 79.49.158.62

    Copia e incolla da La Sicilia

    IL SUPERTIFOSO di GINO ASTORINA

    Peppe, il mio vicino di casa super… normale

    Metto il casco e convinco il mio scooter a
    mettersi in moto, non è impresa facile,
    ormai rimbrotta e se per caso sbaglio la
    giusta dose di gas… ma pozzu fari a peri. Riesco si e
    no a fare venti metri e mi sento alle spalle un «attia
    unni stai jennu? ». Mi giro di scatto e non riesco a
    capire da dove
    proviene la voce,
    nascosto in un angolo
    del portone lo frega la
    risata, come se
    stessimo giocando ad
    ammuccia-ammuccia
    (nascondino per chi ci
    legge oltre la cintura
    etnea). Mi scappa un…
    «Visto», scendo dal
    motorino e ci
    abbracciamo.
    Credo che sia un fatto
    rarissimo, due vicini di casa che si abbracciano!
    Non credo succeda in tutti i condomini, ma il mio lo
    merita, è un bravissimo ragazzo, jetta a munnizza
    M negli orari giusti, non mette la macchina in doppia
    fila e se appronta un arrusti e mangia a casa sua ti
    invita e i picciriddi all’orario rommunu, cu tuttu ca
    su tri masculi e ’mpocu “cunnuteddi”. Non lo
    vedevo da un anno, la prima cosa che gli chiedo è:
    Peppe ma ni fa cauru ddà, unni si tu? Mi sento un
    poco scunchiurutu, ho fatto la stessa domanda che
    fece mio padre quando incontrò un suo parente che
    tornava dopo vent’anni dal Venezuela. Non mi ha
    messo in imbarazzo, mi ha semplicemente
    risposto: «Tu chi dici? ».
    Me ne frego dei minuti contati ed incurante del
    pericolo spengo la moto. Le domande si fanno più
    intriganti e si spazia dal «ma ci su i ristoranti ca fanu
    puppetta di canni di cavaddu? Cettu i ciospi ogni
    giorno cu sapi quanti ettolitri di seltz e limoni
    vinnunu, vero? Senti ma su espottassumu a granita
    di mandorla, penzi fussi n’affari? ». Ride di gusto ed
    io associo la sua risata ai momenti indimenticabili
    che ci ha fatto vivere con la maglia rossazzurra: u
    gol di centrocampo fatto in casa del Palermo, che ha
    fatto non meno di tre volte il giro del mondo, tanto
    quanto le palle dei tifosi rosanero! E picchì, la follia
    del cucchiaio su rigore all’Inter della triplete!?
    Si potrebbe continuare all’infinito, poi la domanda
    che forse lo rende serio più del normale… Si, ma
    quannu tonni a Catania? Dribbla come solo lui sa
    fare, si fa serio e mi ricorda: «Ma tu non avevi
    primura? ». Va beni va, non mi vuoi dire niente, ma
    gli leggo negli occhi una luce che da sola vale una
    dichiarazione. Mi rimetto il casco, ma
    inutilmente, lo scooter si è trasformato in
    panchina due posti e non ne vuol sentire di
    accendersi, abbassando il finestrino della
    macchina ed intuendo la mia difficoltà, mi
    suggerisce: «Posulu e mi raccumannu mettaccilla
    a catina… acchiana ca t’accumpagnu ju».
    Ancora con la mano sulla maniglia mi blocca e mi
    confida: «Senti, è possibile che io torni a Catania,
    ma mi devi promettere una cosa, o ti cangi u
    muturini o ti nni stonni, non è ca ti pozzu
    accumpagnari tutti i jonna! Chiudendo lo sportello
    penso che è veramente una persona straordinaria, è
    di una normalità sconvolgente e dire ca, sa putissi
    macari cassariari, stamu parrannu di Peppe
    Mascara… Non so se mi spiego!

  65. Ip Address: 79.27.175.227

    Catania: ”Ecco chi è…” Fabián Monzón – Conosciamo meglio il nuovo terzino sinistro
    Luciano Fabián Monzón non è un giocatore del Catania. O, per lo meno, non lo è ancora. L’ha ufficializzato la società etnea sul proprio sito ufficiale, non negando, tuttavia, l’esistenza di una trattativa con il Lione. Conosciamo, comunque, il possibile quarto acquisto della campagna trasferimenti 2013-14 in questa scheda di presentazione.

    BIOGRAFIA Luciano Fabián Monzón nasce in Argentina, precisamente a Granadero Baigorria, il 13 aprile 1987. Cresce calcisticamente nel club più prestigioso del Paese, il Boca Juniors, con cui compie tutta la trafila delle giovanili ed esordisce in prima squadra nel torneo di Clausura del 2007 (giocando quattordici partite), al tempo stesso respira le emozioni delle competizioni internazionali giocando sei partite di Copa Libertadores. Le ottime prestazioni fornite nella sua prima stagione in carriera gli aprono le porte della Nazionale Albiceleste, con cui partecipa alla vittoriosa spedizione delle Olimpiadi di Pechino del 2008. Monzon gioca titolare e impressiona gli addetti ai lavori, inoltre ha modo di condividere questa straordinaria esperienza con giocatori del calibro di Messi, Aguero e Lavezzi. Da li è un passo conquistare un club europeo infatti il Betis Siviglia si interessa del ragazzo e lo porta in Spagna con la formula del prestito. Il debutto nel calcio europeo non è dei più semplici: l’avversario si chiama Barcellona, il teatro della sfida è il Camp Nou. Il Barca è già avanti 3-0 ma Monzón riapre la gara segnando su calcio di punizione. Dopo tredici partite giocate nella Liga il giocatore fa il suo ritorno al Boca nell’estate 2009 e gioca per due anni con gli Xeneizes (quarantadue presenze e due gol nel campionato nazionale). Nell’agosto 2010 due squadre europee tornano nuovamente sulle sue tracce (si tratta dell’Udinese e del Dnipro) ma al momento delle visite mediche il giocatore viene scartato a causa di una malformazione cardiaca, anche se essa non incide fortunatamente sulla sua attività agonistica. Nel giugno 2011 viene inserito nella lista dei pre-convocati per la Coppa America che si sarebbe disputata nel mese successivo in Argentina ma Monzon alla fine non sarà nella lista definitiva dei giocatori che partecipano alla rassegna iridata. A luglio il giocatore viene acquistato dal Nizza, con cui gioca trentanove partite segnando dieci reti, la maggior parte dal dischetto. Verso la fine della stagione si susseguono alcune voci che vorrebbero il giocatore vicino ad alcuni club italiani (nello specifico Milan e Juventus), ma alla fine è il Lione a puntarci seriamente e a tesserarlo nell’agosto 2012 ma trova poco spazio in squadra e quindi nel mercato invernale va a giocare in prestito in Brasile, al Fluminense. Monzon torna a Lione dopo che era scaduto il periodo di prestito al club di Rio de Janeiro.

    CARATTERISTICHE Monzón è un terzino sinistro che predilige la fase difensiva rispetto a quella offensiva. Nonostante limiti il suo raggio d’azione alla difesa, è un giocatore che possiede doti tecniche importanti e ha uno spiccato senso del gol e degli inserimenti in attacco. È abile nel calciare i rigori e nel recuperare numerosi palloni, facendo ripartire la manovra della squadra. Nel Catania che sta per prendere forma si rivelerà una pedina fondamentale per lo stile di gioco che si adatta alle caratteristiche della squadra e per la sua esperienza accumulata presso grandi piazze e prestigiosi palcoscenici del calcio sudamericano ed europeo.

  66. Ip Address: 79.27.175.227

    Stampa: Monzon ci siamo, conto alla rovescia, firma entro 48h
    Non per le visite mediche ma per una “visita” turistica al centro sportivo. Fabian Monzon è comunque a Catania: così sostiene la stampa che rilancia, dopo la smentita ufficiale del Calcio Catania giunta in merito alle visite mediche sostenute dal giocatore, la possibilità che a breve giunga l’ufficialità dell’accordo tra Lione e Catania sulla base di circa 3mln di euro.

  67. Ip Address: 79.27.175.227

    Monzon è a Catania Manca solo la firma (La Gazzetta dello Sport)

    “In segreto coi dirigenti rossazzurri a Torre del Grifo Oggi Cosentino vola a Lione per definire il contratto

    “il Catania ha lavorato per due mesi in silenzio. Il risultato finale l’ha portato a casa. Monzon ieri mattina era già a Catania, portato in gran segreto a Torre del Grifo per mostrargli il posto di lavoro. Da lì, Monzon fino a tarda sera non s’è mosso, blindato dalla dirigenza che non vuole uscire allo scoperto se prima non ci sarà un accordo completo tra le parti. S’era sparsa addirittura la voce di visite mediche autorizzate e sostenute. In realtà, Monzon non ha passato le visite perché il calciatore – di regola – deve prima firmare un accordo e poi bussare alla porta dello staff sanitario. Così la società, ieri pomeriggio, ha brevemente fatto chiarezza su questo aspetto. Nessuna visita medica autorizzata da Lione. Verso l’accordo Un concetto fermo che al tempo stesso diventa illuminante sulle altre voci e vocine. Che il giocatore sia a Catania non è stato smentito, che ci sia un accordo molto vicino, nemmeno. Infatti, il vicepresidente Pablo Cosentino oggi dovrebbe tornare a Lione, a distanza di una decina di giorni,per discutere, con la società che detiene il cartellino, il passaggio in rossazzurro. Resta una differenza da discutere tra richiesta e offerta, pare un milione di euro. Comunque, Monzon ha accettato di diventare un calciatore del Catania :sciarpa: :sciarpa: :salve:

  68. Ip Address: 79.27.175.227

    CATANIA – Nessuna perplessità tattica od economica, né tanto meno legata al blasone della squadra. I tentennamenti di Panagiotis Tachtsidis sarebbero dovuti ad una mera questione di orgoglio. Prima di accettare la proposta del Catania, la decisione del Genoa di scambiarlo con Lodi, il centrocampista 22enne greco avrebbe chiesto un incontro con la dirigenza genoana ed in particolare col direttore sportivo Delli Carri: “Voglio sentire dalla sua voce che non servo qui” . Così il giocatore greco ai pianetagenoa1893.

    Chiarimento arrivato nelle scorse ore, anche per la volontà del Genoa di affrettare lo scambio ed aver così subito a disposizione Lodi sin dal primo giorno di ritiro. Acclarate le intenzioni del Genoa, Tachtsidis è pronto ad approdare a Catania per visite mediche e firma. Una storia a lieto fine? Sarà il campo a scriverlo.solo catania :catania: :catania: :ciao: :ciao:

  69. Ip Address: 79.27.175.227

    ARGENTINA – Così il noto quotidiano sportivo on-line Ole.com, punto di riferimento per lo sport argentino e più in generale sudamericano, scrive in merito alle ultime trattative portate avanti dal Catania, riguardanti naturalmente tantissimi giocatori argentini:

    “Sembra quasi sia una legge, un decreto per tutti gli argentini. Per giocare in Europa bisogna prima passare dal Catania. Tanto che il club siciliano continua a comprare argentini per irrobustire il suo organico. In questa sessione del calciomercato ha già preso Leto e Freire, ed adesso è prossimo ad incorporare anche Fabian Monzon. L’ex Boca, attualmente al Lione, ha trovato poca continuità nel club francese quanto nella Fluminense, da dove è da poco rientrato dopo il prestito”.

  70. Ip Address: 79.4.15.37

    Buongiorno a tutti…..
    Un saluto a Angelo, Giorgio, Chiarezza, Mongibello e Salvatore….

    Il Catania inizia il ritiro Giovedi 11 spero che la squadra sia completata prima per formare il bel giocattolino quindi chiedo alla società di FARE PRESTO….. a cedere Lodi e Gomez e di sistemare la difesa con i terzini sx e dx :sciarpa:

  71. Ip Address: 212.195.241.127

    Buongiorno a tutti pari

    Caro Joe io come dicevo ieri vorrei che a parte Monzon restasse tutto cosi senza entrate o uscite, vuoi lottare per qualcosa di serio? allora prima non svendere e confermare tutti, solo cosi diamo un chiaro messaggio a tutti, e poi a Gennaio la fila a chi vuole acquistare a prezzi GIUSTI. :ciao: :ciao: :ciao:

  72. Ip Address: 79.4.15.37

    Ciao Chiarezza,
    Sembra che si sta sbloccando la trattativa per Marcos Rojo…..

    rebus Monzon o Rojo da quello che ho letto sembra che Monzon è più forte ❗ ❗ ❗
    ha un piede migliore per tirare i calci di punizioni alla Lodi…

  73. Ip Address: 212.195.241.127

    Ciao Joe
    Non conosco Rojos ma su Monzon ci scommetto, e poi mi fido della società che conosce bene i due, Monzon nell’anno che gioco’ a Nizza fece 10 gol anche su punizioni :ciao: :ciao: :ciao:

  74. Ip Address: 79.49.158.62

    Ciao Angelo, joe e Chiarezza!!! :ciao: :ciao: :ciao:
    Chi sa che giornata ci aspetta oggi!!! 8) 8) 8) 😯 😯 😯

    Leggetevi questa bella storia di Freire.

    Copia e incolla da M….oc….a (joe va bene cosi?)

    Articolo del: 9 luglio 2013, a cura di: Redazione

    CATANIA – Da qualche giorno ora è ufficialmente un giocatore del Catania. Seppur giovane, Federico Freire ha un vissuto intenso in cui le vicende personali si intrecciano con quelle professionali, con i sogni. Il centrocampista classe 1990, argentino, cresciuto nelle giovanili del Velez, a 17 anni decise di lasciare il calcio quando gli venne diagnosticato il diabete di tipo 1. La forza di volontà ed il coraggio trasmessogli dalla società, e da una persona in particolare, lo convinsero a continuare. Così, il nuovo giocatore del Catania, racconta la sua esperienza:

    “Ho sempre amato il gioco del calcio. Da quando ero bambino. La mia famiglia è molto legata al calcio e com’è facile immaginare, mi ha cresciuto col pallone tra i piedi. Quindi sin da piccolissimo ho sperimento questo sport, appassionandomene ben presto. Già dai primi calci che tiravo al pallone lo facevo sognando di divenire, un giorno, un calciatore professionista. Dai nove ai quindici anni ho sostenuto diversi provini, volevo entrare in una squadra, iniziare a giocare qualche campionato giovanile così da poter dare il via ad un percorso di crescita, ad una carriera. Tuttavia, per tutto questo tempo, nessuna squadra mi ha mai accettato. Neanche il Velez. Con loro feci un provino ad 11 anni. Venni scartato. Ci riprovai quando di anni ne avevo 15. Ero più allenato ed avevo anche più esperienza. Quella volta mi accettarono. Da quel momento è cominciata la mia carriera. Avevo ormai 16 anni e giocavo nella 7^categoria del club. Scelsi il Velez per la qualità e la professionalità del club. E’ un club modello per molti ed ha un progetto importante che parte dalle giovanili. Di altri club non si può dire altrettanto. Tutto andava per il meglio. A 17 anni arrivò la convocazione per la nazionale U-17 argentina. Ero felicissimo, ma non potei andare. Non fu una scelta volontaria. Purtroppo, una settimana prima di partire mi diagnosticarono il Diabete di Tipo 1. Non mi fecero partire. Mi ricoverarono, era necessario controllare il livello di glucosio nel sangue. Da quel giorno la mia vita cambiò.

    “Fu un cambio radicale. La malattia complicò tremendamente la mia carriera. In quel momento pensai seriamente che avrei dovuto abbandonare la mia carriera e tutti i miei sogni. Non poter rispondere alla convocazione della nazionale mi aveva buttato davvero giù. La mia fortuna è stata vivere quel momento in un club come il Velez che fece di tutto per sostenermi e darmi la forza per superarlo. Avevo preso la decisione di lasciare il calcio. Andai a comunicarlo al nostro direttore tecnico, El Turco Omar Assar, ma lui mi disse che sarebbe stato meglio pensarci più a lungo, mi diede tanti consigli ed oggi devo dire grazie a lui come al Velez se sono divenuto in calciatore professionista. Il club mi diede tutto l’appoggio sia psicologico che medico necessario. E naturalmente, una parte importantissima è stata quella svolta dalla mia famiglia che non ha mai spesso di sostenermi e sponarmi perché proseguissi la carriera e continuassi a rincorrere il mio sogno, quello di giocare nello stadio del Velez. Sogno che si realizzò il 27 Novembre 2011.

    “Se devo individuare un giocatore che stimo, e che reputo un modello, dico Javier Zanetti. La sua professionalità, la sua lunga carriera, lo rendono un esempio. Gioca da 14 anni in Europa, in uno dei club più importanti e competitivi che ci siano e si esprime con una continuità difficile da trovare in altri giocatori. Se ne avessi l’opportunità, andare in Europa sarebbe stimolante anche per potermi confrontare nello stesso campionato in cui gioca proprio lui. Sarebbe una grande sfida per me. Il calcio argentino è bello soprattutto per l’intensità con cui la tifoseria vive il calcio e l’amore per la maglia. Le emozioni che trasmette il calcio in questa terra non si possono vivere in alcun altro posto al mondo. E per noi calciatori, che lo viviamo da dentro, è un’emozione incredibile.

    “Ai ragazzi che provano ad entrare nelle giovanili di un club, magari col sogno di divenire professionisti, raccomando di pensare molto prima di cimentarsi in una carriera come quella del calciatore. Bisogna rinunciare a tante cose per provare a conquistarne delle altre. Serve una predisposizione naturale, un’inclinazione netta nell’amare questo sport, questa professione, ogni giorno. Perché calciatore lo si è ogni giorno e pertanto bisogna comportarsi ogni giorno come tale.

    “Il mio obiettivo, adesso, è poter esser un giocatore professionista per quanto più tempo sarà possibile. Voglio sfruttare tutte le opportunità che questo sport può darmi e, tra queste, quella di giocare in Europa. Allo stesso tempo vorrei però esser un esempio per quei tantissimi bambini ai quali viene diagnosticato il diabete. E’ una malattia sempre più diffusa, in tutto il mondo. Voglio mostrare come si possa viver una vita appagante e raggiungere ogni obiettivo anche convivendo con questa malattia. Dimostrare che aver il diabete non rende una persona diversa da un’altra. Se questa malattia viene curata con la giusta attenzione, costantemente, non comporta alcun tipo di complicanze nella vita di ogni giorno.

    Federico Freire fa parte del FADI (Fundación de Amigos contra la Diabetes), una fondazione che aiuta i malati di diabete offrendogli soprattutto un supporto psicologico, volto a far comprender come la malattia non impedisce la propria realizzazione nella vita quotidiana, se saputa curare.

    “Il figlio di una mia amica ha 11 anni ed ha la mia stessa malattia. Mi chiesero si parlare con lui. Non riusciva a credere che nonostante tutto io potessi giocare a calcio da professionista. Credeva fosse impossibile, gli ho dimostrato che non è così, consigliandogli di restare sereno e far della malattia una sua amica. Bisogna sempre andar avanti e combattere per i propri sogni”.

  75. Ip Address: 79.49.158.62

    Da Ole’ giornale argentino.

    Olé
    Martedì 07/09/2013, 19:48

    ITALIA
    La Sicilia è Argent

    Il Catania, che cedette e Freire e Leto, ora va di Fabian Monzon, ex Boca. Il club seminterrato, per ora, ha dieci argentini del campus. Ma attenzione, il Cholo Simeone vuole prendere due: Bergessio e Papu Gomez.

    Sembra quasi una legge, un decreto per gli argentini. Per giocare in Italia deve passare attraverso il Catania. Che il club sta ancora aggiungendo Argentos Sicilia nei loro ranghi. In questo nuovo mercato di passaggi e ha ottenuto due, Federico Freire (ex Velez) e Sebastian Leto (Panathinaikos ex). Ed ora è solo un passo per realizzare l’arrivo di Fabian Monzon. L’ex giocatore del Boca, attuale Lione, aveva ben poco di continuità in tutta la Gallia (proprio il pass) e Fluminense (era in prestito).

    Tuttavia, due dei gioielli del Catania e lo gettarono l’occhio. Simeone vuole prendere Atletico Madrid a Papu Gomez e Bergessio Bleach. E, in effetti, è un atto di fede da parte del DT. El Cholo e continuò la strada per San Lorenzo e … Catania. Nella ricerca di sostituzione naturale Falcao sarebbe obiettivi Bergessio dall’uscita della Tigre non soffrire così tanto. A causa degli elevati prezzi di mercato, l’acquisto di Bergessio sarebbe l’ideale come giocatore non è costoso.

  76. Ip Address: 79.4.15.37

    Quindi niente Rojo !!!!!

    Monzon, il Catania a Lione per chiudere
    Articolo pubblicato martedì 9 luglio 2013 alle 16:13

    In Francia per chiudere la trattativa. Pablo Cosentino, vice-presidente del Catania, vola a Lione per definire l’operazione col Lione. Sul tavolo, il futuro del terzino argentino Monzon, che già nella giornata di ieri è stato in Sicilia. Il punto d’incontro dovrebbe trovarsi sui 4 milioni di euro per tutto il cartellino del calciatore.

  77. Ip Address: 212.195.241.127

    Ciao Joe questa è più nuova, ed io già lo dicevo ieri

    CATANIA, segnali positivi per Monzon. Le ultime da Lione
    09.07.2013 19.03 di Redazione ITA Sport Press per itasportpress.it
    Da Lione giungono segnali positivi per i tifosi del Catania. Secondo quanto raccolto da Itasportpress.it, la missione di Pablo Cosentino in Francia per portare a Catania il terzino sinistro Fabian Monzon (26) è stata positiva. Il giocatore argentino di proprietà dei francesi, attualmente in prestito alla Fluminense, sarà acquistato dal Catania per una cifra di 3,5 milioni di euro. La dirigenza del Lione ha spinto per la cessione a titolo definitivo e non per il prestito con diritto di riscatto come inizialmente ha proposto il Catania. Restano solo dei piccoli dettagli amministrativi da limare ma l’operazione sembra in dirittura d’arrivo e potrebbe chiudersi in serata con la fumata bianca.

  78. Ip Address: 79.49.158.62

    Salve raga’!!!
    Oggi nulla di nuovo.
    Dovrebbe uscire l’elenco dei giocatori in ritiro, almeno domani. 😯 😯 😯 8) 8) 8)

    Sogni rosso e azzurro a tutti!!! :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  79. Ip Address: 109.115.167.131

    Sembra che il Catania ha acquistato Cappai
    Confermato l’acquisto da parte del Catania dell’attaccante Roberto Cappai, proveniente dall’Arzachena. Bruciata la concorrenza del Chievo. La conferma arriva proprio dal responsabile degli osservatori del club clivense, Bruno Grillo, a messinasportiva.it: “Quest’anno avevamo seguito Roberto Cappai, classe 1989, che ha siglato 15 gol in D all’Arzachena. Un ragazzo molto promettente che è stato acquistato dal Catania, una delle poche realtà che ha imitato la nostra politica ed alla quale vanno i miei complimenti”

  80. Ip Address: 79.41.37.66

    Buongiorno raga’!!!

    Qui Napoli e dintorni, cielo azzurro con un po’ di foschia e temperatura buona.

    Sara’ una giornata di sorprese? 😯 😯 😯

    Buona giornata a tutti!!! :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  81. Ip Address: 79.27.175.227

    buongiorno a tutti fratelli dal cuore :catania: Catania sempre più argentino Dopo Leto e Freire c’è Monzon (La Sicilia 09.07.2013)

    “i sono previste novità decisive per la trattativa per Panagiotis Tachtsidis. Il centrocampista greco potrebbe arrivare in giornata a Catania per la firma, dopo aver sciolto le riserve sul suo passaggio alla corte di Rolando Maran, in contropartita con Francesco Lodi. MAXI IN SPAGNA? Potrebbe finire in Spagna l’attaccante Maxi Lopez, di rientro dall’esperienza con la Sampdoria. L’attaccante del Catania sarebbe stato accostato nei giorni scorso al Malaga, prima, e al Valencia, poi. Quest’ultima sembrerebbe vicina ad assicurarsi le prestazioni dell’argentino: l’incontro ha dato esito positivo e l’operazione di mercato potrebbe chiudersi nei prossimi giorni. Si raffredano così le piste italiane con il Bologna e Torino. I rossoblù emiliani hanno tra l’altro definito l’accordo con l’ex centravanti granata Rolando Bianchi. LONGO IN RITIRO CON L’INTER. Una delle possibile piste per potenziare l’attacco rossazzurro porterebbe al talento nerazzurro, Samuele Longo, lo scorso anno decisivo nella vittorie dello scudetto Primavera. Dopo aver giocato in Spagna, con la maglia dell’Espanyol, Longo torna alla casa madre nerazzurra che avrebbe pronto un rinnovo del contratto (sino al 2017) per, poi, girarlo in prestito in A per farsi le ossa. Oltre al Catania interessate al talento di Valdobbiadene il neopromosso Sassuolo e il Cagliari. SPUNTA LA TERNANA PER ANTENUCCI. Mirko Antenucci è stato accostato alla Ternana, formazione che partecipa al campionato di Serie B. La formazione umbra, dove lo scorso anno hanno giocato i siciliani Ragusa (che è tornato a Pescara) e Litteri (l’attaccante catanese è stato un grande protagonista in Umbria), sembrerebbe interessata ad accaparsi le prestazioni del bomber, ultimo anno allo Spezia

    Genoa, stasera incontro con l’entourage di Tachtsidis (TMW)

    “Secondo quanto appreso in esclusiva dalla nostra redazione, questa sera è previsto un incontro tra l’entourage del centrocampista greco del Genoa Panagiotis Tachtsidis e la dirigenza del club rossoblù per discutere delle possibilità di mercato che stanno coinvolgendo il ragazzo. Nei giorni scorsi si era ventilata anche la possibilità di uno scambio con Francesco Lodi del Catania. Questa potrebbe dunque essere la giornata della svolta in tal senso.

    Tante offerte per Maxi Lopez (Il Corriere del Mezzogiorno)

    ” Sul fronte delle uscite la gatta da pelare è Maxi Lopez. Il bomber ha chiuso con l’ambiente rossazzurro e il club gli sta cercando una sistemazione, senza però che il suo cartellino sia eccessivamente svalutato. Sulle tracce di Maxi Lopez ci sono il Bologna e il Torino, in Italia, il Valencia e il Malaga, in Spagna. Andrea D’Amico, procuratore di Maxi Lopez, assicura: «Cerchiamo una proposta seria, poco importa che arrivi dall’Italia o dall’estero». VOCI IBERICHE – Dalla Spagna, infine, rimbalzano voci che vorrebbero anche Bergessio, dopo Gomez, all’Atletico Madrid. Pista poco praticabile. Ancor meno quella che vedrebbe Hernandez del Palermo al Catania per sostituire Bergessio. I rosa chiedono una cifra esorbitante (12 milioni) per l’uruguayano, che sarà conteso da Napoli e Roma.

    Commenti solo catania tutto il resto e noia :catania: :sciarpa: :catania: :sciarpa: :salve:

  82. Ip Address: 79.27.175.227

    Il club di Ravanelli continua a monitorare il mercato italiano

    “L’Ajaccio targato Fabrizio Ravanelli non sembra voler abbandonare le piste italiane: l’ultima idea dell’ex attaccante della Juventus, secondo ‘Sky’, sarebbe Nicola Legrottaglie. Il centrale del Catania ha un contratto fino a Giugno 2014, ma potrebbe decidere di tentare l’avventura all’estero.

    Ravanelli vuole Legrottaglie all’Ajaccio (TMW)

    “L’Ajaccio di Fabrizio Ravanelli cerca calciatori in Italia in vista della stagione in Ligue 1. Come riporta Sky Sport l’ultimo nome finito nel mirino del club francese è quello di Nicola Legrottaglie (36), esperto difensore ex Juventus e Milan legato al Catania fino al 2014. L’ex attaccante della Juventus – arrivato alla guida della formazione francese da poche settimane – sta provando a convincere il calciatore in forza agli etnei.

  83. Ip Address: 79.27.175.227

    La Procura Federale, esaminati gli atti di indagine posti in essere dalla Procura della Repubblica di Cremona ed espletata la conseguente attività istruttoria in sede disciplinare, ha deferito alla Commissione Disciplinare Nazionale 8 tesserati per illecito sportivo (Mauri, Milanetto, Cassano, Gervasoni, Zamperini, Benassi, Ferrario e Rosati). A Mauri e Zamperini la Procura contesta anche la violazione dell’Art. 1, comma 1 (violazione dei principi di lealtà, correttezza e probità) e dell’Art. 6, comma 1 (divieto di effettuare scommesse) del Codice di Giustizia Sportiva. A titolo di responsabilità oggettiva sono state deferite le società Lazio, Genoa e Lecce. In relazione alla gara Lazio-Genoa del 14 maggio 2011 sono stati deferiti Cassano, Gervasoni, Mauri, Milanetto e Zamperini. Deferite Lazio e Genoa per responsabilità oggettiva. In merito alla gara Lecce-Lazio del 22 maggio 2011 sono stati deferiti Benassi, Cassano, Ferrario, Gervasoni, Mauri, Rosati e Zamperini. Deferite Lazio e Lecce a titolo di responsabilità oggettiva.

    (fonte: legaseriea.it)

    La Lazio rischia fino a 5 punti di penalizzazione, 2 Genoa e Lecce. Per Mauri possibili fino a 4 anni di squalifica. Le sentenze sono attese per la fine di Luglio.

  84. Ip Address: 79.41.37.66

    Buonasera raga’!!! :salve: :salve: :salve:
    Ciao Angelo!!! :ciao: :ciao: :ciao:
    Niente elenco dei giocatori in ritiro!!! 😯 😯 😯

    Sogni rosso e azzurro a tutti!!! :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  85. Ip Address: 212.195.241.127

    Buona serata a tutti pari

    Se è vera questa notizia rimpiango quasi quasi “lo monaco” minuscolo

    In mattinata c’è stato un incontro a Milano tra il presidente del Toro, Urbano Cairo, e Andrea D’Amico, agente dell’attaccante argentino, ora al Catania. Al club siciliano Cairo avrebbe offerto 3,5 milioni per l’acquisto dell’intero cartellino, oppure 2 milioni per la metà. La trattativa continua.

    Lopez deve restare il prossimo anno sarà il suo e se va a Torino m’incazzo :incavolato: :incavolato: :incavolato:

  86. Ip Address: 79.41.37.66

    Ciao Chiarezza!!! :ciao: :ciao: :ciao:
    Purtroppo comanda la moglie di Max, perche’ per lei Catania e’ lontana dai “centri di interessi”.
    Leggo che anche Paglialunga se ne va’, secondo me, preferisce la Spagna.

    Notte notte.

  87. Ip Address: 79.35.152.44

    Buongiorno raga’!!!

    Qui Napoli e dintorni, cielo azzurro e temperatura calda.

    Buona giornata a tutti!!! :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  88. Ip Address: 79.27.175.227

    buongiorno a tutti fratelli dal cuore :catania: ciao giorgio chiarezza joe mongibello salvatore e tutti i non presenti Maran: “Ripartiamo per migliorare. Senza Lodi e Marchese abbiamo già giocato e fatto bene”
    In una lunga intervista in edicola quest’oggi su “La Gazzetta dello Sport”, Rolando Maran racconta le aspettative a poche ore dal raduno a Torre del Grifo. “Vogliamo migliorare. Ho scelto di rimanere a Catania per continuare un progetto. Senza Lodi e Marchese abbiamo già giocato. Aspetto di visionare Monzon. Tachtsidis e Freire sono elementi validi”.

  89. Ip Address: 79.27.175.227

    “Ora sono pronto e carico. Non vedo l’ora di tuffarmi nella mischia“. Chiaro sin dalla prima battuta, mister Maran. Reduce dalle vacanze alle Eolie, con una puntatina al centro sportivo settimana scorsa, giusto per una riunione programmatica con la società, è adesso pronto a riprendere fischietto e lavagna tattica, con un anno di esperienza in serie A in più, il primo.

    “Sono consapevole di avere messo basi solide per il futuro, ora so come muovermi e come comportarmi“. La scelta di rimanere a Catania, è stata dettata anche da questa consapevolezza: “Quando inizio un’opera in genere provo a portarla a termine. Da parte mia c’era la volontà di rimanere in una piazza e con una società dove sono stato bene e ho lavorato magnificamente, convinto di quello che si può ancora fare”.

    E quindi, rieccolo al via di una stagione ancor più difficile della precedente, come sempre più difficile è riconfermarsi dopo aver fatto bene: “Non possiamo pensare di vivere sugli allori ma dobbiamo essere disposti a riconquistare gli stessi traguardi con i medesimi sacrifici“. E da quale traguardo ripartire, Maran lo sa bene: “il primo obiettivo quasi per tutti è la salvaguardia della categoria, senza perdere di vista la possibilità di migliorare“.

    Ma cosa intende per migliorare? “Non significa per forza far più punti. Il nostro traguardo dev’essere il miglioramento delle prestazioni della mentalità, di cui abbiamo tanto parlato lo scorso anno“. Mancheranno alcuni volti noti e celebrati della passata stagione come Lodi e Marchese. Il tecnico del Catania ha già filosofia e ricetta giuste: “Abbiamo dimostrato anche nella scorsa stagione di saper gestire bene l’emergenza, molte volte abbiamo dovuto rinunciare a pedine fondamentali senza pagare pedaggio, questa squadra non dipende dalle individualità”.

    In compenso arriveranno alcuni volti nuovi: “Tachtsidis si è messo in evidenza con i giallorossi, dimostrando di valere, così come Freire che ho visionato personalmente. Meno Monzon di cui però dicono un gran bene e mi fido”.solo catania tutto il resto e noia :catania: :catania: :sciarpa: :sciarpa: :salve: :salve:

  90. Ip Address: 79.27.175.227

    Un solo italiano titolare In campo nove argentini oltre al greco Tatchtsidis (La Sicilia 10.07.2013)

    “Ipotizziamo una formazione tipo per l’anno che verrà, ma giusto per… gioco. Lo schema è il 4-3-3, di partenza, ma con licenza di mutare assetto durante la partita. Dunque, in porta Andujar; la difesa a quattro con, da destra verso sinistra: Alvarez, Spolli, Legrottaglie (Bellusci), Monzon. A centrocampo Izco, Tatchtsidis, Freire. In avanti Barrientos, Bergessio, Castro (o Leto). E non abbiamo preso in considerazione Gomez, in partenza e fino a oggi non ceduto né all’Atletico Madrid e neanche all’Inter. A conti fatti, dunque, se i rossazzurri si dovessero schierare in questo modo, con gli uomini citati, ci sarebbe posto per un solo italiano. Uno solo: Legrottaglie oppure Bellusci nel ruolo di centrale. Un record storico per il gruppo allenato da Maran che, perde gli italiani d’origine Lodi e Marchese (andranno al Genoa), che per fine contratto ha perso Potenza, che ha collocato ancora in panchina Frison, subito dietro il portiere titolare Andujar. Se è vero che gli argentini (nove) e il resto del mondo (cioè il greco Tachtsidis) in terra di Sicilia si trovano a meraviglia per clima, metodo di lavoro, location (Torre del Grifo), motivazioni e dna battagliero (leggi 4-3-3), allora il Catania che sta nascendo sarà una squadra dura a morire, capace come sempre di giocarsela con chiunque. Tatchtsidis sarà il custode della difesa, vertice leggermente più arretrato rispetto a Lodi che partiva, sì, dalla retroguardia, ma che poi si spingeva qualche passo più in avanti, per fornire gli assist ai compagni di squadra. Freire e soprattutto Tatchsidis faranno legna, dietro, rilanciando l’azione all’indirizzo di Izco e, poi, di chi come Barrientos avrà la paternità delle invenzioni, dei tagli per gli attaccanti o per chi si inserirà a ridosso dell’area avversaria. Abbiamo spesso fatto riferimento a Bergessio, definendolo un punto fermo del Catania che verrà. Lo pensa Maran (primo del gruppo a tornare in città: ha dato il buon esempio ai suoi ragazzi) lo sottoscrivono i dirigenti che di fronte alle voci di possibili corteggiamenti italiani ed esteri, fanno spallucce e non rispondono alle… provocazioni.

  91. Ip Address: 79.27.175.227

    ORE 19.57 – Autore: Livio Giannotta

    Fino alla passata stagione il 4-3-3 è stato il sistema di gioco più frequentemente adottato dal Catania sotto la presidenza Pulvirenti. Da Pasquale Marino a Silvio Baldini, passando per Walter Zenga, Gianluca Atzori, Marco Giampaolo, Diego Simeone e Vincenzo Montella. Il 4-3-3 è un vero e proprio marchio di fabbrica in casa Catania. L’unico ad avere proposto spesso un modulo differente è stato Sinisa Mihajlovic, che ha avuto il merito di giocarsi la carta vincente Ricchiuti in posizione avanzata componendo un 4-2-3-1 aggressivo ed efficace. Stesso sistema adottato, a volte, da Rolando Maran lo scorso anno. Evidentemente i tifosi rossoazzurri sono rimasti impressionati dal modulo in questione, prova ne sia che una larga maggioranza di votanti al nostro sondaggio, per la precisione il 52%, ritiene che nella prossima stagione il Catania farebbe bene ad utilizzare il 4-2-3-1 come sistema di base, facendo quindi ampio ricorso alla fantasia. Il 16% degli utenti di TuttoCalcioCatania.net, invece, punterebbe sul 4-3-3. L’8 ed il 7% si affiderebbe rispettivamente al 4-3-1-2 e 4-3-2-1. La percentuale rimanente opterebbe per lo schieramento di una linea difensiva a tre (3-5-2, 3-4-3, 3-4-1-2, 3-4-2-1). (TuttoCalcioCatania.net)

  92. Ip Address: 79.27.175.227

    Il Catania, per il terzo anno consecutivo, inizia la preparazione alla nuova stagione in casa, nell’avveniristico Torre del Grifo Village, sito a Mascalucia. I rossazzurri si riuniranno stasera alle 19:00 e domani scenderanno in campo per la prima seduta d’allenamento 2013-2014.

    Il centro sportivo etneo, in cui la squadra del presidente Pulvirenti si allena dal 19 gennaio 2011, è una struttura imponente: 130 mila metri quadri, quattro campi da calcio regolamentari (due in sintetico e due in erba naturale), un centro polivalente con piscina, palestra e centro benessere, gli uffici della sede sociale con ampia sala conferenze annessa, i punti di ristoro e gli alloggi per i ritiri della prima squadra e i ragazzi delle giovanili.

    Un vero gioiellino made in Sicily, situato a circa 500 metri sul livello del mare, che riserverà sessioni di training mattutine infuocate, ma anche allenamenti pomeridiani mitigati dalla frescura di collina.

    Andiamo nel dettaglio a vedere le previsioni che il sito ilmeteo.it pronostica per la prima settimana di ritiro degli uomini di Maran.

    Venerdì mattina, in occasione della prima seduta di allenamento, cielo sereno con una temperatura compresa tra i 22° e i 26°. Nel pomeriggio, le nubi copriranno il sole, ma si raggiungeranno comunque i 28°. Serata fresca, poi, per i rossazzurri che si godranno il meritato riposo in attesa della seconda giornata di lavoro.

    Previsioni pressoché identiche per sabato, domenica, lunedì e martedì, in cui la temperatura prevista oscillerà tra una minima di 20° e una massima di 28°, con la costante del cielo sereno.

    Qualche nube, invece, comparirà all’orizzonte tra le 11:00 e le 19:00 di mercoledì, ma non intaccherà la condizione termica che si attesterà tra i 20° e i 27°. Giovedì prossimo, infine, è previsto il ritorno al sereno con una temperatura minima di 21° e una massima di 28°.
    :catania: :catania: :sciarpa: :sciarpa: :salve: :salve:

  93. Ip Address: 79.35.152.44

    Ciao Angelo!!! :ciao: :ciao: :ciao:

    Copia e incolla da La Kakketta dello Spork

    Catania, Maran: “Così ho detto no ad altre offerte”

    Catania, 11 luglio 2013

    Il tecnico dei rossazzurri è innamorato del suo club: “La squadra con me può crescere ancora. Però non firmerei per un altro ottavo posto”

    Passeggiando sulla spiaggia di Pollara, come il Postino di Troisi, ha ripensato alla sua splendida annata. E più ci pensava più gli veniva voglia di ricominciare. Le vacanze Rolando Maran le ha trascorse in Sicilia, nello spicchio di mare incantato delle Eolie. E quando ha lasciato Salina, l’ha fatto senza nostalgia perché sapeva che ad attenderlo c’era una nuova avventura col Catania.

    Maran, le sono piaciute le Lipari?
    “Bellissime, ho girato tanto e ho fatto bagni stupendi, quel che ci voleva per rilassarsi. Ora sono pronto e carico. Non vedo l’ora di tuffarmi nella mischia”.

    Un’estate diversa per lei: molti autografi?
    “Qualcuno. Senza falsa modestia, sono consapevole di avere messo basi solide per il futuro, ora so come muovermi e come comportarmi”.

    Giravano voci di interessamenti di altri club di A, si parlava di Genoa e Napoli: è stata dura resistere al richiamo delle sirene?
    “Quando inizio un’opera in genere provo a portarla a termine. Da parte mia c’era la volontà di rimanere in una piazza e con una società dove sono stato bene e ho lavorato magnificamente, convinto di quello che si può ancora fare”.

    Il Catania riparte per l’appunto da un ottavo posto e dai tanti record stabiliti: e ora?
    “Ci lasciamo alle spalle un’annata straordinaria, sapendo che bisogna azzerare tutto. Non possiamo pensare di vivere sugli allori ma dobbiamo essere disposti a riconquistare gli stessi traguardi con i medesimi sacrifici. Rimettersi in discussione è stimolante e tutti sappiamo che riconfermarsi è complicato”.

    A Catania tutti si aspettano che voi facciate qualcosa di più: possibile?
    “Non dobbiamo dimenticare che in Serie A il primo obiettivo quasi per tutti è la salvaguardia della categoria, senza perdere di vista la possibilità di migliorare, che non significa per forza ottenere più punti. Il nostro traguardo dev’essere il miglioramento delle prestazioni e della mentalità, di cui abbiamo tanto parlato lo scorso anno”.

    Riesce già ad immaginare che campionato sarà?
    “Troppo presto, le fisionomie delle squadre sono destinate a mutare”.

    Il Catania perderà Marchese, Lodi e probabilmente Gomez: cosa cambia?
    “Parliamo di giocatori molto importanti, ma noi dobbiamo saper far tornare i conti anche senza i pezzi da novanta, questa è la filosofia del club e del resto abbiamo dimostrato anche nella scorsa stagione di saper gestire bene l’emergenza, molte volte abbiamo dovuto rinunciare a pedine fondamentali senza pagare pedaggio, questa squadra non dipende dalle individualità”.

    In compenso arrivano Tachtsidis, Freire, Monzon: è soddisfatto degli acquisti?
    “Intanto aspettiamo di vedere ultimate e ufficializzate tutte le operazioni a cominciare proprio dal greco del Genoa ex romanista. Il quale per altro si è messo in evidenza con i giallorossi, dimostrando di valere,così come Freire che ho visionato personalmente. Meno Monzon di cui però dicono un gran bene e mi fido di chi negli anni ha dimostrato di saper pescare i giocatori più adatti”.

    In conclusione, firmerebbe per ripetere l’ottavo posto appena conquistato?
    “Non ci penso neanche e non certo per presunzione ma perché non mi piace precludermi nulla, il nostro spirito dev’essere di crescita continua”.

    Francesco Caruso

  94. Ip Address: 212.195.241.127

    Buongiorno a tutti pari

    I miei auguri ai nostri calciatori che da oggi iniziano una nuova avventura sempre in serie A :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: a facciazza re cucchi 🙄 🙄 🙄 🙄 🙄

    Ho letto che Iaquinta è svincolato, a parametro zero ci farei più di un pensierino, sempre che non sia rotto :ciao: :ciao: :ciao:

  95. Ip Address: 72.226.121.41

    A proposito di Iaquinta,di cui nessuno discute le doti,vorrei far rilevare che per rilanciarsi 2 stagioni fa scelse il Cesena che gia ‘ era in piena zona retrocessione.Sarebbe magnifico per il giocatore ora approdare al CATANIA che certamente e’ destinato a un campionato d’eccellenza.Ricordo che Iaaquinta e’ calabrese e quindi potrebbe rappresentare il secondo italiano nel nostro organico.Avremmo cosi’ due ex nazionali .L’ostacolo potrebbe essere l’ingaggio ma e’ nell’interesse del giocatore stesso ,trovare una squadra e quind iun’ accordo potrebbe essere raggiunto.Io credo sinceramente che sarebbe un ottimo acquisto….Se son rose,fioriiranno…….SEMPRE FORZA CATANIA……

  96. Ip Address: 79.4.15.37

    Buon pomeriggio a tutti….

    va bene cosi, ma manca solo un cecchino d’avanti la porta…..

    Calciomercato Catania: Monzon sbarca in Sicilia
    Il terzino di proprietà del Lione è a un passo dalla firma con il club etneo

    CATANIA – Il testa a testa tra Rojo e Monzon l’ha vinto il secondo. A meno di clamorosi colpi di scena sarà lui l’erede di Marchese sull’out esterno. Il Lione ha abbassato le sue pretese e la fumata bianca sta per arrivare. Monzon è già sbarcato in Sicilia con il suo agente Marcelo Trapasso. Oggi, nel giorno del primo allenamento della nuova stagione, dovrebbe arrivare l’annuncio ufficiale. Monzon ha avuto poca fortuna nella Ligue 1, in passato ha giocato in Europa anche con le maglie del Nizza e del Betis Siviglia. A Catania amplierà la banda degli argentini. Il terzino cerca il riscatto ai piedi dell’Etna.

  97. Ip Address: 212.195.241.127

    Addio Lopez va via in comproprietà al 50% , ma forse è meglio cosi a furia di prestiti e comproprietà il Catania già con lui è in forte attivo, pagato 3.500.000 già il Catania ha incassato 2ml Milan 1.5 ML Samp ed Ora 2 ml per il 50% già siamo a 5.5ml ed abbiamo ancora il 50% quest’anno Lopez e mi dispiace farà minimo 15 gol con Cerci vicino esploderà ed il prossimo anno………………
    Detto questo spero ancora che resti :ciao: :ciao: :ciao:
    Riguardo Iaquinta penso che con 250.000 euro viene di corsa ma non penso che la società sia interessata a lui :ciao: :ciao:

  98. Ip Address: 212.195.241.127

    Ciao Joe
    Sempre giornalai sono, col Nizza Monzon nel 2011 ha fatto 38 partite e 10 gol ed ha pure esordito nella Nazionale Argentina.
    Sul cecchino sai come la penso c’è lo abbiamo e lo stiamo cedendo Lopez :diavolo: :diavolo:

  99. Ip Address: 212.195.241.127

    Joe dimenticavo di dirti che Gomez è uno specialista di rigori e punizioni, npn come Lodi ma si farà valere :salve: :salve:

  100. Ip Address: 79.35.152.44

    Salve raga’!! :salve: :salve: :salve:
    Ciao joe e Chiarezza!!! :ciao: :ciao:
    Chiarezza, hai l’occhio di “falco” nel comprendere che questi prestiti onerosi di Max , piano piano, ci abbiamo guadagnato.
    Dico peccato perderlo di nuovo ma le “mogli” sono “importanti” per i giocatori.

    Copia e incolla dal sito ufficiale del Calcio Catania.

    Comunicati Stampa giovedì 11 luglio 2013

    Federico Moretti allo Spezia Calcio, cessione a titolo temporaneo

    Il Calcio Catania S.p.A. comunica di aver ceduto il diritto alle prestazioni sportive del calciatore Federico Moretti allo Spezia Calcio. La cessione avviene a titolo temporaneo, con opzione per il riscatto della metà a favore della società ligure e diritto di controriscatto per il nostro club.

    Comunicati Stampa giovedì 11 luglio 2013

    Mario Angel Paglialunga al Real Zaragoza, cessione a titolo definitivo

    l Calcio Catania S.p.A. comunica di aver ceduto a titolo definitivo il diritto alle prestazioni sportive del calciatore Mario Angel Paglialunga alla società Real Zaragoza S.A.D.

  101. Ip Address: 79.4.15.37

    Chiarezza, ma lo sa tutto il mondo che non vuole rimanere a Catania (Lopez), quindi per lui va bene il Torino (grande squadra ????)

    Per Gomez sembra che si è raffreddata la pista Atletico Madrid, e la trattativa Lodi al Genoa…
    Moretti è stato ceduto allo Spezia….

    Si complica l’affare Monzon:
    Stando alle dichiarazioni del presidente del Lione Jean-Michel Aulas, il Catania non avrebbe ancora soddisfatto economicamente il club per l’acquisto del terzino argentino Luciano Fabian Monzon. Queste le parole di Aulas in conferenza stampa: “Per Monzon non abbiamo ricevuto dal Catania l’offerta economica che ci aspettiamo”.

  102. Ip Address: 79.4.15.37

    Ciao Giorgio,
    cominciamo a sfoltire la rosa !!!!!!! speriamo bene….

  103. Ip Address: 79.35.152.44

    Ciao joe!!! :ciao: :ciao: :ciao:
    Mi sa che non sapremo mai la vera formazione che andremo a giocare in campionato.
    Leggi questa:

    TYMCZYSZYN: “BERGESSIO LASCERA’ SICURAMENTE IL CATANIA”

    Julio Tymczyszyn, attualmente a Milano.

  104. Ip Address: 79.4.15.37

    Questa notizia mi sembra una grande bufala :incavolato: :incavolato:

  105. Ip Address: 212.195.241.127

    Spero che sia vera a 10ml :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: anche se poi………sarà più difficile vendere qualcun’altro :catania: :catania: :catania: :catania:

    Joe a noi per il gioco che fa il Catania ,come dicevi prima , ci serve uno che la butti dentro, l’anno scorso Bergessio su 80 chiare azioni da gol ne ha fatti solo per me 15 ma diciamo 12……..penso che nemmeno Cavani abbia avuto tante occasioni, ma se quest’anno si ripete tanto di cappello :salve: :salve: :salve: :salve:

  106. Ip Address: 79.35.152.44

    Ciao Chiarezza e arciciao joe!!! :ciao: :ciao: :ciao:
    Ho un brutto presentimento per la partenza di Bergessio joe.!!! 😯 😯 😯
    Spero che se parte sostituirlo con uno, come dice Chiarezza, la metta dentro
    Doveva partire Gomez ed invece………..
    Il Presidente del Lione, ho visto il filmato, dice l’accordo per Monzon ancora non c’e’ con il Catania.

    Minkia raga’!!! Ancora non abbiamo una formazione definitiva.

    Sogni rosso e azzurro a tutti!!! :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

    .

  107. Ip Address: 212.195.241.127

    Calma Giorgio
    Monzon arriva perché a Lione non lo vogliono, e mai potrà giocare titolare e lui se ne vuole andare è vero che già ha visitato torre del Grifo, e Bergessio resta nessuno lo pagherà 8ML ma spero che qualcuno lo faccia con quella cifra prendi un bomber vero

  108. Ip Address: 212.195.241.127

    Poi caro Giorgio la formazione è fatta e siamo più forti dell’anno scorso :salve: :salve: :salve: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  109. Ip Address: 79.35.152.44

    Calmosono?
    Ma porco di qua’ e la’. :incavolato: :incavolato: :incavolato:
    Spero che come dici tu venga Monzon. Da non dimenticarsi il sostituto di Alvarez a dx.
    Intanto Max non va al Torino perche’ “Cairo” lo voleva solo in prestito e bene ha fatto il Catania.
    Notte notte!!! :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  110. Ip Address: 79.35.152.44

    Copi e incolla da La Sicilia

    Pubblicato: 11/07/2013

    Il Catania ricomincia da 30I rossazzurri si sono radunati a Torre del Grifo per cominciare la preparazione estiva (foto Galtieri). La società non ha diramato la lista dei convocati: Lodi, Maxi Lopez, Tachtsidis e Monzon i nomi in bilico –

    Sono 30 i giocatori del Catania radunatisi questo pomeriggio a Torre del Grifo per cominciare la preparazione estiva. La società etnea non ha fornito un elenco ufficiale dei convocati. In via ufficiosa, è comunque possibile ricostruire il gruppo ritrovatosi in sede agli ordini di Maran.

    Tra novità assolute (Leto, Freire e Gyomber), molti volti noti e qualche vecchia conoscenza tornata alla base (Llama, Catellani, Antenucci) salta all’occhio l’assenza di Francesco Lodi e Maxi Lopez, entrambi in procinto di essere ceduti.

    Non fanno parte del gruppo a disposizione di Maran neppure Panagiotis Tachtsidis e Fabian Monzon: per annunciare il centrocampista greco va formalizzato lo scambio con il Genoa che porterà Lodi in rossoblù; per il laterale sinistro argentino bisogna perfezionare l’accordo economico con il Lione, che chiede quattro milioni per la cessione a titolo definitivo (”Non abbiamo ancora ottenuto le garanzie finanziarie”, ha detto oggi il presidente Aulas in conferenza stampa).

    Ci sono, invece, Alejandro Gomez, altro possibile partente, e due elementi della Primavera giunta sino alle final eight tricolori nella scorsa stagione: il portiere Messina e la punta Petkovic.

    PORTIERI: Mariano Andujar (1983), Alberto Frison (1988), Pietro Terracciano (1990), Giuseppe Messina (1993).

    DIFENSORI: Pablo Alvarez (1984), Giuseppe Bellusci (1989), Nicola Legrottaglie (1976), Ciro Capuano (1981), Nicolas Spolli (1983), Alexis Rolin (1989), Norbert Gyomber (1992).

    CENTROCAMPISTI: Sergio Almiron (1980), Mariano Izco (1983), Fabio Sciacca (1989), Sebastian Leto (1986), Marco Biagianti (1984), Pablo Barrientos (1985), Lucas Castro (1989), Federico Freire (1990), Ezequiel Llama (1986).

    ATTACCANTI: Gonzalo Bergessio (1984), Edgar Cani (1989), Sergio Gontan Gallardo Keko (1991), Souleymane Doukara (1991), Alejandro Gomez (1988), Takayuki Morimoto (1988), Bruno Petkovic (1994), Alfredo Donnarumma (1990), Andrea Catellani (1988), Mirko Antenucci (1984).

    QUADRI SOCIETARI. Presidente: Antonino Pulvirenti. Vicepresidenti: Pablo Cosentino e Angelo Vitaliti. Amministratore delegato: Carmelo Milazzo. Responsabile area tecnica: Giuseppe Bonanno.

    STAFF TECNICO. Allenatore: Rolando Maran. Allenatore in seconda: Christian Maraner. Preparatore dei portieri: Enzo Biato. Preparatore atletico: Roberto De Bellis. Collaboratore tecnico: Pino Irrera. Team manager: Orazio Russo. –

  111. Ip Address: 109.115.11.73

    ESCLUSIVA – CATANIA addio Pulvirenti, la società: “Bugia pazzesca”
    11.07.2013 23:24 di Redazione ITA Sport

    A Catania la notizia di un clamoroso addio del presidente Antonino Pulvirenti annunciata in diretta tv su Sportitalia dal gionalista Michele Criscitiello si è rapidamente diffusa in città creando allarmismo tra i tifosi. Proprio nel giorno del ritiro estivo della squadra rossazzurra, questa notizia bomba ha messo in agitazione anche gli stessi giocatori che guardavano la trasmissione a Torre del Grifo. Ma a mettere la parola fine sulle illazioni riguardanti la vendita della società di Pulvirenti è stato uno dei massimi dirigenti etnei che a Itasportpress.it ha detto: “Nulla di vero, è una bugia pazzesca”. Subito dopo è arrivata anche la smentita del Catania Il Calcio Catania SpA ed il Presidente Antonino Pulvirenti, in proprio e nella qualità, preso atto delle affermazioni diffamatorie e gravemente lesive della propria immagine e reputazione, rese nel corso della trasmissione “Aspettando il Calciomercato”, in onda l’11 Luglio 2013, comunica di aver prontamente conferito mandato ai propri legali per agire nei confronti degli autori delle suddette deliranti illazioni, la cui responsabilità civile e penale verrà perseguita dinanzi le competenti sedi giurisdizionali.

  112. Ip Address: 92.139.114.27

    Buongiorno a tutti pari,
    Mi sveglio e trovo questa notizia e mi vengono in mente 2 cose.

    la prima quando Criscitello a parte le bufale di mercato, diceva Gasperin lascia e viene Cosentino, e Pulvirenti subito smenti e poi la notizia fu vera!!!
    La seconda un detto sudamericano ” Todos los que pasa conviene” Tutto quello che succede conviene” cioè vedere anche su qualcosa di negativo il lato che potrebbe essere positivo!!

    E ne traggo le mie consequenze se in effetti Pulvirenti vendesse …………..sicuramente verrebbero Cosentino? non credo una cordata con Cosentino propabile, degli Arabi con Mascara lo spero………..;

    Ma credo che ancora sia prematuro e almeno per ora tutto resterà immutato!!

    E poi solo la maglia tutto il resto e noia come dice il caro Angelo

  113. Ip Address: 87.18.13.134

    Buongiorno raga’!!!
    Ciao Chiarezza!!! :ciao: :ciao: :ciao:
    Minkia altro che bella giornata!!! :incavolato: :incavolato: :incavolato:

    Criscitello l’altro volta ci ha azzeccato, vero anche che ancora non abbiamo comprato nessuno.

    Siamo impantanati con l’affare Lodi, Max e Monzon (detto dal Presidente che l’avevamo gia’ preso il terzino).

    Speriamo che Sportitalia si sbagli!!!

    Comunque e ovunque forza Catania!!!

    “Mezza” buona giornata a tutti!!! :sciarpa: :catania: :sciarpa: :catania: :sciarpa: :catania:

  114. Ip Address: 212.195.241.127

    Ciao Giorgio
    Volevi dire non abbiamo venduto nessuno, 😆 😆 a parte Marchese, e ripeto ancora se Lopez resta sono felice, Monzon é fatta e Lodi pure. Riguardo Gomez vedere soldi x vedere cammello, fino ad ora “Chiacchieri ie tabbaccheri i lignu” io sono tranquillo, :salve: :salve: :salve:

  115. Ip Address: 79.27.175.227

    buongiorno a tutti fratelli dal cuore :catania: ciao chiarezza joe giorgio mongibello salvatore e tutti gli assenti Noi meritiamo rispetto
    Quando si parla del Catania, c’è ancora chi cocciutamente continua a credere, a pensare, di star parlando solo e soltanto di una squadra di pallone. In fondo cosa? Una trentina di ragazzotti strapagati (come da cliché del calcio) per correre stancamente, in mutandoni dell’ottocento, appresso ad un pallone di cuoio. A cui vanno aggiunti un…

  116. Ip Address: 79.27.175.227

    un pugno di ex calciatori, ex allenatori, o comunque ex qualcosa, ma tutti con nel curriculum “amici di..”, messi a dirigere “per sport” e naturalmente “senza capacità” (come da cliché del calcio) un’impresa che scialacqua quattrini in barba alla crisi ed ai poveracci. Già, i poveracci, quelli che si massacrano la vita per portare a casa un tozzo di pane e che senza una ragione apparente (come da cliché del calcio) sono poi gli stessi che vivono per quella squadra, osannano quei giocatori e divinano il loro presidente. Già, il presidente, proprio lui: la scaturigine d’ogni iniquità di questa società, il cardine delle nefandezze e dell’immoralità di uno sport degenerato in business che toglie i tozzi di pane faticati ai suoi tifosi per servirli al tavolo di allenatori, dirigenti e giocatori per accompagnare ostriche e caviale.

    Manca qualcosa? No, semplicemente specificare che chi parla di calcio, chi ha sempre parlato di calcio pensando (e non dicendo) questo, difficilmente potrà accorgersi di quel che il Calcio Catania è, di differente, rispetto a tutti gli altri club del calcio nostrano, e di conseguenza trattare il Calcio Catania col rispetto che merita una “società”, tra le poche, degna di chiamarsi tale per definizione di vocazione. Basterebbe aprire gli occhi, farsi quel giro a Torre del Grifo, per comprendere come il Catania non sia una persona, pertanto non meriti d’esser trattato sul piano personale, ma sia una “società calcistica” nell’accezione più onesta e pulita, e sconosciuta del termine: “un’unione di esseri viventi” come dice lo “Zanichelli” di società, a cui l’aggettivo “calcistica” aggiunge il comune intendere il calcio quale fonte di benessere e felicità, economica e spirituale, in una terra che per l’aridità di tutto ciò, spinge i propri figli ad emigrare. E per tutto ciò, il Calcio Catania, merita almeno rispetto, se la lode, per proprio orgoglio, non la si vuol tributare.

    E non solo il presidente. Non in maniera maggiore rispetto alle oltre 1200 maestranze che hanno cooperato per costruire mattone dopo mattone il centro sportivo, ed hanno portato a casa pane e felicità; agli oltre 200 impiegati tra sicurezza, giardinieri e manutenzione che permettono al centro sportivo di funzionare giorno dopo giorno, e portano a casa anche loro pane e felicità; agli istruttori del polifunzionale, a quelli della piscina, della palestra, del centro benessere, ai loro coordinatori e responsabili, che tengono viva una struttura sportiva “modello in Europa” da oltre 3000 iscritti, portando a casa, come i loro colleghi, pane e felicità; agli addetti alle cucine, al bar, al servizio albergo, alle due foresterie, alle segreterie, al servizio ospitalità. Ed adesso, leggete questo tutto d’un fiato per farvi un’idea: ai magazzinieri, allo staff medico, sanitario ed infermieristico del centro di riabilitazione, ai ragazzi della Primavera, degli Allievi Nazionali, dei Giovannissimi Regionali e Nazionali, degli Esordienti A e B, della Scuola Calcio (ormai prossima), ai loro mister, ai loro preparatori atletici, ai loro preparatori dei portieri, ai loro dirigenti accompagnatori, ai responsabili e coordinatori del settore giovanile tutto, agli steward ed hostess del Massimino, agli addetti alla segreteria della sede sociale, ai giornalisti ed ai tecnici del comparto stampa ed ai loro collaboratori, agli impiegati dei Catania Point, ai fisioterapisti, massaggiatori, medici della prima squadra, ai collaboratori e responsabili dell’area tecnica, di quella merchandising, al fotografo ufficiale, a tutte le professionalità che lavorano in sede, ai giocatori ed ai tecnici che lavorano in campo, ed a tutte quelle donne e quegli uomini che lavorano sul campo, nel loro “campo”. Quelli che, non essendo riusciti a leggere questo elenco tutto d’un fiato, si ha contezza esser “tanti”, mai “troppi”, ma tutti nelle condizioni di portare a casa pane e felicità, grazie a questa società: che comincia da chi sta alla guardiola d’ingresso, finisce con chi siede sulla poltrona di presidente, e racchiude tutti coloro i quali, aziende, professionisti e tifosi, vivono al suo fianco.

    Detto ciò, non bisogna illudersi che chi non abbia mai visto, o voluto vedere ciò, riesca o voglia capire tutto ciò che il Catania significhi in una terra “arida” come la Sicilia. Ma ciò non toglie, né può togliere l’indignazione che suscita chi, cosciente o no di ciò, continua a giocare con la stabilità, la serenità, il pane e la felicità di centinaia e centinaia di famiglie. No, su di loro non si può fare calciomercato, non è rispettoso, non è umanamente giusto, non-è-un-gioco! E questo bisognerebbe pure capirlo se ci si prende la briga di gestire una notizia che, finché presunta, non è notizia e pertanto non-va-data! Perché non è calciomercato quello di cui stiamo parlando, perché gettare un dramma (se, per propria stessa ammissione ancora) infondato sul futuro di chi vive di pane e di felicità, grazie a questa società, non può essere uno scoop, non può, non per chiunque abbia ancora chiaro non già il valore del Calcio Catania, ma il valore del pane e della felicità per quelle persone che ogni mattina vanno a lavorare, a guadagnare una speranza che li porti, felici, ad un domani migliore, nonostante tutto e grazie al Calcio Catania.

    Queste persone meritano rispetto. Sono le persone del Calcio Catania, perché il Calcio Catania è delle persone.. non è una persona, ed in quanto tale, merita rispetto. “Nessun allarmismo, stiamo sereni, non giochiamo a questo gioco che ha come rischio l’autodistruzione”. Non c’è più altro da dire, o da sentire.

    Commenti solo catania tutto il resto e noia :catania: :catania: :sciarpa: :sciarpa: :salve: :ciao:

  117. Ip Address: 79.27.175.227

    MASCALUCIA (CT) – Così Giuseppe Bellusci, difensore centrale, ancora in attesa di rinnovare, inaugura la stagione 2013/2014 dal ritiro di Torre del Grifo. Naturalmente via twitter:

    “Inizia una nuova stagione,ci saranno i fischi,ci saranno gli applausi,ma qualunque cosa accada il massimo impegno non mancherà mai…“ :sciarpa: :sciarpa: :salve:

  118. Ip Address: 79.27.175.227

    CATANIA, Biagianti: “Obiettivo salvezza. Metterò Maran in difficoltà. Aspetto Morimoto”
    11.07.2013 21:09 di Andrea Carlino Twitter: @acarlino85

    Oggi, con il raduno, parte ufficialmente la stagione 2013-14 del Catania. Prima intervista stagionale per il centrocampista Marco Biagianti che, ai microfoni di calciocatania.it, il sito ufficiale rossazzurro, esprime le prime sensazoni sulla nuova stagione. Queste le parole raccolte da Itasportpress.it: “I primi giorni dopo le vacanze fanno sempre effetto. Gli argentini sono “bianchi”, dato che per loro è inverno. Passatempi? Il ping pong, carte, barzellette. Dividerò la stanza con Morimoto che adesso non c’è, ma arriverà presto. Ottavo anno in casacca rossazzurra: sono molto motivato. Voglio migliorarmi. Per me lo scorso anno è stato un punto di partenza. Capuano è stato il primo ad arrivare poi via via gli altri. Dirigenza? Per adesso c’è stato un saluto soprattutto per i nuovi ragazzi. Noi vogliamo sempre migliorarci, ma la salvezza è il primo obiettivo. Dobbiamo migliorare soprattutto negli ultimi minuti di gara, cambiare approccio. Secondo me la Serie A è il campionato più difficile. Sarà un campionato molto equilibrato ed anche le neopromosse si stanno rafforzando. Obiettivi? Mi sento bene, darò il massimo e spero di mettere il mister in difficoltà. Sogniamo uno stadio pieno e rivedere le curve piene. Un bello spettacolo per noi e le famiglie catanese”.

    :catania: :catania: :catania: :ciao: :ciao:

  119. Ip Address: 87.18.13.134

    Ciao Chiarezza e Angelo e ci metto anche joe che primaa o poi verra’!!! :ciao: :ciao: :ciao:
    Dunque Chiarezza, in una intervista che ha fatto il Nostro Presidente stamattina a Radio Sportiva.

    In evidenza.

    Problemi finanziari non ci sono, l’ingresso in futuro di nuovi soci non e’ all’ordine del giorno.
    Gomez e’ ancora con noi ( vedere soldi per vendere cammello), malinteso con agente Bergessio, Monzon sara’ preso, Lodi al Genoa in comproprieta’ cosi come il taxi.

    Max assente e se non viene sara’ deferito.

  120. Ip Address: 79.4.15.37

    Buongiorno a tutti….

    Non si tratta di problemi finanziari !!!! nessuno ha parlato di questo.
    Criscitiello si è limitato a dire che il Catania sta cercando di vendere una quota della società, penso che è una cosa normale, invece il ns. Presidente è andato su tutte le furie minacciando di querelare Sportitalia…..

  121. Ip Address: 79.4.15.37

    CATANIA, Pulvirenti: “Maxi rischia il deferimento. Monzon e Tachtsidis arrivano. Su vendita società…”
    12.07.2013 10:19 di Andrea Carlino

    Il presidente del Catania, Antonino Pulvirenti, a tutto campo in un’intervista concessa all’emittente radiofonica Radio Sportiva (clicca qui per ascoltare l’intervento). Si parte dalla vicenda della possibile cessione del club, dopo le rivelazioni del giornalista di Sportitalia, Michele Criscitiello con Pulvirenti che annuncia: “Non entreranno nuovi soci: abbiamo un ottimo bilancio e non c´è questo tipo di esigenza. Il club è assolutamente sano e può andare avanti per la sua strada. Entro un paio di giorni presenteremo la querela. Analizzeremo i filmati e provvederemo. Risponderò nelle sedi opportune. Quanto detto da Criscitiello è grave e lesivo della nostra realtà. Maran? Conosce bene il gruppo, possiamo lavorare ancora meglio e partire bene per arrivare al traguardo della salvezza. Dobbiamo sempre pensare alla salvezza, poi noi cerchiamo di migliorarci come parco giocatori e strutture. Gomez? Ieri è stato tra i primi ad arrivare. Inizierà la stagione con noi. C’è una trattativa con una società straniera (l’Atletico Madrid, ndr). Lui, però, fa ancora parte della rosa del Catania. Bergessio? E’ un punto fermo del Catania. Con il procuratore c’è stato un malinteso. Gonzalo rimane. Monzon? Entro tra qualche giorno si conclude tutto. Con questa operazione abbiamo un degno sostituto di Marchese. Tachtsidis? Trattativa conclusa con il Genoa ed entro oggi massimo domani ci saranno le firme sia di Lodi che del greco. Maxi Lopez? Lo abbiamo convocato e non capisco perché non sia qui. Lo aspettiamo a braccia aperte. Potrebbe rimanere. Se non dovesse arrivare entro un paio di giorni potremmo anche chiedere il deferimento. Si è professionisti sempre e lui deve rispettare gli impegni contrattuali”.

  122. Ip Address: 212.195.241.127

    No Joe Criscitiellino a proprio detto problemi finanziari, non tanto del Catania ma delle società di Pulvirenti ( vedi Win Jet)
    Ma comunque il Catania è una realtà e se si dovesse vendere ci volunu i sudduni, a meno che…………………… :diavolo: :diavolo: :diavolo: a buon intenditor poche parole. :ciao: :ciao:

  123. Ip Address: 212.195.241.127

    Giorgio
    Pulvirenti ha confermato quello che dico io, questo mi preoccupa 😆 😆 😆 😆

  124. Ip Address: 212.195.241.127

    TORINO, ecco El Kaddouri
    12.07.2013 11.00 di Redazione ITA Sport Press per itasportpress.it articolo letto 58 volte
    Il Torino Football Club comunica di aver acquisito a titolo temporaneo con opzione sulla compartecipazione dal SSC Napoli il diritto alle prestazioni sportive del calciatore Omar El Kaddouri.

    Questo vuol dire addio a Lopez, meno male con lui e Cerci il Torino era a posto per l’attacco, ma Cairo non si smentisce mai, soldi nisba ed allora soffri 😆 😆 😆

  125. Ip Address: 212.195.241.127

    Par Jérôme Gallo le Mercredi 10 juillet 2013 à 14 h 44 min

    Fabian Monzon semble de plus en plus proche de signer à Catane. Antonio Pulvirenti, le président du club sicilien, a confirmé à la Repubblica, que l’Argentin était « la cible numéro un » des rossazzurri.

    « Fabian Monzon est déjà à Catane, confie le dirigeant italien. Cela montre clairement que nous sommes intéressés par le joueur. On a commencé à négocier avec Lyon, mais nous conclurons ce dossier seulement s’ils nous donnent des garanties bien précises pour le futur. Pour être clair, nous voulons avoir la possibilité de l’acheter de manière définitive ».

    D’après le média italien, Fabian Monzon est estimé à 4 millions d’euros.

    In poche parole l’affare si fa se il Lyon accetta di venderlo definitivamente o in prestito con diritto di riscatto aggiungo io :ciao: :ciao:

  126. Ip Address: 212.195.241.127

    Finalmente ho ascoltato in viva voce e non tradotto Aulas del Lione, praticamente dice che l’affare Monzon non lo segue lui e se fino ad ora non si è trovato un accordo è perché il Lione non ha ancora ottenuto garanzie finanziarie, questo vuol dire che il Catania lo vuole pagare a rate….FIDEIUSSIONE NECESSARIA caro Presidente 😳 😳 😳

  127. Ip Address: 87.18.13.134

    Minkia Chiarezza ma allora “soldi” non ne abbiamo!!! 😳 😳 😳
    Infatti nel post N°113 ho scritto che siamo “impantanati”!!! 🙁 🙁 🙁
    Non ci voglio credere!!! 😐 😐 😐

  128. Ip Address: 212.195.241.127

    No Giorgio, tutti oggi comprano a rate il problema secondo me è uno solo Aulas è considerato pure dai suoi tifosi un affarista e cerca sempre di non perdere soldi (e ha pure ragione) Monzon lo ha comprato 5.500ml e lo ha prestato alla Fluminense, ora Monzon a Lione non si è inserito ma è veramente forte, allora Aulas lo vuole dare in prestito o al 50% mentre il Catania fiuta l’affare e lo vuole tutto, vedrai che alla fine l’affare lo faranno, solo che sia Pulvirenti che Aulas SONO TIRCHI 😆 😆 😆 :ciao: :ciao:

  129. Ip Address: 79.4.15.37

    Ma da dove devono arrivare i soldi per comprare Monzon e company !!!!!

    Non abbiamo venduto nessun giocatore importante tipo Gomez, Lopez, Lodi…..

    Siamo messi male fino adesso il Catania incasserà solo 900 mila per Paglialunga, e 1.5 milione tra Antenucci e Moretti,
    Speriamo bene.

  130. Ip Address: 72.226.121.41

    Prima di tutto vorrei far osservare che anche se nuovi soci entrano a far parte della societa’.non’e una cosa negativa anzi puo’essere positiva perche’ significa che molte altre persone sono disposte ad investire.Quello che non capisco e’ perche’ ‘ il nostro presidente se la prende tanto………Per quanto riguarda Bergessio,la cosa assolutamente non si pone perche’ il giocatore e’ sotto contratto e qualsiasi cosa deve passare necessariamente dalla societa;.Per finire,Maxi sicuramente sara’ ceduto e il problema e’ solo quello di cercargli un acquirente……SEMPRE FORZA CATANIA

  131. Ip Address: 212.195.241.127

    E no Salvatore, avresti ragione se Criscitiello avesse detto quello che tu scrivi o anche se avesse detto che Pulvirenti vuole vendere, ma Pulvirenti lo querela a ragion veduta perché Criscitiello afferma che Pulvirenti potrebbe vendere perché si trova con le sue società (TUTTE) in serie difficoltà, e questo e completamente diverso, la prova potrebbe essere che Aulas presidente del Lyon chiede garanzie economiche per Monzon

  132. Ip Address: 79.27.175.227

    CATANIA – Così il presidente Pulvirenti, quest’oggi, ai microfoni di Radio Sportiva, parla delle trattative di calciomercato relative ai rossazzurri. (testo, calciocatania.it)

    “Gomez è stato tra i primi ad arrivare in ritiro ed inizia la stagione con noi, c’è una trattativa con una società straniera ma oggi il giocatore si allena con noi e questa è l’unica certezza. La Roma? Non ho sentito parlare di questa ipotesi ma non mi meraviglierei, perchè Gomez è un giocatore importante”.

    “Bergessio è un punto fermo, ho parlato col procuratore ed è emerso un malinteso nelle sue dichiarazioni”.

    “Ci sarà una conclusione positiva entro qualche giorno, avremo così un degno sostituto di Marchese ed anche più giovane”.

    “Le trattative col Genoa sono state definite, mancano solo le firme dei giocatori per lo scambio delle metà: Lodi al Genoa in compartecipazione e Tachtsidis al Catania in compartecipazione. Sono entrambi bravi. Nonostante le riconosciute capacità di Lodi, con Tachtsidis realizziamo un miglioramento, per una questione anagrafica e per la possibilità di giocare in più modi”.

    “Lopez non è in ritiro e non capisco perchè: noi lo abbiamo convocato, lo aspetto a braccia aperte a Torre del Grifo per iniziare una nuova stagione. Fa parte del progetto, è un giocatore importante, arriverà in Sicilia con buone probabilità di restarci. Lo attendiamo, se non arriverà lo deferiremo: ci sono delle regole e vanno rispettate”.

    Commenti solo catania tutto il resto u sapiti 😆 :sciarpa: :catania: :sciarpa: :ciao:

  133. Ip Address: 212.195.241.127

    Qui c’è la conferma di quello che dico su Crititiello, che faccia tosta :diavolo: :diavolo:

    http://www.cataniaunafede.com/index.php/news/ultime/15483-criscitiello-qdice-e-poi-si-contraddice-q

  134. Ip Address: 87.18.13.134

    Copia e incolla dal sito ufficiale del Calcio Catania

    Ritiro venerdì 12 luglio 2013

    Trenta calciatori in ritiro agli ordini di mister Maran

    Primo giorno di attività, a Torre del Grifo: agli ordini di mister Maran, 30 calciatori, divisi in tre gruppi di lavoro, hanno svolto due sedute d’allenamento. L’allenatore e lo staff tecnico hanno concentrato l’attenzione sulla parte atletica: effettuate le visite mediche, nel programma odierno sono stati ricompresi, infatti, esercizi di rinforzo della muscolatura posturale e mobilità, test di valutazione dello stato di forma ed un leggero lavoro aerobico. Sabato mattina, seconda doppia seduta consecutiva.

    I 30 atleti a disposizione:
    ALMIRON SERGIO BERNARDO
    ALVAREZ VALEIRA PABLO SEBASTIAN
    BARISIC MAKS
    BARRIENTOS PABLO CESAR
    BELLUSCI GIUSEPPE
    BERGESSIO GONZALO RUBEN
    BIAGIANTI MARCO
    CABALCETA ERICK GIACCHERO
    CANI EDGAR JUNIOR
    CAPUANO CIRO
    CASTRO LUCAS NAHUEL
    CATELLANI ANDREA
    DONNARUMMA ALFREDO
    DOUKARA SOULEYMANE
    FICARA GIUSEPPE
    FREIRE FEDERICO
    FRISON ALBERTO
    GYOMBER NORBERT
    GOMEZ ALEJANDRO DARIO
    GONTAN GALLARDO SERGIO “KEKO”
    IZCO MARIANO JULIO
    LEGROTTAGLIE NICOLA
    LETO SEBASTIAN EDUARDO
    LLAMA CRISTIAN EZEQUIEL
    MESSINA GIUSEPPE
    PETKOVIC BRUNO
    ROLIN FERNANDEZ GERMAN ALEXIS
    SCIACCA FABIO
    SPOLLI NICOLAS FEDERICO
    TERRACCIANO PIETRO

    Non sono ancora giunti a Torre del Grifo Mariano Gonzalo Andujar e Takayuki Morimoto, che usufruiscono di permessi legati ai più recenti impegni agonistici.

  135. Ip Address: 87.18.13.134

    Buonasera raga’!!!
    Nell’elenco sopra manca pure Antenucci.

    Non so se e’ vera questa notizia.

    Copia e incolla da goal.com

    12/lug/2013 17.15.00
    L’ad rossonero è partito nel pomeriggio da Linate con destinazione Catania dove incontrerà Antonino Pulvirenti.

    Non sembra conoscere la parola riposo, di questi tempi, Adriano Galliani. L’ad del Milan infatti sta in queste settimane affrontando un vero e proprio tour de force al fine di chiudere quelle trattative che possano contribuire a rendere più forte la squadra di Allegri.

    Se ieri ha presentato le nuove maglie del Milan ed ha fatto il punto sul mercato rossonero ribadendo la riconferma di Robinho, Galliani oggi ha preso un aereo diretto in Sicilia.

    L’ad rossonero è partito nel pomeriggio da Linate con destinazione Catania dove incontrerà Antonino Pulvirenti. Galliani sarà ospite per un paio di giorni del presidente del club etneo, resta ora da capire se si tratti semplicemente di una visita di cortesia o se ci possano essere in ballo trattative di calciomercato.

    Sogni rosso e azzurro a tutti!!! :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  136. Ip Address: 79.27.175.227

    buongiorno a tutti fratelli dal cuore :catania: ciao giorgio buona spesa “Ripartiamo per far meglio, forti dei nostri pregi e coscienti dei nostri difetti”
    Alle ore 16 in conferenza stampa ai microfoni dei cronisti, la prima conferenza stampa di Mister Maran della stagione 2013/2014: “La partita più sentita? Senza il Palermo non lo so. Leto, Freire, vedremo come ci schiereremo dei giocatori non ancora arrivati non parlo”.

  137. Ip Address: 79.27.175.227

    CATANIA – Secondo quanto riportato da Alessandro Vagliasindi sull’account Twitter di Corner (Telecolor), il dato odierno comunicato da Ticket One in merito alla campagna abbonamenti in corso, è il parziale più elevato tra quelli registrati finora. Un segnale forte all’indomani delle indiscrezioni, giudicate dal club ”deliranti illazioni”, sulla stabilità societaria avanzate dal direttore di Sport Italia.solo catania tutto il resto e noia :sciarpa: :sciarpa: :catania: :catania: :salve: :salve:

  138. Ip Address: 79.27.175.227

    ORE 21.13 – Autore: Livio Giannotta

    Pablo Barrientos via da Catania? La stampa milanese, sponda Inter, tempo fa lo accostò alla squadra di Mazzarri in caso di addio di Fredy Guarin, ma in questo momento non rientra nei piani del Catania la cessione del ‘Pitu’. Barrientos è un giocatore estremamente importante nello scacchiere tattico di Maran e la società si aspetta da lui ulteriori progressi nella prossima stagione, al termine della quale potrebbe provare una nuova esperienza all’estero.

  139. Ip Address: 87.18.9.19

    Buongiorno raga’!!! :salve: :salve: :salve:
    Ciao Angelo!!! :ciao: :ciao: :ciao:
    Caro Angelo, mattiniero stamattina, oggi sabato spesa un po’ sopra la media.

    Qui Napoli e dintorni, cielo azzurro con foschia e temperatura calda.

    Ieri tramite il sito ufficiale del Calcio Catania ho visto gli allenamenti della nostra squadra.

    Dopo aver visto i 4 video e i nostri giocatori a trotterellare sul campo, ho visto anche Bonanno e Cosentino quindi fine settimana a Catania e niente acquisti.

    Buona giornata a tutti!!! :catania: :catania: :catania:

  140. Ip Address: 95.246.44.185

    Buongiorno amici Catanisti :salve:

    Ciao Giorgio e Angelo 😉

    Leggevo che il procuratore di Bergessio ha detto che il giocatore vuole andare via da Catania….. se fosse vero sarebbe una vera disgrazia!

    Qui in Emilia, tempo grigio con qualche temporale (sembra che duri fino al pomeriggio)…

  141. Ip Address: 87.18.9.19

    Ciao Mongibello!!! :ciao: :ciao: :ciao:
    Qui tempo bellissimo, mia moglie sta’ in Romagna e mi ha detto la stessa cosa che il tempo e’ un po’ bruttino.
    Il Presidente ha detto che c’era stato un malinteso tra il procuratore di Bergessio e la societa’.
    Ha detto anche che non si muove da Catania. Staremo a vedere caro Mongibello!!!

  142. Ip Address: 79.3.186.130

    Ironia Maran: “Quest’anno nessuna rivincita con Palermo (Blog Sicilia)

    “Visibilmente emozionato “come fosse il primo giorno”, Rolando Maran si presenta per la prima volta in questa stagione nella sala conferenze di Torre del Grifo Village. “Sono felice di rivedervi tutti quanti soprattutto perché sono qui io”, scherza con i giornalisti il tecnico del Catania. “Credo che chiunque inizi una nuova stagione vuole dare il massimo. Io ho la consapevolezza di sapere già quale sia l’ambiente e ho un organico ben rodato: questo può solo essere positivo. Se già lo scorso anno dicevamo che sarebbe stato difficile migliorarsi, quest’anno sappiamo che lo sarà ancora di più. Il nostro approccio dovrà essere senza presunzione, ma con la consapevolezza di sapere come abbiamo fatto ad ottenere tutto questo. Ho già visto grande disponibilità da parte di tutti ed il sentimento comune è quello di voler partire bene […] “Rivincite rispetto allo scorso anno? Una non sarà possibile riprenderla”, Maran ironizza sull’assenza del Palermo dalla serie A e dichiara anche che gli sarebbe piaciuto ottenere qualche risultato in più con le big. Tanti i rumors di mercato che appena un mese fa hanno interessato anche il tecnico: “Non ho ascoltato nessuno, qui si lavora bene. Non ho mai avuto dubbi sul da farsi”, sottolinea.

    Maran: “Darò il massimo per esaltare i pregi della squadra” (Repubblica)

    “Il tecnico, per il secondo anno sulla panchina rossazzurra, è emozionato come all’esordio in A: “Mai pensato di andare via. C’è un progetto che mi coinvolge e mi stimola. Lavorare con lo stesso gruppo è un vantaggio da sfruttare”.

    “Sorridente e disteso, Rolando Maran entra nella sala conferenze di Torre del Grifo per dare il suo personale ‘benvenuto’ alla nuova stagione. “Sono felice di rivedervi, ma sopratutto di rivedere me seduto su questa panchina per un altro anno – dice il tecnico rossazzurro -. L’anno scorso era il mio esordio in A, ma oggi sono emozionato come quel primo giorno. Si apre una nuova annata, un nuovo percorso, e cercherò di dare il massimo, sfruttando anche il vantaggio di continuare a lavorare con lo stesso gruppo. Dobbiamo ricordare quello che abbiamo fatto l’anno scorso, applicandoci con umiltà per eliminare i difetti ed esaltare i nostri pregi”. Marchese, Lodi e, probabilmente, Gomez in uscita, Monzon (quasi ufficiale), Tatchtsidis (lunedì si aggrega al gruppo, ndr) e Leto in entrata: al netto dei cambi che Catania sarà? “Non mi va di parlare di chi ancora non è qui con noi – aggiunge Maran – sicuramente questo è un gruppo che ha sempre basato le sue fortune sul collettivo, oltre la bravura e caratura dei singoli. Il fatto che tutti si siano presentati in ritiro con grande entusiasmo e disponibilità è il miglior viatico per il lavoro che ci attende”. Citazione specifica per Almiron e Barrientos. “Sergio l’ho visto felice per il rinnovo del contratto e sarà una pedina fondamentale per noi – dice il tecnico di Trento -. Pitu ha l’occasione per consacrarsi come protagonista assoluto del nostro campionato, a condizione che continui il percorso di crescita

    Maran vede un Catania già carico, ma quel Gomez in partenza non lo tranquillizza: “Finchè è qui son contento, poi…” (Goal.com)

    “Maran non ha voluto rispondere alle domande di calciomercato per far luce sulle situazini di Gomez e Maxi Lopez. “Io devo solo pensare a convocare i giocatori”, ha detto. Anche il Catania ha iniziato la nuova stagione e per il tecnico rossazzurro Rolando Maran è arrivato il primo appuntamento coi media. Nella sede della società, a Torre Del Grifo, il tecnico ha tenuto la sua prima conferenza stampa stagionale. “Sono emozionato come se fosse il primo giorno – ha esordito Maran – Si apre un’altra annata e, come ogni anno, cercheremo di dare il massimo. A Catania c’erano i presupposti per continuare e sono contento che sia accaduto”. Nella scorsa stagione il Catania è stata senza dubbio una delle rivelazioni, classificandosi all’ottavo posto, a margine della zona Europa League e addirittura prima dell’Inter. “Quest’anno vogliamo confermarci – ha detto ancora Maran – Anche se non sarà facile, comunque ci proveremo. Sia i nuovi arrivati che i ‘vecchi’ hanno dato grande disponiblità per impegnarsi al massimo”.

    Catania, Maran: “Club chiaro per Gomez. Su Tachtsidis…” (Calciomercato.it)

    L’allenatore etneo sull’ex centrocampista della Roma: “Non parlo di giocatori che non sono ancora in organico”

    “Nessuna novità sul futuro di Gomez. Nonostante le recenti sirene spagnole, con l’Atletico Madrid in prima fila. Rolando Maran interviene sulla situazione dell’argentino: “Gomez è un giocatore del Catania e fino al momento in cui resta qui sono contento. In queste cose la società è chiara – ha chiosato l’allenatore etneo dal ritiro di Torre del Grifo -. Più giocatori bravi rimangono e più io e il club siamo contenti. Tachtsidis? Non parlo perché non è ancora in organico”.

    Maran: “Ora ripartiamo da zero” (La Gazzetta dello Sport)

    Rolando Maran a tutto campo. Oggi il tecnico del Catania ha tenuto una lunga conferenza stampa per ribadire la felicità nell’allenare per il secondo anno il gruppo rossazzurro: “Ripartiamo da zero, fidandoci di una base costruita nella stagione passata, ma sicuri che bisognerà riguadagnare le posizioni occupate nell’ultimo campionato. Lopez? Se arriva in ritiro lo allenerò con piacere così come faccio con tutti gli altri del gruppo. Il modulo? Studieremo ogni soluzione, così come abbiamo fatto in precedenza. Senza Lodi abbiamo giocato alcune partite nella stagione passata, dunque se dovesse partire troveremo l’assetto giusto per spezzare e costruire gioco. Il pubblico sarà importante così come lo è stato sempre”. Un cenno su Almiron definito “giocatore importante al pari di Biagianti e di Barrientos”.

    Catania, dimenticare e ripartire: “Tutti per uno, uno per tutti” (Sicilia Today)

    “”L’ingresso di nuovi soci non è una prospettiva all’ordine del giorno. Non abbiamo di queste esigenze ed i numeri lo dimostrano chiaramente. Il Catania ha un bilancio fra i 3 migliori d’Italia, nel calcio, ha effettuato ed effettua investimenti per lo sviluppo prima ancora di vendere giocatori. Il nostro è un club sano che può andare avanti per la propria strada”. Con queste parole rilasciate a “Radio Sportiva”, il presidente del Catania Antonino Pulvirenti, ha rassicurato città e tifosi dopo le indiscrezioni (se così possono essere definite) emerse ieri notte nel corso di una nota trasmissione televisiva. Non giudichiamo e commentiamo il lavoro di altri ma sicuramente non lo condividiamo. E’ doveroso tutelare la ‘Catanesità’, perché è stato detto che in città non si parlava di altro ma esistono ben altri problemi di cui si parla tra le vie di Catania e il Calcio Catania rappresenta al momento l’unica certezza per i catanesi. La società, il presidente, sono stati chiari ed efficaci nella risposta”.

    Rolando Maran indica la strada: “Non dovremo essere presuntuosi” (Live Sicilia)

    “Ed il tecnico rossoazzurro non si nasconde. Sa, da allenatore, di essere comunque sempre in discussione. Ma questo non lo spaventa: “Gli allenatori vivono di risultati e tutto passa attraversa il campo: lo so benissimo. Dobbiamo resettare quello che abbiamo scritto la stagione passata perchè ora dobbiamo scrivere una nuova pagina”. Capitolo mercato. “Ci sono tante considerazioni da fare. Voglio parlare con i giocatori che sono qui perchè chi vuole vestire questa maglia deve dirmi quali sono le sue intenzioni. Le condizioni dei giocatori? Leto si sta allenando normalmente con la squadra e da quella che è la sua storia è un attaccante che potrà agire in più punti del fronte avanzato. Lodi, come sembra, andrà via: ma indipendentemente dai singoli sapremo adattarci. Ci siamo preparati anche a questo lo scorso anno”. C’è, poi, la grana Maxi Lopez: “Non l’ho sentito. La società l’ha convocato: se verrà bene. Su Tachtidis mi limito a dire solo una cosa: lui non è ancora in organico. La maglia numero 10? Ci penseremo a tempo debito”. Il mister parla anche degli altri. Ad esempio, Sergio Almiron e Marco Biagianti: “Sergio l’ho visto carico e felice di essere qui, lui per noi è importante. Marco è un ragazzo che ci darà ancora tantissimo. Mi chiedete di Gomez? Beh, vi dico che lui è ancora qua: più giocatori di qualità rimangono e meglio è per noi”.

    :sciarpa: :sciarpa: :salve: :catania: :ciao:

  143. Ip Address: 212.195.241.127

    Buonasera a tutti pari

    Un uccellino mi dice che il Catania sta per prendere Rojo e lascia stare Monzon se son fiori…….sta a Pulvirenti fare un piccolo sforzo :ciao: :ciao: :ciao:

  144. Ip Address: 87.18.9.19

    Buonasera raga’!!! :salve: :salve: :salve:
    Ciao Chiarezza!!! :ciao: :ciao: :ciao:
    Chiarezza, mica e’ l’uccellino di Del Piero?
    Hihihihihihi!!!

    Secondo te chi e’ piu’ forte tra Rojo e Monzon?

    Sogni rosso e azzurro a tutti!!! :sciarpa: :catania: :sciarpa: :catania: :sciarpa: :catania:

  145. Ip Address: 212.195.241.127

    Ciao Giorgio
    Posso solo dire che sono forti entrambi :ciao: :ciao: :ciao:

  146. Ip Address: 87.18.9.19

    Grazie Chiarezza, buonanotte dall’Italia, povera Italia!!!!

    Copia e incolla da la Sicilia

    Pubblicato: 13/07/2013Invia link per e-mail Tra Taormina e Torre del GrifoMentre Pulvirenti ospita in uno dei suoi alberghi Galliani e Lotito, in sede il gruppo rossazzurro lavora agli ordini di Maran. Il primo gol stagionale lo segna Freire. Lopez ancora assente

    Mentre a Torre del Grifo si suda, il presidente Pulvirenti fa da padrone di casa a Taormina ospitando in uno dei suo alberghi Adriano Galliani, ad del Milan, e Claudio Lotito, presidente della Lazio, giunti in Sicilia per un week end di relax ma anche di confronto su politica sportiva (Galliani è vicepresidente della Lega di Serie A, Pulvirenti e Lotito sono consiglieri federali) e, perchè no, di mercato.

    Alla comitiva, ritrovatasi a tavola in un locale a Castiglione di Sicilia dopo una puntata sull’Etna, si è aggiunto anche Pablo Cosentino, vicepresidente rossazzurro. Assente invece il presidente del Genoa, Enrico Preziosi, costretto a declinare l’invito di Pulvirenti per motivi di lavoro.

    In sede, intanto, il gruppo agli ordini di Maran ha sostenuto il secondo giorno di preparazione. Nella prima sessione di lavoro con il pallone, gli etnei hanno disputato un triangolare con partitelle da sette minuti.

    Undici le reti messe a segno: la prima della stagione porta la firma di Federico Freire, doppiette per Barrientos, Sciacca e Doukara, a rete anche Almiron, Barisic, Petkovic e Cani. Una vittoria per la squadra in maglia bianca, una per i verdi e una per gli arancioni, classificatisi primi grazie alla differenza reti: Frison; Rolin, Bellusci, Izco, Sciacca, Barrientos, Petkovic e Doukara.

    Non si è ancora visto Maxi Lopez, per il quale, in caso di reiterata assenza, nei primi giorni della prossima settimana scatterà il deferimento. A risolvere la situazione potrebbe essere la cessione dell’attaccante: allontanatosi il Torino, resta viva la pista estera che porta al Malaga. Entro 48 ore, inoltre, il Catania dovrebbe ufficializzare gli ingaggi di Panagiotis Tachtsidis e Fabian Monzon, che saranno così liberi di aggregarsi ai nuovi compagni.

  147. Ip Address: 37.182.44.60

    Buonanotte a tutti….
    Prosegue il lavoro del vice presidente del Catania Pablo Cosentino. Nonostante il meeting organizzato oggi a Taormina al quale hanno partecipato anche Galliani e Lotito, oltre che al presidente Pulvirenti, il dirigente rossoazzurro ha praticamente concluso per Monzon dal Lione e per Tachtsidis dal Genoa, che arriverà nell’ambito dello scambio con Lodi. I due potrebbero presto unirsi ai nuovi compagni.

  148. Ip Address: 79.3.186.130

    buongiorno a tutti e buona domenica fratelli dal cuore :catania: “Lupo Ezechiele” e la casa di mattoni
    “This is only a test”, ovvero “Questa è solo un’esercitazione” ripete l’altoparlante cessato l’allarme. Già, ma gli effetti della eco delle sirene, sono tali e quali a quelli lasciati da un pericolo reale, durante cui si sa, è più facile farsi male a causa della confusione, del panico, che non per l’effetto stesso d…

  149. Ip Address: 79.3.186.130

    delle bombe. Ecco dunque un bel po’ di confusione ed un bel po’ di gente, confusa. Idee alla rinfusa, disorientamento. In un periodo così delicato (inizio della stagione, contratti, abbonamenti, calciomercato), è un delitto più che un peccato.

    Ma non è un delitto aver azionato l’allarme, non è un delitto averci creduto, è un delitto aver reagito in tal modo. Rischiando di far più danno persino di quanto avrebbe potuto provocarne un allarme se fondato. E’ bastato un colpo vento, come quello di Ezechiele, il “Lupo cattivo”, (ricordate la fiaba?) a spazzar via le certezze di legno e di paglia dei primi due porcellini. Ma non basterà a scuotere nemmeno le fondamenta della casa di mattoni costruita dal terzo

    Mattoni solidi, come quelli con cui anno dopo anno si è costruito un Catania sempre più forte, e sempre più alto in classifica, come quelli del centro sportivo, come quelli già pronti per il nuovo stadio, come quelli aggiunti neanche troppo tempo fa al capitale sociale. Opere che hanno richiesto tempo e sacrifici, ma soprattutto amore. E che adesso, rappresentano l’unico posto sicuro per non lasciarsi travolgere dal vento che soffia, che può confonderci, indurci a far del male a noi stessi.

    Dentro queste mura, nulla abbiamo da temere se non la nostra stessa reazione a ciò che è ritenuto essere un pericolo, ma che non lo sarebbe e non potrebbe mai esserlo se credessimo nell’assoluta solidità di quel che ci siamo costruiti intorno. Consapevolezza che deriva, e non può che derivare, dall’aver collaborato almeno in parte, per la propria parte, all’edificazione della casa che adesso ci accoglie tutti, e che ha aperto la porta, come nella fiaba, anche ai due altri porcellini.

    A quei due che per due volte, sicuri del contrario, hanno visto la propria casa, e poi quella dell’altro, spazzata via dal potente soffio di Lupo Ezechiele. A quei due a cui, le rassicurazioni di chi ha costruito la casa di mattoni, in cui si sono rifugiati, non bastano a convincerli del contrario, a toglierli dal panico, dalla confusione, adesso che Ezechiele è arrivato, e gonfia il petto.

    Ma la casa di mattoni non cadrà. Lo dice la favola, lo racconterà la realtà. E così, per quanto convinti del contrario, quando Ezechiele, esausto, si arrenderà, gli altri due porcellini si accorgeranno che i soli danni arrecati a quella casa non li ha causati Ezechiele, dall’esterno, ma dall’interno la confusione creata dal loro stesso panico, dalla loro mancanza di fiducia verso chi quella casa ha costruito e che tutto ha fatto per rassicurarli, per non permettere che le facessero né si facessero del male.

    Vissero per sempre felici e contenti? Beh, il lieto fine dipende ancora una volta da noi, non da lui. Ai lupi ormai è chiaro, per questo agiscono così. A noi, visto che agiamo così?

    Commenti solo catania tutto il resto e noia :catania: :catania: :sciarpa: :sciarpa: :salve:

  150. Ip Address: 79.3.186.130

    MASCALUCIA (CT) – Se ci si vuol legger dentro un che di profetico, il segnale è senza ombra di dubbio incoraggiante. La prima rete della stagione 2013/2014, col nuovo pallone ufficiale 2013/14, la mette a segno un nuovo arrivato, Federico Freire. Proprio quel centrocampista che Maran ha detto di aver un gran interesse di scoprire. Questa è la presentazione col pallone tra i piedi.

    A completare la seduta pomeridiana tre gare da sette minuti, undici reti: oltre a Federico Freire, doppiette per Barrientos, Sciacca e Doukara, a segno anche Almiron, Barisic, Petkovic e Cani. Primi punti del ritiro alla formazione composta da Frison; Rolin, Bellusci, Izco, Sciacca, Barrientos, Petkovic e Doukara.

    Nella doppia seduta odierna lavoro prettamente atletico alla mattina. La preparazione è ancora ad una fase “conoscitiva”. Dalla prossima settimana si dovrebbe iniziare col lavoro più intenso ed i carichi individualizzati. :catania: :catania: :sciarpa: :sciarpa: :salve: :ciao:

  151. Ip Address: 79.55.152.26

    Buongiorno raga’!!! :salve: :salve: :salve:
    Ciao Angelo!!! :ciao: :ciao: :ciao:

    Qui Napoli e dintorni, cielo nuvoloso con un pallido sole e temperatura calda.

    Buona domenica a tutti!!! :catania: :catania: :catania:

  152. Ip Address: 95.233.220.76

    Buona domenica a tutti. :salve:

    Ciao Giorgio, Angelo e Chiarezza.. 😉 😉

    Chiarezza, speriamo che allora ne comprino uno dei due… sicuramente forti entrambi. :sciarpa:
    Qui in Emilia bella giornata di sole e temperatura mite..

    Il nostro cuore dai battiti colorati di rosso e d’azzurro…

  153. Ip Address: 95.233.220.76

    Preso Monzon…… :sciarpa:

  154. Ip Address: 95.233.220.76

    AuGuri per il compleanno del mister Maran.

    Oggi compie 50 anni. :salve:

  155. Ip Address: 79.55.152.26

    Ciao Mongibello!!! :ciao: :ciao: :ciao:
    Auguri al nostro Mister!!! 🙂 🙂 🙂
    La notizia di Monzon dove l’hai letta? 😯 😯 😯

    :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :catania: :catania: :catania: :catania: :catania: :catania: :catania: :catania: :catania: :catania: :catania: :catania: :catania: :catania: :catania: :catania: :catania: :catania: :catania: :catania: :catania: :catania: :catania: (tanto joe non mi dice niente se ne “consumo un po’”)

  156. Ip Address: 212.195.241.127

    Ciao Giorgio e Mongibello io lo letta su Sky italia ma penso che ancora non sia ufficiale,

    Ho trovato questa notizia , che proietta il Catania non squadra mondiale, ma UNIVERSALE e sfido a tutti Real Barça Bayer e sceicchi vari 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆 😆

    L’INTERVISTA. L’astronauta catanese, anche triatleta, sarà il primo italiano a compiere una “passeggiata spaziale”. Stasera, alle 22.31, il decollo dal Kazakistan: “Metterò la maglia rossazzurra in valigia, e ci sarà una sorpresa per i paralimpici”

  157. Ip Address: 79.3.186.130

    :salve: a tutti fratelli dal cuore :catania: ottima notizia quella di mongibello che saluto solo catania 😆 😆 tutto il resto e noia :catania: :catania: :sciarpa: :sciarpa:

  158. Ip Address: 79.3.186.130

    Torre del Grifo: Tra tweet, zanzare e duetti “pop”
    I primi giorni di ritiro raccontati dai giocatori del Catania via Twitter. Tra nuovi arrivi in squadra e nuovi arrivi sul social network, a Torre del Grifo si lavora ma ci si diverte anche: si fa gruppo. Se Spolli prende il mate con Gomez e fa colazione con Almiron, Castro duetta con “Papu” mentre Biagianti dà il benvenuto ai volti nuovi..

  159. Ip Address: 79.3.186.130

    Mariano Andujar è il più felice tra tutti i suoi compagni, convocati in ritiro: è ancora “libero” di godersi la famiglia e la Sicilia: “Ultimi giorni di riposo. Ma quanto sei bedda Sicilia“, è la didascalia di una fotografia che lo ritrae insieme ai figli, in uno scorcio della piazza di Aci Castello, vista mare. E’ questo solo l’ultimo (e non lo sarà per molto) dei tweet con cui i giocatori rossazzurri raccontano questi primi due giorni di ritiro. Alcuni arrivano direttamente dall’interno dell’albergo di Torre del Grifo, dove i giocatori sono e saranno ospitati fino al trasferimento a Novara (prima settimana di Agosto) ed al ritorno. Tra questi, ce ne sono di memorabili come ad esempio quelli condivisi con i propri “followers” da Nicolas Spolli nelle ultime ore ventiquattro/trentasei ore.

    Si comincia con un’immagine narrata, non fotografata: “Esiste peggior cosa del tuo compagno di stanza quando da due ore cerca di beccare una maledetta zanzara e non intende spegnere la luce?”. Gli effetti e gli esiti della “caccia notturna, raccontanta oltre la mezzanotte, si manifestano al mattino, quando Spolli twitta una foto di Sergio Almiron, seduto, sguardo perso dietro occhiali scuri specchiati, mentre una malinconica fetta di torta giace dimenticata sul tavolo della sua colazione: “Svegliarsi e far colazione con Yayo non ha prezzo“. Probabilmente, nella notte, ha vinto la zanzara. Ma ancor più indimenticabile, da “preferiti” è il messaggio che il centrale invia a Mario Paglialunga, ormai al Real Saragozza, ricordando la militanza di Pablo Alvarez tra le stesse fila e, non solo: “Mario, giocami ad un tocco, massimo due come sai fare e mi raccomando, scatta una foto alla statua di Alvarez“.

    Chi invia foto, chi addirittura realizza video musicali. Alla tastiera Lucas Castro, alla voce Alejandro Gomez, un “duetto” che fa faville anche sulle note di “Te Pintaron Pajaritos”, canzone naturalmente argentina cantata da “El Villano”, che svela a quale mestiere abbiano rinunciato i due pur di dedicarsi al calcio, per la fortuna del Catania e dei suoi tifosi. Pronto il commento di Bergessio, novizio di twitter: “sto preparando uno studio musicale con chitarra, pianoforte, completo di tutto..“. Quindi, in un futuro, ci sarebbe pronto anche il produttore e la casa discografica. Che sia davvero Bergessio a scrivere lo si capisce già il 7 Luglio, rispondendo al giornalista de “La Sicilia”, Giovanni Finocchiaro: “Ciao Giovanni, tutto bene manca poco per iniziare. Queste anno non rompere tanto con le interviste hahaha” (testuale). E’ senz’altro Bergessio, account verificato.

    C’è invece chi, come Ciro Capuano, pensa solo e soltanto al ritiro, dando il buon esempio: “Iniziamo il secondo giorno di preparazione a Torre del Grifo“, con annessa fotografia del sottopassaggio che porta al campo di allenamento come alle palestre. Lo stesso dicasi per il nuovo arrivato Federico Freire, autore della prima rete della stagione rossazzurra: “Primo giorno di allenamento a Catania – scrive l’11 Luglio – Sono molto contento grazie a Dio”. Lo sarà ancora di più il giorno dopo, quando per celebrare la sua rete condivide una foto dell’allenamento scattata dal fotografo ufficiale, Filippo Galtieri. Sulla stessa onda anche Sebastian Leto, che ha tante cose di cui riappropriarsi su di un campo verde: “Primo giorno con la squadra – già prima dell’11 Luglio aveva cominciato ad allenarsi da solo a Torre del Grifo – Buone sensazioni aspettando il primo giorno di allenamento“. Presto anche il nuovo numero 11 rossazzurro inizierà a twittare in italiano.

    A dar il benvenuto ai nuovi c’aveva già pensato il capitano, Marco Biagianti, scrive: “Si riparte da qui..” a corredo di una foto che lo ritrae insieme ai tre volti nuovi della squadra (Gyomber, Leto e Freire). La carrellata si chiude col profetico Peppe Bellusci: “Inizia una nuova stagione,ci saranno i fischi,ci saranno gli applausi,ma qualunque cosa accada il massimo impegno non mancherà mai..“. Appunto, arriva subito una prima pungente critica, in cui una tifosa gli consiglia un corso di yoga per placare gli accessi di foga agonista in campo. La replica: “Io faccio il mio tu fai il tuo!“. Tra consigli, “botte” e risposte, Spolli e Gomez si godono un buon (secondo il loro personale gusto sudamericano) mate, ricordando al mondo intero che “Sicilia tiene Lepra“. Ma di sicuro non è (solo) il mate a render il gruppo così forte, dentro e fuori dal campo. In fondo, twitter non può dire tutto.. però può far sorridere e sentir ai tifosi meno distanti le emozioni di un campionato che deve ancora iniziare ed ai giocatori la fatica di dover correre da qui fino al suo inizio.

    :sciarpa: :catania: :sciarpa: :catania: :salve:

  160. Ip Address: 79.3.186.130

    TAORMINA – Mentre Adriano Galliani sguazza nella piscina poco distante, il presidente del Catania, Antonino Pulvirenti, parla alla Rai, ospitata all’interno di uno degli alberghi del presidente etneo: “Monzon è un giocatore che tra qualche giorno contiamo di poter ufficializzare. Per Tachtsidis non ci sono problemi, da oggi sarà in ritiro con i suoi nuovi compagni. Con Maxi Lopez credo ci sia stato un fraintendimento col procuratore. Anche lui sarà da oggi in ritiro, come da contratto”. 😆 😆 :catania: :catania: :sciarpa: :sciarpa: :salve:

  161. Ip Address: 79.3.186.130

    auguroni a maran 😆 😆 😆 😆 :catania: :catania: :catania: :catania: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  162. Ip Address: 79.3.186.130

    La scorsa stagione Pablo Alvarez, terzino destro del Catania è stato uno dei migliori del reparto arretrato etneo per continuità di rendimento. La conferma era scontata e il giocatore è pronto per ripartire allenandosi a Torre del Grifo agli ordini di mister Maran. A Sky brevi dichiarazioni di Alvarez sull’obiettivo della prossima stagione della squadra. “Vogliamo fare meglio dello scorso anno e superare il record di punti”. Poi un giudizio su Monzon terzino sinistro in arrivo a Catania. “Lo conosco bene Fabian – conclude Alvarez – perchè abbiamo giocato assieme al Boca. Freire invece è giovane e non lo conosco bene”

  163. Ip Address: 79.3.186.130

    Si parla di mercato e non solo a Taormina dove stanno trascorrendo un week end insieme i massimi dirigenti di Milan, Lazio e Catania. Sulle strategia del club etneo ha fatto il punto il vice presidente Pablo Cosentino. “Per me è una sfida importante questa italiana in una società di calcio – ha spiegato il dirigente argentino ai microfoni di Sky – e mi piacerebbe vincerla. In parte mi sento italiano avendo avuto nonni di questa terra. Mercato? Monzon sembra vicino ma gli affari si chiudono quando si firma. Con Tachtsidis c’è l’accordo col Genoa ma non ancora col giocatore ma siamo anche in questo caso assai vicini. Il centrocampista greco ci piace tanto. Maxi Lopez sarà con noi oggi e si metterà a disposizione di Maran. Per lui come per altri il mercato si chiuderà il 2 settembre anche se lo consideriamo un valido elemento per noi l’attaccante argentino”.

  164. Ip Address: 79.55.152.26

    Notte a tutti!!! :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  165. Ip Address: 87.7.39.110

    Ciao Joe, Angelo, Chiarezza, Giorgio e todos… :salve:

    La notizia di Monzon l’ho appresa guardando i sottotitoli di Sportitalia 24. Prima, dava come acquisti Leto, Freire e Tachitsdis, poi, ad un certo punto è stato inserito Monzon …………. :sciarpa:

    Rosso come il fuoco, azzurro come il mare, l’amore per il Catania non si può spiegare! :catania: :catania:

  166. Ip Address: 72.226.121.41

    Caeissiimi amici del cuore,per una settimana andro’ in vacanza xon la mia famiglia’florida] e quindi non mandero’ post a questo sito..Mi auguro che al mio ritorno,molte situazioni si siano risolte e che la nostra squadra possa essere piu’ forte di sempre.Arrivederci a presto e SEMPRE FORZA CATANIA

  167. Ip Address: 79.3.186.130

    buongiorno a tutti fratelli dal cuore :catania: stamattina non ci sono notizie interessanti ciao giorgio forza catania sempre :catania: :catania: :sciarpa: :sciarpa: :salve: :ciao:

  168. Ip Address: 87.1.34.166

    Buongiorno raga’!!! :salve: :salve: :salve:
    Buone vacanze Salvatore!!! 😛 😛 😛
    Ciao Angelo mattiniere!!! :ciao: :ciao: :ciao:

    Qui Napoli e dintorni, cielo azzurro e temperatura calda!!!

    Buona giornata a tutti!!! :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  169. Ip Address: 79.3.186.130

    auguro buone vacanze a salvatore e famiglia :sciarpa: :sciarpa: :catania: :catania:

  170. Ip Address: 79.3.186.130

    Stampa: Tach-dì-di-sì, segue Monzon. Lopez in ritiro, e poi..
    Dovrebbero essere i giorni decisivi per Monzon e Tachtisidis. Dovevano esserlo anche tutti i precedenti, da almeno due settimane. Secondo quanto riporta l’odierna rassegna stampa, il Catania cerca di chiudere a breve per i due giocatori che andranno a compensare le partenze di Lodi e Marchese. I tempi sono stati lunghi, ma il ritiro è appena iniziato: si è ancora in tempo.

  171. Ip Address: 79.3.186.130

    Catania Tachtsidis sì (La Gazzetta dello Sport)

    “Oggi i rossoblù riavranno Matuzalem, che arriverà in ritiro in giornata. A Neustift sono ancora attesi anche Lodi, che oggi dovrebbe divenire ufficialmente un giocatore del Genoa, e Santana. Frey non convocato oggi dirà sì al Bursaspor, e poi si butterà su Viviano.Ieri Tachtsidis è arrivato a Catania, oggi l’incontro col vice presidente Cosentino per la definizione dell’ingaggio.

    Catania ultimatum Maxi sarà oggi in ritiro (La Sicilia 13.07.2013)

    “Il presidente del club francese ha detto che c’è differenza fra richiesta e offerta. Ma c’è sempre l’alternativa: si tratta di Rojo dello Sporting Lisbona. Ieri partitella a Torre del Grifo: primo gol stagionale di Freire

    “Tra campo e mercato, questo secondo weekend di luglio per il Catania che corre a grandi passi verso la sua ottava stagione di Serie A. I rossazzurri sono al lavoro da venerdì nella splendida struttura del Torre del Grifo Village, mentre i dirigenti, dal presidente Pulvirenti, più che mai in prima linea dopo la rimodulazione dell’assetto dirigenziale, al vice Cosentino e al consigliere d’amministrazione e coordinatore dell’area tecnica, Bonanno, sono impegnati nella definizione del profilo tecnico della squadra per la seconda stagione di fila affidata a Rolando Maran. TACHTSIDIS IN ARRIVO. Il centrocampista greco ex Aek, Verona e Roma, che il Catania si è assicurato nell’ambito dell’operazione (scambio di comproprietà) che ha portato Lodi al Genoa, è atteso da un momento all’altro in sede per la firma del contratto e per l’avvio della preparazione, in vista della nuova stagione. E siccome la società ligure, per voce del presidente Preziosi, ha annunciato per domani l’arrivo di Lodi, l’ipotesi che i due eventi si verifichino in concomitanza è piuttosto verosimile. MONZON, FATTA O QUASI. Questione di ore, anche in questo caso, se non fosse per la voce che circola da un paio di giorni sul web e che trae origine dalle dichiarazioni rilasciate, in conferenza stampa, dal presidente dell’Olympique Lionnais, Michel Aulas. Secondo il massimo dirigente della società transalpina, l’intesa per il passaggio di Fabian Munzon al Catania non sarebbe ancora stata raggiunta e tra richiesta e offerta ci sarebbe una certa differenza. E le parole di Pulvirenti? Il presidente, nei giorni scorsi, ha confermato sia l’interesse per il terzino argentino, sia lo stato avanzato della trattativa, lasciando intendere che l’arrivo del giocatore, destinato a sostituire Marchese, fosse imminente. L’annuncio ufficiale, però, non è ancora arrivato. In ogni caso, l’alternativa sarebbe pronta: Marcos Rojo dello Sporting Lisbona, tutt’altro che un ripiego. Anzi. GOMEZ, LA STORIA INFINITA. Della possibile partenza del Papu si parla sin dal mercato di gennaio, quando sull’ex San Lorenzo parve concentrarsi l’attenzione dell’Inter e del Napoli: alla fine, il giocatore rimase in rossazzurro, con grande soddisfazione di Maran e dei tifosi che, in questi tre anni, ne hanno fatto un loro beniamino. Per Gomez, da tempo, c’è una trattativa aperta con l’Atletico Madrid, ma voci di mercato lo danno pure nel mirino dell’Inter. LOPEZ, SEMPRE LOPEZ. Maxi Lopez, che è rientrato dal prestito alla Samp, è ancora un giocatore del Catania ma, come già successe l’estate scorsa, non sembra avere molta voglia di indossare nuovamente la maglia rossazzurra e coltiva la speranza di trovare un’altra sistemazione, in Italia o all’estero. Sfumata all’ultimo momento (o almeno così pare) la possibilità di passare al Torino, l’attaccante argentino sarebbe adesso nel mirino di Sunderland e Malaga. Pulvirenti, in ogni caso, è stato chiarissimo: se il ragazzo non si presenterà in ritiro (l’evento potrebbe verificarsi proprio stamane), il deferimento sarà inevitabile

    Catania, un argentino arriva e un altro parte: Monzon in, Gomez out (TMW)

    “Le trattative degli ultimi giorni hanno dato i loro frutti e Fabian Monzon sarà presto un nuovo giocatore del Catania. Il terzino del Lione arriverà nelle prossime ore, ma intanto il club etneo sta lavorando anche sulle cessioni utili per fare cassa. Secondo la Gazzetta dello Sport infatti per un argentino che arriva, ce n’è un altro come Alejandro Gomez che se ne va: l’Atletico Madrid lo aspetta a braccia aperte, la trattativa ha già buone basi.

    Catania: ok Monzon e Tachtsidis, su Gomez si inserisce il Milan (Fantagazzetta)

    “Il Catania sta chiudendo in queste ore per il terzino Monzon, brasiliano che arriva dal Lione e che prendrà il vuoto sulla corsia mancina lasciato da Marchese. In via di definizione anche l’ingaggio del centrocampista Tachtsidis: superati gli ultimi intoppi, il greco potrebbe unirsi ai compagni già da domani. Tachtsidis approda al Catania dal Genoa che a sua volta ha acquistato dagli etnei il cartellino di Francesco Lodi. Sul fronte cessioni invece Maxi Lopez è sempre seguito dal Torino, che ha ufficializzato Immobile nel frattempo, e dal Malaga: la prossima settimana dovrebbe portare novità per l’attaccante argentino.

    Commenti solo catania tutto il resto e noia :catania: :catania: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :salve:

  172. Ip Address: 79.3.186.130

    Catania: I nodi Gomez-Morimoto (Corriere dello Sport)

    “La dirigenza rossazzurra attende che le avance dell’Atletico Madrid siano concrete per l’argentino, mentre il giapponese potrebbe tornare all’Al Nasr

    ” Il Catania prosegue la preparazione a Torre del Grifo ed intanto i dirigenti sono impegnati a risolvere tre nodi principali: si attende Maxi Lopez in ritiro e poi ci sono le questioni relative a Gomez e Morimoto. L’Atletico Madrid segue con grandissimo interesse l’argentino ma ancora non si decide ad acquisirlo, mentre è da valutare la posizione del giapponese che non è detto che gli arabi dell’Al Nasr non decidano di richiamarlo. Infine ci sono alcuni ragazzi che devono necessariamente andare a fare esperienza e non possono permettersi di bruciare un anno in panchina: tra questi Sciacca, Keko, Doukara, Cani e uno fra Frison e Terracciano.

    Catania: ok Monzon e Tachtsidis, su Gomez si inserisce il Milan (Fantagazzetta)

    Infine Alejandro Gomez, promesso sposo all’Atletico Madrid, è seguito con forte interesse dal Milan: Galliani prova a inserirsi nella trattativa e parlerà direttamente con Pulvirenti, ma l’accordo con l’Atletico Madrid appare già in fase avanzata. :salve: :salve: :sciarpa: :sciarpa:

  173. Ip Address: 79.3.186.130

    E Bellusci si candida per diventare titolare «Sarà difesa di ferro» (La Gazzetta dello Sport)

    “Sarà uno dei più giovani elementi della prima, squadra, al tempo stesso comincia la sua quinta stagione in rossazzurro. Giovane all’anagrafe, dunque, Giuseppe Bellusci, esperto quanto basta per fare parte della difesa di un Catania che, dietro, cambia soltanto sul fronte di sinistra, con la firma imminente di Monzon. Così, Bellusci si candida per un posto da titolare, da contendere soprattutto a Spolli e a Lagrottaglie: «Riparto con grinta. Ci saranno fischi e applausi durante la stagione, ma una cosa potremo tutti quanti garantire: il massimo impegno. Quello non mancherà ». Bellusci punta l’attenzione sulla retroguardia che, grosso modo, non è cambiata radicalmente: «Siamo rimasti quelli di sempre, a parte il terzino sinistro. Quando arriverà si inserirà nei meccanismi e tutto il gruppo potrà aiutarlo a dovere. Ci conosciamo tutti quanti a memoria, il tecnico ci ha già anticipato che la settimana prossima si lavorerà in maniera intensa sull’aspetto di non possesso, sulla stessa difesa. Per ora stiamo completando il lavoro di fondo col professor De Bellis, preparatore atletico». Nuovi obiettivi L’ex azzurro under 21, originario di Trebisacce, 26 presenze la scorsa stagione, non ha problemi a parlare di obiettivi: «La salvezza, innanzitutto, perché non dimentichiamo che si comincia un’altra stagione in A e qui non si scherza. Anzi, teniamoci stretta la categoria, con la speranza di ripetere la stagione passata, tappa dopo tappa e, perché no, chiudere con qualche punticino in più. C’è la determinazione, c’è la voglia di far bene fin dai primi giorni di ritiro». Un commento, Bellusci, lo ha anche speso per i tre nuovi acquisti ufficiali, Freire, Gyomber e Leto: «Si sono adeguati subito al gruppo, anche grazie al mio spagnolo riesco a comunicare direttamente con i due argentini, lo stesso cerco di fare con Gyomber. Da quel che si vede in allenamento sembrano ottimi giocatori, non ci sono dubbi. La società come al solito ha scelto il meglio». :catania: :catania: :sciarpa: :sciarpa: :salve: :ciao:

  174. Ip Address: 217.200.240.4

    Buongiorno a tutti, amici dal cuore metà rosso e metà azzurro :salve: :catania:

    Auguro a Salvatore e famiglia una vacanza speciale….e sono sicuro che al suo rientro troverà una squadra ancora più forte…. :sciarpa:

  175. Ip Address: 79.4.15.37

    Buongiorno a tutti,
    Ciao Pippo, Angelo, Giorgio, Salvatore Buone vacanze, L’amico Chiarezza…..
    Sembra che oggi è la giornata di Taxidis, Monzon e Gomez
    ForzaCatania :sciarpa:

  176. Ip Address: 87.1.34.166

    Salve raga’!!!
    Ciao Mongibello!!! :ciao: :ciao: :ciao:
    Maxi in ritiro con il Catania!!! 😀 😀 😀

  177. Ip Address: 212.195.241.127

    Buongiorno a tutti pari
    Strafelice per Maxi Lopez speriamo che resti e l’Europa si avvicina, quest’anno con Barrientos farà gol a grappoli, Pulvirenti non lo vendere.

    :ciao: :ciao:

    Mi diverto
    ————–Andujar
    Alvarez—Bellusci—Spolli—–Monzon o Rojos
    ————Almiron—-Tachtsidis
    Izco——–Barrientos—Bergessio
    ————-Lopez

    ———–Frison
    xxxxx—Legrottaglie—Rolin—-Marchese
    ———–Freire—–Biagianti
    ——-Castro—–Leto—–Llama
    —————-Petkovic o chI volete

    Catania è forte è vincerà :salve: :salve:

  178. Ip Address: 87.7.42.233

    Grande Chiarezza ! Però Marchese è in più….

  179. Ip Address: 79.4.15.37

    Ternana, accordo con Antenucci
    Articolo pubblicato lunedì 15 luglio 2013 alle 15:11 – Calciomercato, Catania.
    antenucci

    Accordo raggiunto. Mirko Antenucci andrà alla Ternana. C’è l’intesa tra il giocatore del Catania e il club, adesso resta da definire l’accordo tra le due società. La trattativa è ben avviata, nelle prossime ore si può chiudere.

  180. Ip Address: 79.3.186.130

    MASCALUCIA (CT) – Arrivato ieri sera, quest’oggi il primo allenamento. Maxi Lopez torna ad allenarsi a Torre del Grifo a distanza di un anno e mezzo dalla sua ultima seduta. Persa la 11, affidata a Leto, l’attaccante del Catania veste la 10 lasciata libera da Francesco Lodi, ufficiosamente già del Genoa. Per il biondo attaccante argentino primi giri di corsa insieme al collaboratore Pino Irrera, la forma non sembra perfetta ma c’è tempo per rimettersi il linea.. in ogni senso. :catania: :catania: :sciarpa: :sciarpa: :salve:

  181. Ip Address: 79.3.186.130

    Lo scenario perfetto, per questa storia, non poteva essere che la Sicilia. La terra del sole, del mare, soprattutto la terra di Pirandello e di “Così è se vi pare”. La verità, in fondo, quale sarà? Di vero, concreto e riscontrabile, c’è la contemporanea presenza dei presidenti di due delle “calcisticamente” più blasonate e politicamente più rilevanti realtà del calcio italiano. Claudio Lotito e Adriano Galliani, presidenti di Lazio e Milan, il primo consigliere federale per la Lega Serie A oltre che membro del comitato di presidenza FIGC, il secondo vice presidente della Lega Serie A. Entrambi ospiti del presidente del Catania, eletto proprio quest’anno consigliere federale insieme a Claudio Lotito: stesso partito. Questo è tutto quel che è, per com’è, non per come appare. Da qui in avanti, tutto è quel che vi parrà essere.

    Perché, tre presidenti di serie A, tre membri dello stesso partito, si incontrano a Taormina adesso, in piena estate, in pieno calciomercato, quando avrebbero potuto incontrarsi (se proprio ne avevan voglia) in tempi “meno caldi”? Perché scelgono un luogo così pubblico da non poter passare inosservati? E che c’entra, infine, la concomitante presenza dell’ideatore del fondo di investimento Doyen (che detiene la percentuale di numerosissimi giocatori sudamericani, anche in Europa), mossosi dal proprio uscio nonostante una gamba ingessata ed una stampella (non l’ideale per godere di sole e mare)? Ogni spettatore di questa storia pensi ciò che vuole, è l’essenziale perché questa storia abbia un senso e faccia le fortune di chi l’ha scritta. E stavolta, l’autore non è certo Luigi Pirandello.

    Così ci sarà chi penserà ad un summit finanziario mascherato da vacanza. Un espediente architettato da Pulvirenti, intenzionato a vendere non solo il Catania, anche tutte le sue altre aziende. Ed a chi vendere meglio e prima se non ai suoi “colleghiamici” Lotito e Galliani, a cui proprio per questo motivo allora, entrambe le strutture alberghiere oltre che l’immenso potenziale recettivo di una località che appoggia i piedi in mare ed il capo sull’Etna? Se vedremo i tre far spesa da Forté, e tirare a golf nei pressi di Belpasso, probabilmente l’affare si farà: forse solo per un pacchetto di minoranza, forse di maggioranza, forse chissà, e chissà quando. Ma in tutto questo, il sig. “Doyen” (Nelio Lucas) ingessato ed il sig. Cosentino in gessato, che c’entrano? Mancavano i numeri per la briscola in cinque? Così è se vi pare.

    E così, al di là dell’ironia, si potrebbe anche pensare ad una vacanza vera a propria. Quella che un dirigente, anche di calcio, deve prima o poi pur dedicarsi. E con chi meglio se non con i propri colleghi? E dove meglio se non nella casa a mare, a Taormina, di uno di questi. Specie se invitati. Sole, mare, spiaggia, montagna, escursioni sull’Etna, sul caicco, atmosfera rilassante, cornice lussosa e lussureggiante, abbuffate di prodotti tipici locali unita alla compagnia dei colleghi con cui di altro non puoi che parlare, o finire col parlare di calcio e di affari. Non che i sorrisi in prima pagina su giornali, testate on-line e Tg non fossero sinceri o fotogenici, magari è solo che nella vacanza ideale da suggerire ad un dirigente di calcio, la gente comune avrebbe consigliato di rifuggire sia dal lavoro che dalle telecamere. Ma così è, se gli pare.

    Perciò nessuna meraviglia se qualche “malpensante” immaginerà trattarsi di un fine settimana politico. Al tavolo d’un agriturismo, per dissimulare chiacchiere rustiche e rusticane, si è parlato di come “far scouting” tra le fila dell’opposizione capeggiata dalla Juventus, così da lasciarla sola nell’emiciclo del “non”potere almeno quanto sola e solitaria lo è stata in vetta alla classifica degli ultimi due tornei. Poi la questione diritti TV, con la troupe Sky al seguito. Infine l’annosa questione della mancanza dello stadio di propietà a Catania, del mare a Milano e di un vulcano a Roma. Argomenti sui quali, come rappresentanti dell’azienda Serie A, pungoleranno il Governo una volta scoperto in che luogo sia da anni in vacanza. Perché non potrebbe esser così, se vi pare..

    Nessuno potrà comunque obiettare se gli “esperti” di calciomercato, leggeranno questo incontro come tavolo di future intese. A pancia piena, dopo aver svuotato una bottiglia di vino, si ragiona molto meglio di certi affari. Cosentino dopo, Lodi per Tachtsidis, potrebbe aver spuntato a Galliani lo scambio alla pari Balotelli-Doukara, oppure opzionato con diritto di riscatto l’Aquila Olimpia della Lazio, magari strappato Rojo per un bis di dessert: a seconda, insomma, di chi tra i tre abbia brindato di più. Certo il presidente del Lione, Simeone (vista la presenza di Leo Rodriguez, agente di Gomez), come (vista la presenza di Beppe Riso, uomo mercato del Milan) Cairo e Maxi Lopez con codazzo di Sunderland, Malaga e chi più ne ha più ne metta (di euro) potrebbero pensare altro, tutt’altro.. se gli pare.

    Avrebbero torto a pensarlo? Chi ed a cosa? La magia della storia proprio questa è. Nessuno ha torto, nessuno ha ragione. Si può pensar tutto ed il suo contrario. Come dice il presidente del Catania: “Si inizia dicendo di non parlare di calcio e si finisce col parlare solo di calcio […] giocatori, scadenze, comportamenti, allenatori, mercato”.

    A qualcosa da fare od a qualcosa di già fatto, da festeggiare? Ogni diretto interessato penserà quel che gli pare dell’incontro tra quei tre, e quel che gli pare sarà probabilmente proprio quel che a quei tre interessava pensasse: la ragione per la quale, questo incontro non sia avvenuto dietro delle discrete pareti d’un anonimo ufficio di Roma, o di Milano, ma a favore di telecamere e fotografi nella località turistica più mondana della Sicilia. Così è, se vi pare.

    Pirandello non avrebbe saputo fare di meglio: Occhio a quei tre..

  182. Ip Address: 79.3.186.130

    Franco Barbagallo Acifotopress
    Maxi Lopez, da ieri sera a Torre del Grifo
    Maxi Lopez in ritiro: è questa la notizia del quarto giorno del ritiro pre-campionato dei rossazzurri. Ll’attaccante argentino è arrivato ieri sera a Torre del Grifo ed oggi, in mattinata, ha svolto il suo primo allenamento stagionale. Per Maxi, carichi di lavoro individualizzati, test in palestra e primi giri di corsa a bordo campo.
    :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :catania: :catania: :catania: :salve:

  183. Ip Address: 212.195.241.127

    Hai ragione Mongibello ma Marchese comunque lo avevo messo nelle riserve
    ed allora? :catania: :catania: :catania: :catania: lo cambio con Rojos alla fine prendiamo tutti è due……sono nello spendere. :catania: :catania: :catania: :catania: :salve: :salve:

  184. Ip Address: 79.33.76.238

    E vai Chiarezza!! Così mi piaci! I tirchi non sanno vivere! 😉

    Sono ben contento che Maxi Lopez si stia allenando a Catania, e sarei più contento se giocasse con noi questo campionato. L’unica cosa che mi turba è che non rimanendo volentieri si faccia venire spesso i mal di pancia. Ecco, questa è una cosa che mi dà veramente fastidio. Comunque, si vedrà!

    Sempre e solo Forza Catania! :sciarpa:

  185. Ip Address: 212.195.241.127

    Ho letto varie notizie in blog di tifosi francesi del Lyon su Monzon, sono molto perplessi , dicono come mai il Lyon lo ha comprato 5,5ml euro dal Nizza dove giocava alla grande facendo ben 8 gol come difensore tutti rigori e punizioni ( vice Lodi?), praticamente come Gomis grande attaccante e poi scomparso senza quasi mai giocare? dato in prestito quest’anno in Brasile ritorna e senza nessuna spiegazione lo vogliono dare al Catania ? alcune risposte: ambientamento ? carattere scontroso con l’allenatore, arrivava in ritardo agli allenamenti, nessuno ci capisce niente,(un’altro Lopez?) una cosa è certa tutti dicono che quello visto a Nizza è un campione :ciao: :ciao: :ciao:

    Cmq ieri dicevo dell’uccellino per Rojos , per me non è finita

  186. Ip Address: 79.3.186.130

    MASCALUCIA (CT) – Non è capitano di nomina, ma lo scorso anno lo è stato a lungo tempo di fatto. Mariano Izco, detentore del record di presenze rossazzurre in serie A, ai piedi dell’Etna sin dal 2006 e con un contratto a scadenza 2017, è il primo giocatore a presentarsi in sala stampa per rispondere alle domande dei cronisti e dei tifosi partecipanti alla rubrica “Fai la tua domanda a..”

    “Sarà un Catania migliore. Sono arrivati nuovi giocatori, qualcuno andrà via. E’ il calcio. La prima impressione è che sarà una grande stagione.

    “I nuovi arrivati? Ci stiamo dedicando più alla parte fisica. Si vede che sono grandi giocatori. Aspettiamo ancora, si devono ambientare. Il giudizio sarà completo più avanti. Freire è un mancino che ha un buon piede. Deve aver qualche giorno per ambientarsi. Quando ci sono tanti argentini in squadra ambientarsi è più semplice.

    “De Bellis conosce tutti, sicuramente quest’anno potrà fare ancora meglio.

    “La 13 non cambio, il 10 la lascio per un altro. Il goal? Ci provo sempre. Sono quelli che mi mancano veramente. Vediamo se quest’anno ci riuscirò un po’ di più. Questa dovrebbe essere una stagione ancor migliore, ma sarà anche più difficile. Non montiamoci la testa. Ricominciamo da zero.

    “Lopez ha fatto benissimo a Catania. Ci ha dato una mano importante. Quando è andato via abbiamo avuto la fortuna di trovare Bergessio. E’ un grandissimo giocatore e torna un grandissimo giocatore.

    “Il giocatore più divertente era Ricchiuti. Ho un rapporto bello con tutti, anche con gli italiani. Sto bene con tutti. Mi piacerebbe fare tutto quel che ha fatto Zanetti nella sua carriera. E’ un esempio.

    “Sono sempre a disposizione del mister. Non ci sarebbe problema a giocare come terzino.

    “Ci siam rimasti male per il traguardo sfumato lo scorso anno, quel traguardo importante. Quest’anno sarà ancora più difficile. Ci vorrà carica e cuore per migliorarsi.

    “L’Argentina è la mia terra, vedremo cosa accadrà nel futuro. Chiudere lì la mia carriera? Ho un contratto col Catania fino al 2017.

    “Nazionale? E’ difficile. Non dipende da me, ci sono grandissimi giocatori in nazionale. Io devo solo pensare a far bene al Catania.

    “Abbiamo un centro sportivo bellissimo e la società sta acquistando giocatori per costruire qualcosa di importante. Chi sostituità Lodi sicuramente farà bene.

    “Maran resta perché secondo me si è trovato bene, ha trovato un gruppo che lo ha seguito. Vorrà dimostrare sapersi riconfermare.

    “Bergessio ha fatto benissimo. E’ normale abbia richieste ma sapendo come si allena Bergessio, mette sempre il 100%, questo non influirà. Tutto il resto lo valuterà con la società ed i suo procuratore.grande izco 😆 😆 :sciarpa: :sciarpa: :catania: :catania:

  187. Ip Address: 87.1.34.166

    Buonasera raga’!!! :salve: :salve: :salve:
    Ciao Chiarezza!!!
    Io leggo il giornale sportivo francese lequipe.fr, non c’e’ manco una briciola di notizia su Monzon.
    A proposito di Lodi, leggo Il Secolo XIX manco li notizie dello scambio con Taxi.
    Un’altra giornata a sfogliare le “margherite”.

    Sogni rosso e azzurro a tutti!!! :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  188. Ip Address: 37.182.204.87

    Notizia fresca 😉 😉

    Genoa, domani le visite mediche per Lodi
    Articolo pubblicato lunedì 15 luglio 2013 alle 20:34 – Calciomercato, Catania, Genoa.
    lodi

    Giorno di visite mediche per Francesco Lodi. Il centrocampista è partito alle 19.20 da Catania destinazione Genova, dove domani mattina si sottoporrà ai test. Successivamente raggiungerà in Austria i nuovi compagni, per proseguire il ritiro in vista della prossima stagione.

  189. Ip Address: 37.182.204.87

    Calello tra Catania e Chievo: domani la scelta
    Articolo pubblicato lunedì 15 luglio 2013 alle 19:56 – Calciomercato, Catania, Chievo.
    calello

    Nord o Sud, domani la scelta. Adrian Calello, calciatore argentino che nell’ultima stagione ha giocato con la maglia del Siena, nelle prossime ore prenderà la sua decisione definitiva: Chievo o Catania per lui. Con la maglia bianconera ha giocato nove partite.
    _______________________________________________________________

    Antenucci-Ternana, i dettagli
    Articolo pubblicato lunedì 15 luglio 2013 alle 17:22 – Calciomercato, Serie B.
    antenucci

    Mirko Antenucci è sempre più vicino alla Ternana. L’attaccante ha raggiunto oggi un accordo col club, adesso la Ternana ha parlato col Catania. Si va verso un prestito con diritto di riscatto obbligatorio in caso di play-off e raggiungimento della Serie A. La trattativa potrebbe chiudersi già oggi.

  190. Ip Address: 37.182.204.87

    Secondo indiscrezioni raccolte in Francia il trasferimento di Luciano Fabian Monzon dal Lione al Catania si concretizzerà a titolo definitivo. L’intesa con la società francese proprietaria del cartellino è stata raggiunta sulla base di circa 3.3 milioni di euro, cifra inferiore rispetto a quanto richiesto inizialmente dal Lione che spingeva per la chiusura dell’accordo a 4 milioni. Il terzino sinistro argentino dovrebbe firmare un contratto di durata quadriennale con bonus annessi.

  191. Ip Address: 79.42.158.93

    Buongiorno raga’!!! :salve: :salve: :salve:
    Qui Napoli e dintorni, cielo azzurro e temperatura calda.

    Oggi arriveranno i Nostri?

    Buona giornata a tutti!!! :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  192. Ip Address: 79.35.45.171

    buongiorno a tutti fratelli dal cuore :catania: ciao giorgio come va sei ancora da solo forza catania in attesa di altre notizie :catania: :sciarpa: :catania: :sciarpa: :salve:

  193. Ip Address: 79.35.45.171

    Maxi Lopez raggiunge il ritiro del Catania (Calcio Web)

    Primo allenamento a Torre del Grifo, stamane, per Maxi Lopez. Dopo essersi fatto attendere tre giorni, l’attaccante argentino ha evitato il deferimento annunciato dal presidente Pulvirenti presentandosi in ritiro nella tarda serata di domenica. Stamane il bomber ha svolto carichi di lavoro individualizzati, test in palestra e i primi giri di corsa a bordo campo. Il futuro di Lopez resta comunque tutto da scrivere. Il giocatore e’ nel mirino di alcuni club esteri e italiani e potrebbe essere ceduto nel corso della preparazione estiva

  194. Ip Address: 79.35.45.171

    SERGIO ALMIRON «Quando ripenso al ko con l’Inter… Ci rifaremo presto» (La Sicilia 15.07.2013)

    “«La riconferma della società mi lusinga Più facile ripartire, non è semplice ripetersi»

    “Basta un quarto d’ora fitto fitto per colmare un anno di attesa. Basta un sorriso, la stretta della mano di Sergio Almiron che stritola quella del cronista: «Dai parliamo». Detto dal centrocampista argentino suona come uno scoop. Perché Almiron, e con il nostro giornale l’aveva fatto in esclusiva nel luglio dell’anno scorso, parla una volta l’anno e poi tace. Segna, vince, conquista applausi e la palma del migliore. Silenzio. E’ un incontro piacevole, perché nella vita di tutti i giorni Sergio è un ragazzo solare, divertente. Ne sa qualcosa Legrottaglie, vittima dei tentativi di burla da parte del centrocampista: «Lo provoco, ma lui resiste. Non ci casca. Cerco di indurlo in… tentazione. Resiste. Si scherza, dai». Dopo che è andato via Ricchiuti chi vi strappa le risatine durante le pause del ritiro? «Izco e Gomez sono ragazzi molto simpatici, stanno sempre al gioco». E lei, Almiron? «Lavoro e se c’è da scherzare, non mi tiro indietro». A proposito di lavoro: Maran ha detto che lei è tornato più felice che mai, in Sicilia. «Sa, le confesso che a 32 anni è fondamentale trovare la fiducia della società. Sentirla come una cosa sincera e dopo una stagione caratterizzata da qualche acciacco di troppo. Ma io sto bene anche mentalmente e voglio ripagare il Catania». Il vantaggio di un gruppo che si conosce a memoria potrebbe portare il Catania lontano. Molto lontano. «Sarà più facile ricominciare, non sarà semplice riconfermare le perle del precedente campionato. Sicuramente l’impegno non mancherà. Vorremmo riprenderci tutto ciò che abbiamo perso per strada». C’è, Almiron, una partita che le è rimasta qui, sullo stomaco? «Ah (risponde d’istinto, ndr), quel Catania-Inter. Ogni tanto ripenso al grande gioco proposto prima della grande stanchezza». Perché il Catania crollò nel finale? «Eravamo stanchi mentalmente, i nerazzurri riemersero in modo efficace. No, non c’era appagamento in campo, sul 2-0»

    Tachtsidis, mancano solo la firme Pure Monzon è ormai vicinissimo (La Sicilia 15.07.2013)

    Cosentino conferma: «Con il greco stiamo discutendo, l’accordo non è lontano»

    “Il Catania resta fermo, per il momento, a Sebastian Leto, Federico Freire e ad Alberto Frison, interventi significativi, peraltro, se si considera che il mercato ha preso il via da appena due settimane e che i trenta giocatori messi a disposizione di Rolando Maran per l’avvio della preparazione bastano a garantire alla squadra adeguatezza di cifra e robustezza di impianto anche nella nuova stagione, la decima dell’era Pulvirenti e l’ottava di fila in Serie A. Direteche bole in pentola? Innazitutto la partenza, ormai sicura, di Francesco Lodi chiamato a confermare le sue doti al Genoa. In contropartita al playmaker di Frattamaggiore sta per arrivare il ventitreenne centrocampista greco Panagiotis Tachtsidis che è il giocatore sul quale un certo Zeman scelse, nella sua pur breve avventura alla guida della Roma, di incardinare il reparto di mezzo della fomazione giallorossa, ancorchè a discapito di un giocatore cosiddetto insostituibile come Daniele De Rossi. A parte ogni possibile valutazione sui risultati dell’esperienza del boemo, nessun dubbio puó sussistere sul valore dell’ex Aek, sulle sue doti sia tecniche sia tattiche nè tanto meno sull’entità dell’apporto che potrà assicurare al centrocampo del Catania, e non soltanto in termini di muscolarità. Di Tachtsidis e dell’attesa del suo imminente arrivo al Torre del Grifo Village, ha parlato ieri, ai microfoni di Sky, il vicepresidente rossazzurro Pablo Cosentino: «Con Tachtsidis stiamo discutendo, il giocatore ci piace, l’accordo é vicino». Poche parole ma utili a capire come il problema che sta rallentando l’ufficializzazione dell’accordo tra Genoa e Catania per lo scambio delle comproprietà di Lodi e del centrocampista greco sia legato a ostacoli (di natura economica?) che non sarebbero, però, insormontabili. Affare concluso, allora? Alla domanda, Cosentino ha dato l’unica risposta che potesse dare un operatore di mercato del suo calibro: «Gli affari possono ritenersi conclusi solo quando ci sono le firme»

    Commenti solo catania tutto il resto e noia :catania: :sciarpa: :catania: :sciarpa: :salve:

  195. Ip Address: 79.42.158.93

    CATANIA, la lettera d’addio di Lodi: “Ho sofferto ad andare via da qui”

    Il centrocampista Francesco Lodi è ad un passo dal Genoa. Manca solo l’annuncio ufficiale. Il giocatore ha voluto mandare un saluto a tutti i tifosi del Catania. Ecco la lettera d’addio inserita su Twitter: “Oggi che divento un giocatore del Genoa non posso non pensare a ieri. Al Catania. A Catania. A quella magia che si respira da quelle parti, a quei sorrisi, a quella familiarità che non sarà facile trovare altrove. Sono cresciuto tanto con voi e grazie a voi. Nessuno può immaginare quello che è Catania per me. Grazie al presidente, ai miei compagni, ai catanesi tutti che mi hanno amato dal primo giorno. E non importa se adesso alcuni la penseranno diversamente. Quella città, quella gente per me sarà sempre speciale, unica. A Catania è cambiata la mia vita. Sono certo che ci rivedremo. Altro che addio. Ieri sera in volo verso Genova ho sofferto, ho pensato, ho rivisto tutto il mio film con il Catania. Grazie di tutto e sempre Forza Catania. Adesso inizia una nuova avventura. E darò il massimo”.

  196. Ip Address: 79.42.158.93

    Salve raga’!!!

    Anche se mi ha deluso come tifoso del Catania, come professionista prendera’ piu’ soldi da noi, lo applaudo.
    Buona fortuna Francesco!!! Aspettati una valanga di fischi da avversario della Nostra amata squadra!!!

    Ma questo Monzon o Roja ma quando cavolo per non dire altro arrivano?

  197. Ip Address: 79.42.158.93

    Copia e incolla da La Sicilia

    Pubblicato: 16/07/2013

    Invia link per e-mail Lodi, saluti via twitter Congedo dal rossazzurro via social ntwork per l’ormai ex regista degli etnei, accasatosi al Genoa: “Nessuno può immaginare quello che è Catania per me. In volo verso Genova ho sofferto. Sono certo che ci rivedremo”

    Francesco Lodi saluta Catania con un tweet. Anzi, più di uno. Attraverso il suo account sul popolare social network, l’ormai ex regista rossazzurro, appena trasferitosi al Genoa, ha voluto congedarsi dalla piazza etnea con una sorta di lettera aperta.

    “Non basterà un twitt – esordisce il centrocampista – ma ci provo. Oggi che divento un giocatore del Genoa non posso non pensare a ieri. Al Catania. A Catania. A quella magia che si respira da quelle parti, a quei sorrisi, a quella familiarità che non sarà facile trovare altrove. Sono cresciuto tanto con voi e grazie a voi. Nessuno può immaginare quello che è Catania per me”.

    “Grazie al presidente, ai miei compagni, ai catanesi tutti che mi hanno amato dal primo giorno. E non importa se adesso alcuni la penseranno diversamente. Quella città, quella gente per me sarà sempre speciale, unica. A Catania è cambiata la mia vita. Sono certo che ci rivedremo. Altro che addio. Ieri sera in volo verso Genova ho sofferto, ho pensato, ho rivisto tutto il mio film con il Catania. Grazie di tutto e sempre Forza Catania. Adesso inizia una nuova avventura. E darò il massimo”.

  198. Ip Address: 217.202.191.61

    Ciao Giorgio, Angelo, Joe e Chiarezza. :salve:

    Saluto indistintamente tutti gli altri che in questi ultimi tempi, per necessità o svogliatezza, non sono presenti nel sito. :salve:

    Rosso come il fuoco, azzurro come il mare, l’amore per il Catania non si può spiegare!

  199. Ip Address: 79.42.158.93

    Ciao Mongibello e Angelo!!! :ciao: :ciao: :ciao:

    Ho ascoltato l’intervista a Lagrottaglie.

    Ha detto che si sono aggiunti Monzon e Gyomber.

    Non lo vedo in allenamento, forse devo vederlo con il “microscopio”!!! 😯 😯 😯

  200. Ip Address: 79.4.15.37

    Ciao Giorgio, Angelo, Mongibello…..

    Monzon, da una settimana che si trova a Catania 😉
    Intanto il Parma ci sta soffiaado Rojo :incavolato: :incavolato: :incavolato:

    ESCLUSIVA TMW – Criscitiello: “Parma, sorpasso al Catania per Marcos Rojo”
    16.07.2013 18.01 di Redazione TMW

    Sorpasso del Parma ai danni del Catania. Marcos Rojo prende la strada del Nord e non quella della Sicilia. A rivelarlo è il nostro Direttore, Michele Criscitiello. L’interesse del Parma, infatti, nei confronti di Marcos Rojo, difensore argentino dello Sporting Lisbona, si è concretizzato nelle ultime ore con un’offerta arrivata alla dirigenza del club lusitano. Lo Sporting, che non ha accettato l’offerta del Catania perchè ritenuta troppo bassa, anche in virtù del fatto che il club biancoverde dietiene solo il 25% della titolarità del cartellino (il restante 75% appartiene ad un fondo privato) valuterà l’interesse dei ducali entro venerdì. Sorpasso Leonardi seriamente intenzionato a definire l’operazione.

  201. Ip Address: 212.195.241.127

    Ciao Joe Criscitiello è cretino e con loro c’è poco da fare, ora è possibile che Rojos vada al Parma ma solo perchè il Catania sceglie o a scelto di già Monzon, ma affermare quello che dice questo cretino con il suo compare Pedullà…………
    lui stesso afferma che lo sporting detiene solo il 25% il resto ad una società privata quindi di chi è la maggioranza? DELLA SOCIETA PRIVATA CRETINO (criscitiello) è di chi è la società privata? “investimento Doyen” CRETINO (criscitiello) e chi è l’amministratore ? e chi è l’amministratore? CRETINO( criscitiello) Nelio Lucase dove era Nelio Lucas questo week end CRETINO ( criscitiello) a monnu na piscina co to PRESINENTI- CRETINU DUPPIU

  202. Ip Address: 79.4.15.37

    Chiarezza vai nell’altra pagina :sciarpa: :sciarpa:

Spiacenti, i commenti sono chiusi.

su
giu