Fuga per la vittoria

 Scritto da il 27 agosto 2016 alle 22:01
Ago 272016
 

catania-juve-stabia

Oggi vorrei esordire partendo dalla fine, da quel pallone che Di Cecco ha avuto il merito di recuperare lanciandosi palla al piede negli ultimi minuti di recupero verso la porta avversaria dribblando anche il pur bravo Russo e depositando il pallone nella porta sguarnita a fil di palo. Un gol degno del più consumato dei centravanti e quasi un miraggio se pensiamo al roccioso centrocampista tutto cuore ma certamente non dai piedi sopraffini.

Quella fuga accompagnata da un Massimino che non ha smesso nemmeno per un attimo di incoraggiare i suoi beniamini è stata l’epilogo di una vittoria cercata, voluta ed ottenuta con la forza di un gruppo che comincia a carburare sebbene sia stato sotto  pressione per gran parte dell’incontro evidenziando ancora insicurezze difensive e qualche lacuna a centrocampo, settore nel quale gli ospiti sono apparsi più organizzati e rodati rispetto ai rossazzurri. Non che manchino le qualità’: uomini del calibro di Biagianti  e Scoppa possiedono esperienza  e tecnica ed il giovane Da Silva due polmoni da maratoneta e la tenacia di un lottatore ma ancora devono trovare il corretto fraseggio e assicurare una gestione della palla più efficace.

Le vespe, di contro, sanno pungere. Così come in coppa davanti al Novara, squadra di B, sono partiti spavaldi ed aggressivi come dichiarato in conferenza stampa dal loro coach  mettendo in difficoltà’ la retroguardia catanese in più di una occasione e apparsa, specialmente nell’azione del gol molto distratta con Nava e Gil ad ostacolarsi e con Pisseri impacciato  tra loro due. Lesto Lisi ad approfittare del regalo per il più facile dei gol al minuto diciannovesimo del primo tempo. Sotto di un gol ma con il pubblico che non smetteva di sostenere  i calciatori etnei, il Catania ferito ripartiva colmando le difficoltà a centrocampo con lanci lunghi ad imbeccare gli esterni Russotto e Calil che si affacciavano pericolosamente in area avversaria con dei traversoni sui quali Paolucci veniva anticipato sistematicamente.

Passato al 4-2-3-1 come contro gli agrigentini, la squadra etnea costruiva in fotocopia l’azione del primo gol contro di loro, questa volta a fare il lancio il terzino Nava quasi a volersi far perdonare del precedente errore sottoporta che Calil raccoglieva tirando di sinistro da quella stessa mattonella trovando il medesimo angolo di porta alle spalle del numero uno avversario.

Il meritato pareggio riusciva a galvanizzare i nostri, sempre sostenuti da un pubblico presente in almeno 8.000 unità e il doppio fischio dell’arbitro consentiva alle due squadre di recarsi negli spogliatoi per ricaricare le batterie oggi messe a dura prova dal caldo pomeridiano.

La ripresa iniziava con gli organici del primo tempo ed il Catania cominciava a premere sull’acceleratore mentre gli stabiesi  perdevano in brillantezza come se il pareggio, più della fatica, avesse minato nel corpo e nello spirito quel gruppo coeso e quel centrocampo che nella prima parte della gara girava a meraviglia con il giovane Mastalli, figlio di quel giocatore da noi tanto amato negli anni 80, e con Marotta e Zimbert a costruire il gioco per i pericolosi Del Sante , a rete in quel di Novara e Lisi. Al minuto 51 un’incursione sulla fascia destra di Russotto, ben servito da Silva, portava un difensore ad anticipare Paolucci accompagnando il pallone verso la propria porta ma il portiere Russo compiva un miracolo mandando il pallone sui piedi di Calil che ringraziando tirava a rete a colpo sicuro trovando le gambe di un difensore che ribatteva verso Paolucci bravissimo a  evitare  il muro sottorete opposto dagli stabiesi  tirando forte e preciso sotto la traversa per un gol che consentiva al Catania di portarsi in vantaggio.

Con il pubblico in delirio la squadra etnea si ricompattava mentre lo Stabia si preparava all’assalto finale procedendo ad immettere sul terreno di gioco forze fresche con l’esterno Sandomenico per Lisi , Ripa per Mastalli e Rosafio per Marotta ridisegnandosi così con un 4-2-3-1 a specchio. Anche mister Rigoli sostituiva Paolucci per Fornito e  Biagianti con Piscitella allo scopo di frenare le incursioni degli  esterni avversari che cercavano di prevenire al pareggio. A due minuti dal triplice fischio finale Russotto recuperata palla al limite dell’area fuggiva in contropiede ma veniva sgambettato e Salvi per proteste si  faceva espellere lasciando in dieci uomini i suoi.

Lunghi e interminabili i cinque minuti di recupero ma utili per ammirare il terzo gol siglato da Di Cecco entrato nel match da appena sei minuti ma sufficienti a consentirgli di gioire per una perla che ha il merito di consegnare la vittoria in un vassoio d’argento alla squadra di casa.

Il 3-1 consente al Catania sia di rosicchiare tre punti di penalizzazione che di dimostrare carattere e spirito di gruppo ai suoi fedeli testimoni e di recarsi ad Andria con la mentalità degna di una delle squadre di vertice di questo girone.

  30 Commenti per “Fuga per la vittoria”

  1. Ip Address: 2a01:cb19:074f:d200:806c:9b8d:8d97:0806

    Penso che quest’anno finalmente ci divertiremo.La grinta dei giocatori mi é piaciuta tantissimo.Una nota speciale per il brasiliano Silva.Grazie LO Monaco.

  2. Ip Address: 5.168.172.88

    Lega Pro, Parma e Modena non si fanno male. Vince il Catania
    27.08.2016 22.40 di Alessandra Stefanelli
    Lega Pro, Parma e Modena non si fanno male. Vince il Catania È partita oggi anche la Lega Pro con i primi due anticipi in calendario. Nel girone B il Parma non è andato oltre il pareggio contro il Modena, uno 0-0 che rispecchia quanto visto in campo. Gara comunque godibile tra due formazioni candidate a far bene in questo campionato. nel girone C il Catania regola 3-1 la Juve Stabia, cominciando a risalire la china e dimezzando la penalizzazione. Gli etnei sono ora a -3 in classifica dal -6 di partenza. In gol Calil, Paolucci e Di Cecco, di Lisi la rete della bandiera per gli ospiti.

  3. Ip Address: 87.10.21.175

    Abbiamo battuto (con un pizzico di fortuna) un’ottima squadra ed è la cosa più importante. Però il centrocampo non costruisce ancora con la dovuta continuità, soprattutto la difesa (i due centrali) non offrono le dovute garanzie (spero che la prossima partita giochi Bergamelli), Pisseri in questa partita mi è apparso stranamente incerto. Da Silva continua ad impressionare positivamente. Siamo una buona squadra e dobbiamo continuare a lavorare con il massimo impegno.Un abbraccio e buona nottata a tutti

  4. Ip Address: 5.169.148.159

    Credo che la nostra squadra sia un diesel e verrà fuori alla distanza. Abbiamo da registrare il centrocampo e la difesa che si fa saltare facilmente sia a destra con Nava che al centro con Drausio sicuramente da rivedere ma con Bergamelli dovrebbe andare meglio. Bravo il brasiliano Da Silva che credo crescerà ancora partita dopo partita, Calil che ha ritrovato lo smalto dei tempi migliori e Russotto che ieri solo i continui falli potevano fermare.

  5. Ip Address: 151.82.189.59

    La partita giocata dal Catania ,diciamo, che è stata buona , Ha impressionato l. ‘Attacco dove Calil ha mostrato una discreta forma ( ottimo il suo pallonetto in rete ) Però non bisogna entusiasmarsi troppo! In difesa ci sono vistose sbavature ed il portiere ha eseguito delle uscite un po’ avventate! Due,tre volte gli attaccanti stabiesi si sino trovati completamene smarcati A questo bisogna mettere riparo ,Rigoli! Voglio fare il pompiere ! Una rondine non fa primavera! Niente proclami! Attendiamo e ima prova severa l ‘ avremo presto ,ad Andria ,dove ci amano “” molto” !! Forse questa vittoria darà un nuovo impulso per far aumentare gli abbonati. Vediamo se possiamo toccare quota 5.000,

  6. Ip Address: 2001:0b07:02ee:12bd:6c6d:6780:e0aa:9271

    Ottima prova del Catania contro una delle più forti squadre del nostro girone,la difesa è l’anello più debole di questa squadra,non si devono prendere gol in quel modo,ma ci può stare siamo appena alla prima di campionato e molti giocatori miglioreranno,per adesso sono soddisfatto di Calil un giocatore che avrei ceduto visto le disastrose prestazioni del girone di ritorno della passata stagione,Russotto si è riconfermato,dei nuovi Silva e Scoppa,mi sono piaciuti e possono e devono migliorare,speriamo adesso nel ricorso e ci venga tolta la penalizzazione a questa squadra non hanno mai perdonato nulla speriamo bene

  7. Ip Address: 95.245.2.101

    Questa vittoria ci voleva per partire bene,per il morale e per il -6.Squadra con il freno ma è la prima e poi psicologicamente erano carichi si ma il dover vincere la prima in casa ti mette ansia,in’oltre la Juve Stabia non è brutta come compaggine.Si vede la mano della nuova gestione devono oleare i meccanismi fra difesa e centrocampo meglio che Bergamelli resti abbiamo una buona rosa di cambi,grazie Lo Monaco.Saluti a tutti quanti e sempre Forza Catania46.
    Non bisogna esaltarsi per una vittoria ma ci voleva spero che si arrivi a 5.000 abbonati,e con le vittorie se va bene i tifosi ritorneranno a massa al Massimino.Bravo questo Silva.il pubblico a ricominciato a tifare a incoraggiare i ragazzi e crescerà ciao a tutti

  8. Ip Address: 87.20.70.104

    Buongiorno a tutti
    Come prima uscita è stata ottima contro una squadra ostica.
    Non cerchiamo il pelo nell’uovo,ancora il meccanismo sì deve oliare e si deve trovare l’intesa con i vari compagni.
    C è un abisso rispetto a l’anno scorso….
    Almeno adesso abbiamo una SQUADRA

  9. Ip Address: 5.168.172.88

    Buongiorno a tutti e buona domenica, condivido il tuo post Joe

  10. Ip Address: 2001:0b07:02ee:12bd:6c6d:6780:e0aa:9271

    😕 non ho capito se partiamo da -6 o -7

  11. Ip Address: 79.4.15.37

    Grazie Mexxican.

    per adesso siamo a -6 inflitto dalla FIFA per il caso Castro
    puoi ci sarà un -1 dalla Lega per ritardato stipendi.

  12. Ip Address: 79.43.14.158

    Gaetano siamo partiti da -6,ancora la lega deve dare un punto-1 per ritardo pagamento vecchia gestione e saremo a -7.avere vinto ci ha portati a -3 ma come dicevo prima arriverà un ulteriore penalizzazione di un punto.-4 ciao

  13. Ip Address: 2001:0b07:02ee:12bd:6c6d:6780:e0aa:9271

    😛 Grazie a tutti,speriamo allora nel ricorso per il caso Castro

  14. Ip Address: 79.33.165.171

    Ciao Armando, buona domenica a tutti e sempre Fozza Catania. Abboniamoci……..

  15. Ip Address: 151.57.45.4

    Rispondo al tuo saluto Filippo, condividiamo sempre gli stessi concetti sul Catania e sul suo gioco! Forse melo spiego per gli anni che abbiamo ( diversi di più io! ) e per aver vissuto molta più storia del Catania di altri e per questo motivo ,probabilmente,spesso siamo più critici e legatissimi ai nostri colori!

  16. Ip Address: 178.39.222.16

    Buona Domenica

    La prima partita fa ben spersre. Ma come scrive Armando. Siamo cauti.

    I nuovi sembrano bravi. Un po meno Drauso. Ma Russotto veramente bravo. Voglio vedere DiGrazia mi intriga.

    Sembra che Rigoli ne capisce di calcio….

    Vedremo in seguito cosa farà la squadra.

    FORZA CATANIA

  17. Ip Address: 2a01:cb19:074f:d200:5029:7824:0518:26d9

    Il Catania calcio e tutta la tifoseria hanno avuto un brutto incidente e solo adesso si sono risvegliati dal coma……Riinizia una nuova vitaaaaa!!!!…..quale incidente?….beh abbiamo sbattuto contro un Cosentino! 😛

  18. Ip Address: 87.20.70.104

    Cosentino non c è :mrgreen: :mrgreen:
    Adesso c è ZU PETRU a calci nel sedere a chi non fa il suo dovere.

  19. Ip Address: 2a01:cb19:074f:d200:5029:7824:0518:26d9

    Zu Petru quale? zu petru del Tibet quello di baviera o quello di Montecarlo 😆

  20. Ip Address: 2a01:cb19:074f:d200:5029:7824:0518:26d9

    Comunque é vero …grazie a lui la squadra ha una grinta ritrovata…………..direte che saro’ matto ….lo so non c’entra niente…..ma Da Silva ieri mi faceva venire in mente Pogba !!

  21. Ip Address: 5.168.172.88

    Da Silva come Scoppa con Biagiandi abbiamo un cetrocampo di lusso per la lega pro

  22. Ip Address: 178.39.222.16

    Adessp speriamo che la difess ingrana e siamo a cavallo:-)

  23. Ip Address: 5.168.172.88

    Spirammu

  24. Ip Address: 93.44.84.128

    Pepe e stato mandato via del Chievo ..lui dice senza motivo..invece di fargli causa perché non va a fare il segnalinee visto che l’ha già fatto annullando il gol di bergessio….

  25. Ip Address: 79.47.201.219

    Non so come andrà a finire per noi questo campionato (mi auguro, come tutti, nel migliore dei modi). Comunque vada non mi stancherò di ringraziare Pietro Lo Monaco. Il solito abbraccio e buona nottata a tutti

  26. Ip Address: 5.168.172.88

    Buongiorno a tutti e buon inizio di settimana

  27. Ip Address: 5.168.172.88

    CATANIA, il Massimino torna a sorridere
    29.08.2016 08.16 di Alessia Lo Monaco
    Il Catania vince e convince i circa 8 mila spettatori presenti al “Massimino” per la prima uscita di campionato della stagione. Non sono mancati infatti cori di incitamento e supporto durante tutti i 90 minuti da parte non solo delle curve, ma di tutto lo stadio che subito dopo il gol di Lisi per le Vespe e un’ iniziale silenzio, ha risposto prontamente continuando a motivare e spingere la squadra alla ricerca del pari, arrivato con una perla firmata da Calil al 37’. “Noi vogliamo questa vittoria”, ripeteva la Nord dopo l’1-1, e così è stato. Paolucci prima e Di Cecco dopo hanno fatto esplodere di gioia il “Massimino” e tutti i supporters armati di cronometro per il conto alla rovescia negli ultimi minuti di recupero.

    Al fischio finale si respirava un clima sereno per il primo successo raggiunto e di fiducia nei confronti di un gruppo mostratosi volenteroso e dedito al lavoro. E il “Vi vogliamo così” finale è la piena dimostrazione che tutti il pubblico ha apprezzato il sudore, la voglia e la mentalità mostrata in campo da parte di tutta la squadra. Ma quella di ieri è stata soltanto la prima di una lunga serie. Il traguardo è ancora troppo lontano e quel che è certo è che i ragazzi di Rigoli dovranno conquistarsi, giornata dopo giornata, l’affetto e la vicinanza del pubblico, quest’ultimo vera componente d’oro.

    Sicuramente però il biglietto da visita è più che positivo e questo rincuora non poco i tifosi rossazzurri che vedono ampi margini di miglioramento all’orizzonte. Da evitare però sarà ripetere il copione della passata stagione che, con la partenza sprint, aveva illuso molti e non poco con una salvezza in extremis in uno stadio quasi vuoto. Si riempie, gioisce e sorride il “Massimino” perché chi ben comincia…

  28. Ip Address: 5.168.172.88

    CATANIA -Come di consueto proponiamo a tutti i lettori rossazzurri la rassegna stampa con le notizie più importanti presenti oggi nelle edicole nazionali e non. Gli articoli riportati sono stralci degli originali, non volti a sostituirsi a questi, pertanto invitiamo ad approfondire i contenuti presenti acquistando i giornali in rassegna.

    Samb: Ferrario (La Gazzetta dello Sport)

    “Sempre in Emilia la Reggiana cerca un ultimo colpo tra Jadid (Entella) e Schiavon (Spal). Di Ceglie (Ancona) verso l’AlbinoLeffe, che aspetta sempre Falcone (Catania). Il Mantova tratta Cenaj (Salernitana). Maritato (Vicenza) va al Lumezzane. La Pro Piacenza ha chiesto Petrilli al Padova. Il Santarcangelo vuole Merini (Pistoiese). C’è l’accordo tra la Sambenedettese e il difensore Ferrario (Catania).

    Ferrario alla Samb, Russo a Reggio. Acquisti: Tortolano o Torregrossa? (La Sicilia)

    «Per un paio di giorni, Pietro Lo Monaco sarà lontano da Catania.Il mercato chiude i battenti e il Catania deve concludere una serie di affari in uscita per definire l’organico e togliere dal bilancio i contratti che non servono

    «Solo di fronte a una cessione arriverebbe un rinforzo in attacco. I dirigenti hanno chiuso il mercato ma nelle ultime ore tutto può accadere […] Su Tortolano entro domani potrebbero sorgere novità da parte di Reggina e Vibonese, club che hanno bisogno di calciatori di categorie per risollevarsi dopo l’esordio in campionato piuttosto complicato.

  29. Ip Address: 82.61.76.186

    Buongiorno ragazzi. Ho visionato alcuni spezzoni delle partite delle nostre avversarie e devo dire che per come stanno giocando i nostri, daremo un campionato di rilievo. Il Cosenza ha fatto 3 gol al Catanzaro tutti e tre di testa con il portiere e la difesa a farfalle. Il Lecce non mi sembra la corazzata dello scorso anno. Il fondi batte una Reggina in cantiere e il Taranto più che nella squadra la sua forza la ripone nei tifosi affamati di calcio che ieri lo hanno trascinato in 9.000 sugli spalti. Il Messina dispone di un buon centravanti (pozzebon ) e non ha faticato molto contro il Siracusa. Bugiardo il risultato a Melfi con la Casertana che ha cercato in tutti i modi di vincere la partita arenandosi sui guantoni del loro ex Gragnaniello e poi beffata nel finale. Peccato per la nostra penalizzazione senza la quale cominciavamo a vedere molti altri dall’alto e invece dobbiamo vedere tutti sollevando la testa. Grazie proprieta’ di averci fatto iniziare ancora così .

  30. Ip Address: 5.168.172.88

    Catania, raggiunta la quota di 4.264 abbonamenti. C’è tempo fino al 10 settembre
    La vittoria contro la Juve Stabia fa crescere le tessere staccate ai botteghini.
    di Redazione ITASportPress, 29 agosto 2016, 19:42
    190

    Il Catania vince e gli abbonamenti crescono. Come informa la società con una nota apparsa sul sito ufficiale, i rossazzurri sono a 4.264 (oggi 171) tessere staccate (un dato, comunque, ancora in ribasso rispetto a quello dello scorso anno, quando furono 5.535). Rispetto a quanto detto da Lo Monaco in conferenza stampa, la campagna abbonamenti non terminerà venerdì 9 settembre, ma sabato 10, il giorno prima della sfida contro il Fondi, la seconda gara casalinga dei rossazzurri.

Spiacenti, i commenti sono chiusi.

su
giu