GALLIPOLI – CATANIA 1 – 6 ANCHE BARRIENTOS IN GOL…

 Scritto da il 14 marzo 2010 alle 19:54
Mar 142010
 


Un weekend indimenticabile in casa Catania, iniziato venerdì sera con la stratosferica vittoria della prima squadra contro l’Inter e coronato dalla favolosa vittoria esterna dei ragazzi allenati da mister Amura, capaci di imporsi a Gallipoli con un tennistico di 1-6. Allo stadio ‘Bianco’ di Gallipoli va di scena la settima giornata di ritorno del Campionato Primavera, il team pugliese di mister De Pasquale si trova in fondo alla graduatoria con soli 5 punti, frutto di una sola vittoria e due pareggi. Di fronte un Catania imbattuto da 7 giornate, una sola sconfitta nelle ultime 13 partite, numeri quasi da capolista che rispecchiano l’andamento sensazionale del Giovane Elefante negli ultimi mesi. Gli etnei devono fronteggiare l’assenza per squalifica del capitano Maccarone, al suo posto Valerio Puma ha l’opportunità di mettersi in mostra, per il resto solito 4-3-3 con Barrientos ancora in campo dall’inizio e Comegna preferito a Guerriera. Davanti, il tridente “Do-Ma-Ni” è al completo per rimpinguare il bottino realizzativo, la partita sulla carta fa proprio al caso loro e stuzzica l’appetito dei giovani attaccanti catanesi. L’inizio è subito di marca ospite, i rossazzurri iniziano a spingere sull’acceleratore con grande decisione, Urso e Ingemi con le loro sovrapposizioni creano non pochi problemi ai “galli” che non riescono a venirne fuori, subendo il gol dello svantaggio al 17’: Nicastro approfitta della timida copertura della difesa di casa e insacca facile l’1-0. Il Catania è incontenibile, Donnarumma non ha argini ed al minuto 35 trova il gol del 2-0, che mette una seria ipoteca sui tre punti finali. La prima frazione di gioco si chiude così, Strumbo e Puma al centro della difesa non concedono nulla, sontuosa la prestazione del centrale calabrese, sempre più leader del reparto. Barrientos si dimostra in fase di netta crescita, il passo e la facilità di corsa aumentano di partita in partita, facendo ben sperare i tifosi rossazzurri in vista del rientro in prima squadra. Al 9’ della ripresa mister Amura inserisce Toppan per Ingemi, un cambio che lascia immutato l’assetto tattico della squadra. Malafronte e Nicastro continuano a tenere in apprensione il Gallipoli, Donnarumma continua a folleggiare, servendo su un piatto d’argento un assist meraviglioso al “Pitu” Barrientos che non può fare altro che spingere il pallone per chiudere in anticipo il discorso: 0-3. Ritorno al gol importantissimo per l’argentino, la categoria non conta, la gioia di segnare è sempre la stessa ed è il miglior viatico per una rinascita che sa di… Primavera. Il Gallipoli è in balia dei rossazzurri, nuovamente in gol al minuto 68 con Nicastro, che di testa corregge in rete un calcio d’angolo di Barrientos. A metà ripresa il mister decide di dare spazio a chi ha giocato meno finora inserendo Grasso e Trovato proprio per Nicastro e Malafronte, un doppio cambio che permette ai due attaccanti di rifiatare in vista del prossimo impegno casalingo contro il Crotone. Gli ultimi venti minuti di gara regalano ancora emozioni, il Gallipoli trova il gol della bandiera con il numero 9 Tarantino, che su punizione trafigge Cirnigliaro al 78’. Neanche il tempo di mettere la palla al centro e Donnarumma segna ancora, tramutando in rete un preciso traversone basso di Toppan dalla sinistra. Passano 3 minuti e il fantasioso numero 10 campano chiude il tabellino con la sua tripletta personale, che lo lancia a quota 12, primo posto nella speciale classifica dei cannonieri rossazzurri: 1-6, il punteggio finale è tennistico. Il Catania conserva il terzo posto a quota 39 punti. Soddisfatto e sereno mister Amura, che si mostra contento della vittoria e fa i complimenti ai suoi ragazzi, bravi a non sottovalutare gli avversari e nell’applicare in campo le direttive impartite durante la settimana di lavoro. Raggiante Gerardo Strumbo, anche oggi tra i migliori in campo, che sintetizza cosi : ‘Siamo entrati in campo con il piede giusto, non abbiamo sottovalutato gli avversari e questo è stato determinante. Li abbiamo subito aggrediti facendogli capire il tipo di gara che volevamo impostare. Adesso pensiamo alla partita contro il Crotone di sabato prossimo, per me abbastanza particolare visto che affronto i miei conterranei, sono l’unico calabrese nel Catania e non vedo l’ora di scendere in campo ’. Piegare i rossazzurri sta diventando un’impresa per tutti, il margine di +4 sulla sesta è adesso considerevole ma l’aritmetica ancora lontana: la qualificazione agli ottavi, però, è sempre più vicina. Signore e signori, che weekend da leoni.


 

TABELLINO
GALLIPOLI  – CATANIA   1-6
Marcatori : pt 17’ Nicastro, pt 35’ Donnarumma, st 9’ Barrientos, st 23’ Nicastro, st 33’ Tarantino (GA), st 34’ Donnarumma, st 37’ Donnarumma

GALLIPOLI : Palese, Nico, Mastria, Taurino, Musardo, Selvaggio, Martalò, Trianni (st 16’ Buccarella), Tarantino, Leggiero (st 27’ Romano), Gravallotti (st 1’ Martina).
A DISP : Reho, Aventaggiato, Apollonio, Malorgio.
ALL : De Pasquale.

CATANIA : Cirnigliaro, Urso, Ingemi (st 9’ Toppan), Cuomo, Puma, Strumbo, Barrientos, Comegna, Malafronte (st 20′ Grasso), Donnarumma, Nicastro (st 27’ Trovato).
A DISP : Pandolfo, Rapisarda, Adamo, Barbieri.
ALL : Amura.

ARBITRO : Sig. Abbatista della sezione di Molfetta
ASSISTENTI : Sig. Delle Foglie e Sig. Volpe delle sezioni di Bari e Venosa

(calciocatania.it)

Spiacenti, i commenti sono chiusi.

su
giu