Gomez saluta i compagni

 Scritto da il 1 agosto 2013 alle 23:56
Ago 012013
 

PAPU-GOMEZ

Come fa sapere Gianluca Di Marzio iL Papu Gomez andrà al Metalist. E’ tutto fatto, l’argentino ha accettato la nuova destinazione e oggi ha salutato, tra le lacrime, i suoi compagni del Catania. Operazione già chiusa e definita, nelle prossime ore l’argentino partirà per l’Ucraina per sottoporsi alle visite mediche e firmare il suo nuovo contratto.
Il Catania incasserà circa 7 milioni di euro mentre Gomez firmerà un quadriennale da 2 milioni.

  154 Commenti per “Gomez saluta i compagni”

  1. Ip Address: 109.113.70.212

    Auguri Papu, Catania ti ricorderà sempre sei stato grande….
    In bocca al lupo :salve: :salve:

  2. Ip Address: 80.181.168.232

    Buongiorno raga’!!! :salve: :salve: :salve:
    Ciao joe!!! :ciao: :ciao: :ciao:

    Qui Napoli e dintorni, cielo azzurro e temperatura fresca.

    Che dire del Papu Gomez, l’abbiamo venduto a 7 mln di euro (sembra) ma se che ci saranno dei bonus a favore del Catania gli euro d’incasso per la vendita saranno di piu’.

    Auguri a Gomez per una nuova carriera e certamente noi tifosi non ti dimenticheremo!!! :piangere: :piangere: :piangere:

    Buona giornata a tutti!!! :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  3. Ip Address: 80.181.168.232

    Salve raga’!!! :salve: :salve: :salve:

    Leggetevi queste notizie!!! 😯 😯 😯

    ARGENTINA – L’iscrizione nel “Libro de pases” è una regola dell’AFA (federazione argentina) che permette ai club di proseguire le contrattazioni dei giocatori iscritti in questo particolare libro anche dopo la chiusura delle contrattazioni “libere”. In questo libro figura il nome di un giocatore del Catania, Cristian Llama, iscritto dall’Atletico Rafaela. E’ quanto riportato dal sito “PlayFutbol”. Il club argentino insiste nel tentativo di riportare l’esterno in Argentina nonostante lo stesso abbia chiarito di non saper “nulla di nulla” di questa ipotetica trattativa.

    01-08-13 | ENTREVISTA EXCLUSIVA PLAYFUTBOL
    ‘Maxi’ López, desconcertado: “No sé nada de River, nadie me llamó”

    River: Sorprendió al intentar anotar a Maximiliano López, el actual futbolista del Catania de Italia, quien tuvo un pasado como jugador hace poco menos de diez años. Pero no conseguieron el consentimiento del delantero del Catania y por eso, ni siquiera iniciaron el trámite.

  4. Ip Address: 79.49.47.161

    buongiorno a tutti fratelli dal cuore :catania: ciao joe giorgio e tuttu u restu da cumacca auguroni a gomez sei stato una pedina importante per la squadra Stampa: Papu, saluti e titoli di coda
    Tra il Catania e Gomez c’è la distanza che separa la Sicilia dall’Ucraina. Il “Papu” a breve, firmerà per il Metalist un contratto d’oro. Nell’odierna rassegna stampa, il riepilogo della trattative e delle prodezze dell’argentino in rossazzurro. Va via dall’Italia un giovane talento. :salve: :salve: :ciao: :ciao:

  5. Ip Address: 79.49.47.161

    CATANIA – Come di consueto proponiamo a tutti i lettori rossazzurri la rassegna stampa con le notizie più importanti presenti oggi nelle edicole nazionali e non. Gli articoli riportati sono stralci degli originali, non volti a sostituirsi a questi, pertanto invitiamo ad approfondire i contenuti presenti acquistando i giornali in rassegna.

    atania-Gomez ai titoli di coda (calcionews24)

    “Siamo ai saluti finali tra Catania e Alejandro “El Papu” Gomez. L’esterno d’attacco argentino ha scelto il Metalist come sua prossima destinazione e oggi ha salutato tra le lacrime tutti i suoi ormai ex compagni. Secondo quanto riportato dal noto esperto di mercato Sky, Gianluca Di Marzio nelle prossime ore El Papu partirà alla volta dell’Ucraina dove svolgerà le visite mediche di rito con il Metalist e subito dopo firmerà il nuovo contratto con il suo nuovo club. L’operazione tra i due club è già stata definita da tempo sulla base di 7 milioni più bonus. Un altro talento saluta l’Italia.

    Gomez saluta Catania: è fatta con il Metalist (TMW)

    “Alejandro Gomez è praticamente un nuovo giocatore del Metalist. Come fa sapere Gianluca Di Marzio, El Papu ha deciso di accettare la destinazione ucraina e oggi ha salutato tra le lacrime tutti i suoi ormai ex compagni. L’operazione tra i due club è ormai stata definita. Nelle prossime ore l’argentino partirà alla volta dell’Ucraina, si sottoporrà alle visite mediche e poi firmerà il contratto che lo legherà al suo nuovo club.

    Catania, Gomez saluta i compagni (La Gazzetta dello Sport)

    Sembra a una svolta decisiva il futuro di Alejandro “Papu” Gomez. Oggi, dopo aver pranzato con i compagni, l’attaccante del Catania ha salutato i suoi compagni e i dirigenti rossazzurri, lasciando l’impianto di Torre del Grifo. Potrebbe partire in serata, al massimo domani, per raggiungere i suoi nuovi compagni del Metalist. Ieri, Gomez, aveva assistito alla partita amichevole tra Catania e Akragas in borghese, seduto accanto ai dirigenti etnei.

    Mercato Catania, Gomez in volo verso l’Ucraina (Calciomercato.it)

    L’argentino effettuera’ nelle prossime ore le visite mediche per il Metalist

    “Manca ancora l’ufficialità ma Gomez – come ampiamente detto nei giorni scorsi – sarà presto un nuovo giocatore del Metalist. Il Catania e il club ucraino hanno, infatti, trovato l’accordo su tutto. Il calciatore argentino – come riporta ‘Sky Sport’ – ha già salutato i suoi compagni tra le lacrime e nelle prossime ore svolgerà le visite mediche per la sua nuova squadra.

    GOMEZ AL METALIST (La Sicilia 01.08.2013)

    “L’annuncio non é ancora arrivato ma ieri il presidente Pulvirenti ha confermato che nel giro di quarantotto ore, a meno di sorprese che, nel calcio, sono sempre possibili, Gomez sarà un giocatore del Metalist. Niente condizionale, una volta tanto, anche se il massimo dirigente rossazzurro ha tenuto a precisare che la trattativa non è ancora conclusa. «Stiamo lavorando per concretarla, ci sono ancora alcuni dettagli da definire». Dunque, come anticipato, Gomez sarà un giocatore del Metalist e nelle file della formazione ucraina, che è impegnata nei preliminari di Champions League e che, appena due giorni addietro, ha vinto la gara d’andata della sfida con il Paok di Salonicco, avrà la possibilità di guadagnare quella ribalta internazionale che ha sempre desiderato e che indubbiamente merita. Il passaggio di Gomez al Metalist gela le speranze del Genoa che aveva provato ad inserirsi nella trattativa, un tentativo che Pulvirenti non ha avuto alcuna difficoltà a definire debole e che, comunque, è stato tardivo.

    Commenti solo catania tutto il resto e noia :catania: :catania: :sciarpa: :sciarpa: :salve: :ciao:

  6. Ip Address: 79.4.15.37

    Buongiorno a tutti…
    Ciao Giorgio, Angelo che tristezza senza il Papu 🙁 🙁 🙁

    UFFICIALE – IL METALIST ACCOGLIE IL “PAPU” CHE LASCIA UN GRANDE VUOTO NEL CUORE DEI TIFOSI DEL CATANIA
    Firmato un contratto quadriennale come anticipato da Itasportpress.it
    02.08.2013 09:49 di Marco Carmanello Twitter: @marcocarmanello

    Si aspettava solo l’ufficialità, che puntualmente è arrivata: Alejandro Darío Gómez saluta Catania e si accasa col Metalist, club ucraino. Un lungo viaggio quello che attende l’argentino, che giocherà in un campionato meno attraente del nostro, dove metterà in mostra tutta la sua classe pura probabilmente in Champions League. Queste le sue prime parole raccolte da Itasportpress.it, dopo aver indossato la maglia del Metalist: “Grazie ai miei agenti e ai dirigenti del Metalist Kharkiv. Quando ho ricevuto l’offerta, ho consultato la mia famiglia e ho deciso di trasferirmi in Ucraina. Ho avuto offerte da Inter, Fiorentina e Atl. Madrid, ma il Metalist era il più persistente ed ha ottenuto il mio sì ed eccomi qui. Ho un grande desiderio di iniziare l’allenamento con la squadra e incontrare il tecnico. La Champions League? Sarà molto bello giocarci”.

    Gomez è uno che di classe ne ha da vendere. Il nativo di Buenos Aires nelle ultime tre stagioni ha deliziato la platea del “Massimino”, facendo ammattire le difese delle squadre di Serie A, creando sempre scompiglio ogni qual volta che prendeva il pallone da sinistra, la sua posizione preferita. Scorribande, cross, dribbling e gol (16 in 106 presenze con il Catania in campionato, di cui 8 solo nella scorsa stagione, 18 se contiamo anche le due marcature in Coppa Italia).

    Il Papu ha sostituito alla grande l’ex capitano Beppe Mascara, che era passato al Napoli nel gennaio del 2011. Gomez con l’ultimo gol al Pescara, ha salutato nel migliore dei modi un popolo che lo ha amato, specialmente dopo aver realizzato reti importanti, come la prima con la maglia degli etnei al Napoli nell’ottobre del 2010, o come quella all’ultimo minuto contro la Roma, che regalò la vittoria al Catania e il record di punti in Serie A (46).

    Gomez al Metalist troverà un’altra colonia argentina, sarà il settimo giocatore di nazionalità albiceleste, e si aggiungerà alla già lunga lista dei sudamericani, che con i brasiliani in rosa toccherà quota tredici. Pulvirenti, dal canto suo, lo ha già da tempo sostituito con Leto, attaccante anch’esso argentino di grande spessore internazionale, viste le esperienze al Liverpool prima e al Panathinaikos poi. Un segno di continuità per il Calcio Catania, che con questi tipi colpi in entrata dà garanzia di risultati ai propri tifosi.

    Tifosi che, dopo Marchese e Lodi, non vedranno più nemmeno Gomez calcare il prato dell’ex Cibali. In bocca al lupo “Papu”, farai ammattire tutte le difese ucraine. Ne siamo certi.

  7. Ip Address: 79.49.47.161

    Maran esalta Leto: “E’ la nostra chiave tattica” (Repubblica)

    “Il tecnico fa un bilancio della prima fase del ritiro (“Ho visto miglioramenti, ma bisogna arrivare con una gamba più fresca a inizio campionato”) e parla dell’argentino come dell’uomo di svolta: “Con le sue caratteristiche ci aiuterà a cambiar pelle a gara in corso”

    “E’ già il Catania di Sebastian Leto. Nelle prime amichevoli stagionali l’ex Panathinaikos ha rubato la scena: corsa, dribbling, e soprattutto senso del gol. L’addio a Papu Gomez desta meno rimpianti, l’ennesimo argentino giunto alla corte di Maran ha un repertorio di colpi da potenziale protagonista del prossimo campionato. “Sicuramente ha mostrato grandi attitudini nel tirare in porta – dice di Leto Rolando Maran – in questo momento preferisce decentrarsi e fare l’attaccante puro. Con le sue caratteristiche ci aiuterà a cambiar pelle a gara in corso”. Alla vigilia della partenza per Novara, dove il Catania svolgerà la seconda fase del ritiro, il tecnico trentino tira un primo bilancio della preparazione svolta a Torre del Grifo. “Sono soddisfatto, ho visto miglioramenti e possiamo fare sempre meglio – aggiunge Maran – da qui in avanti sosterremo allenamenti diversi, più impegnativi. Bisogna arrivare con una gamba più fresca ad inizio di campionato. L’assenza di Monzon (in attesa del permesso di soggiorno, ndr) è un aspetto da non sottovalutare, mi auguro che arrivi presto perché la difesa vive di automatismi”. :sciarpa: :sciarpa: :catania: :catania: :ciao: :ciao:

  8. Ip Address: 79.49.47.161

    Catania, un’altra pretendente per Catellani (Calciomercato.it)

    Anche il Padova sarebbe sulle tracce dell’attaccante

    “Dopo Modena, Ternana, Brescia e Novara, un’altra pretendente si muove per Catellani. Secondo ‘Tuttosport’ infatti, anche il Padova sarebbe interessato all’attaccante esterno.

    Juventus, ag. Giovinco: «Resta qui, su Maxi Lopez…» (Calcionews24)

    “Intervistato nel corso di Speciale Calciomercato su Sportitalia, Andrea D’amico, procuratore di Sebastian Giovinco e Maxi Lopez, ha rilasciato queste dichiarazioni: «Giovinco? Rimane alla Juventus al 100%, rientra nei piani di Conte. Alla Juventus ci sono tanti giocatori importanti. Maxi Lopez? Speriamo che la situazione possa sbloccarsi presto. E’ un problema che dipende dalle squadre che lo richiedono, è un giocatore importante, molto sfortunato nell’ultima stagione».

  9. Ip Address: 79.4.15.37

    Il Calcio Catania S.p.A. comunica di aver ceduto a titolo definitivo il diritto alle prestazioni sportive del calciatore Alejandro Dario Gomez alla società ucraina Metalist Kharkiv FC.

  10. Ip Address: 72.226.121.41

    Premesso che tutti sono necessari e che nessuno e’ insostituibile,penso che l’assenza di Gomez si fara’ sentire e parecchio …..Anche questa volta i soldi hanno vinto e mi fanno ridere le lacrime del Papu……..Certo che la nostra squadra poteva e doveva realizzare molto di piu’ da questa cessione ma ormai e’ fatta e andiamo avanti…..Tutti noi,pero’ ci auguriamo che questa sia l’ultima cessione e che Monzon possa essere presto a disposizione dell’allenatore.SEMPRE FORZA CATANIA

  11. Ip Address: 80.181.168.232

    Salve raga’!!! :salve: :salve: :salve:
    E’ arrivata l’ufficialita’ per Gomez!!! :piangere: :piangere: :piangere:
    Abbiamo preso Leto al posto del Papu, Taxissis per Lodi (ieri ha fatto vincere il Genoa) e Monzon per Marchese. Anche se abbiamo Monzon non si sa quando a disposizione.
    Devo dire la verita’ visti Leto e Taxissis sembrano ottimi.

    Buon pomeriggio a tutti!!! :catania: :catania: :catania:

  12. Ip Address: 80.181.168.232

    Minkia raga’!!!
    Gomez firma con una penna d’oro!!!

    Guardatevi le foto su questo link.

    http://en.metalist.ua/news/5636.html

  13. Ip Address: 79.49.47.161

    Peruzzi: Perché è possibile, perché proprio al Catania
    Tre motivi che spingono a valutare la possibilità di una trattativa per Peruzzi meno “impossibile” di quanto non l’abbia delineata il presidente Pulvirenti nei giorni scorsi.

  14. Ip Address: 79.49.47.161

    CATANIA – Nei giorni scorsi il presidente Pulvirenti ha parlato di una possibile sorpresa, da dedicare ai tifosi rossazzurri, sotto forma di un difensore, naturalmente sudamericano, che certamente non potrebbe esser un centrale semmai un terzino, e che, ricordando le intenzioni precedentemente espresse da Pulvirenti stesso, non è stato difficile intuire trattarsi di un terzino destro.

    Ma da qui ad uscir fuori un nome, ne passa. Tanto più che Pulvirenti, per quanto abbia “scherzosamente” dichiarato esser ebbro ai microfoni di Sky, e già prima della cena con Galliani da Giannino, di nomi non ne aveva fatti né gliene erano stati proposti. Eppure, poche ore dopo, la sorpresa aveva già un nome, Gino Peruzzi.

    Nome smentito da Pulvirenti che, pur senza mai averlo pronunciato, prima di smentirlo, dimostra una lunga conoscenza del ruolo, della squadra in cui milita, addirittura delle pretendenti. Se la traduzione di “excusatio non petita, accusatio manifesta” può esser riassunta come “smentita non richiesta, interesse manifesto“, l’indizio c’è.

    “Ma pensate che un giocatore come Peruzzi possa venire a giocare a Catania?“. Ricordate cose disse lo stesso Pulvirenti all’arrivo di Leto? “Su di lui c’erano tante squadre blasonate, ma il Catania le ha battute tutte in velocità” così proprio sottolineare il modello di mercato “dinamico” atteso con l’ingresso di Cosentino in società.

    Un modello che s’adatterebbe perfettamente al caso Peruzzi, presentando persino un’analogia non sostanziale ma comunque indicativa. Se Leto era ”Un giocatore che senza l’infortunio non sarebbe mai stato alla portata del Catania“, lo stesso dicasi per Peruzzi che, senza un leggero infortunio al ginocchio sarebbe già oggi un giocatore del Sunderland.

    Il Velez ha persino emesso un comunicato a tal proposito, in cui spiega come qualche settimana fa, il giocatore e gli emissari del club avessero raggiunto l’Inghilterra per ultimare le pratiche della cessione. Fermate dalle visite mediche. Un’elongazione del legamento del ginocchio sorta ad Aprile e trascurata ha imposto la visita del prof. Mariani, a Villa Stuart.

    Niente di grave e nessun intervento necessario, per ora, solo cautela e riabilitazione quantificabili in 30 giorni. Che significherebbero, tuttavia, l’impossibilità del giocatore di prender parte tanto alla preparazione che alla tournée mondiale del club inglese, allenato da Di Canio, oltre ad obbligare il club ad attendere fin quasi il termine delle contrattazioni per chiudere un affare da 4 milioni che, nelle intenzioni, dovrebbe portare alla squadra un elemento titolare.

    Tra tutte queste complicazioni, il Catania potrebbe davvero esser la soluzione migliore. Anzitutto, perché nelle condizioni di aspettare il recupero del ragazzo, forte della presenza di un terzino destro titolare, come Alvarez (che deve tuttavia ancora rinnovare), ed anche perché nelle condizioni di seguire l’adattamento al calcio italiano gradualmente, potendo comunque contare su sostituti adattabili come Rolin, Bellusci.

    Rischio minimo, per i rossazzurri, soluzione comoda per il Velez, che tuttavia, per coglierla, dovrà rinunciare almeno a due dei milioncini proposti dagli inglesi.. e per questo aspetta ancora che la porta verso l’Inghilterra si chiuda definitivamente: Tanto il Catania, può aspettare.

    Questo è il rovescio della medaglia, ma anche la strategia “potenzialmente” vincente, sempre che Pulvirenti non avesse davvero solo alzato troppo il gomito, se non alla cena non ancora iniziata, forse all’Happy Hour organizzato dalla Lega, chissà..

    :catania: :catania: :sciarpa: :sciarpa: :salve: :ciao:

  15. Ip Address: 79.49.47.161

    CATANIA – Due convocazioni che si uniscono a quella già nota di Andujar per l’amichevole del 14 febbraio a Roma tra Argentina ed Italia. Il difensore slovacco, Norbert Gyomber è stato convocato dell’U21 per la sfida all’Italia, che si giocherà nel medesimo giorno, come anche l’amichevole tra Austria e Grecia per la quale è stato convoato Panagiotis Tachtsidis. :sciarpa: :catania: :sciarpa: :catania: 😆 :salve: :ciao:

  16. Ip Address: 79.49.47.161

    A.S. Varese 1910 comunica che da oggi, lunedì 29 luglio 2013 alle ore 15 sono aperte le prevendite per Varese-Catania, gara amichevole in programma martedì 6 agosto 2013 alle ore 20:45 allo stadio “F.Ossola”, nel corso della quale sarà presentata la squadra ai tifosi.

    Sarà possibile acquistare i tagliandi presso tutti i punti vendita Listicket abilitati entro martedì 6 agosto alle ore 18; dalle 19.15 saranno aperti i botteghini dello stadio.

    Di seguito i prezzi dei biglietti, per i quali non sono previsti ridotti:

    CURVA NORD MAROSO: 10 Euro

    DISTINTI: 15 Euro

    TRIBUNE LATERALI: 20 Euro

    TRIBUNA CENTRALE ARCARI: 25 Euro

    CURVA SUD OSPITI: 10 Euro + 2 Euro (diritti di prevendita) (La vendita dei tagliandi per il settore ospiti terminerà lunedì 5 agosto 2013 alle ore 19).

  17. Ip Address: 80.181.168.232

    Buonasera raga’!!!
    Sogni rosso e azzurro a tutti!!! :sciarpa: :catania: :sciarpa: :catania: :sciarpa: :catania:

  18. Ip Address: 80.181.168.232

    venerdì 2 agosto 2013

    Ventisei giocatori a disposizione di mister Maran per le amichevoli con Novara e Varese

    Catania nuovamente in campo stamani, a Torre del Grifo, per l’ultima seduta tra le mura amiche prima della partenza per il Piemonte; da stasera, quartier generale rossazzurro al Centro Sportivo del Novara Calcio “Novarello – Villaggio Azzurro”. In vista delle prossime due amichevoli, mister Maran potrà contare su 26 calciatori:

    Portieri – Andujar, Ficara, Frison.

    Difensori – Alvarez, Bellusci, Cabalceta, Capuano, Gyomber, Legrottaglie, Monzon, Rolin, Spolli.

    Centrocampisti – Almiron, Barrientos, Biagianti, Castro, Izco, Tachtsidis.

    Attaccanti – Barisic, Bergessio, Catellani, Donnarumma, Doukara, Keko, Leto, Petkovic.

    Notate tra i convocti anche Monzon!!! 😆 😆 😆

    Notte notte!!!

  19. Ip Address: 79.55.193.10

    Buongiorno raga’!!! :salve: :salve: :salve:
    Qui Napoli e dintorni, cielo azzurro con qualche nuvoletta e temperatura calda.

    Ciao Angelo, stamattina arrivano i modenesi quindi la spesa sara’ un po’ lunga!!! :piangere: :piangere: :piangere:

    Buona giornata a tutti!!! :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  20. Ip Address: 79.49.47.161

    buongiorno a tutti fratelli dal cuore :catania: ciao giorgio buona spesa 😆 almeno sarai in buona compagnia Gomez-Metalist, 4 anni di contratto e una clausola: i dettagli (TMW)

    “Alejandro Gomez è andato al Metalist. L’attaccante del Catania si è trasferito per 7 milioni di euro e ha firmato un contratto di quattro anni, una situazione che si è risolta nelle ultime ore perché la società ucraina avrebbe voluto fargli firmare un quinquennale ma alla fine le parti hanno scelto di fare un accordo quadriennale. Spunta anche una clausola di risoluzione sul contratto: sarà valida se arriverà un’offerta da 12 milioni di euro. Il Papu intanto vola in Ucraina, pronto a dimostrare il suo valore anche al Metalist. :ciao: :ciao: :catania: :catania: :sciarpa: :sciarpa:

  21. Ip Address: 79.49.47.161

    CATANIA – Intervistato per “Gazzetta dello Sport”, Pablo Alvarez esce questa mattina in edicola con tutta la sua carica agonistica riassunta in un proclama che infiamma la pagina siciliana: “Il vero obiettivo del Catania resta centrare l’Europa“, all’altezza anche il catenaccio: “Se mi mancherà la gara contro il Palermo? Io vedo 38 sfide formato derby“. Di seguito alcuni estratti, in virgolettato, dell’intervista integrale che consigliamo di leggere acquistando il giornale oggi in edicola.

    Alvarez è già in clima campionato
    “Un avvio scoppiettante – esordisce il difensore – A me piacciono queste partite così impegnative. Perché sono quelle che stimolano ogni calciatore a dare il massimo e così non avremo scuse sin dalla prima giornata».
    Prima la Fiorentina, poi l’Inter, magari per riscattare la bruciante rimonta dal 2-0 al 2-3?
    «Personalmente non la vedo in questo modo. Ogni partita non è ripetibile. È vero che nello scorso campionato abbiamo sciupato una grossa opportunità di battere i nerazzurri ma ormai è passato, guardiamo al presente».
    Quali gli obiettivi di questo Catania?
    «Speriamo più alto possibile, stiamo lavorando tanto e bene proprio per dare un seguito all’ultimo campionato. L’Europa è il nostro obiettivo. La mia speranza di guadagnare un biglietto per il Mondiale in Brasile è sempre viva»
    Sui nuovi
    «Monzon ha caratteristiche simili a Marchese, il greco sta dimostrando di essersi già bene inserito e l’attaccante mi sembra ritornato sui livelli precedenti all’infortunio: fortissimo».

    :sciarpa: :sciarpa: :salve: :salve: :catania: :catania: 😆 😆

  22. Ip Address: 79.49.47.161

    Ecco i convocati da mister Maran per la seconda fase del ritiro in Piemonte. In programma due sfide, una contro il Novara (domani alle 20.45) e l’altra contro il Varese (martedì alle 20.45). Mancano Freire e Maxi Lopez, mentre c’è Monzon, tornato dall’Argentina dopo aver risolto i problemi burocratici.

    Portieri – Andujar, Ficara, Frison.

    Difensori – Alvarez, Bellusci, Cabalceta, Capuano, Gyomber, Legrottaglie, Monzon, Rolin, Spolli.

    Centrocampisti – Almiron, Barrientos, Biagianti, Castro, Izco, Tachtsidis.

    Attaccanti – Barisic, Bergessio, Catellani, Donnarumma, Doukara, Keko, Leto, Petkovic. :catania: :catania: :sciarpa: :sciarpa: 😆 :salve:

  23. Ip Address: 82.61.70.189

    Buon pomeriggio a tutti :salve:

    Buona fortuna a Gomez che si è dimostrato un vero talento e che ha sempre dato il massimo per la squadra ed i suoi tifosi!

    Mi sembra finora che il Catania abbia fatto una buona campagna acquisti e che con le cessioni forse avrebbe potuto incamerare qualcosina in più.

    Sinceramente la mia sensazione è che ancora, per diventare più forti di prima manca almeno un pilastro, più in attacco che in difesa….chissà! :sciarpa:

    Buona domenica a Voi ed ai Vostri familiari…

    Rosso come il fuoco, azzurro come il mare, l’amore per il Catania non si può spiegare! :sciarpa:

  24. Ip Address: 72.226.121.41

    E’ di oggi la notizia che Mascara torna in Italia..Sono sicuro che avra’ fatto i soldi che il CATANIA non avrebbe potuto garantirgli e ,data l’eta’, non mi sento di criticarlo.E’ stata una bandiera per la nostra squadra e certo i tifosi avrebbero sperato che concludesse la carriera alle pendici dell’Etna..Ora si parla anche di un suo possibile riitorno a Catania ma al di la’ del fattore sentimentale,non credo che sarebbe utile alla nostra squadra.SEMPRE FORZA CATANIA……..

  25. Ip Address: 79.55.193.10

    Raga’ in diretta su questo link

    http://new.livestream.com/calciocataniachannel/events/2298666

  26. Ip Address: 79.55.193.10

    Catania (4-3-3): 21 Andujar, 22 Alvarez, 14 Bellusci, 3 Spolli, 5 Rolin, 13 Izco (cap), 7 Tachtsidis, 4 Almiron, 19 Castro, 9 Bergessio, 20 Keko

  27. Ip Address: 79.55.193.10

    Finii 3 a 2 per noi, forza Catania sempre!!! :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

    Bergessio, Bergessio,Petkovic :catania: :catania: :catania:

    Notte a tutti!!!

  28. Ip Address: 79.52.19.119

    Buongiorno raga’!!! :salve: :salve: :salve:

    Qui Napoli e dintorni, cielo azzurro con qualche nuvoletta e temperatura calda.

    Buona domenica a tutti!!! :catania: :catania: :catania:

  29. Ip Address: 79.49.47.161

    buongiorno e buona domenica a tutti fratelli dal cuore :catania: ciao giorgio contento che ce tua figlia Stampa: Personalità e goal, è quasi Catania
    Sorride Maran, sorridono anche i tifosi. Il Catania visto contro il Novara rimonta a suon di goal, goal importanti perché provenienti dall’attacco. Nell’odierna rassegna stampa, note liete e note meno liete dell’esordio stagionale contro una formazione professionistica. Da registrare qualcosa in difesa, applausi per Tachtsidis. :sciarpa: :catania: 😆 :salve:

  30. Ip Address: 79.49.47.161

    Catania, 3-2 in rimonta contro il Novara (La Gazzetta dello Sport)

    Tre attaccanti per la rimonta del Catania. Sotto due volte, i rossazzurri hanno rimesso in piedi la partita con le prodezze di Bergessio (doppietta: mischia risolta prima, poi ottimo diagonale su assist di Castro) e del giovane Petkovic pescato da Tachtsidis nel finale. Proprio il greco ha dettato i tempi del gioco, impegnandosi nella fase di non possesso che è il fondamentale da curare da qui alla prima di campionato. I rossazzurri restano in ritiro a Novarello in attesa di Monzon e giocheranno martedì sera a Varese. :catania: :catania: :sciarpa: :sciarpa: :salve: 😆 :ciao:

  31. Ip Address: 79.49.47.161

    BATTUTO IL NOVARA 3-2 IN AMICHEVOLE (Repubblica)

    “Il Catania vince anche a Novara ribaltando il risultato per ben due volte. Cinque partite nel pre campionato, 5 vittorie, 53 gol fatti e 2 gol subiti. La quinta amichevole stagionale che i rossoazzurri hanno giocato e vinto allo stadio “Silvio Piola” 3-2 contro il Novara, ha detto che Maran sta ancora sperimentato molto. Gli etnei sono passati, infatti, dal 4-2-3-1 delle prime partite, al 4-3-3 di oggi. La squadra di Aglietti si e’ mostrata avversario di caratura certamente superiore rispetto a quelli affrontati fino ad ora. Cosi’ il Catania in campo.[…] Passa per primo il Novara che approfitta di una rocambolesca deviazione di Bellusci che inganna Andujar. La reazione dei rossoazzurri c’e’, ma non e’ prepotente come ci si poteva aspettare […] Diversa l’aria che si respira nella seconda frazione di gioco. Maran cambia gli uomini ed Izco arretra in difesa. Il Catania cambia passo e segna tre volte. Doppietta per Bergessio, gol vittoria di Pektovic. Ritmi blandi per i rossoazzurri che comunque non si sono smarriti nel doppio svantaggio. Qualcuno ha anche mostrato di essere gia’ vicino alla forma campionato con giocate piu’ lucide di quelle dei compagni. Certamente positiva le prestazioni di Almiron, Tachtidis e del solito Bergessio. Si attendevano forse maggiori progressi in termini di identita’, ma il Catania ha gestito le risorse perche’ martedi’ si replica. In campo alle 20.45 contro il Varese allo stadio “Franco Ossola”. :sciarpa: :salve: :catania: 😆 :ciao:

  32. Ip Address: 79.52.19.119

    METALIST, brutte notizie per Gomez: il club rischia tre anni di squalifica in Europa
    04.08.2013 17:00

  33. Ip Address: 79.52.38.222

    Pagelle: Che coppie..Bergessio e Petkovic, Almiron e Tachtsidis!
    Le valutazioni attribuite ai protagonisti rossazzurri di Novara-Catania. Almiron e Bergessio mostrano una condizione fisica migliore rispetto ai compagni. Tachtisidis e Petkovic sono le note più liete della gara, sorprendenti i due giovani rossazzurri, di più il greco anche per il minutaggio e per la mole di palloni giocati.

  34. Ip Address: 79.52.38.222

    dal nostro inviato a Novara

    NOVARA – Le valutazioni attribuite ai protagonisti rossazzurri di Novara-Catania

    Andujar 6 Poche le responsabilità sui gol subiti. Per il resto è quasi ordinaria amministrazione.

    Alvarez 6 Qualche difficoltà nella fase iniziale sugli sguscianti Rigoni e Lazzari. Prende le misure col passare dei minuti. Non si vede molto in fase offensiva.

    Bellusci 6 Sfortunato in occasione della deviazione che porta in vantaggio i piemontesi. Soffre anche lui nel primo parziale l’intraprendenza dei locali ma riesce spesso a cavarsela senza grossi patemi.

    Spolli 6 Ancora appesantito sulle gambe, gioca spesso di furbizia e d’esperienza disputando una gara più che dignitosa

    Nella ripresa subentra : Catellani 6 Qualche spunto interessante del giovane attaccante che, tuttavia, non riesce ad essere particolarmente incisivo

    Rolin 6- Proposto per necessità in un ruolo inedito, fa fatica ad adeguarsi. Da rivedere nel ruolo a lui più congeniale

    Nella ripresa subentra : Biagianti 6 Si piazza sulla linea mediana sbrigando il necessario senza strafare.

    Izco 5.5 Riesce raramente a ripartire in velocità ma non gli si può chiedere più di tanto in questa fase della stagione. Da rivedere.

    Almiron 6.5 Si assume spesso sulle spalle il peso del centrocampo commettendo talvolta errori frutto dei carichi di lavoro sopportati negli ultimi giorni. Nel primo tempo si rende pericoloso con alcune conclusioni da fuori ed anche nella ripresa è tra i più positivi tra i rossazzurri

    Tachtsidis 6.5 Deve ancora bene assimilare l’intesa con i compagni ma le qualità del greco sono innegabili. Bravo nel primo tempo soprattutto in fase di contrasto. Nella ripresa gioca più defilato sulla trequarti sinistra e si rende protagonista di giocate decisive.

    Nella ripresa subentra: Barisic s.v. Pochi minuti per lui nel finale

    Castro 6 E’ chiamato a giostrare a destra nel tridente d’attacco. Si rende protagonista di qualche spunto interessante senza tuttavia incidere particolarmente

    Nella ripresa subentra: Doukara 6+ Ha un buon impatto sull’incontro vivacizzando il reparto avanzato

    Bergessio 7 Evidenzia le solite doti che gli conosciamo: opportunismo, generosità, “fiuto” del gol. Non è un caso se, seppur spesso isolato in avanti, sigla due delle tre reti dei siciliani

    Nella ripresa subentra: Petkovic 6.5 Bravo a sfruttare un magnifico assist di Tachtsidis. Un ragazzo sul quale Maran può sicuramente contare

    Keko 6 Evidenzia buon dinamismo e tecnica individuale ma la sua azione appare spesso “scollata” rispetto ai movimenti dei compagni d’attacco. Bravo nella ripresa a riprendere un pallone scagliato da Almiron sulla traversa ed a permettere a Bergessio il tap-in del pareggio rossazzurro

    Nella ripresa subentra: Legrottaglie s.v. Sostituisce il giovane Keko in una fase della ripresa in cui la gara non ha più nulla da dire

    Allenatore : Maran 6.5 Schiera una formazione in parte inedita adattando Rolin esterno alto di sinistra ed inserendo il giovane Keko dal primo minuto. Positive, nel complesso, le indicazioni tratte da questa amichevole estiva anche se, come era lecito attendersi, alcuni meccanismi (soprattutto in difesa) sono da collaudare

    Direttore di gara, signor Greco di Torino, e collaboratori: 6.5 Gara piuttosto facile da arbitrare in relazione anche alla relativa importanza dell’incontro. Direzione senza particolari sbavature.

    Commenti :sciarpa: :sciarpa: :catania: :catania: :salve: solo catania tutto il resto e noia 😆 😆

  35. Ip Address: 79.52.19.119

    Ciao Angelo!!! :ciao: :ciao: :ciao:
    Sogni rosso e azzurro a tutti!!! :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  36. Ip Address: 79.52.19.119

    Ritiro domenica 4 agosto 2013

    Monzon a Novarello: primi giri di corsa a bordo campo per l’esterno argentino
    Due test da 25 minuti contro l’Asti e l’AIC, in evidenza Doukara

    Il Catania continua ad allenarsi… vincendo: nel pomeriggio, a Novarello, i rossazzurri hanno impreziosito l’allenamento disputando due partite da 25 minuti contro l’Asti e l’AIC, vinte per 4-0 e 2-1 rispettivamente. Mister Maran ha dato spazio ad atleti non impiegati da titolari a Novara: Frison; Cabalceta, Legrottaglie, Gyomber, Catellani; Barisic, Biagianti, Barrientos; Donnarumma, Petkovic, Doukara. Souleymane è stato il mattatore del test, firmando due reti contro la compagine dilettantistica piemontese (di Legrottaglie e Donnarumma gli altri gol) ed una contro la selezione dei calciatori senza contratto, che si erano portati in vantaggio con l’ex rossazzurro Jeda, prima di subire la rimonta completata dal 2-1 di Petkovic. Per tutti gli altri elementi attualmente a disposizione dello staff tecnico, lavoro essenzialmente defaticante. Monzon si è aggregato ai nuovi compagni con grande entusiasmo ed ha inanellato i primi giri di corsa a bordo campo.

  37. Ip Address: 79.9.143.243

    Buongiorno raga’!!!

    Qui Napoli e dintorni, cielo azzurro e temperatura bollente!!!

    Buona giornata a tutti!!! :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  38. Ip Address: 79.36.140.234

    Buongiorno a tutti gli amici del sito,mi dispiace essere stato lontano,ma purtroppo alcuni problemi mi hanno impedito di essere presente.Non sono riuscito neanche a leggere i voistri commenti sui vari articoli,a mala pena ho potuto aggiornarmi sul Catania.
    Spero di poter tornare presente come prima e condividere con tutti voi le emozioni che la nostra squadra ci darà.
    Un saluto caloroso a tutti voi da Peppe. :salve: :salve: :ciao: :ciao: :salve: :salve: :sciarpa: :sciarpa:

  39. Ip Address: 79.9.143.243

    Ciao Peppe58!!! :ciao: :ciao: :ciao:
    Fatti leggere spesso!!! 😆 😆 😆

  40. Ip Address: 79.52.38.222

    buongiorno fratelli dal cuore :catania: ciao pippuzzu giorgio e tuttu u restu da cumacca Una lunga intervista concessa a “Gazzetta dello Sport” in cui parla dei suoi primi 10 anni a guida del Catania. Il presidente Pulvirenti attraversa il decennio più brillante della storia rossazzurra con le domande di Francesco Caruso.

  41. Ip Address: 79.52.38.222

    CATANIA – Una lunga intervista concessa a “Gazzetta dello Sport” in cui parla dei suoi primi 10 anni a guida del Catania. Il presidente Pulvirenti attraversa il decennio più brillante della storia rossazzurra con le domande di Francesco Caruso che introduce così l’ospite: “Comincia per Nino Pulvirenti il decimo campionato col Catania. Anni volati via come il vento ma densi di significato. Di suggestione. E di successi. Che non sono solo sportivi ma societari e patrimoniali. Il 51enne imprenditore catanese tiene la squadra rossazzurra in A da 8 anni, la B l’ha liquidata in un paio di stagioni. Nell’ultimo campionato il Catania ha stabilito una serie di record e ha lottato a lungo per un piazzamento in Europa: conoscendo la cocciutaggine del suo nocchiero l’appuntamento è solo rimandato”.

    Di seguito alcuni estratti, per leggere l’intervista completa consultare la Gazzetta dello sport in edicola oggi

    Gli obiettivi
    “L’obiettivo è crescere sempre, partendo dal mantenimento della categoria che per un club medio piccolo equivale a vincere uno scudetto […]noi non possiamo competere con le 7 squadre che si sono piazzate davanti e se ci mettiamo anche l’Inter diventano 8, ma con le altre 12. Nello stesso tempo dico però che non dobbiamo porci limiti”.

    Il significato dei primi dieci anni in rossazzurro, qual è?
    “Avere coronato il sogno di guidare la squadra per la quale ho sempre fatto il tifo. Riuscendo per altro a fare crescere il club dal punto di vista patrimoniale e delle strutture. Il vanto per me non è tanto l’ottavo posto , ma essere uno dei tre club di Serie A con i conti a posto e non solo da quest’anno, ovvero riuscire a coniugare la passione agli investimenti e alla crescita”.

    Il campionato più emozionante?
    “Il secondo, cioè quello della promozione in A 22 anni dopo l’ultima retrocessione. Però posso assicurare che ogni volta che guardo il Catania giocare per me è un’emozione che si rinnova”.

    Il gol che non dimentica?
    «Quello segnato da Mascara a Palermo da metà campo che coincide per altro con la vittoria più esaltante: il 4-0 alla Favorita».

    L’acquisto che è rimasto nel suo cuore?
    «Quello del peruviano Vargas pagato intorno ai 2 milioni e mezzo di euro e rivenduto a 12 milioni (alla Fiorentina, ndr): è stato il primo acquisto con il quale segnammo la strada da seguire»

    Commenti solo catania tutto il resto e noia :sciarpa: :sciarpa: :catania: :catania: :ciao: :ciao: 😆 😆 :salve:

  42. Ip Address: 79.52.38.222

    NOVARA – Così Fabian Monzon, aggregatosi ieri ai suoi nuovi compagni di squadra, parla delle sue prime impressioni al sito ufficiale del calcio Catania:

    “Tutti i dettagli burocratici relativi al permesso di soggiorno sono stati definiti. Fisicamente sto bene e sono a disposizione del mister e dello staff, ho una grande voglia di giocare. Sono stato accolto benissimo dai compagni e da Alvarez in particolare – sorride Monzon indicando il compagno di camera – Sono consapevole dell’importanza dell’investimento che il Catania ha fatto per ingaggiarmi e spero di ripagare al meglio tanta fiducia” 😆 😆 :catania: :sciarpa: :salve: :ciao:

  43. Ip Address: 79.9.143.243

    Ciao Angelo!!! :ciao: :ciao: :ciao:

    Sogni rosso e azzurro a tutti!!! :catania: :catania: :catania:

  44. Ip Address: 79.35.46.9

    buonasera a tutti, fratelli dal cuore rosso e azzurro… :salve:

  45. Ip Address: 109.113.253.194

    Buonasera a tutti…..
    AL NASR, il vice presidente conferma: “Abbiamo firmato un pre-contratto con Maxi Lopez”
    05.08.2013 22:35 di Andrea Carlino Twitter: @acarlino85

    Mancano solo le visite mediche. Maxi Lopez lascia l’Italia dopo 3 anni e vola negli Emirati Arabi. La conferma arriva dal vice presidente e direttore dell’area tecnica dell’Al Nasr, Ahmad Al Khoury, come riporta il sito gulfnews.com: “Abbiamo un pre-contratto firmato e dopo le visite mediche Maxi Lopez firmerà il contratto con la nostra società”. Dunque la storia tormentata tra Maxi Lopez e Catania giunge al capolinea. Nelle prossime ore arriverà, a meno di clamorosi dietrofront, la firma del contratto e saranno rese note cifre e modalità della cessione.

  46. Ip Address: 79.9.143.243

    Copia e incolla da gulfnews.

    Traduzione italiana

    Sport | Football

    Ex-Barcellona, ​​attaccante del Milan Maxi Lopez insieme a Al Nasr
    Vice presidente sostiene Lopez è il suo modo di completare una mossa per il Dubai Club

    Da Ashley Hammond, Staff ReporterPubblicato: 21:28 5 agosto 2013Gulf News
    Condividi su twitter Condividi su Facebook Condividi su email Condividi su stampa altri servizi di condivisione 0

    Dubai: attaccante argentino Maxi Lopez è sull’orlo di una mossa per Al Nasr, il club con sede a Dubai, ha detto il Lunedi.
    Il 29-anni, ex Barcellona e il giocatore del Milan ha apparentemente firmato termini di pre-contratto ed è sulla strada per gli Emirati Arabi Uniti per completare un medico nelle 48 ore successive.
    Al Nasr ha annunciato la scorsa settimana che erano alla ricerca di due attaccanti “superstar”, dopo l’uscita di Bruno Correa e Giuseppe Mascara.
    Di Al Ain Jires Kembo Ekoko e del West Brom Peter Odemwingie erano stati collegati al Blue Wave, come aveva del Club Brugge Mohammad Tchite e della Fiorentina Mounir Al Hamdaoui.
    Se confermato, Lopez si unirà australiano trequartista Brett Holman, che si è unito dal club inglese di Aston Villa mese scorso, e ha mantenuto il centrocampista brasiliano Leo Lima.
    Al Nasr vice presidente e capo del comitato tecnico del club, Ahmad Al Khoury, ha detto Gulf News: “Abbiamo già firmato un contratto iniziale con Maxi Lopez e siamo solo in attesa di fargli firmare termini completi dopo un medico. Lui arriverà molto presto e ci annuncerà anche un’altra firma nei prossimi giorni.
    “Il motivo per cui ha preso il club così tanto tempo per finalizzare i giocatori stranieri è stato perché abbiamo dato il nuovo allenatore [Ivan Jovanovic] tempo per valutare i punti di forza e di debolezza della sua squadra attuale.
    “In funzione della sua relazione, abbiamo lavorato per aiutarlo in certe posizioni. Questo è ciò che il comitato tecnico hanno lavorato per tutto questo tempo. Gli abbiamo dato un elenco di nomi tra cui scegliere e questo è stato il motivo principale per finalizzare i nostri acquisti così tardi “.

    Notte notte a tutti!!!

  47. Ip Address: 79.9.143.243

    Ciao joe!!! :ciao: :ciao: :ciao:
    Confermato tua notizia!!!

    Notte, notte!!! :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  48. Ip Address: 72.226.121.41

    Mi auguro che la notizia riguardo a Maxi sia vera e che quindi sia ceduto in maniera definitiva e ,a questo punto,non importa dove possa andare…L’importante,ripeto,e’ che sia in maniera DEFINITIVA.in ogni caso da veri sportivi,dobbiamo ringraziare la gallina bionda per quanto e’ riuscito a fare nei primi 6 mesi in rossoazzurro……Resto del parere,poi,che ci serva un altro attaccante che possa ogni tanto far rifiatare Bergessio.SEMPRE FORZA CATANIA

  49. Ip Address: 79.52.38.222

    buongiorno a tutti fratelli dal cuore :catania: ciao giorgio che vieni dopo Castro: “Pronto a sostituire Gomez”, all’esordio in Italia ha già fatto meglio
    In un’intervista al quotidiano “La Sicilia”, Lucas Castro parla del suo futuro. A Catania venne portato lo scorso anno nell’imminenza del trasferimento di Gomez, avvenuto solo quest’anno. Eppure nella stagione scorsa, Castro è riuscito a non soffrire la concorrenza, oggi rilancia: “Gomez è un amico, sono pronto a sostituirlo.. ma non come voce nel gruppo. I nuovi sono molto forti. Tachtsidis possibile rivelazione”. :catania: :catania: :sciarpa: :sciarpa: :salve: 😆 :ciao:

  50. Ip Address: 79.52.38.222

    NOVARA – Lucas Castro parla con Giovanni Finocchiaro per il quotidiano “La Sicilia”. L’esterno argentino, arrivato la stagione scorsa per supplire all’imminente partenza del “Papu” Gomez, sente come la prossima stagione possa significare molto per lui e per il Catania.

    “Sono felice di essere rimasto in rossazzurro. Spero di essere titolare, quest’anno ma sa chi decide. Il mister. L’anno passato è stato importante anche per me. Sono stato utilizzato spesso e ho tentato di imparare i segreti del campionato italiano. I ritmi, superando le difficoltà. Gli avversari adesso mi conoscono, ma ho un anno di esperienza in più, in compenso. Devo ringraziare tutti: società, allenatore, compagni. Mi hanno permesso di mettermi… comodo”.

    Gomez, con una stagione di ritardo rispetto alle attese è andato via, e nella stessa, Castro, ha segnato le stesse reti segnate dal collega ed amico alla sua prima stagione in rossazzurro, quattro, ma con 500′ minuti in meno di gioco e partendo 18 volte titolare (Gomez fu titolare 30 volte nella sua prima stagione in rossazzurro). Battendolo in quanto ad assist, 7 vs 5. Pensarlo come sostituto del Papu è quanto di più naturale possibile.

    “Andato via Gomez sarebbe un onore sostituirlo in campo. E’ un calciatore forte, un amico vero. Sono pronto. Mi piace giocare da esterno.

    Intanto, prima del ritorno in ritiro, il ritorno in patria è già stato trionfale. I tanti amici che lo hanno seguito via televisione hanno imparato a tifare anche il Catania e da adesso lo faranno in veste rossazzurra, davvero..

    “Quando sono tornato a casa, per le vacanze, ho portato con me un bagaglio pieno di completini del Catania. Una quindicina, forse anche di più. La prima l’ho regalata a mio fratello, così ha la collezione completa: ha tutte le tre maglie. Le altre le ho regalate ad amici, parenti. Con loro ho immortalato su twitter le rimpatriate a cena. Da quelle parti il Catania ci seguono tutti in tv”.

    Finora il campo l’ha visto poco per colpa di un acciacco adesso superato, come dimostra la gara giocata a Novara. Nel frattempo, ha avuto modo di dedicarsi alla sua grande passione, la musica, dando vita alla formazione dei “Los Vulcanos”

    “Io suono la pianola, ma adesso, partito Gomez, mancherà il cantante. Andujar ha proposto di fare un casting in squadra, come nei reality. Ci proveremo. Di certo mi candiderò, io non canto. Due cose contemporaneamente non penso di riuscire a farle bene. Il mister quando vede le nostre performance canore ci guarda e sorride. Col presidente invece non abbiamo ancora toccato l’argomento. Spero che non si incavoli”.

    Tra i tanti volti nuovi, tutti o quasi sono argentini.

    “Monzon lo conoscevo già. Davvero un grande acquisto. Freire è molto giovane, ma è davvero in gamba. Tachtsidis potrebbe essere la rivelazione. Una grande rivelazione sia per il ruolo che occupa sia per quel che potrà dare al gruppo. Leto ha potenzialità immense. Non è un concorrente, ma un compagno di squadra. Un amico. E poi, dicono che che la concorrenza aiuta, no? »solo catania tuttu il resto e noia :sciarpa: :catania: :sciarpa: :catania: :salve: 😆 :ciao:

  51. Ip Address: 79.42.16.155

    Buongiorno raga’!!! :salve: :salve: :salve:
    Ciao Salvatore e Angelo (mattiniero) :ciao: :ciao: :ciao:

    Qui Napoli e dintorni, cielo azzurro e temperatura caldissima!!! 8) 8) 8)

    Buona giornata a tutti!!! :catania: :catania: :catania:

  52. Ip Address: 79.42.16.155

    Copia e incolla da La Sicilia

    «Dopo De Rossi farò dimenticare Lodi»
    Il mediano greco: «Cosa so fare meglio? Anticipare gli avversari e dare palla a terra ai compagni»

    GIOVANNI FINOCCHIARO
    NOSTRO INVIATO
    NOVARA. Niente telecamere, solo parole, solo
    dichiarazioni alla carta stampata. Sotto
    il sole di Novarello incontriamo – per un’intervista
    esclusiva – l’uomo del giorno. Perché
    Panagiotis Tachtsidis è il centrocampista
    incaricato di dare i tempi alle due fasi di
    gioco del Catania. Perché raccoglie l’eredità
    pesante di Lodi. Perché la scorsa stagione,
    nella Roma, scalzò un titolare intoccabile
    come De Rossi, facendo infuriare i tifosi.
    Oggi il roccioso mediano è, con
    Leto, il calciatore più studiato dai
    tifosi. E il più riservato, il più atteso,
    anche il più misterioso, ma il più
    talentuoso. Ve lo raccontiamo passo
    dopo passo dopo una chiacchierata
    sotto il sole, assediati dalle zanzare.
    Soffre, “Tach”, ma rifiuta l’aria
    condizionata e una comoda sedia
    al bar che dista pochi
    metri: «Mettiamoci
    qui,
    me ne
    frego
    del caldo
    ». Che
    personalità…
    Lei, “Tach” si è inserito a meraviglia negli
    schemi del Catania. Si è avuta conferma a
    Novara.
    «È andata subito bene. Il gruppo è
    fantastico. Mi avevano detto che si
    trattava di una squadra ben rodata.
    Ancora è presto, ma le buone cose si
    notano velocemente».
    Maran dice che lo stato di forma del
    Catania è incoraggiante. Più di quel
    che era stato messo in preventivo.
    «La forma si trova con il lavoro e con
    le indicazioni dell’allenatore. Io penso
    che tutti i calciatori stiano bene se
    si applicano rispettando quel che
    chiede il tecnico. Se ascolti il tecnico in
    campo fai la cosa giusta».
    Erede di Lodi, che ruolo scomodo per
    lei. Ma la personalità non le fa difetto.
    «Io Lodi non l’ho seguito molto. I miei
    nuovi compagni hanno detto che era
    uno dei “capitani” del Catania ed è sempre
    difficile trovare il giusto tempo per
    rilevare uno come lui. Io cercherò senza
    dubbio di fare il massimo prima di tutto,
    ma in realtà mi interessano le cose concrete.
    Mi interessa la squadra, quel che
    devo fare e basta».
    Verona è stato un
    ottimo rodaggio,
    completato
    qualche
    anno
    fa.
    «Mi ha fatto
    bene un
    campionato
    lungo in Serie B.
    Adesso ho cercato di sfruttare la notevole
    esperienza di allora. Ho capito che la differenza
    tra Serie A e B è importante».
    Certo che ambientarsi alla Roma non
    dev’essere stato un gioco.
    «Per nulla, ma è stata una grande annata
    per me, intensa, voglio dire».
    Certo che prendere il posto di De Rossi,
    monumento giallorosso, è stato anche
    scomodo.
    «Devo ringraziare Zeman. Mi ha aiutato
    sempre, mi ha permesso di migliorare tantissimo
    ».
    Bel coraggio, quello messo in mostra dal
    boemo.
    «Mi preme sottolineare che, in quel caso,
    l’allenatore non ha guardato a chi fossi io e
    non ha fatto i conti di quanto guadagnassi
    in termini di contratto. La sua è stata una
    grande lezione».
    E i tifosi… apriti cielo.
    «Non è stato facile prendere il posto di un
    nazionale azzurro, di un calciatore che era
    da 16 anni a Roma. Per di più sostituito da
    un ragazzo di 21 anni».
    Tifosi arrabbiati, più che mai.
    «Erano, diciamo così, arrabbiati. Io ho sempre
    cercato di fare il massimo».
    Anche contro il Catania.
    «Contro tutti quanti».
    I tifosi del Catania li ha già conosciuti.
    «Li ho visti, ma ancora poco, forse non mi
    conoscono in viso e non mi hanno distinto
    nel gruppo… ».
    In ritiro condivide la camera con una sua
    vecchia conoscenza.
    «Si, sono con Leto. Con lui ho giocato anche
    in Grecia. Io nell’Aek Atene, lui nel Panathinaikos
    ».
    Chi ha vinto?
    «Mi sembra lui, 2-1, adesso non ha più importanza
    ricordare. Conta il presente».
    E lei nel presente ha esibito il biglietto da
    visita: palla a terra, verticalizzazioni e
    molto ordine.
    «Palla a terra, sì. E’ il mio pensiero. Non è
    mai semplice fare passare la palla ai compagni
    per anticipare i difensori avversari.
    Tento di farlo ogni minuto di presenza in
    campo».
    Anche la fase di non possesso è un suo
    pezzo forte.
    «Rubare palla è una mia caratteristica. Il
    più delle volte cerco di capire dove arriva la
    palla e spero di muovermi prima, in anticipo
    ».
    Chi è Tachtsidis fuori dal campo?
    «Un ragazzo semplice, innamorato del mio
    cane, Victor. Sto sempre con lui, è la mia
    passione, il mio amico migliore».
    E nulla di più?
    «Mi piace andare al cinema».
    In Grecia si vive un momento di crisi che,
    poi è arrivata anche in Italia.
    «I politici hanno fatto un casino. Pensi, io
    vivo ad Atene, nella parte storica. Una zona
    bellissima, conosciuta in tutto il mondo.
    Se la gente sta male mi spiace veramente».

  53. Ip Address: 79.52.38.222

    Maran a Varese con il suo Catania (La Gazzetta dello Sport)

    “Per Maran si tratta di un ritorno a casa visto che prima di approdare al Catania aveva guidato il Varese alla finale dei play off di B. Stasera (20.45) la gara col Varese sarà quindi una sorta di amarcord per il tecnico che ieri ha diretto la rifinitura allo stadio Ossola

    Il Varese aspetta il Catania. Sottili: “Vogliamo fare bella figura” (Varese News)

    “Mister Stefano Sottili nella conferenza stampa pre gara spiega che tipo di partita sarà: «Vogliamo fare bella figura. Voglio che i miei ragazzi se la giochino contro una squadra che sappiamo essere più forte. Credo che siamo indietro con quelle che erano le mie aspettative per questo periodo e anche per questo avrei preferito giocare questa amichevole sabato o domenica, per lasciare ai giocatori due giorni di riposo, per riprendersi un po’ soprattutto dal punto di vista mentale. Questo però non è stato possibile. Ora inizieremo a trarre beneficio dal lavoro sulla velocità rapidità e forza esplosiva e allora inizieremo a vedere qualche spunto interessante e giocare un po’ più sciolti. Non ho studiato il Catania, ma so che ad inizio preparazione Maran ha schierato il 4-4-2, mentre nell’ultimo test contro il Novara è passato al 4-3-3 già visto l’anno scorso. Per noi cambia poco, se non qualche accorgimento tattico».

    Ecco Monzon Grinta e corsa «Sono pronto» (La Gazzetta dello Sport)

    L’argentino entusiasta dell’accoglienza

    “Dopo quasi due giorni di ritiro in casa Catania, nuova realtà per Fabian Monzon, nuovo terzino sinistro argentino dei rossazzurri, la tentazione è di farlo giocare subito, questa sera a Varese. Il club siciliano dovrà affrontare la seconda amichevole in 4 giorni, senza contare il mini torneo di ieri l’altro con Aic e Asti. Maran sta valutando l’ipotesi di fare disputare al terzino sinistro una decina di minuti, giusto per fargli prendere confidenza con il campo. Prove di rifinitura «Vediamo come sta, come reagisce, se sarà il caso qualche minuto contro il Varese potrebbe anche sostenerlo ». Maran parla, ma non assicura. Non c’è fretta, in questo senso, l’importante è, come ha detto l’allenatore, che adesso Monzon «si inserisca in fretta, ma senza strafare, negli schemi di una difesa confermata quasi in blocco». Sarà aiutato da tutti e soprattutto dal talento, quello personale, che l’aveva portato in Nazionale maggiore […] Monzon, per ora, indossa la camiseta numero 18. Numeri estivi o sarà una scelta definitiva? Intanto il terzino sinistro è stato affidato all’esperienza del… terzino destro. In camera s’è formata la coppia Pablo AlvarezFabian Monzon: due tipi che faranno a pezzi gli avversari, rassicurano i tifosi.

    :catania: :catania: :catania: :sciarpa: :sciarpa: :salve: :salve: 😆 😆

  54. Ip Address: 79.52.38.222

    Catania, obiettivo Fernandez del Napoli (La Gazzetta dello Sport)

    “Federico Fernandez sembra di nuovo un obiettivo del Catania. Il calciatore del Napoli era stato accostato alla società rossazzurra in avvio di mercato, ora torna attuale. Ma i dirigenti etnei devono ancora cedere alcuni atleti in sovrannumero, visto che l’attuale rosa è composta da 30 elementi. Doukara è piaciuto molto ai dirigenti del Novara nell’amichevole di due giorni fa, e potrebbe aprirsi una trattativa.

    Catania, arriva Fernandez? (Calcio News 24)

    Il giocatore è un esubero del Napoli

    “Federico Fernandez al Catania troverebbe ben più di un connazionale (il solo argentino che se n’è andato è Gomez, al momento) e soprattutto potrebbe far vedere di valere più di quanto ha mostrato al San Paolo. Fernandez è nel giro della nazionale ma In Serie A ne ha azzeccate davvero poche fino a questo punto, Catania potrebbe essere una buona squadra dove rifarsi, come ammette La Gazzetta Dello Sport.

    Napoli, il Catania va in pressing su Fernandez (Calciomercato.it)

    Il centrale argentino potrebbe finire in Sicilia: prima i rossoblu devono sfoltire la rosa

    “Il futuro di Federico Fernandez potrebbe essere in Italia. Il centrale del Napoli è infatti nel mirino del Catania, che punta ad infoltire il già nutrito gruppo di argentini in rosa. Stando a quanto riportato da ‘Gazzetta.it’, la società etnea starebbe puntando a sfoltire la rosa per poi dare l’affondo decisivo per l’ex difensore del Getafe.

    :sciarpa: :sciarpa: :catania: :catania: :salve: :salve: 😆 😆

  55. Ip Address: 79.52.38.222

    Catania: Maxi Lopez vicino all’Al Nasr (La Gazzetta dello Sport)

    “Il Catania può salutare a breve Maxi Lopez: blitz del suo agente D’Amico a Dubai, oggi si potrebbe chiudere con l’Al Nasr. Al suo posto, i siciliani potrebbero stringere per Ardemagni: l’Atalanta lo valuta 4 milioni, si tratta per la comproprietà a 1,5.

  56. Ip Address: 79.52.38.222

    Roma, nuova idea per la difesa: Rolin. Ma occhio al Nacional (Fantagazzetta)

    “Roma, un’idea sudamericana. Constatate le difficoltà incontrate per arrivare a Vlad Chiriches, i giallorossi sarebbero pronti a investire su un altro difensore: si tratta di Alexis Rolin, centrale uruguaiano del Catania, spesso provato anche da terzino sinistro da Maran in questo precampionato. L’indiscrezione è del Messaggero, che suggerisce Rolin come possibile sostituto del partente Leandro Castan; quest’ultimo non sarebbe gradito all’allenatore Garcia, che invece potrebbe rilanciare Rolin: arrivato l’anno scorso in Sicilia per ben 3,5 milioni di euro, l’uruguaiano ha trovato pochissimo spazio, chiuso nel ruolo dagli esperti Spolli e Legrottaglie. La Roma tuttavia dovrà fare attenzione alla concorrenza del Nacional Montevideo. Proprio la squadra in cui Rolin è cresciuto avrebbe chiesto il difensore in prestito, una soluzione che permetterebbe al giocatore di trovare continuità e rilanciarsi.

  57. Ip Address: 79.52.38.222

    Catania, l’appetito vien mangiando: serve migliorare l’anno scorso (TMW)

    ” […] Il Catania non ha più l’uomo che ha fatto innamorare i tifosi, la bandiera, il simbolo della squadra. Ed è partito anche Francesco Lodi, altro calciatore di riferimento per squadra e tifoseria. Ora i tifosi cercano un nuovo beniamino, difficile trovarlo quest’anno, soprattutto perché Gonzalo Bergessio, malgrado la promessa di Pulvirenti del 16 luglio in cui lo dichiarava incedibile, potrebbe dire addio e trasferirsi in Inghilterra. Catania perderebbe così tre idoli in una sola finestra di mercato. In tutto questo si sa, l’appetito vien mangiando. È normale. Se fai bene vuoi fare sempre meglio. Cosentino dunque ha una grossa responsabilità: costruire un Catania all’altezza dell’anno scorso malgrado la partenza di Gomez. La tifoseria guarda il nuovo vice presidente con curiosità, perché rappresenta la novità. E se dovesse fallire, forse, sarebbe un fallimento personale per chi da agente Fifa ha scelto di intraprendere una nuova carriera. A Catania per adesso sembra si respiri entusiasmo e voglia di far bene. Le premesse veranno rispettate?

    Izco: “Possiamo ripetere la scorsa stagione” (TMW)

    “Il centrocampista del Catania Mariano Izco ai microfoni di Sky Sport ha parlato della prossima stagione dicendosi convinto di poter replicare quella appena passata: “Siamo cresciuti tantissimo di anno in anno e vogliamo continuare così. Nell’ultima stagione abbiamo fatto un campionato bellissimo e sarà difficilissimo riconfermarsi, ma ci proveremo comunque. Penso che la squadra si sia rinforzata con l’arrivo di alcuni giocatori importanti e forti, anche se altri se ne sono andati. Possiamo far bene anche in questa stagione”.

    Izco: «La squadra si è rinforzata» (Calcio News 24)

    Izco però potrebbe tornare in Argentina

    “Potrebbe salutare Catania in questa sessione di calciomercato Mariano Izco. Il centrocampista argentino è finito nel mirino di alcune squadre nel suo paese natale e per il Catania sarebbe una perdita importante visto l’apporto che Izco in questi anni ha dato ai rossoazzurri. Intanto però lo stesso centrocampista ha parlato ai microfoni di Sky Sport e ha rilasciato dichiarazioni sulla crescita del Catania. Izco infatti ha affermato quanto segue: «Siamo cresciuti tantissimo di anno in anno e vogliamo continuare così.Sarà difficile riconfermarsi, nella passata stagione abbiamo fatto un campionato che aveva dell’incredibile e quindi non sappiamo se potremo fare altrimenti. Penso che la squadra si sia rinforzata con l’arrivo di alcuni giocatori importanti e forti, altri se ne sono andati ma gli innesti sono pronti a non far rimpiangere i partenti».

    :sciarpa: :catania: :sciarpa: :catania: :salve: :salve: 😆 😆

  58. Ip Address: 79.52.38.222

    VARESE – Tratto da repubblica.it

    “Anche le amichevoli estive pre campionato non sono risparmiate dalla violenza: incidenti tra tifosi sono scoppiati a Varese prima della partita tra la squadra locale (serie B) e il Catania. Secondo una prima ricostruzione, una violenta rissa è scoppiata all’esterno dello stadio Ossola tra due gruppi di sostenitori delle due squadre. Due tifosi del Catania sarebbero rimasti feriti in modo non grave, ma uno di loro ha dovuto essere curato al pronto soccorso. Sono dovuti intervenire i carabinieri per riportare la situazione alla normalità. L’aggressione sarebbe avvenuta perché due anni fa, in occasione di un match di Coppa Italia, agli ultras varesini sarebbe stato impedito di esporre uno striscione nello stadio del Catania. I tifosi etnei presenti in curva sud sono al momento una cinquantina”.

  59. Ip Address: 79.52.38.222

    VARESE – Seconda amichevole della fase settentrionale di ritiro. La settimana dei rossazzurri, ospiti presso il centro sportivo del Novara, si conclude con la due giorni varesotta che vede, come event clou, l’amichevole con la formazione locale, partecipante al campionato di serie B nonché, prima che passasse al Catania, allenata da Rolando Maran. Ennesimo “derby del cuore” per il tecnico rossazzurro che, bando ai sentimentalismi, si gode l’accoglienza ma una volta iniziata la sfida bada all’impellente sostanza. Per i rossazzurri è il secondo impegno contro una formazione professionistica. Reduci dalla bella vittoria in rimonta, proprio contro il Novara, l’intenzione è quella di confermare gli aspetti positivi e testare la bontà del lavoro svolto negli ultimi tre giorni su quelli meno confortanti.

    Anche per questa ragione, al di là di opportunità e stanchezza, alcuni elementi già visti al Piola vengono riproposti nell’undici titolare in distinta all’Ossola. In particolare, Alvarez terzino sinistro, Almiron e Tachtsidis in mediana, Izco nel ruolo di terzino destro (interpretato solo nel secondo tempo contro il Novara), Bergessio punta centrale. Note positive, tutte confermate. L’assetto, 4-3-3, è il medesimo visto nel secondo tempo della sfida vinta sabato scorso in rimonta. Biagianti conferma il suo crescendo di forma, Tachtsidis dimostra sempre maggior confidenza con la squadra nonostante si veda meno, Almiron sorprende per la quantità rapportata ad esperienza e qualità, 90′ a Novara, altri 76′ a Varese. Non sarà il solo, e sarà questo un altro tema della partita. Gli altri, seguono..

    Palla a terra, difesa alta, linee strette, pressing sul portatore, tutto finalizzato alla velocità di giocata nel fraseggio. Barrientos è il profeta. Alla prima vera sfida del suo precampionato, Pitu non delude entrando in tutte le azioni pericolose e suggerendo a Doukara l’assist del vantaggio rossazzurro al 26°. In difesa il Catania soffre poco, giusto un colpo di testa di Pucino su spiovente dalla destra. Sul fronte opposto Izco regge alla meglio su Neto, aiutandosi a volte di mestiere, altre con le cattive. Ma tirando le somme del primo tempo, più Catania, più qualità, in possesso palla, più pericoli, con almeno tre occasioni pericolose sprecate da Almiron e Barrientos. Nel secondo tempo, la fatica comincia a farsi sentire. Mentre il Varese completerà il cambio di tutti i suoi effettivi all’80°, Maran sceglie di giocare sulla stanchezza per testare la tenuta fisica e mentale sotto stress contro un avversario più fresco.

    E’ un esperimento che paga in termni di dati utili per il futuro, meno per quel che riguarda il risultato. Ma un’amichevole giocata il 6 Agosto nell’umido di Varese è più un allenamento che una gara in cui l’unico numero che conta è il punteggio finale. Così, in tre giorni, Alvarez accumula 180′, Spolli 177′, Almiron 166′, Tachtsidis 170′, Bergessio 168′. Nel mentre che il minutaggio scorre, il Varese pareggia e passa in vantaggio con le reti di Momenté e Damonte, mentre il primo tiro nella porta difesa da Bastianoni arriva solo al 30°, e resterà l’unico almeno fino al termine della partita. Maran effettua sei cambi, giusto per dar fiato alla difesa e passare in avanti al 4-2-3-1 che permetta a Barrrientos, esausto, di correr meno, impiegato dietro l’unica punta, deputando ai più freschi Catellani e Keko il diritto di portar avanti il pallone ed il dovere di ripiegare. Proprio al 90°, col fischietto di Mazzoleni pronto a chiudere la contesa, arriva la reazione del Catania, gran conclusione di Keko che spezza i sogni di gloria dei biancorossi evitando a Maran la prima disfatta stagionale, nell’ultimo giorni di ritiro. Giusto perché il risultato non è la prima cosa che conta.. ma comunque la seconda.

    Commenti solo catania tutto il resto e noia :sciarpa: :sciarpa: :catania: :catania: buona notte a tutti :ciao: :ciao: :salve: :salve:

  60. Ip Address: 79.52.38.222

    buongiorno a tutti fratelli dal cuore :catania: Oltre la stanchezza.. Kek(9)o°
    Maran esce indenne da Varese ed imbattuto. Il Catania passa in vantaggio con Doukara nel primo tempo ma viene rimontato dai padroni di casa nel secondo, quando Sottili cambia l’interno undici iniziale prima dell’80° mentre il tecnico del Catania gioca sulla stanchezza facendo accumulare minuti ai suoi. Nel finale, il passaggio al 4-2-3-1 e l’ingresso di Catellani e Keko portano al pareggio a tempo scaduto, rete dello spagnolo. :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :catania: :catania: :catania: :salve: :salve:

  61. Ip Address: 95.251.25.202

    Buongiorno raga’!!! :salve: :salve: :salve:
    Ciao Angelo!!! :ciao: :ciao: :ciao:
    Vabbe’ ieri a Varese non eravamo noi, si sa che sono i carichi di lavoro che sono pesanti.

    Qui Napoli e dintorni, cielo un po’ grigio e temperatura caldissima.

    Buona giornata a tutti!!! :catania: :catania: :catania:

  62. Ip Address: 79.52.38.222

    Stampa: Gli scontri di Varese fanno più notizia del 2-2

    “Scontri premeditati ma con armi improvvisate”. Strano ma tanto emerge dall’odierna rassegna stampa che pone il risultato maturato sul campo, davanti a 2500 spettatori circa, in secondo piano rispetto agli scontri che due ore prima della gara hanno coinvolto una cinquantina di ultras, varesotti e catanesi. I titoli sono tutti per loro.

  63. Ip Address: 79.4.15.37

    Buongiorno a tutti….
    Ciao Angelo, Giorgio…..

    Ciao liama e buona fortuna eri uno dei migliori prima dell’infortunio al ginocchio :ciao:

    Il Calcio Catania S.p.A. rende nota la risoluzione consensuale del legame contrattuale con il calciatore Cristian Ezequiel Llama, che conclude così la sua esperienza in maglia rossazzurra.

  64. Ip Address: 87.11.42.108

    Stampa: Lopez via per meno di quattro milioni
    Il passaggio di Maxi Lopez all’Al Nasr si concretizzerà ad ore. Nell’odierna rassegna stampa, l’attesa per la firma ed i dettagli del contratto che porterà al Catania poco meno di quattro milioni di euro. Dopo Milan e Sampdoria, niente Spagna né Inghilterra per Lopez che giocherà in un nuovo continente.

  65. Ip Address: 87.11.42.108

    Maxi Lopez-Al Nasr, i dettagli (Alfredopedulla.com)

    “Maxi Lopez sta per lasciare l’Italia per trasferirsi all’ Al Nasr, che curiosamente qualche giorno fa aveva anticipatamente risolto il contratto con l’ex bandiera del Catania, Giuseppe Mascara. Nelle scorse settimane il ventinovenne centravanti argentino era stato corteggiato dal Torino, ma i granata non erano riusciti ad addivenire ad un accordo con il Catania, problemi di valutazione oltre che relativi alle modalità di pagamento. Al tirar delle somme, la società etnea, che sperava di ricavare nel complesso 6-7 milioni dalla cessione del giocatore (vincolato fino al 2015), dovrebbe accontentarsi anche di qualcosa in meno di 4 milioni, pur di mettere la parola fine ad una vicenda intricata e che sembrava ormai senza sbocchi. Maxi Lopez vede l’emirato di Dubai…

  66. Ip Address: 87.11.42.108

    ciao ciao liama buona fortuna Catania, doppia regia (La Gazzetta dello Sport)

    “Con Tachtsidis e Barrientos fabbrica di assist

    Il greco «Fermo gli avversari e do la spinta» L’argentino «L’entusiasmo ci farà volare»

    “Meno di 20 giorni all’inizio del campionato: il Catania sarà ancora una lietissima sorpresa, sarà la guastafeste delle big? Le buone intenzioni ci sono tutte, perché, al di là dei risultati delle amichevoli giocate durante il ritiro terminato a Novarello con il test di Varese, finito 22 con gol di Doukara e Keko (e col rammarico per i tafferugli tra tifosi), quel che conta è il progetto tattico che Maran sta perfezionando, per consentire ai vecchi di esprimersi al top, per fare inserire senza trauma i nuovi. Il metronomo Il cambio in regia era la mossa che tutti quanti attendevano alla prova concreta. Visto all’opera in allenamento o in amichevole, il greco Panagiotis Tachtsidis si è distinto per personalità, numeri e umiltà. Nel suo modo di intendere la professione non ci sono confronti col passato e neanche sfide sotterranee per fare dimenticare chissà quali predecessori. «A me interessa lavorare per i compagni, per una squadra ben rodata che ha un modo di agire intenso, efficace. Spero di dare un contributo tentando di frenare le azioni che partono dagli avversari, suggerendo i passaggi per chi si muove nella fase di possesso»». Il fantasista Barrientos, se si parla di singoli, è un altro elemento di riferimento. Ieri a Varese ha ispirato lamanovra in fase di possesso, lanciando splendidamente Doukara per l’10, nel corso del primo tempo. Riconfermatissimo, l’argentino che è stato fedele al club argentino caro al Papa, il San Lorenzo, resta più che mai un riferimento per tutti quanti: «Riparto con entusiasmo, con la voglia di migliorare. Si può tentare, partendo dal traguardo salvezza, primo passo che la società si è imposto. I nuovi? Faranno bene, ci sono tutte le premesse»

    Nuovo Catania il Pitu Barrientos è l’uomo squadra (La Sicilia 06.08.2013)

    “Maggiori responsabilità per il Pitu. Come se gli incarichi precedenti non bastassero. Maran e il Catania sanno che di Barrientos ci si può fidare. Basta accendere la miccia, estremizzando il concetto, basta provocarlo. Quando il fantasista entra in partita, c’è da aspettarsi qualsiasi cosa: un’invenzione illuminante, un gol pazzesco («quello di Lecce mi è rimasto nel cuore»), persino un recupero prodigioso, da difensore onorario. Lo incontriamo, il Pitu, prima del trasferimento del Catania da Novara a Varese, nuova sede degli allenamenti rossazzurri. È rilassato, la voce bassa, il mate – la tisana tipica dei calciatori argentini – condivisa con Andujar. «Parlare? No, non mi va». Attimo di imbarazzo generale, poi la risatina: «Scherzavo, sono qui». E, allora, il ghiaccio è rotto, Barrientos torna timido e misurato nel discutere dei suoi compagni. Il nuovo centrocampo: come cambierà il Catania con Tachtsidis a gestire i tempi di gioco? «Cambiare? Ancora è presto per parlare di cambiamenti. Dovremo sfruttare il talento del greco. Già ha fatto vedere qualcosa. Tachtsidis ha tutto per fare diventare il Catania una squadra importante e lui stesso diventerà un elemento di prestigio». Il greco parte da dietro rispetto alla linea mediana ideale. «Arriveremo alla forma migliore, proveremo ogni situazione di gioco. Del resto, siamo rimasti, grosso modo, il Catania della stagione passata e i nuovi si adatteranno». Fra i nuovi ecco Monzon. Al secondo giorno di allenamento con voi come lo giudica? «Le caratteristiche sono note: spinta sulla fascia, ottima tecnica, gambe di qualità. Sarà importante per noi. Ma non c’è solo lui». Allude alla pattuglia dei terzini. «Infatti. Anche Capuano garantisce esperienza e ha giocato con questa maglia da molto tempo. Lui e Monzon sono ottimi giocatori». Tornando al suo connazionale, lei ha condiviso momenti importanti e lo ha anche sfidato nel campionato argentino. «Verissimo. Ci siamo allenati in Nazionale, prima del mio infortunio. Solo allenamenti, ricordo, ma tanto basta per ricordare quanto fosse forte. Nel campionato argentino ci siamo sfidati in una partita classica, ad alta tensione agonistica. Il mio San Lorenzo e il suo Boca» […] Leto, come lei, è considerato un top player nel Catania. In Serie A, con le novità Tevez e Higuain, il livello del campionato sarà più elevato? «Non credo che il campionato si fosse abbassato di livello, noi che entriamo in campo sappiamo che è durissima giocare qui. Non sarà il più spettacolare del mondo, ma la Serie A, in questo Paese, è sicuramente la più difficile in assoluto».

    forza catania sempre :catania: :catania: :sciarpa: :sciarpa: 😆 😆 :salve: :salve:

  67. Ip Address: 95.251.25.202

    Ciao joe!!! :ciao: :ciao: :ciao:
    Buona fortuna a Llama che prima dell’infortunio era un bravissimo giocatore.

  68. Ip Address: 72.226.121.41

    Mi ricordero’ sempre dei cross di Llama,un giocatore,secondo il parere di molti,di classe decisamente superiore e a cui un un infortunio ha banalmente compromesso la .carriera.Spettacolosa la sua rete contro la samp e assolutamente indimenticabili le manifestazioni di entusiasmo di Simeone in quella occasione.Tutto questo a riprova che in uno sport difficile come il calcio,non bastano le doti ma e’ assolutamente necessaria una perfetta condizione fisica. Per quanto riguarda Maxi,mi auguro che quanto sara’ ricavato dalla sua cessione,sia investito su Ardemagni.SEMPRE FORZA CATANIA

  69. Ip Address: 87.11.42.108

    Tachtsidis, a Roma “fermato” da fischi e vandali
    Le ragioni che hanno fatto dell’anno giallorosso di Panagiotis Tachtisidis l’unico anno “poco felice” di una carriera andata sempre in ascesa. Il dualismo con De Rossi, l’astio del pubblico locale, le scelte di Zeman, i fischi, gli striscioni, persino un atto vandalico. Il tutto in una stagione, l’ennesima, da dimenticare per la Roma.

  70. Ip Address: 87.11.42.108

    CATANIA – In questa prima fase del ritiro può esser definito il giocatore che più ha sorpreso, piacevolmente, sia i tifosi che tecnico e giocatori. Chiunque dei nuovi compagni, chiamato a parlar di lui, dice potrebbe essere la rivelazione di questo Catania, una rivelazione che potrebbe significare per il Catania molto in termini di gioco, equilibrio e risultati. Parliamo di Panagiotis Tachtisidis, 22enne regista, arrivato dal Genoa in comproprietà, nello scambio Lodi. Anche se sarebbe meglio dire, arrivato dalla Roma, visto che col Genoa non ha mai giocato ed a Roma, invece, è cresciuto molto nell’ultimo, intricatissimo anno. Un affare, per il Catania, possibile solo grazie ad alcuni fattori, ambientali, capaci di rendere un giocatore di alto livello alla portata di un club che grande vuole diventarlo, ma senza dilapidare cifre folli. Ma cos’è che è andato storto a Roma?

    Il Catania ha incontrato Panagiotis Tachtisidis una sola volta. Almeno sul campo. Il 13 Gennaio 2013, al Massimino, dopo due gare trascorse in panchina, Tachtsidis viene mandato nuovamente in campo da titolare, con buona pace di De Rossi. Non sarà, quella, una gara memorabile per il regista greco: uomo in meno anche nelle pagelle dei giornali. A dir la verità, a Roma, di partite memorabile, ne giocherà forse una sola, contro il Bologna, a Bologna, firmando la rete decisiva per il 3-3 finale che salverà il risultato, non la panchina di Zeman e nemmeno la sua stagione: pesantemente condizionata proprio dalle scelte del tecnico che tanto fortemente lo volle a Roma, convinto da quanto il giovane regista greco aveva mostrato l’anno passato a Verona, in un campionato che lo vide avversario del Pescara di Zeman, che si coccolava Verratti. Una stagione anomala, quella capitolina, in cui anche i numeri vanno in controtendenza con i giudizi espressi dalla piazza e che, a lungo andare, hanno condizionato lo stesso rendimento in campo del giocatore.

    Basta uno spaccato di “romanità” per comprendere quale clima, un giovane regista di 21 anni, abbia dovuto reggere nella capitale. In Roma-Palermo, del Novembre 2012 “Alla lettura delle formazioni molta indifferenza e tanti fischi quando sul tabellone luminoso sono apparse le foto di Tachtsidis, Osvaldo, De Rossi e Zeman. Esposto uno striscione inequivocabile diretto alla squadra giallorossa: “Continuate ad umiliare questa maglia e chi l’ama la nostra pazienze dura un’altra settimana!”. Come riporta un portale web del mondo tifoso e giornalistico romanista.

    Che c’entri Tachtisidis tra i “grandi” nomi, spesso al centro di polemiche, lo spiega, col senno del poi, un altro stralcio di informazione giallorossa: “Non abbiamo nessuna intenzione di vendere De Rossi“. James Pallotta ieri è stato chiaro, anche se il problema potrebbe essere diverso se fosse De Rossi a non voler restare più, situazione che sposterebbe l’ago della bilancia e anche di molto. Del resto, ritrovarsi in panchina per far spazio a Tachtsidis (con tutto il rispetto per il greco) non deve essere proprio il massimo della vita per chi fino a dieci mesi fa (il contratto fu firmato il 6 febbraio scorso) veniva dipinto come l’uomo simbolo del futuro giallorosso. E proprio «Taxi», in questo momento, è sempre di più nella centrifuga mediatica, visto che viene considerato come una delle cause per cui De Rossi è ai margini […] Nell’occhio del ciclone, dunque, ci sta finendo Tachtsidis: il giocatore più lento della Serie A, impacciato, immaturo per giocare in questa categoria. Insomma, i tifosi giallorossi gliene stanno dicendo un po’ di tutti i colori e i fischi con cui lo accolgono allo stadio sono esemplificativi. Zeman lo predilige finora per la sua predisposizione alle verticalizzazioni (19,38 di media a partita e il 37% di percentuale sui propri passaggi totali contro le 14,20 e il 32% di De Rossi), il che vuol dire però anche una maggiore «fallosità» in termini di passaggi: «Taxi», infatti, finora ne sta sbagliando 7,38 a partita contro i 3,40 di Daniele, anche se ne completa positivamente 36,77 (De Rossi 32,50) e sbaglia meno in fase di rilancio della manovra (3,08, il centrocampista di Ostia sale fino a 5 lanci errati a partita). Insomma, a conti fatti differenze sostanziali e così marcate non se ne avvertono. Ed allora, a maggior ragione, la gente si chiede: perché De Rossi continua a star fuori? Per far giocare questo Tachtsidis qui? Il dubbio andrà avanti a lungo, con buona pace anche di Pallotta (GASPORT – A. PUGLIESE)”.

    Che rende bene l’idea dell’atmosfera e della considerazione, di tifosi ed operatori dell’informazione, in merito alla presenza di Tachtsidis in campo ed ancor più su quella dell’amato De Rossi in panchina. Se non fosse chiaro, a ribadire il concetto arriva il sempre schietto Zeman. Il 20 Gennaio la Roma gioca in casa contro l’Inter. A fine primo tempo “i tifosi – scrive il Corriere dello Sport – erano convinti, quando hanno visto Tachtsidis alzarsi dalla panchina, che Zeman volesse sostituire De Rossi e che non fosse obbligato a farlo. Il risultato è stato che Tachtsidis non ha azzeccato un passaggio in tutto il secondo tempo”. De Rossi venne sostituito per infortunio. Pochi giorni dopo, a poche ore dalla sfida contro la stessa Inter, ma in Coppa Italia, Zeman affonda il colpo:

    “Si è creato dualismo, è normale per me che c’è molta gente più attaccata al concorrente di Tachtsidis, cioè De Rossi. Il ragazzo ci è rimasto male, lo stadio lo ha fischiato, lui è sensibile e ci è rimasto male. Sento accusare Tachtsidis di provenire dalla serie B. Poi però tutti vogliono Verratti che l’anno scorso giocava nello stesso campionato. Ci parlo spesso, cerco di tranquillizzarlo, di farlo stare al meglio. Anche lui deve reagire, deve dimostrare che è da Roma. A me lo ha dimostrato, deve farlo anche agli altri”. A consolare il giovane greco anche il capitano, Totti: “Voglio dare un abbraccio a Taxi (si riferisce appunto a Tachtsidis,ndr), perché il suo momento di difficoltà è il nostro momento di difficoltà: quando sarai chiamato a giocare, so che sarai applaudito perché vesti la maglia giallorossa, quindi siamo tutti una cosa sola…la Roma!”.

    Ma neanche i proclami e le richieste del capitano trovano appiglio. Lo stesso Tachtsidis dirà: “Non è una buona cosa per un calciatore giocare così (domanda sui fischi che gli piovono addosso, ndr), però chiudo occhi e orecchie e vado avanti. I miei compagni mi aiutano tanto e sono fantastici. Non è facile arrivare dalla Serie B in una squadra come la Roma, io però ci provo, do il 100% e provo a migliorare“. Ma l’escalation della contestazione, da discutibile diventa esacrabile quando a Aprile si legge: “Spiacecole episodio per il greco Panagiotis Tachtsidis: alcuni vandali hanno scritto con pennarello indelebile un’offesa sulla sua vettura. Non è la prima volta, purtroppo, che il centrocampista ellenico della Roma si trova a fare i conti con le critiche di qualche tifoso e qualcuno, dalle parole, sembra passato ai fatti“.

    A fine stagione è così naturale che la Roma rinunci a mettersi in gioco per riscattarne la comproprietà dal Genoa. L’addio e le ragioni dell’addio a Tachtsidis sono riassunte bene nell’ultima “velina” giallorossa: “Alla Roma Tachtsidis ha sofferto non poco il vistoso salto di categoria ed anche la pesante responsabilità di dover giocare titolare con gente come De Rossi e/o Pjanic in panchina. Una pressione tutto sommato retta molto bene, nonostante gli ingenerosi fischi piovutigli addosso in qualche occasione. Non è stato certo lui il responsabile del fallimento della stagione romanista. Il problema vero del greco è stato però la sua lentezza, dovuta anche alla stazza, che Zeman, nonostante le promesse, non è riuscito a sovvertire. Potrà crescere Tacsi, come lo chiamavano i suoi compagni, e anche in serie A, perchè è giovane, ha fisico e quel sinistro telescopico non è poi così male“.

    Se Roma “ha fatto la stupida” col giovane regista greco, come direbbe Rugantino, a Catania il compito di confermarsi piazza matura, ideale per la crescita dei giovani di talento, che ne potranno fare le fortune.

  71. Ip Address: 87.11.42.108

    Antonino Pulvirenti, presidente del Catania, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Marte Sport Live. Ecco quanto evidenziato da TuttoNapoli.net: “I nostri giocatori lo sanno, venerdì è l’ultimo giorno per eventuali richieste poi non saranno prese in considerazioni offerte. Non possiamo arrivare coi dubbi alle porte del campionato. Bergessio non è stato richiesto nè dal Napoli nè da altre squadre, sono voci messe in giro ma non c’è nulla di vero. Ribadisco, oltre venerdì non ci sarà altra finestra di mercato. Zuniga? Ha un contratto col Napoli e lo rispetterà con professionalità”.

  72. Ip Address: 95.251.25.202

    Sogni rosso e azzurro a tutti!!! :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  73. Ip Address: 87.11.42.108

    buongiorno a tutti fratelli dal cuore :catania: ciao giorgio che vieni dopo
    CATANIA – Come di consueto proponiamo a tutti i lettori rossazzurri la rassegna stampa con le notizie più importanti presenti oggi nelle edicole nazionali e non. Gli articoli riportati sono stralci degli originali, non volti a sostituirsi a questi, pertanto invitiamo ad approfondire i contenuti presenti acquistando i giornali in rassegna.

    Catania, Maxi Lopez-Al Nasr: manca solo l’ufficialità (Europa Calcio)

    “Maxi Lopez, attaccante ormai ex Catania e Sampdoria, giocherà la prossima stagione con l’Al Nasr. Il club degli Emirati Arabi ha accolto, infatti il giocatore all’aereoporto con la dirigenza praticamente al completo. L’ufficialità del trasferimento è attesa a breve.

    Catania, addio a Maxi Lopez (Corriere del Mezzogiorno)

    “Il bomber a Dubai e sta firmando per l’Al Nasr

    “La «gallina bionda» se ne va. Maxi Lopez saluta definitivamente Catania, per poco più di 4 milioni di euro – nemmeno tanti. L’ex idolo del Massimino, dopo i prestiti al Milan e alla Sampdoria, saluta il club rossazzurro che tanto lo ha valorizzato in serie A e saluta anche l’Italia. L’attaccante è già a Dubai, accompagnato dal suo manager Andrea D’Amico. E lì, negli Emirati Arabi, Maxi Lopez prenderà il posto lasciato libero da Beppe Mascara nel settore offensivo. Mascara, il grande ex, rientra in Italia e trattata con qualche club di B (Trapani, Avellino e Novara), ma è da escludere un suo ritorno al Catania: il club etneo lo accoglierebbe a braccia aperte, ma solo nelle vesti di dirigente.

    Maxi Lopez verso l’Al-Nasr (Panorama)

    L’agente a Dubai per trattare con gli arabi che hanno battuto la concorrenza del Toro

    “Maxi Lopez potrebbe abbandonare preso il campionato italiano per approdare in quello degli Emirati Arabi. L’attaccante argentino ha già salutato i tifosi del Catania e il suo procuratore starebbe per incontrare i dirigenti dell’Al-Nasr per definire gli ultimi dettagli del trasferimento. Pare quindi ormai definitivamente battuta la concorrenza del Torino, che aveva anch’esso messo gli occhi su Lopez.

    Commenti solo catania tutto il resto e noia :catania: :catania: :sciarpa: :sciarpa: :salve: 😆 :ciao:

  74. Ip Address: 79.41.37.63

    Buongiorno raga’!!! :salve: :salve: :salve:
    Ciao Angelo (dopo di te)!!! :ciao: :ciao: :ciao:

    Qui Napoli e dintorni, cielo azzurro con foschia e temperatura un pochettino fresca.

    Buona giornata a tutti!!! :catania: :catania: :catania:

  75. Ip Address: 87.11.42.108

    Catania, sabato antipasto di A con il Cagliari (La Gazzetta dello Sport)

    Giornata di riposo, oggi, per il Catania che si ritroverà a Torre del Grifo domani pomeriggio per riprendere la preparazione. Reduce dal ritiro di Novara e di Varese, la squadra rossazzurra prepara il match di Olbia con il Cagliari (sabato) e per questo motivo venerdì si allenerà due volte. Lo stesso giorno, alle 16,30 è in programma la presentazione dei nuovi acquisti della stagione. :sciarpa: :sciarpa: :catania: :catania: :salve: :salve: 😆 😆

  76. Ip Address: 79.55.38.209

    Buongiorno a tutti pari :salve:

    Niente di nuovo rispetto agli altri giorni se non la partenza di Lopez e Llama.

    Auguri ad entrambi.. :salve:

    Adesso speriamo che i soldi presi con la vendita di Lopez si riesca ad acquistare una buona punta (Ardemagni, come diceva Salvatore)..

    :sciarpa: :sciarpa:

  77. Ip Address: 79.4.15.37

    Buongiorno a tutti…..

    Sarà vero ❓ ❓ ❓ intanto tutti ne parlano….

    Catania, ultimo giorno per l’addio di Bergessio: lunga lista di pretendenti
    08.08.2013 11.00 di Marco Conterio Twitter: @marcoconterio articolo letto 12965 volte

    Le parole di Antonino Pulvirenti, presidente del Catania, sono state chiare su Gonzalo Bergessio. “Non abbiamo esigenze di bilancio, domani è l’ultimo giorno utile per eventuali offerte”. Le dichiarazioni campeggiano anche sull’edizione odierna di Tuttosport, che racconta di come Milan, Napoli, Southampton, Tottenham e Atletico Madrid siano sul ragazzo valutato dagli etnei 9 milioni di euro.
    _______________________________________________________________

    Lazio, possibile scambio di punte con Il Catania
    08.08.2013 08:59 di Renato Imbraguglio

    Il prossimo attaccante della Lazio potrebbe essere Gonzalo Bergessio (27): lo riferisce TuttoSport, secondo cui l’attaccante del Catania potrebbe arrivare a Roma nell’ambito di uno scambio con Libor Kozak (24).
    _______________________________________________________________

    ESCLUSIVA TMW – Catania, aumenta il pressing su Ardemagni
    08.08.2013 13.59 di Gianluca Losco Twitter: @MrLosco articolo letto 3229 volte
    Fonte: Gianluigi Longari

    Secondo quanto raccolto in esclusiva dalla nostra redazione, il Catania avrebbe aumentato il pressing per Matteo Ardemagni. L’attaccante è di proprietà dell’Atalanta, ma è reduce da una buona stagione in prestito al Modena. La punta è stata accostata in Serie A anche ad Udinese e Livorno (oltre ad un possibile ritorno proprio al club emiliano); adesso il Catania sembra essere passato in vantaggio.

  78. Ip Address: 72.226.121.41

    Premesso che Kozak e’ un gocatore che mi e’ sempre piaciuto per le sue caratteristiche fisiche[e’ fortissimo di testa e puo’ essere decisivo in ogni momento della partita],desidero esprimere il mio parere su un eventuale[chissa’ quanto veritiero] scambio con Bergessio. .Ho sempre considerato Kozak un buon elemento ma ci deve essere un motivo perche’ in tanti anni di militanza biancoceleste,non e’ mai riuscito a conquistare un posto da titolare.Io lo lo definisco solo un rincalzo di lusso,un giocatore da coppe,un giocatore che entra nella seconda parte dell’incontro e riesce a volte a lasciare il segno.Si,e’ 5 anni piu’ giovane di Gonzalo e potrebbe giocando da titolare fisso esplodere ma questo e’ tutto da vedere.Teniamoci quindi il nostro Gonzalo che potrebbe battere il record di Mascara[[piu’ reti nella massima divisione]’ e ancora una volta ripeto che dobbiamo cercare un’alternativa a Bergessio e non un giocatore che lo sostituisca al comando del nostro attacco.Sono gia’ partiti Marchese,Lodi,e Gomez e sono arrivati i sostituti che noi ci auguriamo non li faranno rimpiangere e quindi e’ meglio chiudere i battenti a un’altra cessione.SEMPRE FORZA CATANIA

  79. Ip Address: 79.4.15.37

    Ciao Salvatore,
    la società ha dato l’ultimatum per un eventuale offerta fino a venerdi domani.
    Staremo a vedere cosa viene fuori, bisogna anche dire che 9 milioni sono buoni per Bergessio…..
    Ma se arriva Kozak e un altro attaccante buono (non Ardemagni che è una scommessa)
    sono più che contento 😀 😀

  80. Ip Address: 90.96.85.213

    Buongiorno a tutti pari

    Riposo lavorativo in quest’ultima settimana, ora lasciando perdere chi parte e chi va, sono d’accordo sia con Joe che con Salvatore, con Joe per i 9 milioni, che penso non otterrà mai , poi da Lotito? io sono più propenso sempre che lo cedono al Milan accanto a Balotelli farebbe sfracelli per il Catania abbiamo Leto che lo sostituirebbe al 1000%

  81. Ip Address: 90.96.85.213

    Con Salvatore riguardo la sua valutazione su Kozak

  82. Ip Address: 79.4.15.37

    Ciao Chiarezza, ma anche con 7 milioni va bene uguale, possiamo comprare uno forte e facciamo una bella plusvalenza, spero che il Catania non faccia lo stesso errore con Maxi quando si poteva cedere per 12 milioni 😉 😉

  83. Ip Address: 79.41.37.63

    Buonasera raga’!!!
    Ciao Angelo, Salvatore, joe e Chiarezza!!! :ciao: :ciao: :ciao:

    Copia e incolla da Lazialità.it

    Questa mattina il “Corriere dello Sport” aveva lanciato un’ipotesi di mercato alquanto ardita: scambio tra Kozak e Bergessio con il Catania. Probabilmente a molti tifosi laziali avrà fatto piacere l’idea, infatti la punta argentina dei siciliani lo scorso anno ha realizzato 13 gol, conditi da prestazioni sempre determinate e decise. La redazione di Lazialità ha raggiunto in esclusiva il direttore sportivo degli etnei, Giuseppe Bonanno, per fare chiarezza sulla situazione. “Improponibile – ha esordito -, per noi Bergessio è un grande valore e non potremmo privarci così di un giocatore su cui abbiamo creduto ed investito a lungo. Non c’è assolutamente nulla di vero nell’ipotesi di uno scambio con Kozak, oltretutto non ho sentito nessuno della Lazio”. Il ds ha stroncato sul nascere qualsiasi possibilità di scambio, oltre che di contatti con la società di Lotito.

  84. Ip Address: 79.41.37.63

    Notte rosso e azzurro a tutti!!! :catania: :catania: :catania:

  85. Ip Address: 87.11.42.108

    buongiorno a tutti fratelli dal cuore :catania: ciao giorgio che vieni dopo di me 😆 Stampa: Ultimatum e giorni decisivi
    Stando alle dichiarazioni del presidente Pulvirenti, scade quest’oggi il termine per presentare un’offerta ed aprire una trattativa riguardante uno dei pezzi pregiati dell’organico di Maran. Nell’odierna rassegna stampa riecheggia la parola ultimatum per il mercato in uscita, mentre per quello in entrata si parla ancora di giorni decisivi. :sciarpa: :sciarpa: :catania: :catania: :salve:

  86. Ip Address: 87.11.42.108

    Ag. Fernandez: “Prossimi giorni decisivi” (Napoli Magazine)

    “Catania, Genoa, Bologna e Fiorentina. Queste le squadre alle quali è stato accostato nelle ultime ore Federico Fernandez (24), difensore argentino che potrebbe lasciare Napoli per trovare maggiore continuità in vista del mondiale in programma la prossima estate in Brasile. Contattato dalla redazione di Tuttomercatoweb.com, l’agente dell’ex Getafe ha fatto il punto sul suo assistito: “Circolano tanti rumors su Fernandez, ma al momento non c’è nulla di concreto – ha spiegato il procuratore Gustavo Goni -. La decisione finale sulla permanenza o meno, spetta al club azzurro”.

    Catania, ritorno a Torre del Grifo (Live Sicilia)

    “Tra rumors di mercato, presentazioni ufficiali e l’amichevole di sabato sera col Cagliari.

    ” Va detto che nelle ultime ore si sono scatenate una ridda di voci su Gonzalo Bergessio. C’è chi lo vorrebbe alla Lazio (soldi più Kovac); chi lo dà al Napoli. La realtà delle cose dice che, almeno al momento, si tratta di chiacchiere da bar. Quella che si è concretizzata, invece, è la rescissione del contratto tra il sodalizio rossoazzurro e Cristian Ezequiel Llama che sta per firmare per i messicani dell’Atletico Rafaela.

    Catania, ultimo giorno per l’addio di Bergessio: lunga lista di pretendenti (TMW)

    “Le parole di Antonino Pulvirenti, presidente del Catania, sono state chiare su Gonzalo Bergessio. “Non abbiamo esigenze di bilancio, domani è l’ultimo giorno utile per eventuali offerte”. Le dichiarazioni campeggiano anche sull’edizione odierna di Tuttosport, che racconta di come Milan, Napoli, Southampton, Tottenham e Atletico Madrid siano sul ragazzo valutato dagli etnei 9 milioni di euro.

    L’ultimatum (La Gazzetta dello Sport)

    “Entro oggi le cessioni eccellenti

    Molti dubbi, Pulvirenti decide quale Catania dare a Maran

    “Un ultimatum firmato dal presidente. Poche ore e alla voce «cessioni eccellenti», il Catania piazzerà una sbarra, oltre la quale sarà difficile, anzi impossibile accedere. Antonino Pulvirenti, per non snaturare il lavoro di Maran, ha posto un limite sulla possibile partenza di calciatori di prima fascia: «Venerdì sarà il termine ultimo per lasciare andare un… Bergessio, tanto per citare il nome di un attaccante che è tornato sulla bocca di tutti». Punte in esuberoA parte il futuro di Biagianti (Livorno o resta alla base?) c’è un lotto di attaccanti che il Catania sta cercando di capire se piazzare o tenere alla base. Una lista molto lunga: Morimoto, Donnarumma, Keko, Doukara, Catellani, senza tener conto di Maxi Lopez, ormai a Dubai, nell’Al Nasr. E senza parlare di Bergessio perché non è uno di troppo. Al contrario, diventa, ogni ora che passa, sempre più possibile una sua conferma nella rosa di prima squadra. Il punto è che Maran, dopo aver visto all’opera Keko, Doukara e Catellani, aspetta un cenno della società per capire se saranno ceduti o se potranno formare la pattuglia di riserve dei vari Castro, Leto, Bergessio, Barrientos. Maran. «Vedremo che cosa deciderà la società, se sarà meglio farli giocare altrove o se tenerli alla base dice Maran . Io li giudico per quello che fanno e sono tutti in crescita».

    Commenti solo catania tutto il resto e noia :catania: :catania: :sciarpa: :sciarpa: 😆 😆 :salve: :salve:

  87. Ip Address: 95.234.194.249

    Buongiono raga’!!! :salve: :salve: :salve:

    Ciao Angelo!!! :ciao: :ciao: :ciao:

    Qui Napoli e dintorni, cielo grigio con leggero vento e temperatura calda.

    Buona giornata a tutti!!! :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  88. Ip Address: 90.96.169.41

    buongiorno a tutti pari

    Ve lo dico io che Lopez quest’anno fa 20 gol col Catania 😆 😆 😆 😆

    Maxi Lopez, salta il trasferimento in Qatar
    Milano, 09 agosto 2013

    Il centravanti argentino non ha trovato l’accordo con l’Al Nasr
    Niente Qatar per Maxi Lopez. Il centravanti argentino, proprio al momento della stretta finale, non ha raggiunto l’accordo con l’Al Nasr. A questo punto, il suo futuro rimane un’incognita: adesso dovrebbe riaggregarsi al Catania, in attesa di una sistemazione.

    Gasport

  89. Ip Address: 95.238.35.1

    ciao chiarezza ma e vera questa notizia

  90. Ip Address: 95.238.35.1

    chiarezza o visto il video in questo momento e vero che max e in italia forza catania sempre :catania: :catania: :sciarpa: :sciarpa: 😆 😆 :salve: :salve:

  91. Ip Address: 95.238.35.1

    Colpo di scena a Dubai: l’accordo tra l’attaccante del Catania, Maxi Lopez e l’Al Nasr è saltato come spiega il giornalista di Sky, Peppe Di Stefano. Il giocatore attualmente è in viaggio verso Catania dove si unirà al gruppo rossazzurro e sarà a disposizione di mister Maran. Il futuro della punta argentina si fa sempre più incerto visto che in Italia non ci sono al momento club disposti ad investire tanti soldi per avere l’ex della Sampdoria. Tra l’altro il rapporto con una parte della tifoseria etnea non è più come qualche anno fa.

  92. Ip Address: 95.238.35.1

    chiarezza non o avuto dubi su di te ma dei giornalai si come sai ne sparano tante un sincero abbraccio :sciarpa: :sciarpa: :catania: :catania: :salve: 😆

  93. Ip Address: 95.238.35.1

    Si attendono ancora novità per quanto concerne il nuovo Main sponsor del Catania. Dopo il rinnovo dell’accordo con Givova per la parte tecnica, adesso la società dell’Elefante intende raggiungere un’intesa per il marchio principale. Secondo informazioni raccolte da TuttoCalcioCatania.net, il club rossoazzurro ha avviato diversi contatti ma finora ha ricevuto proposte economicamente poco allettanti, lontane dalla richiesta di un milione di euro. (TuttoCalcioCatania.net)

  94. Ip Address: 72.226.121.41

    Qui in america lo chiamiamo ibreaking news e cioe’ una notizia a ciel sereno e in certo qual modo inaspettata.Tutti ormai avevamo accettato il trasferimento di Maxi nei paesi arabi e pensavamo che la societa; potesse con i soldi derivanti dalla cessione,acquistare un’alternativa a Bergessio e invece……Noi tutti tifosi ricordiamo i primi 6 mesi di Maxi in maglia rossoazzurra[io personalmente mi trovavo in Italia nel maggio del 2010 e ho assistito alla partita col genoa vinta con una rete di Maxi.Non so per quale motivo e credo che neppure il giocatore lo sa perfettamente ma dopo quei mesi fantastici non ebbero un seguito.Ho visto in televisione la partita giocata con la maglia della samp,partita disputata contro la nostra squadra e Maxi mi ha impressionato favorevolmente.Nella vita tutto e’ possibile e forse e’ possibile una ricucitura con la squadra e forse Maxi tornera’ quello di prima [anche se ora piu’ vecchio di 3 anni] peche’ le doti non si discutono ma si discute la sua volonta’ di sacrificio e di adattamento a una realta” che fu sua in passato.Mi auguro che la societa’ e il giocatore prendano di comune accordo una decisione che sia produttiva per la nostra compagine.SEMPRE FORZA CATANIA

  95. Ip Address: 95.235.29.107

    Salve raga’!!!
    Ciao Angelo, Salvatore e Chiarezza!!! :ciao: :ciao: :ciao:

    MARAN DEVE RINUNCIARE A NOVE ELEMENTI PER L’AMICHEVOLE CONTRO IL CAGLIARI

    Tante le assenze per la formazione rossazzurra. In difesa mancheranno Bellusci e Capuano, a centrocampo Almiron, Freire, Castro e Leto, mentre in attacco non ci saranno Maxi Lopez, Morimoto e Catellani. Il Catania partirà per la Sardegna domani mattina e rientrerà domenica; per il prezioso test contro la compagine rossoblù, 19 i rossazzurri a disposizione di mister Maran:

    Portieri – Andujar, Frison.

    Difensori – Alvarez, Cabalceta, Gyomber, Legrottaglie, Monzon, Rolin, Spolli.

    Centrocampisti – Barrientos, Biagianti, Izco, Tachtsidis.

    Attaccanti – Barisic, Bergessio, Donnarumma, Doukara, Keko, Petkovic.

    Notte notte a tutti!!! :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  96. Ip Address: 79.30.32.241

    buongiorno a tutti fratelli dal cuore :catania: ciao giorgio buona spesa 😆 PLV: “Felice per gli oltre 10.000 abbonati, e che Lopez resti, vi spiegheremo..”

    “Ci siamo migliorati, almeno a mio avviso. Vedremo cosa dirà il campo. Sono contento che Lopez sia rimasto. Parlerò con lui, voglio capire bene il suo problema famigliare. Se come penso rimarrà a Catania vi spiegheremo tutto, anche quanto accadde due anni e mezzo fa. Sono contento del lavoro di Cosentino e Bonanno, i 10.000 abbonati sono testimonianza di aver operato bene”.
    :sciarpa: :catania: :salve:

  97. Ip Address: 79.30.32.241

    MASCALUCIA – Estratti dalla conferenza di presentazione dei tre nuovi acquisti del Catania.

    Antonino Pulvirenti (presidente Calcio Catania): “”Dieci minuti di attesa per ragioni logistiche legate all’allenamento. Grazie a chi è qui per passione e per lavoro. Questi ragazzi sono da tempo con noi. Freire era una di quelle operazioni concluse tempo fa ma che non abbiamo potuto svelare prima. Monzon abbiamo chiuso la trattativa tempo fa. Sono giocatori che abbiamo voluto fortemente. Abbiamo puntato su di loro. Tachtsidis prende il posto, in teoria di Lodi, dovrà dimostrarlo sul campo. Monzon di Marchese. Freire dovrà cercare di fare quante più partite possibile. Secondo me abbiamo migliorato la squadra dal punto di vista qualitativo ed anagrafico. Abbiamo prodotto investimenti importanti. Monzon e Freire sono a titolo definitivo, Tachtsidis anche per quel che riguarda la comproprietà. Ringrazio Cosentino per aver condotto tutte queste operazioni in entrata ed in uscita. Credo che abbiamo concluso qua con le operazioni in ingresso come in uscita.

    “Sono contento che Lopez sia rimasto a Catania. Io farò una conferenza su Lopez. Voglio parlare con lui, voglio sentire quel che ha da dire in merito al suo problema famigliare e poi vorrei che lui raccontasse a tutti quel che è accaduto tre anni fa. Aspettiamo che la situazione si chiarisca. Vi dirò esattamente come stanno le cose.

    “Il primo nostro pensiero deve essere la salvezza. Noi non facciamo proclami. A Gennaio avevamo già dato un ultimatum. A Luglio abbiamo parlato con tutti. I giocatori lo sanno, oggi scade il termine, da domani è chiuso tutto. Non se ne parla più da domani, lo sanno bene anche i giocatori. Potete scrivere quel che volete, anche di colloqui con un altro presidente che non sono veri. Non siamo il Real Madrid, non possiamo comprare un giocatore all’ultimo giorno, dobbiamo inventarci gli acquisti, avere tempo. Vedete quanto tempo hanno richiesto quelle Monzon e Tachtsidis. Non so cosa succederà, se arriverà qualcun altro. I nostri giocatori capiscono bene che deve esserci un termine. Non è arrivato nulla e non penso arriverà nulla quindi penso che il discorso uscita sia chiuso.

    “Stiamo parlando con tutti i giocatori. Ognuno ha una sua storia ed una sua età. Per quelli per cui la società ha interesse penso si troverà una soluzione, c’è chi deve dimostrare di valere il contratto e chi invece è destinato ad andar via. Ma un caso Marchese vi assicuro non si verificherà più.

    “Stadio? Il caso Udinese è diverso da quello Catania, come lo è quello della Juventus. Sono stadi già serviti, ubicati nelle periferie. Il Massimino non può prestarsi a ristrutturazioni. Pensare di costruire uno stadio ex novo è impossibile. Vedete cosa è successo a Cagliari. Senza una normativa chiara inutile pensare di iniziare un discorso simile.

    “Volevo un abbonamento in più rispetto all’anno scorso. Abbiamo superato quota 10.000, è un dato molto incoraggiante.

    “Cosentino sta facendo quel che mi aspettavo, insieme a Bonanno. Adesso vedremo i fatti. Bisognava cambiare qualcosa e credo ci stiamo riuscendo alla grande, siamo su una ottima strada. Penso di aver fatto la scelta giusta. Vedremo col tempo.solo catania tutto il resto e noia :catania: :catania: :sciarpa: :sciarpa: 😆 :salve:

  98. Ip Address: 79.30.32.241

    Stampa: Lopez+Bergessio, il progetto di Pulvirenti
    Il presidente Pulvirenti chiude le porte. Bergessio resta dentro, potrebbe restarci anche Maxi Lopez. Nell’odierna rassegna stampa, si definisce il progetto tecnico immaginato dal presidente del Catania: un attacco con Bergessio e Maxi Lopez. Ma la realtà è ancora lontana, e se Bergessio è certo di restare, non altrettanto può dirsi con Maxi Lopez.

  99. Ip Address: 79.30.32.241

    Catania, Pulvirenti: “Maxi Lopez e Bergessio restano” (Calciomercato.it)

    Il presidente dei siciliani toglie dalla lista dei partenti i due attaccanti

    “Bergessio e Maxi Lopez non si muovono da Catania: è il presidente degli etnei Pulvirenti a palare dei due attaccanti argentini. In conferenza stampa il patron rossoazzurro spiega: “Sono contento che Maxi Lopez resti con noi. Organizzerò una conferenza stampa con lui per spiegare tutto quello che è successo in questi tre anni. Oggi scadeva il termine che ci eravamo imposti per la cessione dei titolari: non siamo il Real Madrid che può comprare calciatori alla fine del mercato. Bergessio? Non ne ho parlato con nessun presidente, resta qua”

    CATANIA (TMW)

    “Si balla sulle punte – “Sono felice se Maxi Lopez resta con noi e nei prossimi giorni terrò una conferenza stampa per chiarire alcune cose. Maxi prima deve sistemare un suo problema familiare, poi diremo cosa è successo due anni fa con una piccola parte di tifosi”. Ha detto il presidente del Catania Antonino Pulvirenti in conferenza stampa. Il patron dei rosazzurri oltre alla situazione di Maxi Lopez ha parlato anche di Bergessio: “Tempo scaduto non lo vendiamo più. Non siamo il Real Madrid e non abbiamo una forza economica per acquistare un nuovo giocatore in pochi giorni. Rinnovi? Ci stiamo pensando perché non vogliamo che si ripeta un caso Marchese”.

    Maxi Lopez e Bergessio restano a Catania (Europa Calcio)

    E’ il presidente Pulvirenti a mettere i due giocatori fuori dal mercato

    “Durante la presentazione dei nuovi acquisti del Catania Monzon, Freire e Tachtsidis il presidente degli etnei è intervenuto mettendo la parola fine alle voci di mercato che volevano Bergessio e Maxi Lopez lontani dalla Sicilia. Si spengono così le speranze dell’Al-Nasr e della Lazio, le squadre che avevano messo nel mirino i due giocatori. Secondo quanto riportato da gazzetta.it il presidente Pulvirenti avrebbe aggiunto: “Farò una conferenza stampa con Maxi Lopez nella quale spiegherò il rapporto tra noi e il giocatore”.

    Calciomercato Catania (Focus Calcio)

    “Nel giorno dell’improvviso dietro front di Maxi Lopez, il presidente Pulvirenti approfitta delle presentazioni di Freire, Monzon e Tachtsidis per fare il punto sul futuro dell’ex attaccante di Milan e Sampdoria: “Personalmente sarei contento se Maxi rimanesse con noi. Il ragazzo deve sistemare un piccolo problema familiare, ma poi organizzerò con il ragazzo una conferenza stampa per spiegare a tutti i tifosi quello che è successo negli ultimi tre anni, tra prestiti e ritorni”. Il presidente fa anche suonare il gong per il mercato in uscita. Porta chiusa alla Lazio, quindi, che sognava l’aggancio a Gonzalo Bergessio: “Oggi scadeva il termine che la società si era imposta per le cessioni dei titolari: non partirà più nessuno. Noi non siamo il Real Madrid che può comprare giocatori all’ultimo istante. I big che sono qui non si muoveranno. Bergessio? Smentisco categoricamente di aver parlato di lui con un presidente”. L’ultima battuta è per i rinnovi di contratto: sono due, lo stesso Bergessio e Barrientos, i big in scadenza nel 2015 e Pulvirenti annuncia l’immediato inizio delle trattative, per “evitare un altro caso Marchese”.

    Pulvirenti: «Stiamo a posto così» (Il Corriere dello Sport)

    “Il presidente rossazzurro presenta i nuovi acquisti e rivela: «Credo di aver migliorato la squadra dal punto di vista qualitativo ed anagrafico, facendo investimenti importanti, il mercato finisce qui»

    “Il presidente del Catania, Antonino Pulvirenti, è raggiante alla conferenza stampa di presentazione dei tre nuovi arrivi rossazzurri: «Questi ragazzi sono da tempo con noi. Freire era una di quelle operazioni concluse diverse settimane fa ma che non abbiamo potuto svelare prima, anche per Monzon l’accordo era già stato trovato, prenderà il posto di Marchese: insomma sono giocatori che abbiamo voluto fortemente. Abbiamo puntato su di loro, Tachtsidis ha lo stesso ruolo di Lodi, dovrà dimostrare sul campo di essere all’altezza. Credo di aver migliorato la squadra dal punto di vista qualitativo ed anagrafico, facendo investimenti importanti. Ringrazio Cosentino per aver condotto tutte queste operazioni in entrata ed in uscita. Abbiamo concluso il nostro mercato, i giocatori lo sanno, oggi scade il termine, da domani è chiuso tutto, non siamo il Real Madrid, non possiamo comprare un giocatore all’ultimo giorno, stiamo a posto così».

    Maxi Lopez resta: no all’Al-Nasr (Repubblica.it)

    “L’argentino cambia idea e dice no al club degli Emirati Arabi. Il presidente Pulvirenti: “Sono contento, può essere un valore aggiunto”. E il n.1 del club rossoazzurro dà l’ultimatum alle big per Bergessio

    ““Bye Bye Dubai”, potrebbe esserci scritto su una cartolina inviata questo pomeriggio da Torre del Grifo: mittente Maxi Lopez (di nuovo agli ordini di Maran), destinatario il club emiro Al – Nasr. Anche nel giorno della presentazione ufficiale di Monzon, Tachtsidis e Freire, a tener banco c’è sempre la telenovela Maxi Lopez. Fino a poche ore fa l’attaccante argentino era dato per ceduto agli arabi dell’Al Nasr, salvo poi constatarne il repentino rientro a Catania, dovuto alle perplessità manifestate dal calciatore sul prosieguo della carriera in un calcio minore, oltre che per il disaccordo sull’ingaggio. E ora cosa succederà ? “Sono contento che Lopez sia rimasto a Catania – dice il Presidente Pulvirenti – perché lui per noi può essere un valore aggiunto. Voglio parlare con lui, voglio sentire quel che ha da dire in merito al suo problema familiare e poi vorrei che lui raccontasse a tutti quel che è accaduto due anni fa (prima del trasferimento al Milan, ndr). Farò una conferenza stampa su questo argomento”.

    Catania, niente cessioni ma ritorni: “Bergessio non si vende più, Maxi Lopez potrebbe restare” (Goal.com)

    “Il presidente del Catania ha affermato che l’attaccante argentino ex-Saint Etienne resterà ancora al centro dell’attacco rossoazzurro. Gonzalo Bergessio resterà anche nella prossima stagione a fungere da perno dell’attacco del Catania. Lo ha confermato il patron siciliano Antonino Pulvirenti, il quale ha anche parlato del futuro di Maxi Lopez, che non è più andato all’Al Nasr dopo che la trattativa sembrava praticamente definita. “Per Bergessio è scaduto il tempo per poterlo prendere. Non siamo certo il Real Madrid, non abbiamo la forza economica delle grandi squadre che possono permettersi di cedere un pezzo importante della squadra e poi comprarne un altro. Stiamo pensando anche ai rinnovi perchè non vogliamo che si presenti un altro caso Marchese”. Si è parlato anche del caso Maxi Lopez: “Sono felice se potrà restare a giocare con noi, nei prossimi giorni ho intenzione di fare una conferenza stampa perchè voglio chiarire alcune cose. Maxi prima ha un problema in famiglia da sistemare, successivamente diremo cosa è successo due anni fa con qualche parte della tifoseria”.

    Pulvirenti blinda Bergessio Ecco i nuovi gioielli etnei (Live Sicilia)

    “Presentati Monzon, Freire e Tachtsidis. Il patron Pulvirenti: “Non credo ci saranno altre operazioni, compreso Bergessio che resterà con noi così come Maxi Lopez che rappresenta un valore aggiunto”.

    “Affollata conferenza stampa a Torre del Grifo: il presidente del Catania, Nino Pulvirenti si coccola gli ultimi arrivati in casa rossazzurra, Monzon, Freire e Tachtsidis e insieme con il suo “braccio destro” Pablo Cosentino apre le…danze. “I nuovi cercheranno di non far rimpiangere coloro che hanno scelto altre strade -esordisce il massimo dirigente rossoazzurro – e credo che nel complesso abbiamo migliorato il tasso tecnico della squadra, almeno sulla carta. Anche dal punto di vista anagrafico la situazione è migliore in quanto è stata abbassata l’età media del parco giocatori. Abbiamo fatto degli investimenti importanti prendendo questi calciatori a titolo definitivo. Siamo convinti di aver fatto un buon investimento. Non credo ci saranno altre operazioni, compreso Bergessio che resterà con noi così come Maxi Lopez che rappresenta un valore aggiunto. I nuovi si integreranno facilmente, noi c’è la mettiamo tutta. La squadra e’ più forte dello scorso anno ma il primo obiettivo resta la salvezza e poi si vedrà. Restiamo con i piedi per terra”.

    Pulvirenti toglie Bergessio dal mercato: “Resta qui” (Lazio News 24)

    Spente sul nascere le voci riguardanti un possibile scambio Kozak-Bergessio tra la Lazio ed il Catania. La parola fine è arrivata da Antonino Pulvirenti, che oggi in conferenza stampa ha fatto chiarezza sulle indiscrezioni circolate negli ultimi giorni riguardo l’attaccante argentino e la possibile operazione di mercato con la società biancoceleste: “Bergessio non va via. Il tempo è scaduto, quindi non lo vendiamo più. Non siamo come il Real Madrid: non abbiamo le disponibilità economiche per intervenire sul mercato in poco tempo”, ha dichiarato il presidente del club etneo

    :sciarpa: :sciarpa: :catania: :catania: 😆 😆 :salve:

  100. Ip Address: 95.239.20.40

    Buongiorno raga’!!! :salve: :salve: :salve:
    Ciao Angelo!!! :ciao: :ciao: :ciao:
    Spesa un po’ lunga!!! :piangere: :piangere: :piangere:
    Qui Napoli e dintorni, cielo parzialmente grigio, ieri sera pioggia forte con allagamenti a go-go’, temperatura fresca.

    Ieri ho visto la conferenza stampa del filmato di presentazione dei nuovi acquisti.
    Max e’ una sorpresa per me che rimanga e lo spero.
    Taxi gia’ era nel mirino del Catania che poi quel furbo di Preziosi ha voluto scambiarlo con Lodi, il Catania pensa al futuro mentre il Genoa alla bisogna.
    Forse ci sara’ qualcuno in entrata dopo che Cosentino ha detto che stanno valutando qualche giocatore.

    Buona giornata a tutti!!! :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  101. Ip Address: 79.30.32.241

    Il Catania torna alla base Domani amichevole contro il Cagliari (Blog Sicilia)

    “Rientrati in sede dopo, la parentesi di Novarello e le amichevoli contro Novara e Varese, i rossazzurri hanno ripreso a pieno ritmo il ritiro precampionato. Dopo l’allenamento pomeridiano di ieri che ha battezzato il ritorno a Torre del grifo, gli uomini di Maran sono attesi da una doppia seduta odierna. Sessione che in parte sarà dedicata all’analisi e alla preparazione, nei minimi dettagli, dell’amichevole in programma di domani contro il Cagliari: si gioca alle 21 ad Olbia. La sfida contro i rossoblu guidati dal duo Lopez-Pulga costituisce il primo test contro una parigrado ed pertanto è particolarmente attesa. :catania: :catania: :catania: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: 😆 😆 :salve:

  102. Ip Address: 90.96.185.143

    buongiorno a tutti pari

    Saro’ duro di comprendonio ma il mio vero Catania a poco a poco si va componendo e penso anche quello di Mara, il quale sempre a prediletto il 4-4-2 ed allora cosa ne pensate

    —————Andujar
    Alvarez—Bellusci—Spolli—-Monzon
    Izco——-Barrientos–Almiron o Tachidisis —Castro
    ———-Bergessio—Lopez o Leto

    Senza contare riserve come Freire Biagianti Legrottaglie Rolin e tutti gli altri

    L’anno scorso i veri titolari erano 14 oggi c’è ne sono minimo 18 che possono tranquillamente giocare e Maran puo’ fare tutti i moduli che vuole e sono sicuro che con
    Lopez in campo Bergessio sarà più utile alla squadra senza arrivare spompato al tiro :catania: :catania: :catania: :catania: :catania:

  103. Ip Address: 95.239.20.99

    Ciao Chiarezza!!! :ciao: :ciao: :ciao:
    Quello che scrivevi in questi giorni era vero, punto e a capo.

    Su Taxi , su Max , se resta, ergo alla luce del sole cioe’ i tuoi scritti le parole di Cosentino e quelle del Presidente mi trovano d’accordo, anche se su palle inattive dobbiamo migliorare.

    Buona serata a tutti!!! :catania: :catania: :catania:

  104. Ip Address: 90.96.10.79

    Ciao Giorgio
    Quest’anno sia Barrientos che Monzon faranno un sacco di gol su palle inattive, ti raccomando anche Almiron :salve: :salve: :salve:

  105. Ip Address: 95.235.146.163

    Buon pomeriggio a tutti :salve:

    Ciao Giorgio, Joe, Angelo, Chiarezza, Salvatore, Matteo…… e tutti gli altri.. 😀

    Non so se augurarmi che Lopez rimanga o no ❓

    Comunque, come dice Pulvirenti e come dice Chiarezza: sarà un valore aggiunto.

    Sempre forza Catania! :sciarpa:

  106. Ip Address: 95.239.20.99

    Salve raga’!!!
    Capito ti ho Chiarezza!!! 😆 😆 😆
    Ciao Mongibello!!! :ciao: :ciao: :ciao:

    sabato 10 agosto 2013

    In diretta dalle 21.00, su calciocatania.it, la telecronaca di Cagliari-Catania
    “Antipasto” di Serie A allo stadio “Nespoli” di Olbia: stasera in programma Cagliari-Catania, settima amichevole del pre-campionato rossazzurro. Calciocatania.it ripropone un servizio esclusivo molto apprezzato dai tifosi e dagli appassionati: alle 21.00, telecronaca diretta dell’incontro, sul nostro sito.

    P.S.
    Il mio nipotino rompino mi ha detto che non me la fa vedere, managgia!!! :incavolato: :incavolato: :incavolato:

  107. Ip Address: 72.226.121.41

    Perdere anche se in amichevole non piace a nessuno ma tenuto conto della formazione che il CATANIA ha schierato a Cagliari e tenuto conto dei tanti assenti,possiamo ritenere quella di Cagliari una tappa positiva perche’ la nostra squadra ha ancora una volta dimostrato di non accettare la sconfitta senza lottare.Preoccupa ,peraltro,il rendimento difensivo ma credo che tutto si potra’ aggiustare quando tutti i titolari saranno in campo.L’unica nota negativa che trapela da questa partita e’ il troppo agonismo da ambedue le parti e dire che ancora non ci sono i 3 punri in palio…SEMPRE FORZA CATANIA

  108. Ip Address: 79.47.8.167

    Buongiorno raga’!!! :salve: :salve: :salve:
    Ciao Salvatore e Angelo che verra’ dopo!!! :ciao: :ciao: :ciao: :ciao:
    Qui Napoli e dintorni, cielo azzurro e temperatura calda.

    Ieri ho visto solo l’ultima parte della partita Cagliari-Catania sul 2 a 1 per il Cagliari.
    Come scrive Salvatore troppo agonismo tra le due squadre.
    Ho visto bene la nostra squadra giocare solo prendere gol su palle inattive fa male specialmente quella all’ultimo minuto di Nene’ (questo c’e’ l’ha con noi).

    Comunque siamo una squadra viva e quando il Mister trovera’ la quadratura del cerchio specialmente in difesa siamo a posto.

    Buona domenica a tutti!!! :sciarpa: :catania: :sciarpa: :catania: :sciarpa: :catania:

  109. Ip Address: 95.235.46.149

    buongiorno a tutti fratelli dal cuore :catania: ciao salvatore giorgio e tutto il resto da cumacca o letto i vostri post e o visto che abbiamo perso per una palla inattiva ieri non o potuto vedere nemmeno i commenti perche il pc si e spento un po di rammarico ce ma come dice giorgio la squadra e viva allora oggi trasmettono la partita su italiasport canale 1 alle ore 18 me la guardero con molto piacere e comunque sempre forza catania nel bene e nel male :catania: :catania: buona domenica a tutti :sciarpa: :sciarpa: :salve: :ciao:

  110. Ip Address: 95.235.46.149

    Amichevole, si fa per dire: Bene Bergessio, difesa in cerca di equilibrio

    Ritmi sostenuti, quasi da campionato, come anche l’agonismo. Quattro ammoniti, tra Cagliari e Catania è amichevole per modo di dire. Due volte in vantaggio i padroni di casa, con Pinilla, due volte ripresi da Bergessio. Decide al 90° la rete di Nené. Si gioca ancora sulla fatica. Difesa ancora una volta inedita, e perforata. Buona la prima di Monzon. Da segnalare il primo goal del Cagliari, con Tachtsidis a terra ed il lancio d’oggetti verso il pullman del Catania all’arrivo di quest’ultimo allo stadio.

  111. Ip Address: 95.235.46.149

    OLBIA – Si gioca per il terzo anno di fila in uno stadio diverso. Il Sant’Elia di Cagliari, poi il Nereo Rocco di Trieste, quindi lo stadio “Is Arenas” di Quartu, adesso il Nespoli di Olbia: Cagliari-Catania ne ha visti tanti di stadi, sicuramente troppi. L’anomalia c’è, al di là della curiosità, andrebbe anche fatta qualche riflessione; non a Catania, ma anche da Catania perché no? Intanto si gioca. Il Cagliari è appesantito dalla sfida di pochi giorni addietro contro il Valladolid, il Catania da quella contro il Vares. Sarà pure un’amichevole dal profumo di serie A, ma il Catania scende in campo con la formazione “Lato B”, tanti “pezzi grossi” tenuti a riposo da Maran come da Pulga.

    Manca Almiron, manca soprattutto ed ancora Leto. I tifosi lo aspettano, lui non si fa vedere dall’amichevole vinta 5-0 contro l’Akragas (per altro a porte chiuse), dove sfoderò due reti da applausi ed un assist al bacio per Bergessio. Nonostante più rimaneggiato del Cagliari, il Catania mostra incoraggianti segnali di crescita col 4-3-3, gli stessi mostrati finora col 4-2-3-1. Al cospetto dei padroni di casa in formazione quasi campionato, prossimi all’esordio in Coppa Italia, i rossazzurri non danno spettacolo ma evidenziano proprio in relazione all’ostichezza dell’avversario, dati incoraggianti per l’allenatore che, ancora una volta come a Varese, lascia i suoi giocare sulla stanchezza, effettuando molte meno sostituzioni del suo collega Diego Lopez.

    Anzitutto Bergessio, seconda doppietta del precampionato. L’attaccante etneo dimostra aggressività e dinamismo forma campionato. E’ anche la prima di Monzon in campo. L’esterno sinistro si muove bene nonostante la complessità data dall’arginare Cossu, che svaria anche a sinistra. Un assaggio della classe del nuovo terzino sinistro, la “trivela” nel secondo tempo e la punizione insidiosissima calciata in seconda dentro l’area rossoblu. Tachtsidis dimostra crescente padronanza del ruolo e dei movimenti richiesti da Maran. Unica nota negativa, la solidità difensiva. Sette reti in tre partite, tre contro il Cagliari. Un dato da ponderare in ragione della costante turnazione dei centrali disposta da Maran. Anche il 3-2 del Cagliari arriva quando gli equilibri della coppia Rolin-Legrottaglie vengono turbati dallo spostamento dell’uruguayano a sinistra, oltre che dalla stanchezza calcolata come “esercizio”.

    Sul primo goal bravo il Cagliari a sfruttare l’uomo a terra del Catania per ripartire. Ibarbo s’introduce in area, Rolin lo stende innervosito dalla condotta dei rossoblu, Rocchi non commette il doppio errore e manda Pinilla sul dischetto, dopo consente l’ingresso in campo dei medici del Catania per prestare le cure a Tachtsidis, atterrato al limite dell’area di rigore con un intervento duro, sul piede d’appoggio. Pinilla segna, esulta sotto la curva, poi va a spiegarsi con Tachtsidis. Cambiando l’ordine dei fattori, il risultato sarebbe cambiato. Questo è il calcio, se vi pare, ed il primo vero assaggio di campionato. Il primo tempo si chiude sull’1-0 con Barrientos ammonito, alla fine della partita saranno ben quattro i “cattivi”, anche questo fa parte dell’assaggio.

    Quattro reti nel secondo tempo. Pari di Bergessio su punizione diretta. Raddoppio di Pinilla su pallone raccolto al limite dopo un maldestro intervento di Legrottaglie (poco precisione nella sua serata), risposta immediata di Bergessio dopo triangolazione Barrientos-Doukara (positiva la prova dell’attaccante che potrebbe convincere Maran a confermarlo). Quando il risultato di pareggio sembra conseguito, ed equilibrato, la maggior freschezza del Cagliari paga. Nené, non nuovo al goal contro i rossazzurri, mette a segno il 3-2 sfruttando la solitudine in cui l’abbandonano Legrottaglie e Gyomber. E’ il 90°. Maran prova a salvare il risultato inserendo Petkovic, che rimedia tuttavia solo un’ammonizione. Non era il risultato l’aspetto più importante della serata, ma una volta conseguite buone indicazioni sulla squadra e sul lavoro svolto finora, evitare la prima sconfitta della stagione era una giusta aspirazione.

    Il campionato incombe, per il Catania dista ancora un’amichevole, quella che si giocherà al Massimino dopo Ferragosto, che servirà anche per ricordare come reagire ad una sconfitta. C’è una settimana di tempo per ripassare la lezione. Ripassare serve sempre. Come ricordare che giudicare la forza di una squadra dal suo precampionato è simile a voler prevedere il risultato di una partita giudicandone il riscaldamento.

    Nota a margine:
    Disdicevole il prologo della partita, col pullman del Catania assaltato dalla solita mandria di facinorosi. “Fratelli” probabilmente di quelli che anni fa aggredirono una scolaresca proveniente da Catania nelle imminenze della sfida di campionato. Piove di tutto sulle teste dei giocatori. Il lunotto posteriore va in frantumi ma nessuno degli occupanti riporta conseguenze. Le conseguenze, visto il tenore ufficiale dell’amichevole, dovrebbe pagarle solo il Cagliari (e se verranno riconosciuti dalle forze dell’ordine anche i colpevoli). Possibile una squalifica del campo? Giusto per non interrompere il tradizionale via vai dei rossoblu in giro per gli stadi d’Italia, proprio adesso che il ritorno al Sant’Elia sembrava una piacevole realtà. Se la segnalazione arriverà alla giustizia sportiva, Tosel dovrà esprimersi.

    ce solo da vergognarsi che ancora ci sono questi atti vandalici

  112. Ip Address: 95.235.46.149

    Catania a sprazzi (La Gazzetta dello Sport)

    «Bisogna ancora lavorare ma la strada è quella giusta»

    Maran è soddisfatto: «La squadra è stata capace di reagire bene Peccato per il gol del 32 del Cagliari: l’avremmo potuto evitare»

    “«Un test difficile che mi ha dato risposte soddisfacenti ». Rolando Maran mostra tranquillità. Il tecnico del Catania plaude i suoi: «Sapevamo che col Cagliari, una buona squadra, organizzata e propositiva, ci sarebbero state delle difficoltà. Ma al di là del risultato ho visto buone cose». Un partita vera, con le gambe ancora intasate dall’acido lattico: «Abbiamo avuto delle pause, ma per lo più dovute ai carichi di lavoro da smaltire. Ci sta, il periodo è quello giusto ma sono contento. Inoltre — dice l’allenatore di Trento —, dietro ci siamo presentati con una linea completamente nuova. Monzon non aveva mai giocato. E anche su questo fronte posso dirmi contento». Prova superata Un quadro pregiato. Anche per quanto riguarda il collettivo: «La squadra è stata capace di reagire e proporre. Certo, abbiamo ancora delle pause e potevamo evitare il gol del 32. Ma la partita è andata così, vantaggio e svantaggio. Dobbiamo ancora lavorare ma siamo sulla strada buona. Su alcune cose siamo già a punto, adesso dobbiamo affinare la qualità». Insomma, un bel Catania alla ricerca di conferme. Con una struttura in evoluzione, tra veterani e volti nuovi.solo catania tutto il resto e noia :catania: :sciarpa: :catania: :sciarpa: :salve: :salve:

  113. Ip Address: 95.235.46.149

    Esordio al Massimino, avversario attendesi.. sognando il Trapani
    La formazione siciliana recentemente promossa in serie B è in cima, insieme al Napoli, alle classifiche di gradimento dei tifosi rossazzurri. Chiamati ad esprimersi sull’avversario da affrontare per l’esordio stagionale al Massimino, domenica prossima, i tifosi prediligono le ragioni dell’amicizia più che quelle della rivalità, comunque presenti. Sarà davvero il Trapani? Molto dipenderà dalla sfida di Coppa Italia di stasera.

  114. Ip Address: 95.235.46.149

    CATANIA – Passata la sfida contro il Cagliari, l’orizzonte dei tifosi rossazzurri si sposta all’esordio al Massimino. E’ in programma giorno 18, ma potrebbe anche esser anticipato al 17. Poco si sa, perché si attende ancora l’avversario. E nell’attesa si sa, specie in quella con poche certezza, l’immaginazione di chi aspetta corre più veloce del tempo che servirebbe ad una possibilità per diventare realtà. Così basta una domanda per “stappare” le effervescenti ipotesi, speranze ed immaginazioni del popolo rossazzurro circa l’avversario contro il quale i rossazzurri di Maran inauguraranno la stagione presentandosi ufficialmente al proprio pubblico.

    Straniero od italiano? Equilibrio. Per una volta l’esterofilia tipica dell’Italia non vince, e non avrebbe mai potuto vincere né rivalità, né amicizia. Al prestigio, al blasone dell’avversario, i tifosi antepongono le ragioni del cuore. Partiamo con quelle affettuose, come i legami che accostano i colori rossazzurri a quelli di Genoa e Napoli. In tanti vorrebbero, ed immaginano suggestiva, un’amichevole col Napoli. E’ la maggioranza a parlare. Dimostrazione che, a prescindere dalla definizione derby dei vulcani, Catania-Napoli, e viceversa, sia più un accostamento che una contesa, un incontro nel senso fraterno del termine e del legame sentimentale tra le due tifoserie. Chi dice Genoa, invece, spiega anche: “per accogliere “calorosamente” Lodi-Marchese”.

    Sorprende e non sorprende, ma persino il derby di Sicilia, quello animato dalla rivalità col Palermo, seppur nominato, non è gettonato nemmeno lontanamente quanto quello animato dall’amicizia nei riguardi del Trapani e dei suoi tifosi, che la prossima stagione affronteranno i rosanero in un altro derby siciliano, anche questo animato dalla rivalità. Sono parecchi, secondi solo ai pro-partenopei., i tifosi rossazzurri che gradirebbero la prima al Massimino con al proprio fianco i tifosi trapanesi. Viste le dichiarazioni del presidente Pulvirenti (“Per definire l’avversario che incontreremo al nostro esordio al Massimino aspettiamo la Coppa Italia”, ndr), e visto l’impegno in Coppa Italia dei granata proprio stasera, contro l’Albinoleffe, è forse questa l’ipotesi più probabile e meglio percorribile.

    Nella logica delle rivalità spazio anche per le candidature di Verona, Roma, Messina, Varese, Juventus, Inter e Milan. Mentre per le suggestioni da avversario straniero, si parla dell’Atletico Madrid del Cholo Simeone, del Real Madrid, del San Lorenzo (ARG), degli LA Galaxy (USA), del Liverpool, del Lione, ma l’opzione più gettonata è senza dubbio il Borussia Dortmund, che la scorsa stagione ha ospitato amichevolmente alcuni tifosi rossazzurri nella propria curva anche in occasione della finale di Wembley contro il Bayern Monaco.

    :sciarpa: :catania: :sciarpa: :sciarpa: :catania: :catania: :salve: :salve: 😆

  115. Ip Address: 95.235.46.149

    CATANIA – Andujar, Tachtisidis per le nazionali maggiori, Barisic e Gyomber per quelle giovanili. Quattro convocati ai quali se ne aggiunge un quinto, Bruno Petkovic è stato chiamato dalla nazionale giovanile U19 croata per la partita Liechtenstein-Croazia, valida per le qualificazioni agli europei. :catania: :catania: :catania: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :salve: :salve: :salve:

  116. Ip Address: 72.226.121.41

    Maxi e’ appena tornato e le voci su un suo probabile addio si susseguono.Si parla adesso di lazio,milan e torino.Io solo mi voglio augurare una sua cessione definitiva[se proprio deve essere ceduto] e non un’altro prestito.Ricordiamoci infatti che l’anno prossimo ‘Maxi sara’ proprietario del proprio cartellino e la nostra squadra non potra’ guadagnare niente da una sua partenza.In ogni caso prima di darlo via,e’ necessario trovare un’alternativa a Gonzalo visto che quello che abbiamo in casa non e’ ritenuto capace di giocare nella massima serie[mi riferisco naturalmente ai vari attaccanti che ancora fanno parte dell’organico della nostra squadra]SEMPRE FORZA CATANIA

  117. Ip Address: 79.47.8.167

    Salve raga’!!!
    Ciao Angelo e Salvatore!!! :ciao: :ciao: :ciao:
    Angelo ho visto la partita Cagliari-Catania alle 18 su Sportitalia e finalmente il nipotino non mi ha ostacolato nel vederla.
    L’impressione che ho avuto i Nostri giocatori avevano le gambe pesanti mentre loro erano piu’ mobili.
    Adesso la replica della partita sara’ all’una di notte sempre su Sportitalia.

    Sogni rosso e azzurro a tutti!!! :catania: :catania: :catania:

  118. Ip Address: 95.235.46.149

    ciao giorgio anche io o avuto la stessa impressione trppo allenamento o troppe partite ? una buona serata forza catania :salve: :salve: :catania: :catania:

  119. Ip Address: 79.47.8.167

    La notizia postata da me, questo sito, non me la pubblica!!! :incavolato: :incavolato: :incavolato:

    Catania, si avvicina Peruzzi dal Vélez
    Articolo pubblicato domenica 11 agosto 2013 alle 13:49 – Calciomercato, Catania.

    Gino Peruzzi vede l’Italia. Seguito in passato dall’Inter, il terzino destro argentino adesso è ad un passo dal Catania. La trattativa non è ancora conclusa, ma si lavora per chiudere. Un obiettivo da diverse settimane, nato in una sera milanese e poi smentito diplomaticamente dal presidente Pulvirenti, In realtà, vice-presidente Pablo Cosentino ha sempre continuato a lavorarci e adesso il traguardo sembra davvero vicino.

  120. Ip Address: 79.47.8.167

    Adesso vedo la notizia che ho pubblicato su questo sito.

    Notte notte a tutti!!! :catania: :catania: :catania: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  121. Ip Address: 79.47.8.167

    Ciao Angelo, sono d’accordo con te!!! 😆 😆 😆

  122. Ip Address: 95.235.46.149

    buongiorno a tutti fratelli dal cuore :catania: ciao giorgio che vieni dopo di me 😆 TRAPANI – Un brillante successo ai danni dell’Albinoleffe. Il Trapani va avanti in Coppa Italia insieme a Palermo. Le due siciliane hanno la meglio sulle rispettive avversarie e si qualificano al turno successivo in cui incontreranno Padova (a Trapani) ed Hellas Verona al Bentegodi. Tramonta la possibilità di un’amichevole tra i granata ed i rossazzurri giorno 18 al Massimino.

    Nel ramo di Coppa che interessa il Catania, avanti come prevedibile Siena e Brescia. Le vincenti di Bologna-Brescia e Livorno-Siena si incontreranno per determinare l’avversario dei rossazzurri agli ottavi di finale.solo catania tutto il resto e noia :sciarpa: :sciarpa: :catania: :catania: :salve: :salve: 😆 😆

  123. Ip Address: 87.10.155.102

    Buongiorno raga’!!! :salve: :salve: :salve:
    Ciao Angelo!!! :ciao: :ciao: :ciao:
    Qui Napoli e dintorni, cielo leggermente nuvoloso e temperatura buona.

    Buona giornata a tutti!!! :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  124. Ip Address: 87.10.155.102

    Salve raga’!!!
    Non so se e’ vera questa notizia.

    ESCLUSIVA TMW – Catania, entro 48 ore Peruzzi in Sicilia: la situazione
    12.08.2013 11.42

    Gino Peruzzi vede l’Italia, è vicino al Catania. L’esterno del Velez tra domani e dopodomani arriverà in Sicilia, si sottoporrà alle visite mediche e poi se tutto andrà bene verrà messo sotto contratto. Peruzzi ha un problema al ginocchio, se ingaggiato non potrà essere a disposizione di Maran da subito ma ci vorrà un po’ di tempo e come da relazione del prof. Mariani del 22 luglio, occorrono 1-2 mesi per recuperare da una lesione per due terzi del legamento collaterale del ginocchio destro. Poi potrebbe anche essere necessario l’intervento chirurgico, una possibilità remota ma da non scartare. Deciderà lo staff medico del Catania. Peruzzi è in arrivo…

  125. Ip Address: 90.96.138.92

    Buongiorno a tutti pari
    Peruzzi infortunio al ginocchio? E NOSTRO 😆 😆 😆
    A parte gli scherzi già tutto mi ha stufato aspetto solo di affrontare lo scienziato e batterlo tutto il resto è noia comu rici me cumapari Angelo

  126. Ip Address: 95.235.46.149

    ciao chiarezza sei troppo forte ti stimo cumpari e non cumapari 😆 😆 😆 :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  127. Ip Address: 95.235.46.149

    Articolo del: 12 agosto 2013, a cura di: Redazione

    CATANIA – Come anticipato già alla diramazione dei calendari, la Fiorentina poteva ed ha da poco esercitato la possibilità di far slittare la sfida contro il Catania a Lunedì 26 alle 20.45. Ciò in ragione dell’impegno di Europa League che i viola sosterranno a metà della settimana antecedente l’inizio del campionato. La decisione è stata ratificata quest’oggi dalla Lega serie A.

    Commenti ciao m’bari chiarezza sono in sintonia con te sul discorso dello scenziato 😆 😆 :sciarpa: :sciarpa: :salve: :salve:

  128. Ip Address: 87.10.155.102

    Confermo il tuo post Angelo!!! 😆 😆 😆

    Ciao Chiarezza!!! :ciao: :ciao: :ciao:

    Copia e incolla dal sito ufficiale del Calcio Catania

    Serie A lunedì 12 agosto 2013

    Serie A Tim, posticipo prima giornata: Fiorentina-Catania lunedì 26 agosto alle 20.45
    Con il Comunicato Ufficiale numero 20, il Presidente della Lega Nazionale Professionisti Serie A Maurizio Beretta ha disposto la variazione della data della gara Fiorentina-Catania, valida per la prima giornata del Campionato Serie A Tim 2013/14, in programma lunedì 26 agosto alle 20.45

  129. Ip Address: 95.235.46.149

    CATANIA – Diramato il calendario del girone C del campionato primavera 2013/2014. Il Catania esordirà il 24 Agosto in trasferta a Bari. Prima a Torre del Grifo il 31 Agosto contro il Latina. In stagione, due derby contro Palermo e Trapani oltre ad un’altra grande sfida, contro la Fiorentina, spostata nel girone C.

    Di seguito in maiuscolo le gare in casa, il minuscolo quelle in trasferta. Si riprende il 14 Settembre: Lazio, FIORENTINA, Palermo (28 Settembre, 1 Marzo a Torre del Grifo), Juve Stabia, CROTONE, Napoli, AVELLINO, Reggina, ROMA, Trapani (14 Dicembre, 26 Aprile), LIVORNO. I rossazzurri chiuderanno il campionato a Livorno il 3 Maggio.forza ragazzi della primavera catanese :sciarpa: :sciarpa: :catania: :catania: :salve:

  130. Ip Address: 87.12.237.187

    Le ragioni stavolta ci sono tutte, e tutt’altro che adepte a campanilismo ed opportunismo. Mercoledì 14 Agosto, all’Olimpico di Roma, si gioca l’amichevole “francescana” tra Argentina ed Italia. Papa Francesco ha già anticipato, non ci sarà: sfuggevole agli onori, probabilmente vi assisterà da semplice tifoso, non dal palco d’onore ma dietro una semplice televisione, già un gran lusso. Manca il protagonista principale, che si fa? L’attenzione ed i dibattiti dell’Argentina calcistica si concentrano sui presenti, quelli in campo. Con ordine, a partire e finire col numero uno, o ventuno? Andujar o Romero? Romero od Andujar?

    Se ne parla da tempo. Se ne parla ormai pure in Italia. Prima, una scelta tecnica; più o meno condivisibile ma in quanto tale rispettabile. Col tempo sempre più una presa di posizione, fine a sé stessa, come tale vista e giudicata. Perché Romero e non Andujar? Per la consuetudine della continuità, le ragioni della gerarchia, vigenti non solo nello spogliatoio dell’Argentina ma in qualsiasi gruppo che sa bene come il ruolo del portiere sia un ruolo a sé, con regole a sé, responsabilità particolari e pressioni snervanti, se unite a quelle della concorrenza, insopportabili per il primo che diventa secondo ed ancor più per il secondo che diverrà primo.

    Tempo. Ai portieri ne é sempre servito tanto. Tanto che maturano verso i trenta, quando per i compagni la carriera è già bella che spolpata. Sì ma per quanto tempo può esser aspettato un portiere prima di essere se non giudicato almeno raffrontato con obiettività al proprio collega? Ad Andujar son bastate sette partite per esser messo in panchina, dietro Campagnolo, due a Campagnolo per ritornare il posto ad Andujar. Era il primo anno di Catania. I seguenti andarono meglio, guardando le presenze, meno le prestazioni. Non un calo, ma lo scossone del calcio italiano non ancora assimilato ed i commenti letti più come critiche che come consigli.

    Era Settembre. Lo stesso Settembre in cui perse la titolarità della porta rossazzurra, perse anche quella della porta albiceleste. Settembre 2009. La terza partita da titolare, la prima da giocatore del Catania, sconfitta in casa per 1-3 contro i rivali storici del Brasile, quattro giorni dopo Maradona schiera Romero, esordiente assoluto, e perde. Non importa, ad Ottobre se ne avrà la certezza: il titolare ha perso il posto, tre partite sono bastate, il titolare adesso è Romero, quattro anni più giovane di Andujar, titolare nell’Az-Alkmaar, Olanda. Saranno suoi i mondiali, la Coppa America, amichevoli e gare di qualificazione a questa e quella manifestazione, 39 presenze, 30 reti subite.

    Romero fa bene in Olanda. Andujar funziona ad intermittenza nel Catania. Le difficoltà diverse, di campionati diversissimi non contano. Contano i risultati, come scudo da ogni obiezione, come spada per ogni decisione. Cambiano i commissari tecnici, non la titolarità della porta. I numeri di Romero sono migliori di quelli di Andujar ed Andujar, quando ne ha occasione, in quelle pochissime concesse, fa bene ma non strabilia. Sei presenze negli ultimi cinque anni, dopo quel maledetto “Argentina-Brasile”, cinque goal subiti, l’ultima partita imbattuto, contro il Guatemala, anche l’ultima partita giocata dalla Seleccion.

    E adesso arriva Italia-Argentina. Un’amichevole che poteva definirsi tale solo col Papa sugli spalti, senza sarà una partita vera. Sicuramente per Andujar, che ha tutte le carte in regola per esser titolare. E’ la grande occasione. Per tante ragioni, e davvero più nessuna campanilistica. In questa stagione, arrivato in Italia, alla Sampdoria, Romero (32 presenze, 40 reti subite, due volte mandato in tribuna, le ultime tre gare rimasto in panchina) non ha retto il confronto diretto con Andujar (34 giocate, 39 goal subiti, recordman assoluto del campionato per numero di uscite). Non solo per le difficoltà del calcio italiano, quanto per i miglioramenti dello stesso Andujar.

    Tanto che per la prima volta, in Argentina, anche sui programmi d’opinione sportiva è emersa la questione portiere della nazionale. Con le quotazioni di Andujar alle stelle, grazie anche all’ottavo posto conquistato dal Catania. Tanto che persino alla Sampdoria, le prestazioni di Romero hanno dato tanto da riflettere sul suo valore, tanto quello economico, da voler ridimensionare l’ingaggio spalmandolo su più anni, tanto quello tecnico, da valutare un avvicendamento, quello con Da Costa che, in attesa della prima di campionato, sembrerebbe già avvenuto e facilitato dall’infortunio che finora ha estromesso Romero da ogni impegno estivo con i blucerchiati.

    La prospettiva di un campionato da separato in casa, non dovesse accettare adeguamento, o da secondo, dovesse aver la meglio Da Costa, nell’anno del Mondiale sono tutti fattori che concorrono a portare in alto le quotazioni di Andujar. Prima guardia del Catania, con alle spalle un campionato da protagonista, un nuovo preparatore ed una serenità (e mentalità) diversa, vincente più che solo “da vincente” come la precedente: Andujar rappresenta per Sabella garanzie presenti e future che l’attuale Romero non può dare, per tutte quella serie di motivazioni che adesso impongono un paragone ragionato ed una scelta ponderata.

    Contro l’Italia sarà la grande occasione di Mariano Andujar. Quella che potrà mancare per scelta tecnica e che non dovrà mancare in campo, sarà per questo, e per via dell’avversario, la sfida più difficile, ma al contempo quella che potrebbe restituire al portiere del Catania ciò per cui ha lavorato con sudore, silenzio e rispetto negli ultimi due anni almeno, ciò che gli fu tolto con ragione o fretta, e che adesso è pronto a riconquistare chiarendo che non per demeriti o sfortune altrui ma per meriti propri, potrà esser il portiere della nazionale argentina al prossimo Mondiale.

  131. Ip Address: 87.10.155.102

    Sogni rosso e azzurro a tutti!!! :sciarpa: :catania: :sciarpa: :catania: :sciarpa: :catania:

  132. Ip Address: 79.3.186.37

    Buonasera a tutti.. :salve:

    Allura n’accattamu a Peruzzi? 😆

    Ahahahah! Grande Chiarezza! 😉

    Ciao Angelo, Giorgio, Joe, Beppe, Salvatore, Matteo ….. tutti, insomma!

    Rosso come il fuoco, azzurro come il mare, l’amore per il Catania non si può spiegare! :sciarpa:

  133. Ip Address: 109.115.54.244

    Buonasera e un saluto a tutti voi :salve:

    Catania, è davvero fatta: domani arriva Peruzzi
    Articolo pubblicato lunedì 12 agosto 2013 alle 23:00 – Calciomercato, Catania.
    peruzzi

    Non era un sogno, ma una splendida realtà. Dalle indiscrezioni la notte dei calendari alle smentite di Pulvirenti… il Catania ha messo a segno un grande colpo. Domani Gino Peruzzi sarà a Catania con i dirigenti del suo club, il Vélez. Un appuntamento per formalizzare l’acquisto, che avverrà a titolo definitivo. L’argentino farà normali visite di elettrocardiogramma per l’ idoneità, non altre specialistiche perché il prof. Mariani lo ha già visitato. Peruzzi ha un problema al collaterale, in un mese si saprà se deve essere operato (e sarebbe in campo poi nel giro di altri 2 mesi) o se invece recupererà senza intervento, soluzione più probabile oggi.

  134. Ip Address: 87.12.237.187

    buongiorno a tutti fratelli dal cuore :catania: ciao giorgio che vieni dopo di me 😆 😆 Andujar: Prima l’incontro col Papa, poi con l’Italia
    Il portiere del Catania sarà ricevuto in udienza privata da Papa Francesco domani, insieme alla nazionale Argentina. “Cercherò di dar al Pontefice una lettera che gli ha indirizzato mia figlia” ha detto il portiere del Catania. E sulla partita contro l’Italia che potrebbe vederlo titolare: “Hanno attaccanti molto forti, sarà una sfida molto bella da giocare”.

  135. Ip Address: 87.12.237.187

    ROMA – La Seleccion argentina verrà ricevuta domani in udienza privata da Papa Francesco. Un martedì molto speciale prima del mercoledì in cui, all’Olimpico, si giocherà l’amichevole contro l’Italia. A partecipare all’udienza ci sarà anche Mariano Andujar, il portiere del Catania che, oltre alla titolarità della porta mercoledì, spera di riuscire in un’altra impresa proprio martedì:

    “Spero di riuscire a dare al Pontefice una lettera scritta da mia figlia. Ha voluto scriverla in italiano appositamente perché il papa si chiama Francesco. E’ una grandissima occasione, una di quelle che solo il calcio avrebbe potuto darmi. E’ una persona molto carismatica ed al contempo cordiale, e poi conosce bene il calcio nonostante la sua funzione. Stare davanti ad una persona come il Papa sarà di certo un ricordo che resterà con me per tutta la vita.

    “Contro l’Italia – continua Andujar, spostandosi già a mercoledì – sarà una sfida molto interessante da giocare. Prandelli le ha dato un gioco, ha attaccanti molto forti, di alta qualità e reputazione riconosciuta”. Per il portiere del Catania, c’è la concreta possibilità di scendere in campo, dando continuità alla prova offerta contro il Guatemala lo scorso Giugno e dar così piede alla riconquista della titolarità della porta della nazionale in vista dei mondiali.

  136. Ip Address: 87.12.237.187

    Catania, Doukara vuole restare (Europa Calcio)

    La soluzione più probabile resta comunque quella della cessione in prestito

    “Giorni decisivi per il futuro di Souleymane Doukara. L’attaccante franco-senegalese si è ben comportato in questo precampionato, e ciò ha fatto nascere gli interessi di tanti club di Serie B. Il Catania vorrebbe cederlo in prestito per permettergli di trovare un maggiore minutaggio ma, secondo le ultime indisrezioni provenienti dalla Sicilia, la volontà del giocatore sarebbe quella di restare ancora in Sicilia per potersi giocare le proprie carte in Serie A. L’ultima parola spetterà a Rolando Maran. attesi sviluppi a breve.

    Sorrento, arriva Pantano dal Catania (Europa Calcio)

    Il giocatore è stato prelevato in comproprietà

    “Il Sorrento ha comunicato l’arrivo con la formula della comproprietà di Giordano Pantano, terzino sinistro classe ’92, prelevato dal Catania dopo due stagioni in prestito alla Pro Patria.

    Commenti solo catania tutto il resto e noia :sciarpa: :sciarpa: :catania: :catania: :salve: :salve: 😆 😆

  137. Ip Address: 95.247.125.215

    Buongiorno raga’!!! :salve: :salve: :salve:
    Ciao Angelo , che vengo dopo di te!!! 😆 😆 😆

    Qui Napoli e dintorni, cielo leggermente grigio e temperatura calda.

    Buona giornata a tutti!!! :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  138. Ip Address: 95.247.125.215

    Copia e incolla dal giornale sportivo argentino Ole

    Martedì 2013/08/13, 04:57

    VELEZ
    Avere un piano B

    Micaela Cannataro [email protected]

    Dopo il rifiuto di Sunderland, Gino Peruzzi è molto vicino ad andare a Catania. Si potrebbe chiamare questa settimana.

    Dopo la vendita della palla frustrato Sunderland Inghilterra da sei milioni di dollari, il futuro sarebbe il Catania Gino Peruzzi italiana. Mentre la parte destra fa un recupero intensivo resti di un infortunio ai legamenti del ginocchio subito nel mese di aprile, i leader Fortin proseguito nella ricerca di una nuova destinazione per lui. E l’hanno trovata. Questa settimana, un responsabile si recherà in Italia per incontrare la gente di Catania e di essere in grado di chiudere una vendita.

    “Porteremo difensore argentino”, ha detto il presidente del club siciliano Antonio Pulvirenti, quando il calendario è stato sorteggiato Serie A. L’idea è quella di vendere il passo Velez da Cordoba, ma questa operazione non si materializza, la squadra potrebbe accettare un prestito Liniers. E a Catania cipiglio argento ragazzino arrivo. Certo, non erano male: con 13 argentini nelle loro fila, la squadra italiana ha ottenuto la migliore stagione della loro storia passata stagione. E nel Vecchio Mondo e dato come l’arrivo di Peruzzi chiuso. E venderlo come “nuovo Zanetti”. In Italia, Gino incontrerà Fede Freire, ex Velez, che è andato con il pass in suo potere. Sarà anche co-Maxi Lopez, Pablo Barrientos, Fabián Monzón, Andujar, Pablo Alvarez e Bergessio tra gli altri.

  139. Ip Address: 95.247.125.215

    Copia e incolla dal sito gianlucadimarzio

    Catania, Peruzzi è arrivato: i dettagli e i retroscena

    Articolo pubblicato martedì 13 agosto 2013 alle 10:30

    Un colpo importante per il Catania. Una trattativa portata avanti con pazienza. Gino Peruzzi è praticamente un calciatore rossazzurro. Oggi è arrivato in città, per sottoporsi alle visite mediche di rito. Con lui, sono arrivati a Catania anche i dirigenti del Vélez, per definire l’operazione. 3,4 milioni di euro il costo complessivo, col club argentino che chiedeva 7 più tasse. E al Vélez andrà anche il 15% sulla futura rivendita. Su di lui c’era anche il Manchester City, ma lo avrebbe acquistato lasciandolo un anno in prestito al Boca in attesa che prendesse il passaporto. Il giocatore ha detto no proprio per il Catania. Un acquisto importante del Presidente Pulvirenti, con il fondamentale contributo di Pablo Cosentino. Dalle smentite all’acquisto vero: Gino Peruzzi è del Catania.

  140. Ip Address: 95.247.125.215

    Dal sito calciocatania

    Comunicati Stampa martedì 13 agosto 2013

    Takayuki Morimoto al JEF United Ichihara Chiba: cessione a titolo definitivo

    Il Calcio Catania S.p.A. comunica di aver ceduto a titolo definitivo il diritto alle prestazioni sportive del calciatore Takayuki Morimoto alla società giapponese JEF United Ichihara Chiba.

    Buona fortuna Mori.

  141. Ip Address: 90.96.17.239

    Buongiorno a tutti pari

    Un saluto di cuore a Morimoto, giocatore al quale auguro di andare ai Mondiali col suo Giappone.

    Per la serie degli acquisti benvenuto Peruzzi il quale o letto è il cugino di Peruzzi portiere se tanto mi da tanto, ora speriamo che s’integri sia fisicamente che tatticamente alla squadra, ma sono tranquillo ancora c’è Alvarez. Brava società

  142. Ip Address: 90.96.17.239

    Certo che non si puo’ essere più cretini :incavolato: :incavolato:

    Lodi a genova rivede le basi che hanno fatto grande il Catania, ma allora se il Catania è già grande perché vai via? Caro Lodi a Genova hai visto solo il tuo conto in banca più grosso ed è tutto u restu su chiacchieri ie tabbaccheri i lignu, ma detto tutto questo io non lo critici e per me ha fatto bene, ed aggiungo che per me Lodi non è mai stato quel grande giocatore di cui tutti parlano, fantastico nelle punizioni e rigori ma mediocre come centrocampista e grazie ai sacrifici di Gomez e Barrientos il Catania poteva supportarlo in squadra, a Genova? la fine di tutti quelli che vanno via :catania: :catania: :catania: :catania: :catania:

  143. Ip Address: 90.96.17.239

    Vi do una notizia domani Andujar è titolare , io ho avuto la fortuna di assistere alla semifinale mondiale a Napoli Italia Argentina e quasi tutti i napoletani tifavano Argentina per Maradona, allora non li ho capiti e penso che in una semifinale mondiale avrei tifato Italia, pero’ senza Lippi e Sacchi 😆 😆 ma domani faro’ il tifo per l’Argentina sempre che giochi Andujar :catania: :catania: :catania:

  144. Ip Address: 95.247.125.215

    Ciao Chiarezza!!! :ciao: :ciao: :ciao:
    Per Gino Peruzzi aspettiamo il comunicato ufficiale.
    Ho visto alcune foto sul sito di gianlucadimarzio, sembrava che stesse uscendo dall’aeroporto.

    Certamente Lodi ci serviva per le punizioni e i calci di rigore. Un po’ meno come incontrista tutto il contrario di Taxi ed appunto non e’ andato in nazionale.
    Pero’ era quello che ci ha salvate alcune partite.

    Comunque andiamo avanti e ci resta sempre la Nostra maglia!!! :catania: :catania: :catania: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa:

  145. Ip Address: 72.226.121.41

    Pur trovandomi in America da mollti anni,i, mi ricordo che ho avuto la possibilita’ di vedere in diretta l’esordio di Morimoto col CATANIA.Eravamo nel 2007 e il nostro giocatore esordi’ contro l’atalanta a Bergamo e dopo pochi secondi realizzo’ la rete del definitivo pareggio.Si tratto’ di un’esordio indimenticabile per il giapponesino e in seguito ,nel corso degli anni,molte furono le reti di Morimoto nella massima divisione[credo 15 ma potrei sbagliarmi….]Purtroppo il suo rendimento, anche a causa di infortuni,in seguito lascio’ a desiderare e comincio’ la sua peregrinazione[Novara,Emirati Arabi] e ora la notizia di una sua cessione definitiva e di un suo ritorno nella terra nativa.Ma quell’esordio non lo dimentichero’ mai come non lo dimenticheranno tutti i tifosi catanesi…SEMPRE FORZA CATANIA

  146. Ip Address: 95.247.125.215

    Comunicati Stampa martedì 13 agosto 2013

    Gino Peruzzi Lucchetti al Catania: trasferimento a titolo definitivo

    ll Calcio Catania S.p.A. comunica di aver acquisito a titolo definitivo il diritto alle prestazioni sportive del calciatore Gino Peruzzi Lucchetti, difensore classe 1992. Peruzzi vanta 4 presenze nella Nazionale Argentina; con la maglia del Club Atlético Vélez Sársfield ha vinto il Torneo Inicial 2012 e si è appena laureato Campione d’Argentina 2012/13.

    Notte a tutti!!! :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :catania: :catania: :catania:

  147. Ip Address: 87.12.237.187

    buongiorno a tutti fratelli dal cuore :catania: ciao giorgio che vieni dopo di me 😆 😆 confermo la tua notizia Ecco il regalo di Pulvirenti: Peruzzi! Adesso sì che si può “brindare”..
    Ecco il regalo promesso da Pulvirenti ai tifosi rossazzurri: Gino Peruzzi, terzino destro classe 1992. Arriva da Velez al termine di una sagace strategia che ha permesso al Catania di prevalere sulle tante e blasonate pretendenti. La strategia “dell’ebrezza” di Pulvirenti ha pagato, ed adesso sì che il presidente del Catania può brindare. :sciarpa: :catania: :sciarpa: :sciarpa: :catania: :catania: :salve: :salve: 😆 😆

  148. Ip Address: 87.12.237.187

    CATANIA -* Il presidente Pulvirenti parlò di una possibile sorpresa, da dedicare ai tifosi rossazzurri, sotto forma di un difensore, naturalmente sudamericano, che certamente non potrebbe esser un centrale semmai un terzino, e che, ricordando le intenzioni precedentemente espresse da Pulvirenti stesso, non è stato difficile intuire trattarsi di un terzino destro.

    Ma da qui ad uscir fuori un nome, ne passa. Tanto più che Pulvirenti, per quanto “scherzosamente” dichiarò di esser stato “ebbro” ai microfoni di Sky, e già prima della cena con Galliani da Giannino, di nomi non ne aveva fatti né gliene erano stati proposti. Eppure, poche ore dopo, la sorpresa aveva già un nome, Gino Peruzzi.

    Nome smentito da Pulvirenti che, pur senza mai averlo pronunciato, prima di smentirlo, dimostrò una lunga conoscenza del ruolo, della squadra in cui militava, addirittura delle pretendenti. Se la traduzione di “excusatio non petita, accusatio manifesta” può esser riassunta come “smentita non richiesta, interesse manifesto“, l’indizio c’era già.

    “Ma pensate che un giocatore come Peruzzi possa venire a giocare a Catania?“. Ricordate cose disse lo stesso Pulvirenti all’arrivo di Leto? “Su di lui c’erano tante squadre blasonate, ma il Catania le ha battute tutte in velocità” così proprio sottolineare il modello di mercato “dinamico” atteso con l’ingresso di Cosentino in società.

    Un modello che s’adattava perfettamente al caso Peruzzi, presentando persino un’analogia non sostanziale ma comunque indicativa. Se Leto era ”Un giocatore che senza l’infortunio non sarebbe mai stato alla portata del Catania“, lo stesso dicasi per Peruzzi che, senza un leggero infortunio al ginocchio sarebbe stato già 20 giorni fa un giocatore del Sunderland.

    Il Velez ha persino emesso un comunicato a tal proposito, in cui spiega come qualche settimana fa, il giocatore e gli emissari del club avessero raggiunto l’Inghilterra per ultimare le pratiche della cessione. Fermate dalle visite mediche. Un’elongazione del legamento del ginocchio sorta ad Aprile e trascurata ha imposto la visita del prof. Mariani, a Villa Stuart.

    Niente di grave e nessun intervento necessario, per ora, solo cautela e riabilitazione quantificabili in 30 giorni. Che significarono l’ira dell’allenatore Di Canio, Il Sunderland non poteva accettare l’arrivo di un giocatore necessario all’undici titolare che avrebbe saltato l’intera preparazione oltre alla tournée mondiale del club inglese, obbligando per altro lo stesso club ad attendere fin quasi il termine delle contrattazioni per chiudere un affare da 7 milioni senza la garanzia che il giocatore non debba comunque sottoporsi ad un intervento chirurgico.

    Tra tutte queste complicazioni, il Catania capì di poter essere l’opzione migliore. Anzitutto, perché nelle condizioni di aspettare il recupero del ragazzo, forte della presenza di un terzino destro titolare, come Alvarez (che deve tuttavia ancora rinnovare), ed anche perché nelle condizioni di seguire l’adattamento al calcio italiano gradualmente, potendo comunque contare su sostituti adattabili come Rolin, Bellusci.

    Rischio minimo, per i rossazzurri, soluzione comoda per il Velez, che tuttavia, per coglierla, ha dovuto rinunciare a buona parte dei milioncini pattuiti con gli inglesi. Una strategia vincente, come quella che portò a Catania Barrientos prima, Leto poi. Tutti giocatori al di sopra del portafoglio del Catania se in perfette condizioni. Così, a meno di un mese dalla dichiarazione di ebbrezza, ecco servito il regalo ai tifosi rossazzurri: Gino Peruzzi, classe 1992, appena una stagione e mezza da protagonista nel Velez e già un futuro della nazionale Argentina oltre al il titolo di campione d’Argentina 2012/13.

    Per aver fatto fuori il Napoli, l’Inter, il Milan, il Sunderland e persino il Manchester City, rifiutato perché l’avrebbe acquistato per lasciarlo un anno in prestito al Boca: adesso sì che Pulvirenti può brindare, insieme ai suoi tifosi.. alzando il gomito anche più che in quella cena con Galliani..

    *(riproponiamo, più che mai attuale e solo parzialmente attualizzato, un articolo edito il giorno seguente la diffusione della voce circa l’interessamento del Catania per Gino Peruzzi.)

    Commenti solo catania tutto il resto e noia 😆 😆 :sciarpa: :catania: :catania: :sciarpa: :salve:

  149. Ip Address: 87.12.237.187

    “Catania sogna con Peruzzi”

    “La mattinata è iniziata con la foto di Peruzzi a Catania, non era solo un sogno di mezza estate. Chiedevano 7 milioni più tasse qualche mese fa, ne sa qualcosa l’Inter. Anche il City si era mosso, pronto a parcheggiarlo un anno al Boca in attesa del passaporto comunitario. Ma l’argentino voleva l’Italia e aveva scelto Catania, convinto da Pablo Cosentino, l’artefice di questo colpo. Meno di 3 milioni e mezzo al Velez, a cui resterà il 15% della futura rivendita. Un solo dubbio, legato al suo ritorno in campo: il prof.Mariani l’ha visitato e pensa che il problema al collaterale possa risolversi in un mese, senza intervenire chirurgicamente. Ma serviranno alcuni giorni per avere un quadro più preciso 😆 😆 :catania: :catania: :catania: :sciarpa: :sciarpa: :salve:

  150. Ip Address: 87.12.237.187

    CATANIA -Gino Peruzzi Lucchetti è nato il 9 Giugno del 1992 a Corral de Bustos.

    Ha esordito in Primavera Division all’età di 19 anni, 6 mesi e 4 giorni con la maglia del Velez. Era il 13 Dicembre del 2011 ed al Fortin il Velez vinse 1-0 contro il Racing in cui giocava Lucas Castro. Peruzzi entrò all’85° al posto di Fernandez.

    Ha esordito con la maglia della Seleccion argentina il 20 Settembre del 2012 nell’amichevole contro il Brasile persa per 2-1 a Goias, esordio da titolare: aveva 20 anni.

    Ha segnato la sua prima rete al San Martin, in trasferta allo stadio Bicentenario, quella delo 0-1 (finale 0-3).

    Ha giocato la sua prima partita da titolare nel Velez il 18 Maggio 2012, quarto di finale d’andata di Copa Libertadores contro il Santos, ha avuto il compito di marcare Neymar.

    Ha condiviso la sua esperienza nel Velez con Federico Freire, anch’esso arrivato a Catania in questa sessione di mercato ma a parametro zero.

    Peruzzi ha giocato 41 partite con la maglia del Velez Sarfield dal 2012 al 2013 (10 in Copa Libertadores), segnando due goal, fornendo un assist, ricevendo due cartellini gialli e nessun rosso. Undici volte è subentrato, sei volte è stato sostituito, 30 volte è partito da titolare, 24 volte ha completato tutti e 90′ regolamentari.

    Peruzzi ha giocato 4 partite con la maglia della nazionale argentina, tutte da titolare, mai sostituito, mai ammonito.

    Col Velez ma non da protagonista vinse il Torneo Inicial 2012

    Col Velez, da protagonista, ha conquistato il titolo di campione d’argentina 2012/2013.

    Ha giocato col numero 16 agli inizi della sua carriera, quindi è passato al numero 4.. nel Catania lo indossa Almiron.

    :catania: :catania: :sciarpa: :sciarpa: 😆 😆 :salve: :salve:

  151. Ip Address: 87.12.237.187

    pista per la difesa (Calciomercatoweb)

    “Sfuma definitivamente una pista per l’Inter per la difesa. Nelle ultime ore un’altra squadra italiana ha perfezionato l’acquisto di questo giocatorecon tanto di annuncio: si tratta del Catania, nuova proprietaria del cartellino di Gino Peruzzi, ex Velez Sarsfield. Per lui è pronto un contratto di 4 anni. Costo dell’operazione 4 milioni di euro. Peruzzi è stato definito da Javier Zanetti come suo possibile erede e l’Inter si è interessato a lui nelle fasi iniziali del mercato estivo

    IL CATANIA HA PRESO IL NUOVO ZANETTI (Canale Inter)

    “Gino Peruzzi giocherà in Italia, é un nuovo calciatore del Catania. L’argentino – definito da più parti il nuovo ‘Zanetti’ e apprezzatissimo dallo stesso Pupi – arriva in Sicilia dal Vélez Sarsfield per una cifra di 3,5 milioni più il 15 % dell’eventuale futura rivendita. Ora l’Inter avrà la possibilità di seguire da vicino il ragazzo classe 1992 che ha seguito con tanta attenzione negli ultimi mesi, proprio su consiglio del proprio capitano. Chissà che un giorno possa arrivare davvero a Milano. Se son rose…

    :sciarpa: :catania: :salve: 😆

  152. Ip Address: 87.12.237.187

    buon ferragosto a tutti :catania: :catania: :catania: :sciarpa: :sciarpa: :sciarpa: :salve: :salve: :salve:

  153. Ip Address: 87.12.237.187

    buongiorno a tutti fratelli dal cuore :catania: Promosso Andujar: Salva per due volte l’Argentina! E che grinta Gyomber..

    Due i rossazzurri impiegati quest’oggi con le rispettive nazionali. Maiuscola la prova di Andujar, che per due volte salva il risultato contro l’Italia, su punizione di Diamanti e poi su inserimento di Antonelli, anticipato in uscita. Suo anche il rilancio che porta sullo 0-2. Bene anche Gyomber, nel pomeriggio scontratosi con l’U21 azzurra (1-4 per l’Italia). Bene anche Tachtsidis.
    :catania: :catania: :sciarpa: :sciarpa: :salve: :salve: 😆 😆

Spiacenti, i commenti sono chiusi.

su
giu