Horror di Gervazoni

 Scritto da il 28 ottobre 2012 alle 15:47
Ott 282012
 

 

E’ stato un gol regolarissimo quello del Catania e in netto fuori gioco quello della juve. Allora qualsiasi tifoso di calcio si domanda ma il perché di tutto questo……

Tanto semplice far vincere la rubentus a tutti i costi. Uniamoci al grido LADRI, LADRI, LADRI.

 

Pulvirenti: Non è solo il nostro gol annullato, ma anche quello della Juve è in fuorigioco. E’ la terza gara consecutiva che ci capitano episodi di questo tipo, oggi sette ammoniti. E’ assurdo, dobbiamo continuare a partecipare così? Il guardalinee aveva convalidato il gol di Bergessio, poi i giocatori della Juve hanno fatto pressione e non ho capito cosa ha fatto.

Ci sono sei arbitri e nessuno capisce. Qui non è sudditanza psicologica, c’è qualcosa di più sicuramente. In pratica l’ha annullato la panchina della Juve il gol, possiamo dire così. Quello fatto oggi è ingiustificabile per dinamiche, l’hanno visto tutti il gol è stato annullato dopo le proteste dei panchinari della Juve. E il loro gol è in fuorigioco, il nostro gol è stato annullato da Giaccherini e Pepe.

E’ uno scandalo, è una vergogna che l’avevano dato. Può succedere di sbagliare, ma non che si cambi idea su protesta della panchina. Voglio spiegazioni. Il calcio è morto. Anche se noi avessimo protesto a loro non l’avrebbero annullato. Sono stato anche espulso dell’arbitro a cui ho detto che avrebbe dovuto chiedermi scusa tre volte, per ogni errore commesso contro di noi. Gli ho fatto un applauso e mi ha buttato fuori”.isodio vergognoso, il gol era regolarissimo.

Maran: Il gol era stato assegnato, chi ha diretto la gara l’aveva già assegnato. Le proteste hanno fatto si che si cambiasse tutto, diventa difficile anche commentare la partita. E’ talmente evidente ciò che è accaduto che è difficile parlare. La nostra rete era regolare, la loro era in fuorigioco, qui non c’è niente da commentare, lo si fa nelle occasioni dubbie ma che c’è di dubbio in tutto questo? Non sta a me giudicare se la presenza di arbitri addizionali dia fastidio, io devo fare l’allenatore. Non mi sogno di parlare di disonestà degli arbitri, questo sia ben chiaro. In quei quaranta secondi stavamo festeggiando il gol, stavamo giocando bene non avevamo altre preoccupazioni. Non so che è successo, ho visto un capannello attorno al guardalinee. Dispiace parlare di questo, volevo commentare la gara e della prestazione del Catania.

 

  31 Commenti per “Horror di Gervazoni”

  1. Ip Address: 109.112.86.59

    Presidente facciamoci sentire 😈 😈 😈 😈 in tutto il mondo….

  2. Ip Address: 79.52.95.119

    Siamo alle solite Calimero…In questa maniera la Juventus puà stare anche 200 partite senza mai perdere.
    Gervasoni va sospeso per tutto il campionato: ha annullato la rete dopo quasi un minuto in seguito alle proteste della panchina della Juve, ma probabilmente Agnelli gli darà un premio…

  3. Ip Address: 95.251.11.205

    Ciao Chiarezza, Beppe, Giorgio, Angelo, Joe, Prof, Mario, Matteo, Val e tutti gli altri………………….. che dire: me lo aspettavo! Maledetti! Trascorr.ero’ una settimana di merda

  4. Ip Address: 79.51.178.67

    QUESTO SPORT NON E PIU DA MOLTO TEMPO PULITO LO ANNO SPORCATO GENTE COME LORO PRESIDENTE FATTI SENTIRE 👿 👿

  5. Ip Address: 109.112.86.59

    Ciao Mongi un saluto a tutti……

    CATANIA, agenzia scommesse paga il segno 1!

    L’agenzia di scommesse irlandese “Paddy Power” ha deciso di pagare comunque il segno 1 agli scommettitori di Catania-Juventus, gara segnata dall’errore arbitrale sul gol di Bergessio. Una decisione senza precedenti.

  6. Ip Address: 79.51.178.67

    Se esiste giustizia… anche solo divina: Gervasoni finirà peggio di Moreno!
    Una giornata che passerà alla storia del calcio segnata dall’infamia. Il Catania cede non alla Juventus ma alla terna arbitrale che dapprima convalida, poi annulla dopo le proteste della panchina juventina il goal di Bergessio. Nella ripresa goal in fuorigioco della Juventus convalidato ed espulsione di Marchese oltre a due episodi da rigore in area juventina sui quali sorvola.

  7. Ip Address: 79.51.178.67

    CATANIA – C’è Rolin e non c’è Alvarez. C’è il 3-5-2 e non il 4-3-3. Il Catania cambia nella partita in cui cambiare non vuol dire sperimentare ma osare. Ma quanto poi? Il 3-5-2 è un modulo già rodato da questo Catania, e da quello del passato. Maran l’ha schierato, vero non dall’inizio ma a partita in corso, Montella, che a Catania l’ha rodato, l’ha riproposto proprio contro la Juventus che, al Franchi, ha faticato come non mai.

    E’ una gara sostenuta sin dai primi minuti. L’unico istante di pausa, in campo e sugli spalti, è il minuto di silenzio che precede l’inizio, tributato alla memoria di Tiziano Ciarrocchi, militare italiano caduto in Afghanistan. Poi è Catania-Juventus, con tutto quel che ne consegue.

    Non c’è marcatura sul Pirlo, i bianconeri pressano dal primo minuto ed i rossazzurri accettano la sfida basata sulla velocità in ripartenza (principalmente) di Gomez. La Juventus ha il predominio della manovra, eppure a passare in vantaggio è il Catania quando Spolli devia sul palo di Buffon un traversone dalla sinistra, Bergessio si avventa sul rimbalzo ed a porta vuota ribadisce in rete.

    Nessuno protesta, solo Bonucci: prima con l’arbitro d’area, poi con l’assistente che nulla aveva avuto prima da eccepire alla decisione di Gervasoni di convalidare il goal. Col pallone già a centrocampo, l’arbitro torna sui suoi passi, raggiunge il guadalinee adesso accerchiato dai bianconeri, ma non per alleggerire la pressione sul collaboratore quanto invece per ascoltare le rimostranze, parlottare poi con l’assistente, sempre con la bandierina abbassata (avrebbe dovuto alzarla avesse visto fuorigioco, ndr) ed annullare la rete facendo ripartire il gioco con fallo in area per la Juventus, fuorigioco. Chiamata giusta quella a priori, a priori delle rimostranze di una grande squadra che sole possono portare a ritrarre una giusta decisione in virtù d’una errata.. perché errata per il tornaconto juventino. Qualcosa di risaputo, qualcosa di però mai visto nel calcio con così tanta evidenza e sfacciataggine.

    Alla mancata concessione del goal consegue uno stato di nervosismo totale che porta la brillante squadra vista finora, il Catania, a perder quelle energie mentali che le avevano permesso di mantenere alta l’attenzione e distante dall’area di Andujar gli avversari. Sembra quasi che i rossazzurri giochino in inferiorità numerica sia per l’astio percepito nei confronti di Gervasoni che per l’astio che Gervasoni sembra quasi non riesca a nascondere verso le proteste, quelle giuste e sacrosante, dei rossazzurri. Il risultato sono azioni pericolose a ripetizione per la Juventus e quattro ammoniti tra le fila etnee. Tutto insomma, a danno del Catania.

    Oltre al danno, nei secondi 45′, anche la beffa. Arriva il goal della Juventus, arriva con Vidal, arriva in fuorigioco. Stavolta le proteste del Catania servono davvero a nulla. l’abitro è irremovibile, gli altri assistenti tacciono. Arriva anche l’espulsione di Marchese, figlia dell’eccessivo zelo dell’arbitro susseguente all’episodio del primo ed unico goal regolare della partita: quando insomma sventola gialli a ripetizione in faccia ai giocatori del Catania solo per tacerne le proteste. Arrivano anche due decisioni una più discutibile dell’altra in area juventina: tocco di mano di un difensore su tiro di Gomez, atterramento di Morimoto nel finale.

    La partita, quella vera, termina 1-0 per il Catania; la partita, quella falsata dall’arbitro, termina 0-1 per la Juventus e col Catania decimato in prospettiva dell’impegno di mercoledì prossimo, contro l’Udinese. Per la giustizia morale una gara che andrebbe ripetute, per la giustizia sportiva una gara validissima.. a meno che l’arbitro Gervasoni non venisse ritenuto incapace di intender e di voler, ma a noi, è sembrato capacissimo di intender e di volere.. il bene della Juventus. E quindi? E’ stata scritta una delle pagine peggiori del dopo Bayron Moreno.. in seguito radiato dalla FIFA e non solo..

    Come fu in quel caso.. non resta che rimettersi alla giustizia divina..

  8. Ip Address: 212.195.241.127

    BASTARDI BASTARDI
    Ancora dopo ore non mi do pace, , ma faccio una riflessione anche con le altre partite, quest’anno c’è qualcosa che non va contro il nostro Catania, troppe ingiustizie arbitrali, ma ora voglio vedere il Bicchiere mezzo pieno e quello mezzo vuoto, il pieno, Rolin come prima partita più che buono, Bergessio IMMENSO e già è a 5 gol e dico 5 col Parma e la Juve con arbitri decenti erano gol, e poi ANDUJAR che se lasciato tranquillo puo’ fare il suo onestissimo campionato, e credetemi che ancora degli errori ne farà come tutti del resto. Gli altri bravissimi

    IMa andiamo al mezzo vuoto Barrientos? troppo fragile e abulico, Maran lo doveva cambiare alla fine del primo tempo, e Lodi troppo diciamo TIMIDO? ora anche se con 2 dei più importanti uomini del Catania a mezzo servizio specialmente Barrientos il Catania oggi ha VINTO MERITATAMENTE, perchè se si e vero che Andujar è stato incredibile, ricordo che è un giocatore del Catania , come lo è Buffon che con le sue parate salva sempre il culo a questi LADRI

  9. Ip Address: 212.195.241.127

    Bastardo quercio maledetto e falso come tutti gli juventini, ma che gioia provano a vincere cosi? FORZA INTER FORZA NAPOLI distruggeteli

    UVENTUS, Marotta: “Gol del Catania regolare ma avremmo vinto ugualmente”
    28.10.2012 16.54 di Antonino Bulla per itasportpress.it articolo letto 75 volte

    © foto di Giuseppe Celeste/Image Sport
    Intervenuto nel post-match di Sky Sport 24, il direttore generale della Juventus Beppe Marotta ha commentato l’1-0 ottenuto dai bianconeri a Catania. “Il gol era regolare, però non avrebbe determinato il risultato a nostro sfavore. Spesso rimontiamo e giochiamo meglio nella ripresa, come successo pure oggi. Nessuno può escludere la nostra rimonata per quell’episodio. Oggi abbiamo avuto il predominio territoriale, anche in parità numerica mai Buffon è stato imprensierito da loro. L’errore è evidente, ma ai punti avremmo vinto a mio avviso. Ammetto che il gol è da convildare, ma è pure evidente il consulto tra assistente, giudice e arbitro. Le accuse di Pulvirenti ai giocatori in panchina? Che i nostri giocatori abbiano il potere di far annullare un gol dalla panchina è una considerazione talmente illogica che non merita risposta.Guardate le immagini. L’assistente l’ho visto alzare subito bandiera, poi l’ha piegata verso centrocampo, aveva dubbi. Poi il sincronismo tra di loro non posso valutarlo, è andata così e non capisco perchè questo episodio possa inficiare la nostra vittoria dato che mancavano 65 minuti alla fine”.

  10. Ip Address: 79.51.178.67

    MAROTTA VAI A CAGHER

  11. Ip Address: 79.9.196.14

    piangi tifoso catanese tu è il tuo presidente, la juve avrebbe vinto lo stesso ricorda 15 tiri in porta e Buffon poteva anche non giocare.
    piangi tifoso catanese sucati stu limuna amuro forza juve ed un saluto da Catanzaro

  12. Ip Address: 79.18.70.50

    Chiarezza, mi hanno piaciuto Rolin prima di tutti ottimo impatto con la partita anticipa, dribbla, attacca lo spazio bravo.
    sono d’accordo con te su Barrientos troppo lento rallenta la manovra doveva essere cambiato prima.
    Castro è stato fenomenale
    Morimoto bravo anche lui come prima punta.
    Lodi oggi non si è visto per niente….
    L’ultimo elogio va a ANDUJAR oggi è stato il portiere che abbiamo ammirato in passato.
    Abbiamo una squadra forte dobbiamo migliorare in trasferta con il 3-5-2 e in casa con il 4-3-3.

  13. Ip Address: 79.18.70.50

    Salvatore ma che film ti sei visto 😈 😈 😈 😈
    ringrazia l’arbitro altrimenti oggi tornavate con una bella sconfitta :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

  14. Ip Address: 79.18.70.50

    Errore Bergessio, il designatore Braschi: “Ha sbagliato l’assistente Maggiani”
    28.10.2012 18:48
    Intervistato dall’agenzia Ansa, il designatore degli arbitri, Stefano Braschi da ragione al Catania sul gol annullato a Bergessio. “Capisco Pulvirenti, sul gol annullato al Catania contro la Juve c’è un errore. Lo sbaglio è dell’assistente Maggiani uno bravo ed esperto. I primi ad essere dispiaciuti siamo noi”

    e adesso ci ridate la vittoria o fate rigiocare la partita vergogna ladri :mrgreen: :mrgreen:

  15. Ip Address: 79.51.178.67

    salvatore vai a fatti f………re scuse scuse scuse e intanto ci anno rubato tre punti grazie agli arbitri

  16. Ip Address: 79.51.178.67

    La “sudditante” prestazione di Gervasoni & co. al Massimino… Diteci Perché?
    Gara disastrosa per l’arbitro Gervasoni e la sua cinquina arbitrale. L’episodio clou è il goal assegnato al Catania e poi ritrattato. Ripercorriamone tutte le tappe per evidenziare le anomalie procedurali che configurano l’incredibile decisione. Poi dall’incredibile si passa al paradosso con quel che segue a tale decisione.

  17. Ip Address: 79.51.178.67

    CATANIA – Gara disastrosa per l’arbitro Gervasoni e la sua cinquina arbitrale.

    L’episodio clou è il goal assegnato al Catania e poi ritrattato. Ripercorriamone tutte le tappe per evidenziare le anomalie procedurali che configurano l’incredibile decisione.

    Tutto comincia con..
    Al goal di Bergessio l’arbitro ha lo sguardo rivolto verso l’assistente di linea Maggiani che non segnala alcuna infrazione restando con la bandierina abbassata. Avesse riscontrato fuorigioco difatti, il guadalinee avrebbe dovuto alzare la bandierina e restar fermo sulla linea del fuorigioco riscontrato. Cosa che non accade, sintomo della regolarità di quanto visto e giudicato. L’arbitro fischia dunque la convalida del goal indicando il dischetto di centrocampo.

    A questo punto cosa accade

    Al fischio dell’arbitro che dispone la ripresa del gioco da centrocampo, segnale convenzionale dell’assegnazione del goal, il guardalinee con la bandierina rivolta verso la metà campo corre per raggiunger la linea mediana e riguadagnare la posizione consueta alla ripresa in gioco dal dischetto di centrocampo.

    La panchina della Juventus

    E’ proprio mentre il guardalinee riguadagna la posizione che, dalla panchina della Juventus, un elemento (probabilmente Pepe) non riconoscibile perché di spalle alla tribuna A (nostra visuale) scatta verso di lui e ne arresta la corsa, frapponendosi col corpo. In quel momento, parte della panchina della Juventus lo segue e vien presto raggiunta dai giocatori in maglia bianconera che va precisato, fino a quel momento stavano con rassegnazione riguadagnando la posizione per la ripresa del gioco, senza protesta alcuna. L’unico a protestare, Bonucci, prima con l’arbitro di area, Rizzoli, poi con lo stesso guardalinee, fermato da Pepe.

    L’intervento di Gervasoni

    Solo per l’uscita dall’area tecnica, i giocatori fuoriusciti dalla panchina sarebbero passibili d’espulsione. E’ il primo errore di Gervasoni che, raggiunto il centrocampo, accorgendosi della situazione, torna sui suoi passi, nel vero senso della parola raggiungendo il guadalinee che nel frattempo i giocatori bianconeri hanno spinto indietro verso l’area di rigore dove, insomma, si sarebbe dovuto fermare il caso di segnalazione di fuorigioco, che tuttavia ricordiamo non esser mai avvenuta. Ebbene, Gervasoni non redarguisce né ammonisce i giocatori bianconeri, che hanno accerchiato il suo assistente ma ne ascolta le rimostranze, poi prende sottobraccio Maggiani ed in pochi secondo annulla la rete disponendo la ripresa del gioco come se si fosse trattato di fuorigioco.

    La decisione viene furbescamente accreditata dal ritorno dell’assistente nella posizione che mai, però, avrebbe dovuto abbandonare una volta rilevato il fuorigioco. Solo allora i giocatori del Catania attraversano la metà campo in cui si erano posizionati, per la ripresa del gioco, per protestare contro la decisione, tra le tante, più evidente e penalizzante. Ma le parole dei rossazzurri non hanno lo stesso effetto. In questo episodio due sono le considerazioni chiave:

    a) Nessuno oltre all’assistente Maggiani avrebbe potuto vedere e segnalare il fuorigioco.

    b) L’assistente Maggiani non ha visto nè segnalato all’arbitro il fuorigioco, tanto da tener abbassata la bandierina e corre per di più verso il centrocampo per la ripresa del gioco.

    Va ricordato inoltre che, in tutto ciò, l’assistente Maggiani non alza mai la bandierina per segnalare, come da prassi, il fuorigioco che poi segnala, evidentemente solo a voce.

    Ne consegue che:

    a) La valutazione era stata presa e ratificata secondo tutte le informazioni disponibili alla terna.

    b) Nuove informazioni, errate (poco importa), sono giunte al guardalinee ed all’arbitro nel corso delle proteste della Juventus, che hanno fermato la corsa di Maggiani verso centrocampo.

    c) E’ puerile il successivo confabulare tra i due arbitri che, lo ricordiamo, sono in contatto radiofonico. Quindi ogni segnalazione o comunicazione, indipendente dalle proteste, sarebbe potuta avvenire precedentemente e non portare immediatamente alla concessione del goal. Una seconda e successiva comunicazione, senza l’utilizzo del canale radio, è sintomo con ancor maggior evidenza di una nuova informazione, di cui Maggiani era precedentemente sprovvisto, che lo raggiunge non prima delle proteste juventine e di cui informa l’arbitro solo successivamente.

    Le ipotesi “ragionevoli” sono solo due

    a) La panchina della Juventus è riuscita a condizionare la decisione del guadalinee con sole e convincentissime parole.

    b) Una comunicazione vera o millantata del quarto uomo, relativa ad ipotetiche immagini alla moviola riportanti l’infrazione di fuorigioco, è stata riferita dai giocatori della juventus al guardalinee nel corso delle proteste od è arrivata ad arbitro e guardalinee nel corso di quelle proteste, in tal caso direttamente da parte di un altro arbitro.

    In qualunque delle due casistiche l’atteggiamento della flottiglia arbitrale è assolutamente alieno ad ogni regolamento o prassi della disciplina del gioco.

    Quel che l’arbitro Gervasoni avrebbe dovuto fare:

    a) Convalidare il goal di Bergessio
    b) Sanzionare i giocatori della Juventus emigrati dalla panchina per protestare verso l’assistente.

    La situazione, già inconcepibile, scade nel paradosso nei minuti a seguire visto che

    a) Il presidente Pulvirenti viene allontanato dal campo per proteste, non meno vibranti di quelle della panchina juventina.
    b) Vengono comminate almeno due ammonizioni gratuite nei confronti di Legrottaglie e Marchese nei minuti seguenti la non assegnazione del goal. Ammonizione che peserà sull’espulsione di Marchese nel secondo tempo.
    c) Non vengono sanzionate almeno due simulazioni degli juventini al limite dell’area.
    d) Viene convalidato, dallo stesso Maggiani, un goal in netto fuorigioco di Vidal.
    e) Vengono richiesti dal Catania e negati due rigori, uno dei quali apparso quantomeno dubbio.

    Manca uniformità e lucidità di giudizio. In altre parole, se non è sudditanza è incapacità. Ed in qualunque delle due evenienza, il Catania è vittima, la Juventus può esserne artefice, ma l’unico responsabile resta l’arbitro, perché responsabile ultimo dei cinque collaboratori, insieme al designatore, responsabile unico ed ultimo per la condotta arbitrale.

    Così, come ricorda il presidente Pulvirenti: “Certo che la Juventus è imbattuta e rimarrà imbattuta continuando così”.

    L’unica domanda utile è solo “perché?”.. ripetuta tante volte quanti sono stati gli errori di Gervasoni, quindi all’infinito. La risposta arriverà? Stentiamo a crederlo.. come stentiamo a creder ancora nella buonafede degli arbitri e nella credibilità del calcio.

  18. Ip Address: 88.66.5.108

    be intanto si sono fregati i 3 punti poi certo non potendone fare a meno perchè le immaggini parlano chiaro ammetono che sono stati fatti degli sbagli dall’arbitro
    ma che in fin dei conti loro hanno meritato di vincere
    mafiosi del calcio ecco cosa sono dei mafiosi del calcio
    poi vanno in europa e fanno delle figuracce di merda
    questo e diventato il calcio italiano merda aspettate un paio d’anni
    e vedrete come arriveremo nel quoziente uefa allo stesso livello dell’albania .
    Invece di riempire gli stadi la gente dovrebbe evitare di andarci quando gioca la rubentus , forse così facendo si possono convincere quelli del palazzo di un’andazzo più onestazzo
    ma si dai buttiamola sul ridere che forse e meglio

  19. Ip Address: 2.10.109.16

    BASTARDI LADRI
    SONO ANCORA INCAZZATO,, MA ORA ANCORA DI PIU , LE DICHIARAZIONI DI QUESTI DROGATI, LADRI E SCESI IN B PER ILLETICI SONO DI UN INFAMIA TOTALE!! FORZA INTER E NAPOLI ?
    Bene ha fatto Pulvirenti ma ci doveva pensare prima, visto la Fiorentiona oggi? lamentiti e…………………..
    e poi la ciliegina Diamante del Bologna ammonizione sconcertante e salta la Juve

  20. Ip Address: 79.35.99.168

    Scusate,ma prima devo salutare una persona,non ti meriti neanche la lettera maiscola,salvatore,vattene affanculo nel tuo sito di merdosi delinguenti rubentini,adesso capisco perchè vi condannano anche quando le prove non ci sono,perchè le prove i giudici li raccolgono ogni domenica.

    Quel cesso di Agnelli ha chiesto i danni alla figc,voi rubentini dovreste rimborase trequarti di mondo di tutto ciò che avete e continuate a rubare.
    In Italia ci stanno alcune categorie di delinguenti,che io classifico cos’:

    al primo posto a parimerito,politici e juventini,in ambedue i casi,stiamo parlando di feccia,tutto ciò che può essere delittuoso,viene sempre dopo queste due categorie sopra citati.Spero con tutto il cuore,che gli juventini possano rivivere la serie “B”,tanto prima o poi,usciranno le altre delinguenze perpretate ai danni degli altri.gli auguro di uscire subito dalla Champions e lo scudetto vada a chiunque tranne a loro,comunque,juventini,AMMAZZATEVI.

    A proposito,ma catanzaro cosè? è mai esistito nel calcio,perchè se non sbaglio,è una provincia che,tolte le pecore i tori e ce ne sono tanti,rimangono gli scemi,BESTIA……DI CALABRISI…….tifi juventus perchè non hai una tua squadra…ahahah..rinnegato.

    Oggi,non parlerò di calcio,ma solo di assassinio calcistico,per il resto ci sarà tempo,solo un accenno,perchè è giusto dare a Cesare quello che è di cesare,oggi,ho visto un bel portiere,indubbiamente parlo di Andujar.

    Un saluto a tutti.

  21. Ip Address: 95.251.11.205

    Marotta, se dovessimo giocarla alla pari quella partita non la vincereste neanche pregando.

    Gervasoni, pezzo di merda, tu e tutti gli iuventini che sono andati dal guardalinee, non ti dimenticheremo mai!!!! Affanculoooooo!!

  22. Ip Address: 79.8.68.254

    Questa è troppo forte 😈 😈 😈 😈

    ESCLUSIVA, l’ex arbitro Paparesta: “Catania non meritava questo trattamento. Rizzoli condiziona l’arbitro ma la colpa di tutto è di Braschi perchè…”
    28.10.2012 20:35 di Redazione ITA Sport Press Twitter: @ItaSportPress

    L’episodio che ha condizonato la sfida tra il Catania e la Juve, che ha visto l’arbitro Gervasoni prima convalidare e poi annullare, su segnalazione del giudice di porta Rizzoli, la rete di Bergessio, non è sfuggita all’ex direttore di gara Gianluca Paparesta che in esclusiva ai microfoni di Itasportpress.it spiega: “Non è mai successo in una partita che un arbitro addizionale prenda una decisione su un fuorigioco visto che dalla sua posizione è impossibile giudicare bene. Rizzoli è ingombrante per gli arbitri. Forse perchè viene dagli europei, poi perchè è stato scelto per una pre-selezione per il Mondiale in Brasile, fatto sta che è convinto che debba essere lui a decidere tutto, rigori, fuorigioco e quant’altro. Il regolamento è carente sui compiti dell’arbitro addizionale. Tutto è soggettivo e lasciato al caso. In Europa l’arbitro addizionale si sta rivelando un vantaggio ma in Italia un disastro forse perchè non sono gestiti e istruiti bene. C’è chi da rigori, chi non decide nulla, chi non vede che il pallone supera la linea di porta e così via, un vero disastro. Dopo il gol convalidato a Bergessio sono passati 49 secondi e non è mai successo prima, un vero caso anomalo. Non è comprensibile l’operato dell’arbitro a Catania che in parte ha anche penalizzato la Juventus in alcune decisoni. La collaborazione di Rizzoli è deleteria perchè rovina la partita, non si è mai visto che un giudice di porta decida un fuorigico. Il designatore Braschi dà la colpa all’assistente Maggiani? Perchè gli fa più comodo caricare la responsabilità su Maggiani rispetto a Rizzoli… Il colpevole principale è proprio Braschi che in una partita come quella di Catania manda un un arbitro addizionae come Rizzoli che interviene, partecipa e decide e dall’altra un giudice di porta come Giancola della Can di B che ha diretto poche partite. Una designazione assurda e sbagliata che porta la firma di Braschi. Catania non meritava di essere trattata in questa maniera”.

  23. Ip Address: 2.224.195.250

    ciao mong. e slt a tutti i fratelli di maglia

    https://www.facebook.com/pages/Luca-Maggiani/325579754141590

    non ci sono parole …

  24. Ip Address: 79.52.95.119

    Un caro salutio a tutti gli amici tifosi.
    Da tutti gli arbitraggi di oggi, non solo quello scandaloso di Catania-Juventus, ma da tutti, compreso quello del posticipo Roma-Udinese(Zeman parla troppo e viene puntualmente punito dalla Juventus) mi sono accorto che comanda la Juventus di forza e di prepotenza fanno tutto quello che vogliono lor, meno che in Europa dove non riescono a vincere nemmeno contro una squadra di serie B.
    Oggi si è toccato il fondo, diamo lo scudetto alla Juventus e non parliamone più.
    Quello che è successo al Massimino è vergognoso e non c’è nessuna giustificazione perchè non si tratta di errore umano..

  25. Ip Address: 79.51.225.110

    Buongiorno a tutti,spero che i tre punti rubati da delinguenti incalliti gli vadano di traverso,auguro alla juventus le peggiori sfortune.

    CATANIA – JUVENTUS, agenzia scommesse paga il segno 1!
    28.10.2012 16:32 di Andrea Carlino Twitter: @acarlino85 articolo letto 2676 volte
    © foto di http://www.imagephotoagency.it
    L’agenzia di scommesse irlandese “Paddy Power” ha deciso di pagare comunque il segno 1 agli scommettitori di Catania-Juventus, gara segnata dall’errore arbitrale sul gol di Bergessio. Una decisione senza precedenti. PaddyPower ha inoltre reso noto che tutti i dettagli della propria iniziativa saranno resi disponibili sul proprio blog, ‘blog.paddypower.it’. Tutti gli scommettitori che avevano puntato sul segno 1, quindi, secondo quanto riferito da ‘Agipronews’, si vedranno pagata la puntata come se il Catania avesse realmente vinto.

    UPDATE 19.06 Precisa al Corriere della Sera, Alessandro Allara, direttore della comunicazione dell’agenzia: “In Gran Bretagna e in Irlanda è una tradizione il “pagamento di giustizia” su episodi molto controversi dello sport». Il meccanismo prevede quindi il pagamento della quota per le scommesse singole sulla vittoria del Catania e sul pareggio, ma può anche riguardare le scommesse multiple, quelle in cui occorre ottenere una combinazione di risultati: «Naturalmente dipende da se si tratta del solo errore, valuteremo caso per caso, ma naturalmente come minimo la valuteremo come void», quindi con valore 1, alla pari”.

  26. Ip Address: 88.66.18.106

    vengono in veste di agnelli ma in verita sono lupi famelici

  27. Ip Address: 88.49.102.71

    Buongiorno a tutti, belli e brutti!
    Prego tutti gli amici di perdonare la mia temporanea latitanza dal sito ma problemi personali mi costringono a riversare le mie risorse altrove per inderogabili necessità.
    Attenderò tempi migliori.
    Come al solito mi sono recato allo stadio e ieri ho vissuto la partita in un’atmosfera così surreale che mi ha ricordato un Catania-Udinese del 1983-84 quando Zico, acclamato dai nostri stessi sostenitori siglava una doppietta tra gli applausi.
    Erano altri tempi certamente ma l’applauso fragoroso dedicato dai tifosi rossazzurri alla Juventus subito dopo l’uno a zero per me non può non aver segnato nel cuore gli stessi atleti bianconeri, così come le decine di cori “Ladri,ladri..” urlati a più riprese nei confronti di questa società mai stanca di essere avida nell’acquisire trofei in maniera disonesta non possono non aver lasciato un ricordo indelebile in tutti i presenti.
    La vergogna vera è rappresentata dalla indelicata sfrontatezza dei tifosi bianconeri presenti al Massimino che hanno avuto il coraggio di gioire ed esultare di fronte a ciò che così bene ha definito ieri Pulvirenti, “la morte del calcio”.
    Gli stessi atleti bianconeri a fine gara si sono timidamente avvicinati al settore ospiti sommersi dai nostri cori manifestando grande disagio.
    Fossi stato tifoso bianconero, almeno per ieri, avrei smesso di indossare la maglia bianconera e l’avrei tolta dalle spalle dei miei figli, soltanto in questo modo avrei avuto certezza di poter trasmettere ad essi il significato vero della parola dignità.
    Ma anche questa nuova generazione di tifosi, suo malgrado, continuerà a vivere e tifare senza pudore.
    VERGOGNA!!
    Un abbraccio a tutti.

  28. Ip Address: 95.245.219.162

    Buongiorno raga’!!!
    Saluto il grande Marcello, Lux, Peppe58, il Prof., Val (ne abbiamo visto tante ma questa e’ il colmo), joe, Mongibello, Chiarezza Angelo!!! 😉 😉 😉

    Salvatore da Catanzaro. 😯 😯 😯
    Se la giuve vinceva normale nulla da recriminare, con 11 o 20 tiri in porta se non segni non vinci. Noi un tiro sulla ribattuta del portiere il gol l’abbiamo fatto e ci e’ stato negato, la giuve il suo gol l’ha segnato sul fuorigioco.

    Quindi vergognati tu e la tua giuve ladra da tantissimi anni!!! 😈 😈 😈 :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

    Buona giornata!!!

  29. Ip Address: 79.52.95.119

    Una buona giornata a tutti i tifosi rossazzurri.
    Sto elaborando tutti gli errori vistosi commessi dagli arbitri delle prime nove giornate di campionato prendendo in considerazione «Domenica sportiva» «Corriere dello Sport» e «Gazzetta dello Sport» mi viene fuori una classifica molto interessante.
    La squadra più favorita è stata la Juventus (e non potevano esserci dubbi), la più massacrata la Roma (e non potevano esserci dubbi visto che è allenata da Zeman), molto penalizzate il Catania e la Sampdoria.
    A breve dopo aver rivisionato tutti i filmati degli errori incriminati pubblicherò la classifica.
    Quello successo ieri al Massimino è comunque l’errore più vistoso dell’attuale campionato ed è anche il più vergognoso perchè è chiaramente voluto.
    Inutile che Braschi parla di tragico errore ai danni del Catania, si tratta di favoritismo voluto per la Juventus ed ha ragione Pulvirenti non è solo sudditanza psicologica.
    Voi tutti ben sapete quanto io sia equilibrato nei giudizi, ma ieri si è toccato il fondo ed il campionato è stato nuovamente falsato.

  30. Ip Address: 2.10.109.16

    Bastardi ed è l’ultima volta che scrivo questo minimo aggettivo nei confronti della SIGNORA 😈 😈 😈 😈

    Ma stamattina alla mia incazzatura si aggiunge lo schifo della Rai non so le altre tv, ieri sera alla Domenica sportiva , hanno parlato solo del gol annullato al Catania , ed il RIGORE? manco po cazzu!!!! 😈 😈 ed il GOL DELLE MERDE , mancu po cazzu RAI MERDOSA, da oggi al mio vero Amore il Catania aggiungo anche il Palermo , la Sicilia si riscatti da questi ladri, ma in questo momento sto sentento i primi risultati elettorali in Sicilia, se non è zuppa è pan bagnato!!!

  31. Ip Address: 2.10.109.16

    Pulvirenti vuole ripetere la gara
    Marotta: “Sarebbe assurdo”

    Milano, 29 ottobre 2012

    Il presidente del Catania non si dà pace per l’annullamento del gol (regolare) di Bergessio dopo la tardiva decisione di Maggiani, sul cui profilo Facebook c’è anche uno stemma della Juve: “Se la pagina non è sua sporga denuncia”. La smentita dell’AIA: “La pagina non è sua, la Procura Federale indagherà”
    “C’è lo scudetto della Juve sul profilo Facebook di Luca Maggiani. Tutti possono tifare per la squadra che vogliono. Ma dopo quello che è successo ieri, ditemi voi che cosa dobbiamo pensare”. Il presidente del Catania Antonino Pulvirenti si collega a Facebook (ammesso che il profilo in questione appartenga davvero al guardalinee, ndr) e insiste sulle accuse alla terna arbitrale per il gol non concesso ieri contro la Juve. “L’errore lo accettiamo – dice ai microfoni di Radio Anch’io Sport -, è successo qualcosa di più. La sudditanza psicologica mi sembra evidente”. Poi, poche ore dopo, il mezzo passo indietro: “Se è un falso profilo lo invito a denunciare, in caso contrario a toglierlo”. Con una proposta aggiuntiva: “Rifacciamo la partita, iniziamo da qua, tanto la Juventus è sicura di vincerla – ha aggiunto -. Le scuse mi bastano, ma qui siamo oltre la buona o la cattiva fede. Conosco questo mondo, ma qui gli arbitri avevano fatto bene. Rifacciamo la gara, lo deve chiedere lo stesso Agnelli”.

    Il presidente del Catania Antonino Pulvirenti dopo la decisione di annullare il gol di Bergessio. Ansa
    SMENTITA DELL’AIA — La notizia secondo cui Maggiani “sia titolare di un profilo personale o di una pagina sul social network Facebook è destituita di ogni fondamento”. È quanto rende noto in un comunicato l’Associazione italiana arbitri (Aia), dopo le accuse rivolte al guardalinee da Antonino Pulvirenti. L’Aia ha anche segnalato l’episodio alla Procura federale “affinché accerti le responsabilità di soggetti eventualmente tesserati”.

    COSI’ REPLICO’ MAROTTA — Doppia replica anche da parte di Marotta, che inizialmente aveva ribadito che “se parliamo di un errore arbitrale non posso che condividere: si è verificato, come se ne sono verificati nelle altre partite di ieri, nelle giornate precedenti, nel campionato scorso dove la Juve è stata penalizzata. Ma se si parla di Juve che ha condizionato l’arbitro, allora respingo tutto al mittente. La Juve si comporta seriamente e anche se avesse subito quella rete nessuno può dire che sarebbe finita in quel modo – aggiunge -, smentisco che siano stati i nostri giocatori a invogliare gli arbitri a una riflessione, la bandierina di Maggiani era protesa verso l’alto al momento del gol per indicare il fuorigioco anche se poi la riabbassa”. Poi l’amministratore delegato bianconero replica anche all’idea di rigiocare la gara: “Mi sembra assurdo. Ieri in Manchester-Chelsea ci sono stati errori clamorosi, come quelli accaduti a Catania e non mi pare sia successo niente. O si accettano o il calcio non cambierà mai. Parlare di sudditanza mi sembra esagerato, ieri c’è stato un errore dell’arbitro e basta”. “Non ci ha fatto piacere vincere così – ha concluso Marotta -: sul campo abbiamo dominato e avremmo voluto vincere legittimamente. Ma il calcio è fatto anche di questi errori. È capitato al Catania anche domenica scorsa e mi dispiace, è capitato anche a noi lo scorso anno”.

Spiacenti, i commenti sono chiusi.

su
giu