IL PUNTO DI SVOLTA

 Scritto da il 21 marzo 2012 alle 15:33
Mar 212012
 

Alcuni eventi o cambiamenti importanti sono imperniati sulle circostanze.  Il campionato del Catania è fondamentalmente legato a una serie di fatti non casuali, cioè non è dovuto alle circostanze.

Il primo fatto: “ La consolidata solidità che la nostra società ha costruito nel tempo.”

Questo passaggio è indicativo di come il campionato del Catania non sia dovuto a chissà quali particolari circostanze o addirittura al caso, ma, è stato programmato con intelligenza e con la parsimonia necessaria per portare avanti un discorso che da altre parti economicamente più solide del Catania non è mai stata ricercata.

Il Catania dunque, ha fatto della sua necessità una virtù.

Secondo fatto: “Partendo in sostanza da zero e con debiti miliardari il Catania aveva programmato il suo percorso per arrivare nella massima serie in tre campionati, questo, per bocca del nostro Presidente; bene!”

L’obiettivo prefissato è stato raggiunto con un anno d’anticipo sulla scadenza fissata.

Il Presidente dunque, quando parla, non lo fa mai a sproposito.

Quest’altro passaggio fa capire a tutti che alle parole sono sostituiti i fatti e, nonostante le difficoltà evidenti a portare avanti discorsi di un certo tipo in una realtà come quella del Sud, in particolar modo a Catania, possiamo dormire sonni tranquilli quando a parlare, è il nostro Presidente.

Terzo fatto: “ Pur avendo ereditato una rosa di calciatori quasi inesistente, adesso il Catania ha un parco calciatori di tutto rispetto con punte di eccellenza.”

La grande lungimiranza del nostro amministratore delegato ha fatto si che nell’arco degli anni il Catania abbia lanciato in massima serie una quantità di “emeriti sconosciuti” o, quasi, e li abbia fatti conoscere a tutti.  Mettendoli nelle condizioni di dare il massimo e ottenendo con la loro cessione quelle plusvalenze che oggi hanno permesso al Catania di costruire un centro sportivo all’avanguardia che ha posto ancor di più all’attenzione dei media e del mondo la nostra società.

La società quindi, va avanti sempre e comunque su un’idea programmatica.

A questo punto dell’era Pulvirenti possiamo parlare di punto di svolta? E che cos’è un punto di svolta?

Nella maggior parte dei casi il punto di svolta è usato come metafora per esprimere un cambiamento di direzione e al momento topico di una situazione che può improvvisamente prendere una direzione inattesa. Come abbiamo visto, (e ho già ripetuto sopra), i momenti che sta vivendo il Campionato del Catania non sono dovuti alla casualità ma alla programmazione.

Quella programmazione che ha portato il Catania a migliorarsi anno dopo anno nella classifica finale del campionato e che adesso a quanto pare è arrivata al suo punto di svolta.

OGNUNO DI NOI COSTRUISCE IL SUO UNIVERSO PERSONALE

Ognuno di noi sviluppa la sua esperienza in conformità a ciò che sente importante conoscere. Osservando attentamente la varietà dei pareri o dei singoli comportamenti, percepiamo quanto diversi siamo gli uni dagli altri, e di come possiamo arricchire la nostra esistenza con le persone con le quali abbiamo a che fare. Le nostre vite sono diverse le une dalle altre quindi, ognuno di noi vive le situazioni in maniera diversa e del tutto personale rispetto agli altri. Quando però ci troviamo di fronte a fatti consolidati nel tempo, nessuno di noi (se non abbia qualcosa di personale per essere in disaccordo), può avere un parere che non sia concorde con gli altri. Ci troviamo in questo momento a discutere di come il nostro Presidente possa continuare la programmazione che aveva iniziato anni fa con Pietro lo monaco senza averlo più al suo fianco. Credo che il nostro Presidente possa portare avanti quel discorso che ha iniziato anni fa insieme all’AD.

Credo che, così come abbia trovato Lo monaco, lui sarà capace di trovarne un altro di pari livello, e in ogni caso, la grande esperienza accumulata in questi anni da Nino mi fa pensare che lui sia in grado di trovare la soluzione del problema.

L’ATTUALE POSIZIONE SARA’ MANTENUTA O VERRA’ MIGLIORATA?

Il Catania, di Vincenzo Montella, ha quarantuno punti. Statistiche alla mano in ventotto giornate questo è il secondo miglior dato fatto registrare dai Rossazzurri nella loro storia. Solo il Catania di Carmelo Di Bella è riuscito a fare meglio in serie A nel 60/61. Alla vent’ottesima giornata, i Rossazzurri avevano conquistato dodici vittorie e sei pareggi all’epoca la vittoria valeva due punti, quindi facendo il calcolo con i tre punti attuali per vittoria, sarebbero quarantadue, uno in più di ora. Quella stagione il Catania chiuse all’ottavo posto in classifica.

Il punto di svolta o le circostanze… che hanno fatto sì, che il cammino della nostra amata squadra sia arrivata ora a un punto nel quale ormai dal popolo Rossazzurro il raggiungimento dell’Europa-League sia visto come fosse una cosa alla quale ognuno dei singoli tifosi era abituato a considerare come normale … ci sta: ci può stare!
Considerando i campionati vissuti in questi anni dal Catania, l’attuale grande campionato condotto fin qui, ha aumentato le attese della gente: questo, è nell’ordine naturale delle cose.

La squadra ha potenzialità tali che può giocarsela alla grande fino alla fine. Indicativi, saranno i prossimi due incontri contro Napoli e Milan, se il Catania riuscirà a non perderli allora sì che il sogno di tutto il popolo Rossazzurro potrebbe anche realizzarsi.

A SOSTEGNO DI UNA FEDE: “FORZA CATANIA!”

  67 Commenti per “IL PUNTO DI SVOLTA”

  1. Ip Address: 79.52.19.190

    Salve raga’!!!
    Buon articolo Mario!!! 😉 😉 😉
    Aspetto con ansia queste due partite che ci diranno il vero valore del Nostro Catania!!!

    Se invece si perde pazienza, altri pochi punti e salvezza assicurata!!!

    Buon pomeriggio a tutti!!!

  2. Ip Address: 79.13.8.208

    buon pomerigio a tutti fratelli della costa rossazzurra complimenti mario non tolgo una virgola nella tua disamina stai diventando sempre piu eloquente nelle disamine un saluto rossazzurro forza catania sempre 😉 😉 😉

  3. Ip Address: 85.41.235.41

    Leggendo l’articolo, mi sforzo a camminare con i piedi per terra perchè non vorrei rimanere alla fine deluso di questo bel sogno che mi assali Europa league….

    Noi dobbiamo fare bene perché siamo una squadra che ha più fame della Roma o l’Udinese o la Lazio…..
    Dobbiamo ridurre il gap di 4 punti che c’è tra noi e Inter, Roma. Staccarli del tutto so che è molto difficile ma fattibile dipende dalla squadra, dalla qualità dei ns. giocatori in campo.
    per prima cosa ci vuole almeno un pareggio a Napoli e una vittoria contro il Milan, ma se sono 2 vittorie allora il sogno diventa realtà….

  4. Ip Address: 79.13.8.208

    caro joe che il tuo sogno possa diventare realta perche e il sogno di tutti noi tifosi forza catania sempre 😈 😈 😈

  5. Ip Address: 2.2.19.39

    😆 😆 😆 😆 😆 😆
    Sempre più contento, e BUONO , Con Montella 😛 😛 Mario e Beppe con i quali adesso sono in sintonia 😉 😉 😉 insomma con tutti!!
    Bravo Mario d’accordo con te, ma ora voglio aggiungere una cosa, un piccolo consiglio a Montella!! Per le restanti partite non pareggiare più, mi sembra che dopo la Juve siamo la squadra con più pareggi, gioca solo per vincere e se perdiamo ” cu si ni futti” :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: noin abbiamo più niente da perdere su 10 partite 5 vittorie e 5 sconfitte fanno 15 punti………3 vittorie 3 sconfitte e 4 pareggi fanno 12 punti!!!! A Napoli per divertirci, :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

  6. Ip Address: 85.41.235.41

    Ciao Chiarè,
    quoto le 5 vittorie 😉 😉 😉
    ma Llama è fatto di carta velina 😈 😈 😈

    Giovedì alle 14.15 Gomez e Marchese in sala stampa

    Doppia seduta a Torre del Grifo: in mattinata, forza funzionale in sala muscolazione; nel pomeriggio, riscaldamento, esercizi di coordinazione ed agilità, approfondimenti tecnico-tattici e partita finale su metà campo, con i gol di Bergessio (doppietta), Ebagua, Barrientos e Izco. Llama ha anticipato il rientro negli spogliatoi a scopo precauzionale, per via di una contusione. In palestra Almiron e Biagianti, terapie per Motta. Catellani a segno con la Primaversa, sconfitta dalla Reggina (1-3). Giovedì alle 14.15, in sala stampa, Gomez e Marchese risponderanno alle domande dei cronisti. Alle 15, allenamento a porte chiuse.

  7. Ip Address: 188.11.154.241

    Buona sera a tutti
    un’altra buona notizia. Lo Monaco e Pulvirenti , a TdF, hanno fatto pace durante l’allenamento pomeridiano a porte aperte. Sono d’accordo con Chiarezza per quanto riguarda il cercare di vincere tutte le restanti partite, bisogna approfittare di questa posizione in classifica per giocarci il tutto per tutto. Poi se non dovessimo riuscire a conquistare l’Europa, saremo meno contenti ma almeno potremo dire di averci provato. L’importante è rimanere piazzati, entro la fine del campionato, non oltre il settimo posto.
    Ciao a tutti e sogni rossazzurri.

  8. Ip Address: 85.41.235.41

    Dobbiamo provare a combattere tutte le partite…. Poi se non ce la facciamo amen 🙄 🙄
    ma almeno ci abbiamo provato.
    Al46 volevi dire a torre del grifo ” TDG” applauditi dai tifosi, al meno LoMo va in Sud America contento 😆 😆 😆

  9. Ip Address: 79.13.101.186

    : Buon pomeriggio a tutti,Ciao Angelo ,Giorgio,Joe e Vittorio,un abbraccio a me frati Mario, che,mi pensa sempre. 😆

    La “precaria condizione di salute”,mi sta tenendo a letto,però,anche se tutto imbacuccato,ho voluto dare una sbirciatina :mrgreen:
    Mario,l’ottimo articolo mette nel giusto risalto,tutto ciò che di bene la società rossazzurra,è riuscita a fare in questi anni partendo da zero.

    Due gli attori principali Pulvirenti e Lo Monaco,coadiuvati dagli ottimi collaboratori che completano tutto lo staff del Catania.Mi ha fatto piacere il modo come hai evidenziato il lavoro del direttore,anche se sapevo che la tua obbiettività non si sarebbe fatta fuorviare dal “caratteraccio” :mrgreen: di Lo Monaco.

    Sicuramente,come dici tu,Pulvirenti avrà la capacità di trovare un degno sostituto di Lo Monaco,però,non penso che,ci possa essere uno che,possa continuare in toto tutte le mansioni che,Lo Monaco svolge nel Catania.

    Oltre a tutti gli agganci nell’America meridionale e operatori di mercato,cosa che può benissimo essere rimpiazzata,il direttore,ha formato per intero tutto il settore giovanile,riuscendo a scegliere le persone giuste e metterle al posto giusto(Alessandro Failla ne è la dimostrazione).Lo Monaco nel Catania,è il così detto,factotum,grazie anche a Pulvirenti che gli ha dato carta bianca,ma i risultati sono quelli che tu hai elencato.

    Non ho mai nascosto le mie simpatie professionali per Lo Monaco,ma sinceramente anche personali,io il modo di gestire del direttore,l’ho sempre condiviso,anche quando le sue uscite non sono state tanto felici,ma per qualcuno(e non sono pochi)serviva questo.Anch’io in qualche occasione(pochissime per ciò che mi riguarda) non ho apprezzato qualche sua dichiarazione,però,ho sempre anteposto il suo lavoro alle prime.

    A volte,in certi ambienti,o in certi posti di lavoro,per caratteristiche sociali e culturali,serve disciplina e rigore,io sono per questi,anche se comporterebbe perdere qualche pezzo per strada,ma sono sicuro,che nel tempo,se si sono disperse cento “pecorelle”,almeno 90,torneranno “all’ovile”,ma nel frattempo,se ne sono conquistate altre e forse dalla lana migliore.

    Scusate il paragone improprio,ma non sono riuscito a trovare di meglio,vista la mia precarietà connettiva,causa salute. scuhh…scuhh…..scuhh….Scusate la tosse. :mrgreen

  10. Ip Address: 85.41.235.41

    Ciao Peppe,

    Vargas? Con De La ne potremo parlare…”
    Il presidente del Catania: “Il cileno è un vero campione.

    Il presidente del Catania Antonio Pulvirenti, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Radio Gol. Ecco quanto riportato da Tuttonapoli.net: “Stasera guarderò la gara del Napoli ma non per studiare la squadra, lascio questo lavoro al mio mister. Ho scelto Montella come allenatore per il suo stile e per la sua voglia di allenare. Il mio Catania ha gli stessi punti dell’Inter sono orgoglioso di questo ma i conti si fanno a fine stagione.

    Conosco bene il mercato sudamericano, Vargas è un campione ma sarebbe stato meglio fargli fare le ossa in qualche squadra piccola, sei mesi a Catania gli avrebbero giovato. Se lo chiederò in prestito a De Laurentiis? Magari ne potremo parlare.

    Izco al Napoli? Non ne ho sentito parlare. Sta facendo un buon campionato da noi, ma può succedere di tutto. Al momento sono solo voci.

    Montella al Napoli? Le trattative si faranno a giugno ma ci teniamo stretti il nostro allenatore che ancora un altro anno di contratto”.

  11. Ip Address: 79.13.101.186

    Al46,scrivevo mentre postavi,un saluto anche a te.

    Vittorio,per quanto riguarda le restanti partite,condivido la tua analisi sulle eventuali vittorie pareggi o sconfitte,sarebbe qualcosa di eccellemnte,anche sui sogni europei,ci spero,ma rimango con i piedi ben saldati per terra,chi abbiamo d’avanti,non sono gli ultimi arrivati,anche se il Catania,se la può giocare con chiunque.

    Io spero che,in queste 10 partite,i ragazzi continueranno a farmi e farci divertire, poi,tutto quello che verrà,ce lo prenderemo,sicuramente,se il Catania,dovesse finire il campionato al settimo,oppure ottavo posto,non mi sentirei deluso.Non dico “ci credo,”però ci spero all’Europa. :mrgreen:

  12. Ip Address: 2.2.19.39

    HO SCELTO Montella come allenatore :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

    IL MIO CATANIA ha gli stessi punti dell’Inter sono orgoglioso di questo :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

    Conosco bene il mercato sudamericano, Vargas è un campione ma sarebbe stato meglio fargli fare le ossa in qualche squadra piccola, sei mesi a Catania gli avrebbero giovato.SE LO CHIEDERO in prestito a De Laurentiis? Magari ne potremo parlare.

    GRANDE PRESIDENTE

    Ciao Beppe :mrgreen: :mrgreen: allora speriamo!!! :mrgreen: :mrgreen:

  13. Ip Address: 79.44.7.158

    Un caro saluto a tutti i tifosi. Ciao Mario, noto con molto piacere che anche tu nel tuo ottimo articolo, ti avvali dei dati statistici, del resto le cifre non sono opinabili. Ciao Vittorio, leggo i tuoi interventi sempre con molto piacere e concordo con te, ormai salvi vale la pena di tentare di vincere rischiando anche di perdere, questo lo sostengo da tempo. Comunque, dopo la Juventus (14), la squadra che ha fatto più pareggi è l’Atalanta con 13, il Catania ha ottenuto 11 pareggi, tanti quanti quelli del Napoli. Ciao Joe, le poche volte che ho visto giocare Vargas non mi ha impressionato, probabilemte si deve ancor ambientare.
    Un saluto a Beppe,Peppe, Giorgio, Angelo Al e al resto.
    A domani.

  14. Ip Address: 85.41.235.41

    E’ pace tra Pulvirenti e Lo Monaco

    Una stretta di mano, un abbraccio ed un bacio sulla guancia davanti al pubblico di Torre del Grifo. Un gesto distensivo che azzittisce le presunte voci di rottura della coppia composta da Pulvirenti e Lo Monaco.

    Auguri, sono contento 😆 😆 😆 😆

  15. Ip Address: 95.251.36.82

    Buonasera a tutti. Un abbraccio a Mario, Beppe, Joe, Il Prof., Chiarezza, Angelo, Giorgio (tifa anche per me a Napoli, io tiferò anche per te a Verona :mrgreen: ), …..insomma a tutti pari!!

    Mario, condivido in toto, dico in toto, il tuo articolo. 😉

    Condivido pienamnete il post n. 5 di Chiarezza, che ultimamente è strafelice per le prestazioni della nostra squadra…….ed io sono felice per lui.

    Sono contento della pace fatta tra il presidente e LoMo. 8) , anche perchè sappiamo tutti che come il nostro D.G. ce ne sono pochi (forse nessuno).

    Adesso speriamo che il Napoli si qualifichi ai tempi supplementari per la finale di Coppa Italia, così domenica li prendiamo per stanchezza e li battiamo. :mrgreen:

    Buona serata a tutti Voi. Fozza Cataniaaaaaaaaa!!!

  16. Ip Address: 79.52.19.190

    PLV-LM Baci e abbracci a porte aperte!!!

    Meno male raga’!!! 😀 😀 😀

    Zio Petrus deve capire che ancora non e’ il momento di lasciare tutto e iniziare daccapo da un’altra parte.

    Forza Cataniaaaaaaaaaaaaaaa!!!

    Ti aspetto a Napoliiiiii!!!

  17. Ip Address: 79.13.101.186

    Un saluto al Prof.un abbraccio a Mongibello.

    Vado a manciare e poi,’m’accutolu ‘sutta ‘ì ‘cupetti 😥 :mrgreen:

    Buona serata a tutti voi. 😉

  18. Ip Address: 79.13.8.208

    buonasera fratelli della costa rossazzurra ciao peppe ti auguro una pronta guarigione un saluto a mongibello e una buona serata a tutti forza catania 😉 😉 😉

  19. Ip Address: 128.67.22.84

    Un saluto a tutti,complimenti mariooo per l articolo;Anch’io penso come ha anche ribadito qualcuno di voi che sarà un compito difficile sostituire lomonaco ma alla fine sono convinto che pulvirenti riuscira in questo intento,anche perchè in questi anni come abbiamo detto più volte è apparso a gli occhi di tutti sempre tutt’altro che sprovveduto nelle scelte piccole o grandi che siano quindi credo proprio che il nostro presidente non ci farà rimanere di certi delusi nei prossimi anni riguardo alla gestione della società senza ovviamente il grande direttore;Per quanto riguarda il resto del campionato credo che sarà molto difficile finirlo superando inter e roma ma sono convinto che riusciremo in questa impresa,speriamo che il napoli oggi si stanca per bene e che domenica arrivano sfiancati in campo dato che sappiamo bene che mazzarri utilizza sempre gli stessi giocatori o quasi. ciao a tutti e FORZA CATANIA.

  20. Ip Address: 2.2.19.39

    Che vi dicevo per la querelle tra Lo Monaco e Pulvirenti? che facevano la pace………non era questo il momento della lite, caso contrarioPulvirenti invece di mandare LoMonaco in Argentina Pulvirenti lo avrebbe mandato a Torre ………….del Greco :mrgreen: :mrgreen:

    D’accordo con Mongibello ……I SUPPLEMENTARI , e siccome sono sportivo :mrgreen: :mrgreen: spero che Lavezzi e Gargano si infortunano , si perchè per me Gargano è fondamentale per il Napoli al pari di Lavezzi!!!!!

  21. Ip Address: 79.52.19.190

    Salve raga’!!!
    Buona guarigione peppe58!!!

    Ciao Chiarezza!!! 😉 😉 😉
    Zio Petrus e’ di Torre Annunziata insomma vicino a Torre del Greco.

    Sogni rossoazzurri a tutti e forza Cataniaaaaaaaaaaaaaaa!!!

  22. Ip Address: 176.207.178.159

    :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

  23. Ip Address: 176.207.178.159

    UUUFFF che giornata faticosa, finalmente due minuti da dedicare ai miei compagni di fede Rossazzurra …

    Bene! se pace è fatta (non sono poi tanto convinto di questo), che sia duratura e senza più turbamenti mentali, ne da una parte ne dall’altra. Ho sottolineato il grande lavoro di Lo monaco (grande Peppe), perchè era doveroso farlo ma, sono convinto che senza Nino questo grande lavoro non sarebbe mai venuto alla luce in quanto è il Presidente che ha dato carta bianca all’AD e non viceversa. Come ho sempre detto per me l’uno è il completamento dell’altro e viceversa, però, non dimentichiamoci chi è che deve dire sempre l’ultima parola e cioè il Presidente.
    Detto questo mi auguro che da qui alla fine del campionato non se ne parli più e se Lo monaco deve continuare a lavorare per il Catania che abbia il buonsenso di non uscire mai dalle righe quando si mette davanti ad un microfono…

    Un abbraccio a Pippuzzu Mongibello e a tutto il resto della compagnia!

    Forza Catania!

  24. Ip Address: 79.0.57.222

    Finalmente il Napoli ha eliminato il Siena cosi si è liberato un altro posto per L’Europa,
    allora io approfitto per aggiungere un altra casella gialla nella ns. classifica, nella speranza che sarà nostra 😀 😀 😀 😀
    dai forza ragazzi a tutta birra abbattiamo il Napoli…..

  25. Ip Address: 79.13.8.208

    buongiorno a tutti fratelli della costa rossazzurra il napoli a superato il siena bene speriamo che siano un po spompati cosi sara un vantagio per noi comunque se vinciamo o paregiamo non abbiamo nulla da perdere ma meglio se vinciamo forza catania magico buon proseguo di giornata a tutta la compagnia 😉 😉

  26. Ip Address: 85.41.235.41

    Buongiorno a tutti….
    Ieri ho visto un Napoli stanco, svogliato con poca forza di correre una squadra in netta difficoltà con un avversario inesistente ……
    Hanno perso anche Maggio per infortunio 😉 😉 😉 penso che domenica il colpaccio si può fare.

    ———————————————–FORZA CATANIA—————————————

  27. Ip Address: 95.245.224.7

    Buongiorno raga’!!!
    Qui Napoli e dintorni, cielo parzialmente coperto e temperatura mite.
    Ciao Angelo e joe!!! 😉 😉 😉
    Stamattina vado a caccia del biglietto per assistere a Napoli-Catania!!! 😀 😀 😀

    Buona giornata a tutti!!!

  28. Ip Address: 2.2.19.39

    Buongiorno a tutti parti

    Volevo per sportività 😯 😯 😯 l’infortunio di Lavezzi e Gargano? mi accontento di Maggio 😳 😳

  29. Ip Address: 79.12.22.115

    Buongiorno a tutti,ciao Angelo,grazie 😉 Joe,Giorgio e Vittorio,scuhh…scuhh…scuhh….mannaggia alla tosse :mrgreen: :mrgreen:

    Vista la convalescenza,per qualche minuto m’inserisco.Ragazzi,anch’io ho visto la partita di ieri sera,non pensate che domenica prossima sarà la stessa cosa,i partenopei sanno benissimo che il Catania non è il Siena,perciò affronteranno la gara con un piglio diverso.Joe,io non penso che erano stanchi,ma bensì,ahnno cercato di amministrare il 2-0,risparmiandosi per la partita col Catania.

    Forse,proprio domenica potrebbero accusare un pò di fatica,ma non bisogna sottovalutare la carica che riesce a dare il S.Paolo.L’infortunio di Maggio potrà pesare sull’economia del gioco nel centrocampo azzurro,ma con tutta sincerità,penso che sono quattro i giocatori fondamentali del Napoli,oltre a Maggio: Cavani,Lavezzi,Hamsik e Inler.
    Comunque,tanto e non tutto,dipende anche dall’approccio dei nostri,per il resto,spero che si possano fare almeno 4 punti in queste prossime due partite.

    Il sindaco legista di Verona,Flavio Tosi,ha inviato una richiesta ai vari enti istituzionali amministrativi, al prefetto di Verona, Perla Stancari,e sportivi,Maurizio Beretta e al presidente del Chievo Luca Campedelli,affinchè la partita Chievo-Catania,in programma il 07/04/2012 alle ore 12:00,venga posticipata alle ore 18:00.
    Il motivo di tale richiesta,è dettata dal fatto che,Le strade attorno allo stadio Bentegodi, il sabato dal mattino fino al primo pomeriggio, sono da sempre sede del più grande mercato cittadino e frequentarlo è un’abitudine consolidata di moltissimi veronesi.La gara prevista per le 12:30,creerebbe non poche problematiche a tutti i cittadini veronesi,interessati,sia al mercato che alla gara.

    .

  30. Ip Address: 95.245.224.7

    Salve raga’!!!
    Ciao Peppe58!!!
    Come giustamente scrivi il Napoli si e’ risparmiato.
    La carica che da il pubblico napoletano e’ micidiale per qualunque squadra, bisogna vedere i Nostri come stanno e quale sara’ l’atteggiamento da prendere contro una squadra simile.
    Mi rammarico che ci manchera’ Motta, anche se Bellusci gioca bene ma troppo irruente, e se gioca Almiron se gli e’ passato il piccolo infortunio.

    Finalmente ho preso il biglietto della partita Napoli-Catania!!! 😀 🙂 😆 😛 😉 :mrgreen: 😈

    BUon appetito a tutti e forza Cataniaaaaaaaaaaaa!!!

  31. Ip Address: 95.245.224.7

    Copia e incolla da Repubblica.

    Catania
    Montella, i libri oltre la panchina
    “Studio perché la tattica non basta”
    Università, Luiss e psicologia: così è diventato un bravo allenatore. “Gestire uno spogliatoio è un lavoro complesso: bisogna capire gli atleti e saper comunicare. Mou è un esempio. Io democratico? Ho avuto allenatori che confondevano l’autorità con l’autoritarismo: il bluff finiva e anche loro”
    dal nostro inviato MASSIMO MAZZITELLI

    CATANIA – In un calcio dove la televisione è sempre di più il vero stadio, l’immagine vincente del Catania è il Vincenzo Montella che dopo le partite si presenta davanti alle telecamere: dopo una vittoria o una sconfitta, sempre lo stesso sorriso e la stessa tranquillità. Aria da bravo ragazzo che sembra capitato là per caso. Montella è anche fortunato perché in tv lo chiamano sempre dopo le polemiche di Conte e le battute di Allegri. “Urlare non è il mio stile. Sono timido, riservato, non mi piacciono le sparate, non le facevo da giocatore, non voglio farle da allenatore”.

    Eppure l’attacco all’arbitro sembra essere diventato il copione preferito dai grandi allenatori davanti alle tv.
    “Due anni fa allenavo i ragazzi della Roma e gli ho insegnato che nel calcio l’unica verità la dà il campo. La vittoria è frutto del lavoro, la sconfitta degli errori commessi. Non ci sono alibi. Quella lezione ora vale anche per me”.

    Ai suoi ragazzi regalava libri…
    “”L’Alchimista” di Paolo Coelho. Avevano 14 anni, sognavano di diventare calciatori. Il messaggio era che i sogni vanno inseguiti con sacrificio e sofferenza. Ora ai miei giocatori non saprei cosa regalare, ma non so neanche se avrebbero voglia di leggere”.

    Da giocatore alla panchina, ha scelto un percorso tutto suo: in un anno diploma in ragioneria, corso di management sportivo alla Luiss, corsi di psicologia.
    “E
    lo studio continua perché mi sono anche iscritto all’Università, Scienze motorie, ho dato otto esami”.

    Perché non bastava il patentino di allenatore?
    “Perché il calcio è cambiato e a un allenatore non è sufficiente conoscere solo schemi e tattica. Gestire uno spogliatoio è un lavoro più complesso. Parlare con decine di televisioni e radio fa parte del mio lavoro e io devo saper comunicare. Ma devo anche capire come gestire un calciatore che attraversa un momento particolare. E non posso non sapere che a fine mese i conti della mia società devono tornare. Mourinho è un esempio: ha il controllo totale della comunicazione e della gestione della squadra”.

    Un lavoro completamente diverso da quello che lei ha conosciuto con i suoi ex allenatori?
    “Diverso soprattutto perché sono cambiati i giocatori. Prima si ascoltava il tecnico in silenzio e si ubbidiva. Ora non è più cosi. Sono ragazzi preparati che vogliono sapere, intervenire, che devono essere convinti di quello che fanno”.

    Li ha conquistati così i giocatori del Catania? Sacchi racconta che ha vinto la diffidenza del Milan quando ha dimostrato che, con le sue idee, due difensori avevano sempre la meglio su quattro attaccanti. Lei come c’è riuscito?
    “Parlando giorno per giorno. Raccontando il mio calcio senza imporre nulla e ascoltando le loro osservazioni. A volte anche cambiando idea”.

    Uno dei pochi allenatori democratici…
    “Non so se sono uno dei pochi, ma io credo nel dialogo. Certo poi alla fine qualcuno deve decidere e quel qualcuno sono io. Ma ho avuto tanti allenatori che hanno confuso l’autorità con l’autoritarismo e quando il bluff è finito sono finiti anche loro. E la squadra li ha abbandonati”.

    Capello l’ha vista riprendere un suo attaccante che non rientrava e ha fatto una battuta: “Ora Montella capisce perché non lo facevo giocare: non tornava mai”.
    “Se mi avesse anche detto dove andare, io sarei tornato a coprire. I miei attaccanti sanno perfettamente dove andare”.

    Però per come gioca il suo Catania, lei Montella non lo avrebbe fatto giocare. Bergessio in area ci sta poco.
    “Ma io non sono un integralista, non ho in testa un solo modulo di gioco. Mi adatto ai giocatori che ho. Se chiedessi a Bergessio di stare in area e aspettare i palloni, sarei da cacciare subito. Oggi un allenatore non fa le squadre, è chiamato a guidare quello che trova, i giocatori che presidenti e direttori sportivi hanno comprato. Forse solo Mourinho può permettersi di presentarsi con la lista della spesa ed essere accontentato”.

    Il vero potere nel calcio in Italia oggi ce l’hanno i ds.
    “È vero, la fortuna per un allenatore è trovare quello bravo. Ma la società non deve solo comprare: guardate le squadre che vincono e scoprirete che sono quelle dove il tecnico è affiancato da dirigenti che lo aiutano nella gestione dei giocatori”.

    Nelle tabelle di questi giorni, tra le squadre in lotta per la Champions c’è il suo Catania.
    “Il premio al nostro lavoro, perché tutti i punti sono stati meritati. Ma non è casuale. Abbiamo un centro sportivo tra i migliori a livello europeo e la disciplina e l’organizzazione da noi possono far invidia ai grandi club. E tutto questo nella squadra più a sud del campionato. C’è aria di rinnovamento nel nostro Paese. Perché a Catania non potrebbe cominciare dalla squadra di calcio?”

    (22 marzo 2012)

  32. Ip Address: 95.238.101.67

    Questo articolo rafforza ancora di più,il perchè ho sempre apprezzato Montella,a prescindere dai risultati(che sono importanti) e dai moduli in se.Però,inviterei gli amici a leggere attentamente l’ultimo passaggio di questo articolo e confrontarlo con il quarto finale del mio post N 9,quando mi riferivo a Lo Monaco,manco,io e Montella ci fossimo messi d’accordo. :mrgreen: :mrgreen:

  33. Ip Address: 95.238.101.67

    Napoli-Catania, arbitrerà Gervasoni

    Designati gli arbitri per la 29/a giornata di Serie A. Napoli-Catania, in programma domenica alle ore 15, sarà diretta dal Sig. Andrea Gervasoni di Mantova. Assistenti Massimiliano Grilli di Gubbio e Marco Barbirati di Ferrara. Quarto ufficiale Andrea Romeo di Verona, che ha arbitrato Catania-Lazio nel precedente turno di campionato.

    ATALANTA – BOLOGNA h. 12.30
    BARACANI
    PASSERI – TASSO
    IV: GALLIONE

    CESENA – PARMA
    CELI
    CARIOLATO – DOBOSZ
    IV: CALVARESE

    CHIEVO – SIENA
    DOVERI
    CARRER – ROMAGNOLI
    IV: GIACOMELLI

    GENOA – FIORENTINA
    BRIGHI
    DI FIORE – TONOLINI
    IV: ORSATO

    JUVENTUS – INTER h. 20.45
    DE MARCO
    NICCOLAI – MAGGIANI
    IV: GIANNOCCARO

    LAZIO – CAGLIARI
    PERUZZO
    GALLONI – DE PINTO
    IV: VELOTTO

    MILAN – ROMA Sabato 24.03 h. 18.00
    MAZZOLENI
    MANGANELLI – PADOVAN
    IV: BANTI

    NOVARA – LECCE
    GUIDA
    MARZALONI – ROSI
    IV: BERGONZI

    PALERMO – UDINESE Sabato 24.03 h. 20.45
    DAMATO
    PETRELLA – DE LUCA
    IV: VALERI

  34. Ip Address: 2.2.21.54

    Ciao Beppe, come stai?

    Iniziamo una piccola polemica, senza scordarci il passato recente,, prendo spunto proprio dell’intervista di Montella, che bada bene, mai ho detto mi è antipatico, anzi, ma testa dura!! è dalle partite perse in casa, Chievo e Cagliari, che in parte ha capito che Bergessio solo contro un’intera difesa non poteva giocare , cosi poi ha abbandonato il suo modulo,
    Oggi dice ” Se chiedessi a Bergessio di stare in area e aspettare i palloni, sarei da cacciare subito” 😳 😳 😳 motivo per il quale volevo che se ne andasse, ora è cambiato è sono contento per lui!!

    Capitolo Lo Monaco
    Da anni dico che è il vero artefice del successo del Catania, ma dall’anno scorso alcune sue dichiarazione, mi insospettirono , da li il mio OCCHIO PRESIDENTE, poi puntualmente avveratosi!!!!! meno male che poi tutto si appiano’………..salvo gli ultimi giorni!!! ma già prima di questa pseuda pace? dicevo non credo che tra i due possa finire cosi, e ne spiegavo il motivo……….

    Ora lui parte per l’Argentina!! Bene 2 sono le cose, lavorerà sicuramente per il Catania e resta!! o già è d’accordo con Pulvirenti, di chiudere gli affari pendenti e poi a fine anno se ne va a fare il presidente, in terza serie, ma mai ad una squadra rivale del Catania!!!

    Di pulvirenti l’ho già sottoliniato ieri dopo la sua intervista grande presidente :mrgreen: :mrgreen:

  35. Ip Address: 79.13.8.208

    verissimo quello che dici chiare ti quoto per questo un saluto rossazzurro a tutti 😉 😉

  36. Ip Address: 79.44.7.158

    Un caro saluto a tutti i tifosi. Al di là di ogni considerazione di natura tecnica Montella è proprio un bravo ragazzo.

  37. Ip Address: 2.2.21.54

    D’accordo con te prof, ho notato nella sua intervista un’aspetto umano, che mi ha impressionato favorevolmente 😉 😉

    Catania, Lo Monaco: “Vargas? Non lo conosco. Barrientos è il calcio e merita una big”
    “Abbiamo rispetto per il Napoli ma proveremo a fare risultato al San Paolo”
    22.03.2012 15.07 di Redazione Tutto Napoli.net per tuttonapoli.net articolo letto 302 volte
    © foto di Federico De Luca

    Il direttore generale del Catania, Pietro Lo Monaco, è intervuto a “Radio Gol” su “Radio Kiss Kiss”: “Quella di domenica sarà una gara difficile per entrambe. Il Napoli ha dei giocatori molto forti, Cavani è uno spot per il calcio, ma siamo consapevoli di essere una buona squadra e proveremo a strappare un risultato al San Paolo”.

    Vargas “Non so cosa dica il presidente. Non ho mai visto Vargas, non lo conosc e non ho la minima idea di che tipo di giocatore posso essere”.

    Questo mi conferma che sono tornati “Il Gatto e la volpe”” :mrgreen: :mrgreen:

    Futuro “Voci sul Napoli? Non è proprio il caso di tirare fuori queste storie, stiamo vivendo un bel momento a Catania ed abbiamo il dovere di provare a raggiungere il risultato europeo che sarebbe qualcosa di storica. Sono concentrato solo sul Catania”. 😯 😯

    Almiron “E’ un giocatori di qualità e quantità che potrebbe far comodo a molte squadra. Deve trovare gli stimoli giusti per fare bene. Ma il Catania ha altri talenti.

    C’è Barrientos che è il calcio fatto persona, è un ragazzo destinato a cambiare squadra ed approdare in una grande. E’ fortissimo ed ancora relativamente giovane”.

    Montella “Il tecnico sta facendo bene e credo che resterà a Catania. Ha bisogno di fare esperienza e sbaglierebbe ad andare via perché qui ha la possibilità di maturare la giusta esperienza”.

    Situazione dei ds “E’ inevitabile che ci siano dei movimenti in estate, ma da qui a fare previsioni mi pare prematuro”. 😥 😥 😥

  38. Ip Address: 2.2.21.54

    La pensa giusto come me!!!!!

    CATANIA, Marchese: “Potevamo anche lottare per la Champions”
    22.03.2012 16.06 di Manuela Puglisi per itasportpress.it articolo letto 169 volte

    Il difensore del Catania, Giovanni Marchese, ha realizzato il suo primo gol in serie A al Napoli nel match del girone di andata al Massimino. Il calciatore di Delia a pochi giorni dalla partita al San Paolo con la squadra partenopea è intervenuto in conferenza stampa a Torre del Grifo. Queste le dichiarazioni raccolte da Itasportpress.it.
    “Contro il Napoli, come per tutte le altre gare, non importa il modulo con il quale scenderemo in campo, questo lo deciderà il mister. Noi dobbiamo solo dare il massimo. Non penso sia una cosa buona chiuderci per fermare i tre davanti. Potrebbero segnare in qualsiasi momento, bisogna solo giocare una partita alla pari. All’andata entrambe le squadre hanno giocato a viso aperto, è stata davvero una bella partita e al San Paolo domenica non sarà da meno. Giocare in uno stadio così ha sempre un certo fascino, e i tifosi tengono molto alle sorti della loro squadra. Sarà una gara tosta, le loro energie saranno tutte per il campionato e per la finale di Coppa Italia contro la Juventus. Vorranno sicuramente fare tutto ciò che di buono è stato fatto anche la scorsa stagione, quindi anche per loro saranno 10 finali da giocare fino alla fine, ma per noi questo non deve cambiare nulla.
    Obittivo sesto posto? Puntiamo ai 50 punti, dopo si vedrà. Si spera a qualcosa in più, noi ci crediamo. Stiamo facendo bene ed esprimendo un buon calcio. Con la fiducia tutto potrà essere più facile. L’Europa potrebbe portare alla nostra società prestigio e visibilità, sarebbe un riconoscimento per il buon lavoro svolto. E pensare che se non avessimo perso dei punti per strada, si sarebbe parlato addirittura di Champions. Andiamo avanti carichi per quello che stiamo dimostrando e facendo, saranno 10 finali da qui alla fine.”

  39. Ip Address: 2.2.21.54

    Grande Gomez

    CATANIA, Gomez: “A Napoli si vince così. Mio futuro? Altri tre anni qui”
    22.03.2012 16.01 di Manuela Puglisi per itasportpress.it articolo letto 199 volte

    L’attaccante del Catania, Alejandro Gomez, è intervenuto in conferenza stampa a Torre del Grifo. Queste le dichiarazioni dell’argentino in vista delle trasferta contro il Napoli, raccolte da Itasportpress.it.
    “Al San Paolo servirà giocare come sappiamo, con la maturità che abbiamo acquisito cavalcando l’onda positiva delle ultime gare. Mancano ancora tante partite alla fine del campionato e siamo consapevoli che il Catania non è mai arrivato così in alto nella sua storia. E’ sempre un’emozione giocare al San Paolo per noi argentini, nel tempio di un mito come Maradona. Il Napoli ha un attacco forte, ma oltre Lavezzi, Cavani e Hamsik ci sono anche altri giocatori che riescono ad essere pericolosi. Dobbiamo giocare con intelligenza e stare attenti, ricordare di poter far male in qualsiasi momento soprattutto con le ripartenze, ci sono 90 minuti per conquistare i tre punti. L’Europa? Manca molto alla fine e tante squadre lottano per il sesto posto. Non sarà semplice ma è una cosa che potrebbe dare prestigio a questa società come ai giocatori. Io ho un contratto di 3 anni col Catania e voglio rimanerci. Non sono un grande realizzatore ma in questa stagione mi piacerebbe arrivare a segnare almeno 8 goal.”

  40. Ip Address: 85.41.235.41

    Buon pomeriggio a tutti…

    concordo Chiarezza, concordo è l’annata buona per fare il salto di qualità 😉 😉 😉
    Intanto arrivano i soldi di Maxi lopez….

    MILAN, Maxi Lopez ha convinto e verrà riscattato
    22.03.2012 17:00 di Antonino Bulla
    Fonte: sport mediaset

    Secondo quanto riportato dal sito di “SportMediaset”, Maxi Lopez potrebbe essere riscattato immediatamente dal Milan. Le ottime prestazioni e la repentina integrazione nel gruppo milanista, stanno portando la società rossonera a riscattare il cartellino dell’argentino che a gennaio era stato ceduto dal Catania in prestito con diritto di riscatto. Il Milan dovrebbe sborsare una cifra vicina a 8-9 milioni di euro.

  41. Ip Address: 85.41.235.41

    Il bacio di Giuda 😈 😈 😈

    Lo Monaco, sarà addio al Catania. C’è l’Inter?
    Il dirigente è pronto a separarsi dal club etneo
    22.03.2012 14:37 di Christian Liotta

    Secondo alcune indiscrezioni raccolte da Tutto Mercato Web, vedere Pietro Lo Monaco occupare uno dei posti della nuova dirigenza dell’Inter non sarebbe un’ipotesi così remota. L’ad del Catania è ormai prossimo a separarsi dalla società etnea dopo anni di proficuo sodalizio, e almeno tre società di Serie A si sono mosse nei suoi confronti. Una di queste sarebbe l’Inter di Massimo Moratti alla ricerca di una guida esperta per rifondare la squadra nerazzurra; subito dietro la Fiorentina, poi un altro club.

  42. Ip Address: 79.13.8.208

    ma come non si era parlato di pace fra il duo lomo pulvirenti? 🙄 🙄 🙄

  43. Ip Address: 85.41.235.41

    Se osserviamo la classifica a partire del girone di ritorno. Il Catania è secondo dietro il Milan.

    Restano da giocare 10 partite con 30 punti in palio
    e noi incominciamo a sognare 🙂 🙂 🙂 🙂

    Angelo di LoMo non m’interessa più niente…. se rimane va bene, ma se va via non mi strapperei i capelli…

  44. Ip Address: 2.2.21.54

    Joe ma Christian Leotta cu ie ❓ ❓
    se dico che ci sono solo 2 possibilità credimi!! 😉 😉 😉

  45. Ip Address: 2.2.21.54

    A proposito di Lopez a parte il favoloso gol che ha fatto alla RUBENTUS o meglio 11 contro 10 🙄 🙄 Lo Monaco li ha perso na barcata di miliuni!!!

  46. Ip Address: 79.44.7.158

    Facciamo tutti un patto: non parliamo più di Lo Monaco fino a Pasqua, dopo le vacanze pasquali si vedrà, altrimenti rischiamo tutti di prenderci inutili preoccupazioni (in senso sportivo sia chiaro) Una buona serata a tutti, domani pomeriggio dovrei avere un po’ di tempo libero in più.

  47. Ip Address: 2.2.21.54

    E anche a Gargano mu jucai pi tutti i roti e ancora na finutu :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:
    Bebbe senza il filtro a centrocampo di Gargano il Napoli con quella difesa era a metà classifica, inutile fare gol quanto ne prendi di più, e se vedi ieri intercetta un contropiede del Siena ed innesca Lavezzi ………..e poi gol di Cavani!:! Senza di lui il Napoli sarà sbilanciato, spero che Montella giochi sempre col 4*3*3 senza snaturare il 4-3*3 o vincemu o piddemu, addivittemuni!!!

  48. Ip Address: 2.2.21.54

    Napoli-Catania: Pronti Dzemaili e Dossena
    15:01 del 22 marzo
    Leggi anche…
    13:26 del 22 marzo
    Napoli-Catania: Pulvirenti chiederà Vargas

    Finalmente la luce del giorno al San Paolo: Napoli-Catania sarà la prima partita stagionale che gli azzurri disputeranno in casa alle ore 15. Saranno almeno 40mila i presenti allo stadio di Fuorigrotta, complice anche l’inizio della primavera. Lo scorso anno la vittoria degli azzurri, con rete di Camilo Zuniga, si rivelò decisiva per l’accesso alla Champions League, e anche adesso si tratta di un match dai risvolti molto importanti in chiave europea.

    Per la squadra di Walter Mazzarri sarà l’ultima gara di un ciclo intensissimo, cui seguirà poi finalmente una ‘settimana tipo’ in vista della Lazio. Ecco perché è probabile un po’ di turnover, con Dzemaili e Dossena candidati a prendere il posto di Gargano e Maggio.

  49. Ip Address: 2.2.21.54

    U CHINCIULINU METTI I MANU AVANTI 😯 😯 😯 😯 😯 😯

    el prossimo turno di campionato ci sarà il Catania di Montella

    E’ stato un mio giocatore, è un ragazzo intelligente e si vedeva che aveva la stoffa anche per fare l’allenatore. Tanto è vero che c’è stato un periodo in cui quasi lo volevo portare con me, quando lui aveva smesso, per fare il secondo. Quindi, mi fa piacere che sta facendo bene da allenatore. Dico la verità, domenica loro sono un po’ avvantaggiati dal fatto che noi siamo veramente stanchi, e lo si è visto anche nel secondo tempo con il Siena. Quindi, è una partita che mi preoccupa, lo dico in tutta onestà, proprio da un punto di vista delle risorse fisiche e mentali. Sarà una partita difficile e a me interessa solo quella che è la nostra causa.

  50. Ip Address: 2.2.21.54

    U chianciulinu è Mazzarri 😡 😡 😡

  51. Ip Address: 85.41.235.41

    😀 😀 😀 😀 😀 Chiarezza incominciano a mettere le mani davanti con i complimenti, a Napoli solo per vincere….

    sono tutti infortunati va bene cosi.

  52. Ip Address: 95.238.101.67

    Buon pomeriggio a tutti,grazie Vittorio 😉 un pò meglio,ma ancora mezzo claudicante 😥 :mrgreen:

    Vittorio,mi sembra che ormai siano finiti i tempi delle polemiche :mrgreen: ognuno di noi esprime quello che pensa,poi,si può condividere o meno e pur restando in certe occasioni sulle proprie convinzioni,diamo sempre qualcosa di personale sì,ma che arricchisce la discussione.

    Veniamo a Montella,so benissimo che le tue critiche si sono sempre fermate sull’aspetto tecnico e non sulla persona e proprio sull’aspetto tecnico che ,alcune nostre idee non si avvicinano,tu continui a dire,”testa dura”,riferendoti alle partite col Chievo e Cagliari,mentre io dico,”occasioni da gol sprecati dal Catania e partite perse per due errori individuali”.

    Sui Moduli,tu dici,ha capito che,Bergessio non poteva stare solo,io dico,che anche con il 3-5-2,Bergessio non è mai stato solo,aveva Gomez vicino.
    Tu dici che,col 3-5-2 stava facendo lo scienziato,io dico che,in certi momenti di esigenza,ha dovuto inventarsi qualcosa di nuovo e che,ha alternato,fin quando tutte le pedine non sono andate al loro posto,cioè,tutti i giocatori hanno recepito il suo modo di intendere come far giocare la squadra,soprattutto nella mentalità.

    Penso che non era facile e c’è voluto del tempo,affinchè,Montella,con l’aiuto dei più navigati Legrottaglie,Motta e Almiron,non riuscisse a trasmettere e cambiare una mentalità che,per sette anni,vedeva la squadra quasi sempre perdente fuori casa e troppo reverenziale a dispetto di quelle più “blasonate”.

    Anche nelle ultime due partite,ha dovuto fare di necessità virtù,pur di portare il risultato a casa,passando dal 4-3-3 al 4-1-4-1,con l’ingresso di Ricchiuti e Catellani.
    con la Lazio,nei minuti finali,è passato al 4-5-1,con l’ingresso di Ricchiuti,Llama e Lanzafame.

    Vittorio,quello che voglio dire io,è che,ha lavorato tanto,affinchè i giocatori non avessero come idea solo il 4-3-3,ma essere flessibili a più variati modi di stare in campo.Nella maggior parte dei casi,non è il modulo la causa di una sconfitta,quando la squadra avversaria con un solo tiro in porta(per fare riferimento alle due partite perse in casa) riesce a vincere la gara,pur avendo tu,sprecato una marea di occasioni,sono le casualità del calcio.

    Come tu ben m’insegni,oltre a tutto questo,la cose più importanti sono la mentalità e l’approccio,poi,l’imprevedibile,può far uscire qualsiasi risultato,ma questo fa parte del gioco. 😆

    Su Lo Monaco,io non so se già da quando tu hai avvertito un certo sentore,c’era già la volonta del direttore di andare via,però,come tu stesso confermi,la realtà del Catania di oggi,rispecchia la bontà del suo lavoro.
    Io,ribadisco che,sarei felice se dovesse rimanere,mi dispiacerei se dovesse andare via e non ne vedo altri alla sua altezza,per ricoprire il suo ruolo nel Catania e a Catania,però,usando una sua metafora,”il vento non si può fermare”,tutti nella vita abbiamo ambizioni e quando questi arrivano dopo aver fatto un buon lavoro,non si può certo negare quelle che sono le aspirazioni altrui.

    Sono convinto che,abbia ricevuto qualche buona offerta e magari stimolato da una nuova avventura,ci abbia pensato di lasciare,ma sono altrettanto convinto,che,è molto combattuto,non sarà facile per lui decidere.

  53. Ip Address: 95.238.101.67

    Ragazzi vado,una buona serata a tutti,eventuai post li leggerò domani.
    Ciaoooooooooooooo 😆 😆 😆

  54. Ip Address: 95.245.224.7

    Salve raga’!!!
    Vero non parliamo piu’ di zio Petrus, godiamoci questo periodo della Nostra amata squadra.

    Sogni rossoazzurri a tutti e forza Catania!!!

  55. Ip Address: 94.167.208.51

    Buonasera a tutti.

    Bravo Peppe su Montella …

    Ieri avevo scritto che non credevo alla pace tra Lo monaco e Pulvirenti perchè quell’abbraccio visto a Torre del grifo era forzato e chiesto dai tifosi … caro Peppe, non condivido il tuo pensiero sull’eventuale sostituzione di Lo monaco, credo che chi verà sarà all’altezza, e non è detto che sia una sola persona a farlo.
    Dico questo perchè credo che Nino ormai abbia capito che dare troppo potere ad una sola persona sia controproducente …

    Forza Catania!

  56. Ip Address: 79.13.8.208

    ciao chiarezza u chianciulinu dici tu a messo le mani avanti perche vorrebe che il catania graziasse la sua squadra ma con tutto il rispetto che o per il napoli il catania deve andare la per fare il colpo senza se e senza ma forza catania sempre buona serata a tutti e sogni rossazzurri 😉 😉

  57. Ip Address: 79.13.8.208

    buongiorno fratelli della costa rossazzurra e bello sentire che siamo temuti forza catania sempre buon prseguo di giornata a tutti un saluto rossazzurro 😉 😉 😉

  58. Ip Address: 79.13.8.208

    proseguo e non prseguo 😳 😳

  59. Ip Address: 80.181.42.152

    Buongiorno a tutti,ciao Angelo 😉

    Mazzarri,è sempre stato chiancilinu,soprattutto quando perde,dando la colpa immancabilmente all’arbitro,oppure dichiarando che la sua squadra ha giocato meglio degli altri e che,avrebbe meritato di vincere.

    All’andata,disse che nel secondo tempo la partita l’aveva fata solo il Napoli e che,per le occasioni avute,avrebbero dovuto vincere loro.Mentre invece,il Catania subì il loro forcing solo gli ultimi 10 minuti e nel computo generale delle occasioni,se fossero andate tutte a segno,la partita sarebbe dovuta finire 5-3 per il Catania.

    Il Sig. Mazzarri,mette sempre le mani avanti,prima e dopo la partita,non è mai colpa loro,o sua,quando non vincono. 😡

    Mario,su Lo Monaco,di fatto “diciamo la stessa cosa”,nel senso che,probabilmente Pulvirenti non darà mai più a una sola persona la gestione come ha fatto con il direttore,ma non penso perchè sia contropruducente,se no,non ci sarebbero stati gli ottimi risultati sin quì fatti registrare,anche perchè,il Presidente,riconoscendo certe qualità dell’A.D,per Catania,uno come Lo Monaco,sarebbe molto,ma molto difficile trovarlo per dare continuità a quello fatto ad oggi.

    La continuità sicuramente ci sarà,ma come dici tu,saranno più persone a fare quello che Lo Monaco ha fatto fino ad oggi.

    Ogni tanto vorrei ricordare,non a te,ma in generale,che oltre alle qualità di gestione e tecniche,al suo arrivo a Catania,ha dovuto fronteggiare e fino a pochissimo tempo fa,una fronda di delinguenti che,non avendo più certi privilegi come i biglietti omaggio e le trasferte pagate,non hanno fatto altro,che,minacciarlo,insultarlo e danneggiare la società con 100,000 € l’anno di multe per petardi e fumogeni,per ripicca a Lo Monaco.

    Comunque,non voglio stare quì ad elengare pregi e difetti del direttore,non cambierò il mio pensiero,il calcio Catania prima di tutto,però,mia opinione personale,Lo Monaco a Catania sarà insostituibile,non anteporrò mai il suo ottimo e tanto lavoro,con qualche dichiarazione poco felice e che,in qualche occasione abbia potuto urtare la sensibilità di qualche tifoso.

    Chiunque Pulvirenti andrebbe a scegliere se le strade con il direttore dovessero dividersi,sicuramente sarebbe una scelta oculata e di qualità,affiancato alla collaborazione di altri dirigenti.

  60. Ip Address: 80.181.42.152

    Palermo, Zamparini: “Disponibile ad accogliere Lo Monaco”
    23.03.2012 09:09 di Redazione ITA Sport Press

    Il presidente del Palermo , Maurizio Zamparini, intervistato da una radio del capoluogo siciliano ha risposto cosi’ su Lo Monaco, dirigente del Catania che sembra sul piede di partenza. “Con Pietro Lo Monaco ho un ottimo rapporto e qualora interrompa il rapporto di lavoro col Catania sarei ben disponibile ad accoglierlo qui a Palermo. Credo che ci sarebbero le condizioni per fare bene e anche andare d’accordo”

    ‘Inchia,’ti ‘piacissi ‘ahhhh……:mrgreen:

  61. Ip Address: 95.245.222.110

    BUongiorno raga’!!!
    Qui Napoli e dintorni, cielo parzialmente coperto e temperatura mite.

    Buona giornata a tutti e forza Cataia!!!

  62. Ip Address: 80.181.42.152

    Il Punto sul Mercato di… Peppe – In estate valzer dei dirigenti: da Branca a Lo Monaco, da Oriali a Corvino, quante scrivanie roventi!
    Dall’Inter alla Fiorentina, dal Genoa al Palermo: non solo tecnici e giocatori, tante le situazioni da risolvere anche dietro le quinte…

    23/mar/2012 08.05.00 di Peppe Di Stefano, giornalista Sky Sport 24

    Il mercato e l’altro mercato. Si tratta sempre di calcio, ma in forme differenti. Se c’è un mercato di giocatori, è perché c’è chi questi giocatori li sceglie, li tratta, li compra e li cede. Chiamateli direttori sportivi, chiamateli amministratori delegati, responsabili area tecnica o semplicemente dirigenti. C’è un mercato che riguarda loro. Soprattutto quest’anno. E se ci sono le panchine a rischio, ecco le scrivanie in bilico per scelte societarie, personali o per naturale chiusura di un rapporto.

    Non cambierà nulla alla Juve, assolutamente nulla al Milan, probabilmente qualcosina all’Inter, anche se appare difficile: Branca, sotto accusa per le ultime operazioni poco ‘redditizie’, potrebbe essere affiancato da un esperto di mercato. Un ‘dirigente’ che faccia solo mercato, in uscita e in entrata. Difficile il ritorno di Lele Oriali proprio per pessimi rapporti con Marco Branca; fatti invece alcuni sondaggi (nulla di più) con Pierpaolo Marino e Pietro Lo Monaco, entrambi abili nel mercato sudamericano. La palla adesso più che mai è nelle mani di Moratti, che personalmente sceglierà l’allenatore della nuova Inter.

    A Roma non cambierà nulla, a meno di clamorose sorprese: sponda giallorossa Walter Sabatini, che ha prolungato per un’altra stagione, potrebbe ritrovare (e solo in caso di mancata promozione della Sampdoria) l’attuale ds doriano Pasquale Sensibile. In casa Lazio invece Tare resterà il punto di riferimento sul mercato, con la più che valida collaborazione del presidente Lotito. A Napoli resterà Bigon che molto probabilmente accetterà la proposta di rinnovo del presidente De Laurentiis.

    Rivoluzione invece a Firenze: ufficiale la rottura con Pantaleo Corvino. Per il sostituto tanti i nomi: da Lele Oriali (che farebbe da uomo mercato e uomo immagine) a Pietro Leonardi, passando per Pietro Lo Monaco (che riproporrebbe il ‘progetto Catania’ in Toscana). Lo Monaco però (che attualmente si trova in Argentina per il solito viaggio alla scoperta di talenti) è seguito anche dal Genoa: si parla anche di un primo incontro conoscitivo, lo scorso venerdì in Lega Calcio, con l’amministratore delegato rossoblù Alessandro Zarbano. Se ne riparlerà soprattutto se fosse confermata la crisi in casa Catania tra Lo Monaco e il presidente Pulvirenti.

    Tornando al Genoa c’è già un principio di accordo invece con Sean Sogliano, ex Varese e Palermo: svolgerebbe il ruolo di direttore sportivo e sostituirebbe Capozucca (seguito dallo Spezia). Farà mercato, e non solo invece, Giorgio Perinetti a Palermo: Zamparini ha già avviato il restiling rosanero. Di pochi giorni fa anche l’arrivo di Christian Panucci (sarà il nuovo team manager). Fino a pochi anni fa Panucci giocava nel Parma: arrivò anche grazie a Pietro Leonardi, ad dei gialloblù, che qualche giorno fa ha ricevuto la proposta di rinnovo per altre cinque stagioni dal presidente Ghirardi. Per le firme dovrebbe essere solo una questione di tempo.

    Si prevede insomma un’estate calda. Tra giocatori, allenatori e ‘direttori’: buon calciomercato a tutti!

  63. Ip Address: 80.181.42.152

    LIPPI: vi spiego i tre motivi per cui il Catania è la rivelazione del campionato
    23.03.2012 09:00 di Andrea Carlino

    L’ex tecnico della Nazionale, Marcello Lippi, spiega sulle colonne della “Gazzetta dello Sport” i motivi del miracolo Catania. Nella rubrica “Sigaro toscano” che l’allenatore viareggino tiene ogni settimana sulla rosea, definisce i tre motivi per cui il Catania è la squadra rivelazione del campionato. “Non è un caso che il Catania, a dieci turni dalla fine, non sia in lotta per non retrocedere, ma sia in lotta per l’Europa League. E’ una squadra tecnica, veloce, imprevedibile, con un allenatore emergente: Montella”. Non ci sono segreti particolari, secondo Lippi: “Montella ha riservato in breve, nel suo lavoro, le conoscenze acquisite in una carriera d’alto livello, a contatto con grandi allenatori. Ha realizzato il sogno di ogni presidente: costruire una squadra che combini qualità tecniche, esperienza ed equilibrio tra i reparti. Fondamentale è la velocità nel ripartire quando si riconquista la palla, verticalizzando il gioco con il grande movimento su tutto il fronte d’attacco”. Secondo il tecnico sono tre le decisioni importanti che hanno contraddistinto il Catania di Montella: “Il primo motivo risiede nel puntare su Legrottaglie come regista difensivo. E’ un giocatore di grande intelligenza tattica, capace di trasmettere sicurezza e tranquillità al reparto, presente anche in zona goal. Il secondo motivo si basa sull’impostazione di un centrocampo molto tecnico nel quale play come Lodi ed Almiron e trequartisti come Barrientos e altri giocatori ricchi di talento come Ricchiuti o Llama si combinano perfettamente creando una rete a 4, a volte a 5 che gestiscono bene la palla, lanciano in profondità, coprono e non danno mai punti di riferimento”. L’ultima decisione è il sacrificio di Maxi Lopez, senza risentire di problemi in attacco: la velocità di Bergessio, la qualità di Gomez, il contributo di Catellani, rendono imprevedibile la manovra”. Questo risultato è stato raggiunto per gradi, non senza qualche difficoltà, dice Lippi, ma proprio per questo immagino più duraturo. In qualche circostanza Montella ha commesso errori di gioventù, ma è soltanto questione d’esperienza, dagli errori si impara.

    Devo farvi una confessione,io e Lippi,ci eravamo messi d’accordo prima. :mrgreen: :mrgreen:

  64. Ip Address: 80.181.42.152

    Oggi sto meglio,perciò vado a fare un pò di spesa(fin quando ce ne daranno la possibilità :mrgreen: 🙁 😥 ),ciao a tutti 😉

  65. Ip Address: 79.13.8.208

    sono in sintonia con te riguardo la spesa sono tempi duri per chi come noi sta speranza che la ditta non fallisca ma questo e un altro discorso forza catania sempre 😉 😉 😉

  66. Ip Address: 2.158.32.254

    No, Peppe … la verità è che mi ha telefonato Lipppi chiedendomi spiegazioni sul lavoro di Montella e io gli ho fatto leggere alcune nostre considerazioni sul Mister e sul suo modo di fare calcio.
    Lui ha ringraziato e poi ha scritto sulla gazzetta le indicazioni ricevute: tutto qua! 😆 😆 😆

    Forza Catania!

  67. Ip Address: 83.103.74.19

    Buongiorno a tutti!

    Abbattiamo il Napoliiiiii!!! :mrgreen:

Spiacenti, i commenti sono chiusi.

su
giu