Il Punto sul Catania

 Scritto da il 20 settembre 2011 alle 11:35
Set 202011
 

La vittoria del Catania di domenica scorsa al Massimino, ottenuta ai danni del Cesena, dell’ex tecnico rossazzurro Giampaolo, permette di mettere in cascina quattro punti dopo due partite giocate, questo può giovare al morale dei giocatori etnei, in vista della trasferta di Mercoledì prossimo contro il Genoa di Malesani. Da questa gara ci si attendono alcune conferme e qualche miglioramento nel gioco della compagine di Montella. Si possono trarre buone sensazioni della partita giocata domenica scorsa dal Catania, dove si è visto tanto carattere, anche se ancora manca una buona incisività in attacco, è in questo reparto, dove il tecnico del Catania deve concentrare meglio la sua attenzione, soprattutto in vista d’impegni più probanti a dispetto dei due già disputati.

Dopo la fine del calciomercato, è stato ritenuto abbastanza soddisfacente dagli addetti ai lavori, quello della società rossazzurra e si è sempre detto, che la compagine rossazzurra può disporre di un attacco sensazionale, visti gli arrivi di Suazo, Bergessio, Lanzafame e il giovane Catellani ma soprattutto, per le riconferme di Maxi Lopez e di Alejandro Dario Gomez, però si sarebbe dovuto fare qualcosa in più in difesa. Fermo restando la mia opinione che un rinforzo in più nel reparto difensivo servisse, oggi, però ci ritroviamo con una squadra che dopo due gare, la difesa non ha subito nemmeno un gol e l’attacco ha realizzato una rete su calcio di rigore.

La “difesa” con la coppia centrale Bellusci-Spolli, sta mostrando di non far rimpiangere la partenza di Silvestre, sugli esterni (forse qui è, dove veramente manca qualcosa), con l’utilizzo di Alvarez al posto di un Capuano che col tempo regredisce sempre di più e, un Potenza, che pur non essendo un fulmine di guerra, la pagnotta riesce a guadagnarsela, sta dimostrando di essere il reparto più omogeneo con un’eccellente solidità difensiva. Il “centrocampo”, che nella gara d’esordio non aveva impressionato sia nella fase di rilancio dell’azione, che nella fase difensiva, contro il Cesena, un ritrovato Biagianti, con Lodi a dettare i tempi della squadra e l’ingresso del guerriero Delvecchio, in sostituzione di Sciacca, ha garantito un ottimo filtro nella linea mediana, ma anche qualità nella fase d’impostazione.

Al momento, la nota dolente, oltre alla mancanza di un gioco corale di squadra, è “l’attacco”, Montella, deve al più presto, trovare quei meccanismi, per una manovra d’attacco pungente ed efficace, palla a terra e dare velocità alle verticalizzazioni. Gli esterni d’attacco, devono stare più vicini a Lopez, senza magari aspettare la palla e facendo più movimento accentrandosi per cercare la porta. L’esperimento di Barrientos sulla fascia destra, può dirsi riuscito a metà, perché l’argentino ha assolto tutti compiti affidategli da Montella e ha accumulato minutaggio nelle gambe, però non si è potuto esprimere come possibilmente avrebbe voluto fare se giocasse nel suo ruolo naturale, comunque, questo mostra come dalla cintola in su, il Catania, è ben fornito di giocatori di qualità.

In conclusione, la squadra mostra una buona solidità di gruppo, in questo Montella sta facendo un buon lavoro, il tecnico napoletano si sta affidando al sistema di gioco, 4-3-3, che in casa Catania, è ormai consolidato dai risultati degli ultimi anni, quando, di fatto, i tecnici che sono passati di qua l’hanno utilizzato, perché altri sistemi non sempre si sono rivelati adatti alle caratteristiche della rosa rossazzurra. L’aeroplanino, ex giallorosso, sembra calatosi perfettamente nel progetto della società del duo Pulvirenti-Lo Monaco, la piazza catanese confida negli stimoli e nelle motivazioni che il giovane tecnico può avere all’inizio della sua avventura come tecnico in serie “A”, se si esclude la parentesi dei quattro mesi romani. Ha un compito “gravoso”, esaudire il desiderio del presidente Pulvirenti e dei tifosi catanesi, raggiungere quota cinquanta punti nella massima serie con il Catania, però, quest’avventura, se dovesse riuscire a fare bene, potrebbe proiettarlo a una carriera affascinante.

 

  5 Commenti per “Il Punto sul Catania”

  1. Ip Address: 151.54.59.5

    Caro Peppe(senza offesa), semmai il benvenuto nel clan pro Barrientos sono io che debbo dartelo … 😉 😉 😉

    Discuteremo più avanti il punto sul Catania (adesso devo scappare e non ho avuto il tempo di leggere) …

    Forza Catania!

  2. Ip Address: 212.195.241.127

    Buongiorno a tutti pari

    Vi ricordate Del Piero prima maniera? ecco se Barrientos si irrobustisce come lui , diventerà come lui, se no in serie A , la vedo dura……..Domani a Genova senza paura, sono fiducioso in Montella 😉

    Un saluto a Mario, che tutto gli vada bene e che ritorni più spesso con noi

  3. Ip Address: 212.195.241.127

    Sono iducioso a Montella, sempri ca fa di testa so 🙄 🙄

  4. Ip Address: 79.33.41.212

    bene peppe58 ottimo resoconto e come dice il nostro chiarezza fiducia a montella 😈 😈

  5. Ip Address: 79.33.41.212

    e in trasferta vogliamo vedere la stessa grinta che anno di vincere al massimino cosi dice montella 😈

Spiacenti, i commenti sono chiusi.

su
giu