La legge del più forte

 Scritto da il 27 novembre 2011 alle 09:19
Nov 272011
 

C’era molta attesa fra i tifosi catanesi alla vigilia di Catania-Lecce. Da un lato i giallorossi di Eusebio Di Francesco forti del fattore campo (si fa per dire visto che il loro rendimento casalingo era deficitario ed è diventato disastroso) ben intenzionati a conseguire la prima vittoria interna, necessaria per uscire dalle secche della bassa classifica, dall’altro i ragazzi di Montella altrettanto decisi ad evitare la terza sconfitta consecutiva, che sarebbe stata devastante per il morale e per la classifica, dopo il previsto passo  falso con il Milan e il meno previsto stop casalingo contro il Chievo Verona.

Ne è venuta fuori, come la logica delle cose impone, una partita nervosa, aspra, molto spezzettata, costellata da tantissimi errori e  molto combattuta. Le formazioni sono quelle annunciate alla vigilia: il Catania si presenta in Salento privo dello squalificato Spolli, perdita non di poco conto dal momento che Nicolas contro il Chievo, prima dello sciagurato intervento su Pellissier era stato il migliore in campo, al suo posto Potenza che, con Legrottaglie e Bellusci, va a comporre la solita difesa a tre. Il rientrante Izco, per l’occasione con la fascia di capitano, e Marchese ai lati.

A centrocampo Almiron, Lodi in cabina di regia e Delvecchio con la coppia Bergessio Gomez in avanti. Ancora panchina per Max Lopez, ma il suo ingresso sarà determinante.

Nel Lecce, ancora assente Di Michele, Di Francesco in avanti si affida a Bertolacci alle spalle dell’unica punta Muriel. In avvio Lecce subito aggressivo, ma il Catania controlla bene e sulla prima ripartenza al 5’ si rende pericoloso con Gomez che conclude sull’esterno della rete.

Il Lecce produce solo due corner battuti da Olivera sui quali Andujcar blocca con grande sicurezza.

Al 18’ palla gol clamorosa per Delvecchio  che entra in area e tutto solo si fa chiudere lo specchio della porta da uno straordinario Benassi. Al 23’ nel Lecce esce per infortunio l’impalpabile Olivera e gli subentra Piatti. Catania in totale dominio. Al 29’ ancora Delvecchio si “divora” un gol già fatto, ancora strepitoso il portiere di casa. Lo giuro, dopo questa occasione ho pensato: se al posto di Gennarino ci fosse stato Barrientos? Probabilmente non sarò stato il solo a pensarlo.

Al 31’ Bergessio vicino al gol: ancora bravo Benassi. All’improvviso il Catania prende fiato e nel finale esce fuori il Lecce che con Piatti e Muriel crea due buone occasione, ma il nostro portiere oggi è molto attento. Nella ripresa per venti minuti non succede quasi niente, se non che al 10’ Biagianti subentra a Delvecchio e al 20’ Max Lopez prende il posto di Bergessio.

Il Lecce tenta si spingere, ma si vede ad occhio nudo che il tasso tecnico dei nostri ragazzi è superiore. Al 27’ Gomez stoppa bene, si libera bene, ma Benassi è ancora insuperabile.

Al 28’ esce un ottimo Izco, entra Barrientos e si “accende la luce”: al 30’ Max Lopez semina lo scompiglio e Barrientos dà larghi saggi della sua immensa classe. Spesse volte nel calcio chi sciupa paga e il Catania per poco non conferma questa strana regola, quando, al 36’ Muriel scambia con Corvia e si presenta davanti ad Andujcar, ma stavolta è il nostro Mariano ad essere strepitoso e Marchese completa poi l’opera alzando di testa in calcio d’angolo. Al 43’ ancora Barrientos vicino al gol e ancora Benassi a dire di no. La partita sembra chiudersi su uno strano nulla di fatto, viste le clamorose palle gol fallite. Mentre pensavo di titolare il mio pezzo: “ Un punto d’oro guadagnato, ma due punti persi”. Ecco il favoloso gol di Barrientos, il primo in Italia. (ma in verità già Firenze gli era stato scippato un gol sacrosanto).

Il Catania ritorna alla vittoria, la prima fuori casa della stagione e probabilmente quest’anno non sarà l’ultima. Il Catania vince e si riprende con forza e caparbietà i punti sciupati contro il Chievo Verona. Ma per carità, non mi dite che abbiamo vinto uno “scontro salvezza”. Il Catania rispetto al Lecce è di un altro pianeta. I giallorossi difficilmente riusciranno ad evitare la retrocessione, ma la questione “salvezza”, credetemi non ci riguarda. Il Catania ha vinto un confronto delicato, delicato per i risvolti psicologici che avrebbe comportato un ulteriore passo falso, ma non ha vinto uno “scontro salvezza”, ha semplicemente imposto “la legge del più forte”.

Adesso non dobbiamo assolutamente distrarci. Nel prossimo turno arriverà il Cagliari al Massimino e bisognerà dare seguito a questa vittoria per viaggiare in classifica di pari passo con la Roma appena raggiunta. Sì, viaggiare nelle “alte sfere” pur mantenendo i piedi in terra”.

Pertanto, nessuna vittoria salvezza, ma la legge del più forte.

  17 Commenti per “La legge del più forte”

  1. Ip Address: 95.247.12.164

    Copia e incolla dalla pagina precedente!!!

    Buongiorno raga’!!!!
    Qui Napoli e dintorni, cielo sereno temperatura freddina.
    Dopo l’abbuffamiento di filmati sulla partita Lecce-Catania, il giornale ancora lo devo comprare, il Nostro Barrientos ci ha regalato i due punti.
    Vengo e mi spiego:
    una tiratina d’orecchio a Delvecchio che si e’ mangiato due gol, sul tiro di Gomez e’ stato bravo il portiere, su Potenza e’ stato bravo Oddo.
    Nel finale sembrava che la partita finisse 0 a 0 e El Pitu si e’ scartato il numero 22 lasciandolo a terra, finte di corpo con i due difensori davanti e un tiro col sinistro a mezza altezza in porta.
    Che genio, che magia raga’!!!

    Ecco perche’ con Barrientos abbiamo guadagnato i due punti.

    Buona domenica a tutti e forza Catania!!!

  2. Ip Address: 87.19.168.170

    Un caro saluto a tutti i tifosi. Felicissimo per la nostra vittoria. Vorrei aggingere che l’arbitraggio di Peruzzo da Schio è stato perfetto.

  3. Ip Address: 95.232.25.127

    Buongiorno a tutti.

    Giorgio, copi ed incolli tu e allora lo faccio anch’io!

    Qui in Emilia temperatura fredda ma con il sole.

    Tino, gran bella disamina sulla partita di ieri, ma quello che più mi piace è quando dici che non bisogna parlare di scontro salvezza, ma continuare a fare punti e viaggiare nelle alte sfere stando con i piedi per terra. Ciò mi conforta! :mrgreen:

    Ciao Chiarezza, neanche io dò la colpa a Gomez perchè era fuori ruolo, ma non è stato cmq in grado mai di saltare l’uomo, e si vedeva che non era in giornata. Pertanto, un allenatore che praticamente ha giocato con 10 uomini per tutta la partita mi fa uscire Bergessio anzichè Gomez, sinceramente mi lascia un po’ perplesso. Che non se ne sia reso conto? Mah!

    Stanotte ho sognato credo più di una volta il gol di Barrientos ed ho rivissuto le fasi importanti della partita di ieri. A chi amaffàri, sugnu fattu accussì!!

    Ho analizzato le sostituzioni di Del Vecchio, Izco e Bergessio con Biagianti, Barrientos e Maxi Lopez. Premetto che uno non sappia mai come poteva andare a finire se avessero giocato titolari tutti e tre, ma abbiamo visto come è finita con i cambi succeduti nella partita di ieri. Praticamente dopo una partita di grande intensità, sono entrati i nostri eroi, con i giocatori del Lecce che ormai non ne avevano più, che con la loro freschezza atletica e la loro classe hanno avuto ragione della difesa avversaria.

    Buona domenica a tutti!! (iù minni vaiu ‘o cimina ccu me mugghieri) :mrgreen:

  4. Ip Address: 95.247.12.164

    Salve raga’!!!
    Per forza che devo fare il copia e’ incolla dall’altra pagina, Tino mi aveva fregato cambiando subito pagina ed io vi volevo far leggere il mio commento.
    Ciao mongibello!!! 😉 😉 😉
    Vero anch’io ho ancora negli occhi il gol di Barrientos che mi fara’ sognare per parecchio tempo. Gli amanti del calcio sapranno riconoscere il grande gol di El Pitu. Se al posto di Delvecchio c’era Barrientos, Gomez, Bergessio o Max non so come andava a finire. E’ proprio questo l’errore che commettono i giocatori del Catania di non essere cinici sottoporta.

    Felice domenica e forza Catania!!!

  5. Ip Address: 95.247.12.164

    LECCE – Nel dopo gara di Lecce – Catania, come riportato dal quotidiano La Sicilia (27/11/2011), queste le parole dei dirigenti etnei:

    Antonino Pulvirenti (Presidente Catania): “Sono molto soddisfatto, era anche ora di vincere una trasferta, direi. Mi sono complimentato con tutti i giocatori per la vittoria, ma ho anche sottolineato come sprecare sei occasioni è un peccato, specie se si tratta di una gara in trasferta. Questo testimonia una gara che abbiamo strameritato di vincere, ma se non fosse arrivato il gioiello di Barrientos staremmo commentando l’ennesimo pareggio. Della squadra mi è piaciuta la tenacia di non modificare l’atteggiamento dopo la sconfitta contro il Chievo, abbiamo continuato a proporre il nostro gioco, il nostro modo di giocare, senza timori, dimostrando sempre d’esser scesi in campo per vincere. Il goal di Barrientos dà ragione a questa società che ha sempre creduto nelle potenzialità del giocatore, nonostante tutto quello che sia successo dal suo arrivo a Catania fino a questo goal strepitoso”.

    Pietro Lo Monaco (direttore generale Catania): “Bene, ma adesso pensiamo già alla sfida contro il Novara. Martedì vogliamo farci trovare pronti, la Coppa Italia è una manifestazione che ci interessa anche perché, passando il turno, avremmo un’altra occasione per presentarci a Milano, contro la corazzata rossonera. L’unico appunto che posso fare alla squadra è sulla percentuale di errore, dobbiamo esser più cinici quando siamo ad un passo dal goal. Troppe occasioni mancate. Quando ho visto il pallone infilarsi in rete mi sono emozionato. So quanto vale Barrientos e so anche cosa ha passato e sopportato per tornare nelle condizioni di far un goal simile. Il suo recupero è un bene per il calcio e per la gente che tifa Catania”.

  6. Ip Address: 212.195.241.127

    Buongiorno a tutti pari

    Vedo che sia nelle televisioni nazionali che sui giornali Montella è l’eroe della vittoria con i suoi cambi, io gentilmente dico : anche ieri la fotuna lo ha assistito
    , ancora una volta ha sbagliato formazione, tralasciando Lopez e Barrientos, perchè Biagianti in panchina? e schierando una difesa a 5 e fare giocare ancora insieme Lodi ed Almiron , ieri si è visto benissimo che si pestano i piedi giocano attaccati ed il gioco è al 80% Almiron passa a Lodi o viceversa, poi ripeto Lodi è fuori forma, Ledesma?

    Ieri con quella formazione, credetemi se c’era un’altra squadra ne prendevamo 3

    Lopez ha fatto vedere che ha bisogno per entrare in forma di 2 cose fontamentali per un campione, la fiducia dell’allenatore e giocare sempre, già col Chievo lo aveva dimostrato ieri lo ha confermato!!

    Poi la ciiegina sulla fortuna di Montella ( questa fortuna a me sta bene) l’infortunio di Izco, con relativa entrata di Barrientos, meno male che non ha fatto entrare Catellani!!

    Ora spero che Montella abbia finalmente capito è già contro il Caglieri schieri i migliori, io continuo a pensare che con i tre punti a partita e meglio rischiare sempre di vincere poi se perdi non fà niente, se avessimo pareggiato con il Chievo ed il Lecce avevamo anche una sconfitta in meno, ma anche un punto in meno!!

  7. Ip Address: 95.247.12.164

    Ciao chiarezza!!!
    Avevamo un punto in meno se pareggiavamo con il Chievo e il Lecce, senza la sconfitta con i veronesi e la vittoria con i leccesi.
    Che vuoi il calcio non e’ una scienza esatta. Le altre squadre hanno giocatori che fanno male appena hanno l’occasione vedi Pellisier, ieri dopo le molte occasioni sprecate con la magia di Barrientos ci siamo portati a casa tre punti, questo e’ il calcio caro chiarezza!!!

  8. Ip Address: 87.21.102.195

    Buongiorno a tutti gli amici rossazzurri,condivido il post N. 7 di Giorgio.
    Volevo porre una domanda a tutti voi,il Catania,visto che attualmente occupa il sesto posto(con una partita in più),ha la rosa per lottare per lo scudetto o la Champions?
    Se si,allora ha ragione chi continua a dare dello scienziato a Montella,
    se invece,è no,allora,con tutti gli “errori” fin quì commessi da Montella,il Catania occupa una posizione di classifica,che attualmente non occupano squadre come Napoli,Fiorentina,Inter,Cagliari e Parma,squadre che alla vigilia di questo campionato venivano,o sono più accreditate del Catania.
    Questa squadra,ha già raggiunto la sua prima vittoria esterna,con la possibilità di poterne fare altre,cosa che non accadeva dal primo anno di serie “A”,
    la maggiornaza degli addetti ai lavori nazionali e non,dicono che il Catania ha un gioco piacevole e affronta tutte le squadre alla pari,confermando il buon lavoro svolto sin quì da Montella.
    Allenatore,che viene dai giovanissimi della Roma e quattro mesi con la prima squadra capitolina.Se questo significa essere “scienziato”,vuol dire che fino adesso,le sue scoperte hanno portato il Catania nel posto attuale in classifica.Scusate se è poco.

  9. Ip Address: 95.247.12.164

    Caro peppe58!!! 😉 😉 😉

    Ho fatto il copia e incolla da un sito dei tifosi leccesi.

    Uno ci dice che siamo una squadra onesta e qualche buona personalita’,
    un’altro scrive che abbiamo rubato la partita, (questo tifoso non ha capito una minchia che sono 6 anni che stiamo in Serie A e che 30 di Serie C l’avra’ fatto lui nella sua mente grigia)
    .
    Con tutto l’amore che ho per la squadra ti dico ne lo scudetto e ne la Champions League avremo.
    Facciamo troppi sbagli forse se fossimo piu’ attenti e consapevoli dei nostri mezzi un promettendo campionato lo possiamo fare.

    Post tifoso leccese.
    La delusione è tanta, le problematiche note, ma a tutto c’è un limite. Il Catania, con un’onesta squadra e qualche buona personalità, con un atteggiamento poco più che remissivo ha calciato con regolarità contro la nostra porta, inviolata sino al 90minuto solo grazie ad un Benassi strepitoso. Che si perdesse era nell’aria, soprattutto se sbagli a schierare la squadra (perchè Oliveira se non stava bene?peggio se stava disattendendo le consegne del mister che vuol dire che è ascoltato dalla squadra come me che scrivo su una tastiera), se ad Oliveira subentra un Piatti degno di giocare in campionato dilettante, se fai entrare Ofere al posto dell’unico giocatore che ha corsa, dribbling, personalità. Mi piacerebbe un immediato esonero, stasera, dell’allenatore, qualche giornata di tribuna per Cuadrado-oggi avvilente e mai decisivo-. Infine, visto come si è messo il campionato, mi piacerebbe che tanti prestiti finissero in tribuna per far posto a qualche primavera, da far crescere in prospettiva. Buona serata a tutti.
    Data: 26/11/2011 – Autore: purpetta ® – Info autore – Email – Rispondi

    Post tifoso leccese.
    CATANIA 3 punti rubati….sono 10 anni che questi si giocano le partite sul catenaccio e contropiede e nessuno lì si lamenta….d’altronde vengono da 30 anni di serie C e fallimenti e non stanno lì a sottigliare se i loro allenatori schierano 5 difensori e 4 centrocampisti difensivi…..
    Data: 26/11/2011 – Autore: sorrow ® – Info autore – Email – Rispondi

  10. Ip Address: 87.21.102.195

    Ciao Giorgio,forse non mi sono espresso bene 😯 la mia era una “provocazione”,almeno che non ho inteso il tuo ultimo post.Quando chiedo se il Catania è da scudetto,oppure da Champions,è ironico,per dire,che al momento sono contento di Montella e della squadra,non sempre condivido qualche scelta del tecnico,però il calcio è bello perchè ha tante sfaccettature,definire Montella solo fortunato mi sembra molto riduttivo nei confronti dell’allenatore rossazzurro,dire che se al posto del Lecce ci fosse stata un’altra squadra,quella partita l’avremmo persa senza controprova,non mi sembra che possa avere molta valenza.Ci sono state partite che al posto del Lecce c’erano altre squadre e il Catania ha rischiato di vincere,oppure le ha vinte,cito le più importanti:

    Catania-Juventus 1-1: Bergessio (C); Krasic (J)
    Andujar; Alvarez (29′ Marchese), Bellusci, Spolli, Capuano; Almiron (20′ st Ledesma), Lodi, Delvecchio; Gomez, Bergessio (33′ st Suazo), Catellani“

    CATANIA-INTER 2-1
    Marcatori: 6′ Cambiasso, 2′ st Almiron, 6′ st rig. Lodi.
    Catania: 21 Andujar; 3 Spolli, 6 Legrottaglie, 14 Bellusci; 13 Izco, 4 Almiron, 10 Lodi, 19 Ricchiuti (25′ st Delvecchio), 33 Capuano; 17 Gomez (36′ st Catellani), 18 Bergessio (20′ st Maxi Lopez).

    CATANIA-NAPOLI 2-1
    Reti: 1’pt Cavani (N), 25’pt Marchese (C), 3’st Bergessio (C).
    Catania (5-3-2): Andujar; Izco (33’st Delvecchio), Bellusci, Legrottaglie, Spolli, Marchese; Almiron, Lodi, Ricchiuti (14’st Barrientos); Bergessio, Gomez (31’st Catellani)

    Ma è inutile stare quì ad elengare tutte le gare fatte,sono 13 fin’ora,qualcuna è andata meno bene delle altre,penso che sia nella fisiologica norma di una squadra come il Catania,che attualmente occupa un bel il sesto posto.Comunque,concordo con la maggior parte dei commentatori,addetti ai lavori e la maggioranza dei tifosi,fin quì,BRAVO MONTELLA!!!!!!

  11. Ip Address: 87.21.102.195

    Giorgio,dimenticavo,i tifosi del Lecce,stanno rosicando,anche perchè,sanno che sono destinati a scomparire,tant’è vero,che ieri,hanno esposto uno striscione dopo il gol di Barrientos,che recitava così:

    “MEGLIO FALLIRE,CHE LENTAMENTE MORIRE”. :mrgreen:
    Perciò,come si dice da noi,
    ” ‘quannu ‘a ‘iatta ‘non ‘ppò ‘arrivari ‘ò ‘pisci,’rici ‘ccà ‘feti” :mrgreen:

    Giorgio,spero che te la stia godendo 😉 😉 😆 😆

  12. Ip Address: 95.247.12.164

    Ciao peppe58!!!
    Vero 30 anni di Serie C ce la siamo fatti ma discontinui ma anche loro….
    Me la godo certo ma…..ho mio genero leccese lontano, magari gli faccio una telefonata in settimana.

    Sogni rossoazzurri a tutti e forza Catania!!!

  13. Ip Address: 92.139.241.74

    Tutto ed il contrario di tutto, quando uno si contraddice continuamente!! il calcio è un gioco semplice e gli scienziati o pseudo allenatori da tastiera devono fare meno danni, la prova di un altro scienziato Sannino, il Siena domina è lui che fà? toglie prima Calaio e dopo Larrondo; l’Inter prende coraggio e vince!! poi il tuo Montella ieri ha messo Barrientos solo perchè Izco si era infortunato e tenere Lopez in panchina e da stolti!!!
    Riguardo se il catania debba andare in champion’ o vincere lo scudetto manco ti rispondo, come quando non ti ho risposto quando hai schignizzato su Andujar in panchina con l’Argentina, ieri hai avuto la risposta se non fosse stato per lui perdevamo contro nessuno!! come abbiamo perso con il Chievo , come stavamo perdendo con il Novara!! Montella 4 e buonanotte!! vai a fare le pagelle :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

  14. Ip Address: 95.247.12.164

    Copia e incolla dal “corrieresalentino”!!!
    Bellissimo articolo!!! 😉 😉 😉

    Lecce – Catania = 0 – 1 PDF Stampa E-mail
    di Gavino Coradduzza
    Sabato 26 Novembre 2011 21:44
    Share

    La domanda sorge spontanea : Quando una squadra perde in casa per 1-0 contro un avversario non trascendentale e sente l’impellente necessita’ di erigere un monumento al proprio portiere, quali prospettive ha? Due squadre, Lecce e Catania che in avvio di partita paiono avere buona inclinazione alla manovra. A cercare la porta con maggior frequenza è il Catania, ma anche il Lecce si fa pericoloso con Bertolacci e Muriel; aumentasse la precisione nell’ultimo scambio ci starebbe anche il gol cui va molto vicino il Catania intorno al 20° presentando Del Vecchio al cospetto del puntualissimo Benassi. Toccato duro un paio di volte, Olivera abbandona al 22° lasciando il ruolo a Piatti che si piazza largo sul fronte sinistro.Benassi si ripete al 30° stoppando la seconda, limpida palla gol e guadagnandosi in così breve tempo la palma del migliore in campo. Il Lecce balla; la difesa, orfana di Carrozieri, ritorna ai vecchi vizi e alle poche virtù; Muriel venderebbe l’anima a Belzebù pur di firmare una marcatura, ma anche lui accusa la sindrome dell’ultimo tocco; non è il solo, naturalmente, ma lui ci aggiunge una discreta dose di egoismo che in circostanze dissimili non guasterebbe. Fine della prima frazione.Parte a spron battuto il Lecce con Cuadrado che conquista palla sulla destra, stordisce in dribling due avversari e crossa troppo lungo, cioè per nessuno; il Lecce sta producendo il massimo sforzo e tuttavia il Catania, che in fase di possesso attua il 3-5-2 per passare poi con disinvoltura al 5-4-1, regge senza concedere eccesiva confidenza.I seimila spettatori non si annoiano anche se il risultato auspicato stenta a maturare. Esce Del Vecchio(10°), entra Biagianti. Almiron è una diga che sa produrre gioco: blocca, argina e imposta. L’anemia dell’attacco giallorosso rassomiglia sempre più ad una perniciosa sindrome anoressica! In camp o c’è ora anche il riottoso Maxi Lopex, segno evidente che Montella ha fiutato i tre punti. Intanto il punticino lo tiene in caldo Benassi, strepitoso, con un “NO” perentorio ad una bordata ravvicinata. Corvia sostituisce Obodo poco prima del 30° quando il gol sembra maturo se non fosse che Andujar decide di non essere da meno del suo collega Benassi. Spazio ad Ofere, esce Muriel. Non è in gran serata neanche l’arbitro Peruzzo; vede e non vede ad intermittenza con il Lecce che ha qualche discreto motivo per lamentarsene.A due minuti dal termine ecco la frittata: Piatti perde palla a centrocampo, il Catania vola in contropiede trovando Barrientos libero da copertura e con il sinistro “goniometrico”: palla in zona sette e buonanotte ai suonatori perchè cala la notte fonda e Benassi ha esaurito la dose settimanale di miracoli.

  15. Ip Address: 87.21.102.195

    Se dobbiamo parlare di allenatori da tastiera,in questo sito tu ne sei l’emblema,non fai altro che lamentarti di qualsiasi cosa per poi magari cambiare opinione su un giocatore,sulla squadra,o sull’allenatore anche a partita in corso e poi mi vieni a parlare di tutto o il contrario di tutto.
    Hai quel modo di fare da sapientone mettendoti su un piedistallo a guardare tutti dall’alto in basso(sportivamente parlando),come se i presidenti i dirigenti di tutta la serie “A” tifosi compresi,fossero degli incompetenti e l’unico ad intendere di calcio fossi tu,ma nutro grossi dubbi.
    Purtroppo,non per me,non sempre chi ha giocato a calcio,poi,ha le qualità per fare l’allenatore,o quantomeno le capacità analitiche di una partita.
    Ogni tanto pubblichi qualche post di qualcuno di noi,come per dimostrare di smentirci,tralasciando volutamente quelli che potrebbero essere chiarificatori,tipo,pubblicare solo i risultati con il Novara(il Parma ieri ha beccato due pappine) e il Chievo.
    Rimarchi la mia ironia su Andujar quando ha fatto panchina in nazionale(è ritornato a farla in pianta stabile),cosa,che era modo di scherzo,dicendo che oggi ho avuto la risposta,sul tuo amato portiere,tu di risposte ne hai avute per tre anni,con i tanti gol che ha fatto subire al Catania,di cui alcuni da terza categoria e solo dopo una partita fatta decendemente ti vanti non so di cosa.Che tu non mi risponda,non me ne può fregar di meno,perchè io sono sempre stato rispettoso ed educato,cosa che non posso dire di te,visto che quando le cose non ti garbano,ignori la persona in questione,senza neanche salutare.Per finire,fossi stato di presenza,quando mi dici “<> a fare le pagelle”,come per mandarmi a quel paese,ti avrei sicuramente risposto adeguatamente.

  16. Ip Address: 95.247.12.164

    Buonasera raga’!!!
    Pace!!! Pace!!!
    Mettete dei fiori nei vostri cannoni…. cantavano una volta un vecchio gruppo!!!
    Qui nessuno scrive chi e’ il migliore, ognuno puo’ scrivere quello che vuole rispettando i commenti gli altri.
    Almeno teniamoci questo sito un angolo di pace per sfogare i nostri istinti rossoazzurri!!!

    Sogni rossoazzurri a tutti e forza Catania!!!

  17. Ip Address: 92.139.241.74

    Vengo e mi spiego sulle ultime tre partite
    Milan Lodi e Almiron non pervenuti
    Chievo Lodi e Almiron non pervenuti
    Lecce Lodi non pervenuto Almiron, contro nunnu, al piccolo trotto,
    Montella li schiera sempre tenendo in panchina Ricchiuti Biagianti e sopratutto Barrientos detto da te che lo schiereresti sempre!! tutto ed il contrari di tutto!!
    Difesa Potenza inguardabile, appena rimessosi titolare fisso,Mi gioca in casa contro il Chievo con una difesa a 5 mentre a Milano a 5 con lanzafame 🙄 🙄 🙄 tre ultime partite con il solo solo Bergessio in attacco con Gomez che continua a giocare fuori ruolo è comincia a fetiri , ieri potevamo perdere contro nunnu cosa avresti detto del tuo Montella che grazie all’infortunio di Izco fa entrare Barriento? e perchè no Lopez, per qualcuno che ha giocato AL CALCIO sa benissimo che la fiducia dell’allenatore è fondamentale, ma se Lo scienziato gli preferisce Catellani, cosa debbo pensare? Nella mia piccola esperienza so che nel calcio il ferro va battuto quando è caldo e non montarsi la testa e pedalare sempre, oggi noi potevamo avere minimo 21 punti a quest’ora ero più tranquillo e potevamo divertirci, Abbiamo avuto la fortuna e dico fortuna d’incontrare L’Inter disastrata, Il Napoli con la testa e gli uomini alla Champion’s perchè dilapidare questi inattesi 6 punti, vedi la differenza tra me e te , è che tu quardi sempre le singole partite, io guardo il campionato alla lunga, perchè se per caso, Dio non voglia ma in serie A puo’ succedere ci ritroviamo a lottare per la retrocessione, ed allora m’incazzerei a morte!!

    Poi io a parte Marchese e Del Vecchio ai quali ho chiesto scusa anche sottoliniando che non sono il massimo , mai ho parlato male di nessun giocatore del Catania e riguardo a fare l’allenatore , cosa che tu vuoi fare, o sempre detto che il miglior allenatore e quello che fa meno cazzate, incominciando dal tuo amato Montella!!
    Poi non so perchè tu dai i voti ogni settimana e io non posso dare i voti, oggi li do’ Montella 4

    Saluti

Spiacenti, i commenti sono chiusi.

su
giu