la squadra più forte di tutti i tempi

 Scritto da il 16 marzo 2014 alle 17:57
Mar 162014
 

sassuolo-catania

Il Sassuolo batte per 3-1 il Catania nel match chiave per la salvezza, tra la peggior difesa (Sassuolo) e il peggior attacco (Catania),  la vittoria  ottenuta con una grande rimonta nel secondo tempo.
Il Catania passato in vantaggio con Bergessio, ha cercato di giostrare il risultato chiudendosi in difesa ma ha sbagliato subendo la pressione della squadra di casa.

Nella ripresa Di Francesco inserisce Zaza al posto di Brighi, ma la mossa della disperazione si rivela azzeccata, il Sassuolo è padrone del campo, il Catania non riesce più ad essere più propositivo e ad affacciarsi con più regolarità in avanti alla ricerca del pareggio che non serve a nessuno.

Rossazzurri ultimi in classifica e a quattro punti dalla zona salvezza, con Juventus e Napoli da affrontare nelle prossime due giornate.

Il Catania non vince fuori casa da 386 giorni:  l’ultimo successo esterno risale al 24 febbraio 2013  quando gli etnei vinsero a Parma per 2-1.

E’ doveroso ringraziare la società per la gioia che ci ha dato, otto anni consecutivi in serie A, prima si invocava il miracolo, ma adesso manco quello ci salva dalla retrocessione.

Maran: Sconfitta pesante? Si, sono numeri impietosi ormai per noi. E’ un peccato perché fino al pari abbiamo giocato bene. Questa fragilità soprattutto nell’episodio negativo ci penalizza. Abbiamo poco tempo per recuperare”. Ora Juve e Napoli: “Bisogna guardare partita dopo partita. Paradossalmente facciamo più fatica negli scontri diretti. Abbiamo giocato bene con Inter, Parma e Lazio. Malgrado la caratura dell’avversario, dobbiamo essere noi ad entrare in campo positivamente.

  48 Commenti per “la squadra più forte di tutti i tempi”

  1. Ip Address: 87.21.99.60

    Buon pomeriggio a tutti.

    A volte dire quello che si pensa può essere modo di fraintentimenti,di confronti aspri,o addirittura di pregiudizi,e spesso si ha paura di essere smentiti un minuto dopo,perciò,si gira attorno a quello che si pensa,entrando in un vortice di ipocrisia morale e intellettuale rimanendo prigionieri di un pensiero inespresso,giusto o sbagliato che sia.

    N.B.
    Per evitare che qualc’uno possa pensare che mi stia riferendo a chicchessia,voglio precisare che,è solo per dire che esprimerò il mio pensiero a prescindere dalle contapposizioni che ci possano essere al mio pensiero.

    Alcuni di voi sono fiduciosi alla speranza che il Catania possa ancora salvarsi e rispetto tale pensiero,io,ho perso fiducia,penso che solo un “suicidio calcistico” delle altre concorrenti alla salvezza,potrebbero riaprire nuove speranze per la nostra squadra.

    Non mi sento arrabbiato,sono rassegnato ad una più che probabile retrocessione,ma non sarebbe la fine del mondo,capita a chi fa parte di questo carrozzone.

    Però,sono deluso,sono deluso per quello che non doveva succedere ed è successo.
    Sono deluso,per quello che si poteva evitare e non si è fatto niente per evitarlo,ma la delusione maggiore mi arriva da una cosa che è mancata quest’anno,quella cosa che di questa società,è stata l’arma di una crescita esponenziale nell’ambito della massima seria,cioè,l’umiltà che l’ha contraddistinta in questi anni,non mi riferisco in principal modo ai giocatori,pur anch’essi con le proprie colpe,ma alla società.

    Pulvirenti stesso ha ammesso,anche se a denti stretti,l’errore commesso da tutti nel avere sottovalutato questo campionato e di avere forse sopravalutato oltre modo il risultato del campionato scorso.

    La cosa che più mi delude però,è stato l’atteggiamento del presidente,a mio avviso,il maggiore responsabile di questa “sfortunata” annata.
    Magari mi direte che è facile addossargli tutte le colpe a Pulvirenti,ma non sto dicendo questo,lo ritengo il più colpevole di tutti,ma non il solo.

    Era lui che negli anni passati,fino all’era Gasparin,diceva:
    “Ognuno nel proprio ruolo,io sono il presidente,e non mi occupo di questioni tecniche,non mi occupo di mercato”,e così via su altre questioni che riguardassero la squadra nella gestione tecnica in genere.

    Dopo la fuoriuscita di Lo Monaco dalla società (giusto o sbagliato che sia,la verità del divorzio la sapranno solo loro due),l’arrivo di Gasparin sembrava l’inizio di una nuova era calcistica ( parole del presidente,”con Gasparina,inizia un nuovo cammino che porterà il Catania a crescere sempre di più”) per il Catania,per poi,smentirsi a fine anno,dicendo che l’ingaggio di Gasparin era stato effettuato per coprire un vuoto momentaneo lasciato da Lo Monaco.

    Però,dopo qualche mese,arriva una dichiarazione di Gasparin che dice: “con Pulvirenti,è difficile lavorare”.

    Nel frattempo,noi tifosi,fiduciosi,assistiamo ad una campagna acquisti povera nei contenuti e nei numeri (vorrei sapere quanti di noi conoscessero a fondo Leto,Peruzzi,Monzon),però,restiamo fiduciosi,anche perchè,Lotito,Galliani e Cosentino,”grande conoscitore di calciatori,amici di Pulvirenti,ci fanno sperare a qualche colpo a sorpesa”.

    Nel frattempo,la squadra inizia la preparazione nella più assoluta convinzione che il risultato del campionato appena finito,sarebbe bastato per continuare sulla stessa scia,senza il minimo sforzo e tutto questo,nell’assoluta assenza della società(assente anche nelle cariche) e nella sottovalutazione di Maran nella gestione tecnico-fisica.

    Un tecnico che si è seduto sugli allori,perdendo quell’umiltà che sopperiva a qualche errore tecnico,pur dando il giusto merito per l’ottavo posto conquistato.

    Non voglio ripercorrere tutto il campionato,ma come ho detto qualche mese fa,se fino allo scorso anno il presidente è stato insignito di lodi e onori,adesso,è giusto che si prenda le critiche e gli oneri.

    Ha continuato imperterrito nel suo,a mio avviso arrogante,programma vuoto,siamo arrivati a gennaio in un campionato che più scadente non ricordo,senza avere fatto quelle due tre mosse giuste per raddrizzare una situazione recuperabilissima,a partire dall’errore di avere tenuto un De Canio inconcludente anche durante le festività natalizie,per chi ha buona memoria,io dicevo di esonerare De Canio,ma di non fare tornare Maran,perchè,serviva un tecnico alla Mhiajlovic e un Direttore tecnico alla Lo Monaco se non lo stesso,però,vista l’insistenza nel continuare a tenere De Canio,meglio Maran,anche se i risultati non sono migliorati,però,ormai la frittata è fatta,tranne un miracolo sportivo.

    Come dicevo prima,una eventuale retrocessione non sarebbe la fine del mondo,ma la mia domanda a questo punto è,per non distruggere tutto quello che si è costruito,questa società,potrà tornare a quell’umiltà e a quell’organizzazione nei ruoli e nelle cariche che in passato ha fatto “le fortune” del Catania????

  2. Ip Address: 88.66.28.82

    a giudicare dal commento di maran sul dopo partita
    mi sa che ormai siamo al ( leviamoci mano e ognuno pensi per se )
    io cmq in un lontano angolino del mio cuore ci spero ancora
    nel calcio sappiamo tutti che nulla e scontato certo lo so e un po da matti
    ma non mi costa niente

  3. Ip Address: 37.101.6.217

    neanche con l’asilo nido si vince piu’ figuriamoci se vinceva con l’ultima in classifica.
    La maledizione del fuori casa come diceva il primo commento che approvo, e una vera chimera. sono anni che dico la stessa cosa fuori casa e stato u disastro dopo l’altro,di mea culpa ce ne sono a valanga
    adesso non mi vengono a dire che con la rubentus e chiellini sara la partita da vincere non anche se vincessimo ,il campionato lo abbiamo perso a gennaio ,con il mancato rinforzo della squadra che pulvirenti a voluto testardamente voluto cosi fino all’ultimo giorno ingaggiando fedato. Una squadra che si deve salvare non fa una partita vergognosa come oggi , ma si doveva giocare come a fatto il sassuolo. Spero finisca presto questa agonia e che la matematica ci condanni.

  4. Ip Address: 151.29.9.230

    Credo anche io che siamo al leviamoci mano e ognuno per se.
    Vabbè bisogna essere costruttivi e guardare al futuro. L’obiettivo strategico è restare nel calcio professionistico che conta, evitare la sorte di squadre come Bari o Reggina.
    La tifoseria non si deve disamorare e dobbiamo continuare ad avere fiducia in PLV, perché è lui il presidente ed è a lui che tocca ricominciare e correggere, a partire dal ritrovamento dell’umiltà di cui parla Peppe58. Inutili invece – anche se capisco che dettate dallo sconforto – gli auspici a un “cambio di mano”: chi volete che, nell’attuale situazione economica tra l’altro, abbia i soldi per gestire una società di calcio a Catania.
    Mille anni PLV con i suoi sbagli (è un essere umano, che diavolo!) ma alla larga gli avventurieri!

  5. Ip Address: 79.22.47.71

    …..nessun commento!

  6. Ip Address: 79.22.47.71

    Giocatori senza spina dorsale….ed allenatore che non ci capisce una mazza. Nel secondo tempo doveva iniziare infoltendo il centrocampo con un altro interdittore (Plasil) non si è reso conto che bisognava tenere il risultato inchiodato. Tanto si sapeva che il Sassuolo avrebbe caricato a testa bassa.
    Comunque, ormai sono solo chiacchere!

  7. Ip Address: 79.8.44.149

    sbagliare e umano e non si puo condannare chi per tanto tempo ci a regalato anni meravigliosi

  8. Ip Address: 151.66.199.30

    Dai ragazzi non vi arra”B”B”iate 😀 !!!!
    Dopo tutto avete i Pub, La movida, la carne di cavallo, il centro sportivo, i giardini IKEA e DEclaton!!!!!

    Cosa potete volere di piu!!!!????

    La serie A?????? :lol1: :lol1: :lol1:

    e poi leggo i messaggi di non sensibilizzare l amarezza dei catanesi…
    Ma per favore !!!vi siete dimenticati dei festeggiamenti per la nostra retrocessione??????
    “NON SPUTARE IN CIELO CHE IN FACCIA TORNA”…

    noi in neanche un anno possiamo dire di avere un piede e mezzo in serie A. voi ????sarete in grado di programmare una risalita come la nostra????
    ho forti dubbi …..

  9. Ip Address: 88.66.28.82

    palermitano
    sei nel sito sbagliato credimi
    vai nel muro del calcio catania li troverai quelli come te

  10. Ip Address: 151.29.9.230

    più rivedo mentalmente la partita e più mi arrabbio per il modo scriteriato con cui l’ha persa Maran.
    Perfino i cronisti di Sky avevano visto che il Sassuolo era passato a un 4131 che significa superiorità a centrocampo di 2 elementi, non 1, anche perché i nostri due esterni alti rientravano ben poco.
    Poteva mettere Gyomber, poteva mettere Plasil (la scelta più logica, al posto dell’incocnludente Barrientos, oppure al posto di Keko e mettere Pitu centrale dietro Bergessio) invece è rimasto a guardarsi la partita.
    Quest’anno ce là siamo voluta, ma non c’è nessuno, NESSUNO, che sia incolpevole.

  11. Ip Address: 88.66.28.82

    a leggere l’intervista di padre nicola si rimane allibiti
    a suo dire non si deve contestare la squadra potrebbe essere un boomerang
    perchè noi non sappiamo quello che succede negli spogliatoi???
    e che sarà mai quello che succede negli spogliatoi che gli impedisce di dare il meglio per il loro datore di lavoro ???
    boh incredibile cosa mi tocca leggere
    io sti quattro cessi li manderei a zappare altro che

  12. Ip Address: 151.54.101.210

    Angelo hai ragione, perfettamente ragione.
    Non si può condannare chi ci ha regalato anni splendidi anche se tutto il miracolo non ê stato fatto da un solo individuo…..E bene ricordarlo questo, il Presidente ê stato co-attore del miracolo Catania, del piccolo Barcellona, ha contribuito in maniera predominante alle fortune in serie A, ma non come unico protagonista.

    Quando ha voluto fare da solo, ha toppato alla grande.

    L’analisi di Peppe 58, seppur impietosa, è logica e sensata, la condivido in pieno.
    Spero che a campionato finito, il Presidente, prenda questa sciagurata stagione come insegnamento per non ripetere più questi errori madornali commessi quest’anno.
    Lui è intelligente, saprà certamente come fare.
    Ma la smetta di fare sognare, il tempo delle sorprese e dei creduloni è finito da tempo, la realtà è assai diversa e anche da tanto tempo.

  13. Ip Address: 95.250.104.142

    vedere i tifosi catanesi piangere con le mani in faccia,alla fine della partita,mi ha fatto stare ancor peggio di quanto lo potessi essere per la sconfitta….ci sto malissimo… 😥 😥

  14. Ip Address: 79.50.40.46

    CAPORETTO! Mi sento di dire solo questo. La prima considerazione da fare e’ sull’ 1 a 0 per noi nessuna esultanza di Buonanno accomodato in tribuna vicino a Pulvirenti. Come mai? Aveva già’ previsto tutto? Riguardo la partita, abbiamo evidenziato nostri limiti: di gioco, di sacrificio, di attacco, di testa. Forse questa era una partita troppo sentita di nostri? Ma per il Sassuolo era lo stesso. Certo e’ che loro hanno 3 punte di ruolo in campo più’ un zaza, mentre noi ……abbiamo avuto il portiere come migliore in campo. Purtroppo la rosa e’ questa, con Maran costretto a far entrare Alvarez il cui pancione ha offerto sprazzi di ilarità’ al telecronista premium. Barrientos ed Izco irriconoscibili, bene solo keko, inopinatamente sostituito. Caro presidente, peccato, i suoi errori e quelli del suo staff hanno portato a questo crollo. Ma si parla con i giocatori? Ma chi lo fa non essendoci più’ un direttore sportivo? Vedo che manca spinta, corsa, schemi,testa. Ci sforziamo di sfruttare le fasce per crossare al. centro per l’unico attaccante marcato da tre difensori. Siamo l’unica squadra di serie A (ma anche di B) con una sola punta di ruolo. Lenti, prevedibili e inconcludenti, paghiamo una sballata campagna acquisti ed una sufficienza sulla tenuta di certi vecchietti. Caro presidente, continuo a stimar la e la ringrazio per quanto ha fatto per i nostri colori in questi anni ma la invito umilmente a riflettere sugli errori commessi.

  15. Ip Address: 151.54.82.27

    un disastro totale di nuovo ultimi e abbiamo perso pure a Reggio Emilia col Sassuolo , la B si avvicina sempre di piu.

  16. Ip Address: 2.232.17.48

    Prossime tre partite 0 punti

  17. Ip Address: 2.158.130.155

    Ho già scritto diverse volte sul vs blog.
    Non ho mai attirato controversie nei miei confronti !!!!! Anzi solo consensi
    Penso di avere fatto disamine equilibrate !!!
    A me dispiace da siciliano che una parte della Sicilia non sarà il prossimo anno con noi a rappresentare tutta l isola.
    Credo che 4 coglioni a fare il funerale non rappresentano la vera catania. Come è vero che dalla ns parte c’è ne siano pronti a farlo.
    Spero per voi in un miracolo e magari un coloratissimo e. Entusiasmante derby
    W tutta la Sicilia
    Forza Palermo sempre

  18. Ip Address: 188.220.240.201

    Grazie rosanero. Come vedi il detto ride bene chi ride ultimo non si smentisce mai. Derby l’anno prossimo non ce ne sara’.

    Cambiando discorso, mi domandavo ma Cosentino di giocatori di serie B che ne capisce? Chi li comprera’ i giocatori la prossima stagione? A viremu.

  19. Ip Address: 151.54.101.210

    Ora con un piede e anche oltre in serie B, magari finalmente la squadra si scrollerà di dosso questa paura di giocare a calcio e forse vedremo qualche partita giocata a calcio.

    Non c’è più nulla da perdere, ormai peggio di così non poteva andare, almeno la dignità e l’onore restino alti, primo obiettivo ora mai, cedere la A in maniera indecorosa e indegna sarebbe un ulteriore umiliazione che i catanesi e Catania non meritano.

  20. Ip Address: 91.252.100.188

    Buongiorno a tutti ,stamattina sul mio posto di lavoro tutti a guardarmi in giro se ero come al solito con la mia sciarpa rossazzurra io si!! Ma molti sorridevano per nostra probabile retrocessione in B ma la cosa che mi fa più male che molti di questi sono catanesi

  21. Ip Address: 151.54.101.210

    Ciceri e Malaman, spero ardentemente che questo personaggio abbandoni la società del Catania nel prossimo imminente futuro, a prescindere di quale categoria si dovesse giocare il prossimo anno;
    in alternativa che faccia almeno il vicepresidente e basta, ovvero non si occupi più di strategie tecniche dove ha miseramente fallito portandoci lui – ma ad onor del vero non è stato il solo – nel baratro attuale dimostrando la sua ovvia impreparazione e pochezza.
    In futuro ci vuole un direttore sportivo che sappia il suo mestiere.

  22. Ip Address: 212.14.141.175

    Buongiornio a tutti se si può definire un buongiorno.
    Ormai solo un miracolo ci può salvare.Ma io ci spero ancora.
    Il mio dubbio è che il Mister deve far giocare alcuni giocatori anche se abulici e fuori forma per le future esigenze di mercato. Perchè infatti insistere ancora su Leto (lento ma con contratto in scadenza nel 2017)- Barrientos irriconoscibile .

  23. Ip Address: 79.19.42.237

    buongiorno a tutti anche se non lo e fratelli dal cuore rossazzurro CATANIA, Izco: “Meritiamo l’ultimo posto in classifica”
    16.03.2014 19:51 di Andrea Carlino Twitter: @acarlino85

    Dopo la pesante sconfitta contro il Sassuolo, il capitano rossazzurro, Mariano Izco, è visibilmente deluso. Queste le sue parole raccolte da Itasportpress al termine dell’incontro: “Questo cambio d’atteggiamento tra primo e secondo tempo? E’ una domanda lecita, ma anche noi non ci sappiamo dare una risposta. Nel primo tempo abbiamo giocato da Catania, nel secondo non abbiamo fatto nulla. Meritiamo l’ultimo posto? Si, lo meritiamo perché quello che conta sono i risultati. Non ci dobbiamo nascondere e dobbiamo fare qualcosa per rimediare. Percentuali di salvezza? Siamo ancora a quattro punti dalla salvezza, ce la possiamo fare. Siamo tristi, ma ancora manca tanto, dieci partite. Non abbiamo tempo per essere triste, dobbiamo subito ricominciare. Cosa faremo in questa settimana? Dobbiamo lavorare di più dal punto di vista morale. Il mister dovrà essere bravo a non farci mollare. I tifosi? Ci fa piacere che sono venuti fino a Reggio Emilia per noi. Mi dispiace per loro per le nostre prestazioni, ma noi abbiamo bisogno di loro fino alla fine”.

  24. Ip Address: 79.19.42.237

    tecnico del Catania, Rolando Maran non è ovviamente soddisfatto. Il suo Catania è scivolato all’ultimo posto, confermando le proprie difficoltà soprattutto in trasferta (appena 2 punti) e la sconfitta contro il Sassuolo sembra aver acuito il brutto momento dei rossazzurri: “Perché questa metamorfosi? Siamo scomparsi dal campo dopo aver preso il pareggio. Il gol di Zaza ci ha tagliato le gambe in modo inspiegabile – dice il tecnico in mixed zone -. Fino a quel momento avevamo giocato bene senza correre rischi, anzi stavamo mantenendo bene quanto stavamo ottenendo. Dopo il primo goal forse dovevo intervenire subito, ma con il senno di poi è tutto più facile. Adesso dobbiamo pensare a noi stessi, a livello di classifica cambia poco, continuo a crederci e voglio che sia così anche per i miei giocatori. Dobbiamo riprendere a giocare come sappiamo. Lo dobbiamo anche per i nostri tifosi. Sappiamo cosa significa per noi. Percentuale per la salvezza? No, non la davo prima, non la do adesso. Non si molla un centimetro, dobbiamo raddoppiare gli sforzi. Non ci devono essere facce di rassegnazione e segno di cedimento”.

  25. Ip Address: 79.19.42.237

    La pesantissima sconfitta contro il Sassuolo fa scricchiolare la panchina del tecnico del Catania Rolando Maran che dal giorno del suo ritorno ha collezionato solo 7 punti non dando la svolta. Dalle indiscrezioni che trapelano da Reggio Emilia, il mister trentino al momento non dovrebbe rischiare, ma in caso di passo falso nelle due partite contro Juve e Napoli Maran potrebbe essere cacciato.

  26. Ip Address: 151.29.9.230

    scusa Angelo ma questa “perla” giornalistica da dove l’hai copiata ?
    “in caso di passo falso nelle due partite contro Juve e Napoli”?
    e quale dovrebbe essere il passo falso? che se il Catania vince licenziano Maran? 🙂

  27. Ip Address: 79.19.42.237

    ciao morra vai a vedere su itasportpress giusta la tua battuta 😆 😆

  28. Ip Address: 79.19.42.237

    16-03-2014

    ORE 18.13 – Autore: Livio Giannotta

    Ritorno alla vittoria per il Sassuolo che abbatte il Catania, ora in fondo alla classifica con un distacco di quattro punti dalla zona salvezza. Si aggrava la situazione dei rossoazzurri che, in quella che sarebbe potuta essere l’ennesima partita della svolta, crollano sotto i colpi dell’avversario. La squadra, come spesso accaduto finora, dura solo un tempo, non riesce a dare continuità al proprio gioco nell’arco dei 90 minuti. In trasferta, poi, diventa una costante l’incapacità di reagire alle prime difficoltà. La gara si era messa in discesa al 31’ trovando il Catania la via del gol con Bergessio, bravo a non sbagliare a tu per tu con il portiere. Con il Sassuolo in bambola gli etnei avrebbero potuto approfittarne infliggendo la seconda rete ai padroni di casa, invece nella ripresa la squadra di Maran è rimasta con la testa negli spogliatoi. Al contrario i neroverdi sono scesi in campo gettando il cuore oltre l’ostacolo, con ardore agonistico, rinvigoriti dall’ingresso di Zaza, subentrato ad un impalpabile Brighi. Al 55’ proprio Zaza, a conclusione di una splendida azione personale di Floro Flores, lasciato solo dalla difesa catanese batte Andujar restituendo entusiasmo al popolo sassolese.

    Questo episodio consente al Sassuolo di costruire le fondamenta per ribaltare il risultato. Soffre maledettamente il Catania gli inserimenti di Zaza, Floro Flores e Missiroli, venendo chiuso nella propria metà campo. I padroni di casa hanno fame, dimostrano di volere a tutti i costi la vittoria, schiacciano i rossoazzurri con ritmi intensi ed un pressing asfissiante. La generosità viene premiata con il 2-1 che diventa realtà al 61’: perfetto colpo di testa di Missiroli e difesa etnea ancora una volta impreparata. Adesso il Sassuolo va a mille, soltanto le parate di Andujar tengono in vita un Catania che fatica a reagire. Maran si gioca le carte Fedato e Leto ma l’inerzia della partita non cambia. E’ la compagine neroverde che continua a fare la partita con un’oculata gestione degli spazi, aggressività e velocità devastante nelle ripartenze. A pochi minuti dal 90’, come naturale conseguenza, arriva il 3-1. E’ il nome di Sansone ad entrare a far parte del tabellino dei marcatori che getta nello sconforto totale Andujar e compagni. I tifosi neroverdi, al triplice fischio di Valeri, possono festeggiare i tre punti dopo un lungo digiuno mentre il Catania conosce un unico vincitore tra le propria fila: i tifosi, che non hanno mai mollato sostenendo a più non posso la squadra. La classifica, comunque, tiene ancora in vita il Catania. Ora testa alle partite casalinghe con Juventus e Napoli per continuare a sperare oppure sprofondare in via definitiva nell’abisso. (TuttoCalcioCatania)

  29. Ip Address: 82.145.218.139

    Au ie IANCA!!!!! Un miracolo solo ci può salvare cioè vincere con juve e Napoli, cosa difficilissima!!!!!!!
    Ormai è finita…

  30. Ip Address: 82.145.218.139

    Perplesso, ma ancora non l’avete capito!?? Il prossimo acquirente sarà Cosentino, non so se mi spiego!!!!!

  31. Ip Address: 82.145.218.139

    A combriccola argentina e arrivata all’obiettivo…..

  32. Ip Address: 151.54.101.210

    Matteo ciao, lo so, questa voce gira in città da un bel pezzo, la si sente in continuazione.
    E’ il fatto che Pulvitenti si ostini con forza a smentire qualsiasi proposito di vendita della società mi puzza oltremodo.
    D’altronde Pulvirenti è maestro nello smentire con forza annunci e rumors quando queste vengono a valle con largo anticipo, come quelle circa rocambolesche modifiche dell’assetto societario, ricordiamo la vicenda Gasperin e le vicende con Criscitello che finora, ahinoi, ci ha sempre azzeccato.

    Come la storia del terreno per lo stadio.
    Ma davvero c’è qualcuno a Catania che crede che si costruirà uno stadio nuovo, senza una legge dello Stato che lo permetta, con una squadra che sta sprofondando in serie B ? Davvero c’è un catanese, uno solo, che vivendo in città e vedendo che per arripizzare una buca per strada ci vogliono mesi, crede che un privato riesca a bypassare questo vuoto legislativo nazionale e donare uno stadio nuovo al Catania?

    Sulle orme di un qualche entusiasmo magari qualche escamotage si poteva trovare e illudere la tifoseria con questa storia, ma dopo una stagione del genere, chi crede ancora alle favole?
    Ma mi facciano il piacere, restiamo coi piedi per terra, non meritiamo ulteriori illusioni.
    Grazie

  33. Ip Address: 79.37.154.131

    Buongiorno raga’!!!

    Ciao angelo,Rosanero a vita, Ciceri&Malaman, Perplesso, Mexxican, alberto, Morra&Barlassina e matteocifalotu!!! 😥

    Rosanero a vita, ti dico, io mezzo napoletano e mezzo siciliano di Catania sei un bravissimo tifoso rosanero e ti ringrazio per il bel post che hai scritto.

    Stanotte le solite ore piccole compreso sabato per la nostra difficile situazione in classifica..
    Mia moglie, stanotte, mi ha visto che scendevo e salivo dal letto.

    La piccola lampadina che ho sul comodino, la fiammella si e’ fatta ancora piu’ piccola.

    Buona giornata a tutti!!!

  34. Ip Address: 82.145.208.155

    Perplesso, purtroppo è la realtà che molti non vogliono ne vedere ne pensare e sopratutto ne sentire !!!!!
    Io ormai sono rassegnato, o sopportato troppo, ogni domenica sempre la stessa incazzatura e ho quasi scassato il televisore dalla rabbia!!!!! non ci sto ad andare giù con l’umiliazione mi incazzo ancora di più por… Putt……. Non cia fazzu chiu!!!!

  35. Ip Address: 82.145.208.155

    Scusate ma dall’incazzatura mi dono dimenticato di salutare, diciamo, Buongiorno a tutti pari!!!!!

  36. Ip Address: 79.4.15.37

    Buongiorno a tutti….
    I miracoli non ci sono più, abbiamo invocato settimana dopo l’altra tutti i santi immaginabili, ma non ci è stato nulla da fare….
    i ns. santi sono i giocatori, ma mi sa che non vogliano sentire più niente, si sono rassegnati alla retrocessione, senza impegno ne dignità, vergogna…..
    questi non servono più alla causa del Catania. Non sono moralista ma ditemi se non ho ragione!!!!!?
    Bisogna subito pensare a programmare il campionato cadetto e prendere giocatori che ci possono far salire subito in serie A, come ha fatto il Palermo.
    Il fallimento per me è causa di una sola persona, Pulvirenti, testardo, ostinato, cocciuto come un mulo, non è difficile ammettere, basta partire dal presupposto che si è umani. che tutti sbagliano … Ma non si rende conto che il suo orgoglio di non dire Mia cuppa, lo sta portando alla rovina di un immagine, patrimonio, personalità fatta duranti questi anni con tanta fatica, tutto questo per lui non ha nessun valore, e ai tifosi chi ci pensa adesso, ai cittadini Catanesi, l’unico giocattolo che abbiamo per confrontarci con il resto d’Italia è il Calcio Catania perchè tutto il resto è il declino.
    Mi piange il cuore e mi vengono i brividi solo al pensiero di una cosa chiamata serie B, ma oggi bisogna essere realisti questa è la nostra fine di giocare con:
    Empoli, Lanciano, Latina, Trapani, Crotone, Avellino, Carpi, Ternana, Cittadella, Reggina, Juve Stabia….
    Ma è mai possibile che nessuno se ne sia accorto? che alcuni giocatori compreso l’allenatore non sono all’altezza della situazione… Domande che non avranno mai una risposta. …

  37. Ip Address: 82.145.208.155

    CATANIA, Criscitiello: “Pulvirenti non sa fare calcio e a gennaio se n’è fregato del mercato” 17.03.2014 10:40 di Redazione ITA SportPress Twitter: @ItaSportPress
    Riportiamo parte dell’editoriale del direttore di Tuttomercatoweb, Michele Criscitiello, in cui prende una posizione netta sulla situazione del Catania, assai complicata, con la squadra all’ultimo posto in classifica. Il Catania è ultimo in classifica e, anche qui, dispiace per i catanesi il “ve lo avevamo detto” ci suona malissimo. Catania è una città
    che apprezziamo, i catanesi sono persone fantastiche e se ad inizio anno abbiamo detto che rischiava di andare tutto a carte
    quarantotto non era per antipatia ma per il frutto di semplici valutazioni calcistiche.
    Pulvirenti è un ottimo Presidente ma non sa fare calcio. Non è un’offesa ma un dato di fatto. Il Presidente non deve essere esperto di calcio, deve solo saper scegliere gli uomini
    giusti. Con Lo Monaco aveva costruito un impero e la coppia era perfetta. Lo scorso anno scelse Gasparin, l’ideale per proseguire
    un progetto vincente (record di punti in serie A e con le giovanili). Quest’anno, per chissà quale motivo, ha dato la carica di vicepresidente ad un procuratore, gli ha fatto
    fare il mercato e il banco è saltato. Oggi piange, Antonino. Ma c’è poco da recriminare. A gennaio era ancora in tempo per intervenire eppure se n’è fregato. Ognuno è padrone del
    proprio destino, figuriamoci della propria tasca. Peccato ci sia una città che si rispecchia nella squadra di calcio e il
    giocattolino non è privato. Il Catania va in B e il Palermo ritorna in A? Speriamo di no. Rivogliamo il derby della Sicilia in serie A.

  38. Ip Address: 79.19.42.237

    il catania nel passato e anche attualmente e la squadra che per antonomasia a fatto resuscitare le squadre in dificolta ma nessuno delle altre fara resuscitare il catania ce la deve fare da solo se a ancora una scintilla per salvarsi

  39. Ip Address: 82.145.218.82

    L’OCCHIO DEL GABBIANO – G. SPINESI:
    “Catania, caduto l’ultimo telo. Ecco tutti gli
    errori commessi e non risolti. Non molliamo”
    17.03.2014 11:22 di Redazione ITA Sport
    Press Twitter: @ItaSportPress
    L’ex calciatore del Catania, Gionatha Spinesi,
    prosegue la sua collaborazione con
    Itasportpress.it curando la rubrica “L’occhio
    del Gabbiano”.
    La sconfitta col Sassuolo ha sgretolato le
    ultime certezza che aveva questo Catania.
    L’ultimo telo che copriva questa opera d’arte
    venuta male, è caduto al Mapei Stadium e
    così adesso si vedono come non mai tutte le
    imperfezioni. I difetti sono ormai visibili anche
    ai ciechi perché questo Catania ormai è
    indifendibile.
    Non credo alla metamorfosi tra primo e
    secondo tempo di ieri solo perché Di
    Francesco ha mandato in campo Zaza ed ha
    dato ai suoi la carica giusta in 15’ minuti di
    pausa. Il Catania è fragile caratterialmente e
    crolla subito non avendo capacità di reagire.
    Questa squadra queste debolezze li ha sempre
    avute anche nella scorsa stagione solo che
    l’anno scorso erano ben nascoste dalla
    classifica. E’ un gruppo che non reagisce alle
    intemperie. I record dello scorso anno forse
    hanno illuso tutti, dirigenti compresi che non
    hanno saputo rimanere umili facendo voli
    pindarici per poi atterrare in una pista
    sconnessa che porta al precipizio. In Serie A
    non c’è nulla di scontato, nulla ti viene
    regalato se non ti attrezzi. Sono stati fatti
    tantissimi errori: di gestione, di mercato in
    estate e in inverno. Non si fa una offerta
    concreta a Belfodil o un altro attaccante
    importante per non pagare l’ingaggio e poi in
    organico molti calciatori etnei percepiscono
    ingaggi da squadre di prima fascia.
    Incongruenze. Tutte le avversarie dei
    rossazzurri che lottano per la salvezza hanno
    in organico almeno 4 attaccanti. Il Catania
    no. Leto, Castro e Fedato i vice Bergessio
    secondo quanto affermato da Pulvirenti ma i
    fatti dicono che questa squadra aveva
    bisogno di ben altro. Errori su errori: cacciato
    Maran, preso De Canio, poi torna Maran tanto
    criticato in tv. Lo stesso discorsi per Lodi
    attaccato in tv e poi ripreso. Il Catania aveva
    di bisogno di un allenatore vulcanico,
    fumantino per scuotere la squadra. Maran
    come De Canio sono bravi professionisti ma in
    questa situazione difficile hanno fatto ben
    poco per cancellare la fragilità caratteriale
    della squadra.
    Altro errore commesso dai dirigenti è stato
    quello di voler coprire a tutti i costi i veri
    problemi della squadra accampando scuse
    varie. Bastava fare autocritica e intervenire
    subito a gennaio. Forse sarebbe stata atto di
    lesa maestà ma era l’unica strada per far
    cambiare il destino a questa squadra. Se si va
    in B ci perde tutta la città non solo tifosi,
    squadra o dirigenti. Dunque bisogna mettersi
    tutto alle spalle e guardare con fiducia (quella
    rimasta) alle prossime 10 giornate.
    Arriveranno Juve e Napoli ma il calcio a volte
    è strano e il miracolo può sempre avvenire.
    Con un po’ di fortuna anche questo disastrato
    Catania può farcela a mettere sotto le big
    della A. Bisogna crederci e non è il momento
    di abbandonare la squadra o di contestarla.
    Tutti a sostegno fino alla fine poi si faranno i
    conti e chi ha sbagliato se ne renderà conto.
    Speriamo.”
    Un abbraccio
    Gionatha

  40. Ip Address: 82.145.218.82

    CATANIA, via da Torre del Grifo per evitare
    contestazioni
    17.03.2014 12:07 di Redazione ITA Sport
    Press Twitter: @ItaSportPress
    Doveva essere la partita della svolta, della
    risalita, della salvezza. Dal Mapei stadium
    invece è uscito un Catania a pezzi sul piano
    psicologico e del gioco. Il secondo tempo
    contro il Sassuolo ha cancellato quanto di
    buono si era visto nei primi 45’ minuti di
    gioco. Il gol di Bergessio aveva dato certezze
    e speranza a squadra e tifosi etnei ma le reti
    di Zaza, Missorili e Sansone hanno spazzato
    via tutto facendo precipitare il Catania nel
    baratro. I rossazzurri hanno fatto un enorme
    passo indietro perdendo un match
    importantissimo in chiave salvezza.
    I motivi di una caduta cosi grave sono tanti.
    Si è vista una squadra priva di idee, di
    identità e di incisività in attacco. Una difesa
    che ha concesso metri e tempo agli attaccanti
    neroverdi di sistemarsi il pallone e battere
    Andujar. Squadra e tecnico in confusione con
    uomini e moduli inadatti a ribaltare la contesa
    e la situazione pesante. La dirigenza presente
    in massa ieri al Mapei stadium ha deciso di
    portare tutti in ritiro per mettere la squadra a
    riparo da contestazioni visto la fragilità
    caratteriale del gruppo. Si aspetta solo
    l’ufficialità di questa decisione già presa nella
    notte.

  41. Ip Address: 79.19.42.237

    adesso pensano di portare la squadra in ritiro perche pensano di salvare il salvabile?

  42. Ip Address: 94.162.57.48

    Buongiorno fratelli rosso azzurri io sono troppo deluso xke il secondo tempo loro hanno schierato 4 punte cavolo tu schiera un 5 4 1 tanto stai vincendo fuori casa e i tuoi ad inizio secondo tempo nn capivano piu niente questa maran l ha sbagliata almeno ieri dovevamo vincere xla svolta ancora nn siamo condannati alla B ma il presidente nn puo illudere tutti cmq vada sempre e solo FORZA CATANIAAAAAAAAA Il mio cuore sarà sempre ROSSO AZZURO innamorato di te io sono pazzo di te e mai ti lascerò dai CATANIA

  43. Ip Address: 92.139.85.168

    Ebbene si scrivo oggi per dire a tutti che ancora non mi arrendo,, siete sicuri tutti che siamo in B , IO NO e lo diro’ fino a quando la matematica non ci certificherà la serie b e non dimendico il gol di Martinez contro la Roma, quando oramai eravamo in B e ne siamo usciti per un soffio, ora il 18 maggio ci sarà il responso, solo allora si potrà criticare., prima solo tifare e basta!!!!!!!!

  44. Ip Address: 79.19.42.237

    Izco e compagni da domani al lavoro in vista della sfida alla Juventus, in programma domenica 23 marzo alle 20.45 allo stadio “Angelo Massimino”. I rossazzurri si alleneranno con il massimo impegno e cercando la concentrazione migliore in ritiro, a Ragusa, fino alla vigilia della gara.

  45. Ip Address: 212.14.141.175

    Ho letto che Maran rischierebbe la panchina in caso di sconfitte con Juve e Napoli, ma a cosa servirebbe? gli errori sono stati fatti nelle due campagne acquisti e tutti sappiamo di chi è la colpa. Dobbiamo sperare di fare punti con squadre ormai salve e prive di stimoli. Il Mister dovrebbe schierare solo chi è in forma sia che si tratti di Bergessio o di Pektovic tanto per fare un esempio. Infine , indipendentemente da dove giocheremo l’anno prossimo (spero ancora in A) occorre subito , per me , fare un contratto con Keko.

  46. Ip Address: 95.234.103.222

    sarebbe inutile,oltre che un errore,mandare via maran…se viene un nuovo allenatore nuovo sarebbe punto e d’accapo ….. 😐

  47. Ip Address: 82.145.210.168

    Ormai è finita, contro la Juventus, bastadda per come è, ci asfalta !! Il Napoli ha bisogno di punti per restare nella zona in cui si trova e cercherà di vincere a tutti i costi!!!!!! Questo nell’arco di tre giorni, i nostri non reggono più di trenta minuti e nel giro di tre giorni si spera di fare 6 punti?!?!? Ma io ci credo poco. Piuttosto se le altre perdono in queste due partite, forse, dopo il miracolo potrebbe accadere ma la vedo molto ma molto dura, perché secondo me,
    Già stanno tutti a sciaquarsi le palle a mare, con la testa…….

  48. Ip Address: 195.66.9.200

    L’unica cosa su cui non sono tanto d’accordo con Spinesi è che la fragilità caratteriale c’era anche l’anno scorso ed era coperta dai risultati.
    Con Montella il Catania vinceva spesso in rimonta. Anche l’anno scorso ricordo partite in cui si rimontava e non ci si faceva prendere dallo sconforto al primo gol. Vero è che l’anno scorso calava incece la concentrazione nel finale.
    Più in generale ricordo che Lo Monaco ai suoi tempi giustificava il ricorso agli argentini – a parte il minor costo economico – con la loro maggiore “tigna” e capacità di ambientamento rispetto, per esempio, ai brasiliani.
    La “fragilità” c’è solo quest’anno ed è figlia secondo me
    – dell’esaurimento fisico di alcuni giocatori che erano i trascinatori (Legrottaglie spompato, Almiron infortunato cronico, Bergessio in condizioni fisiche precarie)
    – di problemi di spogliatoio, di ingaggi, e di chissà cos’altro, che affondano le radici in estate: l’ho scritto molte vole e lo ripeto, comportamenti che hanno incrinato la serenità dell’ambiente e che non sono stati fronteggiati mancando un dirigente incaricato di ciò
    – dei risultati
    Tutto ciò, naturalmente, più tutti gli altri errori a lungo detti e ridetti.

Spiacenti, i commenti sono chiusi.

su
giu