Le streghette attese dall’Etna

 Scritto da il 3 dicembre 2015 alle 09:54
Dic 032015
 

Catania

Da un vulcano all’altro. Le streghette, provenienti dalla città in cui la tradizione popolare vuole che risiedano, leggenda dovuta forse al fragore del vento che nel passato echeggiava incessante negli anfratti dei boschi sanniti, quasi a volersi confondere con il chiassoso bisbigliare di vecchiette sedute ai lati dei cortili, lasciate le ramazze per più comodi airbus, dopo aver sorvolato la nostra montagna si recheranno in men che non si dica allo stadio Massimino desiderose di spargere polveri magiche sui loro scarpini e di diffondere saporifere essenze sugli spalti della nostra arena calcistica.

Ci riusciranno? Effettivamente la squadra di mister Auteri, dopo una interessante campagna di rafforzamento effettuata ancora sotto la delusione dei perduti play off ed iniziata la stagione con i favori dei pronostici, sembra aver steccato ritrovandosi, dopo la tredicesima di campionato solo sesta con 20 punti alle spalle del Crotone, lontana sette lunghezze dall’odiata rivale Caserta, alla quale durante il calciomercato era riuscita a togliere l’allenatore, il difensore Mucciante, il terzino sinistro Bianco, il centrocampista Cruciani la prima punta Cissè che lo scorso anno con la maglia rossoblù fece faville, acquisti che hanno fatto lievitare la sua rosa a 5,35 milioni di euro, superiore per valore di mercato a quella del Catania per 250 mila euro, dati trasfermarket.

Tuttavia le attese non sono state al momento pari ai risultati, atteso i soli nove gol a favore segnati di cui due dal centrocampista Melara, giocatore molto pericoloso, mentre proprio Cissè, dal quale l’ambiente si attendeva molto, al momento sembra appannato e relegato da Auteri spesso in panchina. Se la fortuna, a detta dell’allenatore, sembra non sorridere ai giallorossi, dobbiamo anche segnalare, ad onor del vero, che alcune segnature, anche pesanti, sono giunte nei minuti finali ed hanno deciso favorevolmente gli incontri in particolare contro Andria e Paganese. Il mister, intraprendente e camaleontico, ama rivoltare la rosa di frequente affidandosi molto spesso al modulo 3-4-3 con la sola eccezione di Lucioni, pilastro e regista della difesa e realizzatore del gol che ha consentito al Benevento di vincere a Foggia con un suo imperioso stacco di testa che, fortunatamente per i nostri non potrà essere in campo essendo stato squalificato dal giudice sportivo. L’assenza sarà dura e peserà sicuramente sulla economia del gioco avversario, come dimostrano le sole otto reti sinora subite dalla squadra in campionato.

Tuttavia le alternative in difesa non mancheranno con il valido Mattera, il veloce terzino Pezzi decisivo con il suo secondo gol contro il Monopoli, l’ex Entella Padella, Mucciante e l’ex casertana Bianco. Il centrocampo è tutto qualità con Melara, Cruciani, l’ex barese De Falco, l’ex Aquila Del Pinto acquistato per 400 mila euro. Forse è proprio l’attacco quello che sinora ha tradito le attese, benché sulla carta con Cissè, l’ex Perugia Di Molfetta, Mazzeo, Marotta e Campagnacci dovrebbe garantire gol in abbondanza. Alternativa al modulo, già provato in talune circostanze, prevede l’impiego del trequartista   ex Reggio Ciciretti impiegato in avanti al posto di una punta.

L’augurio che anche per sabato l’attacco mantenga almeno per questa settimana le polveri bagnate ma ciò non toglie che i nostri difensori dovranno superarsi perché, come detto, le qualità nei singoli avanti non mancano. Ma non solo i difensori dovranno dare il massimo; ci aspettiamo che il centrocampo cominci a scrollarsi di dosso quella timidezza che dalle ultime tre partite ha dimostrato di avere, in particolare proprio in questa sfida, il cui centrocampo giocando a quattro porterebbe il nostro ad essere più esposto alla pressione avversaria. Riguardo all’attacco, complice l’assenza di Lucioni che sicuramente peserà, sono convinto che le palle gol fioccheranno.

Auguriamoci che parecchie di esse si trasformino in gol rendendo vani i tentativi per evitarli sia da parte del portiere Gori che di tutte le streghette. Sarebbe bello, al termine della partita, acquisiti i tre punti, esultare come l’avaraccio Paperone fa dopo essere riuscito ad evitare l’ultimo assalto alla famigerata monetina numero uno lanciato dalla streghetta Amelia la quale, partita dal Vesuvio a cavallo della sua scopa magica, ve ne fa ritorno ogni volta a mani vuote.

  13 Commenti per “Le streghette attese dall’Etna”

  1. Ip Address: 185.62.239.196

    Speriamo che sia la volta buona con una formazione di rispetto di continuare la nostra scalata in classifica poi quel che verrà ci prenderemo.Certamente l’era pulvirenti è finita anche se per adesso vi è la sua ombra.Speriamo che cambi al più presto la proprietà per il bene del nostro amato Catania,l’etna si sta pregustando questa vittoria,e ha preparato uno spettacolo pirotecnico per le streghette.
    Forza Catania sempre e saluti a tutti voi buon articolo come al solito di Raggio Libero.

  2. Ip Address: 185.62.239.196

    Si, provassero ad entrare dentro l’Etna per preparare pozioni magiche: la lava sta ribollendo così tanto che è’ il caso che tornino subito nel Vesuvio non prima di lasciare i tre punti sul verde del Massimino

  3. Ip Address: 151.37.74.181

    Quello che scrive sempre Raggio Libero è sempre molto interessante ! Questa volta c è pure molta fantasia e poesia . Complimenti! Penso che la partita di sabato prossimo sia molto delicata! Sarebbe molto importante continuare a fare punti! Comunque saluti agli amici e sempre FORZA CATANIA!

  4. Ip Address: 95.250.14.244

    Buonasera raga|!

    E’ vero Armando Raggio Libero e’ veramente bravo.

    Se fuma l’Etna significa che e’ incazzato con i ragazzi del Catania e quindi travolgiamo gli stregoni che detto dal suo allenatore vogliono i tre punti a Catania.

    Sogni rosso e azzurri a tutti!

  5. Ip Address: 79.43.204.229

    Buona nottata a tutti.

  6. Ip Address: 91.253.43.132

    Buongiorno a tutti

  7. Ip Address: 79.49.90.16

    Buonasera raga!

    Eruttiamo,come l’Etna in questi giorni, sugli stregoni!
    Dobbiamo vincereeeeeeeeee!

    venerdì 4 dicembre 2015

    C’e’ Russotto ma manca Castiglia. Pelagalli e’ in forse.

    Verso Catania-Benevento: 21 rossazzurri a disposizione di mister Pancaro

    Portieri
    Bastianoni, Ficara, Liverani.
    Difensori
    Bacchetti, Bergamelli, Ferrario, Garufo, Nunzella, Pelagatti.
    Centrocampisti
    Agazzi, Lulli, Musacci, Russo, Russotto, Scarsella.
    Attaccanti
    Barisic, Calderini, Calil, Di Grazia, Plasmati, Rossetti.

    Buona serata a tutti!

  8. Ip Address: 87.7.199.77

    Ci siamo? Pronti ? Dai che oggi i deve vincere. Forza Catania

  9. Ip Address: 95.246.110.149

    ma solo a me sportube non funziona?!!!

  10. Ip Address: 93.44.84.128

    Neanche a Modena funziona sportuntubo

  11. Ip Address: 212.35.19.138

    Sportube fa schifo come il CATANIA

    Che squadda di merda

  12. Ip Address: 212.35.19.138

    Pancaro ma vai a lavorare e portati tutti apresso.da 6partite non capisce più niente!

  13. Ip Address: 95.246.110.149

    ufficiale,ci siamo persi….. 😡

Spiacenti, i commenti sono chiusi.

su
giu