Ma non è una cosa seria

 Scritto da il 30 ottobre 2012 alle 08:13
Ott 302012
 

Chi mi conosce bene sa quanto sia grande il mio amore per la produzione artistica di Luigi Pirandello. Ripensando a quanto è accaduto nell’ultimo turno di campionato mi è venuto in mente il titolo di una delle tante commedie del grande drammaturgo siciliano: Ma non è una cosa seria.

Signori miei tutta l’Italia sa bene che quel che è accaduto al Massimino domenica, appunto non è una cosa seria.

Seguo il calcio da oltre cinquant’anni e di episodi clamorosi a favore della Juventus ne potrei citare a centinaia: dal pallone dentro un metro e mezzo con relativa rete negata all’ empolese Biancone in un Empoli – Juventus a una rete clamorosamente non concessa al giocatore dell’Udinese Bierhoff con la palla dentro di oltre un metro.

Allora si diceva c’era Moggi, che per tutte le sue malefatte ha pagato con tre condanne, compresa quella in appello. Ma oggi chi c’è?

Signori oggi c’è lo strapotere economico e politico di una società forte che vuol vincere a tutti i costi, ma non è la sola. Allora non è una cosa seria.

 

Ho preso in esame tutti gli episodi trattati alla moviola da «La Domenica Sportiva», il «Corriere dello Sport» e la «Gazzetta dello Sport», ho tralasciato quelli dubbi o insignificanti e ho conteggiato soltanto quelli riconosciuti da tutti come errori arbitrali vistosi ne è venuto fuori un quadro sconfortante. Alcuni errori, sebbene vistosi sono stati ininfluenti ai fini del risultato, altri, purtroppo, sono stati determinanti.

Io non invento nulla, chiunque può, rivisitando le tre fonti citate, ricostruire facilmente la mia stessa classifica.

Classifica errori arbitrali vistosi a favore dopo la nona giornata:

1)      Juventus 10

2)      Chievo Verona 6

3)      Inter 6

4)      Udinese 6

5)      Atalanta 5

6)      Bologna 5

7)      Lazio     5

8)      Cagliari 4

9)      Milan 4

10)  Napoli 4

11)  Catania 3

12)  Fiorentina 3

13)  Sampdoria 3

14)  Siena 3

15)  Genoa 2

16)  Palermo 2

17)  Parma 2

18)  Pescara 2

19)  Roma 2

20)  Torino 1

La classifica relativa agli errori vistosi contro appare quasi rovesciata:

 

Errori vistosi contro dopo la nona giornata di campionato:

 

1)      Roma 8

2)      Catania 7

3)      Sampdoria 7

4)      Genoa 6

5)      Palermo 6

6)      Atalanta 4

7)      Bologna 4

8)      Milan 4

9)      Napoli 4

10)  Siena 4

11)  Udinese 4

12)  Fiorentina 3

13)  Lazio 3

14)  Parma 3

15)  Pescara 3

16)  Cagliari 2

17)  Torino 2

18)  Udinese 2

19)  Inter 1

20)  Juventus 1

 

Allucinante vero? E per giunta devo ascoltare la stupidaggine che a fine anno errori a favore e contro si compensano. Ma quando mai? Chiedete al povero Zeman da anni puntualmente e volutamente massacrato.

Tralasciando gli errori veniali o dubbi si tratta fin adesso di ben 78 errori gravi ed è chiaro che beneficiandone una squadra l’avversaria di turno è stata avvantaggiata, ecco perché il totale di errori a favore ed errori contro coincide.

Se consideriamo che fin adesso sono state disputate 89 gare (Cagliari – Roma non è stata giocata) la media è inferiore a un errore grave a partita, esattamente 0,887 e questo è accettabile, diciamo fisiologico.

Quello che non è assolutamente accettabile è che degli errori arbitrali ne benefici puntualmente solo una squadra (la Juventus), seguita a ruota da un’altra (l’Inter) e gli errori penalizzino puntualmente chi vorrebbe un sistema calcio più equo.

Ma non è una cosa seria.

Affinché il mio discorso non sia campato in aria citerò alcuni episodi più clamorosi che è possibile riscontrare con estrema facilità:

1^giornata:

Atalanta – Lazio 0-1 con rete di Hernanes viziata da un vistoso fallo di mani di Mauri da cui parte l’azione decisiva. (Atalanta privata di un punto, Lazio con due punti in più)

Palermo – Napoli 0-3 netto rigore negato al Palermo per un fallo di Maggio su Cetto sul risultato di 0-1, ma è finita 0-3 pertanto ai fini della classifica che pubblico senza errori determinanti considero l’episodio ininfluente per la vittoria del Napoli.

Roma – Catania 2-2 (l’unica partita in cui il Catania ha beneficiato degli errori) rete di Marchese in chiaro fuorigioco, fallo di mano di Bellusci in area non rilevato e Lodi in fuorigioco nel gol del 2-1, ma il fuorigioco di Lodi era impossibile da vedere, ecco che l’errore a favore del Catania e a sfavore della Roma non è stato registrato.

2^ giornata:

Udinese- Juventus 1-4 ingiusta l’espulsione del portiere dell’Udinese, ma il risultato finale è vistoso, pertanto registro l’errore ma in classifica non tolgo punti alla Juventus.

Bologna-Milan 1-3 arbitro Tagliavento che si inventa un rigore inesistente a favore del Milan trasformato poi da Pazzini. In questo caso l’episodio ha influito sul risultato e tolgo due punti al Milan assegnandone una al Bologna.

3^ giornata:

Disastroso Mazzoleni in Palermo – Cagliari 1-1: nega un rigore netto a Pinilla, uno altrettanto netto a Miccoli, ma nel finale annulla un gol validissimo al Palermo per un fuorigioco inesistente di Donati.  E così via.

Per non farla lunga cito solo: Milan –Inter 0-1 con rete regolare annullata a Montolivo; Chievo – Sampdoria 2-1 con rete finale dei clivensi viziata da un vistosissimo fallo; Siena Juventus 1-2 con inspiegabile mancata espulsione di Chiellini sul risultato di 1-1 (inspiegabile se il calcio fosse una cosa seria); Catania- Parma 2-0 assurda rete annullata a Bergessio, ininfluente per il risultato finale; Inter-Catania rigore solare non concesso a Gomez sul risultato di 1-0. Fino all’apoteosi di ieri:

Catania – Juventus gol regolare volutamente annullato al Catania e gol in fuorigioco concesso alla Juventus. Fiorentina – Lazio pareggio valido annullato a Mauri che compensa il rigore non solare negato alla Fiorentina in Chievo – Fiorentina 1-1 e per finire Roma -Udinese 2-3 col 2-1 realizzato dall’Udinese con tre giocatori in fuorigioco rimessi in gioco dal tocco di testa di Osvaldo spinto alla spalle ( ma non l’ho considerato come errore perché sussiste il dubbio) con 2- 2 di Di Natale viziato da una posizione di fuorigioco di partenza e da un allucinante rigore concesso dal guardalinee d’area Cervellara ( l’arbitro aveva fatto continuare) per un contatto in area che non c’è stato.

Tralasciando circa 200 errori dubbi, dei 78 accertati e riconosciuti da tutti, non conteggiando in classifica quelli ininfluenti ai fini del risultato, ma considerando solo quelli che ne hanno condizionato l’esito, come ad esempio Catania – Juventus oppure Milan – Inter viene fuori una classifica incredibile:

1)      Juventus 20

2)      Napoli 20

3)      Roma 19

4)      Lazio 17

5)      Inter 16

6)      Fiorentina 15

7)      Catania 14

8)      Milan 13

9)      Parma 13

10)  Sampdoria 13

11)  Torino 11

12)  Genoa 9

13)  Palermo 9

14)  Udinese 9

15)  Cagliari 8

16)  Pescara 8

17)  Atalanta 7

18)  Bologna 6

19)  Chievo Verona 5

20)  Siena 5

 

Che dite? Un po’ diversa da quella attuale con sei squadre in cinque punti in lotta per il titolo, poi magari la Juventus lo vincerebbe lo stesso, ma in maniera più seria.

Non ci resta che illuderci che errori a favore e contro alla fine si compensino,

Facciamo finta di crederci, a partire dalla prossima giornata di campionato, quella del turno infrasettimanale.

Aprirà  la decima giornata l’anticipo fra Palermo e Milan, gara in cui il pareggio appare il risultato più probabile ma può succedere di tutto.

La capolista Juventus ospita il Bologna: nessun dubbio sulla vittoria dei bianconeri per due precisi motivi.

In primo luogo il divario fra le due squadre è notevole, poi se la gara dovesse mettersi male ci penseranno senz’altro l’arbitro Romeo oppure i suoi collaboratori a negare qualche rigore netto al Bologna e a inventarne qualcuno fasullo per la Juventus.

Anche l’Inter dovrebbe superare la Sampdoria e i motivi sono pressoché uguali a quelli espressi per la Juventus.

Il Napoli dovrà sudare per vincere contro l’ Atalanta e non sarà facile.

I partenopei possono contare solo sulle loro forze perché prima Juventus e Inter si sbarazzano di loro meglio è, altrimenti col passare delle gare potrebbero diventare clienti scomodi. Poi il Cagliari rilanciato dalla cura Pulga mira ad ottenere la quarta vittoria di fila, può riuscirci perché il Siena è considerato da tutti una vittima predestinata, mentre il Cagliari gode di maggiori appoggi in Lega rispetto al Siena.

Il Chievo durante l’anno è stato favorito dagli errori arbitrali e il Pescara no, quindi il Chievo Verona non dovrebbe perdere contro il Pescara.

La Lazio batterà probabilmente il Torino, almeno dopo la rete annullata a Mauri saranno create le condizioni perché ciò avvenga.

Del Catania non importa a nessuno, mentre l’Udinese è protetta, quindi per il Catania al Friuli si prospetta un’altra sconfitta esterna.

La Roma a Parma sarà nuovamente maltrattata, ma se riuscirà a segnare tre reti potrebbe evitare la sconfitta.

Infine in serata il posticipo fra Genoa e Fiorentina con Montella che è simpatico a tutti, mentre Del Neri non si fa capire nemmeno quando parla. Gara aperta perché le due squadre in Lega godono entrambe di considerazioni.

Scusate il tono dei miei pronostici che esulano molto dall’aspetto tecnico, ma dopo lo scandalo di Catania – Juventus non sono riuscito a fare di meglio.

Aspettiamo le partite illusi di poter registrare un torto contro la Juventus o contro l’Inter, così tanto per compensazione.

Ah ! Dimenticavo, dopo l’11^ giornata una delle due si lamenterà dicendo di essere stata oltraggiata: infatti è in programma Juventus – Inter.

 

 

  39 Commenti per “Ma non è una cosa seria”

  1. Ip Address: 212.195.241.127

    Buongiorno a tutti pari, appello non comprate FIAT , in più sono taroccate e scarse :mrgreen: :mrgreen:

    E questo è serio?

    JUVENTUS, Agnelli: “Nostri dirigenti costretti ad abbandonare la tribuna”
    29.10.2012 20.04 di Claudio Salvia per itasportpress.it articolo letto 479 volte
    Il presidente della Juventus Andrea Agnelli, intervenuto nel pomeriggio ai microfoni di Sky Sport, è tornato sugli errori arbitrali di ieri, nella partita tra il Catania e i bianconeri: “Siamo vicini alle cinquanta partite senza sconfitte. Da quest’anno giochiamo senza Antonio Conte in panchina, non dimentichiamo quest’aspetto, lo aspettiamo con grande voglia, deve tornare a dare la sua energia anche in panchina. Di ieri sottolineo lo spirito che c’è stato prima e dopo la partita con grande tensione ed insulti nei confronti dei dirigenti della Juventus in tribuna, alcuni hanno dovuto abbandonare il loro posto. Sono cose sgradevoli come quanto accaduto ad Alessio in conferenza stampa. Da parte nostra abbiamo subito riconosciuto l’errore, ma è curioso il sondaggio di Panorama che dice che la Juventus è la meno favorita dagli errori arbitrali. Non è possibile che per un errore si deve coinvolgere il designatore Braschi, c’è troppa pressione sulla Juventus. L’auspicio è che la decisione arbitrale sia sempre quella giusta, ma il tempo per decidere è stato preso dagli arbitri anche in una gara di serie B”

  2. Ip Address: 88.66.40.115

    Ma come cazz e possibile che i catanesi votano sempre i stessi delinquenti eeeee ma razza di coglion sono i miei concittadini
    siti sempri i stissi al cartello di entrata di Catania ata mettiri a scritta ” futtatinni tantu i cosi non cangiunu mai “il più grande e unico pensiero filosofico del catanese medio
    comu spacch ci putisturu rari i voti o figghiu di lombaddu siti pessi
    e pi fozza ca appoi ni venunu a futtiri i pattiti non vi miritati iautru
    apppifauri va
    minch haia cangiari cittadinanza no ma prima o poi u fazzu appidaveru
    voggiu addivitari carrapipanu e chi minch ammenu co piaciri
    mi scuso con la redazione per questa entrata che non centra niente col calcio
    ma mi girano le palle quando vedo certe cose e o bisogno di farlo sapere a tutti che IO non sono come voi e che mi fate vergognare di essere catanese

  3. Ip Address: 85.41.235.41

    Buongiorno a tutti….
    Un saluto a Chiarezza e Lux…..

    Noto con stupore che Barrientos non è stato convocato ❓ ❓ ❓ allora Maran adesso fa sul serio.

    Questi gli atleti a disposizione:
    Portieri –
    21 Andujar, 1 Frison, 34 Messina.
    Difensori –
    22 Alvarez, 14 Bellusci, 33 Capuano, 2 Potenza, 5 Rolín, 3 Spolli.
    Centrocampisti –
    4 Almiron, 27 Biagianti, 19 Castro, 13 Izco, 10 Lodi, 24 Ricchiuti, 30 Salifu.
    Attaccanti –
    9 Bergessio, 35 Doukara, 17 Gomez, 15 Morimoto.

  4. Ip Address: 79.13.60.164

    Buongiorno a tutti,solo per un attimo mi è doveroso dire che non tutti i catanesi sono andati a votare sempre gli stessi delinguenti,io comunque sti cessi non li ho mai votati e questa volta per non sbagliare,io e la mia famigli,facciamo parte di quel 52% che ha detto a queste merde di politici,andate affanculo e abbiamo buttato le schede elettorali nel cesso.
    Per quanto riguarda il cartello all’ingresso della città,avrei un’idea: mettiamo all’ingresso dell’Italia un cartello con 60.000.000 di pecore che brucano,all’ingresso della sicilia,un altro cartello con 6.000.000 di pecoroni e per finire,all’ingresso di catania,un cartello con 700.000 circa di pezzenti,perchè questo il catanese ha dimostra,non solo aver votato gli stessi malfattori,ma soprattutto per essere la provincia con più votanti.

    Se qualc’uno non condivide,rispetto la propira opinione.Chiedo scusa ancora a tutti se sono uscito dall’argomento calcio.
    Dicono che votare è un diritto ma anche un dovere,io il dirittto non lo voglio più e per il dovere,che vadano tutti a farsi ammazzare.

  5. Ip Address: 88.66.40.115

    Hai fatto bene Peppe però se non ci si fida di nessuno e non si vota mai
    allora vincono sempre i partiti del malafare cmq adesso voglio vedere se crocetta avrá il coraggio di cambiare le cose ma non ci credo e poi 6 miliardi di debito sono un macigno da paura , come si potrà andare avanti in queste condizioni ,
    non vi invidio e mi dispiace vedere la sicilia ridotta così male

  6. Ip Address: 212.195.241.127

    Ciao Mbari Lux :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:
    Quello che tu scrivi lo dicevo ieri, “Se non è zuppa è pan bagnato” ma entrando e poi basta, sulle elezioni siciliane, non è vero che le cose non cambiano, il primo partito è il 51 % d’astenuti il secondo 5 stelle :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: cioè chi andrà a comandare non ha assolutamente la maggioranza e se ho capito bene se non si allea con qualcuno non potrà nemmeno governare……….. 😯 😯 😯 😯

    Ma torniamo al Catania,

    Ciao Prof
    le tue classifiche oggi vengono smentite da Panorama 😯 😯 😯
    e poi c’è ne sono altre che smentiscono sia te che Panorama, io credo a te so con quale impegno ti cimenti nello stilare le tue statistiche, affettuosamente, si un pazzu scatinatu :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

    Domani è un altro giorno, il Catania ad Udine ha la possibilità di riprendere il suo cammino senza lasciarsi contaminare da tutte queste valanghe di parole che sono state scritte in questi giorni, perché se invece della Juve fosse successo col Pescara
    sono sicuro che nessuno ne avrebbe parlato cosi tanto, ma sia Inter che Napoli e lo stesso Milan sono interessati ed allora………….con la complicità dei giornalai che sicuramente ci sguazzano, vendite di carta triplicate

    Dicevo Udine,
    Joe ufficialmente Barrientos è infortunato bene gli farà tirare il fiato per essere pronto Domenica contro la Lazio.
    L’esperimento 3-5-2 mi ha un po’ deluso, vedi le prestazioni in ombra di Gomez e Barrientos e la posizione di Lodi, solo un grande Izco ha permesso al Catania di avere un certo equilibrio, ma vista la squalifica di Marchese 👿 👿 👿 e l’indisponibilità di Barrientos io farei cosi

    ————–Andujar ( tra parentesi bravo Beppe a sottolineare la sua prestazione)
    ——-Rolin—Bellusci—Spolli ( Legrottaglie si riposi anche lui)
    –Izco—Lodi—–Almiron(Castro)—-Biagianti—Gomez
    ———Morimoto(Doukarà) Bergessio

    O

    4-3-3

    ————–Andujar
    Alvarez——Legrottaglie—Bellusci—–Rolin
    ——–Izco—–Lodi–Biagianti ( Almiron ultimi 30 minuti, sin deve riposare)
    —–Castro—Bergessio—Gomez

    Ma preferisco la prima col 3-5-2
    Biagianti deve giocare per tornare quello che è stato convocato in Nazionale

  7. Ip Address: 212.195.241.127

    Minchia mi sono accorto che anche Legrottaglie è squalificato 😈 😈
    Resto allora dell’idea che la mia prima formazione sia la migliore
    Ciao Beppe non avevo letto il tuo post
    ha ragione Lux non votando fai male, perché come hai visto dai risultati ha vinto chi ha un partito alle spalle e vive di clientelismo, cio’ gli consente di avere i voti di quella gente che ne approfitta, vedi la barzelletta delle guardie forestali :mrgreen: :mrgreen:

  8. Ip Address: 85.41.235.41

    Conferenza stampa alla vigilia di Udinese-Catania. Mister Maran archivia il caos di domenica scorsa e si proietta sulla difficile trasferta friulana:

    “Quella di domenica è una parentesi chiusa. Questo è il momento di resettare e concentrarsi sulla prossima insidiosa partita di Udine, ma ritengo giusto mantenere la rabbia e trasformarla sul campo in energia positiva subito. Della Juve mi è dispiaciuta una cosa in particolare, il fatto di non avere riconosciuto meriti al Catania, a prescindere dall’episodio. Ma ripeto adesso conta solo pensare all’Udinese, poi sarà la volta della Lazio.
    Di Natale è l’uomo più pericoloso dei bianconeri, dovremo essere bravi a marcarlo, in generale a togliere spazi alla squadra di Guidolin che sarà entusiasta dopo il successo di Roma. Fuori casa abbiamo ottenuto finora soltanto un punto ma gli approcci alle partite sono sempre stati all’altezza. Purtroppo il Catania ha preso gol evitabili, in questo necessitiamo di migliorare”.

    “C’è da dire però che spesso la difesa ha anche fatto molto bene e dimostrato solidità, vedi in inferiorità numerica le partite con Napoli e Juventus.
    Rolin? Per me non rappresenta una sorpresa, sapevo che avrebbe fatto bene e lui ha ripagato la fiducia.
    Barrientios? Non ci sarà, lo tengo precauzionalmente a riposo. Domenica è sceso in campo con gli antidolorifici per un problema alla caviglia, adesso il dolore è aumentato quindi preferisco non convocarlo per Udine. Recupera invece Bellusci, non so ancora se ha i 90 minuti, Potenza è disponibile, non gioca da troppo tempo. Izco ha preso una botta domenica ma posso contare anche su di lui domani.
    Quale modulo adottare? L’importante è interpretare la partita nel modo giusto. L’Udinese applica lo stesso assetto della Juventus.
    Quattro punti questa settimana? Non ci metto la firma, non voglio che il Catania si ponga limiti. Scenderemo in campo arrabbiati in Friuli”.

  9. Ip Address: 79.13.60.164

    Ciao a tutti 😆 😉 Vi chiedo ancora umilmente scusa,ma permettemi per l’ultima volta(spero :mrgreen: )di parlare di politica,anche perchè,Vittorio,Lux e tutti quelli che vivono fuori,soprattutto dall’Italia,vi ammiro e vi invidio,nel senso buono.

    Anche se voi vivete da tempo fuori,sapete come me,se non meglio di me,visto che “avete la possibilità di analizzare” con più lucidità da fuori ciò che viviamo noi direttamente.Credetemi,non è cambiato nulla,anzi,in Sicilia la situazione è peggiorata,i politici siciliani si sono svenduti l’isola e tutti i siciliani per interessi personali,se una volta,chi andava appresso all’elettore e al contrario,l’elettore appresso all’eletto,l’interesse era(sbagliato)reciproco,oggi,chi va a votare,nella maggior parte dei casi,o và,nell’illusione che gliene verrà qualcosa,oppure,sta ancora pagando ciò che un tempo gli fu dato,”vedi figlio di Lombardo”(tutti voti di suo padre).

    Però,ci sono anche gli spiriti liberi,che o per ignoranza,o per piaggeria,vanno a votare vendendosi il voto per meno di un “piatto di lenticchie”,allora mi chiedo,a chi servirebbe il mio voto se non a rafforzare comunque una classe politica che tolti gli indagati i condannati i passati in giudizio,rimane ben poco e quel poco da lì a presto si guasterà,la lega ne è un esempio.

    Allora qualc’uno potrebbe chiedermi,ma così non c’è speranza? Si,amici miei,non c’è speranza,perchè la politica centrale vuole la sicilia sottomessa e i politici siciliani si vendono anche le madri per rincorrere gli scarni regionali e di governo centrale,solo per assicurarsi una vita agiata e piena di privilegi.

    Nelle ultime amministrative,un candidato al consiglio comunale,cercando di ribattere la mia anti politica mi disse,”caro signore,guardi che la politica,è un’arte”.
    Io gli risposi,”carissimo candidato,è vero,la politica,è un’arte,ma senza artisti non si può interpretare e in italia mancano gli artisti della politica”.

    Chiudo dicendo,sto aspettando di andare in prepensionamento(mi è stato rinviato due volte,prima Berlusconi,poi la Fornero) e andrò via,quanto meno dalla Sicilia,diventata ormai invivibile e poi chissà,magari via dall’Italia,se il signore mi assiste.
    Mi piange il cuore e l’anima vedere i miei figli e tanti altri ragazzi senza futuro, e vedere chi ha LAVORATO una vita,stentare per campare,o addirittura,venirgli negata la pensione,questa politica,oltre a uccidere le famiglie economicamente,li sta uccidendo nell’anima.

    Vi chiedo ancora scusa,adesso stacco,più tardi parlerò di calcio,scusate ancora.

  10. Ip Address: 85.41.235.41

    Ma guarda a te come risponde il CONI :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

    una squadra perde 3 punti per colpa di un arbitro cretino, grazie sig. Petrucci 😈 😈 😈

    CONI, Petrucci: “Moviola in campo impossibile. Presidenti non alzate la voce, tanto non spaventate nessuno”
    30.10.2012 18:03 di Redazione ITA Sport Press

    Fa discutere i massimi dirigenti dello Sport italiano l’applicazione della tecnologia nel calcio. Moviola sì, moviola no è la domanda alla quale devono rispondere spesso. A riguardo il presidente del Coni Gianni Petrucci afferma: “Si sono aggiunti i giudici di porta per il gol fantasma con sforzi economici non indifferenti e in tal senso la Federazione sta facendo il massimo per migliorare le cose. Parlare di moviola non può piacermi dal momento che non è autorizzata, comunque io invito tutti a stare più tranquilli e soprattutto i presidenti a non alzare la voce, tanto non mettono paura a nessuno”

  11. Ip Address: 79.51.178.67

    buonasera a tutti fratelli dal cuore rosso e azzurro ciao prof ottima disamina un cordiale saluto a lux peppe58 chiarezza joe giorgio e tuttu u restu da cumacca
    inShare
    digg
    CATANIA – In queste ore c’è un passaparola ricorrente tra i tifosi rossazzurri. L’intenzione di mostrare la propria indignazione nei confronti di quanto di scabroso subito dal Catania nella sfida contro la Juventus e passato impunito da parte dei vertici del calcio. Contro la Lazio, domenica prossima, la proposta è quella della panolada, lo sventolio di fazzoletti bianchi nato in Spagna e divenuto esempio di protesta nel mondo del calcio.

    Un segno convenzionale di indignazione prima che protesta di fronte ai torti perpetrati e perpetuati a danno del Catania da parte di chi pretende di esser al di sopra d’ogni giustizia, e sfoggia assoluto spregio di fronte al senso di giustizia proprio di chi vive ama il calcio per i valori che sa esprimere, non per i risultati che sancisce sul campo. Fazzoletti bianchi, metafora della coscienza pulita che i tifosi sbandierano mentre chi del calcio usa come straccio.

    Inutile forse all’atto pratico, ma senza alcun dubbio utile a mantenere viva l’indignazione, a non permettere al aluno di assuefarsi a questo calcio ed a questo stato delle cose del calcio.

  12. Ip Address: 87.21.14.145

    Un caro saluto a tutti i tifosi.
    Ciao Vittorio ti ringrazio per la fiducia e ti confermo la mie classifiche aggiungendo che io non ho nessun interesse perchè sono un libero pensatore e studioso, Panorama ha degli interessi perchè è suddito di un gruppo editoriale.
    Queste classifiche non sono frutto del momento ogni anno, a partire dalla prima giornata annoto gli errori arbitrali prendendo in considerazione quelli riconosciuti da tutti come errori, ovvero come il rigore negato a Gomez in Inter-Catania, la rete di Montolivo nel derby, la rete annullata a Bergessio in Catania-Parma, il rigore inventato a favore dell’Udinese in Roma-Udinese (ammesso dallo stesso Guidolin) e via di seguito.
    Panorama non considera errore non espellere Chellini già ammonito in Siena -Juventus sul risultato di 1-1 per un secondo fallo che avrebbe meritato il rosso diretto e del resto come potrebbe se comanda la Juventus?

  13. Ip Address: 79.51.178.67

    Gonzalo sarebbe vice capocannoniere. Di Natale, ma sempre al Catania?
    Le curiosità di Udinese-Catania: Gli etnei non hanno mai vinto due volte sullo stesso campo in trasferta. Ad Udine non si fa risultato da due anni e mezzo. Solo un pareggio nello storico della sfida. Di Natale sette goal contro i rossazzurri. Bergessio sarebbe vice capocannoniere senza reti ingiustamente annullate.

  14. Ip Address: 79.51.178.67

    CATANIA – Le curiosità di Udinese-Catania

    Vice capocannoniere
    E’ stato parecchio criticato. Gli viene imputato poco cinismo sotto porta, eppure con le due reti annullategli ingiustamente contro Parma e Juventus, Gonzalo Bergessio sarebbe vice capocannoniere della serie A con 5 reti. Ad un gradino da Klose, El Shaarawy e Cavani.

    Quanto tempo, ancora?
    Il Catania non vince in trasferta da dodici turni. L’ultimo successo rossazzurro risale al 1° Febbraio 2012 in casa del Siena. Era un giovedì e si giocava in notturna contro una bianconera.

    Unica del 2012
    Attualmente, quella di Siena è l’unica vittoria rossazzurra in trasferta del 2012.

    Bis
    Il Catania non ha mai battuto due volte in trasferta lo stesso avversario da quando è tornato in serie A nella stagione 2006/07. L’Udinese è già caduta al Friuli proprio in quella stagione per 1-0, su calcio di rigore, terminando la partita in 9 uomini.

    Astinenza
    Il Catania non segna in trasferta da tre turni. Le uniche due reti le ha messe a segno contro la Roma alla prima di campionato.

    Chiudi la porta
    Il Catania non chiude a porta imbattuta una trasferta dal 7 Marzo 2012. Anche quella volta trovò di fronte una formazione bianconera, il Cesena.

    Di Natale
    Di Natale ha messo a segno ben 7 reti in 10 incontri col Catania. Ha segnato negli ultimi due precedenti coi rossazzurri e messo a segno nella loro porta due doppiette in carriera. Su cinque precedenti in cui è andato a segno, solo l’ultimo risale ad una gara al Massimino.

    Imbattibilità
    Al Friuli l’Udinese non subisce goal da 216′ senza contare i recuperi dei due tempi. L’ultima rete l’ha messa a segno El Shaarawy il 23 Settembre.

    Ruolino interno
    Al Friuli l’Udinese ha raccolto 2 vittorie un pareggio ed una sola sconfitta, contro la Juventus. Ad eccezione di quella partita ha subito goal in una sola altra occasione. Quattro dei cinque goal subiti in casa, tutti quelli contro la Juventus, l’Udinese li ha subiti in inferiorità numerica.

    Senza goal
    Unica partita senza goal della stagione, al Friuli, lo 0-0 contro il Genoa successivo al turno infrasettimanale giocato a Torino, anche lì fu 0-0.
    Mai meno di due

    Sempre almeno due
    In questo campionato il Catania non ha mai chiuso una partita esterna senza subire reti e mai senza subire meno di due goal.

    Né pro né contro
    Il Catania è l’unica squadra di A, insieme al Palermo, a non essersi mai sentita fischiare un rigore né contro né a favore. Unica altre squadre a non aver mai giovato di un rigore a favore sono Pescara ed Atalanta.

    Bergessio fuori casa
    Il bomber del Catania, Gonzalo Bergessio, non segna lontano dal Massimino dal 26 Ottobre 2011, in cui risultò decisivo nel pareggio 1-1 all’Olimpico, contro la Lazio. Dei quindici goal messi a segno con la maglia del Catania, l’argentino ne ha messo a segno solo un altro in trasferta, stagione 2010/2011, l’1-2 che a Brescia valse la matematica permanenza in serie A.

    L’ultimo
    L’ultimo precedente ad Udine si è concluso 2-1 per i friulani. A rete Armero e Di Natale. Per il Catania Lodi, a tempo scaduto, su rigore. Era il 22 Gennaio 2012, ultima gara del girone d’andata.

    Precedenti
    Sono 14 i precedenti tra Catania ed Udine al Friuli: 3 successi del Catania, un solo pareggio, 10 vittorie dell’Udinese. Le reti segnate dal Catania sono 12, ben 26 quelle subite.

    Risultato utile
    Il Catania non fa risultato ad Udine dall’1-1 della stagione 208/09. Alla rete dalla distanza di Mascara (su rinvio maldestro del portiere Belardi), successiva a quella siglata da 50 metri contro il Palermo, replicò Quaglierella nel secondo tempo, entrato da appena 4′ (al 71°). Ne consegue che il Catania non fa risultato al Friuli da tre turni e da due anni e mezzo circa.

    Mai sconfitto
    Sono 10 i precedenti ufficiali tra Guidolin ed il Catania. Finora la sfida non si è mai conclusa in pareggio: 7 successi per l’attuale tecnico friulano, 3 vittorie etnee. Guidolin non ha mai perso una sfida interna contro il Catania.

    Rigore sbagliato
    Nell’ultimo confronto, al Massimino, Alejandro Gomez sbagliò il rigore del possibile pareggio al 40° del primo tempo.

    Due confronti
    Sono due i confronti tra Maran e Guidolin, risalgono all’ultima stagione in B del Parma. Maran perse a Trieste ed a Parma. Nella gara di ritorno, a Parma, sulla panchina dei ducali sedeva Bertoluzzi.

  15. Ip Address: 87.21.14.145

    Agnelli è passato al contrattacco dicendo di essere stato trattato a Catania in modo incivile.
    Per comprendere quanto sia arrogante questo personaggio basta pensare a come si è comportato nei confronti di un ragazzo esempio di grandissimo campione e di uomo moralmente integro come Alessandro Del Piero.

  16. Ip Address: 79.51.178.67

    UDINE – Così Francesco Guidolin alla vigilia di Udinese-Catania

    “Il Catania sta facendo bene da un pezzo, specchio della politica della società che sceglie con oculatezza i giocatori. Siamo sulla stessa lunghezza d’onda anche quest’anno. Ci aspettiamo una partita difficile, un avversario temibile. Dovremo farci trovar pronti.

    “Avremo solo Danilo in più. Su Basta decideremo oggi, non sono sicuro se possa esser a disposizione. La vittoria di Roma ci dà morale, ma perché ciò possa avvenire dobbiamo dimenticarla assolutamente voltar pagina e concentraci sul Catania di Maran che sta facendo un ottimo lavoro, come Montella lo scorso anno.

    “Sarà il campo e non l’arbitro a decretare chi meriterà di più. Le difficoltà ce le creerà il Catania non l’arbitro. L’unica analogia con la Juventus è il colore della maglie. Io su quelle difficoltà lavoro, non penso ad altre.

    “Silva è molto disciplinato ho parlato con lui, è arrivato da poco. Armero è un carrarmato, i suoi valori sono elevatissimi. Maicosuel deve entrare di più nel vivo del gioco. Di Natale domani ci sarà

  17. Ip Address: 88.66.40.115

    va be va ho capito ci aspetta un compito difficile cmq arrivato a sto punto del campionato dove nelle ultime partite siamo stati bistrattati io a udine me la giocherei al 100% o la va o la spacca se vinciamo confermiamo le buone impressioni delle ultime partite se dovesse andare male pazienza vuol dire che riprenderemo il cammino a partire da domenica contro la lazio
    un saluto a tutti gli amici e tifosi del Catania

  18. Ip Address: 79.51.178.67

    Sgambata mattutina per il Catania di Rolando Maran che ha sostenuto oggi la classica rifinitura prima della trasferta di Udine, provando ad archiviare la burrascosa gara di domenica contro la Juventus. La seduta è stata preceduta dalla conferenza stampa della vigilia del tecnico rossazzurro.

    JUVENTUS «Ogni giorno bisogna sempre trovare qualcosa di buono. La rabbia che abbiamo, che è tanta, dobbiamo usarla domani in un turno infrasettimanale che come gli altri ha sempre delle insidie. Ho cercato di mettere alle spalle la gara già ieri mattina, chiudendola tenendo viva solo la rabbia che ci può aiutare a massimizzare la nostra carica agonistica in una gara molto difficile e importante quale quella di domani».

    «Se qualche dichiarazione a margine della partita mi ha dato fastidio? Più che altro mi è dispiaciuto il fatto che non sia stato dato il giusto merito all’approccio che il Catania ha avuto alla partita, si è parlato di più dell’arrembaggio che abbiamo fatto nel finale con un uomo in meno. Non sono affatto sorpreso da Rolin, ha sempre lavorato bene in settimana. Ripetizione della partita? C’è un regolamento chiaro sugli errori tecnici dell’arbitro, noi non perdiamo tempo ad addentrarci in queste cose; dobbiamo fare il nostro lavoro e pensare all’Udinese».

    BOLLETTINO MEDICO «Barrientos domenica aveva giocato con degli antidolorifici, si era sacrificato per essere presente, ma adesso il dolore è aumentato e ho preferito lasciarlo a riposo. Bellusci pronto per tutti i 90 minuti? Questo è da capire, devo parlare con i ragazzi per prendere le decisioni definitive. Izco domenica aveva preso soltanto una botta, è pronto per giocare dal 1’. Potenza? Ha recuperato da un infortunio e non gioca da diverse partite, devo avere cautela».

    UDINESE «Gioca con lo stesso modulo della Juventus, quella è l’analogia più rilevante con i nostri precedenti avversari. E’ una squadra maestra nel sfruttare gli spazi. Di Natale? E’ un giocatore che ha il gol nel DNA, ho parlato stamattina con i ragazzi degli accorgimenti necessari per fronteggiarlo. Non credo sia rilevante un modulo od un altro in tal senso, dovremo essere bravi a fermarli sia con la difesa a tre che a quattro».

    SCELTE E TATTICA «Si fanno sempre delle valutazioni che a volte premiano gli uni, a volte agli altri, ma non si traducono affatto in bocciature per i giocatori. I gol nascono sempre dalle situazioni, dagli episodi. Non dò particolare importanza dal fatto che abbiamo preso buona parte dei gol dalla fascia destra. Non abbiamo problemi di modulo, possiamo interpretare la partita allo stesso modo o in un altro. Capuano può fare tranquillamente quello che può fare Marchese, quindi giocare anche alto».

    APPROCCI «Non abbiamo avuto degli approcci sbagliati, purtroppo gli andamenti delle gare hanno assunto delle direzioni che non abbiamo saputo contenere. Forse solo a Firenze non siamo stati impeccabili sin dall’inizio. Sono soddisfatto della difesa, che ha dimostrato finora di essere solida, anche con la Juventus. Dobbiamo correggere alcuni errori, che abbiamo pagato a caro prezzo. Se firmerei per 4 punti? Non ce la faccio a togliermi qualcosa a priori, è giusto puntare al massimo».

  19. Ip Address: 79.13.101.111

    Buongiorno a tutti,oggi la partita di Udine la vedo molto impegnativa,la mancanza di Legrottaglie e Marchese non sono cosa da poco,mentre condivido la non convocazione di Barrientos,a prescindere se il disturbo alla cavilgia sia vero o meno.A mio avviso,Barrientos non sta dando quello che potrebbe,anche se a volte viene impiegato(per forza maggiore)in qualche posizione di campo non a lui congeniale,ma ha tanta di quella classe,che potrebbe sopperire a certe “deficienze” tattiche.

    Viste le assenze per squalifica,riconfermerei il 3-5-2,con Roline,Spolli e Bellusci,anche se quest’ultimo ha recuperato da poco,però,penso,sempre meglio di Capuano e Potenza,ma con Lodi davanti alla difesa e i quattro centrocampsti 15 metri più avanti,diciamo un 3-1-4-2.

    A centrocampo,farei esordire Salifù,Biagianti non da più certe garanzie,perciò,perchè non dare una possibilità,d’altronte,con Rolin,mi sempra che i fatti hanno dato ragione alla maggioranza che lo voleva in campo.

    In attacco,la riconferma di Bergessio e Gomez mi sembrano evidenti e spero che,l’Andujar che ho visto domenica scorsa,si riconfermi,sarebbe il viatico per una consacrazione come ottimo portiere.

    Perciò,a mio modesto parere,io schiererei questa formazione.

    Andujar

    Bellusci-Rolin-Spolli

    Lodi

    Izco-Salifù-Almiron-Castro

    Bergessio-Gomez.

    Comunque,oltre alle esigenze tattiche,penso che oggi,farà la differenza nel Catania,lo smaltimento delle scorie di domenica scorsa,se queste sono avvenute,allora ci si può fare un pensierino,se no,la vedo un pò difficile.

  20. Ip Address: 79.13.101.111

    CATANIA-JUVENTUS, anche l’Avvenire punta il dito: “Se gli arbitri non sbagliassero più, sarebbe la fine!”
    31.10.2012 14:05 di Valentina Mammino

    Davvero suggestiva l’interpretazione data dal quotidiano cattolico “Avvenire”, e riportata da “Tuttosport.com”, in merito al mancato utilizzo della moviola in campo. Il succo del discorso è sostanzialmente questo: se l’arbitro non sbagliasse sarebbe la fine! Fine di cosa? Di un “teatrino che il calcio non ha alcuna intenzione di eliminare”. “La tanto evocata tecnologia in campo – si legge – non occorre inventarla. Esiste già. Non è esattamente in campo, ma quasi. E si chiama televisione”. Esplicito poi il riferimento a quanto di “surreale” accaduto domenica al Massimino durante Catania-Juventus: “Mentre tre arbitri si consultavano febbrilmente affannandosi per capire se annullare o meno il gol della discordia, chi stava comodamente seduto davanti alla tv rivedeva cento volte la scena (chiarissima nel suo svolgimento) con tanto di replay e riprese da angolazioni diverse. I direttori di gara in campo possiedono l’auricolare e la possibilità di essere informati in tempo reale di quello che l’occhio delle telecamere quasi sempre vede meglio di loro. Evidentemente invece agli arbitri fanno ascoltare la musica, le previsioni del tempo o forse il bollettino dei naviganti”.

  21. Ip Address: 79.13.101.111

    L’ex viola De Sisti contro la Juventus e ‘Big Luciano’: “Da quando ho parlato contro Moggi non ho più allenato”

    A Firenze non hanno dimenticato la stagione del 82 quando i viola persero lo scudetto all’ultima giornata in favore della ‘Vecchia Signora’. L’ex tecnico De Sisti attacca.
    31/ott/2012 14.33.00 di Filippo Cannizzo

    Non si placano le polemiche dopo gli errori arbitrali di domenica scorsa in favore della Juventus e non solo. Rimanendo in ambito bianconero, a Firenze non hanno dimenticato la stagione del 82 quando i viola persero lo scudetto all’ultima giornata in favore della ‘Vecchia Signora’.

    Cosi è tornato a parlare l’ex allenatore della Fiorentina, Giancarlo De Sisti: “Moralmente avremmo meritato di vincerlo noi quello scudetto. Sapevamo che l’arbitro aveva qualcosa da farsi perdonare perchè non reagiva alle nostre continue proteste. Scoprimmo solo dopo quanto era avvenuto a Catanzaro in favore della Juve”.

    Dai microfoni di ‘Radio Toscana’, l’ex viola ha poi aggiunto: “Trovo fuori luogo la guerra che si stanno facendo Juventus e Fiorentina, non tanto perchè coinvolge i bianconeri, ma perchè credo sia meglio stare tranquilli e andare d’accordo con tutti. E comunque parlare male della Juventus non serve…”.

    Ma alla fine poi non resiste ad ammettere una triste ‘sua’ verità: “Io da quando ho detto delle cose su Moggi sono stato danneggiato e non sono più stato chiamato per allenare”. Frase che sicuramente continuerà ad alimentare le polemiche di questi giorni…

  22. Ip Address: 79.13.101.111

    mercoledì 31 ottobre, 20.45 PROBABILI FORMAZIONI

    UDINESE 3-5-2:

    BRKIC

    CODA – DANILO – DOMIZZI

    PEREYRA – BADU – ALLAN – LAZZARI – ARMERO

    FABBRINI – DI NATALE

    CATANIA: 3-5-2

    ANDUJAR

    BELLUSCI – SPOLLI – ROLIN

    IZCO – ALMIRON – LODI – BIAGIANTI – CAPUANO

    BERGESSIO – GOMEZ

  23. Ip Address: 87.21.14.145

    Povero De Sisti, come lo capisco e non è stato il solo che ha smesso di allenare.
    Adesso, onde evitare che qualche giornale di parte come «Tuttosport» o «Panorama» possa falsificare la realtà spacciando la realtà oggettiva per realtà di parte, dopo ogni giornata calcistica metterò in evidenza gli errori arbitrali riconosciuti da tutti e pubblicherò la classifica aggiornata dei torti subiti e dei favori ricevuti con relativa classifica senza errori, specifico che qui non esiste la controprova come ho già scritto e che assegnare i tre punti al Catania e toglierli alla Juventus è una semplice supposizione, potrebbe avere ragione Agnelli nel senso che dopo la rete sacrosanta di Bergessio la Juventus ne avrebbe potuto segnare due, anche se nella realtà dei fatti in tutta la partita ha segnato solo una rete e in chiaro fuorigioco.
    Pertanto, la classifica senza errori, anche se è una pura supposizione, non è una classifica assurda.
    per esempio nell’incontro di ieri sera fra Palermo e Milan il mediocre Rizzoli ha commesso un grave errore riconosciuto da tutti: non ha espulso il difensore palermitano già ammonito per un chiaro fallo da ammonizione, tanto che Gasperini lo ha immediatamente sostituito con Cetto.
    Il mediocre Rizzoli, per compensare, poi ha subito amonito Cetto (giustamente) per un fallo simile.
    Il Milan stava perdendo ed è riuscito lo stesso a pareggiare, pertanto l’episodio non lo ritengo influente per la mia ipotetica classifica e assegno alle due squadre il pareggio, ma, tanto per essere chiaro registro e conteggio l’errore contro il Milan e a favoro del Palermo.
    Tutti gli altri episodi contestati della gara, compreso il presunto fallo di Bojan in area su Mantovani. sono opinabili, pertanto non sono conteggiati come errori.
    Panorama nel fare i conteggi ha lo stesso scrupolo scientifico mio e la stessa imparzialità?

  24. Ip Address: 212.195.241.127

    Ciao Prof
    Io confermo sono con te , ma ribadisco….si un pazzu scatinatu, con affetto :mrgreen: :mrgreen:

    Stasera se al posto di Capuano ci fosse stato Marchese e la formazione giusta per giocare ad Udine, il Catania fuori casa non puo’ mai giocare come al Massimino, siamo troppo sbilanciati, ma forse che Capuano mi farà ricredere e mi fà un Eurogol?

  25. Ip Address: 79.51.178.67

    buonasera fratelli dal cuore rosso e azzurro Sfida: Confermato il 3-5-2, Capuano favorito su Castro

    Neanche il tempo di smaltire la rabbia post Maggiani che già si ritorna in campo. L’avversaria di turno, l’Udinese, è un osso duro capace di rimontare la Roma di Zeman, ma anche di fare figuracce con gli svizzeri dello Young Boys. Cosa ci riserverà questa gara?

  26. Ip Address: 79.51.178.67

    CATANIA – Catania rabbioso o solito Catania da trasferta? Quale versione dei rossoazzurri scenderà in campo al Friuli? Al campo l’ardua sentenza.

    Qui Udinese: quelli delle grandi imprese

    Campionato (e stagione) a doppio volte quella della compagine di Guidolin: imprese miracolose a Liverpool e a Roma, fanno da contraltare a funeste sconfitte contro Braga e Young Boys. Qual è dunque il giusto valore dei friulani? Difficile da sapere, ma restano pur sempre una squadra temibilissima.

    I conti in tasca: Guidolin

    Tecnico tanto bravo quanto sottovalutato. Da un pizzico di spregiudicatezza alternato a grande equilibrio alle proprie squadre, ed ha una carattere “british” ideale per una piazza non tanto calorosa come quella di Udine. I bianconeri verranno disposti in campo col modulo 3-5-1-1: Brkic andrà a difendere i pali; in difesa Angella, Domizzi e Danilo, seppur non attentissimi contro la Roma, verranno riproposti; a centrocampo agiranno Pereyra e Armero sulle fasce, Allan, Willians e Lazzari al centro; sulla trequarti agirà l’estroso Maicosuel; in avanti l’eterno Di Natale.

    Attenzione a…

    Maicosuel: Dopo un buon pre-campionato ha scontato diversi “turni di stop” derivati dal clamoroso errore dagli undici metri dei preliminari di Champions. Ripresosi anche mentalmente, ha riguadagnato la fiducia di Guidolin, diventando una seria minaccia per le difese avversarie.

    Armero: Non ha vissuto dei bei momenti in questo inizio di stagione, ma vedendo cosa ha fatto nella partita contro la Roma è un giocatore da tenere d’occhio. Attenzione soprattutto alle sue galoppate sulle fasce.

    Domizzi: Potrebbe benissimo essere definito “difensore-goleador”, per via della facilità con cui vede la porta avversaria. Oltre in fase d’attacco è bravo anche in difesa, dimostrando di essere uno dei centrali più affidabili dell’intera serie A.

    Il podio degli dei: i migliori tre per media-voto

    1) Pereyra 6,13. 2) Maicosuel 6,13. 3) Badu 6,13.

    Premio “Scarpini sciolti”: i tre giocatori con la media-voto più bassa

    1) Armero 5,38. 2) Barreto 5,50. 3) Fabbrini 5,50.

    Qui Catania: rabbia “mentale” in rabbia “fisica”?

    Dimenticare, se possibile, la “questione Maggiani” e ripartire con più carica. Dimenticare e trasformare la rabbia in qualcosa di positivo. Si può, si deve per non incrinare una classifica che vede già gli etnei penalizzati di quattro punti.

    Saranno da 7?:

    Castro: L’ha sostituito tante e tante volte, adesso può finalmente prendersi per una giornata il suo posto da titolare. Parliamo del Pata che prende il posto del Pitu. Saprà fornire una prestazione degna di nota?

    Gomez: In assenza di Pitu, il Papu ha l’obbligo di fornire classe all’attacco rossoazzurro. Contro la Juventus ha sofferto non poco, l’Udinese è la sua occasione di riscatto.

    Andujar: Contro la Juventus ha sfoderato un partitone quasi sorprendente, adesso gli serve continuare su questa strada. Ovviamente i clienti Di Natale, Armero e Co. sono molto scomodi, ma anche i Pirlo e i Vucinic non erano male…

    Il podio degli dei: i migliori tre per media-voto

    1) Spolli 6,25. 2) Bergessio 6,22. 3) Gomez 6,22.

    Premio “Scarpini sciolti”: i tre giocatori con la media-voto più bassa

    1) Alvarez 5,36. 2) Castro 5,64. 3) Barrientos 5,83.

    Le probabili formazioni di questa sfida:

    Catania 3-5-2: Andujar; Bellusci, Rolin, Spolli; Izco, Lodi, Almiron, Biagianti, Capuano; Gomez, Bergessio.

    Udinese 3-5-1-1: Brkic; Coda, Domizzi, Danilo; Armero, Allan, Badu, Lazzari, Pereyra; Maicosuel; Di Natale.

    “Mister, posso entrare?”:

    Catania: Date le molte assenze, tante sono le possibili sorprese di formazione nel Catania. La prima potrebbe essere Salifu, fin ad adesso oggetto misterioso del centrocampo catanese. Salgono anche le possibilità di vedere in campo Ricchiuti, magari al posto di Almiron. E infine ci potrebbero essere alcuni minuti disponibili per il giapponese Morimoto.

    Udinese: Panchina lunga e tante opzioni per mister Guidolin. Le tre che ipotizziamo sono Fabbrini, Faraoni e Gabriel Silva. Fabbrini non sta fornendo le stesse garanzie offerte nel finale dello scorso campionato, ma è pur sempre un giocatore da tenere d’occhio. Faraoni alterna buone prestazioni ad altre pessime. Potrebbe essere utilizzato al posto di Armero o Pereyra, così come chance per il medesimo ruolo le potrebbe avere l’ex Novara Gabriel Silva.

    Assenti certi:

    Keko, Sciacca, Barrientos, Legrottaglie, Marchese, Augustyn per il Catania; Pinzi, Pasquale, Badu, Benatia, Muriel per l’Udinese.

    Next Match, Catania-Lazio:

    Nessun diffidato nel Catania; Klose e Lulic nella Lazio

  27. Ip Address: 79.51.178.67

    ragazzi capuano in campo speriamo bene 🙄 🙄

  28. Ip Address: 85.41.235.41

    Buonasera a tutti…..
    Angelo, la Roma di Zeman la rimontano tutti…..
    L’Udinese è un osso duro ma il Catania ce la fa a vincere con tutta la rabbia in corpo, altrimenti saranno dolore abbiamo una classifica ballerina basta vincere che siamo in zona eufa, ma perdere ci troviamo in una zona pericolosa :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: spero di non perchè non ce lo possiamo permettere dovendo giocare domenica contro la Lazio….

    ——————————————————FORZACATANIA————————————-

  29. Ip Address: 79.51.178.67

    mi e sembrato un po anomalo quel rigore

  30. Ip Address: 2.10.247.152

    Buonasera
    Lo dicevo dall’inizio del campionato, quest’anno con gli arbitri è dura, il Rigore di stasera ne è una prova, io non lo visto ero in bagno 8) 8) ma qui i cronisti dicono che non c’era assolutamente 😈 😈 😈 non so più come incazzarmi
    Fuori Capuano difesa a 4 e dentro Morimoto o Doukarà e Castro dal 1 minuto del secondo tempo.

  31. Ip Address: 79.51.178.67

    gollllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllll

  32. Ip Address: 79.51.178.67

    gollllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllgollllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllll

  33. Ip Address: 2.10.247.152

    Angilennu stamu vincennuuuuuuuuuuuuuuuuspiramu nun fanu cazzati

  34. Ip Address: 2.10.247.152

    Vaffanculu u sapevu ma chi cazzu cangia a 1 minutu ra fini puttana eva

  35. Ip Address: 79.51.178.67

    una vittoria mancata per poco ma ci portiamo un punto da udine forza cataniaaaaaaaa

  36. Ip Address: 79.51.178.67

    chiarezza o visto un catania piu combattivo del solito pero non ci voleva l’ultimo gol di di natale 👿 👿

  37. Ip Address: 87.3.67.48

    Peccato, Peccato, all’ultimo minuto :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

  38. Ip Address: 79.51.178.67

    buonanotte va

  39. Ip Address: 95.246.40.102

    Ma porca putt…. non siamo in grado di vincere una partita! Quel cazz…. di Di Natale sembra che ce l’abbia con noi! In tutto ci avrà fatto una ventina di gol…. Il cambio all’ultimo minuto ha prodotto il pareggio…… Chi doveva marcare Di natale? Capuano ancora non l’ha ghittatu ‘ndò cessu! Ma vaaaaaaa!!!

Spiacenti, i commenti sono chiusi.

su
giu