Mario Petrone nuovo allenatore

 Scritto da il 13 febbraio 2017 alle 16:39
Feb 132017
 

Il Calcio Catania comunica di aver affidato l’incarico di allenatore della prima squadra al signor Mario Petrone, nato a Napoli il 20 marzo 1973. Il nuovo tecnico rossazzurro si è legato contrattualmente al nostro club per la stagione sportiva corrente, con opzione per il prolungamento fino al 30 giugno 2018. Mario Petrone e l’allenatore in seconda Cristian La Grotteria saranno presentati ufficialmente ai giornalisti ed agli operatori dell’informazione martedì 14 febbraio alle 12.00, in Sala Congressi, a Torre del Grifo Village.

Benvenuto mister Petrone
L’inaspettata sconfitta patita ad Agrigento non poteva passare inosservata: in data
odierna, dopo aver riflettuto e valutato le possibili azioni da intraprendere, la Società
Calciocatania ha comunicato ufficialmente la risoluzione contrattuale intervenuta con
mister Rigoli e di aver affidato la prima squadra al mister Mario Petrone che quanto prima
scenderà in campo a torre del grifo per condurre il suo primo allenamento in maglia
rossazzurra. 43 anni, napoletano di nascita, sposato con Sonia, ha esordito da allenatore
nel 2000 sulla panchina del Capri per poi passare l’anno dopo al Calangius e
successivamente al Tempio sostituito dopo poche giornate. Dopo la parentesi maltese del
st. joseph, passa alla guida della Nuorese nel novembre 2005 e con essa conquista la
promozione in C2.Successivamente allena il Lumezzane, e poi il San Marino e il Bassano
portandole entrambe alla promozione rispettivamente in prima e seconda divisione. Nel
luglio 2014 viene ingaggiato dall’Ascoli e con i bianconeri conquista la promozione in serie
B venendone esonerato il 02 novembre 2015. Di carattere estroverso, gli piace vivere lo
spogliatoio nel quale ama confrontarsi talvolta anche a muso duro con i propri calciatori. Il
suo modulo preferito è il 4-3-1-2 ma pronto ad adeguarlo tatticamente a seconda delle
situazioni e degli uomini a disposizione. Da giocatore con il ruolo di difensore, ha
indossato le maglie del Campania in C1e C2, poi Casertana in serie D e Rovigo in
eccellenza dove per alcuni infortuni lo penalizzarono decretandone la fine della sua
carriera. Un grande in bocca al lupo al nuovo mister rossazzurro che eredita quella
corazzata arenatasi all’Esseneto ma che altre difficoltà di rotta aveva precedentemente
incontrato specialmente navigando fuori porta.

  35 Commenti per “Mario Petrone nuovo allenatore”

  1. Ip Address: 79.4.15.37

    Benarrivato Mister Petrone e buon lavoro….

  2. Ip Address: 5.90.169.109

    Ma cui è stu petrone……dopo rigoli va bene tutto….

  3. Ip Address: 80.180.204.8

    Benvenuto Petrone ora aspettiamo la partita col Taranto e l’esterna a messina per capire il tuo modo di fare calcio

  4. Ip Address: 151.19.124.121

    si deve invertire la maledizione che attanaglia il catania fuori casa..fatto di sconfitte o pareggi…..mai vittorie…adesso non ci sono piu scuse…ne crisi…ma solo chi sbaglia paga……

  5. Ip Address: 151.19.124.121

    certo che la figuraccia tremenda consumata con l’acragas verra’ ricordata per un po’…vero e che ci sta a perdere qualche partita..ma il fatto per come maturano queste sconfitte fanno male..nel senso che in casa il catania sembra la juve poi fuori sono irriconoscibili, in un modo o nell’altro verra’ a galla sul perche’ la maledizione del fuori casa e andata avanti per anni….con squadrette da primavera come quella di ieri…

  6. Ip Address: 151.57.121.201

    Benvenuto a Mario Petrone! Si spera in un cambio deciso di rotta ! Non ci sono più alibi ed i giocatori etnei debbono dimostrare che ,effettivamente, le colpe non erano tutte di Rigoli! Impegno e sacrificio ed attaccamento ai colori rossoazzurri! Buon lavoro al nuovo tecnico e ci auguriamo che non succeda come nello scorso anno dopo l’ arrivo del nuovo allenatore perché cambio’ poco! La svolta deve essere decisiva se vogliamo combinare qualcosa di positivo una volta che si arrivi a disputare i play off . Almeno tentare! Si spera di non udire le solite cose inutili nelle interviste e giustificazioni puerili che non servono a niente

  7. Ip Address: 151.57.121.201

    Scusate , e’ da leggere ……. le colpe erano di Rigoli

  8. Ip Address: 80.180.204.8

    Ho assistito in TV alla partita tra Cosenza e Reggina finita poco fa col risultato di 2-2 . La Reggina per due volte in vantaggio è stata raggiunta . Due squadre che hanno lottato in particolare la Reggina che pur avendo limiti di organico si è giocata la partita fino alla fine seppure in esterna. Vederebla nostra squadra ieri ad Agrigento mi ha fatto venire il voltastomaco. Adesso speriamo che questo nuovo allenatore entri nella testa dei nostri calciatori convincendoli che hanno le qualità ed i mezzi per spaccare le ossa a tutti. Si dice che sia un buon motivatore staremo a vedere non tanto in casa ma contro il Messina. Mi auguro che la squadra cominci a crescere in fatto gioco e li ci sarà da lavorare e tanto

  9. Ip Address: 45.47.210.50

    Finalmente Lo monaco ha deciso per l’esonero ma forse ha aspettato troppo tempo.Tutti sanno che il nuovo allenatore non potra’cambiare di punto in bianco la situazione ma certo peggio di adesso non potra’mai essere.Nella mia vita ho imparato ad essere realista e di stare solo ai fatti e non alle parole.Sperare non costa niente ma non si puo’vivere solo di speranza…..SEMPRE FORZA CATANIA!!!!!

  10. Ip Address: 178.39.222.16

    Buongiorno a tutti

    Petrone non lo conosco! Il curriculum non é esaltante. Dunque vedremo cosa sa fare…….

    Io non sono convinto cambiare tanto per cambiare……

    Dunque chi vivra vedra……

  11. Ip Address: 88.75.180.91

    nghia, aruau nauttru bonu! Questo nei suoi sedici anni di carriera da allenatore ha già collezionato 5 esoneri! Suppongo che sia amico personale di Lo Monaco visto che proviene dalle sue parti, perché onestamente non mi posso immaginare alcun altro motivo per cui sia stato preso, dato che il suo palmarés sfoggia la bellezza di due gloriosissime promozioni in serie D e in lega pro. Cioé non esattamente un curriculum adatto a una squadra che ha ambizioni di arrivare in serie B… mi viene sempre in mente il vecchio adagio: ma non ci nnerunu scecchi a fera? Proprio ora che Cosmi era libero…
    Carusi, ci tengo a dirvi che io vi leggo sempre e vi ringrazio per allietare le mie giornate con i vostri commenti, anche se da tanto tempo non posto più niente ma semplicemente picchí mi sidddiai a lastimiarimi. Ogni anno sempre le stesse storie, la nostra sete di campionati superiori rimane delusa dai goffi tentativi di una società confusa di organizzare una squadra che possa “vincere” il campionato. Adesso che finalmente Lo Monaco sembra avere trovato una quadratura del cerchio per quanto riguarda la rosa, c’è, come ormai da quattro anni a questa parte, purtroppo il problema dell’allenatore all’altezza del gruppo. Ma chissa je a zita e nni llamu ammaritari! Siamo passati da SImeone, Zenga, Mihailovic, Montella e, anche se non mi è mai piaciuto, Maran a gente come moriero, pancaro, rigoli, e lauttri mi scuddai perché li ho rimossi. Beninteso, la discesa nei campionati inferiori può sempre capitare e la accetto come parte del gioco. Ma abbiamo avuto da un lato fior di giocatori anche in serie b e lega pro (Calaiò e Maniero su tutti, ma ricordo anche Scarsella, Liverani, ecc.) e dall’altro allenatori che pIú scarsi non si può. Ora voglio dare a Petrone il beneficio del neoarrivato, vediamo che cosa sarà capace di fare con questo gioiello che gli hanno messo in mano (una rosa come quella del Catania attuale sa nzunnava a notti nei campionati dov’era prima).
    Comunque Fozza Catania e comu finisci si cunta. Un caro saluto alla famiglia di Giorgio 46, sempre nei nostri pensieri.

  12. Ip Address: 2001:0b07:02ee:12bd:b19e:0e7e:26ec:75d6

    Secondo me il male di trasferta del Catania non è legato alla maledizione ma all’impostazione eccessivamente difensivista data da Rigoli,non a caso in casa con una formazione più offensiva si vinceva,credo che questo tecnico sia inadatto ad allenare le grandi piazze,mi auguro che mr.Petrone sappia rimediare alle scempiaggini di Rigoli anche se ritengo che questa scelta andava fatta almeno 3 mesi fa,con una direzione tecnica efficiente questa squadra nonostante i -7 poteva dire la sua per la scalata diretta in serie B

  13. Ip Address: 62.2.176.13

    Caro Gaetano

    Ma hai visto il curriculum di Petrone? Io non ci spererei troppo………..

    pietro Paolo sante parole!!

    Ma la rosa é veramente cosi forte come si vuole fare credere????????

    Saluti a tutti

  14. Ip Address: 151.47.158.216

    Io cercherei,in questo momento,di tenere il profilo della situazione un po’ più basso ? Sopratutto per non avere altre delusioni . Ne abbiamo avute tante in questi ultimi anni ! Abbiamo una buona squadra,non una corazzata e poi aspettiamo le mosse di Petrone! Dal suo non eccelso curriculum si rileva che è un buon motivatore. Vive la partita intensamente ed i suoi precedenti dicono che sa leggere il gioco è sa muovere le sue pedine in campo! Il tempo a disposizione è piuttosto scarso e perciò deve entrare subito in simbiosi con i giocatori! Deve avere equlibrio e trasmettere a chi scende in campo e ntusiasmo e la giusta grinta ! Fatti e non parole ! Di queste ne abbiamo ascoltate tante! Promesse ,giustificazioni, lamentele e via dicendo ! Pedalare in campo ,sperando sempre che questo nuovo tecnico trovi gli schemi giusti,e dia quella carica ,sopratutto in trasferta, che l’altro tecnico non ha mai saputo dare L’ esperienza. Insegna che non bisogna subito aspettarsi grandi cose ,! Il giusto capro espiatorio è stato sacrificato ,ora aspettiamo,con pazienza che e se arrivano i risultati che speriamo tutti noi tifosi !

  15. Ip Address: 5.90.118.139

    Sono daccordo che il passato du stu petrone non è dei migliori temo che i tempi di quando il catania ingaggiava simeone è finito…..speriamo che sia meglio di rigoli….se no semu persi….

  16. Ip Address: 80.180.204.8

    Ragazzi facciamolo lavorare. Il campo sarà il giudice supremo e chista ie a zita. Vedremo se reggerà la pressione e se saprà trasmettere ai giocatori il suo credo che è’ quello di andarsi a giocare le partite su ogni campo per vincere. In conferenza stampa ha fatto capire che giocherà con i quattro dietro e vedremo se già contro il Taranto e poi a Messina qualcosa cambierà negli atteggiamenti dei singoli e del complessivo. Una cosa e’ certa come ha detto Lo Monaco, adesso i giocatori non hanno più alibi.

  17. Ip Address: 2001:0b07:645a:c57c:d1c3:fcc5:9dde:a7a2

    Non possiamo fare altro che aspettare “ancora”. Buona nottata a tutti

  18. Ip Address: 62.2.176.13

    Buongiorno a tutti

    Questa con l’alibi non lo capisco! Giocatori che come dicono tutti sono di un altra categoria (ma quale?) devono essere motivati per vincere le partite contro un Agrakas pieno di ragazzini? Ma fatemi il piacere! Io direi che questi giocatori non hanno le palle (fuori casa) e dentro casa pedalano perché il pubblico li sveglia!

    Adesso capisco perché tanti di questi giocatori cambiano squadra ogni anno. Io non parlo di bel gioco, ma di semplice applicazione di sudare di pedalare di correre di cose che un giocatore da bambino deve avere dentro. E no che l’allenatore a 30 anni gli deve insegnare!

    Vi saluto e spero con voi, che questi Signorini si svegliano

  19. Ip Address: 2001:0b07:02ee:12bd:b19e:0e7e:26ec:75d6

    si Jama tu hai ragione ma con un allenatore di polso forse certe cose non accadrebbero

  20. Ip Address: 151.57.86.95

    Cari amici, spero proprio che questo nuovo allenatore abbia,oltre alle qualità di mettere bene in campo i giocatori , di saper interpretare bene l andamento del gioco in campo, doti di energia e di polso ! Se qualche giocatore dovesse battere la fiacca, via,senza riguardo ! Nella serie dove si trova il Catania il gioco peculiare è la velocità sempre accompagnata dalla grinta e ,credo che questo assioma sia nel dna di Petrone!Naturalmente ci vorrà un po di tempo per assimilare i nuovi schemi e mettirli in pratica! Noi ,tifosi rossoazzurri siamo pazienti ed aspetteremo ” ancora ” come scrive bene l amico Filippo ! Però, per inciso e per sdrammatizzare ,vorrei ricordare la famosa frase di Cicerone che al congiurato Catilina disse :::::Fino a quando vorrai abusare della nostra pazienza ? A buon intenditore.-.-…………..!.!

  21. Ip Address: 95.247.99.86

    Se il sig. Petrone ha accettato l’incarico deve sapere che da subito (senza alcun tempo di ambientamento) devono arrivare i risultati dentro e fuori casa.
    Non c’è più tempo da perdere abbiamo troppi punti da recuperare per il quinto posto.
    Sia almeno onesto in questa sua scelta, se non è in grado di assemblare da subito un gioco di squadra protagonista se è cosciente d’avere in questo momento solo poche idee e per altro confuse, abbia almeno la compiacenza di mettersi subito da parte e tornare da dove è venuto.
    Se spera di fare il salto di qualità accettando l’incarico di allenare il Catania si sbaglia di grosso. Siamo STUFI di avere l’ennesimo allenatore mezza cartuccia.
    Personalmente avrei affidato il Catania all’allenatore della primavera, sicuramente conosce gli uomini e l’ambiente.
    Che vergogna dopo siracusa, stabia adesso anche agrigento, in ogni caso abbiamo fatto noi la figura della squadretta derelitta in piena crisi societaria infarcita da rincalzi e non certo l’agrakas che sembrava al nostro cospetto la rubentus.
    Dal foggia alla vibonese si stanno sbellicando dalle risate.
    Amici di fuori città mi hanno telefonato per dirmi che il Catania è miracoloso fa risuscitare ancora una volta i morti!

  22. Ip Address: 93.146.44.166

    lm dice che non vuole piu dare alcun alibe ai giocatori
    cio vuol dire i giocatori cercavano delle scuse
    secondo me rigoli non ha avuto il coraggio di buttarne fuori qualcuno nel momento giusto..
    lo monaco fa capire questo un po tardi ma si doveva intervenire non dimenticando il bilancio.
    nella scelta del nuovo mister.

    LO MONACO 6 SEMPRE IL MIGLIORE NUMERO UNO COME DIRIGENTE…….

  23. Ip Address: 62.2.176.13

    Buongiorno a tutti

    Concordo con Lino. Un po meno con Giuseppe.

    Rigoli lo ha preso LoMonaco e Petrone lo ha preso LoMonaco…………………..

    Dunque vediamo se LoMonaco é veramente il migliore…………..

    Vi saluto a tutti

  24. Ip Address: 79.49.142.3

    Oramai Rigoli rappresenta il passato. Ora mi aspetto finalmente di vedere un allenatore che lavori sulla testa senza pensare a difendersi dopo un eventuale gol segnato.virrei vedere un centrocampo che costruisce e non tre calciatori che giocano ciascuno per se . Vorrei vedere trame di gioco, passaggi nello stretto, cambi azzeccati fatti a ragion veduta e nei tempi entro i quali si puo’ ottenere le giuste contromosse.

  25. Ip Address: 151.43.95.45

    vorrei vedere una squadra che lotta dopo avere segnato il gol..che fa di tutto per segnarne ancora..e non a di fendere il vantaggio…deve finire questa tattica suicida…

  26. Ip Address: 79.49.142.3

    Si, zu pinu, anche perché la nostra rosa è’ competitiva in questo girone. Soffriamo la mancanza di un regista vero, o meglio doveva esserlo Scoppa ma ha dimostrato non avere queste caratteristiche almeno con Rigoli. Con il precedente allenatore era una squadra confusa e senza idee che andava avanti solo per la bravura dei singoli ma non come squadra e coralità di gioco. Alle 16,30 ci sarà la conferenza pre gara di Petrone e vedremo anzi sentiremo il suo approccio alla gara. Da quello che si legge la difesa quasi obbligata a quattro , le scelte iniziano dal centrocampo se a tre o due . Una cosa è’ certa col Taranto tre punti fissi e a Messina per ripigliarci quanto perso ad Agrigento

  27. Ip Address: 93.37.184.254

    Ma è chiaro che in lega pro non ci possono essere allenatori tipo Simeone? Perciò aspettiamo.

  28. Ip Address: 45.47.210.50

    La notizia che Lodi ha rescisso il contratto con l’Udinese , potrebbe essere la soluzione delle soluzioni perche’avremmo trovato il regista.Tutto se il giocatore vuole il Catania e se il Catania vuole il giocatore……

  29. Ip Address: 5.90.142.117

    Lodi se voleva rescindeva prima del 31 gennaio sicuramente avrà contatti con qualche squadra di serie a che lo vuole con il catania ha chiuso

  30. Ip Address: 178.39.222.16

    Dalla A deve scendere in Lega Pro? Sarebbe veramente scemo.

  31. Ip Address: 151.57.156.219

    Un primo tempo noioso! Squadra statica ! Se non fanno velocità non si combina niente ed attenzione alle ripartenza dei tarantini !

  32. Ip Address: 178.39.222.16

    Petrone?

  33. Ip Address: 93.49.95.7

    Petrone fa rima con Ventrone.

  34. Ip Address: 45.47.210.50

    Come prima, peggio di prima ……L’unica cosa positiva (si fa per dire.)consiste nel non aver perduto……..

  35. Ip Address: 178.39.222.16

    Mamma mia……
    Ma Rigoli, Calil e Paolucci ancora sono a Catania?

    Se la giornata si vede dal mattino…….

Spiacenti, i commenti sono chiusi.

su
giu