Medaglia d’argento

 Scritto da il 9 maggio 2018 alle 19:04
Mag 092018
 

In altri sport, arrivare secondi conquistando il podio, rappresenta un traguardo importante; un giusto riconoscimento per gli sforzi profusi per ottenerlo, condito di abbracci addirittura a favore di chi è stato capace di conquistare gli altri due metalli più preziosi. Vale per il nuoto, l’atletica, gli sport equestri e per tante discipline di squadra.

Nel calcio no, non e’ così.

Nel mondo del pallone, il secondo posto, nella stragrande maggioranza dei casi, si considera una beffa, una presa in giro, una sconfitta che brucia più di una eliminazione agli ottavi, ai sedicesimi, ai quarti, alle semifinali, iniziando dai mondiali, per passare dagli europei e per le due prestigiose coppe che la FIFA assegna ogni anno.

Da qualche tempo, prima della consegna dell’ambito trofeo ai vincitori, è usanza assegnare la medaglia agli sconfitti che sfilano in tribuna autorità per raccogliere la patacca che nessuno vorrebbe al collo.

Infatti, assistiamo al rapido distacco di ogni atleta da quella medaglia, riconoscimento che sa di sconfitta ed acuisce la rabbia e le lacrime di quella occasione avuta e non sfruttata sino in fondo.

Solo in serie B, ancora, trova spazio la soddisfazione di arrivare secondi al termine della stagione, perché anche la piazza d’onore consente l’accesso alla promozione diretta.

Non era così una volta! Anni fa i play off ed out non esistevano, alchimie inventate esclusivamente per regalare alle pay tv partite in serie da condire con introiti pubblicitari a vantaggio del budget societario.

Solo la classifica finale assegnava tutte le piazze utili per l’accesso alla serie maggiore o per la retrocessione diretta, salvo gli eventuali spareggi qualora si fosse arrivati a pari punti a fine stagione.

Più semplice e giusto premiare chi in campionato fosse arrivato più in alto, anziché affidare ad un altro campionato parallelo le speranze di un successo finale, gettando alle ortiche i risultati della stagione appena conclusa.

Ecco che anche nei campionati professionistici di serie B e C, da alcuni anni troviamo questa “innovazione” che, per fortuna, la serie A sconosce ancora, anche per il fatto che la conquista delle posizioni utili per disputare i tornei di Champions ed Europa League rendono di fatto inutile il ricorso ai play off.

Bagarre quindi, a stagione chiusa, per conquistare il terzo posto in serie A e grande ammucchiata, quasi ridicola, per decidere la sirenetta che accompagnerà le giunte prime di ogni girone di serie C, in cadetteria.

Statistiche alla mano, non sempre una terza arrivata in classifica in serie B o una seconda di C è riuscita a conquistare la promozione: lo scorso anno non ci riuscì il Frosinone in B e in lega pro il Lecce, L’Alessandria (squadra beffata all’ultima giornata dalla Cremonese) a vincere: lo scorso anno fu il turno del Benevento arrivato quinto in classifica a conquistare la serie A a danno del Frosinone che, pur avendo conquistato gli stessi punti del Verona, non riuscì a salire per la peggiore differenza reti.

In serie C, o meglio lega pro come si chiamava prima, solo la stagione scorsa e quella precedente consegnarono una sola delle tre seconde classificate dei tre gironi alla serie B: lo scorso anno fu il turno del Parma e nel campionato 2015/16 toccò al Pisa, mentre nella stagione 2014/15 la terza piazza utile per i cadetti fu conquistata dal Como, arrivato quarto nella regular season. Stessa cosa avvenne nella stagione 2013/14 che premio, il Vicenza arrivato quinto nel girone di appartenenza.

Che dire della stagione 2012/13 che prevedeva per i due gironi la promozione diretta solo per la prima del girone, mentre le altre due sarebbero state scelte al termine dei play off da disputarsi per girone tra seconda contro quinta e terza contro quarta e poi sfida diretta tra le due  vincitrici: ebbene, quell’anno furono promosse in serie B il Carpi arrivato terzo in classifica finale alle spalle del Lecce nel girone A e il Latina anch’esso arrivato terzo nel girone B, a spese del Perugia giunto secondo in classifica finale.

Una lotteria, quindi, resa ancora più difficile dal numero sempre più elevato di squadre chiamate a sostenerle: nel girone A, su 19 squadre partecipanti, sino all’undicesima posizione verranno disputati i play off, mentre dalla sedicesima piazza saranno disputati i play out. Mare e vacanze concesse esclusivamente alle quattro squadre che si sono classificate dal dodicesimo al quindicesimo posto: negli altri gironi i play off risultano appannaggio di quelle quadre arrivate sino al decimo posto.

In un mese, assisteremo ad un altro campionato che si va a delineare e del quale oggi non possiamo immaginare l’esito finale, trattandosi in tanti casi di sfide singole e senza possibilità di replica, salvo nelle fasi nazionali al doppio turno di andata e ritorno.

Il nostro Catania, grazie alla larga vittoria contro il Rende e la contemporanea sconfitta del Trapani in casa del Cosenza, si trova catapultato alla seconda fase dei play off nazionali unitamente al Robur Siena e al Sud Tirol.

Avrà tutto il tempo per studiare i possibili avversari e per consentire ai giocatori in rosa di recuperare energie fisiche e mentali, magari mediante il ricorso ai mental coach. Si presenterà, inoltre, quale testa di serie e, in tale veste, potrà disputare la prima partita fuori casa e gestire al Massimino la partita di ritorno con il conforto del pubblico amico. Un vantaggio? Speriamo. Se così non fosse, che lo dicano in quanto, per il bene del Catania, potremmo scegliere il 23 maggio il mare o il bingo, anche se sarà difficile, per un catanese, preferire mete diverse dal Massimino il tre di giugno.

  8 Commenti per “Medaglia d’argento”

  1. Ip Address: 94.163.10.215

    Raggio libero, Ottimo articolo quello che hai scritto, per ora teniamoci stretta questa medaglia la speranza che ci porta in B

  2. Ip Address: 95.234.40.64

    Ottima disamina raggio libero complimenti

  3. Ip Address: 94.37.12.23

    Riassunto perfetto della Redazione, infatti da come sono andate le cose per il Catania era più facile e semplice andare in B nella fase del regolare campionato che con i play off perchè tutte le squadre faranno di tutto per provare a fare il salto di categoria fino all’ultimo minuto della gara. Tutte le statistiche si azzerano e si riparte da zero per tutti !!!!! Speriamo bene.

  4. Ip Address: 176.200.245.128

    Esatto. resettare tutto e cominciare questo nuovo campionato partita dopo partita. Non e’ impossibile Superare la prima fase partendo da teste di serie. L’importante Che da teste di serie, poi in casa non diventiamo teste di caxxo.

  5. Ip Address: 79.49.157.129

    buondiorno a tutti. Oggi iniziano i play off e due partite in diretta alle 19,00 e 20,30 ma non del girone C ; vedremo cosa salterà fuori. Io prevedo nel nosto girone che passeranno il turno Casertana, Cosenza e Monopoli che tra l’altro possono contareanche sul pareggio al novantesimo.E i nostri ? stanno dagli strizzacervelli?

  6. Ip Address: 151.82.94.79

    Buonpomeriggio a tutti ❤️💙, e si catanese a Napoli al catania mancavano i strizza cervelli 🧠 ora vediamo con la loro presenza cosa succederà 😁

  7. Ip Address: 94.37.12.23

    Il Catania è una squadra che nel bene e nel male soffre di eccessi, o bianco o nero, o vince o perde, infatti oltre al primato di aver ottenuto 21 vittorie abbiamo anche quello dei 7 pareggi, ci batte solo l’Akragas con sei ma non fa testo perchè hanno giocato il campionato con i ragazzi della primavera; tutte le altre squadre superano di poco la doppia cifra. Pertanto fino a quando non si trova una risposta sui veri motivi che hanno generato questi eccessi diventa difficile capire se gli strizzacervelli saranno veramente utili.
    Riguardo le squadre del girone C che partecipano ai play off preferirei non incontrare nessuna di queste neanche nella eventuale finale perchè conoscono troppo bene la nostra squadra e tecnico e già ci hanno bastonato abbastanza.

  8. Ip Address: 79.18.41.55

    Medaglia d’ argento.
    Qualche piccolo vantaggio in realtà c’è, mas non ci si può fare affidamento. Gli avversari in ogni caso led proveranno tutte per andare avanti.

Spiacenti, i commenti sono chiusi.

su
giu