Niente da perdere

 Scritto da il 10 aprile 2012 alle 12:00
Apr 102012
 

Verona, bella città storica, frequente meta di romantici turisti in visita a un normale balcone attribuito a una Giulietta che non è mai esistita, ancora una volta ha portato male al Catania. I tenaci veneti, punti nel loro orgoglio hanno affrontato la nostra squadra con grande determinazione e per il Catania sono state le cosiddette Pasque Veronesi. Con quest’espressione ci si riferisce a uno storico episodio di insurrezione della popolazione della città Verona e dei suoi dintorni contro le truppe di occupazione francesi, comandate dall’emergente generale Napoleone Bonaparte. Le Pasque Veronesi, così chiamate anche per assonanza con la Guerra del Vespro, impropriamente detta dei Vespri Siciliani, iniziarono la mattina del 17 aprile del 1797, secondo giorno di Pasqua, con la popolazione esasperata che riuscì a mettere fuori combattimento più di mille soldati francesi.

L’orgoglio dei veronesi del quale hanno fatto le spese il Catania e i suoi tifosi che, sportivamente parlando, hanno avuto una Pasqua non felice.

Nulla di compromesso, però, si è persa una battaglia ma è ancora possibile vincere la Guerra.  In fin dei conti la Roma è stata sonoramente bastonata a Lecce, e le due reti arrivati sullo 0-4, quasi in chiusura di partita, non cambiano il pessimo giudizio sulla squadra di Luis Enrique. A Roma continuano a parlare di progetto, ma quale progetto ?  Tutto sommato l’allenatore spagnolo è molto fortunato a mantenere la panchina, con ben 12 sconfitte in 31 partite, per una squadra come la Roma, nel 90%  dei casi un altro allenatore sarebbe stato cacciato via a furor di popolo. L’Inter del nuovo corso Stramaccioni non è stata capace di vincere a campo neutro e con un uomo in più e ha rimediato un misero punticino. Un Napoli assai svagato e deludente, ma bersagliato dagli arbitri e dalla sfortuna si è arreso alla Lazio, pertanto il Catania, nonostante il passo falso di Verona, rimane in corsa per l’obiettivo europeo.

Sette gare alla fine con quattro squadre in cinque punti dai 48 punti del Napoli ai 43 del Catania per due di esse arriverà L’Europa League, per le altre due nulla. Ma il Catania, al contrario di Napoli, Roma e Inter, non ha proprio niente da perdere, per le altre squadre sarebbe il totale fallimento.

Risulta un po’ indigesto accettare che una squadra modestissima come il Chievo Verona si trovi a un solo punto dal Catania e sia riuscita a togliere sei punti su sei ai rossazzurri. Dal punta di vista sportivo, però, si deve riconoscere ed accettare che la formazione di Di Carlo, pur non dotata di nessun elemento di livello medio superiore, ad eccezione del portiere Sorrentino, mette in campo una grinta e uno spirito di sacrificio non comuni. Nonostante il Catania non abbia fornito una prestazione brillante, sono più che convinto che senza il disgraziato scivolone di Spolli ( e sì che aveva cambiato le scarpette) il Chievo non avrebbe mai vinto. Il difensore rossazzurro, manco a farlo apposta, è incappato nello stesso infortunio della gara d’andata e farebbe bene la prossima volta stare alla larga da Pellissier, un calciatore scaltro e gran simulatore. L’attaccante clivense, secondo il mio punto di vista, non si è comportato in maniera molto leale lasciandosi cadere come fulminato appena ha sentito la mano di Spolli sfiorargli il fianco, e non è la prima che durante il campionato in corso e o in precedenti tornei tenta di procurarsi i falli buttandosi al primo leggero contatto. A norma di regolamento il rigore poteva starci come poteva starci l’espulsione, pazienza, vuol dire che doveva finire così.

Mercoledì al Massimino arriva il Lecce che, pur compiendo l’impresa di asfaltare la Roma, è stato mortificato dalla vittoria della Fiorentina contro i campioni d’Italia in carica. A questo punto gli uomini di Cosmi non hanno più punti di riferimento e hanno l’unico obiettivo di fare più punti possibili e sperare, francamente, però, non so in cosa. Attualmente il Lecce ha ottenuto 31 punti in 31 giornate il che porterebbe la sua media finale a ipotetici 38 punti (la salvezza attuale è a quota 39- 40 punti) Anche se Cosmi riuscisse nella “miracolosa” impresa di chiudere a 41 punti ottenendo 10 punti nelle rimanenti sette gare (all’andata i salentini avevano in classifica solo 13 punti) sarebbe un’impresa del tutto inutile, infatti, non riuscirebbero lo stesso a raggiungere nessuna squadra che li precede. Le squadre più vicine sono Genoa e Parma che contano 35 punti, ma il Genoa ha prossimamente il Cesena in casa e a Marassi deve inoltre ospitare Siena, Cagliari e Palermo e anche perdendo le tre trasferte di Milano col Milan, di Bologna (pareggio di comodo) e di Udine ci si può giurare che almeno 7 punti nelle quattro gare casalinghe li tirerà fuori. Stesso discorso per il Parma che deve ospitare al Tardini mercoledì il Novara e poi il Cagliari, l’Inter e all’ultima giornata il già salvo Bologna. Anche perdendo a Palermo a Lecce e a Siena (altro pari di comodo) non correrebbe rischi. Al Lecce servirebbe un miracolo, ma i miracoli nel calcio sono molto rari, né i pugliesi possono sperare nelle eventuali penalizzazioni del calcio scommesse perché loro per primi ci sono dentro fino al collo.

Al Lecce non resta altro che rassegnarsi alla retrocessione e sperare che la Giustizia Sportiva si limiti a una semplice penalizzazione nel campionato cadetto e non li spedisca direttamente in Lega Prof . Nonostante la vittoria sulla sconcertante Roma, la salvezza del Lecce oggi appare puro “fantacalcio”, per i giallorossi ci sono sole tre gare al Via Del Mare contro Napoli, Parma e Fiorentina e quattro trasferte a Catania, a Roma contro la Lazio, a Torino contro la Juventus e a chiudere a Verona contro il Chievo Verona. Mercoledì potrebbero alzare definitivamente bandiera bianca.

Il Catania, comunque, non deve prendere gli avversari sottogamba, la vittoria della moribonda Fiorentina sul campo del Milan conferma quanto il calcio sia imprevedibile. Due gare orsono la classifica sembrava assegnare lo scudetto ai rossoneri, ma i critici smaliziati avevano subito capito che il meschino tentativo operato dal Milan di far passare per rete netta la respinta di Marchese sulla linea altro non era il tentativo di esorcizzare la paura e il timore di non farcela.

Risultato la Juventus è in testa e noi aggiungiamo, sportivamente, con merito.

Il Catania ha le potenzialità nei prossimi cinque incontri di lanciarsi definitivamente nella corsa per l’Europa e tentare il tutto per tutto nelle ultime due gare. Per prima cosa occorre battere il Lecce, che ha fatto più punti fuori casa (16) che in casa (15), poi non perdere contro il Cagliari (probabilmente a Trieste in campo neutro) vincere al Massimino contro l’Atalanta giocare bene e ottenere un risultato positivo nel derby di Palermo e poi battere in casa il Bologna.

Si tratta di cinque gare contro cinque squadre che in classifica stanno più sotto del Catania, ma il campionato dei rossazzurri ha finora dimostrato che questo non conta nulla. Paradossale abbiamo tolto quattro punti su sei a Lazio, Napoli e Inter e poi ne abbiamo persi sei su sei col Chievo !

Niente scherzi, per un maggiore equilibrio, dopo aver vinto a Lecce, bisogna togliere sei punti su sei ai salentini. Per il resto non abbiamo nulla da perdere.

  26 Commenti per “Niente da perdere”

  1. Ip Address: 79.42.158.28

    Salve raga’!!!
    Bell’articolo Prof. con cenni storici meritevoli di essere letti.
    Che sia esistita o no Giulietta a detta dei napoletani (io no, non me frega) e’ una “zoccola”.
    “Zoccola” si puo’ riferire ad una donna di facili costumi oppure ad un topo nelle strade di Napoli.

    Che il Lecce viene a Catania per vincere si sa e che la reputazione acquisita nei vari commenti sportivi e non andra’ all’aria per non scrivere altro, quindi giochiamo da Catania.

    Forza Catania!!!!

  2. Ip Address: 79.56.105.172

    Ciao Giorgio, Giulietta non è mai esistita è un’invenzione letteraria di Shakespeare che, a sua volta, prende spunto da un passo del VI canto del Purgatorio di Dante.
    I napoletani scrissero “Giulietta è una zoccola” per vendicarsi dello striscione esposto dai tifosi del Verona al Bentegodi all’arrivo di quelli del Napoli. Lo striscione recitava “Benvenuti in Italia, ma lavatevi”. Io per primo ho approvato lo striscione “Giulietta è una zoccola” chiaro esempio dell’umorismo tutto napoletano che i veronesi, almeno per tradizione teatrale, non hanno.

  3. Ip Address: 95.232.25.135

    Buon pomeriggio a tutti.
    Prof. sono d’accordo su tutto………e poi, sarà perchè i veronesi da un po’ di tempo a questa parte mi sono antipatici, vuoi perchè Pellissier mi fa “malu sangu”, vuoi perchè non riusciamo a batterli, anche per me “Giulietta è ‘na zoccola!!! :mrgreen:

  4. Ip Address: 95.232.25.135

    Adesso è ufficiale: La gara tra Cagliari e Catania, valevole per la 14° giornata di ritorno del campionato di Serie A TIM, verrà disputata lunedì 16 aprile con inizio alle ore 20.45 allo stadio “Nereo Rocco” di Trieste.

    Caspita, anche se di sera, anche se di lunedì, ed anche se distante 400 km., sarei tentato d’andarci! ❓

  5. Ip Address: 79.42.158.28

    Ciao Prof!!! 😉 😉 😉
    Vero Prof.!!! Da da quando feci il servizio militare nella Marina Militare nel ’66 mi sono imbattuto nei veronesi, bresciani e bergamaschi. Con toni scherzosi ci facevano delle battute che a me non piacevano, non perche’ non stavo allo scherzo, non me ne fregava proprio di questo duello Nord-Sud.
    Adesso questi sfottoi si sono abbruttiti e non tutti rimangono fermi.

    Ritornando a noi, se state una giornata a Napoli specialmente nei vicoletti assistite al vero teatro in diretta napoletano.
    Negli anni scorsi eravamo un popolo furbo ma non cattivo, adesso con la camorra con commerci illeciti, imbrogli e bullismo esagerato e’ un periodo molto cattivo per Napoli e periferie.
    Stiamo al punto di non ritorno come si dice e la voglia di scappare mi prende.
    Ma ho letto anche di alcune citta’ del Messico e del Brasile stanno peggio di Napoli.
    e dintorni.

    Prof. il il razzismo, a parole, lo faccio a fette.
    Gli racconto un aneddoto, sono stato a lavorare nell’isola del Borneo lato malesiano. Ebbene una ragazza diplomata di 23 anni che lavorava come tecnico nella maintenance (manutenzione apparati di controllo aereo) disse che a noi italiani ci vedeva come mafiosi.Venni in Italia ed al lavoro trovai uno del Nord , lui mi provocava, all’ennesima provocazione gli dissi che dove vai nel mondo anche tu sei un mafioso, gli rimase la lingua in gola.

    Buon pomeriggio a tutti e forza Catania.

  6. Ip Address: 79.56.105.172

    Ciao Giorgio, permettimi di continuare a darti il tu, fra cari amici tifosi ci dobbiamo dare sempre il tu, anche se hai sette anni più di me. Del resto, il rispetto non è dato dal pronome. Il tuo aneddoto mi fa molto riflettere ed è la sintesi di ciò che negli anni ha seminato l’Italia.
    Cosa possiamo farci se l’immagine del nosto Paese è questa ? Non lo dobbiamo a te, a me e a tante persone di sani principi, ma lo dobbiamo a coloro che potevano e non hanno voluto creare un’Italia migliore. Un caro saluto.

  7. Ip Address: 79.42.158.28

    Grazie Prof. per il tu!!! 😉 😉 😉
    Devo andare raga’, il nipotino “rompino” lo devo portare in una specie di piazzetta nominata “dei giovani d’oggi” dove i grandicelli (vedi Prof il bullismo) hanno rotto tutti i giochi per bambini e ci sono rimasti un po’ di erba sintetica e’ la pista ciclabile.

    A stasera raga’!!!

  8. Ip Address: 80.183.36.77

    buonasera a tutti fratelli della costa rossazzurra bella disamina tino il catania non deve prendere nessuna squadra sottogamba forza catania sempre 😉 😉 😉

  9. Ip Address: 79.22.96.218

    Buon pomeriggio a tutti,Prof. ma come Giulietta non è esistita,mi hai tolto un mio grande mito,soprattutto,perchè ho una foto con la mia mano su una tetta di Giulietta(la statua),ne ho approfittato mentre Romeo non c’era. :mrgreen: :mrgreen:

    Tino,oltre ai complimenti per l’articolo,affascinante l’accostamento fra le Pasque veronesi e i vespri siciliani.Quell’insurrezione,costruita ad arte dai nobili palermitani per i loro interessi,visto che dei loro feudi si erano impossessati i francesi,costò la vita a molti siciliani,palermitani in particolare.
    Comunque,mettiamo da parte la storia,anche perchè lunga e complessa da spiegare in poche righe,però ogni tanto fa bene rinfrescarci la memoria. 😉

    Per quanto riguarda la sconfitta del Catania in quel di Verona,sponda Chievo,attribuirei più demeriti ai rossazzurri,che meriti ai clivensi,ma ormai,acqua passata non macina più :mrgreen:

    Assolutamente nulla di compromesso come tu evidenzi Tino,difatti,quelli avanti al Catania,non è che stanno facendo tanto di meglio.
    Adesso però,se si vuole continuare a “sognare”,niente più cali di tensione,anche perchè,d’ora in poi,saranno tutte finali,non solo, per il Catania,ma per un motivo o un’altro,gli avversari che i rossazzurri dovranno incontrare,giocheranno con il coltello tra i denti,a partire da domani con il Lecce.

    Comunque,sono molto fiducioso di un pronto riscatto dei ragazzi,anche perchè,il “silenzio” di Pulvirenti,mi suona come incazzatura dop la sconfitta di domenica. :mrgreen:

  10. Ip Address: 80.183.36.77

    ciao peppe58 fratello ben detto quoto al 100 x 100 le ultime righe del tuo post 😉 😉 😉

  11. Ip Address: 79.56.105.172

    Una buon fine serata a tutti i tifosi. Adesso vedremo cosa sarà in grado di fare il Chievo contro l’ex capolista. Comunque i veronesi sono una squadra molto difficile da affrontare, corsa, determionazione e grinta nel calcio moderno contano molto.
    Io credo che il Milan, di misura la potrebbe anche spuntare, ma per loro non sarà una passeggiata. A domani.

  12. Ip Address: 80.183.36.77

    il chievo e sotto di un gol 😆 😆 😆 😆

  13. Ip Address: 79.26.64.158

    Buonasera a tutti
    forza catania domani si deve vincere…

  14. Ip Address: 95.246.41.173

    Buongiorno a tutta la fratellanza rossazzurra. 😀

    Indovinato Prof. Di misura ma l’ha spuntata il Milan.

    Forza Catania!!

  15. Ip Address: 95.245.15.132

    Buongiorno raga’!!!
    Ciao Mongibello!!! 😉 😉 😉
    Vacanze pasquali finite per il nipotino, si torna a scuola.

    Qui Napoli e dintorni, cielo grigio e temperatura un po’ freddina.
    Sotto con il Lecce senza paura, mettiamoci l’armatura guerriera e giochiamo con intelligenza, cuore e grinta e stoppiamo i salentini.

    Buona giornata a tutti e Forza Cataniaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!

  16. Ip Address: 79.3.47.9

    Ciao Giorgio, un abbraccio. 😉

    Qui a Reggio Emilia e dintorni, temperatura freddina con pioggia che viene e che va.

    Tornando al discorso precedente riguardante “Giulietta”, per me, che esista o non esista, è ‘na zoccola!! :mrgreen:

    Non so per quale motivo, ma il fatto che il Chievo ieri abbia perso e che Pellissier si sia beccato un’ammonizione per proteste, mi fa pesare un po’ meno la sconfitta di domenica. :mrgreen: Cu ‘u sapi picchì!! :mrgreen:

  17. Ip Address: 188.152.3.101

    Buongiorno a tutti.

    Ottimo articolo Prof. Abbandoniamo Giulietta definitivamente al suo vil destino che è meglio … 😉 😉 😉

    Concentriamoci sulla partita di stasera nella quale il Lecce avrà motivo di giocare con il sangue agli occhi per inseguire una salvezza che a me pare proprio una chimera … L’ obbiettivo del Catania invece e ancora lì a portata di mano, poichè come hai sottolineato benissimo caro tino, non solo la Roma e l’inter possono essere scavalcate o raggiunte dal Catania, ma anche altre squadre che a parità di classifica con la nostra vedrebbero noi in vantaggio rispetto a loro sugli scontri diretti. Solo la Roma e l’Udinese sono ancora da affrontare, proprio nelle ultime due partite di campionato. La strada e ancora lunga i punti da giocare tanti, le possibilità ancora intatte.

    Un saluto a tutti, un abbraccio a Peppe58, Mongibello e Matteocifalotu …

    Forza Catania!

  18. Ip Address: 85.41.235.41

    Buon pomeriggio a tutti…..

    è un attesa angosciante, sarà un partita dura il Lecce è una squadra tosta…..
    ma noi giocando come sappiamo giocare non c’è per nessuno…
    Rammento agli amici che vanno a Trieste che la partita è stata spostata a Lunedì 16 Aprile 2012, alle 20:45 Stadio Nereo Rocco.

    ————————————————FORZA CATANIA———————————–

  19. Ip Address: 85.41.235.41

    Verso Catania-Lecce: 20 rossazzurri convocati

    Al termine di un’intensa seduta d’allenamento, svolta nel pomeriggio a porte chiuse a Torre del Grifo, il tecnico del Catania Vincenzo Montella ha convocato 20 giocatori. Rossazzurri in ritiro da stasera, in vista della sfida in programma domani alle 20.45 allo stadio “Angelo Massimino” contro l’U.S. Lecce, gara valida per la tredicesima giornata del girone di ritorno del Campionato Serie A Tim 2011/12 (all’andata, il 26 novembre 2011, Lecce-Catania 0-1: st 45′ Barrientos).

    Questi gli atleti a disposizione:
    Portieri –
    20 Carrizo, 1 Kosicky, 29 Terracciano.
    Difensori –
    14 Bellusci, 33 Capuano, 6 Legrottaglie, 12 Marchese, 11 Motta.
    Centrocampisti –
    4 Almiron, 28 Barrientos, 13 Izco, 16 Llama, 10 Lodi, 19 Ricchiuti, 8 Seymour.
    Attaccanti –
    18 Bergessio, 32 Catellani, 22 Ebagua, 17 Gomez, 7 Lanzafame.

  20. Ip Address: 79.56.105.172

    Un buon pomeriggio a tutti i tifosi del sito. Le vacanze sono belle, ma il lavoro è un dovere e quando si svolge un lavoro che soddisfa anche un piacere.
    Spero che giochi Barrientos, sarebbe ora che incrementasse il suo bottino di reti.
    Il Pitu non è giocatore da sole quattro reti in stagione (cinque con il gol che gli hanno scippato con la Fiorentina),se sta bene, potenzialmente è calciatore da almeno 8 reti stagionali, logicamente dovrebbe segnare ancora.

  21. Ip Address: 79.56.105.172

    Lo stesso Gomez non può chiudere il campionato con così poche reti, prestissimo mi aspetto altre reti da Gomez e da Barrientos, magari stasera potrebbero segnare entrambi.
    Attenti, comunque, alle ripartenze di Muriel: è devastante. Al Lecce non vanno lasciati spazi in contropiede, si deve attaccare con giudizio perchè in difesa sono vulnerabilissimi e fanno almeno quattro grossi errori a partita.

  22. Ip Address: 95.252.88.120

    Salve raga’!!!
    Ciao Prof.!!! 😉 😉 😉
    Non solo Muriel, anche Di Michele e l’altro Quadrato o come si chiama sono devastanti, spero che accusino un po’ di stanchezza.
    Il Catania deve far capire al Lecce che “il prato del Massimino e’ verde e non si raccolgono fiori”!!!

    Forza Cataniaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!
    La mia formazione:

    :mrgreen:
    😈 😈 😈 😈
    😈 😈 😈
    😈 😈 😈

  23. Ip Address: 80.183.36.77

    buonasera a tutti fratelli della costa rossazzurra forza cataniaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa 😈 😈

  24. Ip Address: 79.51.179.12

    chiarezza unni siiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

  25. Ip Address: 79.51.179.12

    golllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllll golllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllll 😈 😈

  26. Ip Address: 79.51.179.12

    non si puo perdere una partita cosi buonanotte

Spiacenti, i commenti sono chiusi.

su
giu