Parla il Papu

 Scritto da il 10 ottobre 2011 alle 19:48
Ott 102011
 

Sento la responsabilità che nasce dalla stima e dall’affetto dei tifosi, ne sono orgoglioso. Con il Novara penso di aver giocato la mia partita migliore da quando indosso la maglia del Catania. Muovendomi intorno al centravanti, da seconda punta posso fare bene, così come da esterno nel tridente. Ricordo il gol dell’anno scorso contro l’Inter: purtroppo non servì a nulla, i nerazzurri segnarono due volte nel giro di pochi minuti e per noi maturò una brutta sconfitta. Quella nerazzurra è la peggior difesa del campionato.  Le statistiche sono fatte per essere smentite, affrontiamo una squadra che dispone di una rosa straordinaria con tanti giocatori fortissimi. Ad esempio non giocherà Julio Cesar ma al suo posto ci sarà un portiere di grande esperienza e bravura come Castellazzi. Noi dobbiamo vincere,  giocare al massimo e portare i tre punti a casa.

  38 Commenti per “Parla il Papu”

  1. Ip Address: 85.41.235.41

    Buonasera a tutti…..
    Ciao angelo, spero che contro l’Inter farà la stessa prestazione con il Novara 😉 😉
    dai Papu siamo tutti con te.

    —————————————————-FORZACATANIA—————————————

  2. Ip Address: 95.245.10.34

    Buonasera raga’!!!
    Sembra che recuperiamo qualcuno in difesa, meno male.

    Buona notte a tutti e forza Catania!!!

  3. Ip Address: 193.235.106.72

    Buongiorno Ragazzi,

    Contro l’inter arraggiata, e contro sicuramente un arbitro spaventatissimo, avremo bisogno non solo del Papu, avremo bisogno di tutti i giocatori piu’ forti, senza “spirimenti” e che siano al loro massimo livello di concentrazione.
    Per ripetere la prestazione vista al massimino 2 anni fa….

    Ho tanta voglia di dare un dispiacere al Presidente Moratti….
    e poi una piccola ricorrenza, anche Mourinho non siedeva in panchina contro il catania. e cosi’ sara per Ranieri….a cui verrano offerti cannoli ed arancini….

    o sbaglio???

    Un abbraccio dal Belgio,

    Simone

  4. Ip Address: 79.35.157.206

    Salve raga’!!!
    Ciao Simo!!! 😉 😉 😉
    Vero come scrivi che Ranieri siedera’ in tribuna ed e’ come due anni fa’ con Mourinho, spero che si recuperi due difensori perche’ non dimentichiamo l’attacco dell’Inter fa paura.

    Buona giornata a tutti e forza Catania!!!

  5. Ip Address: 79.35.157.206

    Porca VACCA,ANCHE Bellusci si e’ fermato!!! 😐 😐 😐

  6. Ip Address: 79.33.41.212

    buonasera amici catanisti speriamo di recuperare qualche acciaccato x giocare contro l’inter forza catania sempre 😉 😉

  7. Ip Address: 85.41.235.41

    Ciao Giorgio e Angelo….

    Nulla di grave per Bellusci 😉 😉 è questa in sintesi la situazione:

    Lieve affaticamento per Bellusci, che ha lavorato in palestra a scopo precauzionale. Differenziato per Biagianti e Potenza. Primi giri di corsa a bordo campo anche per Alvarez e Llama. Terapie per Suazo.

  8. Ip Address: 151.81.126.22

    Spero vivamente che Montella non faccia partire Catellani dall’inizio: sono evidenti le sue possibilità ed i suoi limiti attuali.

  9. Ip Address: 79.33.41.212

    con il giusto approccio alla partita il catania mettera l’inter nei guai ranieri o non ranieri 😉 😉

  10. Ip Address: 2.12.181.78

    Io quando giudico prima vedo Andujar migliore in campo, fate la traduzione su Google, oggi vado in Svizzeraa è torno domenica notte, prima di allora sarà difficile scrivere!!!

    buonanotte

    Andújar es pieza clave en Venezuela. Salvó el arco con dos tapadas fenomenales. No pudo con el cabezazo, pero es de lo mejor de la Selección.

    Atajadas de Selección… Mariano Andújar le retribuyó toda la confianza a Sabella, ese DT que ya lo conocía de Estudiantes y que lo eligió como el reemplazante de Chiquito Romero. En Venezuela, cuando la Vinotinto se venía, el arquero del Catania respondió. Y metió dos tapadas de lujo.

    En el primer tiempo, Andújar se revolcó en un tiro libre de Arango que serpenteó y parecía que se metía con fuerza por abajo. El uno se tiró a contrapierna y logró despejarla, y más tarde mandó la pelota al córner tras unos rebotes. Ya en el segundo tiempo, tapó dos más: la primera, un remate cruzado y potente de vuelta de Arango casi se le mete, pero a puro reflejo la rechazó; la segunda, otro tiro libre, abajo al palo izquierdo.

    Atajadas de Selección, atajadas de Andújar. Y también de Sabella…

  11. Ip Address: 95.247.125.134

    Buongiorno raga’!!!
    Per i nostri difensori ci vorrebbe un benedizione celeste!!! 😐 😐 😐
    L’Argentina ha perso 1 a 0 con il Venezuela (storica vittoria). Il miglior giocatore argentino pensate un po’ chi e’ stato………Mariano Andujar!!!

    Buona giornata a tutti e forza Catania!!!

  12. Ip Address: 85.41.235.41

    Chiarezza, buon viaggio e buon ritorno 😉 😉 😉
    con il clamoroso al Cibali…..

  13. Ip Address: 95.247.125.134

    Come scrive joe anch’io ti auguro buon viaggio Chiarezza!!! 😉 😉 😉

  14. Ip Address: 79.37.108.60

    Buon pomeriggio a tutti,ognuno di noi,può avere il proprio modo di giudicare le prestazioni dei giocatori,nello specifico,Andujar; su di lui,il mio giudizio,è sempre stato inerente alla prestazione,sarebbe da stupidi,giudicare l’operato di un’atleta,senza averlo visto giocare.Nella partita vinta dall’Argentina,4-1 contro il Cile,giudico il gol subito da Andujar,una papera ma oltre a me,anche qualche giornale italiano,la stessa cosa,è stata per alcuni quotidiani sportivi argentini.Andujar,ha fatto un’ottima prestazione contro il Venezuela,salvando in più occasioni la propria porta e vanno fatti i complimenti per la prestazione,ripeto,per la “prestazione”,perciò,come vanno fatti i complimenti quando riesce a fare delle buone parate,con altrettanta coerenza,vanno evidenziati gli errori.Giudicare Andujar nel suo complesso,lo può fare al 100% il suo allenatore,noi possiamo farci un’idea solo per quello che vediamo nelle partite e per chi può (io ogni tanto può :mrgreen: ) negli allenamenti,penso che possa aiutare nel giudizio chi un pò di calcio lo ha praticato e perciò non metto in dubbio il pensiero di Vittorio,però non condivido.Rimango del pensiero,che Andujar,sia un portiere da sufficienza,un portiere discontinuo,con buone qualità tecniche ma scarse qualità caratteriali,con poca umiltà,condita da un pò di arroganza professionale.Il mio “giudizio”,rimane confinato al lato calcistico,non mi permetterei mai di entrare nella sfera personale,non lo conosco e perciò non lo posso giudicare.

  15. Ip Address: 79.37.108.60

    A proposito Vittorio,Bon Voyage!! 😉

  16. Ip Address: 79.37.108.60

    CATANIA, Marchese: “Non esistono riserve, Inter temibile come ogni squadra di A”
    12.10.2011 16:47 di Livio Giannotta
    Giovanni Marchese continua a lavorare sodo durante gli allenamenti a Torre del Grifo per convincere Mister Montella a puntare su di lui. Il difensore del Catania spera di figurare tra i titolari anche contro l’Inter. “Mi piacerebbe e sono pronto a dare sempre il massimo per giocare – spiega – la concorrenza è agguerrita, ed è giusto che sia così perchè significa che in questo gruppo non esistono titolari fissi ma chiunque può giocarsela per la conquista di un posto da titolare. E’ uno dei pregi del Catania, Montella sta gestendo bene il gruppo e ognuno di noi non parte rassegnato. Per me non rappresenta certamente un problema giocare nella difesa a tre, mi posso adattare in qualsiasi ruolo. L’Inter? Una grande squadra che attraversa un momento di difficoltà. Dobbiamo sfruttarlo a nostro vantaggio attraverso un’ottima prova del collettivo e la generosità di tutti. In questo campionato ogni gara ha il coefficiente di difficoltà elevato, e noi giocatori dobbiamo farci trovare sempre pronti”, conclude Marchese.

  17. Ip Address: 79.37.108.60

    CATANIA, Legrottaglie: “Affrontiamo l’Inter senza timore, difesa a 3 dà certezze”
    12.10.2011 16:38 di Livio Giannotta
    Nicola Legrottaglie, dall’alto della sua esperienza indica al Catania la strada giusta per affrontare l’Inter sabato allo stadio Angelo Massimino. “Giocare senza timore, consapevoli dei nostri mezzi – spiega -. L’Inter ha giocatori in grado di risolvere la partita in qualsiasi momento, ma noi non dobbiamo avere paura dei nerazzurri. Io me la giocherei a viso aperto, dimostrandogli con la necessaria cattiveria agonistica che li possiamo mettere in imbarazzo. Conterà prima di tutto l’atteggiamento in campo, poi è chiaro che dovremo essere disciplinati tatticamente, difendere tenendo alta la concentrazione, prestando attenzione specialmente alle palle inattive. Io sono qui per garantire il mio supporto, mettere la mia esperienza al servizio del Catania. Faccio parte di un gruppo che mi piace perchè si sacrifica molto, tutti lavorano con il massimo impegno durante gli allenamenti, c’è il giusto spirito di sacrificio in questi ragazzi. Cosa ci manca per fare il salto di qualità? Migliorare soprattutto in trasferta. Quando giochiamo fuori casa si nota un atteggiamento diverso e non sempre il livello di concentrazione è soddisfacente. A Novara, ad esempio, abbiamo beccato tre gol per questa ragione. La difesa a tre? Ha dato delle certezze, potrebbe non essere semplicemente un modulo sperimentale”.

  18. Ip Address: 79.37.108.60

    CATANIA, Maxi Lopez: “Lo Monaco ha ragione, devo dare di più”
    12.10.2011 10:28 di Redazione ITA Sport Press Fonte: golsicilia.it

    Maxi Lopez è intervenuto ieri pomeriggio in esclusiva ai microfoni di Golsicilia.it, a margine di un incontro promozionale a Misterbianco. L’attaccante argentino, insieme ai compagni Suazo, Gomez e Biagianti è stato a disposizione dei tifosi per foto e autografi.

    Maxi, sabato pomeriggio affrontate l’Inter. Che match sarà?
    «Sarà una partita dura, ce la vedremo con una squadra dotata di un grande organico, ma questo rappresenta uno stimolo in più per noi. Vogliamo dare il massimo e fare bella figura, visto che lo stadio sarà pieno e la gente vorrà essere ricompensata in maniera adeguata. Un altro stimolo che ci spinge a fare bene è la consapevolezza che, se dovessimo ottenere i tre punti, ci metteremmo molto bene in classifica».

    Montella ha detto in conferenza stampa che ti vede bene solo come attaccante centrale. Tu saresti disponibile a giocare, come ai tempi di Barcellona, come ala destra?
    «Io sono disponibile ad ogni soluzione, ma è il mister a compiere le scelte. Per quanto mi riguarda, l’importante è essere sempre a disposizione e dimostrare attaccamento alla causa della squadra. Per il resto, io do sempre il massimo e mi auguro di giocare ogni match come, del resto, tutti i miei compagni di squadra».

    Gomez sta facendo una grande stagione. Quanto è cresciuto in questi quindici mesi all’ombra dell’Etna?
    «Alejandro qui si trova bene e, pian piano, si è abituato ai ritmi del calcio italiano. Se vuole arrivare a una grande squadra deve continuare a crescere e ad allenarsi con la stessa intensità».

    L’ad Lo Monaco ha detto che “devi guadagnarti il pane” e lottare con gli altri compagni di squadra per il posto da titolare. Cosa ne pensi?
    «Il direttore ha ragione, ne sono cosciente e per questo sono rimasto qua. C’è tanta concorrenza e non si può vivere di rendita, dimostrerò sul campo il mio valore, come ho sempre fatto».

    Dove può arrivare questo Catania?
    «Secondo me l’importante è crescere e puntare, ogni anno, a un miglioramento. Se siamo convinti dei nostri mezzi possiamo raggiungere il nostro obiettivo, cioè un altro record di punti. Ci stiamo sforzando e speriamo di dare alla società quello che si aspetta».

  19. Ip Address: 79.37.108.60

    Ho ascoltato il “consiglio” di Vittorio,sono andato a vedere gli highlights di Venezuela-Argentina 1-0,Andujar ha fatto due ottime parete e altrettante buone,però; siccome ho voluto cercare il “pelo nell’uovo”, :mrgreen: ho visto e rivisto più volte il gol subito dall’Argentina sul cross da calcio d’angolo (deviato con un’ottima parata da Andujar) e conseguente colpo di testa di un giocatore venezuelano.Sul cross,Andujar accenna l’uscita fino a metà area di competenza del portiere (area piccola) e poi torna sui suoi passi,avesse continuato la rincorsa,avrebbe potuto abbrancare il pallone al limite dell’area di “competenza” del portiere.Nel mio piccolo,e nel mio umile,quando allenavo i portieri,li prendevo a calci in culo se non uscivano come minimo a prendere il pallone fino al dischetto di rigore,anche il sig. Onorati queste cose le sa,perchè proprio a lui,queste cose venivano dette,capisco che al giorno d’oggi non ci sono grandi portieri che escono dalla linea di porta con coraggio e caparbietà ma che diamine,non uscire neanche nella propria area di competenza,ritengo sia un grosso limite e Andujar (e non solo),questo limite lo possiede.Detto questo,ribadisco i complimenti per la prova del portiere del Catania.

  20. Ip Address: 79.37.108.60

    Questi alcuni commenti sui siti dei tifosi interisti:

    In definitiva a Catania giocherà una formazione rabberciata, tra giocatori che rientrano da infortuni e reduci dalle rispettive nazionali…

    Che Dio ce la mandi buona…

    … e senza mutande…

    Sono stanco dei continui allisciamenti dei giocatori prossimi avversari in campionato!
    Come si suo dire, alliscia il pelo del gatto prima di…….
    Dobbiamo giocare contro il Catania concentratissimi fino all’ultimo secondo perchè o si vince o si muore! (questo scrive da Palermo,arribbattuttu interista)

  21. Ip Address: 79.37.108.60

    Speciale Goal.com – Focus sul Campionato: la partenza del Catania ai raggi X :

    Sosta per le Nazionali agli sgoccioli, sta per tornare la Serie A con un nuovo tour de force.
    Analizziamo il momento delle venti protagoniste del campionato.
    11/ott/2011 18.27.00 di Angelo Giordano

    Un voto di assoluta sufficienza, un 6 pieno come i punti in classifica immagazzinati finora dall’elefante. Qualcosa in più poteva essere fatto contro il Siena, ma il punto conquistato contro la capolista Juventus, la stessa che ha schiantato il Milan campione in carica, rimette a posto ogni discussione.

    COSA FUNZIONA
    Un Montella decisamente camaleontico, bravissimo a leggere ogni singola partita e che si è dimostrato un allenatore preparato e completo. Dalla difesa a tre all’ esclusione di pezzi importanti, tutto questo con la massima autorevolezza e fondamentale importanza primaria destinata al gruppo e non al singolo, come prima probabilmente accadeva.

    La difesa, ad esclusione di Novara, regge piuttosto bene, e le assenze di elementi fondamentali come Spolli, Potenza, Alvarez e Legrottaglie (recuperato solo in quest’ultima partita) hanno indubbiamente pesato sul rendimento finale di questo reparto. A centrocampo si è riusciti nell’impresa di far convivere in campo Almiron e Lodi, a nostro avviso i centrocampisti maggiormente dotati per qualità e quantità dell’intera linea mediana rossazzurra.

    COSA NON FUNZIONA
    Qualche aspetto negativo il Catania lo vive paradossalmente in attacco, un reparto definito dagli addetti ai lavori uno dei più completi dell’intera serie A. Su questo può indubbiamente pesare il momento no di Maxi Lòpez, ariete principale e da due giornate lasciato ai margini della panchina. La sosta arriva al momento giusto, il biondo centravanti ex Barcellona avrà tutto il tempo per riflettere e rimettersi in carreggiata, il suo apporto come ben sappiamo può e deve essere determinante.

    Escludendo infatti l’ultima gara, sul sintetico di Novara, gli etnei faticano non poco a trovare la via del gol, se a questo aggiungiamo che due reti delle tre segnate al Piola sono arrivate su calcio piazzato allora possiamo perfettamente capire come bisogna realmente trovare al più presto una soluzione. Gli ingredienti non mancano, ma bisogna realizzare un piatto accattivante ma soprattutto appagante per il fine palato dei tifosi etnei.

    I TOP
    Copertina dedicata ad un argentino, il più piccolo ma allo stesso tempo probabilmente il più forte. Stiamo parlando del “Papu” Gomez, autentico leader rossazzurro, capace di risultare determinante in fase di possesso palla, pressing, ma soprattutto nello sviluppo della manovra offensiva, rendendosi imprendibile per la maggior parte degli avversari. Non una partita sottotono, una media voto sostanzialmente elevata che fanno del “Papu” l’ennesima sensazionale scoperta di Pietro Lo Monaco.

    Con lui, nella tanto agognata categoria dei top, trovano posto Spolli e Lodi, quasi impeccabili in questo avvio di campionato. Il primo sta ampiamente dimostrando di avere ormai conquistato il trono di leader difensivo, un ruolo ricoperto diversi anni dal connazionale Silvestre, finito ormai nel dimenticatoio anche grazie alle prestazioni offerte dall’ ex compagno di reparto. Su “Lodi Potter” poco da obiettare, la sua tecnica, la sua classe e il suo temperamento stanno venendo a galla, regalando a Montella quel jolly di centrocampo utile nelle due fasi di gioco e decisivo per quel che riguarda qualsiasi calcio piazzato. Dal suo piede partono traiettorie impossibili e decisive per il risultato finale, chiedere ad Ujkani per conferma.

    I FLOP
    Una categoria del quale nessuno vorrebbe mai entrare a farne parte, stiamo parlando dei flop. La corona, c’è da dire anche inaspettatamente, tocca al nazionale argentino Andjuar, mostratosi decisamente insicuro, per dirla simpaticamente, in questo inizio di campionato. Qualche “papera” e poca sicurezza tra i pali, bisogna ritrovare al più presto il vero Andjuar, che non può e non deve essere quello visto finora. Stesso discorso per i connazionali Maxi Lòpez e Barrientos, da loro ci si attende molto di più, è giunto il momento di prendersi le proprie responsabilità, insomma meno asado e più allenamento.

    LA SORPRESA
    Una sorpresa di quelle che proprio non ti aspetti, l’insapettato regalo conduce al “rambo di Barletta”, stiamo parlando di Gennaro Delvecchio. Tornato in campo quasi per caso contro il Cesena, l’ex sampdoriano è adesso diventato un punto fermo del centrocampo etneo, passando dai fischi agli applausi dei sostenitori etnei. L’uomo che non ti aspetti, il gladiatore che da tempo mancava al centrocampo rossazzurro, indesiderato prima ma proprio per questo ancora più acclamato ora. Se mantiene questa continuità e questo stato di forma può davvero essere l’arma in più del Catania, sbalordendo chi su di lui non avrebbe scommesso nemmeno un centesimo.

    IN ATTESA DI…
    Ma il Catania aspetta tante altre pedine fondamentali, primo tra queste Christian Llama. L’argentino, fermo ai box per intervento di pulizia artroscopica alla caviglia destra, ha tanta voglia di riprendere confidenza con il campo, dimostrando il suo enorme potenziale mai sbocciato ma sempre pronto a quel passo che porta alla consacrazione. Bisognerà aspettare anche Suazo, uscito per uno stiramento di primo grado dall’ultima sfida di Novara, per lui circa due settimane di stop.

    DOPO LA SOSTA
    Chiamiamolo ciclo terribile, chiamiamolo pure “pentagono della paura”, il calendario che aspetta la squadra rossazzurra dopo la sosta si basa fortemente su queste particolari denominazioni. Inter al Massimino, Fiorentina e Lazio in trasferta, e Napoli in casa (la prima nel turno infrasettimanale) e Milan in quel di San Siro. Cinque big nel giro di 22 giorni, che serviranno a testare la consistenza di questo Catania in un contesto ancora da decidere, lotta salvezza o campionato tranquillo? Queste partite daranno chiare indicazioni in merito.

  22. Ip Address: 79.33.41.212

    buonasera amici catanisti ciao peppe58 sono d’accordo con te x quello arribbattutu interista a mmari cu tutti i scappi forza catania sempre 😈 😈

  23. Ip Address: 95.247.125.134

    Buonasera raga’!!!
    Ciao peppe58!!! 😉 😉 😉
    Mi hai fatto fare una risate sui post interisti da morire!!! 😆 😆 😆
    Se Lagrottaglie parla di difesa a tre contro Pazzini et company dobbiamo toccare ferro e toccarci sotto!!! 😐 😐 😐
    Non mi sento tranquillo purtroppo con una difesa alla chi “joc joc”!!! 😐 😐 😐

    Buona serata a tutti e forza Catania!!!

  24. Ip Address: 85.41.235.41

    Ciao Peppe,
    a me personalmente una difesa a tre piace 😀 😀 😀 con due mediani marcatori e un centrocampista fanno una diga davanti la difesa e va bene così… il compito di chiudere e andare all’inserimento.

    un attacco con Gomez, Lopez e Bergessio sarà il massimo 😉 😉

    penso che all’Inter gli faremo vedere i sorci verdi :mrgreen: :mrgreen:

  25. Ip Address: 79.37.108.60

    Ciao Angelo,Giorgio e Joe.Joe,anche a me piace la difesa a tre,però,Montella,a Novara ha schierato il centrocampo a cinque,così poteva essere coperto in difesa e veloce nelle ripartenze e due attaccanti,Gomez e Bergessio,Gomez però,quando il Catania non era in possesso palla, trasformava il modulo in un 3-5-1-1.Come dici tu invece,con Gomez,Lopez e Bergessio in attacco,hai due possibilità di modulo,un 3-4-3 e contro l’Inter mi sembra un pò azzardato,oppure un 3-5-2,con Gomez esterno di destra,dovrebbe fare il lavoro che ha “fatto” Lanzafame a Novara,e Bergessio con Lopez a incrociare lì d’avanti.Si potrebbe fare,però così,terremmo distante Gomez dall’area avversaria,io opterei,per Bergessio in panchina,non per demerito ma per dare una possibilità a Lopez e comunque pronto a subentrare e schierei lo stesso modulo di Novara.Comunque,penso che Montella,in queste due settimane,avrà studiato nei minimi particolari come affrontare,e,perchè no,battere l’Inter. :mrgreen:

  26. Ip Address: 82.61.7.209

    Si può anche optare per un 3-4-1-2 con Gomez da trequartista…..

    e davanti con Lopez e Bergessio !!!!! al meno per il primo tempo….

  27. Ip Address: 95.247.125.134

    Joe non e’ che la difesa a tre che non mi piace, a me sembra una difesa in convalescenza vengo e mi spiego.
    Bellusci si ferma per un problemino, Lagrottaglie rientra adesso idem Spolli, Capuano non stava bene, Marchese sembra una rana una volta a dx e poi a sx, dimmi chi fara’ i novanta minuti ?
    Io sabato, per non soffrire, alle 18 mi metto in vasca da bagno e ne esco solo alle 20!!! 😐 😐 😐

    Notte a tutti!!!

  28. Ip Address: 87.19.162.162

    sabato pomeriggio gioca la primavera del Catania kn il Napoli alle 16:00 su sportitalia, io nn me la posso vedere, vado allo stadio a vedermi Catania Inter alle 18:00!

  29. Ip Address: 95.234.193.144

    Salve raga’!!!
    Per Mbarefabricatanese!!!:wink: 😉 😉
    Ti ringrazio per l’nformazione di quanto giochi la Primavera, sfortunatamente non so perche’ sul digitale terrestre non mi esce il segnale di Sportitalia!!!:| 😐 😐

    Notizie degli infortunati sono blindati!!!Zitto che il nemico ci ascolta!!!:mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:
    Secondo me Mister Montella fara’ giocare un tempo ciascuno!!!

    Buona giornata a tutti!!!

  30. Ip Address: 79.33.41.212

    buonasera amici catanisti ciao giorgio buona l’idea della vasca da bagno io mi metto sotto la doccia hahaha :mrgreen: :mrgreen:

  31. Ip Address: 79.30.80.23

    Buon pomeriggio a tutti.

    Esclusiva Goal.com –

    El Papu Gomez a tutta Argentina! “Sogno la Seleccion, stimo Lavezzi e Denis, per il titolo dico Napoli”

    Intervista esclusiva al talento argentino del Catania: “Giampaolo è stato fondamentale al mio arrivo in Italia. Nazionale? Se non sei in una grande è dura…”.
    13/ott/2011 17.10.00 dall’inviato Renato Maisani.

    Quando Pietro Lo Monaco pesca in Argentina, difficilmente si sbaglia. Con Alejandro Gomez, però, l’amministratore delegato del Catania ha messo a segno un colpaccio che, sia sotto l’aspetto tecnico che sotto quello teorico si colloca tra i migliori in assoluto.

    El Papu’, straordinario protagonista del pareggio raccolto a Novara, dopo la più che sufficiente stagione d’esordio quest’anno sta percorrendo la strada che porta alla definitiva consacrazione.

    Noi di Goal.com lo abbiamo intervistato in Esclusiva presso l’avveniristico centro sportivo del club etneo, a ‘Torre del Grifo’, dove con il solito sorriso smagliante, Gomez ha parlato di calcio a 360°.

    Dunque Papu, l’anno scorso hai fatto molto bene, specialmente nel finale di stagione, ma da quest’estate sembri ulteriormente trasformato: cosa è successo? “Sì, l’anno scorso avevo fatto una stagione molto buona per essere la prima in Italia, ma adesso mi trovo ancora meglio e penso che dopo la prima partita ho trovato la fiducia necessaria e mi accorgo di aver cominciato a giocare molto bene”.

    In Italia hai già tre avuto tre allenatori e cioè Giampaolo, Simeone e Montella: chi ha esaltato di più le tue qualità? “La fiducia che mi ha dato mister Giampaolo è stata importantissima per la mia carriera. E’ stato il primo mister che ho avuto qui in Italia e per me è stato importantissimo il fatto di aver sempre giocato con lui. Simeone lo conoscevo già dall’Argentina ed anche con lui mi sono trovato molto bene…”.

    Svelaci tu il mistero sulla tua posizione: Gomez è un trequartista o un esterno? “Guarda, io ho giocato poco come trequartista in Argentina e molto spesso l’ho fatto nelle giovanili. In Italia ho giocato sempre come esterno e mi sono trovato bene. Spero di continuare così”.

    Smentiamo dunque questa voce secondo la quale Gomez vuole fare il trequartista? “Sì”.

    E’ stato importante sentire sin da subito la fiducia di Giampaolo al mio arrivo in Italia, con lui ho sempre giocato

    In cosa devi e puoi ancora migliorare? “Mah, io sono ancora giovane e quindi devo migliorare in tante cose. Il mio obiettivo principale è quello di essere più concreto in zona goal”.

    A proposito di questo, Simeone lo scorso anno ai nostri microfoni ha detto che se diventerai più concreto potrai avere un exploit come quello avuto lo scorso anno da Sanchez… “Sì, l’ho saputo. Beh, penso che io e Sanchez siamo un po’ simili nel modo di giocare. Lui ha giocato per molto tempo in Italia all’Udinese prima di esplodere, io sto ancora cominciando e devo imparare tante cose. Spero di continuare per diventare bravo come lui…”.

    Tu non ci hai messo molto ad ambientarti nel campionato italiano: perchè il tuo compagno Barrientos fatica così tanto? “Lui è un grande calciatore e su questo non si discute. Ho giocato con lui al San Lorenzo (nella stagione 2005-2006, ndr) e ho avuto modo di vedere che è un davvero forte. Qui è stato infortunato per tanto tempo e, come tutti i calciatori, per rendere ha bisogno della fiducia che si assume soltanto giocando quattro-cinque partite di seguito”.

    Maxi Moralez ha avuto un ottimo impatto con la Serie A, tu stai facendo molto bene, Giovinco è addiirttura capocannoniere. Allora non è vero che in Italia il fisico conta così tanto? “Già (ride, ndr). Penso che in tutto il mondo i giocatori piccoli di statura hanno fatto la differenza. Messi, Sanchez, Maradona…”.

    Non ho aspettative per la Seleccion. C’è tanta concorrenza nel mio ruolo, e da lì seguono prevalentemente le grandi

    A proposito di piccoletti, ti piacerebbe giocare al fianco di Messi nell’Argentina? “Eh, sì. Ma è difficile…”.

    Ti aspettavi una convocazione dal c.t. per le partite recenti? “No, sinceramente non me la aspettavo perchè è difficile andare a giocare nella Nazionale argentina e lo so. Ci sono tanti calciatori importanti nel mio ruolo”.

    Sei in contatto con Sabella? “No. Sicuramente lui mi conosce per la mia esperienza in Argentina, ma io sono cresciuto tantissimo dopo essere arrivato qui. Arrivare in Nazionale, però, è difficile, perchè io qui sono in una squadra ‘piccola’ mentre in Argentina seguono soltanto le squadre più importanti d’Italia”.

    Tornando a Messi: è evidente che con la maglia della Seleccion fatica a fare quello che fa con estrema naturalezza con la maglia del Barcellona? Come te lo spieghi? “Eh, è vero. Ma secondo me è normale perchè in Nazionale non ha la possibilità di allenarsi tutti i giorni con gli stessi compagni. Al Barça si conoscono tutti da tanti anni, lui gioca come ha sempre giocato sin dalle giovanili, mentre in Nazionale si gioca una volta ogni due mesi e con compagni spesso diversi. Lui comunque è il migliore al Mondo e troverà anche in Nazionale la fiducia che ha nel Barcellona”.

    Mi piacerebbe giocare al fianco di Denis. L’ho incrociato ai tempi dell’Arsenal, uno così può fare bene in ogni campionato

    Sono tanti gli argentini che militano nel campionato italiano. Dimmene uno che ti piacerebbe avere come compagno di squadra… “Eh, uno c’è”.

    Lavezzi non vale… “Eh, volevo dire proprio Lavezzi (ride, ndr). Allora ti dico il ‘Tanque Denis’: lo conosco per averlo incrociato ai tempi dell’Arsenal di Sarandì ed è molto forte. E io credo che se un attaccante riesce a far bene in un campionato così difficile come quello italiano, può fare bene in qualsiasi altro campionato”.

    E’ il momento dei pronostici: chi vincerà lo Scudetto? “Credo che quest’anno il Napoli possa davvero vincere il campionato”.

    E quale squadra sarà la sorpresa della Serie A? “Beh, speriamo che la sorpresa sia il Catania, no?”.

  32. Ip Address: 79.33.41.212

    amici chivu vuole ripartire da catania forza che rimanga bloccato a catania forza catania sempre 😈 😈

  33. Ip Address: 79.30.80.23

    Inter, ricorso parzialmente accolto: Ranieri in panchina col Catania
    13.10.2011 18.25 di Raimondo De Magistris

    “È stato parzialmente accolto il ricorso presentato da F.C. Internazionale in merito alla squalifica di Claudio Ranieri dopo l’espulsione nell’intervallo di Inter-Napoli. La Corte di Giustizia Federale ha tramutato la sanzione in ammonizione con diffida e ammenda di 10mila euro. Il tecnico, quindi, sarà regolarmente in panchina in occasione di Catania-Inter, in programma sabato”. Con questo comunicato apparso sul sito ufficiale dell’Inter, la società nerazzurra ha reso nota che la squalifica di una giornata inflitta a Claudio Ranieri dopo l’espulsione al termine del primo tempo della sfida contro il Napoli è stata tramutata in ammonizione con diffida e ammenda. L’allenatore di Testaccio sarà regolarmente in panchina per la sfida di sabato contro il Catania.

  34. Ip Address: 79.33.41.212

    ciao peppe58 e ti pare una cosa giusta? se succedeva a noi non la passavamo liscia ti pare 🙄 🙄

  35. Ip Address: 79.30.80.23

    Ciao Angelo,tutto sommato meglio così,spero che questo basti per “compensare” le lamentele interiste. :mrgreen:

  36. Ip Address: 95.234.193.144

    Buonasera raga’!!!
    Vero angelo, mi ci metto immerso nell’acqua senza vedere e sentire la partita.
    L’unico della difesa efficiente e’ Marchese mentre gli altri tutti convalescenti a parte Alvarez e Potenza!!! 😐 😐 😐
    Mamma mia raga’!!! 😥 😥 😥

    Pure Ledesma si e’ fermato e siamo a 8 giocatori fuori, come l’anno scorso!!! 😕 😕 😕

    Che sfortuna che abbiamo, managgia!!!

    Buona serata a tutti!!!

  37. Ip Address: 79.33.41.212

    sono d’accordo con te almeno la prendiamo a ridere e come dice il vecchio detto gente allegra dio l’aiuta :mrgreen: :mrgreen:

  38. Ip Address: 79.33.41.212

    io dico l’inter e messo male ma noi non siamo da meno a parte tutto forza catania sempre un po di ottimismo non guasta mai 😉 😉

Spiacenti, i commenti sono chiusi.

su
giu