Ping pong senza fine

 Scritto da il 16 settembre 2018 alle 16:32
Set 162018
 

Continua la sceneggiata sulla pelle del calcio italiano ma, in particolare, su quella di cinque squadre che quasi per un altro mese non potranno scendere in campo.

Ferme ai  box, con i motori caldi provati da una preparazione atletica iniziata ai primi di luglio, vedranno già da oggi sfrecciare altre vetture sui  vari circuiti e loro li, ferme insieme ai loro meccanici ed allo staff, incolpevoli spettatrici,  a soffrire e ad accumulare tossine psichiche che sicuramente salteranno fuori quando, tribunali permettendo, si troveranno a dover recuperare il terreno perduto, affrontando sfide ravvicinate che non faranno sicuramente bene ai muscoli ed alla mente dei loro tesserati.

I campionati iniziano normalmente a fine agosto, sul finire dell’estate e gradatamente si arriva circa alla sesta giornata in autunno per poi affrontare gli incontri pre natalizi col fresco e tirare il fiato dopo Natale per recuperare le forze, sanare gli acciacchi e consentire alle società di rafforzare il proprio organico durante il calciomercato invernale per la svolta finale.

Questa parentesi, molto probabilmente, per le cinque squadre interessate ai ricorsi, non ci sarà o sarà più breve.

Che sia serie B o C, esse oramai partiranno con l’handicap di dover recuperare con affanno ed in fretta e, sicuramente, sarà per loro un stagione travagliata e difficile e, di questo, non possiamo che ringraziare pupi e pupari che con il loro procedere da impertinenti Don Abbondi del calcio, con il loro affannarsi nel scalciare le pietruzze dal viottolo dorato che percorrono concentrati nel non inciampare, non si accorgono dei macigni che la montagna dall’alto sta gettando giù e già ha travolto la punta di diamante del nostro calcio, quella nazionale tanto amata dal popolo italiano che, dopo aver incredibilmente perso l’occasione di partecipare alla competizione mondiale, rischia di precipitare nella serie B del calcio europeo dopo lo stentato pareggio raggiunto in casa su rigore  con la Polonia e dopo le sberle portoghesi.

La serie A oramai e’ diventata monologo bianconero, la cadetteria una competizione per alcuni intimi costretti ad abbonarsi ad altra piattaforma streaming, la C una competizione con pochi introiti ed abbandonata a se stessa ed al coraggio di presidenti che gettano soldi per passione  per poi talvolta dichiarare fallimento a fine stagione o durante, salvo in alcuni casi trovare risorse magari da mentori palesi od occulti.

Nel ginepraio di  regole cancellate in itinere, di immobilismo cercato e voluto, di decisioni non  prese, assistiamo alla fine della passione per il calcio.

Calcio che vogliono far diventare quello dei divani e delle pay tv anziché quello degli stadi un tempo pieni di cuori appassionati per i propri colori, stadi sempre meno adeguati a differenza delle agenzie di scommesse ove ti accolgono con il sorriso bionde fanciulle dietro vetrate invitanti e comode seggiole  per mettere a proprio agio e coccolare il giocatore di turno.

Nel marasma generale creato e che qualcuno immaginava potersi assopire con la partenza forzata dei campionati (ma gli è andata male), chi è rimasto saldo al timone a seguire la rotta e’ la dirigenza della lega pro che sta insegnando ad altri come vanno gestite le situazioni, magari prendendole di petto ma nel rispetto delle regole scritte e non di vacuo starnazzare di papere insicure.

Per chi non lo sappia, nei tribunali valgono le norme, le regole scritte e quelle daranno alla fine ragione a chi l’avrà.

La giustizia sportiva ha dato un segnale di lassismo e di cattiva lettura della stessa, allungando ed annacquando i termini per le decisioni quasi di proposito mentre dovrebbe, per i tempi stretti in cui e’ costretto lo sport a muoversi, agire con rapidità e giustizia, quella che e’ mancata, o meglio ha trionfato la dichiarata non competenza a decidere.

Adesso una squadra del girone C della serie C ed una del girone B non scenderanno in campo, creando squilibri nelle giornate calcistiche che seguiranno e, cosa ancora più grave, tre squadre del girone A stravolgeranno e falseranno il campionato perché fermeranno il 30% degli incontri del proprio girone ad ogni turno, con naturali ricadute su tutta stagione e di questo non possiamo che ringraziare chi doveva imporre date dei giudizi più brevi, chi doveva decidere con serietà e competenza, chi doveva perché no, metterci la faccia facendo trionfare la giustizia e la serenità d’animo nei giudizi finali e non lo ha fatto.

 

  90 Commenti per “Ping pong senza fine”

  1. Ip Address: 5.90.148.114

    Situazione pesante x tutti solo il governo può sbrigliare questa matassa …..il problema che di toccare malago hanno tutti paura…altro che mafia fozza ct

  2. Ip Address: 176.200.207.167

    Mafia dai guanti bianchi, quella che è difficile da scardinare, troppi interessi in ballo

  3. Ip Address: 93.56.72.137

    Mafia dai colletti

  4. Ip Address: 78.15.10.136

    La Redazione ha fatto benissimo ricordare che l’unico motivo dell’esistenza della giustizia sportiva è di dover decidere con tempestività perchè lo sport non può aspettare i tempi della giustizia ordinaria. I fatti invece dimostrano che quando si tratta dei loro interessi la giustizia sportiva sfruttando tutti i cavilli si uniforma ai tempi della giustizia ordinaria trascurando così l’interesse primario dello Sport.
    In 45 giorni nessun tribunale sportivo ancora è entrato nel merito dei ricorsi, a questo punto tanto vale togliere questo privilegio ed autonomia che ha la giustizia sportiva ed affidarsi direttamente a quella ordinaria.

  5. Ip Address: 151.46.153.76

    Caro Vincenzo. e’ quello che è successo nel 2003 ! Se non intervenivano i tar e poi l ‘ intervento politico non sarebbe partito il campionato di serie B ! Adesso la situazione è molto più grave perché ,come se nulla fosse ,continua la serie B ed ècominciata la serie C ! Allora, se ricordi c ‘ era un presidente effettivo FGC ,il quale da potere forte faceva orecchi di mercante ,intervennero diversi tar e poi per intervento governativo fecero il format a 24 ,con molti club che all’ inizio fecero sciopero ,poi si acquietarono ( sei promozioni ecc. ecc ) Da allora ,memori di quell’ anno ,gli organi sportivi tolsero la possibilità di rivolgersi ai tar regionali ! Restò solo competente Il tar del Lazio ! Concludendo , adesso i campionati sono cominciati e se non intervengono gli organi governativi ( che ,fino ad ora ,vanno avanti come se nulla fosse) cinque società avranno dei danni gravissimi e sopratutto quelle due che quasi certamente non verranno ripescate ! E poi ,io sono sicuro ,che quei due gradi di giudizio favorevoli a Novara e Catania ,non serviranno a niente ! Io ,personalmente ero intenzionato a non scrivere per un certo periodo ,ma di fronte a questo scempio ,a queste prevaricazioni subite da questa squadre ed in special modo ( l’ ennesimo dal Catania ) non potevo esimermi dallo scrivere queste parole ,che dall’ alto dei miei tanti anni ,sono sicuro ,che sono condivise da tutti gli amici del sito! Ci vuole coraggio ,tanto coraggio!

  6. Ip Address: 78.15.10.136

    Ieri ho scritto nel post 53 che ero straconvinto che qualcos’altro doveva succedere e che non dovevamo aspettare fino al 9 ottobre. Quel qualcos’altro è arrivato con l’iniziativa di Frattini e penso che in settimana avremo almeno la certezza su dove giocare e che il format della B sarà con 22 squadre. Già è qualcosa perchè anche se non ripescati almeno non partiremo in condizioni molto disagiate rispetto altre squadre del girone C.
    Come anticipato da Frattini lui è favorevole al format 22 e secondo gli atti non avrebbe neanche il potere di sconfinare fino ad arrivare al format 24, pertanto, l’unica possibilità per arrivare a 24 rimane che la Figc vedendo sfumare il suo progetto del format 19 disinnesca tutti i pericoli che potrebbero arrivare dalla giustizia penale per salvare tutti. Ci credo poco ma potrebbe anche verificarsi.
    In ogni caso già inizio a godere che le 19 squadre della B che si erano vendute per quattro denari rimarranno con un pugno di mosche e nel caso di 24 squadre (che non credo ma possibile) forse bisognerà rimodulare il calendario sin dall’inizio. Se così fosse le squadre ripescate risulterebbero avvantaggiate specialmente verso la fine del campionato perchè arriverebbero meno logore.
    In ogni caso o 22 o 24 Balata dovrebbe avere la decenza civica di dimettersi.
    .

  7. Ip Address: 93.46.56.84

    Balata non solo dovrebbe dimettersi ma dovrebbe anche sparire dall’Italia e a ruota dovrebbe seguirlo l’altro corrotto di Fabbricini. Entrambi passeranno alla storia per aver scritto una delle pagine più nere del calcio italiano

  8. Ip Address: 151.68.112.71

    Buongiorno a tutti a quando pare la telenovela continua , ma quando finirà ?

  9. Ip Address: 78.15.10.136

    Mexxican riguardo all’inizio del campionato del Catania è molto probabile ” nel bene o nel male ” che la vicenda su dove giocare si concluderà entro questa settimana e presto inizierà a giocare.
    Per quanto riguarda il resto invece ancora esistono delle incognite perchè tutto dipenderà dalla imparzialità del Collegio giudicante che a quanto pare dovrebbe essere formato da 5 nuovi giudici. Se così fosse neanche lo stesso Frattini potrà essere Presidente (perchè ormai si era espresso al format 22) e quella certezza assoluta del cambio del format.diventerebbe solo una probabile scelta di questo nuovo Collegio. Se quest’ultimo decidesse di confermare invece il format a 19 a tutte le cinque strade non ripescate rimane la strada di continuare al Tar e giustizia ordinaria per risarcimenti milionari e vedere qualcuno condannato.

    .

  10. Ip Address: 5.90.154.7

    Scusa vincenzo una cosa su cui credo concordi.la b a 22 come confermato oggi da frattini credo che precluda la estromissione del…..catania in quanto ternana e vercelli hanno sentenza a favore la terza è da pescare fra le altre 3 e per sceglerla non sarà facile dire catania non è. ….facile c’è da impazzire speriamo questa settimana finisce questa via crucis forza catania

  11. Ip Address: 151.43.21.44

    Io non mi fiderei nella maniera più assoluta ! Potrebbe essere una trappola ! Di questa gente compreso Frattini c’ è da spettarsi di tutto ! Una continua visibile malafede ! Insistitiamo su un maxi-risarcimento ,tanto la stagione ,in ogni caso è assai compromessa ! Speriamo che Lo Monaco sia consigliato a prendere la decisione più giusta !

  12. Ip Address: 78.15.10.136

    Aurelio cerco di fare chiarezza. Con Frattini presidente del Collegio si avrebbe la certezza del format a 22 ma rimane un mistero sulle tre squadre da ripescare. Riguardo la sentenza Pro Novara, Ternana e Vercelli non hanno mai avuto una sentenza a favore per annullare il dispositivo del TFN poi confermato anche dal Caf. Loro hanno ottenuto semplicemente una sospensione dell’efficacia fino alla discussione sul merito che fino ad oggi non è stato mai possibile discutere. C’è da dire che Frattini o chi per lui non dovrebbe neanche entrare nel merito di quelle due sentenze, semmai potrà solo dire che il Novara non aveva legittimità a fare quel ricorso. Inoltre dall’udienza del 7 settembre l’avvocato Cota del Novara ha presentato una eccezione dicendo che la Ternana e Vercelli non avevano alcun potere e diritto ricorrere contro le due sentenze e Frattini è rimasto visibilmente spiazzato e non ha affrontato l’argomento perchè i tre giudici hanno deciso che quel Collegio non era abilitato a farlo.
    Ora parliamo cosa potrebbe succedere con un Collegio formato da altri 5 giudici con un Presidente che non sarà Frattini:
    1) contrariamente a quello che pensava Frattini questo nuovo Collegio potrebbe decidere che il ripescaggio non è un diritto e così confermare il format a 19 e non entrare neanche nel merito sulle due sentenze a favore Novara;
    2) confermare l’idea di Frattini sul format a 22 ed a quel punto Novara e Catania avrebbero elevate possibilità di andare in B, salvo loro trovare una illegittimità del ricorso Novara che a mio avviso è difficile da argomentare;
    3) dare un colpo di spugna e chiedere alla figc il format a 24, quest’ultima ipotesi potrebbe verificarsi solo se Collegio e Figc sono già d’accordo prima dell’udienza.

    Ora ti dico cosa pensa il sottoscritto.
    Il nemico numero uno delle squadre ripescabili è il tempo e su questo credo che tutti l’abbiamo detto in questi due giorni. Ho parecchie perplessità sul fatto della nomina di questi 5 giudici perchè la formazione di questo nuovo Collegio potrebbe nascondere una ulteriore trappola, perchè mentre Frattini era scontato il cambio del format con quest’ultimo non si sa. Pertanto visto che il tempo gioca a sfavore delle squadre ripescabili farei in modo di acconsentire l’udienza in settimana con una unica adesione firmata da tutte le squadre interessate chiedendo “garanzie” su chi dovrà procedere alla nomina dei giudici. A questo punto necessita un Collegio terzo perchè la giustizia sportiva ha dimostrato ampiamente di non meritare quella fiducia ad aver un assegno con la cifra in bianco firmato dalle 5 squadre. Chiederei a Giorgetti di prestare alla giustizia sportiva 5 giudici e per una volta fare assistere veramente da spettatore Malagò.
    Sottolineo che questa udienza accelerata non preclude eventuale ricorsi per risarcimenti.

    .

  13. Ip Address: 151.47.18.251

    Sono d’ accordo con te ,caro Vincenzo ! Le tue soluzioni sono molto saggie ! Mai lasciare sssegni in bianco a tale gente !Ma il dubbio che rimane è sempre quello ! Interverrà il governo ? Riusciranno a lasciare fuori dai giochi Malago’ ? Ad ogni modo una condizione indispensabile : non si può perdere più tempo!

  14. Ip Address: 84.226.132.80

    Io credo invece che questi VOGLIONO perdere tempo! Ne vogliono perdere talmente tanto che alla fine é meglio continuare a 19!

    E la C anche se inizia a Natale a questi non ne frega proprio niente! E la faranno finire ad agosto

  15. Ip Address: 78.15.10.136

    Armando Noi comuni mortali non conosciamo quello che avviene dietro il sipario. Non è detto che questa iniziativa d’oggi di Frattini per accelerare i tempi sia tutta farina del suo sacco perchè va nella direzione opposta di posporre le decisioni. Lo stesso Frattini è stato il primo artefice rimandando inspiegabilmente di 28 giorni l’udienza, quindi qualcosa sarà successo dopo l’udienza del Coni. Personalmente penso che Frattini odorando la possibilità dei tribunali penali vuole affrancarsi ed uscire così in punta di piedi non avendo deciso nulla. L’unico addebito che dovrebbe chiarire è perchè ha concesso una sospensiva poggiandola su ricorsi illegittimi.
    Non ho idea se il governo sta lavorando dietro le quinte per non aggravare l’immagine del Paese, un suo intervento diretto darebbe un effetto mediatico che forse non gioverebbe allo stesso governo.
    Cmq è già un fatto positivo che la prossima settimana iniziamo a giocare e nella peggiore delle ipotesi continuare la battaglia per il risarcimento.

  16. Ip Address: 78.15.10.136

    Ora ho capito perchè Frattini vuole accelerare i tempi. Immaginavo che non era tutta farina del suo sacco infatti c’è lo zampino del Tar che ha chiesto al Collegio di decidere “senza indugio” e questo in parte mi conforta.
    Intanto domani il Tar deciderà sul ricorso presentato dalla Ternana contro la sentenza Novara e quest’ultimo ha presentato una memoria difensiva dove sostiene che la Ternana non era legittimata a ricorrere. Domani per il Catania sarà una giornata cruciale perchè se il Tar rigettasse il ricorso della Ternana il Collegio del Coni non potrà mai più ritornare sull’argomento e se il 21 settembre data già fissata dal Collegio venisse modificato il format a 22 significherebbe serie B per il Catania. Per domani nutro speranze del rigetto per il 21 settembre invece ho tantissime perplessità.

  17. Ip Address: 5.90.190.109

    Scusa vincenzo nell avviso di udienza del 21 pv al coni se leggi con att.ne sono menzionati verso la fine i nomi delle squadre per i quali si ritiene doveroso chiarire il format non vorrei essere pessimista ma sono menzionate ternana vercelli e siena catania e novara non compaiono….non vorrei sbagliarmi ma x me andiamo a una b a 22….senza il catania spero di sbagliarmi…..comunque gravina ce lha fatta a mettere un punto a questa storia vergognosa 🌃

  18. Ip Address: 5.90.190.109

    Scusami ho letto male il siena dovrà essere discusso il 24 pv il 21 solo i ricorsi di ternana e pro vercelli…comque la vedo…male…carusi che camurria b notte dommimo che è meglio 👋

  19. Ip Address: 78.15.10.136

    Aurelio il cambio del format è una questione oggettiva e non soggettiva, mi spiego meglio: i ricorsi delle squadre da te citate contestano il cambio del format da 22 a 19 ma questo non significa che le eventuali ripescate sono quelle che hanno fatto ricorso. Se si riporta di nuovo il format a 22 poi ci sarà la famosa graduatoria a stabilire chi ne ha diritto. Pertanto se domani il Tar rigettasse il ricorso della Ternana contro la sentenza a favore del Novara la graduatoria diventerebbe Novara, Catania e Siena e non più Siena, Ternana e Vercelli.

  20. Ip Address: 62.2.176.13

    Ronaldo nasconde lo sfascio del nostro calcio: B e C sono due baraccopoli

    Ronaldo, Ronaldo, Ronaldo. Si parla solo di lui e lo si può anche capire: da troppo tempo non avevamo un numero uno, giusto goderselo. C’è però un retrogusto amarissimo in tutte le celebrazioni di CR7 o anche dei suoi sparring partner, ieri Insigne, oggi Higuain, domani chissà: le facce di questi campioni nascondono lo sfascio di tutto quello che c’è dietro, più in basso. Un po’ come partecipare a una festa piena di luci, lustrini e champagne, affacciarsi alla finestra e vedere là sotto una sterminata baraccopoli.

    Le baraccopoli del nostro calcio sono la serie B e la serie C (e anche un po’ di A, se vogliamo essere sinceri). Quei due campionati vanno avanti in una situazione che non è paradossale, ma infinitamente peggio: la definiremmo imbarazzante, inconcepibile, vergognosa. Chi vi partecipa non ha quasi mai colpe, certo non ne hanno calciatori e tifosi, i quali sono fondamentalmente vittime. Proprio come chi è costretto a vivere ai margini della civiltà, nelle baraccopoli appunto.

    C’è la B che gioca le sue partite con 19 squadre come se niente fosse e intanto Frattini, il presidente del Consiglio di garanzia del Coni, il quale insiste e sottolinea come – a suo avviso – il campionato debba tornare a 22 partecipanti e forse una decisione in tal senso sarà presa in settimana (sia chiaro, a nostro avviso ha totalmente ragione lui, ma è normale che si sia consentito alla Lega di B di organizzare un campionato in base alla propria volontà e ai propri interessi, senza tenere conto del resto del movimento?). C’è poi la serie C che il giorno prima dell’inizio ha fermato cinque squadre, cioè quelle che potrebbero essere riammesse in B, perché il Tar del Lazio ha stabilito che forse, chissà, tra un mese rischianoi di essere ripescate, e allora come possono giocare in C se poi andranno in B?

    In tutto questo un presidente che non è mai stato preso troppo sul serio, perché abituato a dirne di ogni tipo, ha deciso che la sua squadra, la Viterbese, non sarebbe scesa in campo perché l’hanno inserita in un girone anziché in un altro. In un mondo normale avrebbero squalificato Camilli e – per colpa sua – ci avrebbe rimesso anche la società di cui è proprietario. Sapete invece cosa gli hanno detto? Forse ti accontentiamo, dacci tempo, intanto tieni pure la tua squadra a Viterbo e pazienza se ti rifiuti di giocare. E quando un altro presidente si sveglierà e annuncerà la stessa forma di protesta, magari per un rigore negato o chissà cosa, come faranno a dargli torto?

    Ronaldo segna, Higuain e Insigne anche: com’è bello il calcio italiano visto dal grattacielo. A voi baraccopoli.

    @steagresti

  21. Ip Address: 151.36.77.139

    Buongiorno a tutti, , non ci sto capendo niente in questo caos …….
    Caro jamajama il calcio è lo specchio dell’Italia dove non funziona una mazza un paese in mano a dei corrotti criminali

  22. Ip Address: 88.74.24.204

    Carusi, l’Italia è così come la vogliono…. gli italiani. E´inutile stare lì a lamentarsi che è un paese di corrotti, criminali e chissà cos’altro. Siamo noi italiani a volere che le cose vadano avanti così, perché buona parte di noi (non tutti per carità) in fondo spera che di avere un amico in un posto di rilievo che faccia il favorino a noi anziché a qualcun latro. Ricordate sempre che non viviamo in una dittatura, i criminali corrotti che ci governano ce li scegliamo noi, e spesso siamo ben contenti di farlo. Quando un sostenitore di mafiosi, corrotto fino al midollo, invischiato in tutti i peggiori scandali della storia repubblicana veniva eletto a furor di popolo per guidare il governo, eravmo noi italiani a volerlo. Quando il suo figlio putativo (dal punto di vista dello stile politico) si imponeva come primo ministro all’Italia in virtù del fatto di essere stato sindaco di una città di media grandezza, pur avendo fatto favori e favorini a tutta la sua famiglia ed amante, eravamo contentissimi di avere la “rottamazione”. Quando uno che si è fatto la campagna elettorale con il sostenitore di mafiosi, che ha rubato 50 milioni allo stato italiano e se ne vanta, rischia di ottenere un plebiscito solo perché si fa bello ricacciando indietro i più disperati tra i disperati, siamo sempre noi a volerlo. E se il mondo del calcio è uguale alla politica è perché a noi in fondo in fondo se il vantaggio è dalla nostra parte, sta bene così. Senza andare troppo lontano vi ricordo che il sindaco peggiore di tutta la storia della nostra città, medico del sostenitore dei mafiosi, ha causato danni inenarrabili (deficit superiore a quello di Roma, luce pubblica a chiazza di leopardo, scandali e contro scandali di tutti i tipi) eppure è stato eletto due volte ( emno male che è morto, perché sennò magari lo avrebbero rieletto di nuovo) . Quindi basta lamentarsi del sistema marcio, assumiamoci le nostre responsabilità, cercando di fare il possibile per rispettare le regole della convivenza sociale. Immagino che adesso si leveranno duemila invettive nei miei confronti, ma so che in fondo anche voi siete consapevoli di quello che dico. Terminato lo sfogo, che mi auguro mi perdonerete, voglio dire che comunque vada a finire questa storia, il Catania ha un solo dovere nei confronti di noi tifosi: quello di fare un bel campionato, qualunque esso sia, avendo sempre come obiettivo il ritorno al più presto possibile nella serie maggiore. Così perlomeno potremo lamentarci di come ruba la rubentus, di come avvantaggiano la Roma, l”inter, il Milan, il Parma e il Chievo. Le nostre lamentele insomma non avranno mai fine, ma almeno speriamo di poterci godere presto il calcio che conta. E magari da protagonisti, non da Frosinone, con tutto il rispetto.
    Buona giornata a tutti, aspettando notizie dal fronte giuridico, e sempre fozza Catania

  23. Ip Address: 151.36.77.139

    Frattini: “Il decreto del Tar del Lazio ha bloccato tutte le partite di B. C’è urgenza forte, venerdì l’udienza”
    È di ieri la notizia della convocazione del Collegio di Garanzia del Coni, per decidere sul format del campionato di Serie B, da parte del presidente Franco Frattini. L’ex ministro degli Esteri, intervistato da Umbria Tv, traccia un quadro chiaro della situazione e dei passaggi previsti nei prossimi giorni.

  24. Ip Address: 78.15.10.136

    Il Palazzo ha delle crepe e rischia di crollare. Ormai è chiaro che Frattini che c’è qualcuno dietro le sue spalle per trovare tutto questo coraggio ed affermare che anche se la lega B e federazione decidessero di non dare il consenso per la rinuncia dei termini, lui procederà d’ufficio perchè la situazione è tale che non consente più perdere altro tempo. E’ inusuale tutto questo coraggio.
    Il Palazzo sapeva che con l’entrata in scena del Tar il loro progetto non poteva andare in porto ed hanno fatto di tutto per evitarlo ma come spesso avviene chi semina vento trova tempesta.
    .

  25. Ip Address: 62.2.176.13

    È ancora caos per le serie minori del calcio italiano: 6 partite della Serie C sono state rinviate a data da destinarsi. Causa: la decisione di fissare al 21 settembre l’udienza del Collegio di Garanzia per la riassunzione e il riesame dei giudizi sui ricorsi di Pro Vercelli e Ternana sui format di Serie B. Non verranno quindi disputate Arezzo-Pro Vercelli, Novara-Albissola e Siena-Pisa per quanto riguarda il girone A; Fano-Ternana per il girone B; Catania-Siracusa e Juve Stabia-Viterbese per il girone C.

    frattini e il caos serie b — Intanto il presidente del Collegio di Garanzia del Coni, Franco Frattini, in un’intervista a InBlu Radio è tornato a parlare della questione ripescaggi della Serie B: “È più facile gestire la serie B o un G7? In questo caso ci si confronta con milioni e milioni di sportivi e tifosi che non sentono e vedono ragioni. Fare il giudice in questa materia è molto complicato” ha dichiarato Frattini. “Mi occupo di questioni ancora più delicate sia del G7 sia del calcio, perché mi occupo di processi di mafia – ha aggiunto -. Ogni settimana scrivo sentenze sulle infiltrazioni mafiosi sull’economia eppure devo dire che questo calcio qualche problema lo dà”.

    date — “Il fatto nuovo – ha spiegato Frattini – è che il Tar del Lazio oltre che sospendere la sentenza ha sospeso il campionato. È chiaro che se noi dovessimo aspettare la data dell’ordinanza collegiale che il Tar ha stabilito al 9 ottobre vuol dire che fino al 9 ottobre non si giocherebbe la serie B, e questo mi sembra impossibile sotto il profilo della passione sportiva di milioni di tifosi. Quindi venerdì 21 settembre il Collegio di garanzia riesaminerà la questione in una composizione completamente nuova. Il Collegio deciderà se la serie B sarà a 22 o 19 squadre. Se si dovesse decidere che la B dovrà essere composta da 22 squadre, lunedì prossimo si deciderà quali saranno le 3 squadre su 6 che dovranno essere ripescate”.

  26. Ip Address: 62.2.176.13

    Pierpalla TI DO RAGIONE SU TUTTO QUELLO CHE HAI DETTO lÎtalia é degli Italiani dunque sono loro/siamo noi che abbiamao il potere in mano!!!!!! Ma purtroppo l’italiano pensa solo al suo di orticello……………

    Ciao Mexxican come stai? Io da quando guardo il campionato tedescho e quello inglese come una pasqua :mrgreen:

  27. Ip Address: 151.35.136.37

    Il messaggio di Frattini è stato chiaro ! Continuando di questo passo si giocherà a Natale ! Ha fatto un passaggio chiaro : se ripescano ,per ipotesi , Novara e Catania , poi la Ternana e la Pro hanno tutto il diritto di fare altri ricorsi e viceversa ! Questo è in sintesi quello che hanno combinato questi signori ,che non meritano neppure di essere chiamati tali !

  28. Ip Address: 151.35.136.37

    Vorrei un parere di Vincenzo ! Per me è sono quasi certo la ternana ,la pro ,e conseguentemente anche il Siena ( nel caso probabile di una seri B a 22 squadre ,si sentono in una botte di ferro ! Le parole di Frattini e la mossa di non ricorrere al Tar gli da una percentuale alta per battere il Novara ed il Catania!

  29. Ip Address: 37.159.117.229

    Armando sul tuo quiz sono daccordo anche io la b a 24 è un sogno il catania e novara x me rischiano di essere fatte fuori….è dura ma purtroppo 2 devono rimanere fuori a noi nessuno ci….ama ma vedremo 👋

  30. Ip Address: 151.82.147.50

    Ciao jamajama io tutto ok non vedo nessun campionato seguo la telenovela comica quella della FIGC 😂😆🤣😁

  31. Ip Address: 151.82.147.50

    La telenovela continua………. Altro passo indietro da parte di Frattini
    “Non è ovviamente sospesa l’intera serie B, ma le partite di tutte le squadre parti nelle varie cause… quelle che avrebbero dovuto giocare in C ad esempio, ma aspirano alla B, non hanno giocato e non giocheranno neppure in C fino al verdetto.. dunque urge decidere. La FIGC però si oppone e chiede al Tar la revoca del decreto cautelare e della mia convocazione. Vediamo”. Il Presidente del Collegio di Garanzia Franco Frattini fa un passo indietro su Twitter, in merito al blocco del campionato di Serie B evidenziato da un’intervista rilasciata ad un’emittente umbra, aggiungendo che la Figc si oppone al TAR La

  32. Ip Address: 37.159.123.50

    La figc si oppone all udienza del 21 pv …..che caos basta….

  33. Ip Address: 78.15.10.136

    Armando la rinuncia della Ternana di farsi giudicare oggi dal Tar per il ricorso Novara la leggo come ultima disperata speranza per arrivare a giorno 24 settembre in corsa. La Ternana avrà calcolato che al 99% il Tar rigettasse il suo ricorso per illegittimità e rinunciando il giudizio spera che il Collegio possa invece entrare nel merito. A mio avviso neanche il Collegio dovrebbe entrare nel merito perchè la Figc non ha fatto alcun ricorso ed ha accettato quindi la decisione del Tfn e Caf quindi il capitolo sotto il profilo legale dovrebbe essere chiuso. L’unico abilitato a promuovere ricorso contro la decisione TFN e CAF era la Figc. e la Ternana non aveva alcun titolo per promuovere un ricorso che la stessa Figc ha accettato. La Ternana ha fatto anche il calcolo che se il Tar oggi avesse rigettato il ricorso da stasera le squadre ripescabili diventavano tre ed un eventuale cambio del format il Collegio si uniformerebbe portandolo al massimo a 22 mentre così rimanendo in corsa si potrebbe arrivare anche a 24 per qualche evento straordinario.

  34. Ip Address: 151.37.235.0

    Non posso fare a meno ,che tra tante cose marce che ci sono in questo calcio malato ,è la convinzione è che tra le squadre ( cinque ,che poi tratterò della sesta ) quella più enormemente danneggiata è il Catania ,che nella convinzione logica dei benpensanti ,sarebbe quella che avrebbe lottato per il successo in serie C ! Poi il fatto che non riesco a comprendere è quello della Viterbese ! Il presidente di questa squadra ,avrebbe voluto che ,per motivi economici fosse stata inserita nel girone B ! Allora che cosa fanno i cositetti responsabili ?Rinviano già due volte due partite della squadra con evidente danno delle squadre che avrebbe dovuto incontrare ! A quale scopo ? Rivoluzionano tutti i gironi ? Sempre i cosidetti responsabili avrebbero dovuto farlo prima ! E poi ,riconoscono evidentemente l ‘ errore e lo rimediano rinviando le partite ! A che scopo ? In ambienti ,altri tempi più seri , avrebbero dato partita persa e non danneggiato squadre che non c’ entrano niente ! Questa è una cosa che davvero non ho capito ! In questo gran caos ci mancava proprio questa ! Stiamo vedendo di tutto !

  35. Ip Address: 62.2.176.13

    Ciao ragazzi

    parlando di calcio o italiano……………. Champions League

    Inter 1 italiano
    Napoli 1 Italiano
    oggi
    Juve 1 massimo 2 italiani
    Roma 1 massimo 2 italiani

    su 4 squadre se va bene 4 a 6 italiani

    Evviva la Nazionale che andrà in B………………….

    Questo é il calcio ITALIANO…………………

    Armando l’avevo detto un mese fa che qua incominciano a natale……………..

    Io quest’anno farei giocare solo amichevole tanto gia siamo a ottobre……….. e due mesi di pausa natalizia un mese quella pasquale e 4 mesi quando fa caldo…………………….

  36. Ip Address: 78.15.10.136

    Di Frattini stento parecchio a fidarmi, dai giudici del Coni non mi fido per niente, dal Tar potrei anche fidarmi ma farei un grosso errore mettermi completamente nelle loro mani. A questo punto con questo groviglio di ricorsi, contro ricorsi ed istanze incrociate spero che saltasse anche l’udienza del 21 settembre per obbligare così Giorgetti ad intervenire con un decreto legislativo.
    Egoisticamente per il Catania credo che la migliore fine di questa farsa sarebbe l’ultima soluzione. Una soluzione politica non scontenterebbe nessuno delle 5 squadre ripescabili e farebbe anche un poco di piazza pulita.

  37. Ip Address: 5.90.241.9

    Concordo vuncenzo io temo che si finisce come dixe la gazzetta serie b a 20 con dentro il novara…la società infatti la vedo abbastanza….tranquilla. Che dici ciao

  38. Ip Address: 62.2.176.13

    Serie B nel ridicolo: il Tar del Lazio fa marcia indietro, si resta a 19 squadre

    Un colpo di scena tira l’altro, ma il problema è che stavolta non viene voglia di ridere per evitare di piangere. Le vicende relative al campionato di Serie B stanno rasentando il paradosso ed è notizia di oggi dell’incredibile voltafaccia del Tar della Lazio, che ha smentito la propria decisione del 15 settembre, ossia sabato scorso. Il decreto firmato dalla presidente Germana Panzironi rigetta quello che aveva accolto i ricorsi di Pro Vercelli e Ternana, sospendendo la sospensione dei provvedimenti dell’11 settambre del Collegio di Garanzia del Coni, che aveva dichiarato inammissibili i ricorsi sul format attuale a 19 squadre della Serie B.

    Sono state dunque accolte le istanze di revoca presentate dal commissario straordinario della FIGC Fabbricini e dalla Lega di Serie B, rendendo così inutili le nuove udienze fissate per venerdì e lunedì prossimo, le cui date erano state anticipate per motivi di urgenza. A questo punto, le discussioni sui ricorsi saranno celebrate il prossimo 26 settembre e, in caso di pronunciamento avverso, le squadre che sperano nel ripescaggio nella serie cadetta sono pronte rivolgersi al Consiglio di Stato.

  39. Ip Address: 78.15.10.136

    Aurelio il fatto che il Novara è troppo tranquillo non è un indizio perchè ha mantenuto sin dall’inizio questa politica di riservatezza di non rilasciare dichiarazioni e ha parlato solo con gli atti. E’ possibile invece che il format potrà essere a 20 se la Figc vincerà la battaglia. Intanto altro colpo di scena il Tar ha smentito se stessa ed ha accolto il ricorso della Lega B e Figc quindi di fatto giorno 21 settembre non si terrà l’udienza che Frattini voleva. A dire il vero speravo che il Tar accogliesse la richiesta della lega B e Figc perchè solo così potrà intervenire immediatamente l’intervento del Governo. Se non arrivasse neanche questo la prossima data sarebbe giorno 28 settembre al TFN ma a quel punto il disastro totale è già avvento.

  40. Ip Address: 5.90.241.9

    Ciao jama ti ricordo che mi sembra di vedere la storia della vibobese lanno scorso ha vinto al consiglio di stato ma spedita in d…perché il campionato di c….era iniziato stiamo perdendo solo tempo la figc non molla….malago vuole questo e nessuno lo….ferma 😞

  41. Ip Address: 5.90.241.9

    Carusi comunque una cosa e mi pare chiaro qua neanche giorgetti serve la misura è colma aspettiamoci di tutto povero calcio questo un altra mela marcia che ci ha lasciato lex governo renzi ….un pugno di ladri amunnine

  42. Ip Address: 62.2.176.13

    Ciao Auerlio

    Hai centrato nel segno! Questi aspettano rinviano aspettano rinviano finché non c’é più tempo di giocare le partite della serie B! Dunque dritti in C anche se si ha vinto davanit al tribunale! Sarà serie C!

    👿 👿

  43. Ip Address: 5.90.241.9

    Ah dimenticavo….tutto pe sta maledetta dazn ca quale pay tv molti neanche sanno che si vede in streaming…maledetta tv

  44. Ip Address: 5.90.241.9

    Sentite lultima il presidente della prima sez.tar di oggi tale dr.ssa panzironi leggo nel suo cv ha ricoperto vari incarichi ministeriali nel governo…renzi semu a cavaddu….

  45. Ip Address: 151.36.92.35

    Buonpomeriggio a tutti , e chiaro che viviamo in un paese 💩💩💩 senza nessuna regola è tutto una barzelletta

  46. Ip Address: 151.36.92.35

    Rendiamoci conto dove che viviamo ESCL. ITASPORTPRESS
    19 settembre 2018 – 17:44
    Lega Pro, Gravina a ISP: “Tar boccia Tar? Senza parole. Le cinque ripescabili non giocheranno domenica ma…”
    Il massimo rappresentante della Lega Pro ha parlato ai nostri microfoni
    di Redazione ITASportPress

    Calcio sempre più nel caos e ormai si assiste a un tutto contro tutti, con colpi di scena uno dietro l’altro. Dopo che il Tar del Lazio ha smentito se stesso sospendendo il decreto di sospensione che lo stesso tribunale, in identica sezione ma con un diverso presidente, aveva emesso sabato scorso, accogliendo il ricorso di Pro Vercelli e Ternana, il presidente della Lega Pro Gabriele Gravina è intervenuto ai microfoni di Itasportpress.it per dire la sua non nascondendo un certo imbarazzo nel dover commentare una decisione assurda che crea anche problemi organizzativi enormi alle compagini di Serie C. “Non ho parole per commentare quello che è successo oggi al Tar del Lazio. Bisogna cambiare il sistema calcio e si deve ripartire dalla Figc con la nomina del nuovo presidente. Il prossimo mese ci saranno le elezioni e io sono uno che vuole cambiare il calcio. Faccio parte di un bel gruppo di lavoro e insieme individueremo un candidato alla presidenza della Federcalcio. Potrei essere anche io ma ci proverò con il sostegno di diverse componenti”.

  47. Ip Address: 93.46.56.84

    Questi bastardi hanno distrutto il calcio, a me è passata da tempo la voglia di seguire questa mia passione non mi importava giocare in B o in c ma solo vedere marcire in galera tutti gli autori di questo disastro finché resteranno loro io cambierò sport seguirò la squadra di beach soccer la pallavolo l’atletica leggera. So già come andrà a finire tutto resterà come prima e se riusciamo a vincere il campionato con i disagi che abbiamo avuto sarà un vero miracolo. Ci vediamo per natale forse si potrà discutere della prima partita della nostra squadra. Jama mi raccomando in Svizzera devi dire che tifi per il Lugano se sanno che segui il calcio italiano ti sfotteranno a vita

  48. Ip Address: 78.15.10.136

    Alla luce dei nuovi eventi che Frattini ha riconvocato il Collegio per il 28 settembre per decidere sul format mi chiedo:
    che senso ha per il Catania far discutere nello stesso giorno il ricorso del Catania al TFN per lo stesso argomento che qualora venisse accolto (ma non ci credo) la Figc impugnerebbe sicuramente al Caf ?
    che senso ha quella data del nuovo Collegio 28 settembre se il Tar già il 26 settembre dovrebbe discutere (il condizionale è d’obbligo) in camera di consiglio sullo stesso argomento ?
    che senso ha che il Tar smentendo se stessa abbia accolto l’istanza della Figc e Lega B e non permettere l’udienza del 21 settembre (guarda caso che l’ha discusso l’indomani che ha ricevuto l’istanza) ?
    Prende ancora più forma e rafforza ancora di più l’idea che i pupari sono ben introdotti anche dove non dovrebbero e che nessuno potrà deviare i loro propositi con i metodi legali.
    L’ultima speranza che ci rimane è che i pupari non hanno potuto ancora irrobustire i loro tentacoli in questo nuovo Governo. Non intervenendo un decreto legislativo entro questa settimana o almeno un rinvio della 4 giornata della serie B tutto si chiuderà a favore di Malagò e company e alle 5 squadre resterebbe solo la strada delle denunzie penali e richiesta di risarcimenti.

  49. Ip Address: 78.15.10.136

    Caos su caos, il Collegio di garanzia accoglie il ricorso Entella e dice che i 15 punti di penalizzazione vanno decurtati nella stagione scorsa quindi l’Entella potrebbe essere la 20 squadra per reintegro e non per ripescaggio. Da premettere che Entella ha già giocato la prima giornata in serie C e perchè poi al Cesena 15 punti ed al Chievo solo 3 punti ? se avessero dato anche al Cesena solo 3 punti l’Entella non poteva essere più reintegrata perchè la squadra del Cesena non sparisce dalla B per retrocessione come invece dice ora il Collegio ma per sopravvenuto fallimento così come già considerato da tutti prima di questa sentenza..

  50. Ip Address: 78.15.10.136

    Se Entella venisse reintegrata in B nonostante aver già giocato la prima partita in C, il Crotone avrebbe tutto il diritto di promuovere altri ricorsi per chiedere la riammissione in A poggiando tutto sul fatto sulla disparità dei punti di penalizzazione per lo stesso reato. Sarebbe bellissimo portare il caos fino alla serie A.
    E’ difficile la scelta se ridere o piangere !!!!!!

  51. Ip Address: 95.239.104.236

    Personalmente oramai penso che si debba scendere in campo . Non si può tenere più fermi ai nastri di partenza (e a zero punti) squadra, staff tecnico e tifosi. Giusto oramai chiedere danni pecuniari a tutti ma che si parta per andare a prenderci la b sil campo. Questo potrebbe essere k’anno Buono Casertana e Catanzaro permettendo e già a tre punti. L’anno prox ci saranno in c Bari e Avellino e sarà ancora più dura.

  52. Ip Address: 151.36.92.35

    Ripescaggi Serie B, accolto il ricorso della Virtus Entella
    Home / News calcio

    Photo: twitter.com/V_Entella

    Serie B
    19/09/18 19:10 | News calcio | Autore: Redazione
    Colpi di scena su colpi di scena per quanto riguarda la Serie B attualmente in corso, il cui format deve essere ancora deciso. Da una parte le parole di Frattini, dall’altra la gioia della Virtus Entella che, dopo lo sfogo di qualche giorno fa, vede accolto il proprio ricorso. Questo il comunicato uscito sul sito ufficiale del CONI. A questo punto la decisione definitiva passa al Commissario FIGC Fabbricini, che potrà riammettere l’Entella al campionato di Serie B oppure no. Qualora il club dovesse partecipare nuovamente alla Serie B, a quel punto la prima giornata di C verrebbe annullata e l’Entella giocherebbe contro quelle squadre che hanno riposato e devono riposare. Questo il comunicato:

    “Il Collegio di Garanzia dello Sport, Prima Sezione, al termine della udienza tenutasi oggi, presieduta dal prof. Sanino, viste le conclusioni esternate dalla ricorrente a pag. 29 del ricorso introduttivo, in riforma della sentenza impugnata, ha riconosciuto la legittimazione processuale della Virtus Entella e ha determinato che la sanzione afflittiva irrogata al Cesena sia eseguita nel campionato 2017/2018.

    Questo in riferimento al giudizio iscritto al R.G. ricorsi n. 83/2018, presentato, in data 31 agosto 2018, dalla Società Virtus Entella S.r.l. avverso la decisione della Corte Federale d’Appello della Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC), di cui al C.U. n. 025/CFA del 29 agosto 2018, che, rilevando il litisconsorzio necessario tra i gravami proposti dalla medesima Virtus Entella, nonché dalla Società A.C. Cesena S.p.A., contro la decisione del Tribunale Federale Nazionale, di cui al C.U. n. 10/TFN del 25 luglio u.s., e, in accoglimento del motivo di appello formulato dalla società Cesena S.p.A., ha rimesso gli atti al Giudice di primo grado endofederale. Ha, altresì, disposto la compensazione delle spese del giudizio”.

  53. Ip Address: 78.15.10.136

    Catanese quello che pensi è condivisibile ma, a mio avviso, non attuabile per il semplice motivo che se lo facesse solo il Catania e le altre squadre interessate rimanessero fuori questa ritirata andrebbe nettamente in contrasto con il dna degli stessi catanesi. Abbiamo urlato, fatto denunzie penali ed una ritirata, sempre secondo il mio modesto parere, farebbe molto più male del rischio di non arrivare i primi in serie C.
    Capisco i disagi dei giocatori, dell’allenatore e di tutto l’ambiente ma è difficile andare contro natura.

  54. Ip Address: 151.43.224.238

    Due osservazioni : all’ amico Vincenzo . Una si riferisce al possibile giocare scritta da Catanese ! Sono d’ accordo con te ! Una eventuale ritirata farebbe più danni, pur essendo convinto che che il danno che subisce la nostra società è incommensurabile ! In pratica si perderà un anno ! Poi la seconda , per il quesito se non si sa se piangere o ridere ,io ,e lo dico con serietà ,essendo farmacista, potrei consigliare un sicuro ottimo antiemetico perché questa situazione creata scientificamente co malafede ,incoscienza ed incompetenza fa solamente venir nausea e scusate il termine rigettare ! Prendiamola così e, passata “ la nuttata,” ,vediamo cosa tirano fuori domani!

  55. Ip Address: 84.226.132.80

    Ciao Gaetano

    Qui é dal 2006 che mi sfottono (caso Juve e amici)! E questo lo accettavo.

    Adesso mi compatiscono😱

    Dopo che il CT dalla A é andato dritto in C e adesso che non si sa dove giocerà…….

    Io mi faccio passare da tifoso del Ping pong

    🇮🇹👎🏿

  56. Ip Address: 93.46.56.84

    Questa gente ormai non conosce vergogna e fa ciò che vuole. Ma come si fa ad accogliere solo ora il ricorso dell’entella hanno aspettato che giocasse la prima partita di lega pro? Ormai no non c’è più limite al peggio

  57. Ip Address: 78.15.10.136

    Gaetano quella è gente abituata a fare quello che a loro fa comodo e le regole sono qualcosa che non rientra nei loro pensieri. E’ gente che ha sempre vissuto e percorso quella linea sottile che c’è tra la legalità forzata che spesso sconfina nell’illegalità penale, basta guardare i loro curriculum per rendersi conto. A loro oggi fa comodo che la B sia con 19 squadre perchè rappresenta il primo passo per portare subito dopo la serie A a 18 e mangiare la torta pregiata con porzioni più grosse.
    Per loro non esiste il sistema calcio Italia, come faceva notare Jamajama nelle squadre che hanno giocato ieri in Europa c’erano solo sei italiani e con questa scellerata politica di penalizzare le categorie inferiori che rappresentano il vivaio come si può pretendere una nazionale competitiva ?ma a loro questo non interessa, vanno avanti con golpe e sfruttano tutte le loro amicizie anche negli organi giudicanti.
    Ci rendiamo conto che Fabbricini ha presentato avanti ieri un ricorso al Tar in evidente conflitto d’interesse perchè oltre ad essere Commissario Figc è anche Presidente di Coni servizi. Voglio essere tenero per non aggravare tale conflitto perchè essere parenti non è una colpa ma per inciso la responsabile dell’ufficio legale della Coni servizi è la cugina del giudice che ieri ha accettato il ricorso della Figc (detto da tutti i giornali mai avvenuto un caso simile che il Tar smentisce se stesso )?
    ci rendiamo conto che un giudice del Collegio dell’11 settembre è socio di Malagò in una ditta che ha come presidente il fratello di Fabbricini e questo già basta per dire che in Collegio quel non doveva esserci ?
    Il fatto che questa gentaglia fa ostruzionismo in qualsiasi sede per non farsi giudicare è la conferma che sanno che sono nel torto, se come loro ostentano e ribadiscono che hanno fatto tutto secondo le regole avrebbero accettato qualsiasi organo giudicante subito e serenamente e non fare ostruzionismo.

  58. Ip Address: 151.36.53.186

    Buongiorno a tutti ❤️💙Il caos Serie B arriva fino in Inghilterra: ne parla anche la BBC
    Un caos senza precedenti, che ha gettato nel ridicolo tribunali e istituzioni calcistiche e che tiene in stand-by da due mesi sei società professionistiche. La gestione del caso Serie B, tra rinvii, slittamenti, ricorsi e azioni in barba alle regole, sta suscitando un eco sempre più forte, tanto da far notizia pure in Inghilterra.

  59. Ip Address: 93.46.56.84

    Spero che queste notizie arrivino anche ad altre nazioni devono sapere tutti che in Italia il calcio è governato da gente disonesta che come fa giustamente notare Vincenzo se ne infischia delle regole e pensa solo ai propri interessi

  60. Ip Address: 84.226.132.80

    Tranquillo Gaetano
    Si sa gia dapertutto a partire da Paolo Rossi ti ricordi?

    Non é niente di nuovo! Solo che adesso sono coinvolti talmente tante persone e alcun giocatore. Questa é la cosa nuova! Stavolta sono le istituzioni!!!!!!! I delinquenti

  61. Ip Address: 93.46.56.84

    Esatto Jama e siccome sono tra di loro alla fine faranno in modo che tutto resti così com’è al massimo reintegreranno l’entella che in fin dei conti se lo merita. Non possono reintegrare tutti quindi con qualche bustarella troveranno un escamotage alla fine ci rimetteranno soprattutto i tifosi ma a loro non importa, basti pensare che le persone interessate i vari lo tirchio e Cellino hanno avuto molto a che fare con la giustizia sia sportiva che penale so che per molti di voi è difficile rinunciare a seguire questo sport ma vale la pena con questi personaggi al potere?

  62. Ip Address: 78.15.10.136

    Quello che ha detto oggi Malagò è l’ennesima presa in giro oppure è diventato il portavoce di Giorgetti ?
    Afferma di aver parlato a lungo nei giorni scorsi con Giorgetti ed ha promesso che non dovranno più ripetersi fatti del genere, ma nello stesso tempo però non ha fatto nulla per bloccare lega B e Figc di rivolgersi al Tar per fare annullare l’udienza del Collegio prevista per il 21 settembre. Ha forse chiesto a Giorgetti che ormai per questa dovrà far finta di niente e che in futuro farà veramente il capo del Coni ?
    Promette che con l’udienza del Tar del 26 settembre si risolverà tutto mentre tutti sappiamo che il Tar qualsiasi cosa deciderà sarà impugnabile presso il Consiglio di stato da una o più delle parti che non accetterebbero quella sentenza. Affermare che il 26 settembre si chiuderà tutto, a mio avviso, è solo una presa in giro e far perdere altro tempo prezioso per arrivare all’obiettivo che da lui stesso dichiarato in precedenza ” la riforma dei campionati è la madre di tutte le battaglie”
    Speriamo che Malagò abbia rilasciato questa dichiarazione per cercare di fare riflettere ancora Giorgetti ma se così non fosse la vedo NERA.

  63. Ip Address: 151.43.44.230

    Cari amici ,caro Vincenzo è,già da qualche giorno ,io mi sono messo il cuore in pace ! Questi disonesti. dal primo all’ altimo senza alcuna eccezione ,continuano a prenderci in giro ! In conclusione ,con danni economici incalcolabili ,ci fanno perdere un ‘ intera stagione! Nel muro ( lì comprendo ) si sono illusi e poverini ,scrivono le stesse cose ! Noi ,del sito ,dobbiamo darci un taglio ! Pensavamo ed io ,per primo ,che alla fine si sarebbe potuto ripetere lo stesso miracolo del 2003 ,ma i tempi sono cambiati ! Il governo è cambiato ,gli interessi di alcune squadre sono diventati incompatibili con l’ onestà,la corruzione è diventata pane quotidiana per questo calcio e poi fatto profondamente diverso, allora,c’ erano in ballo interessi assai più forti quelli di squadre come il Napoli e sopratutto della Florenzia di Della Valle da agevolare ! Adesso le “cosiddette” piccole squadre non contano nulla !

  64. Ip Address: 5.90.147.246

    Ciao armando sono con te ma giorgetti certo non può avere da solo la forza di opporsi a questi mafiosi tra laltro sono convinto che non sa neanche la diatriba serie b da cosa è scaturita ha altre cose a cui pensare niente una storia irreale dove stiamo pagando pegno….speriamo sto 26 arrivi presto ….sicuramente ci sarà da farsi il sangue amaro….questa è litalia che ci hanno lasciato un paese allo sbando….compreso il calcio b 🌃

  65. Ip Address: 78.15.10.136

    Con un disegno diabolico sono riusciti portare la situazione ad un bivio dover ormai il punto cruciale delle norme calpestate è passato in secondo piano ed hanno fatto diventare esigenza primaria quella di far giocare le squadre implicate in questa incredibile vicenda.
    Il punto di forza dei luridi è la debolezza dei tifosi e sicuri di questo hanno messo in campo tutta l’artiglieria per rimandare tutto il possibile facendo anche diventare Ponzio Pilato il personaggio (Giorgetti) per poi invocare tutti a viva voce una decisone frettolosa senza entrare troppo nei particolari e per accontentare tutti quei poveri tristi tifosi che sono stati privati delle tre o quattro partite e che non conoscono neanche la categoria dove giocare. I luridi non sono poi così cattivi come sembrano ed alla fine sanno come farsi perdonare !!!!! Anche loro hanno un cuore !!!!!
    Finalmente “forse” alla fine della prossima settimana si giocherà ed i tifosi che sin dalla prima partita rinviata contestavano insieme ad altri che volevano che si giocasse per convinzione “tanto già sapevamo la conclusione” potranno rilassarsi e non dovranno più porsi il problema se questo inizio nasce dalla legalità o perché già imposto dal Tar che ha tolto la possibilità a Gravina di rinviare le altre partite.
    Escludendo il discorso dei festeggiamenti faccio i complimenti al calcio Catania su come ha affrontato tutta la vicenda e sono certo che continuerà a farlo con tutta la determinazioe necessaria. Ammiro anche il sacrificio di quei sette tifosi che pur consapevoli che il loro ricorso al Tar non poteva essere accettato si sono imbarcati in una missione impossibile perché non hanno accettato l’idea “tanto già sapevamo la conclusione”, considerazione che fare diventare inevitabile e normale la soluzione voluta da questi luridi personaggi

  66. Ip Address: 151.36.31.192

    e una situazione vergognosa e una pagina nera del calcio..i loro rappresentanti a capo della figc ,hanno stravolto le regole in corso..bloccando rovinosamente le squadre ripescate, una grossa anomalia con complicita del tar, qui si perde solo del tempo con annunci e date temporali lunghe che hanno sfiancacato senza motivo tutti ..tifosi squadre .possibile che non si sia risolto in tempi brevissimi la faccenda?e invece ce un procastinare e uno scaricabarile da pupari, ovvio che questi signori in cravatta devono pagare i danni provocati alle societa’..ma anche ai tifosi ..questri signori hanno infangato il calcio…che la paghino cara.

  67. Ip Address: 151.18.4.148

    Buongiorno e buona domenica a tutti , come no ’zu pinu ‘ però siccome siamo in Italia dove l’illecito è legalizzato a pagare soltanto saranno i tifosi quelli che ancora credono in questo sport, comunque per la cronaca sia la Casertana che il Catanzaro ieri sera hanno perso penso che siamo le nostre concorrenti per la promozione diretta in B ❤️💙❤️💙❤️💙

  68. Ip Address: 78.15.10.136

    L’unico che conosce bene il Palazzo ed aver capito tutto sin dall’inizio è stato Gravina, ha combattuto in tutte le sedi a fianco delle 5 squadre per salvaguardare i loro interessi. Gravina ha risposto colpo su colpo, ad ogni rinvio conquistato dalla banda lui subito dopo rispondeva con un rinvio dei calendari e poi quando ormai non erano più rinviabili (perchè pressato dai 54 club della lega pro) ha usato l’arma dei rinvii delle partite. La banda però tramite il Tar gli ha tolto anche quest’ultima possibilità, ma Gravina non è un soggetto arrendevole ed usa l’ultima possibilità che aveva disponibile cioè le difficoltà in poco tempo per organizzare le trasferte.
    Con un’altro Presidente della lega pro i banditi avrebbero già vinto la loro battaglia molto tempo prima perchè un’altro al posto di Gravina avrebbe fatto il suo compitino stilando subito i calendari e poi chi delle 5 squadre non scendeva in campo era compito della giustizia sportiva dare la partita persa a tavolino.
    Da parte mia Gravina merita un grande grazie ed un augurio per diventare prossimo Presidente della Figc o cmq ottenere un incarico di rilievo all’interno del mondo del calcio.

  69. Ip Address: 151.18.4.148

    Si Vincenzo concordo con te , Gravina a dimostrato in questa anomala situazione di essere una persona seria e molto preparata , soprattutto in vista di una sua provabile elezione in FIGC ,

  70. Ip Address: 5.90.241.97

    Concordo gravina è per il calcio pulito e tra laltro è stato sempre vicino alle sorti del catania un buon presidente che faranno di tutto x….epurarlo b domenica

  71. Ip Address: 78.15.10.136

    Se Gravina riuscisse ad ottenere il consenso delle sette promozioni come contropartita di un eventuale format 19 della B già sarebbe una soluzione meno dolorosa. Ricordiamoci che la lega pro è partita senza un regolamento certo sulle promozioni e retrocessioni, già solo questo dice che il campionato è stato falsato sin dall’inizio. Gravina ha mandato due solleciti alla Figc per avere una risposta riguardo alle sette promozioni ma Fabbricini tace.
    Cmq vada è chiaro che tutti coloro che sono vicini a questo marciume non viene più visto come un privilegiato, in altri tempi la Casertana non avrebbe mai perso a Rieti con due calci di rigore, di cui uno al 94 minuto.
    Con sette promozioni dalla C alla B e quattro retrocessioni il prossimo anno ci sarebbe da ridere per alcune squadre tipo Salernitana, Livorno, Brescia, Foggia, Ascoli e Lecce tutte a difendere quei maledetti 600 mila euro e non capire che il format a 22 conveniva per prima a loro. Di fronte ai soldi si perde il lume della ragione ed il proverbio non sbaglia.
    A proposito di Livorno i commenti dei tifosi somigliano molto alle nostre perplessità manifestate l’anno scorso riguardo al non gioco e mancanza di schemi. Anche loro iniziano a porsi delle domande.

  72. Ip Address: 5.90.241.97

    Caro vincenzo hai messo il dito neella piaga se plm al tempo avesse esonerato lucarelli forse a questora stavamo a mille al posto del…lecce peccato….lasciamo perdere ci pensa presto il pres.del livorno saluti fozza catania

  73. Ip Address: 62.2.176.13

    Un fantasma si aggira per l’Europa: è il dg della FIGC Michele Uva

    Ma la Federazione Italiana Gioco Calcio ce l’ha ancora un direttore generale? È il momento di porre l’interrogativo. Perché del signor Michele Uva abbiamo perso ogni traccia. La massima organizzazione del calcio italiano vive la crisi politica e di credibilità più drammatica di sempre. E lui, che di quell’organizzazione è l’organo di più alto grado fra quelli superstiti della gestione Tavecchio, si eclissa. Forse perché troppo impegnato a fare il vicepresidente Uefa. Praticamente, un fantasma che s’aggira per l’Europa.

    Intanto che egli aleggia, laggiù in terra il calcio italiano si rotola nel proprio sfascio. I tribunali sportivi sono ingolfati da procedimenti per cause più disparate: plusvalenze sospette, gare di playoff della Serie B che nemmeno vengono portate a conclusione causa invasione di campo ma con omologazione del risultato, format dei campionati passati da 22 a 19 squadre con un tratto di matita e grave scorno per i club cui toccherebbe il diritto al ripescaggio, una Serie C che sta per settimane nel limbo senza sapere quando i campionati partiranno né quali società vi parteciperanno.

    E ancora: il confronto-scontro tra i fori giurisdizionali della Figc e il Collegio di Garanzia del Coni, con quest’ultimo che continua a rimandare indietro i provvedimenti accusando i primi di mollezza nel giudizio; la moria di club professionistici che a ogni estate svelano quale sia l’efficacia dei controlli Covisoc, e che nei mesi appena trascorsi ha fatto registrare la scomparsa di ben tre club in Serie B.

    Tutto ciò giunge a coronamento di un’estate iniziata con l’assenza della nazionale italiana dalla fase finale dei Mondiali, per la prima volta dopo 60 anni, e senza che la lezione sia servita se si deve giudicare dallo scadente avvio del nuovo corso guidato da Roberto Mancini. Davanti a tutto ciò, e senza nemmeno guardare alle responsabilità di ruolo che pure andrebbero chiamate in causa, avete sentito proferire una sola parola dal DG federale, che pur risulta pienamente in corso sia nelle mansioni che nello stipendio? O avete avuta minima percezione di una qualche sua iniziativa per trovare soluzioni e porre un argine allo sfacelo?

    Certo, vi sono momenti in cui è meglio delegare. E dunque c’è un senso se lo sfascio di questi mesi sia stato lasciato alla piena pertinenza della pattuglia commissariale capitanata dal Coni, che sta adempiendo egregiamente al compito. Però ci sono eredità che non possono essere usurpate. Per esempio, rimanendo su uno dei temi citati sopra, quello riguardante le recenti fortune della nazionale azzurra. Cui Uva ha contribuito fattivamente con iniziative come il Club Italia. Ahilui, web canta: “Con il progetto ‘Club Italia’ puntiamo a diventare un’eccellenza” disse nei giorni di fine agosto 2016. E quel giorno, al suo fianco, stazionavano due signori chiamati Carlo Tavecchio e Giampiero Ventura. Poco più di un anno dopo, a seguito dell’umiliazione mondiale, sia Tavecchio che Ventura hanno lasciato l’incarico. Invece Uva ha scelto la via soft. Si è fatto ologramma, senza mollare poltrona e stipendio.

    Uva viene dato fortemente impegnato a strappare la candidatura alla segreteria generale Uefa. Una piazza che per il momento è occupata dal greco Theodore Theodoridis. Costui è un uomo di Gianni Infantino che lo stesso presidente Fifa starebbe meditando di candidare alla presidenza Uefa, contrapponendolo al presidente uscente Aleksander Ceferin, in vista del Congresso in programma per il 7 febbraio 2019 a Roma. Un appuntamento rispetto al quale la FIGC si è schierata con mossa tanto prematura quanto improvvida, poiché già lo scorso 21 agosto il commissario Roberto Fabbricini ha espresso l’endorsement a Ceferin. Con ben sei mesi d’anticipo. E senza il minimo garbo istituzionale, cui avrebbe dovuto attenersi un commissario consapevole che a breve non sarà più a capo della Figc. E che dunque avrebbe fatto meglio a astenersi dal legare l’istituzione a una dichiarazione politica di tal peso.

    Gli insider di turno hanno interpretato la maldestra mossa di Fabbricini come una spinta data allo stesso Uva. Che però nel frattempo, e a dispetto dell’evanescenza nel ruolo, non dimentica la poltrona da segretario generale FIGC. Raccontano un gustoso retroscena sulla riunione fra le componenti Figc avvenuta lo scorso giovedì 20 settembre a Roma, presso l’Hotel Eden. Avrebbero dovuto essere lì soltanto i rappresentanti delle componenti con diritto di voto. E invece, a sorpresa, il presidente della Lega di Serie A, Gaetano Micciché, si è presentato con una scorta d’onore formata da Beppe Marotta e Claudio Lotito. Le indiscrezioni narrano che la principale preoccupazione di Marotta, nel dialogo coi papabili presidenti federali Gabriele Gravina e Cosimo Sibilia, riguardasse la continuità in carica del direttore generale. Del resto, fosse mai che Uva venisse bloccato sul più bello nel condurre la sua opera da “efficientatore”. Ne avete mai sentito dire? Presso le sedi centrali e periferiche della Figc potrebbero raccontarvi una sterminata aneddotica su questo tema. Noi di Calciomercato.com lo faremo una prossima volta.

  74. Ip Address: 78.15.10.136

    Le uniche parole di Uva riguardo il caos serie B le ha pronunciate qualche giorno dopo l’11 settembre e grosso modo ha fatto intendere che la faccenda dovrebbe essere risolta da chi gioca e la federazione, quindi anche lui si aggiunge alla lunga lista dei Ponzio Pilato.
    Uva così ha lasciato il campo libero all’imperatore Malagò che è diventato portavoce di Giorgetti anticipando che il governo non sarebbe intervenuto ed addirittura portavoce anche del Tar annunciando che il 26 settembre tutto si risolverà. Dagli atti e per legge il Tar l’unica decisione che potrebbe prendere è chi tra Coni e Tfn dovrà decidere il format e ripescaggi, però, se Malago afferma che si risolverà tutto significa che ha anche questo potere di conoscere le sentenze “strane” dei tribunali dello Stato.

  75. Ip Address: 79.32.110.104

    Oggi è il compleanno del nostro Catania . Auguri a lui ed a noi con la foerabza di vederlo giocare a breve

  76. Ip Address: 151.82.54.15

    Auguri al nostro Catania ❤️💙

  77. Ip Address: 151.82.54.15

    Un buongiorno a tutti cari tifosi ❤️💙 in attesa di sapere quando si giocherà 😁

  78. Ip Address: 93.46.56.84

    Penso verso la metà di Dicembre Mexxican e in lega pro, la B sarà a 20 l’unica ripescata sarà l’entella tutto già scritto da tempo

  79. Ip Address: 151.82.54.15

    Nota del calcio Catania in merito all’udienza del tar del Lazio, fissata per domattina alle 09,30.

    “Il Calcio Catania rende noto che mercoledì 26 settembre, dinanzi al TAR del Lazio, saranno presenti tutti i legali incaricati della tutela in ambito amministrativo ed in ambito sportivo, per rappresentare sotto ogni aspetto le ragioni della società.
    Il collegio difensivo composto dagli avvocati Tedeschini, Gitto, Chiacchio e Reitano, precisa che, in aggiunta alla costituzione nel giudizio promosso dalla Pro Vercelli, la cui domanda cautelare verrà discussa domani alle 9.30, il Calcio Catania ha proposto, dinanzi allo stesso Tribunale, un autonomo ricorso, che verrà trattato in occasione della prossima camera di consiglio, richiedendo, in aggiunta all’annullamento della sentenza del Collegio di Garanzia dell’11 settembre u.s., anche la declaratoria dell’annullamento degli atti del Commissario Fabbricini che comportano alterazione delle NOIF relative all’organizzazione dei campionati e delle determinazioni della Lega B in materia.
    Inoltre, con tale ricorso si richiede la condanna al risarcimento dei danni patrimoniali arrecati consequenzialmente al Calcio Catania: è anzitutto indubbio ed evidente, infatti, che, a prescindere dal campionato di destinazione, il club ha già subito danni economici e di immagine rilevantissimi, dei quali la Federazione Italiana Giuoco Calcio dovrà farsi carico.
    Anche in questa occasione, quindi, così come ebbe a fare con il ricorso proposto al TFN già nel mese di agosto, il Calcio Catania anticipa i tempi ed avvia le azioni risarcitorie.
    Leggiamo poi, con stupore, che il Governo starebbe valutando azioni future e che allo stato attuale non intenda intervenire, sebbene sollecitato. Con istanza formulata ai sensi dell’articolo 2 della legge 241/90, il Calcio Catania ha richiesto al Governo di attivare i poteri tutori ed in caso di accertata violazione di legge degli organismi di diritto pubblico CONI e FIGC, in virtù dei poteri sostitutivi, adottare le dovute determinazioni.
    Tale intervento, alla luce della citata cornice normativa di riferimento, non è concessione ma atto dovuto: ad oggi, essendo inutilmente decorso il termine di 30 giorni previsto dalla legge al riguardo, il Governo è rimasto colpevolmente silente, omettendo di porre in essere atti cui è obbligato nei confronti di Enti vigilati”

  80. Ip Address: 79.47.104.11

    Amici attesa snervante,vedo che noi tutti non abbiamo voglia di scrivere,cosa dire:ci stanno prendendo per ………
    e sicuramente non cambierà nulla,fa pena constatare che neanche il ministro giorgietti faccia qualcosa,un’altro giorno perso,vogliono fare giocare le partite anche alle 5 squadre,per complicare ancora di più il tutto,come se non bastasse.
    Poi porteranno il campionato a 20 con entella,e tutto si chiude a taralucci e vino.
    Hanno distrutto tutto,e il calcio è più marcio di quanto pensassi.saluti a tutti

  81. Ip Address: 78.15.10.136

    A mio avviso il Tar se entrasse nel merito del format e ripescaggi farebbe un grosso errore perchè così facendo rimarrebbe irrisolta la questione della competenza tra Coni e Tfn. Lascerebbe un vuoto normativo molto pericoloso ed in futuro nessuno saprebbe a chi rivolgersi nei casi di questo genere ed altri assimilabili. Secondo logica questa sentenza che si sta aspettando non risolverà niente e passerà la patata bollente al Coni o Tfn, per quest’ultimo tribunale ci credo poco perchè si ritornerebbe ad un giudizio di primo grado che il Caf non potrebbe confermare e poi tutto andrebbe a finire come terzo grado al Coni.
    Certo sarebbe comodo per la giustizia sportiva che nessuno di loro decidesse per assolvere o condannare Fabbricini e fare sbrigare la faccenda al Tar, ma questo sarebbe l’ultimo atto vergognoso di questi banditi.

  82. Ip Address: 79.47.104.11

    creerebbero un brutto precedente,ma tanto li coprono,per loro tutto è lecito ,fanno passare tempo,compromettendo la stagione delle società in attesa,la stima di noi tifosi,fregandosene dei commenti dei vari giornalisti di importanti testate nazionali e non solo.
    ovviamente la colpa e di chi permette queste porcate

  83. Ip Address: 62.2.176.13

    Allora ragazzi

    dove giochiamo? Ho visto che il CT dovrebbe giocare il 29 alle 16:30. Ho visto bene?……………..

  84. Ip Address: 151.18.95.97

    Buongiorno a tutti ❤️💙, a quando pare finalmente si gioca…….si va a Rende, ciao jamajama prepariamo le sciarpe e bandiere

  85. Ip Address: 78.15.10.136

    Come immaginavo il Tar non ha deciso nulla, ovvero ha passato la patata bollente per i ricorsi format e ripescaggi al Tfn. Pertanto domani il Tfn deciderà ovviamente per confermare il buon lavoro fatto da Fabbricini: Le squadre interessate faranno ricorso al Caf che naturalmente confermerà l’operato del Tfn ed infine le stesse squadre faranno altro ricorso al Coni come terzo grado di giudizio ed a quel punto diventerebbe legittimo.
    Follia assoluta !!!!! come paragone equivale che per andare da Catania a Messina si prende prima un volo Catania Atene poi altro volo Atene Parigi ed infine ultimo volo Parigi Reggio Calabria e con una oretta di traghetto si arriva finalmente a Messina.
    Il Coni aveva la possibilità di decidere il 21 settembre ma per quella data era illegittimo, a fine novembre dopo altro lungo giro di ricorsi diventerebbe legittimo.

  86. Ip Address: 62.2.176.13

    Ciao Mexxican

    allora devo fare l’abbonamento a sportube/elevensport……………… o guardo il campionato inglese e tedesco e buonanotte a tutti!

  87. Ip Address: 5.90.255.84

    Meno male che questa farsa è quasi finita pensiamo al rende che ci può mettere in difficoltà visto lanimo che ha la squadra ….forza catania e forza tifosi 🔴 💙 spingiamo la squadra in b sul…campo b serata

  88. Ip Address: 78.15.10.136

    Jamajama, prima di fare l’abbonamento aspetterei fino a domani sera, hai aspettato tanto ed un giorno un più in questo momento non guasta. Non dico questo perchè nutro speranze che domani il Tfn possa ripescare il Catania perchè ormai lo hanno capito anche i muri che nessuno dei compagni di merenda farebbe una scortesia al loro capo, però, c’è una grossa novità che potrebbe stravolgere tutti i loro programmi. La novità è che stamattina Giorgetti ha dichiarato che aveva sollecitato i responsabili del calcio di autoriformare la giustizia sportiva e se entro domani sera non troverà una traccia concreta su cosa è stato fatto lui interverrà con un decreto.
    Già ieri fini al pomeriggio c’è stata tensione alle stelle tra Malagò e Giorgetti perchè il governo aveva ipotizzato di sradicare dalle mani della federazione la giustizia sportiva ed affidarla esclusivamente al Tar. Inoltre i diritti delle tv secondo Giorgetti dovrebbero incassate solo dalle squadre che hanno bilanci certificati dalla Consob ed in questo caso la Covisoc ne uscirebbe molto ridimensionata. Poi in serata questo decreto è stato bloccato.
    Pertanto diciamo che se entro domani non si vedrà qualcosa che va verso una certa direzione dopodomani potrebbero esserci novità. Novità che sicuramente riguarderanno il futuro ma non si sa mai. Magari Malagò sacrifica qualche soldato ?

  89. Ip Address: 5.90.255.84

    Io la vedo nera giorgetti si ha scoperto la pentola ma mi sembra che non ci vuole mettere le 👐 un po come tommasi dell aic solo…parole pensiamo a vincere sabato che sarà dura b 🌃

  90. Ip Address: 78.15.10.136

    La parole tra virgolette sono state pronunciate da Giorgetti stamattina:
    “Ho invitato il Coni a promuovere rapidissimamente un’autoriforma del sistema della giustizia sportiva. Credo che entro domani questo tipo di autoriforma sarà manifestata, se questo non si verificherà noi interverremo per via normativa”. Lo ha detto il sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega allo sport, Giancarlo Giorgetti, nel corso dell’interrogazione a risposta immediata su questioni in materia di sport svolta questa mattina presso la Commissione cultura, scienza e istruzione della Camera dei deputati”
    pertanto se ogni parola ha un significato ben definito se entro domani il Coni non manifesterà l’autoriforma del sistema giustizia sportiva ha detto che interverrà. Se lo faccia o meno non lo so, così come non conosco che tipo di interventi adotterebbe ma una cosa è certa che Malagò ha una spada di Damocle sopra la testa e domani dovrà dare un segnale verso una certa direzione. Che tipo di segnale darà il Coni non ho idea ma potrebbe anche arrivare un segnale forte dal Tfn per stoppare Giorgetti.
    Era solo un consiglio a Jamajama di aspettare un’altro giorno per fare l’abbonamento e tutto questo non deve incidere sul fatto che sabato il Catania dovrà giocare a Rende per vincere la partita.

Spiacenti, i commenti sono chiusi.

su
giu