Pisseri è il nuovo portiere del Catania

 Scritto da il 27 giugno 2016 alle 23:55
Giu 272016
 

Pisseri

Il Calcio Catania comunica di aver acquisito a titolo definitivo il diritto alle prestazioni sportive del calciatore Matteo Pisseri, nato a Parma il 21 novembre 1991. Il portiere emiliano, tra i migliori estremi difensori in terza serie nell’annata appena conclusa, si è legato contrattualmente al nostro club fino al 30 giugno 2019. Pisseri ha sommato fin qui ben 157 presenze, in Lega Pro, nell’arco delle cinque stagioni più recenti.

  41 Commenti per “Pisseri è il nuovo portiere del Catania”

  1. Ip Address: 87.30.123.18

    Buongiorno a tutti

  2. Ip Address: 95.239.149.2

    un buon acquisto, un buon portiere. Altro colpo di Zio Pietro . Piano piano si sta delineando la squadra della prossima stagione . Ovviamente attendiamo fiduciosi l’avvenuta iscrizione al campionato

  3. Ip Address: 82.54.172.162

    Buongiorno a tutti pari.
    Si parla un gran bene di questo ragazzo. Speriamo che non solo di affermi ma che addirittura possa crescere e migliorare nel Catania.
    Rosso come il fuoco, azzurro come il mare, l’amore per il Catania non si può spiegare!

  4. Ip Address: 151.43.33.196

    Due cose ! Prima aspettiamo l ‘ avvenuta iscrizione e poi quei tre quattro nomi che aveva annunciato l ‘ A D . Del portiere si dice un gran bene ! Per Biagianti ,si spera che possa far parte della prima squadra,perché la sua esperienza ,sempre se integro,fisicamente può essere assai utile per il gioco della nostra squadra, Si possono ,cominciare a fare gli auguri di onomastico a zio Pietro . Domani a Roma è festa per la solennità dei due Apostoli,Pietro e Paolo ,patroni della Capitale

  5. Ip Address: 95.239.149.2

    buondi a tutti e auguri a Pietro Lo Monaco che ci regali l’iscrizione entro domani. poi un passo alla volta aspettiamo l’arrivo di Vergara a torre del Grifo, la presentazione della squadra all’università ed il ritiro fuori porta con molta probabilità ad Assisi. Buona scelta quella di cominciare la preparazione fuori dalla calda sicilia e poi l’occasione è propizia alla squadra per conoscersi meglio, dialogare in uno spirito vacanziero sebbene, ne sono sicuro, mister Rigoli li farà sudare parecchio.

  6. Ip Address: 151.35.112.227

    Buona giornata ed auguri a zio Pietro . Ieri,dalla lega Pro è stata costituita una Commissione di controllo per l ‘ attività sportiva. Questa dovrebbe esercitare un esame continuo dell ‘ attività delle squadre della Lega Pro . In sostanza questa commissione dovrebbe esercitare una funzione deterrente per attività antisportive ed illecite. Sembra ,frattanto che Calil rimane al centro del progetto di Lo Monaco. Il procuratore del giocatore è stato rassicurato da l ‘ A D. ,in tal senso ! Il giocatore desidera rimanere a Catania, Però ,in tal caso,dovrebbe dare quell ‘ apporto che aveva dato all ‘ inizio campionato! Se tornasse ai livelli salernitani, saremmo tutti d ‘accordo che restasse!

  7. Ip Address: 79.46.195.7

    Cordiali auguri a Pietro Lo Monaco

  8. Ip Address: 95.239.149.2

    Salve ragazzi. Iscrizione al campionato effettuata . Nel giorno del suo onomastico per il quale mi unisco a voi per porgere al nostro Salvatore tanti auguri, il Catania è’ stato regolarmente iscritto. Dovrebbe quindi assestarsi a solo un punto la penalizzazione dovuta ai ritardi compiuti dalla vecchia gestione. Adesso aria nuova si respira a Torre del Grifo, con giocatori che sono felici di rimanere, altri felici di essere arrivati, vecchi leoni che vogliono far parte del progetto, Sky e le pagine dei maggiori quotidiani che finalmente destinano dei trafiletti per raccontare le nostre vicende. Adesso attendiamo fiduciosi l’arrivo di Vergara e cerchiamo di individuare la sede del prossimo ritiro estivo le cui ultime notizie sembra che da Assisi sia spostato a Cascia o a Pietralunga nell’alto Tevere . Staremo a vedere.

  9. Ip Address: 5.86.186.11

    AVagliasindi ‏@AVagliasindi · 1 min1 minuto fa

    Luca Martinelli in uscita dal Messina, è il difensore (centrale destro di piede, adattabile a terzino) su cui sta puntando il Catania ? Notte a tutti

  10. Ip Address: 87.16.138.211

    Più che i centrali secondo me a noi ancora manca il terzino dx e la punta centrale . Comunque il nostro lo Monaco sta facendo un ottimo lavoro

  11. Ip Address: 95.247.107.20

    Saluti a tutti,non ci dovrebbero essere problemi per l’iscrizione ufficialmente ancora niente,piano piano si sta facndo la squadra stasera sapremo chi resta e chi va via dei vecchi in scadenza,per quanto riguarda i giovani sono in sintonia con la società ma ci vuole una punta forte.

  12. Ip Address: 5.86.20.79

    Jorge Vergara è arrivato a Catania
    Era atteso in questi giorni a Catania ed è finalmente sbarcato all’aeroporto di Fontanarossa, l’impenditore messicano Jorge Vergara. Come riportato dal sito NewsCatania, che ha documentato con delle foto lo sbarco di Vergara, il proprietario del Grupo Omnilife è arrivato qualche ora fa in città. Nelle prossime ore, presumibilmente, Vergara si dirigerà a Torre del Grifo, dove era stata programmata la sua visita al centro sportivo etneo. Da parte del Catania c’è la disponibilità a incontrare il magnate messicano. “Quando Vergara arriverà, sarà accolto con tutti gli onori del caso”, aveva detto in conferenza stampa l’amministratore delegato etneo Pietro Lo Monaco che tra l’altro, per lo studio Catarraso (che rappresenta gli interessi del messicano in Italia) aveva anche svolto una consulenza sul club rossazzurro. Vergara è finalmente arrivato, dunque. Non ci resta che attendere i prossimi sviluppi.

  13. Ip Address: 5.86.20.79

    La notte porta consigli Buonanotte a tutti

  14. Ip Address: 87.16.138.211

    Buongiorno ragazzi. Come bene dice Mexxican oggi è il giorno di Vergara a torre. Dopo la presentazione di Pisseri alla stampa delle 11.00, alle 12,30 è previsto l’incontro col magnate messicano. Speriamo che il suo interesse possa aumentare così da portarlo a considerare fattibile l’operaZione di acquisto del calciocatania. Non ci resta che aspettare e incrociare le dita

  15. Ip Address: 151.36.35.20

    Cari amici,siamo alle solite! Si aspetta. ” il Messia ” Vergara,con tante speranze e poi si sente dire che ,si il Catania è un grande club ,che si trova in lega Pro per errori del proprietario,ma che può risollevarsi e che può far crescere molti giocatori messicani.Queste frasi li ho già sentito in passato e non mi piacciono! Caro amico Vergara ,il Catania non è la succursale di nessuno! Ti prendi la Società per far allenare i tuoi messicani? Quando è così restatene a casa ! Ci manca ,proprio uno con queste balzane idee in un ambiente che si sta rasserenando con l ‘arrivo di Lo Monaco! Amici,voi credete che sia un bene per il Catania che venga un Signore che potrà portare quattrini ,ma con questi , idee a dir poco strane e poco decorose per la nostra Società

  16. Ip Address: 5.169.141.158

    Si Armandi hai ragione ma il problema è’ che il Cstania deve cambiare proprietà in quanto deve acquisire credibilità verso l’esterno e riconquistare i tifosi che hanno manifestato di voler abbandonare il Cstania finché Pulvirenti non se ne va. Forse finiremo dalla padella alla brace ma il cambio societario in questo momento potrebbe aiutare a portare nuove risorse e un ritorno di immagine di buon livello. Vedremo l’evolversi delle cose

  17. Ip Address: 151.43.48.30

    Si può accettare Vergara e potrebbe essere per il Catania una risorsa pe la cassa disartrata della società ,sembra a patto che riesca a considerare il Catania una squadra non un ripiego è un campo di allenamento dei suoi messicani. Qualcheduno potrebbe essere di buona qualità ,forse ,altri no.Ripeto potrebbe essere acqua in un deserto ma il Catania ,per il signor Vergara ,dovrebbe essere una priorità ! Penso che il nostro Lo Monaco sarà in grado di valutare bene tutte le opportunità e le convenienze che si vengano a creare in questa situazione!

  18. Ip Address: 82.55.201.134

    Ciao Armando, sono anch’io convinto che Lo Monaco sarà capace di valutare in modo adeguato la situazione nel caso di una eventuale cambio di proprietà (chiunque esso sia). Continuiamo ad avere la massima fiducia nel suo operato. Buon pomeriggio a tutti

  19. Ip Address: 82.55.201.134

    Ciao Armando, sono anch’io convinto che Lo Monaco sarà capace di valutare in modo adeguato la situazione nel caso di una eventuale cambio di proprietà (chiunque esso sia). Continuiamo ad avere la massima fiducia nel suo operato. Buon pomeriggio a tutti

  20. Ip Address: 94.160.253.63

    Buonpomeriggio a tutti

  21. Ip Address: 94.160.253.63

    Vergara: “Decideremo entro 15 giorni. Catania, strutture impressionanti. I numeri…”
    E’ tempo di riflessioni per Jorge Vergara, alla luce della visita a Torre del Grifo. Il Patron del Gruppo Omnilife-Chivas è stato raggiunto telefonicamente dal portale messicano mediotiempo.com e ha espresso le proprie considerazioni a caldo, poche ore dopo la “full immersion” nel mondo rossazzurro. Ecco le sue parole, tradotte per voi da Catania46.net: “La fase di analisi generale è appena iniziata e finché non finiremo di visionare il tutto non prenderemo una decisione. Abbiamo ottime sensazioni, il club è stupendo, ma i numeri non sono positivi. E’ chiaro che questo aspetto potrebbe complicare la trattativa”.
    ADVERTISING

    “Le perdite del club sono significative, ma riflettiamo. Più o meno entro quindici giorni saremo in grado di stabilire a quanto potrebbe ammontare il nostro investimento qui, adesso è difficile esprimersi in tal senso”. “Le strutture del Catania sono spettacolari, a dire la verità sotto questo aspetto è il miglior club che abbia mai visto. E’ stato impressionante. I rappresentanti della squadra etnea sono stati decisamente gentili con noi e sono abbastanza interessati ad un nostro eventuale ingresso in società”. Foto: Profilo Twitter Jose Luis Higuera (@JLHB33)

  22. Ip Address: 94.160.253.63

    Aspittaumu con pazienza

  23. Ip Address: 151.38.20.6

    Giusto per non parlare sempre del nostro Catania ( però non mi stancherei mai ) ,volevo accennare ,a poco prima dell’ inizio, della partita dei nostri azzurri contro i tedeschi . Possono dire tutto quello che vogliono,ma ci temono,perché sono consapevoli che nelle partite che contono le hanno sempre prese! Un ricordo personale: nel 1970 ,nel famoso 4-3 per noi,io ero già contento perché ,qualche giornata prima il Catania aveva battuto la Reggina ed era tornata in serie A! Un chiaro e dolce ricordo! Oggi ,però l ‘Italia gioca con qualche defezione importante! Speriamo! Alla fine debbo ricordare agli amici che alla pretesa di essere superiori,ai tedeschi,ogni tanto bisogna rammentare che ,nel tempo del dominio di una Roma civile , loro erano i cosiddetti BARBARI . Questo giusto per la storia,che è quella che non mente mai. Saluti agli amici ed in particolare a Filippo!

  24. Ip Address: 5.168.35.145

    Buondì ragazzi mi riallaccio al precedente pensiero di Armando che dall’alto della sua esperienza ha giustamente espresso concetti inappuntabili sui teutonici e mi ha ricordato la concomitanza con la promozione etnea in quel fantastico 4-3 dell’Atzeca . C’ero anche io tredicenne a gioire quella notte. A bocce ormai ferme e a passaggio alle semifinali acquisito dai tedeschi ( non parlo di vittoria per loro perché non c’è stata) addiamo dimostrato che la regola del pallone rotondo è sempre valida avendo affrontato i tedeschi a viso aperto contando sull’estro, la fantasia , lo spirito di gruppo e la differenza rispetto alle geometrie monotone del loro marchio di fabbrica. Peccato perché potevamo farcela sebbene a centrocampo siamo scarsetti. Adesso dedichiamoci al Catania e alle sue vicende.

  25. Ip Address: 94.161.227.107

    Buonpomeriggio e buona domenica a tutti

  26. Ip Address: 151.43.112.186

    Cari amici ,leggendo in altri siti si rimane davvero scoraggiati! Con tutta la buona volontà e con tutta la competenza e la capacità di LoMonaco ,la situazione resta davvero molto precaria. Da una dichiarazione rilasciata ad Italpress,si viene a sapere che la visita di Vergara aveva lo scopo,ben preciso di accertare la situazione finanziaria del Catania,per poi,farsi avanti concretamente. Ad una prima lettura,il club è apparso affossato da debiti e certamente non ha il valore dato dalla proprietà. È così,Vergara proseguendo,afferma che la forbice è molto ampia e non è possibile andare avanti ( parole sue ) con un club sull’ orlo del fallimento! Il messicano ha apprezzato la squisita ospitalità di Lo Monaco ,lo ringrazia e ( bontà sua ! ) ha parlato della bellissima struttura,però ha concluso che non ci sono i presupposti per l ‘ acquisto! Avete capito amici? Come è possibile vendere la proprietà ? Caro Mexxican, scusami ,tu ,con tutto il tuo amore di tifoso,esorti questo signore a sbrigarsi a firmare l ‘ acquisto. Il messicano e ‘ danaroso ma certamente non è un fesso! Una cosa è certa ! Lo Monaco si è presa una bella gatta da pelare! Noi tutti confidiamo in lui ,ma piuttosto confidiamo nella nostra Santa! Ha salvato la sua città ,tante volte!

  27. Ip Address: 151.82.29.99

    Invito,gentilmente,ancora una volta La Redazione a rimuovere la dicitura del commento già scritto.Una dicitura che appare tutte le volte che commento. Mi scuso ma ,credo ,che questo disguido tecnico possa essere rimosso!

  28. Ip Address: 79.22.196.95

    Armando mi consola quel proverbio che cosi recita:” Chi disprezza vol comprare e chi loda vuol lasciare”:Speriamo che per il nostro Catania funzioni cosi. Ragazzi ci pensate? domani saremo a -11 dal ritiro. fra poco si ricomincia.

  29. Ip Address: 2.157.146.167

    Higuera
    Higuera a Catanista chiama Enzo Bianco e la città
    3 luglio 2016 alle ore 16:35
    Scritto da Antonio Torrisi
    Omnilife chiama…il Comune risponde? Continuano a susseguirsi le notizie al possibile acquisto del Catania da parte dei rappresentanti del gruppo Omnilife, dopo la visita di Jorge Vergara e dei suoi collaboratori a Torre del Grifo avvenuta negli scorsi giorni. Ma la possibile trattativa passa anche e soprattutto dalla collaborazione dell’organo comunale.

    Proprio l’amministratore delegato della società messicana, José Luis Higuera, intervistato telefonicamente dal nostro Fabio Miritello, ha voluto precisare alcuni punti emersi nelle scorse ore inerenti al rapporto con il Comune etneo: “Lo stadio? E’ molto deteriorato: incredibile che lo abbiamo lasciato in questo stato, e bisogna parlarne con il Comune, perché se non contribuisce a una riparazione minima, non si può procedere”, ha dichiarato. Nodo importante dell’affare, infatti, è la realizzazione di un impianto sportivo di proprietà, come già avvenuto in Messico con il Chivas, club di proprietà proprio di Omnlife. D’altra parte, poi, i lavori per rimodernare il Massimino sono stati al centro di diversi discorsi nelle ultime settimane. Ma in che modo tutto ciò potrebbe complicare l’acquisto della società rossazzurra?

    Per capiro, basta volgere lo sguardo al progetto del gruppo centro-americano: “Il nostro obiettivo è quello di comprare il Catania per farne la base dell’operazione Omnilife per tutta l’Europa, da realizzare nel porto etneo, ma senza l’aiuto dell’amministrazione comunale ce ne andiamo da un’altra parte”. Se il sindaco Bianco, come più volte affermato nel corso dell’ultimo anno, avesse realmente a cuore le sorti del club etneo, deve rispondere alla chiamata di Vergara & Co. E non solo per ciò che concerne il rettangolo di gioco, ma anche per lo sviluppo di un’intera città, che può trarre giovamento da un investimento importante: il rilancio di un settore completo, tra turismo e risorse economiche annesse. E poi, ritornando al campo, c’è la componente coerenza: subito dopo “I treni del gol”, lo stesso primo cittadino è sceso in campo dichiarando di voler collaborare affinché il Catania tornasse ai massimi livelli. Cosa messa in secondo piano. Durante la scorsa stagione, poi, diversi sono stati gli “spot” a favore di un aiuto… mai arrivato.

    E adesso, invece, ha la possibilità di intervenire, diventando decisivo in merito alle sorti dei colori rossazzurri: perché tutto passa da lui. Se il Comune non spiana la strada, la situazione si complica, a danno di una società sportiva che andava salvata tante volte: perché sembra bastare poco per far cambiare idea ai rappresentanti di Omnilife, che in quel caso cambierebbero città. E Catania, ancora una volta, avrebbe perso l’ennesima occasione per essere protagonista.

  30. Ip Address: 2.157.146.167

    resse Vergara: il Catania precisa che…
    Puntualizzazione del Catania in merito alle frasi di Josè Luis Higuera, elemento vicino a Jorge Vergara. Ecco la nota del club apparsa sul sito ufficiale:
    – L’interesse del Gruppo Omnilife all’acquisizione delle quote azionarie del Calcio Catania S.p.A., già noto da mesi ed ulteriormente confermato nelle ultime settimane, è per l’attuale proprietà del Calcio Catania tema di grande importanza ed è pertanto coltivato attraverso un dialogo costante, alimentato dalla migliore accoglienza e dalla più ampia disponibilità al confronto garantite in un clima di grande cordialità dai Consigli di Amministrazione di Finaria S.p.A. e Calcio Catania S.p.A. in occasione della recente visita a Torre del Grifo del signor Jorge Vergara e dei dirigenti del Gruppo Omnilife;
    – Finaria S.p.A. non ha mai formulato alcuna richiesta economica ad alcun interlocutore per la cessione delle quote azionarie del Calcio Catania S.p.A.: nell’ambito dei colloqui intercorsi è stato in primo luogo constatato il notevole valore economico del Centro Sportivo “Torre del Grifo Village”, struttura progettata e costruita dal club, asset di proprietà del Calcio Catania. Successivamente, è stata effettuata una ricognizione della situazione debitoria. Tale situazione è oggetto di un piano di risanamento ben preciso e già concretamente avviato da Finaria S.p.A.
    Pertanto è smentita dai fatti, destituita di ogni fondamento e fuorviante l’ affermazione del rischio di un fallimento: l’ipotesi è rigettata con forza e, soprattutto, con la credibilità degli adempimenti già rispettati dal Calcio Catania nel mese di giugno;
    – La proprietà del Calcio Catania S.p.A. conferma massima disponibilità al dialogo con interlocutori di gruppi in grado di assicurare un futuro radioso al club, Gruppo Omnilife incluso. Le proposte verranno esaminate con attenzione, valutando costantemente il superiore interesse del futuro del calcio professionistico ad alti livelli nella città di Catania.

  31. Ip Address: 2.157.146.167

    Buonanotte a tutti voi fratelli rossazzurri

  32. Ip Address: 79.22.196.95

    Salve ragazzi leggendo con attenzione il comunicato di Finaria postato da Mexxican col quale si legge “Finaria sta conducendo in piano di risanamento” si capisce che Pulvirenti è’ fuori dal Catania, almeno io la penso così. Quindi dire che non si fanno gli abbonamenti finché c’è Pulvirenti vuol dire secondo me non aver capito che Pulvirenti è stato estromesso . Che ne pensate?

  33. Ip Address: 2.156.163.190

    Buongiorno a tutti Foto: Jonathan Moscrop – LaPresse23 04 2011 Torino ( Italia )Sport CalcioJuventus vs Catania – Campionato TIM Serie A 2010 2011 – Stadio Olimpico di TorinoNella foto: Pietro Lo MonacoPhoto: Jonathan Moscrop – LaPresse23 04 2011 Turin ( Italy )Sport SoccerJuventus Football Club versus Calcio Catania – Italian Serie A Soccer League 2010 2011 – Stadio Olimpico TurinIn the Photo: Pietro Lo Monaco
    Tutto in quattordici giorni
    4 luglio 2016 alle ore 09:42
    Scritto da Nicolò Marchese
    “Tre settimane da raccontare” cantava Fred Bongusto e, analizzando la situazione attuale in casa Catania, mai titolo fu più azzeccato. Bisogna, però, parafrasarlo. Le settimane “rossoazzurre” da raccontare saranno solamente due, fondamentali per capire il futuro etneo, per lo meno quello a breve termine. Quattordici giorni da cui dipende la prossima stagione sportiva, in attesa di ufficialità relative a colpi di mercato, sede del ritiro, partenza della campagna abbonamenti e di tutto ciò che ne consegue; quattordici giorni fondamentali anche per la questione societaria: Vergara e lo Studio Catarraso in toto hanno preso tempo per capire il da farsi, per studiare le strategie ed analizzare i dati, da lì si capirà la fattibilità di un affare che, in certi momenti, sembra prendere quota e, in altri frangenti, pare essere attorniato da pessimismo. Quattordici giorni, in pratica, da vivere con l’ansia di chi si appresta a fare un passo decisivo, come lo studente durante la famigerata “notte prima degli esami” o come il futuro padre che, in sala d’attesa, attende spasmodicamente notizie sull’imminente parto della moglie (il tutto, ovviamente, con le dovute proporzioni).

    Saranno due settimane fondamentali all’interno del contesto “squadra”. Presentazioni varie e preparazione effettiva dell’ormai imminente stagione sportiva, assemblaggio di tutti meccanismi, da oliare con urgenza per poter consegnare a mister Pino Rigoli l’organico adatto alla “lotta”, questa intesa non solo come “lotta per la promozione”, ma anche, ed in un certo senso soprattutto, come “lotta per la sopravvivenza calcistica”, come “lotta su ogni contrasto”, “lotta su ogni palla vagante”. Quattordici giorni utili a mettere in vetrina il Catania come organizzazione vincente, votata al successo, preparata ad ogni evenienza, per mettere in evidenza il nuovo Catania targato Lo Monaco, che inizia il suo lungo iter verso la riconquista delle tanto agognate categorie di “competenza etnea”, verso i lidi che corrispondono alla fama di questa squadra ed alla passione di una piazza desiderosa di ardente rilancio e di ritorno in tempi brevi nel cosiddetto “calcio che conta”. Un progetto a lunga gittata, che impiegherà, utilizzando le stesse parole di Lo Monaco, almeno quattro anni. Due settimane possono, quindi, influenzare un periodo di tempo così esteso? Sì, se servono a porre le basi ed a ricostruire le fondamenta su cui verrà cementificato un futuro che si spera sia radioso.

    Quattordici giorni d’attesa per quel che riguarda anche il fronte Vergara. Settimane di riflessione, di studio, di pensieri e di analisi. Si parte dal quel “misero” 20% di possibilità che la trattativa prenda piede, una percentuale che non fa di certo dormire sonni tranquilli a coloro i quali spingono per un passaggio di consegne societario che si verifichi in tempi più o meno celeri. Si parte dalle credenziali bancarie fornite e dalla firma del patto di riservatezza, tutti step necessari, certo, ma nessuno decisivo ai fini di una concreta accelerazione. Il magnate messicano, per forza di cose, ripercorrerà mentalmente la sua visita alle falde dell’Etna, analizzerà pro e contro e vedrà se quel 20% si tramuterà in qualcosa di più. Di certo, tra Torre del Grifo e situazione attuale del Calcio Catania, saranno due settimane colme di pensieri per l’eventuale parte acquirente, anche se, indubbiamente, la visita personale del proprietario di Omnilife rispecchia un’indiscussa volontà di almeno capire se ci siano o meno i margini per portare a compimento l’affare.

    Non tre, come cantava Bongusto, ma due settimane da raccontare. Piede sull’acceleratore e poche indecisioni. Comunque vada, c’è molto da impostare e tanto da costruire. Il cammino del nuovo Catania, però, riparte da qui, da questi quattordici giorni che potranno dire tutto come potranno dire poco. In entrambi i casi, saranno comunque fondamentali.

  34. Ip Address: 2.156.163.190

    Concordo in pieno con te catanese a Napoli

  35. Ip Address: 62.2.176.13

    Buongiorno a tutti

    Bella questa di VERGARA! Comune di CATANIA fammi lo stadio nuovo, comprami il CATANIA cosi io vengo con i miei giocatori messicani. Li faccio allenare li e li vendo in tutta Europa………..

    Questo mi sa che é peggio del’amico argentino. A questo del CALCIO CATANIA non gliene frega niente di niente.

    Ragazzi siamo messi non male ma malissimo.

    Vi saluto

  36. Ip Address: 151.68.32.48

    CaroJamaJama, vedo che la pensi come me! Io si, sin dall ‘ inizio di questa storia ,così farraginosa intravedevo una fregatura colossale! Speravo proprio,che piano piano avrei potuto esagerare nel pessimismo,però ,strada facendo,non solo io,ma tutti voi vi state accorgendo delle reali intenzioni di questo signore! Che non gli frega niente del Catania ,si è visto fin all ‘ inizio e che cerca un campo ,storicamente prestigioso,per allenare i suoi giocatori connazionali lo ha lasciato capire chiaramente! Noi,amici,abbiamo una sola garanzia : Lo Monaco,che non porta gli anelli al naso e che dall’ alto della sua competenza e del sincero affetto che nutre per Catania ,non permetterà che la Società ,dopo tante sofferenze,venga ,ulteriormente presa per i fondelli!

  37. Ip Address: 91.253.60.131

    Alla guida del timone c’è lomonaco che sa il fatto suo, e sa farsi rispettare e di conseguenza anche il calcio Catania

  38. Ip Address: 62.2.176.13

    Ciao Armando Caro Mexxican

    Purtroppo senza soldi non si canta messa. Dunque LoMonaco non ha grande potere. Credo che dopo la vergogna dalla A alla B dovremmo subire la vergogna che a CATANIA non esiste nessuno che riesce a prendersi il CATANIA Calcio. E diventeremo una succursale di ……….

    Che tristezza. Pensavo che LoMonaco veniva e portava gente interessata al CALCIO CATANIA ma purtroppo neanche lui potrà raddrizzare le cose combinate dal’argentino e pulvirenti!

    Speriamo ragazzi speriamo

  39. Ip Address: 62.2.176.13

    scusate la vergogna dalla A alla LEGA PRO!!

  40. Ip Address: 91.253.119.131

    Ciao jamaiama. Il problema che il duo cosentino e pulvirenti hanno fatto una catastrofe, chiunque venga vuole vederci più che chiaro in ballo c’è il “denaro ” ……………….propio come di qualcuno se no no si canta messa

  41. Ip Address: 94.160.99.231

    Scusate ho dimenticato a scrivere Dice

Spiacenti, i commenti sono chiusi.

su
giu