Più che la pagliuzza nell’occhio guardiamo la trave

 Scritto da il 17 febbraio 2016 alle 11:17
Feb 172016
 

musacci

Disquisire sulle difficoltà che incontra la nostra squadra nel tirare palloni sufficientemente pericolosi verso la porta avversaria oppure puntare il dito sui centrocampisti che poco salgono per assistere gli avanti o sul perdurare del metodo di gioco applicato sempre e comunque e non in funzione degli avversari, come potrebbe permettersi solo di fare una squadra schiacciasassi votata alla risalita immediata verso la serie B, ci allontana e ci impedisce di alzare un poco lo sguardo sopra la siepe della partita di turno, al fine di verificare cosa effettivamente ci sia oltre quell’ostacolo di leopardiana memoria.

Certe volte non lo si fa per ignoranza, talvolta per comodità, spesso per paura di conoscere e ci si limita ad osservare solo la pagliuzza alla lente di ingrandimento evitando di vedere quella pesante trave che minaccia il nostro occhio. La trave che ormai come un macigno incombe e opprime i pensieri di tutti noi è quella della società Calciocatania, quel piccolo gioiellino quattro anni fa additato anche dal maggiore quotidiano economico italiano a modello di società virtuosa da seguire. Infatti, in un articolo del 29 maggio 2012 Gianni Dragoni additava alle spalle del Chievo, regina indiscussa del virtuosismo avendo speso 722 mila euro a punto, proprio il Catania a quota 756 mila euro a punto e terzo il Bologna a quota 865 mila euro, cifre che diventano esaltanti se confrontate ai 2 miloni e 362 mila euro a punto della Juventus o alle pecore nere di questa classifica virtual-ecomonica la Roma a 3 milioni di euro a punto, il Milan a quattro e addirittura l’Inter, ultima, a quota 5 milioni di euro a punto.

Anche in fatto di ricavi le cose andavano bene in casa rossazzurra, avendo realizzato nell’anno 2010/11, sempre dati sole 24 ore un utile pari a 6,4 milioni di euro, stagione nella quale solo altre quattro società e precisamente il Bari, la Lazio, il Palermo e il Napoli riuscirono a chiudere il bilancio in positivo. Anche la Gazzetta dello Sport dell’11.09.2012 entrava nel merito della gestione delle società per quanto attiene al monte ingaggi riconoscendo al Catania il terzultimo posto a 18 milioni di euro, preceduta solo dal Cagliari, dal Chievo e dal Pescara, ultimo in graduatoria a 10, 8 milioni di euro. Questa classifica virtuale venne coronata dalla stagione esaltante della squadra Etnea posizionatasi all’ottavo posto in classifica finale.

Da quel momento in poi abbiamo assistito ad una corsa verso l’abisso iniziata con le difficoltà di una società del gruppo, di addii a Amministratori Delegati e nomina di colui che ci ha accompagnati nel tracollo sportivo, di mal di pancia sempre più frequenti a calciatori che spingevano per cambiare aria, a calci alle bottigliette a bordo campo, esoneri di allenatori, promesse e rassicurazioni, cadute e ricadute, spiragli di luce subito sopiti, fino alla vergogna di giugno scorso, ferita ancora aperta e che sanguina copiosamente. Un tracollo che ha dell’inverosimile è accaduto, travolgendo la nostra maglia mandata a giocare su quei campi che credevamo di aver lasciato per sempre.

Mentre tutto questo accadeva pochi echi e toni bassi si levavano da parte di esperti e quotati giornalisti, quasi tutti limitati a guardare le singole partite come la pagliuzza nell’occhio non vedendo o non volendo proprio accorgersi di quella trave che minacciava la nostra squadra e la sua stessa sopravvivenza, magari tessendo ancora lodi al suono delle lire verso quel presidente che aveva fatto rivivere la serie A per otto stagioni ininterrotte. E quella trave adesso sembra essere vicina, quasi a contatto e minaccia la stessa esistenza del Calciocatania o , che è la stessa cosa, del calcio a Catania.

Imperativo, prima del tracollo, un passaggio di mano che giorno dopo giorno diventa sempre più difficile sia perchè è difficile credere che ci sia una chiara volontà di vendere magari per la paventata minaccia che gli eventuali ricavi potrebbero essere incamerati dall’Autorità giudiziaria per coprire perdite di altri comparti che per l’antieconomicità dell’operazione che potrebbe intravedere un compratore mal disposto all’acquisto di un qualcosa che tra qualche tempo potrebbe ottenere a costo quasi pari a zero.

Altro pericolo è quello rappresentato dagli organi giudiziari che potrebbero bloccare sul nascere eventuali trattative per i noti nodi legati alle fasi procedurali Windjet. Quindi, parlare di pallone in tale frangente, sarebbe riduttivo se non inutile.

Non si può invece non parlare dei fedelissimi supporter rossazzurri ancora a fianco a difesa dei nostri colori, ultimo baluardo in questo mare ombroso e viscido, anche sabato raccolti a quadrato a protezione della nostra maglia, come la vecchia guardia lo fu a Waterloo, a difesa di Napoleone e di quel che restava di quell’Impero oramai travolto dagli eventi.

  33 Commenti per “Più che la pagliuzza nell’occhio guardiamo la trave”

  1. Ip Address: 151.47.60.143

    Raggio libero ,con la consueta precisione ha centrato l ‘unico argomento che , adesso , bisogna trattare. A che vale ,adesso parlare del gioco della squadra, dei risultati,della classifica, dei punti ! Tutte cose che adesso , che il Catania rischia seriamente di sprofondare, non contano ,assolutamente nulla! Nel caso del peggio più assoluto ,che cosa resta?Riallanciandomi al commento di qualche giorno fa,nel quale parlavo del tipico tifoso catanese,ribadisco che l’ ultima risorsa che rimane è proprio quella del tifoso. Di quel sostenitore che non si è mai abbattuto,che è disposto a soffrire , a dare solo amore alla squadra del cuore! Io sono sicuro che ,con questi veri ed unici tifosi il Catania continuerà a vivere!

  2. Ip Address: 62.2.176.13

    Ciao Armando

    Purtroppo io non riesco a vederla come te! Quasi Quasi é meglio come hanno fatto col Parma. Almeno loro hanno rincominciato a vivere.

    Noi invece cosa facciamo? mi sembra una morte lenta lenta, a rate!

    Non ci sono soldi. Non vuole cedere. Nessuno vuole comprare. Dunque cosa avverrà in futuro?

    Solo con il nostro tifo non si va da nessuna parte. Non riusciamo a fare niente.

    Armando ti saluto e speriamo in un miracolo!

  3. Ip Address: 93.44.84.128

    Iancu e u sali

  4. Ip Address: 151.82.118.183

    Come la vuoi vedere ,caro JamaJama? Ti sembra che io non sia amareggiato come Te e come tutti gli amici tifosi ? Che cosa possiamo fare se non pregare? Vedi ,forse io ,essendo di una certa età, sono vaccinato abbastanza da tante sventure che copiosamente sono cadute e continuano a cadere sulla nostra povera . Ed è ,per questo, non dico che me ne faccio una ragione,però cerco di reagire ,pensando che ,dopo ogni volta che vi è stata una caduta, è subentrata la risalita ,a volte rapida ,a volte lenta . Sapete,amici, perchè questa volta sono più triste? Forse ,per cause fisiologiche, vi auguro,che la sicura rinascita ,sicuramente la vedrete voi ! Scusatemi ,questo mio sfogo e vi prego di vivere questa drammatica storia ,cercando di rovinarvi il fegato perchè ,prima viene la vostra salute e po subito dopo il nostro caro Catania

  5. Ip Address: 151.82.118.183

    Vedete l’emozione mi ha tradito mi correggo povera squadra cercando di non rovinarvi il……………… e poi subito

  6. Ip Address: 82.55.202.136

    Raggio Libero come sempre, con efficacia, ha colto l’aspetto principale che condivido pienamente. Ciao Armando, un carissimo abbraccio.

  7. Ip Address: 93.44.84.128

    Signori miei..non prendetevi di collera ..ma non solo per il Catania ma per tutte le provinciali, è già tutto in mano alle grandi società è al business che gira attorno, tutte le piccole faranno ancor più le comprimarie di quanto lo fanno oggi…se la canteranno e suoneranno ..così vedremo sempre più ribattuti meridionali che tiferanno per le squadre del nord…il calcio quello vero è già scomparso, guardatelo con occhio più divertito…quello che si vede in campo dimostra che è tutto scritto.

  8. Ip Address: 94.167.160.42

    buonasera a tutti

  9. Ip Address: 79.43.108.114

    Siamo tutti amareggiati ma cosa possiamo fare noi tifosi? Protestare e poi ? Non mi sento di non tifare per la maglia Rossoazzurra siamo tutti in attesa che si sbocchi qualcosa ma quando ??? Speriamo che arrivano buone notizie, giusto cosa servono i risultati i gol la classifica.
    Intanto salviamo la categoria il titolo e ricominciamo nuovamente con altra persona non lestofante che ci faccia sognare che riporti entusiasmo, saluti a tutti e mi scuso se non sono sempre presente,Forza Catania.

  10. Ip Address: 151.19.71.175

    Buon giorno amici , Riflettendo,mi domandavo .: Con quali pensieri, con quale stato d ‘animo,con quale interesse i tifosi catanesi possono seguire le prossime partite della nostra squadra? Molto difficile rispondere a queste domande ! Perchè , con il passare del tempo, mano a mano il tifoso etneo ha acquisito la consapevolezza che si doveva ,sempre di meno guardare il risultato ed il gioco della squadra e sempre di più seguire le vicende societarie Ed allora adesso nasce il dilemma : SI può e si deve continuare a fare il tifo come prima ,pur sapendo che ,prima o dopo ,immancabilmente, si deve pagare il prezzo del fallimento! Vedete ,a quale situazione disastrosa,assurda mai immaginabile ci hanno portati quegli inqualificabili soggetti ! Credo senza tema di esagerare che siamo i tifosi più iellati ,assolutamente non meritevoli di essere traditi così ! Se non vi annoio troppo, concludo dicendo che ,penso che ogni tifoso catanese ,alla fine si comporterà secondo la propria coscienza ed il proprio carattere

  11. Ip Address: 2.157.30.220

    Buonasera a tutti , sia nella buona sorte e sia in pure in quella cattiva per fortuna noi ci saremo sempre

  12. Ip Address: 151.18.55.195

    Buon giorno,amici! Vedo un mutismo generale e d’altra parte me lo spiego ,con l ‘ atmosfera pesante che si è creata dopo le cose esatte che ha scritto la Redazione
    . La parola Trave ci ha ricondotti, bruscamente , alla più brutta delle realtà. La strada senza via d ‘uscita ,nella quale è stata cacciata la società , dopo avermi fatto scrivere ,ieri, considerazioni su quali nuovi scenari possono trovare i tifosi , mi sforzo,adesso di cercare di affrontare il problema ,molto più serio dei giocatori Secondo il mio modesto parere, innanzi tutto questi saranno frastornati,distratti,non si sentiranno sicuri di essere retribuiti . Il loro impegno ,la voglia di dare il meglio delle loro forze,già fino adesso, non esaltanti,avranno gli stessi stimoli? Conserveremo ,almeno la categoria ? E , Poi ,quale prospettiva avranno i giocatori ?A noi ,poveri tifosi ci interessa la squadra,a loro sta a cuore la loro sistemazione futura, Io mi rendo conto che , forse disturbo il vostro silenzio, amici,ma di fatto, non si può nascondere che con la trave ,che io preferisco chiamare macigno , si aprono scenari inediti ,nuovi per un campionato di calcio .Certamente , e lo dico con profonda amarezza , il Catania non è nuovo a simili scenari.Ringraziamo,ancora una volta i nostri AMABILI DIRIGENTI ! Un abbraccuio

  13. Ip Address: 62.2.176.13

    Ciao Armando

    Non credo che i giocatori non sapevano a cosa andavano incontro. Cosa pagano a fare i MANAGER?
    Se non si muovono il culo é proprio che sono scarsi (Calil in un intervista ha detto “non siamo dei fenomeni”) ergo l’allenatore PANCARO.

    Ho scritto in un altro post. Ci sono persone che devono campare von 1000 Euro al mese.

    Dunque di cosa si lamentano questi giocatori di pallone? Allenaris per 3 ore al giorno ??

    Ti saluto Armando

  14. Ip Address: 82.51.190.144

    Buondi ragazzi Che aria triste Che aleggia intorno a noi e al nostro Catania. Dubbi e quesiti ci stanno accompagnsndo da qualche tempo e adesso appaiono prioritari quelli rivolti alla societa piuttosto Che quelli verso la squadra. Una Cosa e’ certa : Gli stipendi sino a febbraio sono stati saldati e quindi Che corressero appresso ad un pallone gia da domenica a catanzaro . Poi a giugno non hanno problemi: Se il Catania fallisce saranno Liberi Di accasarsi altrove, da buoni mercenari, ma fino ad allora Che onorino I nostri colori e sudino in campo

  15. Ip Address: 151.57.75.187

    Proprio quello che io mi auguro e con me tutti gli appassionati catanesi! Però , vedi ,il passato non mi ispira molta fiducia .Riconoscono che non sono campioni, però non fanno nulla , ma proprio nulla per dimostrare ,almeno un minimo di gratitudine ad una città ed una società ,che malgrado le loro lacune ed il loro scarso impegno ,li ha accolti con fiducia. Ma questi ,sono dettagli di fronte ad una situazione societaria ,che non si sa se si risolverà , quando, e come!

  16. Ip Address: 82.51.190.144

    Certo Che una societa senza programmi non puo’ spingere al massimo impegno I suoi tesseratI, oramai piu’ interessati a portare a termine questa stagione Che a pensare alla prossima.io mi auguro da tifoso Che a settembre possiamo disputare un’altra stagione in lega pro ma con Altra proprieta’

  17. Ip Address: 95.245.223.184

    Buonasera raga!

    Scusate della mia assenza.

    Caro Catanese a Napoli il tuo commento mi ha fatto brillare gli occhi e reso triste per gli anni bellissimi che abbiamo vissuto.
    Adesso il piccolo impero rossazzurro non c’e’ piu!
    Distrutto in tre anni dal duo Pulvirenti delinquiente e Cosentino, incompetente.

    Speriamo che alla fine di questo tunnel c’e’ un po’ di luce per noi innamoratissimi del Catania.

    Buona serata a tutti!

  18. Ip Address: 95.245.223.184

    @AVagliasindi) ha twittato alle 5:08 PM on Ven, Feb 19, 2016:
    Pulvirenti e Rantuccio restano ai domiciliari, ma il Tribunale della Libertà dispone il dissequestro di quasi € 5 milioni del Patron.

  19. Ip Address: 95.245.223.184

    Copia e incolla da lasiciliaweb

    venerdì, 19 febbraio 2016

    Pulvirenti resta ai domiciliari

    Crac Wind Jet. Respinto a Catania il ricorso del presidente della compagnia aerea e dell’ad Rantuccio. Restano a disposizione della magistratura i 2,4 milioni sequestrati per il valore del marchio. Il mutuo di 1,8 milioni acceso da Finaria, invece, era stato quasi integralmente pagato
    Pulvirenti
    10 0 Blogger0 Google +0
    Commenta

    CATANIA – Restano agli arresti domiciliari il presidente della Wind jet nonché ex patron del Calcio Catania, Antonino Pulvirenti, e l’amministratore delegato della società low cost, Stefano Rantuccio, indagati per bancarotta fraudolenta per il buco di bilancio della compagnia aerea. Lo ha disposto il Riesame presieduto da Maria Grazia Vagliasindi. I due sono stati posti agli arresti domiciliari dalla guardia di finanza lo scorso 29 gennaio in esecuzione di un provvedimento del gip Giuliana Sammartino.

    Riguardo al sequestro patrimoniale restano disposizione della magistratura i 2,4 milioni di euro che erano stati sequestrati per il valore del marchio Wind Jet. Per quanto riguarda il mutuo acceso da Finaria di 1,8 milioni di euro è stato accertato che era stato quasi integralmente pagato. Il restanti 30mila euro ancora dovuti sono rimasti sotto sequestro.

    Secondo le indagini delle fiamme gialle nel bilancio della Wind Jet sarebbero state realizzate “artificiose sopravalutazioni operate con il contributo di società estere che, attraverso perizie di comodo, hanno gonfiato il valore delle rimanenze di magazzino per oltre 30 milioni di euro”.

    Nell’agosto del 2012 con gli aerei a terra, a fronte di 20 milioni di euro incassati con biglietti già emessi, l’azienda ha chiuso non potendo più coprire le spese e 500 dipendenti sono stati licenziati. Il fallimento è stato evitato con l’accesso, nel maggio del 2013, a un concordato preventivo per fare fronte a un passivo di 238 milioni di euro e a un debito con l’Erario di 43 milioni. L’inchiesta della Procura di Catania è coordinata dal procuratore Michelangelo Patanè e dai sostituti Alessia Natale, Alessandra Tasciotti e Alessandro Sorrentino.

  20. Ip Address: 151.35.96.231

    Grazie caro Giorgio per le notizie ,che con la consueta solerzia, tu ci dai ?Ma tu, con ottimismo,hai scritto ex patron. Magari fosse vero che fosse davvero EX! Lo sa ,solamente il Signore come tutta Catania aspetti , con ansia, che si levi ,definitivamente di torno!

  21. Ip Address: 93.44.84.128

    Riesame presieduto da Maria Grazia Vagliasindi…Vagliasindi ….Vagliasini se non ricordo male non è lo stesso cognome di quel giornalista che pulvirenti critico aspramente perché si era permesso di dire e domandare le stesse cose che avrebbero detto è domandato ognuno di noi tifosi…che scherzo del destino…saluti a tutti e viva la maglia

  22. Ip Address: 95.245.223.184

    Buonasera raga!

    Caro Armando quando ho tempo cerco sempre notizie utili per noi tutti!

    Il delinquente deve sparireeeeeeeeeeee!

    Ciao Mangusta scrivi giusto a noi interessa solo la maglia!

    Sogni rosso e azzurri a tutti!

  23. Ip Address: 151.37.39.240

    Cari amici,brevemente oggi. Domani,anche se ,sono ancora indeciso , se seguire o no la partita della nostra squadra nel mio tablet, né seguirò ,costantemente l’esito per tutta la durata dell’ incontro,perché ,anche se siamo tutti consapevoli che sventure ancora più grandi possono abbattersi sulla nostra cara squadra,e ,che tutto potrebbe risultare inutile,l’amore ,e la passione che ci lega ai nostri colori non possono impedirci di sostenerla con il tifo di sempre.Tutti da lontano però , perché quei pochi tifosi catanesi ,che avrebbero voluto seguire la squadra ,sono ancora,pervicacemente,considerati ,come degli appestati . Un caro abbraccio a Filippo ,ritornato a casa.

  24. Ip Address: 79.35.106.110

    Troppo pessimismo. Io seguirò la squadra, non le vicende giudiziarie. Berlusconi fu inquisito in tutti i modi (giustamente e a volte ingiustamente). Lui si è salvato, perché il Milan è Milano. Noi non sappiamo. Ma se ci mettiamo anche la sfiducia è finita. Dunque guardiamoci la partita commentiamo il calcio ( quello che sarà). Noi siamo tifosi. Ct e basta ❓

  25. Ip Address: 151.37.25.155

    Ciao a tutti tifosissimi del catania.. vi leggo un po tristi e questo mi dispiace.. dovete stare tranquilli ragazzi questo e il nostro destino lo e sempre stato.
    Tanto siamo noi.. siamo il Calcio Catania.. noi siamo quelli che
    CASCAMU SEMPRI ADDITTA COMU E JATTI

  26. Ip Address: 178.39.222.79

    No Paolo

    Non sono tifoso é basta! Qando hanno rotto i cogl….. ! Li hanno rotto! E il slogan solo la maglia conta solo se ci sono 11 catanesi in campo! Se vengono solo per i soldi e giocano come stanno fare allora niente!

    Io ho sempre sostenuto la squadra. Questi ci stanno prendere per il culo come gli argentini!

    E se nessuno vuole il Catania qualcosa vorra dire!

    Malgrado tutto sono catanese e morirò catanese!

    Spero che avete capito il mio pensiero (anche se non so scrivere tanto bene)

    Saluti e abbracci a tutti

  27. Ip Address: 151.38.37.159

    Sono ancora io,scusatemi,ma la mia,non verde età ,forse me lo consente! Questi due ultimi commenti mi hanno riscaldato il cuore! Bravi Paolo il caldo e Maccaliotru fate vedere di che pasta è fatto il tifoso catanese! Gli altri tifosi così si rendono conto ,una volta per sempre, che il tifoso rosso azzurro rimane unico! Signori , la marca non è imitabile ! Buona notte a tutti

  28. Ip Address: 95.239.35.169

    Buonaseraraga!

    Certamente sara’ triste il nostro futuro ma la speranza c’e’ che possa cambiare.

    Copia e incolla dal sito ufficiale del Calcio Catania:

    sabato 20 febbraio 2016
    Verso Catanzaro-Catania: 21 rossazzurri a disposizione di mister Pancaro

    Questi gli atleti a disposizione di mister Pancaro:

    Portieri
    Bastianoni, Liverani, Logofatu.
    Difensori
    Bastrini, Bergamelli, Garufo, Nunzella, Parisi, Pelagatti.
    Centrocampisti
    Agazzi, Bombagi, Di Cecco, Di Stefano, Musacci, Pessina, Russotto.
    Attaccanti
    Calderini, Calil, Falcone, Felleca, Lupoli.

    Sogni rosso e azzurri a tutti!

  29. Ip Address: 82.51.190.144

    Buongioorno ragazzi. Oggi Voglio pensare solo slla partita delle 15.00 . Mi stinnicchio in poltrona e forza Catania il resto sino slle 17.00 non conta almeno per un’ora e mezza Voglio essere solo tifoso .

  30. Ip Address: 79.13.104.46

    Saluti a tutti i tifosi amici e Forza Catania sempre,non ho altro da aggiungere solo sperare…

  31. Ip Address: 93.44.84.128

    Java jama a mio avviso questi non ci stanno prendendo in giro affatto, venire in questo momento a Catania col rischio che non prendi nemmeno lo stipendio E da pazzi o disperati, quello che ci salva e che tutti gli altri ripeto tutti gli altri sono bene o male nelle stesse condizioni del Catania e in sostanza nonostante messi così male per assurdo siamo alla pari degli altri.. Ho sempre sognato una squadra formata da siciliani, ma poi nei fatti vedi che prima di mettere in campo un solo nostro ragazzo passano anni e anni…il calcio purtroppo è così in mano agli speculatori .ma la nostra è una malattia che si chiama tifo inguaribile in questo d’accordo con te..un saluto a tutti

  32. Ip Address: 151.28.216.2

    Ennesima prova mediocre e senza grinta

  33. Ip Address: 178.39.222.79

    0:0 effettivo zero

    Ma siamo malati veramente e speranzosi

    con questi 0:0 non si va da nessuna parte

    Spero in qualche vittoria………

    Vi saluto e vado a mangiare

Spiacenti, i commenti sono chiusi.

su
giu