“Preso un giovane ma non è brasiliano”

 Scritto da il 4 maggio 2010 alle 11:46
Mag 042010
 

Il presidente del Catania, Antonino Pulvirenti, dopo il pareggio di domenica contro la Juventus che ha sancito la permanenza in serie A degli etnei per il quarto anno consecutivo, ha parlato in esclusiva ai microfoni di Itasportpress.it commentando la stagione dei rossazzurri e i progetti futuri. “Stiamo lavorando per crescere e questi quattro anni hanno rappresentato le fasi di un percorso che dovrà aprire nuovi orizzonti. Il nostro obiettivo è quello di diventare una realtà importante del calcio italiano, attraverso le strutture, attraverso i risultati sul campo e lo sviluppo societario. Quest’anno non siamo partiti bene e la strada si è presentata subito in salita. L’ambiente però ha mostrato grande coesione e siamo riusciti a portare a termine l’obiettivo stagionale – ha spiegato Pulvirenti – La svolta? E’ restrittivo dire che Mihajlovic, Lopez o lo spostamento di Ricchiuti abbiano dato la svolta, sicuramente hanno dato il loro contributo ma alla base ci stava una squadra competitiva e il merito della salvezza è di tutti. Quale reparto rafforzeremo?Aspettiamo la fine del campionato per fare questi discorsi, sicuramente allestiremo una squadra più forte di quella di quest’anno. Il futuro di Lopez? Non dipende solo dalla società trattenere o meno un giocatore. Lo conosciamo bene il campionato di serie A e quali sono le regole del mercato. Noi puntiamo a mantenere Lopez in squadra ma siamo anche consapevoli che il giocatore ha fatto molto bene e quindi non mancheranno le richieste da parte di altre squadre. Non dobbiamo farcene un problema, se vogliamo crescere, non possiamo fare drammi se un nostro giocatore lascia la squadra perché saremo pronti a rimpiazzarlo in maniera adeguata. Già fatto un acquisto? Non posso dire ancora il nome, dico solo che si tratta di un giovane che non è italiano. Non è il centrocampista brasiliano che si è allenato in questi giorni con noi, lui è già tornato in Brasile. Pavone? Per noi è un giocatore interessante, a gennaio l’operazione non si è chiusa perché il Betis Siviglia blocco’ la trattativa. Lo stavamo prendendo nonostante avevamo avviato l’operazione Lopez. Se ci sarà la possibilità punteremo di nuovo su di lui ma dobbiamo valutare anche il rientro di Llama, Barrientos e Antenucci che ha fatto molto bene. A gennaio Pavone aveva una logica a luglio potrebbe anche non averla più. Sorpreso dal rendimento di Terlizzi? Se Cristian sta bene dal punto di vista mentale è uno dei migliori centrali che abbiamo in Italia. Lui ha superato quella fase di difficoltà e quest’anno ha fatto molto bene, non dimentichiamoci che ha giocato in passato pure con la Nazionale e quindi è da considerare un giocatore di assoluto valore. Se sta bene può togliere il posto non solo a Spolli ma anche ai centrali della Juventus. Il mio commento a Lazio-Inter? Non è vero che la cultura sportiva italiana è quella che si dice in giro. E’ stata solo una partita di campionato che si è svolta in un certo modo. Roma ha una situazione ambientale di un certo tipo che comporta episodi non condivisibili come quelli di domenica. Non dobbiamo generalizzare, non esistono da nessuna altra parte cose di questo tipo. Forse per risolvere il problema si dovrebbero giocare le ultime 4 giornate tutte allo stesso orario”.

  2 Commenti per ““Preso un giovane ma non è brasiliano””

  1. Ip Address: 88.64.179.252

    Pulvirenti non parla tanto per parlare ma quello che dice deve
    farci stare tranquilli per il futuro del catania
    mai promesse fasulle da lui ma sempre fatti
    grande Presidente grazie per tutto quello che fai per il Catnia

  2. Ip Address: 151.33.45.59

    Buon pomeriggio a tutti i rossazzurri del mondo.

    Un saluto alla new star, ciao Lux …

    Sono d’accordo con te caro Lux, NINO non parla mai a sproposito, condivido quello che ha detto al 100%, massima fiducia al “grande duo, loro ci porteranno molto lontano : “di questo sono sicuro ” …

    FOZZA CATANIAAA!!!

Spiacenti, i commenti sono chiusi.

su
giu