Quanti salti in padella

 Scritto da il 22 agosto 2017 alle 22:58
Ago 222017
 

A quattro giorni dal calcio di inizio, sembra confermato lo slittamento del campionato di serie C a seguito del preannunciato sciopero dei calciatori disposto dalla loro associazione rappresentata da Tomasi, che non ha gradito il mancato ripescaggio di tre squadre per completare i gironi, lasciando così inalterata la composizione a 20 squadre e per il taglio del numero degli over portandoli a 14 per squadra anziché 16 come per il passato.

Non e’ che abbia tutti i torti: innanzitutto aumenterebbero di almeno 200 unità i disoccupati del pallone, tre tifoserie e città non potrebbero partecipare ad una manifestazione professionistica di grande impatto mediatico e sociale e un campionato con squadre dispari con una la settimana che si riposerà, fa storcere un po’ il naso e considerare già “vecchio” un giocatore di 23 anni fa sorridere. Perché quindi questa posizione della Lega di serie C? Libertà di posizione o imposizione dall’alto? Questa padella i cui ingredienti sono solo in parte i giocatori ma altre sostanze completano la ricetta, come i tifosi costretti a pagare un abbonamento malgrado uno spettacolo in meno, le societa’ che corrisponderanno stesso stipendio pur con un servizio in meno, i detentori dei diritti televisivi, ed anche la FIGC che cavalca il motto  del largo ai giovani che non trovano spazio nelle squadre bloccate dagli arzilli ventitreenni, con ripercussioni in nazionale, da parecchi anni costretta a barcamenarsi in posizioni non certo da prima fascia senza però nessuno che ponga rimedio all’invasione di stranieri, comunitari o meno nel campionato maggiore e in cadetteria.

Del resto si sa che gli italiani sono esterofili e a parità di qualità, preferiscono in squadra un nome di difficile pronuncia ad uno di casa, ma anche, diciamola tutta, a parità di condizioni, il giocatore estero costa di meno, visto che un calciatore italiano di un qualsiasi vivaio ha già procuratori che lo guidano pensando più ai loro interessi che a quelli del ragazzo stesso. Così ti trovi un giovanotto di belle speranze, ammaliato dal suo manager, che in molti casi lo fa già navigare nell’oro pur non avendo raggiunto la maggiore età aprendogli il mondo del lusso e dello spreco, consegnarsi alle televisioni ed ai paparazzi mentre si accendende un sigaro bruciando una  banconota da cinquecento euro o distruggendo la sua Ferrari nuova di zecca su di un guardrail autostradale.

Questo il nuovo calcio, dei diritti televisivi, pubblicità e stereotipi travisati. Questo l’ oppio del nostro popolo, apprezzato dai politici perché allontana i loro rappresentati dai problemi reali, spostando la curva della loro attenzione sul rigore dato o sul fuorigioco inesistente per tutta la settimana ; questo il mondo parallelo messo  in difficoltà dal var, questa sigla che rischia di cancellare in un attimo tutte le discussioni dei dopo partita, rendendo il calcio più obiettivo possibile, eliminando in gran parte gli errori arbitrali e togliendo poteri a quella casta di nero vestita, nera  a dire il vero  una volta, perché da anni anche in giallo, indaco, e ciclamino, che perderà anche le chiacchiere del c’era o non c’era che attanagliavano in feroci discussioni i tifosi degli opposti schieramenti sino al sabato successivo.

In questa padella dei tanti ingredienti, finalmente la bilancia del var ha trovato la sua dimensione, perché è indubbio che le sudditanze psicologiche abbiano condizionato molte volte i risultati e il pensiero mi riporta alla mente quella rete regolare annullata al Massimino a Bergessio e a quella convalidata, ampiamente irregolare alla juve, episodi questi che falsarono un incontro e agli altri casi in cui, fatti come questi, ripetuti nel tempo, causarono retrocessioni a squadre che potevano magari salvarsi con quel punticino in più a fine stagione. Spero che la moviola possa presto arrivare anche in serie C, dove il solo occhio dell’arbitro, reso talvolta più debole dalle pressioni dei tifosi di casa ammassati a bordo campo in stadi spesso ai limiti di regolamento, non è riuscito spesso a fornire decisioni inoppugnabili.

Ma si partirà regolarmente sabato? A chi servirà questo ritardo se allo sciopero non parteciperanno i calciatori di serie A e B? Se non si arriverà ad un compromesso, forse  solo alla Associazione per affermare il suo potere e la sua presenza, atteso alla fine che le partite comunque si giocheranno, magari disputandole nel bel mezzo della settimana, ma gli eccessi porteranno più acido lattico nelle gambe dei protagonisti, con possibili aumenti di infortuni e li priveranno di pubblico sugli spalti atteso che il grosso degli spettatori in settimana lavora ed ha impegni di varia natura.

La padella rimane sempre la stessa e gli ingredienti pure: il saltare uno due o anche quattro partite che poi saranno recuperate, non cambierà lo status quo del campionato stesso, non influirà sul calcio scommesse e non servirà al mondo pallonaro.

A rimetterci saranno solo i calciatori per i possibili guai fisici che potrebbero colpirli a seguito di incontri ravvicinati e i tifosi ma, di questi ultimi, chi se ne importa?

  27 Commenti per “Quanti salti in padella”

  1. Ip Address: 151.35.96.171

    Buongiorno a tutti ❤️💙, E complimenti alla redazione per l’articolo scritto da raggio libero

  2. Ip Address: 158.148.214.163

    Si, effettivamente che senso ha proclamare uno sciopero solo per i giocatori di serie c? Facevo anche una riflessione sulla fortuna che avranno le squadre che il calendario assegnerà la sosta nel mercoledì durante gli incontri che si disputeranno in quella data. Si riposeranno per trovarsi pronte il sabato successivo con la rosa fresca. Questione di fortuna e speriamo possa toccare al nostro Catania. Domani lo sapremo: sarà il giorno del calendario .

  3. Ip Address: 62.2.176.13

    Ragazzi

    non sono daccordo! Solo i giocatori italiani hanno dei manager? Quelli esteri no? Quando il Catania aveva 24 argentini non c’erano i procuratori/manager?

    Se non erro i giocatori di serie C sono dei professionisti! Dunque non fanno niente altro che giocare al pallone. E questo non lo possono fare 2 volte a settimana?

    il problema é che ci sono troppe squadre in serie C (senza soldi) dunque 18/16 squadre a girone andava non bene ma benissimo.

    Sono d’accordo che giocatori a 23 non possono essere over……….. Ma questa é una logica tutta italiana. In serie C a 23 anni sei vecchio in serie A a 30 anni puoi affacciarti in prima squadra.

    Saluti a tutti

  4. Ip Address: 78.15.9.23

    Leggendo le motivazioni di Tommasi e Gravina fanno apparire che entrambi abbiano a cuore gli interessi dei calciatori ma invece di fatto stiamo assistendo ad un meschino braccio di ferro e gioco di potere come tanti altri visti anche su altri campi. Lasciando immutato il limite di 14 voluto con ostinazione da Gravina, con un poco di buon senso, basterebbe solo aumentare la soglia da 23 a 24 o 25 ed il problema si risolverebbe automaticamente sia per i calciatori che per le finanze delle società.

  5. Ip Address: 151.18.142.69

    Parole sante, raggio libero

  6. Ip Address: 78.15.9.23

    A tre giorni dall’inizio del campionato che Gravina fa bene imporsi, per il regolare inizio è condivisibile ma questo non significa affatto che la sua medicina di ridurre gli Over da 16 a 14 risolverà a fare quadrare i bilanci delle squadre in serie C. La questione degli Over è un falso problema ed è demagogia affermare che le squadre che non ce l’anno fatta si sono affossate anche per i due Over in più.
    Se Gravina e Tommasi avessero avuto veramente a cuore la questione finanziaria delle squadre in C avrebbero dovuto accostare al numero massimo (14 o 16) anche un tetto massimo del totale degli stipendi di tutti i tesserati Over, solo così avrebbero avuto la certezza di venire incontro alle squadre.
    E’ ridicolo pensare che riducendo in modo dirigistico di due unità gli Over il totale degli stipendi di questi risulterà inferiore rispetto a quelli pagati l’anno scorso: tutto dipende da quanto si pagava ognuno prima e quanto si paga adesso. Sicuramente non saranno casi isolati che tante squadre quest’anno pagheranno per gli Over una somma totale maggiore rispetto l’anno scorso.
    Rimane sempre il fatto che 16 o 14 trattasi di tetto massimo ed ogni squadra potrebbe regolarsi in base alle sue risorse e tesserare per esempio solo 8 o 10 Over.

  7. Ip Address: 78.15.9.23

    Concordo al 100% su tutto ciò che ha scritto la Redazione, ed è veramente difficile capire questo nuovo modo di fare calcio.

  8. Ip Address: 151.35.96.171

    CATANIA NEWS
    Catania, sei reti al Biancavilla. A segno Ripa
    Giovedì, in programma un allenamento pomeridiano
    di Redazione ITASportPress, 23 agosto 2017, 20:29
    80

    Catania e Biancavilla in campo oggi pomeriggio, a Torre del Grifo, per un allenamento condiviso ed una partitella conclusa sul 6-1.
    Rossazzurri in vantaggio già al 2° minuto: angolo di Lodi e perfetta scelta di tempo di Ripa, che con una precisa deviazione di testa firma il suo primo gol sotto l’Etna. Biagianti innesca per tre volte azioni offensive degne di nota: al 7°, sponda di Semenzato e girata di Mazzarani sul fondo; al 12°, assist per Ripa che in acrobazia conclude oltre la traversa; al 18°, servizio per Anastasi e conclusione a lato del centravanti. L’attaccante catanese si riscatta al 25°: palla recuperata sulla trequarti, uno-due con Ripa e potente bordata sotto la traversa per il 2-0.
    Mazzarani cerca di nuovo la via del gol ma un buon Biancavilla, ben guidato da Gaspare Cacciola e dal collaboratore Mimmo Crisafulli, apprezzati ex rossazzurri, cresce fino a trovare con merito la rete del 2-1: gran giocata di Scapellato e sfera all’incrocio dei pali. Lodi su punizione, Ripa (Farò si rifugia in angolo) e Mazzarani (bel destro al volo, sul fondo) sfiorano il 3-1, che arriva al 17° della ripresa grazie a Caccetta: stop e destro imparabile. Al 23°, Curiale trasforma il calcio di rigore decretato per il fallo di Russo ai danni di Rossetti. Al 36°, altro inserimento di Caccetta e rasoterra vincente dal limite, 5-1. Al 45° è Russotto, tra i più attivi nella ripresa, a siglare il definitivo 6-1 coronando un attacco tambureggiante.

    Giovedì, in programma un allenamento pomeridiano.

    Catania-Biancavilla 6-1: pt 2° Ripa, 25° Anastasi, 29° Scapellato (B); st 17° Caccetta, 23° Curiale su rigore, 29° Caccetta, 45° Russotto.

    Catania primo tempo (3-5-2): Pisseri; Aya, Tedeschi, Djordjevic; Semenzato, Mazzarani, Lodi, Biagianti, Manneh; Anastasi, Ripa.
    Catania secondo tempo (3-5-2): Martinez; Bogdan, Lovric, Marchese; Esposito, Di Grazia, Bucolo, Caccetta, Rossetti; Curiale, Russotto. Allenatore: Lucarelli.

    Biancavilla primo tempo (4-3-1-2): Farò; Orefice, Parisi, Diop, Ronsivalle; Strano, Alosi, Marrone; Scapellato; Scariolo, Messina F.
    Biancavilla secondo tempo (4-3-3): Pappalardo; Faro (dal 41° Leocata), Russo, Scalia, Indelicato; Strano (dal 35° Oliveri), Messina A., Lucarelli; Maimone, Nicolosi, Belluso. Allenatore: Cacciola.

    Ammonito: Maimone.

  9. Ip Address: 151.35.96.171

    Il Catania finalizza un’altra operazione di mercato e chiude per l’attaccante, nato in Guinea-Bissau, ma con passaporto portoghese (dunque comunitario e acquistabile in Serie C), Júnior José Correia, detto Zé Turbo. La punta mancina, classe 1996 (tesserabile da parte della società etnea), prima firmerà il rinnovo del contratto fino al 2019 con l’Inter,

  10. Ip Address: 151.43.84.45

    Buongiorno a tutti ❤️💙Speriamo che nella riunione di oggi si mettano d’accordo e così può iniziare il campionato

  11. Ip Address: 5.90.110.132

    Oggi calendari preso ….turbo le vecchie punte allora andranno tutte via forse anche mazzarani non lo rimpiango l anno scorso è stato troppo discontinuo forza catania

  12. Ip Address: 82.57.108.136

    io penso che andranno via i giocatori over piu’ richiesti dal mercato, tra essi pozzebon, mazzarani ed Anastasi con due di loro che accompagneranno Calil che, se non avrà mercato, sarà messo fuori rosa. Comunque alle 13,45 ci sarà la presentazione del calendario completo

  13. Ip Address: 5.90.110.132

    Carusi che buddello hanno riammesso la vibonese ma non potevano aspettare 1 giorno….lega incompetente e ora….fozza catania

  14. Ip Address: 151.57.58.14

    Non si ci capisci Kiu nenti

  15. Ip Address: 151.57.23.195

    ESCL. ITASPORTPRESS
    Catania, Lo Monaco a ISP: “Pasticcio Vibonese e campionato falsato. Biagianti esce dagli over e in uscita…”
    L’ad del Catania ai nostri microfoni ha commentato le novità della giornata a cominciare dalla riammissione della Vibonese in C
    di Redazione ITASportPress, 24 agosto 2017, 21:48
    1400

    Giornata frenetica per l’ad del Catania Pietro Lo Monaco che ha seguito da vicino le novità di mercato, con l’arrivo dell’attaccante ‘Ze Turbo’, e soprattutto le vicende in Lega con le nuove regole per la lista over e la riammissione in C della Vibonese. Ai microfoni di Itasportpress.it l’esperto dirigente etneo ha affermato: “Il ragazzo che abbiamo preso in prestito dall’Inter ci consente di rinforzare ulteriormente il nostro reparto offensivo. E’ un elemento molto rapido e di qualità che può fare la prima o la seconda punta. Adesso siamo veramente al completo in attacco e con le novità arrivate da Firenze c’è la possibilità che uno tra Anastasi e Pozzebon resti. Biagianti infatti esce dalla lista over ed entra in quella delle ‘bandiere’ quindi abbiamo al momento 16 over. Il reparto più affollato è quello avanzato quindi, anche se non ho ancora deciso al 100% , posso dire che il ballottaggio per l’ultimo posto in lista over riguarderà proprio i due ex centravanti del Messina oltre chiaramente a Calil che cederemo nelle prossime ore”.
    VIBONESE – “Quello che è successo oggi è veramente ridicolo. A due giorni dall’inizio del campionato si decide di riammettere un club con un calendario che viene stravolto. Non ho dubbi ad ammettere che il campionato è già falsato prima di cominciare. Poi non capisco come si siano accorti solo oggi che la squadra calabrese meritava di rientrare in terza divisione. Le solite cose all’italiana. Ora il Girone C diventa di 20 squadre e si rimescola tutto. Lo scorso anno non doveva retrocedere la Vibonese ma il Messina che ha disputato tutto un campionato senza aver presentato la corretta fideiussione. E’ stato fatto un errore a monte anche se alla fine si è corretto il tiro ma con tempi dilatati”.
    CALENDARIO – “Il finale di campionato è molto duro con Trapani e Matera da affrontare di seguito anche se abbiamo il Rende in casa all’ultima giornata. E’ un campionato duro dall’inizio alla fine questo di Serie C visto che ci sono squadre attrezzate come noi e mi riferisco a Lecce, Trapani e Cosenza”.

    ABBONAMENTI – “C’è stata una impennata pazzesca negli ultimi due giorni. Abbiamo toccato quota 4.500 ma non è finita. Dobbiamo superare il Lecce che ha già toccato quota sei mila e sono certo che i tifosi rossazzurri si abboneranno in massa nei prossimi giorni. I tifosi del Lecce non amano la loro squadra più dei catanesi che per passione non sono secondi a nessuno”

  16. Ip Address: 151.57.23.195

    Buongiorno a tutti ❤️💙Finalmente, si incomincia a sentire l’aria del campionato separiamo che sia l’anno giusto

  17. Ip Address: 5.90.110.132

    Giorno carusi lo dicevo se plm fa quello che deve fare i catanesi senza calcio non vivono se arrivano i risultati anche gli abbonamenti vedrete altro che 5000 speriamo di partire bene col fondi che non dovrebbe impensierire vedremo domani fozza catania sempre

  18. Ip Address: 5.90.110.132

    Mi ricordo uno striscione in curva nord che diceva voi grinta…noi un disperato amore….carusi non ho parole ….fozza 🔴 💙

  19. Ip Address: 151.37.83.18

    Non si può far passare sotto silenzio un evento sportivo tanto sconcertante quanto ,purtroppo tipico del nostro Paese sportivo ! Viene stilato il calendario del girone C di lega Pro con 19 squadre ,con conseguenza,quindi ,di una giornata di riposo per ciascuna squadra , quando appena il giorno dopo , si riammette un’ altra squadra la Vibonese ! Per carità ,niente di personale nei riguardi della simpatica squadra calabrese , ma ciò che sconcerta è la faciloneria , la discussa disinvoltura,dei nostri organismi calcistici che ti cambiano le carte in tavola in questo modo ! Cosa possiamo più aspettarci da questa gente che dovrebbe tutelare lo svolgimento regolare di campionati calcistici? Un pressappochismo tipico ormai divenuto cronico che spiega perché avvengono tanti fatti incresciosi nei nostri campionati ! Lo svolgimento dei campionati viene falsato ! Basta dire questo per applaudire coloro che si inventano tali marchingegni ! Ad ogni modo ,andiamo avanti e speriamo che gli abbonamenti raggiungano quel leccesi e Forsa Catania per domani Saluti a tutti gli amici!

  20. Ip Address: 151.37.83.18

    Scusate per qualche errore di battitura!

  21. Ip Address: 5.90.110.132

    Ciao armando mi chiedo che lega è questa ma come ha fatto il messina a giocare senza aver versato lintero importo per partecipare al campionato andava esclusa subito….x non parlare dell impiccio che stavano facendo unendo il latina fallito con il fondi….semu persi ….

  22. Ip Address: 151.57.2.160

    CATANIA NEWS
    Catania, i 23 convocati per il Racing Fondi. Addio Pozzebon
    Non convocato l’attaccante ex Messina che sarà ceduto
    di Redazione ITASportPress, 25 agosto 2017, 20:30
    150

    Non c’è Demiro Pozzebon nella lista dei convocati per la prima partita di campionato. Sarà dunque l’ex attaccante del Messina a lasciare Catania insieme a Calil mentre è stato confermato di fatto la punta Anastasi. Al termine della seduta di rifinitura, svolta nel pomeriggio a Torre del Grifo, l’allenatore del Catania Cristiano Lucarelli ha convocato 23 giocatori per la sfida al Racing Club Fondi, in programma domani alle 18.30 allo stadio “Angelo Massimino” e valida per la prima giornata del Campionato Serie C 2017/18. Rossazzurri in ritiro pre-gara da stasera.
    Questi gli atleti a disposizione di mister Lucarelli:
    PORTIERI –

    22 Martinez, 12 Pisseri.

    DIFENSORI –

    4 Aya, 26 Bogdan, 20 Djordjevic, 21 Esposito, 19 Manneh, 15 Marchese, 13 Semenzato, 5 Tedeschi.

    CENTROCAMPISTI –

    27 Biagianti, 17 Bucolo, 8 Caccetta, 6 Da Silva, 23 Di Grazia, 10 Lodi, 32 Mazzarani.

    ATTACCANTI –

    24 Anastasi, 35 Correia, 11 Curiale, 29 Ripa, 34 Rossetti, 7 Russotto.

  23. Ip Address: 94.161.105.145

    Quindi pozzebon dovrebbe essere ceduto? Notte a tutti e sogni ❤️💙

  24. Ip Address: 5.90.110.132

    E si pozzebon ci lascia speriamo che con il ricavato si puo prendere un difensore tosto buon campionato b 🌃 fozza catania

  25. Ip Address: 2.238.18.189

    Io come rinforzo prenderei un centrocampista come difesa credo che la nostra sia la migliore di tutta la lega pro

  26. Ip Address: 151.57.128.162

    Buongiorno a tutti , l’attesa è finita….. pomeriggio si inizia che sia un buon campionato all’insegna del ❤️💙❤️💙❤️💙❤️💙

  27. Ip Address: 5.169.140.56

    Finalmente si riparte. Ho fatto L’abbonamento per vedere il Catania in streaming e dalle 18,30 seguito gli eventi. Speriamo ci regali belle soddisfazioni partendo da oggi col piede giusto. Pozzebon assente? Un altro over oltre Calil deve lasciare il Catania e penso la scelta cadrà su chi ha più mercato . Per la sua assenza potrebbe essere magari un affaticamento. Vedremo

Spiacenti, i commenti sono chiusi.

su
giu