Ritorno al futuro

 Scritto da il 25 gennaio 2012 alle 14:46
Gen 252012
 

Penso al Catania e chissà perché mi viene in mente uno slogan pubblicitario che circolava in alcuni manifestini elettorali alla fine degli anni Sessanta. C’era scritto: «Al di fuori di ogni mischia vota… e non si rischia». Era il periodo in cui i politici ricorrevano a mezzi meno sofisticati di quelli attuali per carpire la buonafede degli elettori e il periodo in cui gli elettori, meno smaliziati di adesso, credevano di più nella politica.
Penso al Catania e mi viene spontaneo modellare lo slogan dicendo: «Al di fuori di ogni mischia battiamo il Parma e non si rischia».
Proprio così perché il Catania, complice la sospensione della gara con la Roma, in classifica generale è fermo da tre giornate a quota ventidue e si è cacciato in una grande palude.
Sì lo so, potenzialmente la gara con la Roma ci darà un altro punto, e se è per questo io spero in quella vittoria che il Catania prima della sospensione strameritava, ma una battuta ormai famosa del buon Trapattoni dice “Non dire gatto se non ce l’hai nel sacco”.
In ogni caso, anche a quota 23 la sostanza delle cose non cambia: il Catania si è cacciato nella palude, dalla quale cercano di emergere sette squadre : Palermo, Chievo Verona e Genoa a quota 24, Cagliari e Parma a 23, la Fiorentina a 22 e, appunto i rossazzurri che hanno gli stessi punti dei viola, ma con una partita in meno.
Il discorso sembrerebbe scontato, ma la realtà dei fatti ci dice che, in un passato recente, dopo il pareggio rocambolesco di Parma, il Catania si trovava in “una botte di ferro”, da solo al settimo posto e con dieci punti di vantaggio sulla terz’ultima.
Il presente, invece, ci dice che bisogna, da subito, “rimboccarsi le maniche” e battere quella squadra che ci ha dato gli ultimi punti in classifica.
Paradossale scherzo del rinvio della prima giornata di campionato: da Parma al Parma.
Non ci sono mezzi termini bisogna far valere la legge del Massimino, battere il Parma e ritornare, serenamente, a pensare al futuro.
Sbollita la rabbia per il secondo passo falso consecutivo in trasferta, devo dire che il Catania di Udine è stato diverso rispetto a quello inguardabile di Bologna. Tuttavia, confermo in pieno alcune considerazioni espresse “a caldo” nell’articolo stilato subito dopo la fine della gara. Nonostante la grande occasione sciupata da Gomez, quasi in chiusura di primo tempo, l’Udinese non mi ha mai dato l’impressione di lasciarsi scappare la vittoria.
Il Catania, contro un Udinese non irresistibile, mi è apparso spuntato e privo di una vera pericolosità offensiva.
E poi, signori miei, non è assolutamente possibile in serie A prendere certi reti come quella subita in occasione della ripartenza di Isla. Certe reti non le subiscono nemmeno le squadre di Zeman, e, in ogni caso là ne vale davvero la pena, dal momento che alle sue due ultime squadre allenate (Foggia in lega Prof e Pescara in serie B) il tecnico boemo ha fatto segnare la stratosferica e incredibile somma di 117 reti nelle 57 partite disputate, ben oltre la media di due a partita.
Il Catania, invece, non ha un attacco irresistibile, i rossazzurri, compresa la rete di Nicola Legrottaglie nella partita sospesa con la Roma, hanno realizzato 22 reti in 19 gare che, pur non essendo pochissime, non conferiscono al reparto offensivo le caratteristiche vere di pericolosità, in considerazione anche dei sei calci di rigore avuti a favore (cinque su sei trasformati e uno, purtroppo determinante, sciupato da Lodi) e delle due “perle” su punizione realizzate da Lodi.
In termini di reti realizzate il Catania con 22 reti occupa il dodicesimo posto e peggio hanno fatto soltanto otto squadre.  Le due reti subite ad Udine confermano che anche la difesa è “traballante”, 28 reti subite, compreso quella di De Rossi nella gara sospesa, sono troppe.
Anche in questo caso peggio del Catania hanno fatto poche squadre, esattamente solo cinque squadre: Novara con 38, Lecce con 36, Genoa con 34, Parma con 32 e Cesena con 30, quest’ultima con sole 13 reti segnate ha il peggior attacco del campionato e con questi numeri non si vede proprio come possa salvarsi.
Le cifre del momento ci dicono che il Catania ha il 12° attacco e la 15° difesa, pertanto l’attuale palude nella quale si è cacciato è più che giustificata.
Qualcosa andrebbe rivista, a partire dal portiere che fa a gara con il quasi quarantatreenne Antonioli del Cesena e con Benassi del Lecce per aggiudicarsi l’oscar di peggior portiere del campionato. In ogni caso Campagnolo, pur con tutti i suoi limiti, va meglio protetto e questa protezione non è certo data da difensori che indietreggiano e non contrastano l’avversario come è avvenuto in occasione della prima rete dell’Udinese.
Contro il Parma mancheranno gli squalificati Legrottaglie e Almiron e non sono assenze irrilevanti, ma la nostra rosa è più che adeguata per sopperire a queste assenze.
Il Parma, come specificato sopra, ha una difesa “colabrodo”, avendo subito ben 32 reti, mentre l’attacco vive principalmente dell’estro di Giovinco.
Sulla carta non c’è assolutamente partita, il Catania è molto più forte del Parma versione esterna. Gli emiliani, infatti, fuori dalle mura amiche hanno totalizzato soltanto 5 punti frutto, di un’incredibile vittoria ottenuta contro un Napoli sfortunato e distratto dalla Champions che, dopo aver pareggiato la rete iniziale di Gobbi con Mascara, è stato punito oltre misura da un gol casuale di Modesto e di due pareggi a reti inviolate a Cagliari e nel recente derby con il Bologna.
Fuori casa il Parma ha segnato solo 5 reti e in pratica bada più a difendersi che a “pungere”.
Fra le due squadre, attualmente è il Catania che ha bisogno di più perché gli uomini del neo entrato e ancora imbattuto Donadoni, subentrato a Colomba dopo la “scoppola” di San Siro, dopo la convincente vittoria sul Siena di Sannino e lo squallido, ma proficuo pareggio di Bologna sono più tranquilli.
Bisognerà attaccare con giudizio senza farsi prendere dalla frenesia (già ma con quali attaccanti visto che Max Lopez sembra un’anima in pena relegato in un albergo di Milano?) e non prestare il fianco alle veloci ripartenze di Giovinco e Biabiany.
In ogni caso bisogna rimanere concentrati e attenti per tutti i novanta minuti, compreso, il recupero e aspettare gli inevitabili errori dei difensori del Parma, i quali, ad ogni partita concedono agli avversari almeno quattro cinque palle gol.
Quella di Donadoni è una squadra strana, ha fatto registrare tre 0-0 e ha chiuso con la porta inviolata in cinque occasioni su diciannove (contro i quattro del Catania) eppure con 32 reti subite ha una difesa perforatissima, chiaro indizio che la squadra quando si “sbraca” perde di goleada e inizio ancor più chiaro che Giovinco e compagni basano molto il loro gioco sulle veloci ripartenze (una volta contropiede).
Il Catania quest’anno in casa non ancora segnato più di due reti, sarebbe l’occasione giusta per farlo adesso, vincere, convincere e ritornare a guardare al futuro.
Non ci resta che aspettare con fiducia.

  17 Commenti per “Ritorno al futuro”

  1. Ip Address: 79.55.46.64

    BUONASERA AMICI ROSSAZZURRI BRAVO TINO BELLA DISAMINA FORZA CATANIA VINCERE CONTRO IL PARMA 😈 😈

  2. Ip Address: 85.41.235.41

    Buongiorno a tutti…..
    Ciao Angelo, sembra che siamo in attesa di un miracolo, ma con il passare dei giorni svanisci in un freddo invernale 🙁 🙁 🙁 🙁

  3. Ip Address: 95.245.224.98

    Buongiorno raga’!!!
    Ciao joe!!! 😉 😉 😉
    Qui Napoli e dintorni, cielo sereno ma tempo da brrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr!!!
    Sabato prossimo spero in Suazo!!!
    Non si muove foglia, preghiamo!!!

    Buona giornata a tutti!!!

  4. Ip Address: 95.245.224.98

    Ciao angelo!!! 😉 😉 😉
    Il terremoto di ieri l’hai sentito?
    Mia figlia e mio cognato (lavorano a Modena) stavano lavorando e non se ne sono accorti ma gli impiegati negli uffici si!!!

  5. Ip Address: 85.41.235.41

    Ragazzi, la Nocerina prende Caserta (ex Catania e Palermo)…. come vi siete ridotti 😯 😯 😯 😯

  6. Ip Address: 95.247.102.226

    Un caro saluto a tutti gli amici del sito. Ciao Joe, Caserta ormai la sua carriera è riuscito a farla e andare in B, diciamo meglio in serie C perchè la Nocerina non si può salvare, vuol dire continuare a giocare dal momento che da un po’ di tempo fa la “muffa”.

  7. Ip Address: 92.135.199.254

    Buongiorno a tutti pari!!

    Ritorno al futuro, uno solo è il futuro del Catania, VINCERE COL PARMA!!!!
    Significano 25 punti con la Roma da recuperare, cioè salvezza matematica ed è questo che mi preoccupa nellla attuale campagna acquisti, vuoi vedere che monetizzano è già pensono al prossimo campionato? spero di no!!!

  8. Ip Address: 92.135.199.254

    BOCA JUNIORS, Ledesma fa un “partitazo” nel derby con il River Plate
    26.01.2012 15:15 di Antonino Bulla

    Nel ‘Superclasico’ di ieri tra Boca Juniors e River Plate vinto dagli Xeneizes per 2-0 grazie alla doppietta di Blandi, ha brillato in campo l’ex centrocampista del Catania Pablo Ledesma. Tornato da qualche giorno a Buenos Aires, Ledemsa è stato impiegato nel secondo tempo dimostrando di essere in gran forma e offrendo un contributo importante alla squadra allenata da Falcioni. L’ingresso in campo al 18’ della ripresa è stato accolto da una ovazione da parte dei tifosi della Bombonera e anche a fine partita, Ledesma che è uno che si esalta nei derby con il River, ha ricevuto i complimenti del pubblico e dei compagni di squadra oltre alla copertina di molti giornali sportivi argentini.

    😕 😕 😕 😕 😕 😕 😕 😕 che peccato

  9. Ip Address: 79.2.100.68

    il Genoa vuole a Francesco Lodi, se se ne va lui chi li calcia le punizioni? Francesco Lodi deve rimanere a Catania, Pulvirenti il Presidente del Catania prima della partita con l’Udinese ha detto che si vuole tenere a Francesco Lodi!

  10. Ip Address: 79.55.46.64

    buona sera amici rossazzurri ciao giorgio no amico mio non o sentito alcun terremoto forza catania sempre 😈 😈

  11. Ip Address: 95.245.224.98

    Buonasera raga’!!!
    O.K. angelo!!! 😉 😉 😉
    Non e’ stato grave come pensavo.

    Ciao chiarezza!!! 😉 😉 😉
    Anche a me dispiace che Ledesma non e’ piu’ dei nostri!!! 😐 😕 🙁
    Negli ultimi giorni ci sono dichiarazioni di procuratori dei nostri giocatori che mi fanno pensare che tutti si vogliono allontanare da Catania.
    Vabbe’ Andujar si e’ bisticciato con zio Petrus, Ledesma ormai era in scadenza di contratto, Maxi vuole il Milan e’ va bene e’ un suo diritto migliorare, poi il procuratore di Biagianti gli tira il collo e in ultimo quello di Lodi.
    Ma che abbiamo che non va?
    Lo so che zio Petrus si venderebbe anche le sedie di Torre del Grifo pur di far soldi ma questi procuratori stanno proprio rompendo le palline.

    Sul fronte acquisti nulla di nuovo!!! 🙁 😕 😯 😐 :mrgreen: 😈

    Sogni rossoazzurri a tutti e forza Catania!!!

  12. Ip Address: 85.41.235.41

    Cose Buone 😀 😀 😀 😀 abbiamo fatto un acquisto anche noi 😯 😯 😯

    UFFICIALE: CATANIA, depositato il contratto di Kouadio che arriva dal Milazzo
    26.01.2012 18:09 di Antonino Bulla

    Il Catania ha depositato in Lega il contratto di Kouadio Adioumani Vincent, centrocampista ivoriano classe ’90 che arriva dal Milazzo. Il giovane calciatore è arrivato in Italia nel 2006 e ha giocato in precedenza con l’Fc Messina e con l’Itala San Marco. Il trasferimento del giocatore avviene a titolo definitivo.

  13. Ip Address: 95.247.102.226

    Una buona serata agli amici tifosi. Credetemi, non vedo l’ora che finisca questo cavolo di mercato e la squadra possa, finalmente rasserenarsi.

  14. Ip Address: 95.247.102.226

    Per Chiarezza. Amico mio, pur essendo convinto come te che la nostra squadra non avrà nessuna difficoltà a centrare obiettivo minimo, vorrei che raggiungesse prima possibile i 37 punti con quelli sì che la salvezza sarebbe matematica.

  15. Ip Address: 79.35.152.22

    BUongiorno raga’!!!
    Qui Napoli e dintorni, cielo sereno e temperatura da brrrrrrrrrrrrrrrrrrr!!!!
    Nulla si muove!!! :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

    BUona giornata a tutti!!! 😉 😉 😉

  16. Ip Address: 85.41.235.41

    Buongiorno,

    CATANIA, Montella: “Sono sorpreso, la vicenda di Maxi Lopez non ha precedenti”
    27.01.2012 11:10 di Manuela Puglisi

    Il tecnico del Catania, Vincenzo Montella stamani è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia delle sfida di domani pomeriggio alle 18.00 contro il Parma. Queste le dichiarazione del mister raccolte da Itasportpress:
    “La gara contro il Parma sarà difficilissima e delicata, loro non sono una piccola squadra, hanno un punto più di noi, dobbiamo affrontarli con determinazione e concentrazione, sfruttando il fattore Massimino. Hanno cambiato modulo e non gli uomini, è una squadra che in questo momento sta bene. Fino ad oggi abbiamo purtroppo raccolto meno di quanto poi abbiamo dimostrato in campo anche se dobbiamo fare meglio. Per far punti dobbiamo sempre provare a fare noi la partita e non adattarci all’avversario, questo è l’unico modo per fare la differenza.Il mio pensiero è solo quello di far esprimere nel modo migliore i miei giocatori e non pensare alle indivualità degli avversari.La mentalità giusta è attaccare e difendere tutti insieme, non rinunciando mai al nostro gioco. Suazo? Da dieci giorni si allena con il gruppo, non ha lo stesso ritmo dei suoi compagni, questa è la realtà. E’ un giocatore importante ma bisogna guardare l’effettiva situazione del ragazzo, piano piano sarà al massimo della condizione. Ricchiuti? E’ a dispozione, anche se come caratteristiche è diverso da Almiron, un giocatore come lui a noi fa sempre comodo. E’ vero, lo utilizzo un pò meno, ma sono obbligato a fare delle scelte, è un pò penalizzato ma quando è stato chiamato a dare il suo contributo si è sempre fatto trovare pronto. Catellani titolare? E’ un giocatore in crescita, ci sto pensando. Quando entra nel corso di una gara riesce ad inserirsi subito nei meccanismi. Tre risultati importanti in questi dieci giorni, potrebbero portarci ad una posizione di classifica davvero invidiabile. Le assenze per squalifica di Almiron e Legrottaglie? Sono importanti, ma questa squadra è omogenea, non peseranno le loro assenze, forse quella di Almiron ha qualche problematica in più perchè non c’è un giocatore che abbia caratteristiche simili alle sue. Biagianti è più sinistro, potrebbe adattarsi, ma come ha dimostrato ad Udine gli manca un pò il ritmo della gara. Il mercato? La società sa cosa serve sia in entrata che in uscita, non è il momento per parlarne. Le mie idee le esprimo sempre, mi piacerebbe avere in squadra giocatori che siano anche doppioni, grandi giocatori che mi mettano in difficoltà nelle scelte. La società sa bene che il mercato sta per chiudersi, ma io penso solo alle tre partite delicate che potrebbero aprire, nel bene o nel male, scenari diversi alla nostra classifica. La vicenda Maxi Lopez? In tanti anni di calcio credo che non si sia mai verificata una storia davvero irreale, sono sorpreso come tutti di vedere cosa sta succedendo. Spero riesca a realizzare il suo sogno. Il sostituto di Maxi? La società farà le giuste valutazioni.”

  17. Ip Address: 79.35.152.22

    Buonasera raga’!!!

    Ciao joe!!! 😉 😉 😉
    Prima avevo letto un tuo post su Maxi che adesso non lo leggo piu’!!! 😐 😐 :mrgreen:

    Finalmente terminata questa vicenda da brividi, spero che Maxi riesca bene nel Milan e gli auguro buona fortuna.
    Spero anche che zio Petrus si dia da fare per un difensore e altro che serve alla nostra causa.

    Sogni rossoazzurri a tutti!!!

    UFFICIALE: Maxi Lopez al Milan
    27.01.2012 19:43 di Manuela Puglisi

    Il Calcio Catania S.p.A. comunica di aver ceduto all’A.C. Milan il diritto alle prestazioni sportive del calciatore Maximiliano Gaston Lopez, a titolo temporaneo con opzione per il riscatto a favore della società milanese.

Spiacenti, i commenti sono chiusi.

su
giu