Scacco matto

 Scritto da il 3 dicembre 2017 alle 11:56  Aggiungi commenti
Dic 032017
 

Venerdì amaro. Aspettavamo questa sfida da tempo, sebbene sapevamo, classifica alla mano, che a venti partite dalla fine era prematuro definirla decisiva ma, quanto meno, incontro che poteva testare le due formazioni siciliane definite le più accreditate, insieme al Lecce, per ambire alla promozione diretta. Il migliore reparto avanzato del girone opposto alla migliore retroguardia, sebbene anche l’attacco catanese e la difesa dei granata, rimanevano di tutto rispetto. Una partita a scacchi, così l’avevo definita nel mio precedente articolo, e così si è dimostrata essere e, come in quella, contano le mosse degli sfidanti, iniziando da quelle di apertura, propizie per la tattica che si intende attuare nel quadrilatero di gioco, avversario permettendo. E il posizionamento delle pedine rossazzurre nel rettangolo verde è parso difensivo, con un 3/5/2 che lasciava ai box i due veloci folletti numero 7 e 23 a favore di un Mazzarani in versione trequartista con l’incarico di filtrare i palloni provenienti dai centrali per la punta Curiale, mentre le fasce vedevano protagonisti Marchese e Semenzato con la missione di far giungere i cross sempre a quella unica punta che risponde al nome di Curiale. Centrocampisti per l’occasione Biagianti, Lodi e Caccetta, gente esperta e veterana di tante battaglie, mentre veniva rafforzata la difesa a tre con l’apporto delle prestazioni di Tedeschi, assente quando la difesa e’ stata impostata a quattro.

Nelle intenzioni di mister Lucarelli, posizionarsi a specchio aspettando gli attacchi trapanesi per poi ripartire: strategia condivisibile,  atteso che il Catania giocava fuori casa ed un pareggio poteva anche accontentare gli ospiti, gratificati dai tre punti di vantaggio sugli avversari.

Stranamente, invece, dopo pochi minuti iniziali di studio, proprio gli etnei cercavano di essere propositivi in avanti con i granata a cercare di ripartire in velocita’ sfruttando la corsa degli esterni e delle due prime punte Evacuo e Reginaldo apparsi entrambi in giornata di grazia.

La partita sembrava bloccata ed in attesa del lampo a ciel sereno o dell’episodio che effettivamente poteva esserci per il Catania, se Semenzato avesse avuto il coraggio di provare a calciare a rete col piede destro anziché bloccare la palla per fintare e rientrare tornando sulla sfera sul piede buono e, in contemporanea, se l’arbitro avesse avuto il coraggio di assegnare la massima punizione allorché il difensore avversario rifilava all’esterno rossazzurro un calcione sul piede d’appoggio facendolo crollare a terra in piena area.

Come succede spesso nel calcio, dal possibile rigore e probabile 1-0 dal dischetto che avrebbe fatto girare la partita in altra maniera, su calcio d’angolo a favore dei locali, un reparto arretrato forte di tre difensori centrali e schierato a zona non in maniera impeccabile, riusciva a farsi trovare impreparato su incursione del difensore Silvestre che incornava indisturbato il pallone, insaccandolo a fil di palo alla sinistra di Pisseri. Scacco al re.

Il gol subito, anziché caricare gli ospiti e spingere Lucarelli a qualche manovra dalla panchina, caricava a mille gli avversari che, senza pietà, colpivano ancora su altro errore difensivo,  con quel Reginaldo dalle mille vite e dai pochi capelli in testa.

Una mossa beffarda su quella scacchiera degna del migliore alfiere che in diagonale morde e attacca sul buco lasciato incustodito da pezzi provocando il secondo  scacco al re a soli tre minuti dal duplice fischio arbitrale.

Il Catania rientrava in campo con il piglio giusto e si gettava in avanti con caparbietà e coraggio. Torri, alfieri e la stessa regina sfioravano lo scacco, ma il re ben arroccato, riusciva per tre volte ad evitare di capitolare.

Per chi gioca a scacchi, sa l’importanza che rivestono i cavalli, unici in grado di saltare i pezzi con l’imprevedibilità del loro movimento ad L.

E proprio quei due cavalli di razza pensavo che Lucarelli avrebbe posizionato in quella scacchiera ad inizio partita che già prevedevo con l’apertura affidata al 3/5/2 come indicato nel mio precedente scritto dal titolo “venerdì scacchi”. Modulo che tanti esperti nel fine partita hanno contestato, dimenticando che, proprio con quello, abbiamo battuto al Massimino il Lecce, con un Russotto in spolvero e migliore in campo quel pomeriggio, cavallo pazzo per 83 minuti e uscito dal campo tra i scroscianti applausi dei gongolanti tifosi etnei. Macché! Per i cavalli, tutti e due gettati in campo, si e’ aspettato il cinquantacinquesimo minuto di gioco con cambio di strategia di gioco passando al 4/3/3 che ha avuto il merito, forse tardivo, di creare grattacapi agli avversari grazie anche all’apporto  di quel puledro che imperversava sulla fascia sinistra.

A partita finita, abbiamo appreso dal tecnico rossazzurro che Russotto è stato lasciato fuori per un principio di pubalgia ed ha giocato aiutato da infiltrazioni. Perche’ allora non aver impiegato l’altro cavallo, quel Di Grazia abile a sfruttare anche lui le ripartenze se giochi con il 3/5/2? Sbaglio nel dire che per le ripartenze ci vogliono corridori che sanno saltare l’uomo? Chi se non Di Grazia o Russotto hanno queste caratteristiche tra i rossazzurri? Senza contare che sulla fascia di destra dello schieramento granata imperversava un certo Marras veloce ala destra rimodellata in esterno da Calori al quale il

Catania opponeva Marchese, esperto difensore ma non certo giocatore che brilla per velocita’ .

Anche la mossa disperata di un Ripa gettato non in condizione in campo richiamando Biagianti in panchina e rimodificando a pochi minuti dalla fine il modulo in un ardito 4-2-4 riusciva a creare solo confusione evidenziando i limiti del nostro attacco, risultato ieri  pericoloso solo su  tiro al volo di Ripa ben parato da Furlan che ha dovuto superarsi  pure su una conclusione di Curiale, un colpo di testa di Marchese e graziato sia da due tiri dalla distanza di Lodi e Mazzarani che dalla traversa colpita da Marchese.  Troppo poco per un concorrente che deve recuperare due scacchi al re e rimasto senza idee. Si torna quindi a casa avendo subito lo scacco matto che non pregiudica il cammino per il tratto a venire, ma induce a pensare e riflettere sulle partite future e sull’impiego degli uomini a disposizione di mister Lucarelli e degli schemi tattici da adottare iniziando dalla prossima sfida con il Matera.

Appare tuttavia necessario, se si vuol competere per la prima posizione in classifica, adeguare la rosa con l’innesto di almeno due elementi di provate capacità tecniche, uno per il reparto avanzato ed uno, di corsa, per il centrocampo che porti la carretta e faccia da stantuffo nella zona nevralgica del campo, assicurando quei recuperi sinora effettuati con affanno quando gli avversari ripartono. Un centrocampista dai quattro polmoni assente nell’organico dell’ attuale centrocampo nel quale abbondano i frangiflutti ma che difettano in velocita’.

In attacco, purtroppo Ripa non ha ancora raggiunto la sua forma ottimale malgrado siamo già al giro di boa, lui che doveva essere il centravanti che mancava, quello dei quindici gol  stagionali. Senza i gol del suo centravanti di riferimento,  nessuna squadra può sperare di vincere i campionati e questo manca al Catania.

Indispensabile quindi correre ai ripari nel mercato di riparazione, sebbene difficile trovare i candidati giusti e oltremodo difficile piazzare gli over che si sono dimostrati poco utili, in queste 16 partite affrontate, alla causa rossazzurra.

Questa è la terza stagione in serie c che stiamo affrontando e, rispetto alle altre, finalmente, siamo secondi in classifica, solo a tre punti dalla vetta in compagnia del Trapani. Abbiamo finalmente una squadra che lotta in ogni partita sudando la maglia ed una dirigenza che, ne sono sicuro, farà di tutto per uscire da questa dannata categoria. Mancano ancora venti partite al termine di questa stagione che tanto dovrà ancora dire. Una cosa e’ certa: chi andrà in serie B dalla porta principale dovrà ancora sudare sette camicie, anzi venti magliette.

  26 Commenti per “Scacco matto”

  1. Ip Address: 93.48.247.89

    Se la giustizia sportiva fermerà Russotto siamo nei guai…..della serie tutto da rifare!

  2. Ip Address: 78.15.13.186

    Ha perfettamente ragione la Redazione, Trapani e Lecce andrebbero affrontate come abbiamo fatto in casa con il Lecce, cioè lasciare fare a loro la partita e colpire di rimessa, invece abbiamo abboccato all’amo facendoci fare a Noi la partita e loro colpire di rimessa in altri termini hanno fatto quello che avremmo dovuto fare Noi.
    Forza Catania

  3. Ip Address: 151.82.119.154

    Buona domenica a tutti ❤️💙 condivido in pieno l’articolo scritto da raggio libero , la chiave sta tutta li , se quel non tiro di semenzano andava a buon fine parlavamo di tutt’altra partita con le congratulazioni a mister Lucarelli ……… il calcio è anche questo per il resto complimenti al Trapani che la ritengo la squadra più forte del nostro girone

  4. Ip Address: 93.37.178.125

    Buona sera ai veri tifosi rossazzurri. Scrivo poco e leggo molto! Le critiche a Lucarelli sono esagerate! Lasciamolo lavorare!Sa il fatto suo! Il Trapani non mi è sembrato un rullo compressore! Questo è un campionato che si decide nel mese di aprile. Adesso mi aspetto un altro filotto di vittorie! I conti alla fine! Buona domenica e sempre FORZA CATANIA.

  5. Ip Address: 79.26.32.91

    Signori miei siamo onesti! Diciamo la verità. Questa sconfitta ci può anche stare, il Trapani non ha rubato nulla.
    Quello che non è digeribile, e che in effetti è stato un vero karakiri, sono state la sconfitta con la leonzio e la reggina ed il pari col fondi alla prima di campionato. Avessimo avuto 4 punti in più (2 col fondi uno con la leonzio ed uno con la reggina) oggi saremmo in ogni caso in cima alla classifica.
    Speriamo non rimpiangere questi punti persi così maldestramente.
    Nei momenti cruciali, nel momento del sorpasso il Catania entra nel panico, non è in grado di dare la stoccata vincente per passare in cima alla classifica.
    Anche questa volta ha perso l’occasione per raggiungere la vetta.

  6. Ip Address: 94.163.24.227

    Ad onor del vero anche il trapani potrebbe avere almeno quattro punti in più. Vedasi partite con il catanzaro ed ii matera entrambe in vantaggio di tre a zero e terminate con il pareggio per non parlare dei rigori sbagliati dai calciatori granata in partite terminate sullo 0 a 0. Ad ogni modo, mi auguro che CT e TP possano entrambe ritornare in B.

  7. Ip Address: 151.18.138.76

    Archiviamo la partita contro il Trapani pensiamo alla prossima partita contro il Matera sempre una squadra ostica e poi andare a rende conto un’altra squadra che navigano nelle zone nobili

  8. Ip Address: 79.55.141.116

    Concordo con Giuseppe. Anche il Trapani dovrebbe mangiarsi le mani per i punti sprecati. L’aver considerato finita la partita col Catanzaro e quella col Matera è stato un grande errore. Le bucce di banana ci possono stare e quella la considero la partita di Reggio. Incredibile invece perdere senza giocare a Caserta e con la Leonzio. Queste due sconfitte mi bruciano più della partita di Trapani nella quale almeno hanno sudato la maglia.

  9. Ip Address: 5.90.148.43

    Ok raggio preciso come sempre spero che lucarelli non ripeta errori di impostazione fozza catania

  10. Ip Address: 151.18.131.165

    Buongiorno a tutti e buon lunedì ❤️💙

  11. Ip Address: 151.37.155.76

    Cari amici ,inutile piangere sul latte versato ! Bisogna ricominciare a far punti ! Il campionato di serie ,così come l’ hanno escogitato ,quelli che io continuo a chiamare i soloni cervellotici della federazione del calcio ,è difficilissimo ! I passi falsi ci possono stare e ,per giunta quando meno te l’ aspetti ! Sarà primo ,ovviamente quella squadra che ne ha fatto di meno ! Abbiamo capito che dobbiamo andare avanti con Lucarelli ed allora ,secondo il mio punto di vista , per poter sperare nel massimo obiettivo si dovrebbero verificare queste condizioni : Primo ,Lucarelli dovrebbe avere più duttilità. e. più rapidità nel capire le varie fasi di gioco ed accelerare i cambi ! Secondo ,si deve assolutamente è definitivamente sbloccare Ripa ,perché abbiamo bisogno dei suoi goal,come quelli di Curiale che deve essere meno legnoso e più rapsodo nei movimenti . Terzo , oltre a Pisseri che già da garanzia di sicurezza , la difesa deve essere più attenta ( vedi i due gol del Trapani . Quarta condizione il gioco della squadra si deve di volta in volta adattarsi al tipo di gioco della squadra avversaria ,mantenendo costantemente grinta e voglia di vincere ! La squadra sarà capace di attuare tali condizioni? Una lotta a tre per un posto ! Per adesso ,per un realista come sono sempre stato ,per la vittoria finale ,vedo queste percentuali ,: Lecce 40%. , Trapani e Catania 30 % per ciascuna . Buona giornata a tutti e un ciao affettuoso a Filippo !

  12. Ip Address: 151.37.155.76

    Scusatemi per qualche errore di battitura !

  13. Ip Address: 151.36.101.23

    Ciao Armando

  14. Ip Address: 78.15.13.186

    Concordo al 100% con Armando.

  15. Ip Address: 5.90.148.43

    Bravo armando una cosa però rimane il mistero ripa ma secondo voi perché stu caruso non ingrana ma allora in fase di aquisto aveva qualche grave problema fisico c’è stato un calo totale si muove solo 15 minuti .si parla di cederlo alla paganese ma sono sicuro che vuole rimanere a catania finora abbiamo giocato con un attacco mai completo plm dovrà affrontare il problema che ha dellassurdo. Saluti fozza ct

  16. Ip Address: 5.90.148.43

    Leggo su la sicilia di oggi che ripa si sapeva ad agosto che era reduce da un infortunio…..e perché è stato preso?😳 mistero…..

  17. Ip Address: 151.36.101.23

    Ciao Aurelio, Lomonaco non si smentisce mai, tutti Chiddi rutti i pigghia

  18. Ip Address: 5.90.148.43

    Ciao mexican ma tu sapevi questa storia che ripa era rotto…..esce fuori ora ecco perché la juve stabia lha ceduto….proprio a noi hanno dato u scecco….solo plm…b 🌃

  19. Ip Address: 79.55.141.116

    Bravo Armando bella disamina. Adesso prepariamoci per il Matera e Ripa rotto o meno dobbiamo assolutamente vincere.

  20. Ip Address: 2001:b07:645a:c57c:881d:2baa:1552:f94

    Certamente bisogna guardare avanti, nella speranza che Lucarelli non continui a fare esperimenti (strategici) e che effettui le dovute sostituzioni ” tempestivamente” (sul 2 a 0 ha aspettato 20 minuti). Semenzato troppo lezioso e poco concreto (poteva essere l’uomo chiave). Per la prima volta Bogdan ha steccato e ne abbiamo pagato le conseguenze. Punte inesistenti o quasi (non è una novità). Almeno un pareggio sarebbe stato fondamentale ed era alla nostra portata. Ciao Armando e buona nottata a tutti cari Amici

  21. Ip Address: 151.36.101.23

    Pensiamo seriamente al Matera partita piena insidie…….. buonanotte a tutti ❤️💙

  22. Ip Address: 93.46.56.84

    Dopo calaiò zero assoluto i troppi errori sotto porta ci stanno costando troppi punti in questo campionato speriamo a gennaio che lm riesca nel miracolo di acquistare un attaccante giovane bravo ma soprattutto sano,basta acquistare gente rotta nella speranza che ricuperano quando il campionato è finito

  23. Ip Address: 5.90.148.43

    Carusi è vero che bisogna vincere domenica ma se non abbiamo chi la butta dentro tutte.le partite diventano un impresa comunque mi spiace ma il fatto che ripa era rotto svela tutto ma chi ce la da a gennaio una punta come si deve…abbiamo solo curiale che non può fare miracoli a questo punto prendo le parti di lucarelli ha la pignata dura ma senza punte che può fare plm gli avrà imposto di far giocare ripa seppure pochi minuti ma con scarsi risultati se il giocatore non punge è inutile.mi spiace solo che parliamo sempre delle stesse cose.spero che a gennaio plm tiri fuori dal cilindro una punta valida…seno non voglio pensarci b 🌃 forza catania

  24. Ip Address: 178.39.222.16

    Ripa si sapeva che era infortunato, ma non che era cosi rotto!
    Plm ha provato a giocarsi questa carta. Sembra che gli sia andata male. Ma Rossetti ( si chama cosi?) e veramente cosi male che non si puo provare? Tanto se Ripa non segna questo ragazzo non puo fare peggio……
    Lucarelli certe volte si deve fare cose inaspettate!
    Si dice chi non risica non……
    Saluti a tutti

  25. Ip Address: 5.90.148.43

    Ma si jama io sono daccordo perché non far giocare rossetti o turbo almeno abbiamo un 433 vero e no mascherato da un altro fuori ruolo tra laltro volevo ricordare che ammesso che plm acquista una punta la vedremo a febbraio …..susati lucarelli. Un saluto a gli amici 🔴 💙

  26. Ip Address: 151.82.17.156

    Buonasera a tutti 💙❤️💙❤️💙❤️
    Vagliasindi – Catania, Cattaneo e Deli gli obiettivi per il centrocampo
    Si inizia già a lavorare in ottica mercato in casa Catania. Secondo quanto riportato dal giornalista di Repubblica e Telecolor Alessandro Vagliasindi, la dirigenza rossazzurra starebbe osservando con grande interesse due giocatori per rinforzare il centrocampo: Luca Cattaneo e Francesco Deli.

 Lascia un commento

ATTENZIONE: I contenuti dei commenti rappresentano ESCLUSIVAMENTE il punto di vista dell'autore. Nei commenti e' vietato compiere o indurre a compiere qualsiasi tipo di reato, ed e' vietato Danneggiare, lesionare in alcun modo i diritti altrui. E che il commento non abbia contenuto razzista o sessista, non sia offensivo, calunnioso o diffamante. La Redazione si riserva il diritto di rimuovere i commenti che violino le precedenti regole a suo insindacabile giudizio. Gli IP sono registrati ed utilizzati in caso di controversie per intraprendere percorsi legali contro i molestatori.


(Richiesto)

(Richiesta. Non sarà pubblicata)

Question   Razz  Sad   Evil  Exclaim  Smile  Redface  Biggrin  Surprised  Eek   Confused   Cool  LOL   Mad   Twisted  Rolleyes   Wink  Idea  Arrow  Neutral  Cry   Mr. Green

su
giu