Show must go on

 Scritto da il 21 aprile 2012 alle 09:57
Apr 212012
 

Show must go on direbbero oggi gli Inglesi, che tradotto nella nostra lingua significa lo spettacolo deve andare avanti. Nella stessa identica situazione i contadini Toscani di alcuni secoli orsono, nel loro antico idioma, avrebbero osservato “passata la festa gabbato lo santo” che, in sostanza significa la stessa cosa. Dopo una settimana di ipocrita sosta si ritorna a giocare.

Vorrei subito precisare perché sto utilizzando un aggettivo pesante come ipocrita riferito a sosta. Fermarsi per onorare la memoria di un giovane calciatore la cui vita si è spezzata in un campo di calcio è cosa “buona e giusta”, strumentalizzare la sua morte è pura ipocrisia.

L’ipocrita è colui o colei che vuol far apparire, con l’inganno, una realtà che non esiste.

L’ipocrita è una sorta di pericoloso illusionista che vive in società.

L’ipocrisia è la qualità principale dell’individuo che, per trarre dei vantaggi personali, pretende di far credere agli altri di possedere virtù, alti ideali, alti sentimenti e forti emozioni che in effetti non ha. Giusta, giustissima la sosta, ma far credere agli altri che il «Sistema Calcio» sia forte, pulito, solidale ed umanitario è pura ipocrisia, perché non è così.

Sicuramente ci saranno moltissimi protagonisti con altissimi valori e altissimi principi, penso, per esempio a calciatori come il capitano dell’Inter Javier Zanetti, ad Alessandro Del Piero o al nostro Nicola Legrottaglie, tanto per fare dei nomi, ma in mezzo a tante persone con alte qualità morali ci sono tanti, troppi, farabutti e il sistema è più marcio di quel che si pensi.

I tifosi sono stanchi, non ne possono più di sentir parlare di partite truccate, di accordi segreti, di calciatori che vendono le partite e di calciatori che scommettono sulle partite vendute o che si dopano. In mezzo a tante persone perbene ci sono troppi imbecilli che ancora non hanno capito di essere, immeritatamente, dei privilegiati.

Ma alcuni di questi fortunati come fanno a non rendersi conto che, grazie ad un sistema ormai difficilmente controllabile, in soli sei mesi, per dare quattro calci al pallone guadagnano più di quanto guadagna un operaio in quaranta anni di fatiche quotidiane ? A tirare la corda si rischia di romperla e diversi tifosi si sono ormai stufati.

Giudicare il valore di un calciatore da sole poche partite può essere un atto di presunzione e può portare a clamorosi errori di valutazione. Quest’anno ho visto giocare l’Arsenal sette volte e mi sono più volte chiesto : ma come ha fatto la società londinese a spendere 11 milioni di sterline per un bidone come Gervinho? Come si possono buttare i soldi in questa maniera ? Giovani calciatori come l’atalantino Gabbiadini sono molto più forti. Ecco qual è il problema principale : nel calcio girano troppi soldi e se non si corre immediatamente ai ripari si rischia di ucciderlo per sempre.

Il calcio sta perdendo progressivamente le caratteristiche di sport e di spettacolo.

Ritornando al calcio giocato, proprio l’Atalanta del ventenne attaccante Manolo Gabbiadini sarà di scena al Massimino come prossima avversaria del Catania.

La squadra bergamasca partita col pesante fardello di sei punti di penalizzazione, per il comportamento fangoso del suo giocatore simbolo, bandiera e capitano Cristiano Doni, ha avuto il merito di tirarsi fuori dalla zona retrocessione, grazie a un campionato strepitoso che le ha visto conquistare sul campo ben 46 punti.

Senza penalizzazione l’Atalanta sarebbe all’ottavo posto, proprio la posizione che occupa in questo momento il Catania.

Sulla penalizzazione inflitta alla compagine bergamasca non mi voglio esprimere, né tantomeno su eventuali altre sanzioni che le potrebbero essere inflitte, dico soltanto che Doni andava fermato molto prima, esattamente dodici anni fa quando ha palesemente truccato l’insignificante incontro di Coppa Italia Atalanta- Pistoiese (reato del resto oggi confessato, a distanza di dodici anni).

Per un incontro senza valore ai fini della qualificazione alla fase successiva una marea di denaro puntato, tutto nella zona dei calciatori indagati, tutto sul segno 1 primo tempo e X finale.

Atalanta in vantaggio al 44’ del primo tempo e pareggio della Pistoiese al minuto 89, con buona pace degli ingenui e fessi scommettitori italiani che avevano pronosticato la vittoria dell’Atalanta. Truffatore, tutta l’Italia sospettava che Doni fosse un truffatore, tutti sapevano che aveva combinato quella partita e assieme a lui, prima squalificati per un anno e poi assolti, nove mesi dopo, in appello, i calciatori Gallo, Siviglia, Zauri, Banchelli, Aglietti e Allegri (sì, proprio l’attuale allenatore del Milan). Assolti, senza dare la soddisfazione agli sportivi di dire “hanno punito chi ci ha preso per i fondelli, chi ha tradito i valori dello sport”. Niente.

Ma ora, cosa può farci l’Atalanta se fra le sue fila ha giocato un truffatore ? Cosa possono farci i bergamaschi, gente onesta e laboriosa, se il loro giocatore bandiera non aveva dignità ?

Se i dirigenti non c’entrano punire ulteriormente la società orobica non avrebbe senso.

Intanto l’Atalanta, per non correre eventuali rischi, sta cercando di fare quanti più punti possibili e c’è da giurarci che anche a Catania cercherà di conquistare qualche punticino.

Il Catania dalle stelle della possibile qualificazione in Europa League è passato alle stalle di due miseri punti in quattro partite. La beffa subita dal Lecce è rimasta sullo stomaco e non si digerisce nemmeno con una massiccia dose di bicarbonato. C’è da difendere con le unghie e con i denti l’ottavo posto e per farlo il Catania sabato sera deve battere l’Atalanta, cosa tutt’altro che facile.

Lo stravolgimento del calendario in teoria ha penalizzato il Lecce (inutile far finta di non saperlo) e favorito il Genoa, che ospiterà il Siena invece di far visita al Milan, e tutte le altre squadre che lottano per la salvezza (almeno quella sul campo).

il Napoli potrebbe rilanciarsi psicologicamente battendo il Novara e il Lecce potrebbe deprimersi perdendo all’Olimpico contro la Lazio, così il successivo Lecce-Lazio del 25 aprile vedrebbe uno scenario diverso da quello previsto.

Insomma alcune squadre potrebbero cominciare a far precisi calcoli, l’Atalanta, in teoria è già salva, il Catania, da tempo, lo è ancor di più, ma dopo due sconfitte consecutive non so fino a che punto possa prevalere la voglia di rischiare.

Dal punto di vista psicologico i ventidue in campo, pur lottando, potrebbero accontentarsi anche di un pareggio, ma nell’Atalanta non c’è più Doni e nessuno potrebbe avanzare sospetti.

  14 Commenti per “Show must go on”

  1. Ip Address: 87.7.26.6

    Salve raga’!!!
    Buono l’articolo Prof, ciao Angelo!!! 😉 😉 😉
    Vero Prof. che giocando la 34 di campionato e’ tutto un po’ sfalsato ma il regolamento e’ quello.
    Giochiamo senza Almiron e Barrientos cioe’ senza tecnica ma spero che i sostituti siano almeno piu’ veloci perche’ l’Atalanta vista a Napoli gioca di rimessa e meno male che giochiamo con la difesa a 4.

    Non ci deludete ragazzi del Catania!!!

  2. Ip Address: 79.27.11.71

    Un caro saluto a tutti gli amici e tifosi. La rosa del Catania è competitiva e, anche se importante,l’assenza di Almiron può essere di poco conto. Barrientos è tra i convocati, non è in condizioni fisiche ottimali, ma potrebbe anche giocare

  3. Ip Address: 80.116.75.75

    buonpomeriggio a tutti fratelli della costa rossazzurra gran bella disamina tino e come direbbe il fratello catanista60 che la dea eupalla sia con noi forza catania sempre 😉 😉

  4. Ip Address: 79.27.11.71

    Buona partita a tutti. FORZA CATANIA

  5. Ip Address: 87.7.26.6

    Salve raga’!!!
    Questa partita mi crea ansia!!!
    Forza Cataniaaaaaaa!!!
    Chi joca joca!!!

    Formazioni Ufficiali:

    Catania 4-3-3: Terracciano, Bellusci, Legrottaglie, Spolli, Marchese; Seymour, Lodi, Biagianti; Lanzafame, Bergessio, Gomez. All. Montella (a disp. Kosicky, Capuano, Motta, Llama, Ricchiuti, Suazo, Catellani).

  6. Ip Address: 80.116.75.75

    golllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllll gollllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllll grande gomez 😈 😈 😈

  7. Ip Address: 80.116.75.75

    gollllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllll gollllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllllll e due questo e il nostro cataniaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa 😈 😈 😈

  8. Ip Address: 80.116.75.75

    gran bella vittoria dei nostri ragazzi il catania e tornato dopo l’amarezza la gioia dopo il pianto il sorriso forza cataniasempre 😈 😈 😈

  9. Ip Address: 80.116.75.75

    buonaseratta a tutti fratelli della costa rossazzurra questa sera dormiro come un ghiro sogni rossazzurri a tutti 😈 😈 😈

  10. Ip Address: 80.116.75.75

    buonaserata :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

  11. Ip Address: 87.1.10.151

    Ciao Angelo
    Finalmente abbiamo vinto 😀 😀 😀 😀 😀 😀
    grazie ragazzi di avermi permesso una bella domenica 😆 😆 😆

  12. Ip Address: 87.7.26.6

    Buonasera Angelo e joe!!! 😉 😉 😉
    Temevo questa partita ma quando i Nostri ci mettono intelliigenza, cuore e grinta non c’e’ ne per nessuno!!!

    Sogni rossoazzurri a tutti e forza Catania!!!

  13. Ip Address: 80.116.75.75

    buongiorno a tutti fratelli della casta rossazzurra qui modena e dintorni cielo nuvoloso ma per me e che bella cosa na’ jurnata e soleeeeeeeeeeeeeeeeeee bella prestazione di terracciano gomez e seymur e di tutta la squadra forza catania sempre 😈 😈 😈

  14. Ip Address: 79.27.11.71

    Un caro saluto a tutti gli amici del sito, a Giorgio, Angelo, Joe e agli altri cari amici che momentaneamente sono in “silenzio stampa”.
    Gran bella vittoria e obiettivo 50 punti a portata di mano.

Spiacenti, i commenti sono chiusi.

su
giu