Spunta il nome di Hernandez

 Scritto da il 2 gennaio 2014 alle 12:12
Gen 022014
 

Abel-Hernandez.

Secondo quanto riportato da Tuttosport, al Catania piace l’attaccante uruguaiano del Palermo Abel Hernandez. Ci sarebbero già stati alcuni contatti tra le due società siciliane, si parla di uno scambio con Tachtsidis, centrocampista in comproprietà col Genoa che Iachini abbraccerebbe volentieri per rafforzare una linea mediana che ha visto sfumare in rapida successione gli obiettivi Lodi e Valdes.

  26 Commenti per “Spunta il nome di Hernandez”

  1. Ip Address: 95.235.41.40

    se servira alla causa del catania che ben venga sempre se la societa lo voglia

  2. Ip Address: 92.139.241.248

    Buongiorno a tutti pari

    A BUON INTENDITOR POCHE PAROLE

    Riguardo quello che pensono i giocatori e che giocatore si esprime, su De Canio e Maran, lo dico da tempo PULVIRENTI FAI TORNARE MARAN

    CATANIA, Barrientos: “Ognuno si faccia un esame di coscienza”
    02.01.2014 13.49 di Redazione ITA Sport Press per itasportpress.it articolo letto 137 volte
    Il regalo sotto l’albero del centrocampista offensivo del Catania Pablo Barrientos per i suoi tifosi è la salvezza. L’argentino ha rilasciato alcune dichiarazioni in esclusiva ai microfoni di Sky: “Il sogno di tutti è uscire da questa situazione, vogliamo fare noi un regalo ai tifosi. Ognuno deve farsi un esame di coscienza per evitare di ripetere gli stessi errori. De Canio? Quando arriva un allenatore nuovo tutti ci tengono a fare bene e a mettersi in mostra ma non dimentichiamo che con Maran abbiamo fatto benissimo l’anno scorso. Se arriviamo alla salvezza sarà merito di De Canio ma anche un po’ di Maran visto che con lui abbiamo fatto bene e c’era tanta armonia all’interno del gruppo e questo è molto importante. Io penso sempre al primo giorno in cui sono arrivato e cerco sempre di dare il massimo per questa maglia e questa gente”.

  3. Ip Address: 92.139.241.248

    E per chi pensa che il gruppo sia unito mi piace sottoliniare una frase di Barrientos

    ma anche un po’ di Maran visto che con lui abbiamo fatto bene e c’era tanta armonia all’interno del gruppo e questo è molto importante 😯 😯 😯 😯

  4. Ip Address: 95.235.41.40

    ciao chiarezza
    Secondo indiscrezioni rilanciate da Tuttomercatoweb, il Catania avrebbe avanzato una nuova offerta per il centrocampista argentino del Rosario Central, Pablo Becker. Il giocatore è stato trattato questa estate ma l’offerta fu giudicata bassa dai dirigenti argentini (1,5 milioni di dollari). L’offensiva del Catania venne confermata dall’agente del giocatore, Daniel Luzzi (lo stesso di Spolli). Becker, classe 1993, ha debuttato in Primera Division a soli 17 anni nel dicembre 2010. Nel 2011 ha subito un grave infortunio che lo ha messo ai margini della rosa, salvo tornare in auge quest’anno dove è riuscito a segnare anche un gol nell’incontro contro il Nueva Chicago.

  5. Ip Address: 151.19.102.181

    Ciao a tutti…..
    sicuramente Hernandez sarebbe un buon giocatore x il catania….comunque vedremo.

  6. Ip Address: 87.15.90.180

    Buon pomeriggio a tutti…
    Benvenuta tra di noi Sissi, ci mancava una ragazza rossazzurra 😀 😀

    Ecco chi è Fabián Andrés Rinaudo
    Il Catania è sul punto di chiudere per Fabián Andrés Rinaudo dello Sporting Lisbona. Conosciamolo meglio. Il ventiseienne di Armstrong (provincia di Santa Fe) è un centrocampista centrale, destro naturale, cresciuto nelle giovanili del Gimnasia La Plata. Nel 2008 arriva il grande passo in prima squadra: esordisce in un match casalingo contro il River Plate. In due anni colleziona quasi cento presenze nel campionato argentino, condite da ben 34 cartellini gialli. Ebbene si, il temperamento è quello giusto, tutto cuore e polmoni, maggiormente votato alla rottura che all’impostazione. La chiamata dall’europa arriva nel 2011, c’è lo Sporting Lisbona. I portoghesi lo pagano quasi 2,5 milioni di euro. L’adattamento è difficile, le presenze latitano. Il ragazzo, sfortunato, ha dovuto far fronte anche a malanni fisici piuttosto importanti: nel maggio del 2011 viene operato alla caviglia sinistra in seguito ad una frattura al piede. Nessun dramma, la stagione 2012/13 è quella del rilancio: 23 presenze e tante buone prestazioni. In Italia iniziano a parlar di lui, arrivano i primi accostamenti. Grande personalità, ottimo tempismo nelle chiusure e buona duttilità in mezzo al campo: può giocare sia nel centrocampo a quattro, come interno, che in quello a cinque. Si potrebbe adattare anche nel rombo a tre come mezz’ala d’intensità. Maradona e Sabella sono stati i due CT a dargli fiducia nella Seleccion Argentina (3 presenze complessive). Il passaporto è doppio, ha anche quello italiano. Tra poco parte l’aereo con destinazione Catania, Rinaudo ci salirà?

  7. Ip Address: 95.235.41.40

    ciao joe benvenuta nel nostro sito sissi 😉 😉

  8. Ip Address: 79.32.235.155

    Buonasera raga’!!!
    Ciao Angelo, Chiarezza, joe e sissi!!! 😀

    Notte a tutti!!! 😛

  9. Ip Address: 95.250.102.83

    Buona sera a tutti gli amici rossazzurri,benvenuta Sissi,ciao Angelo,ho ricevuto da poco le due foto,grazie 😉 … ‘cchè ‘bidduzzu ‘Barrientos 😀

    Ciao Vittorio,concordo con te,Il gruppo sarebbe ben felice se tornasse Maran (questo è qello che traspare,anche se in modo velato,dalle dichiarazioni di Barrientos) e se io ho nutrito dubbi ad un suo possibile ritorno ( ho spiegato il perchè),fra Maran e De Canio,preferisco Maran.

    Continuo ad non spiegarmi il perchè della conferma di de Canio,se la società farà degli interventi per rafforzare la squadra,sarà la conferma del flop di De Canio e della società nella sua scelta,perchè,la sostituzione di Maran,prevedeva che il suo sostituo avrebbe dovuto fare meglio con lo stesso materiale,così invece non è stato,anzi,ha fatto peggio e se nei numeri si equivalgono nei due tecnici,sicuramente non è così nel contesto tecnico-tattico,De Canio,ha peggiorato la situazione la situazione e se io,in linea di massima,do sempre qualche chance agli allenatori,in questo caso no,sono convinto che,anche se io ci spero e voglio crederci,il Catania dovesse arrivare alla salvezza,non sarà merito di De Canio,perchè in questo tecnico non ho visto nulla di buono.
    Continuo a non capire il ritardo degli interventi da parte della società e non mi si venga a dire che il mercato di gennaio è difficile,perchè,nell’emergenza,bisogna prendere il toro per le corna senza andare per il sottile,più tempo passa e più le cose diventano difficile e nel malaugurato caso di un risultato negativo contro il Bologna (solo i tre punti), De Canio verrebbe esonerato,Pulvirenti confermerebbe la sua tanto chiacchierata competenza calcistica.

    Al momento mi fermo quì un saluto a tutti.

  10. Ip Address: 95.250.102.83

    Dimenticavo,ciao Pietro Paolo,forse mi sono espresso male,non volevo dire che tu volevi fare polemica,ma che essendo in questo sito da poco,magari non conosci a fondo il mio pensiero calcistico e certe mie riflessioni in genere.

    Rispondendoti con le statistiche su Lodi,non volevo essere frainteso,tutto quì 😀
    Il dialogo e in certi casi anche le discussioni un pò accese,possono vivacizzare il confronto,l’importante rimanere sempre dentro i limti del rispetto altrui,cosa che regna sovrano in questo sito (certo,magari io e qualche amico abbiamo impiegato qualche minutino a conoscerci meglio :mrgreen: :mrgreen: ma alla fine ci siamo riusciti,con immenso piacere 😉 😀 )

  11. Ip Address: 87.15.90.180

    riporto il commento di Tino

    Tino La Vecchia
    2 gennaio 2014 alle 19:05
    Ip Address: 79.26.191.173

    Per prima cosa sinceri auguri a tutti gli amici tifosi del Catania.
    Chiedo scusa a tutti se sto rispondendo con ritardo, ma soli pochi minuti fa, aprendo la mia posta, ho trovato una mail dell’amico Joe con la quale mi invitava a collegarmi al sito e a leggere i relativi commenti.
    Dopo circa sei mesi confesso di aver provato un po’ di emozione e un po’ di nostalgia nell’effettuare l’operazione.
    Colgo l’occasione per salutare tutti i vecchi amici tifosi e i nuovi che non mi conoscono.
    Un messaggio mi riguarda in particolare ed è il n.22 postato da Chiarezza al quale ho il dovere di rispondere:carissimo Vittorio in primo luogo ricambio di cuore gli auguri di buon anno e ti ringrazio della richiesta che mi fai.
    Di mia volontà non sarei mai andato via da casa mia, ma alcune incomprensioni me l’hanno imposto.
    Anche se volessi non potrei ritornare perché sto scrivendo per un giornale on-line, esattamente per Sportenjoyproject.com e gli accordi presi i impediscono di collaborare per qualsiasi sito calcistico.
    Grazie ancora.
    A tutti un caro saluto.

  12. Ip Address: 62.11.7.43

    Buonasera a tutti.
    Ciao Tino, peccato che tu non riesca a scrivere con noi.

    Ho delle perplessità , se è vero che Pulvirenti vuole far salvare il Catania, non deve continuare ad affidarlo a De Canio. A questo punto meglio un ritorno di Maran.
    Adesso vedo tanti nomi sul taccuino del Catania, ma come sempre aspetto cose definitive prima di penderci commenti.

    Rosso come sempre il fuoco, azzurro come il mare, l’amore per il Catania non si può spiegare!

  13. Ip Address: 188.106.95.128

    Nessun problema peppe 58, grazie del saluto, che ricambio. Non ti preoccupare non ti ho frainteso, rimango della mia opinione sull’acquisto di Lodi ma come già scritto in un altro post sarò ben felice di smentirmi se dovesse rivelarsi l’acquisto giusto per la salvezza e spero che tu abbia ragione.
    Buonanotte a tutti.

  14. Ip Address: 95.235.41.40

    buongiorno a tutti fratelli dal cuore rossazzurro aspettiamo co trepidazione le manovre della societa forza catania

  15. Ip Address: 95.235.41.40

    mi e saltata la n 😆 😆

  16. Ip Address: 95.247.12.117

    Buongiorno raga’!!!
    Ciao Angelo!!! 😀

    Qui Napoli e dintorni, cielo grigio-nero con minaggia di pioggia.

    Buona giornata a tutti!!! 😉

  17. Ip Address: 95.235.41.40

    CATANIA – Anno nuovo, il Catania deve far sì che coincida con nuova vita. Scorriamo i precedenti che i rossazzurri hanno fatto registrare nella prima gara del nuovo anno.

    Stagione 1997/1998 – Serie C2 gir. C Dopo il 3-0 patito a Trapani, disgraziata chiusura dell’anno, gli etnei attendono il Chieti al Cibali. Termina 0-0, col Catania in 10 per l’espulsione di Cicchetti.

    Stagione 1998/1999 – Serie C2 gir. C Si gioca in casa alla ripresa del campionato, ed il Catania, in casa, non perde si sa. E’ il Catania di Piero Cucchi, il Catania della promozione in serie C1. Bifera in porta, Furlanetto, Cicchetti, Monaco e Di Julio in difesa, Brutto, Tarantino, Marziano, Ripaldi, Passiatore, Lugnan. Contro il Tricase, arbitra il Sig. Trefoloni, i rossazzurri passano grazie alla rete di Umberto Brutto.

    Stagione 1999/2000 – Serie C1 gir. B: Giovedì 6 Gennaio il Catania scende in campo a Castel di Sangro. Simonelli schiera Passiatore e Zampagna all’attacco, ma la porta dell’ex, Ciccio Bifera, resiste ed anche quando cade sotto i colpi di Passiatore, le reti di Iaquinta e Bernardi non evitano la sconfitta agli etnei.

    Stagione 2000/2001 – Serie C1 gir. B: Il campionato riprende a Viterbo il 7 Gennaio. E’ il derby dei Gaucci: Riccardo è il presidente del Catania, Alessandro Tulliani (a.d. dei locali) è il fratello della fidanzata di Luciano, padre di Riccardo. Vincono i padroni di casa per 2-1, con reti di Rossetti e Masini. Per il Catania va a segno Cicconi. Gara, quel Viterbese – Catania, che passerà alle cronache più per le intemperanze di un isolato ultras catanese: “Correva il 35′ del secondo tempo quando il portiere della Viterbese Nicola Di Bitonto è stato colpito con un pugno tra la testa e le spalle da un tifoso del Catania, entrato in campo senza che le forze dell’ ordine si accorgessero di nulla. L’ estremo difensore della Viterbese è stato soccorso e ha ripreso regolarmente il suo posto dopo pochi minuti, mentre l’ aggressore è tornato sugli spalti senza pagar dazio per la pericolosa bravata”. Allenatore dei rossazzurri: Ivo Iaconi.

    Stagione 2001/2002 – Serie C1 gir. B: Giocare il giorno della Befana contro le “streghe” di Benevento poteva in qualche modo esser mai frainteso come un segno benaugurate? Il Catania di Vierchowod perde 1-0, rete di Manni al 87°, su rigore. Sterili gli attacchi del tandem offensivo Cicconi – Kanjengele, l’africano “fenomenale”, e dall’età non meglio specificata, portato in quel Gennaio dalla dirigenza Gaucci per rinsaldare la squadra che avrebbe conquistato ai play-off, a Taranto, l’accesso alla serie B.

    Stagione 2002/2003 – Serie B: Anno nuovo felice? Al Picchi di Livorno, pur cambiata la categoria, i rossazzurri si confermano renitenti. In panchina siede Benjamin Toshack, ex Real Madrid e nazionale gallese, in attacco a Lulù Oliveira, la dirigenza Gaucci ha affiancato Carlo Taldo, che ricostituisce col Falco la coppia del goal determinante per la promozione del Como in serie A, avvenuta la stagione precedente. Proprio Taldo, al 31′, porta in avanti il Catania che però si vedrà agguantato e recuperato dalle reti di Prott e Biliotti che trova il goal del 2-1 a 2′ dalla fine. Allenatore del Livorno era l’esordiente Roberto Donadoni.

    Stagione 2003/2004 – Serie B: Salvata la categoria ben oltre il termine stabilito dal campionato, e nonostante le problematiche d’un organico allestito nei pochi giorni extra appositamente concessi, i rossazzurri di Colantuono sono la sorpresa di quel torneo. A Dicembre si parla di salto di categoria, Luciano Gaucci promette rinforzi salvo poi.. passarli alla Fiorentina, che al Franchi attende il Catania alla ripresa del campionato. E chi apre le marcature dei viola? Tale Vryzas, attaccante perugino che dalla scuderia Gaucci era passato in viola anziché in rossazzurro. Al 47′ la Fiorentina vince 3-0, terminerà 3-2 con reti di Delvecchio (nel campionato in corso tornato a segnare proprio al Franchi) ed Oliveira.

    Stagione 2004/2005 – Serie B: Buon 2005, Modena! Il Catania si spinge fin in Emilia – Romagna a presentare i propri auguri. E’ il 6 Gennaio e Sommese impone l’1-0 al Catania di Nedo Sonetti, quello che scende in campo con la coppia Vugrinec – Ferrante in avanti.. con gli anni, che ha in Lombardi il proprio uomo ovunque, ed un Lo Monaco anche in campo: il difensore Massimo. Cambiata la dirigenza, solfa reiterata. Peculiarità? Quel Modena era allenato da Stefano Pioli, tecnico che adesso siede proprio sulla panchina del Bologna, avversario alla ripresa della stagione in corso.

    Stagione 2005/2006 – Serie B: In molti ricorderanno questa come la partita più emozionate della cavalcata trionfale verso la serie A. Stavolta si gioca in casa, ma l’abbrivio è come sempre da sbronza post-festiva. Al Massimino, il Piacenza dell’ex Padalino, si porta in vantaggio ad inizio secondo tempo con Cacia. Lo 0-1 non si schioda, stregata la porta del giovanissimo Cassano, almeno fino al minuto 85, quando Umberto Del Core, inserito al 71′ (dopo il 2-2 all’ultimo minuto strappato a Bergamo, contro l’Albinoleffe, nell’ultima dell’anno) si conferma uomo della provvidenza spedendo in rete il pallone dell’1-1. Radice (che l’anno prima, al Garilli, metteva a segno l’autogol che valeva agli etnei lo 0-1 finale) viene espulso per proteste, Piacenza in 10. E’ l’assalto, che all’88′ porta alla rete del vantaggio, con De Zerbi. Al 92′ la strepitosa rete di Lucenti, appena entrato, sotto l’incrocio dei pali, chiude i conti. In quella partita i dirigenti etnei noteranno un terzino destro, il “miglior terzino destro” della serie B di quella stagione: Gennaro Sardo.

    Stagione 2006/2007 – Serie A: Che galoppata! Matricola in serie A, il Catania di Marino chiude il 2006 in zona Champions, un traguardo incredibile che fa sognare la città e parlare i giornali, prodighi di titoloni indimenticabili. Poi arriva Gennaio, ed il 14, in uno dei pochi anni di pausa prolungata, al Bentegodi di Verona il Catania riceve il Chievo, che non potrà mai immaginare sua futura, direttissima, concorrente alla salvezza. Passati in vantaggio con la rete di testa di Stovini, i rossazzurri lasciano che nel secondo tempo Semioli prima e Pellissier (su rigore) poi, invertano gli equilibri con i quali s’era chiusa la prima metà di gioco.

    Stagione 2007/2008 – Serie A: Al Massimino arriva la Juventus, è la prima volta della “vecchia signora” contro i rossazzurri nell’era Pulvirenti. Scontato il purgatorio in serie B, i bianconeri patiscono la verve del Catania di Baldini che dà scacco tattico a Ranieri portandosi subito in vantaggio con Spinesi (cross di Vargas, e posizione di fuorigioco dell’attaccante). Ma a 5′ dalla fine un improvvido intervento di Biagianti su Del Piero, ed uno zelante Rocchi, concedono ai bianconeri il tiro dal dischetto, che il numero 10 juventino non manca. Termina 1-1 sotto una pioggia battente.

    Stagione 2008/2009 – Serie A: Vedi Napoli e poi.. perdi. Walter Zenga affida a Morimoto il peso offensivo del Catania, in scena al San Paolo. Il nipponico va anche a rete, ma “troppo” sul finale di primo tempo. Nonostante manchino ancora 5′ allo scadere dei minuti di recupero concessi da Celi, l’officioso quarto uomo (Valeri) induce l’arbitro a fischiar il termine della gara proprio quando “Taka”, avviatosi in porta, batte Iezzo (ex portiere del Catania, per l’occasione tra i pali del Napoli). Buono invece il goal di Maggio al 80′.

    Stagione 2009/2010 – Serie A: Quando nel giorno dell’Epifania, Sinisa Mihajlovic incontra il Bologna, società che frettolosamente l’aveva esonerato la stagione precedente, sa come caricare i suoi ragazzi per la sfida che li attende al Massimino. E’ una gara bloccata ma che il Catania non dispera mai di poter far sua, e così avviene all’81′, quando da palla inattiva il testone di Spolli svetta tra gli avversari e manda in rete il goal della vittoria. La rimonta in classifica del Catania, partito dall’ultimo posto in classifica col nuovo corso Mihajlovic, era appena iniziata.

    Stagione 2010/2011 – Serie A: Dove si gioca? A Roma, in trasferta. Una garanzia. Ma stavolta a toppare la ripresa è più la terna arbitrale che non il Catania, capace di ribaltare l’1-0 di Borriello con le reti di Silveste e Maxi Lopez, che mandano al riposo le due squadre sull’1-2 per gli etnei. Nel secondo tempo protagonista il guardalinee Musolino che prima non vede come il pallone rimesso al centro da Riise, sulla rete del 2-2, avesse oltrepasso la linea di fondo, quindi convalida il 3-2 di Vucinic in pieno fuorigioco. Terminerà 4-2 con Pulvirenti adirato: “Brighi (arbitro della gara) – dirà il Presidente del Catania – ha segnato una doppietta”.

    Stagione 2011/2012: Arriviamo al passato più recente. Il Catania di Montella, avvisato della pericolosità dei riavvii complicati, va a Bologna spavaldo. L’8 Gennaio è un’assoluta catastrofe. Con Campagnolo in porta, ed il 3-5-2 in campo, i rossazzurri appaiono stanchi, abulici. La partita è noiosa ma al 50° passa il Bologna con la solita rete di un difensore: caratteristica irrinunciabile delle sfide al Dall’Ara. Espulso Biagianti, gara in discesa, al 90° arriva il raddoppio di Di Vaio, altro habitué del goal contro il Catania.

    Stagione 2012/13
    Il Catania dei record affronta il Torino di Gianpiero Ventura. E’ la prima partita a mercato aperto. Passano pochi minuti, una scoppola di Lodi a Meggiorini, rosso diretto. Il numero 10 rossazzurro, che resterà fuori per tre giornate, viene punito per un fallo di reazione. Si parlerà tanto di lui sul tema trattative. In campo, intanto, il Torino in superiorità numerica rinuncia a giocare. E’ il Catania a condurre, senza riuscire a passar in vantaggio. L’occasione è ghiotta, un rigore. Manca lo specialista però, dal dischetto va Bergessio, che sbaglia. Senza sussulti, la gara termina con un pareggio e tanti rimpianti.

    Per trovare l’ultima vittoria in trasferta alla ripresa del campionato bisogna tornare con i ricordi alla.. Stagione 1996/1997 – Serie C2 gir.C: E’ la prima dopo quella, tragica, della morte del presidente Angelo Massimino. Il Catania, ripartito nel 1993 dall’Eccellenza, ha riconquistato la C2 nel 1995 e si appresta a disputare il suo secondo campionato consecutivo nuovamente tra i professionisti. Alla ripresa dalle festività natalizie, gli etnei allenati da Giovanni Mei scendono sul campo del Bisceglie. E’ il 12 Gennaio del 1997 e la formazione catanese recita così: Patrizio Fimiani, José Sparti, Alessandro Cicchetti, Tommaso Napoli, Fabio Ercoli, Antonino Di Dio, Maurizio Pellegrino, Orazio Russo, Roberto Ricca, Lorenzo Intrieri, Antonino Pannitteri. Proprio il bomber paternese (11 goal quella stagione), mise a segno la rete che valse vantaggio e vittoria.

    Completiamo l’excursus col dato del Gennaio 1996, stagione del ritorno tra i professionisti. Il 7 Gennaio il Catania ospita in casa l’Albanova: Vantaggio di Grillo al 35′, al 79′ pareggio dell’Albanova con Rogazzo che perdura fino al 91′ quando tale Pasquale Marino mette a segno la rete del 2-1 finale.

    Stagione 2013/2014: Ritorna il Bologna, per la terza volta negli ultimi anni. Ritorna Francesco Lodi alla prima di campionato. Il Catania gioca in casa, dove il Catania non perde dagli ultimi 18 anni. Sin dal suo ritorno tra i professionisti. In una gara tra le più importanti da quella data. Bisogna tenere alta l’attenzione! solo catania tutto il resto e noia

  18. Ip Address: 95.235.41.40

    CATANIA – BOLOGNA
    ORSATO
    GIALLATINI – DOBOSZ
    IV: LONGO
    ADD1: IRRATI
    ADD2: BORRIELLO

  19. Ip Address: 82.145.211.5

    Buongiorno a tutti pari…

    Ho letto che Rinaudo sarebbe già del Catania manca solo l’ufficialità!!!!!
    A tino volevo dire che i commenti non c’entrano nulla con i vincoli lavorativi, quindi noi saremo felici se almeno commentassi con tutti noi le vicende rossazzuree…….
    Spero in qualche sorpresa da parte della società, visto che ci sono un sacco di giocatori esperti nel nostro campionato che non trovano spazio nelle proprie società e potrebbero darci una grossa mano….. Pulvirenti acchiappa a giovinco!!!!!!!

  20. Ip Address: 95.235.41.40

    ciao mattecifalotu CALCIOMERCATO

    ESCL – Rinaudo nel weekend a Catania, accordo raggiunto
    di Antonino Bulla Twitter: @BullaAntoninoCalciomercato 02/01/2014 9:55

    “Fito” Rinaudo, centrocampista argentino dello Sporting Lisbona Fonte: CalcioCatania.com
    Accordo raggiunto tra Catania e Sporting Lisbona per il trasferimento di Fabian Rinaudo. Il centrocampista argentino nel weekend sbarcherà a Catania per le visite mediche.

    Fabian Rinaudo a breve vestirà la maglia rossazzurra del Catania. La trattativa anticipata in esclusiva ieri notte da “CalcioCatania.Com” sembra essersi conclusa positivamente. I dirigenti etnei hanno raggiunto l’intesa con il calciatore argentino e con i portoghesi dello Sporting Lisbona. Secondo le informazioni raccolte dalla nostra redazione con l’entourage del calciatore, l’accordo prevedere il trasferimento con la formula del prestito ma ci sarebbero ancora alcuni particolari da stabilire. Sempre secondo le nostre fonti, Rinaudo sbarcherà a Catania tra domani e sabato per sottoporsi alle visite mediche. Entro domenica dovrebbe essere messo nero su bianco il passaggio dell’ex Gimnasia in rossazzurro. forza catania

  21. Ip Address: 95.235.41.40

    Torrenews: solo Almiron e Bellusci ancora fuori
    By Attilio Scuderi Updated: gennaio 3, 2014
    de canio allenamento1
    De Canio srl spinge i suoi al massimo sforzo. Continua la preparazione a Torre del Grifo in vista del delicato e forse decisivo match contro il Bologna. Solo Almiron e Bellusci ancora fuori, il resto del gruppo invece cerca di rodare al meglio soprattutto la fase offensiva. Uomo in più? Sarà Francesco Lodi per lui pronta una maglia da titolare fin dal primo minuto. Il resto della formazione e’ praticamente fatta. Il 4-3-3 non si tocca, Frison giocherà tra i pali protetto dalla linea a 4 formata da Peruzzi, Rolin, Spolli e fors Biraghi favorito ad Alvarez per dare più spinta in quel settore. A centrocampo Lodi sarà affiancato da Plasil e Izco mentre in avanti ecco il tridente dove Casto e Leto si giocano una maglia al fianco di Bergessio e Barrientos.
    :

  22. Ip Address: 151.46.54.44

    Ciao a tutti,
    domenica il Catania vincera’ sicuramente ….2-1 o 3-1.
    Bisogna essere ottimisti , qualcosa cambiera’.
    Forza Catania

  23. Ip Address: 151.46.54.44

    Scusate nn domenica ma lunedi’…… 😀

  24. Ip Address: 95.235.41.40

    ciao sissi brava ottimismo fa bene alla salute forza catania 😀 😀

  25. Ip Address: 95.235.41.40

    Verso Catania-Bologna: la svolta tattica degli etnei

    Lodi pronto a riprendere posto ”in cabina di regia” – Verso Catania-Bologna: la svolta tattica degli etnei
    Il 2014 per il Catania inizierà subito con i “fuochi d’artificio”. I rossazzurri infatti ospiteranno il Bologna nella penultima gara del girone d’andata e avranno probabilmente l’ultima occasione per riaprire una stagione fin qui avara di soddisfazioni e sperare di tornare in corsa per mantenere un patrimonio chiamato Serie A. Dal canto loro anche gli emiliani devono fare i conti con una classifica deficitaria (appena un punto sopra la soglia di “galleggiamento”) e la trasferta in terra siciliana rappresenta un importante crocevia. L’esito di questo match passa inevitabilmente attraverso l’analisi delle situazioni di gioco e delle possibili soluzioni adottate dai due allenatori.

    Tra le fila dei catanesi la grande novità (soprattutto sul piano tattico) è il ritorno di Francesco Lodi dal Genoa. Il centrocampista napoletano sarà regolarmente a disposizione per la gara con i felsinei e riprenderà il suo posto “in cabina di regia”. La sua presenza in campo sarà fondamentale per gli equilibri tattici dei rossazzurri. Lodi è uno dei pochi giocatori in Serie A abile nel gestire il possesso palla della propria squadra e tramutare situazioni di palla inattiva (leggesi la voce “calci di punizione”) in potenziali occasioni da rete. Aspetti deficitari del Catania visto in questa prima parte di stagione, che non riusciva a mantenere un costante giro-palla e a rendersi pericoloso sui calci piazzati. Ai suoi lati Lodi dovrebbe avere il supporto del recuperato Izco e dell’esperto Plasil a completare una linea mediana che integra tecnica, corsa e profondità. In difesa Spolli rientra dopo un turno di squalifica e dovrà garantire solidità a un reparto difensivo reduce dalle quattro “scoppole” rimediate in quel dell’Olimpico prima della sosta.

    A Bologna la panchina di Stefano Pioli scricchiola dopo i deludenti risultati conseguiti in questa prima parte di stagione (appena tre successi in sedici partite giocate). Il tecnico emiliano dovrà quindi gestire le tensioni del momento e sopperire all’assenza di Alino Diamanti, il giocatore più rappresentativo dei felsinei. Oltre all’azzurro mancherà anche l’esterno destro austriaco Garics, che dovrebbe essere rimpiazzato dallo spagnolo Josè Angel Crespo, fin qui poco utilizzato. A Catania Pioli dovrebbe utilizzare il modulo 3-4-1-2 con Kone piazzato nella posizione di trequartista alle spalle delle punte Moscardelli e Cristaldo. Preoccupa molto la tenuta di una retroguardia composta da giocatori esperti come Antonsson e Natali ma lenti e prevedibili se presi in contropiede. Pioli dovrà mantenere la giusta distanza tra i reparti e la linea difensiva della sua squadra sarà praticamente quasi a ridosso dell’area di rigore. Trentuno gol subito sono troppi per una squadra che punta a salvarsi senza troppi patemi d’animo. 😉 😉

  26. Ip Address: 95.235.41.40

    CATANIA-BOLOGNA4-3-3
    Frison
    Peruzzi
    Rolin
    Spolli
    Biraghi
    Izco
    Lodi
    Plasil
    Castro
    Bergessio
    Barrientos

Spiacenti, i commenti sono chiusi.

su
giu