Strani solchi

 Scritto da il 5 ottobre 2012 alle 11:54
Ott 052012
 

Si dice da più parti che il campionato di calcio italiano è equilibratissimo, che anche l’ultima in classifica può benissimo battere una squadra forte e ben organizzata.

Io per primo non mi sento di smentire queste affermazioni, ma intanto mi accorgo che dopo sole sei partite disputate si sta verificando qualcosa di molto strano rispetto alle precedenti stagioni.

 

Senza voler andare troppo lontano nel tempo, nel campionato 2010-2011 dopo la sesta giornata c’erano ben dodici squadre raccolte nello spazio di soli cinque punti: dai tredici punti della capolista Lazio agli otto punti d di Juventus, Catania, (2 vittorie, 2 pareggi e 2 sconfitte come adesso) Palermo, Genoa, Lecce e Bari, finito alla fine miseramente in serie B.

L’anno scorso dopo sei partite disputate l’equilibrio era ancora più forte con ben tredici squadre nello spazio di soli quattro punti: dai dodici punti della coppia di testa Juventus e Udinese fino agli otto punti del Milan che occupava, appunto la tredicesima posizione.

Il Catania con 9 punti, frutto di due vittorie, tre pareggi e una sola sconfitta (a Genova contro i rossoblù per 3-0) era al settimo posto.

 

Quest’anno dopo sole sei giornate di campionato la classifica presenta strani solchi, per colpa, o se vogliamo per merito, della Juventus e del Napoli.

 

Le due battistrada hanno vinto entrambe cinque partite pareggiandone solo una, un applauso alla Fiorentina che a Firenze ha fermato la Juventus, e al Catania che al Massimino ha bloccato il Napoli, uniche due squadre in grado di fermare i loro stratosferici attacchi.

Fra Juventus, Napoli e tutto il resto della compagnia si è scavato un profondo solco, per esempio, fra loro due e il Milan ci sono già nove punti di distacco che, attualmente appaiono irrecuperabili.

Ma non solo Juventus e Napoli, in generale la classifica è spaccata in quattro pezzi perché la coppia che segue, formata da Inter e Lazio, (Sampdoria a parte) ha già quattro punti di vantaggio su squadre ambiziose come Fiorentina e Roma.

 

Nel terzo troncone c’è il Catania con otto punti, che fa parte di un folto gruppo di ben otto squadre racchiuse fra i sette e gli otto punti, che va fino al Pescara che di punti ne ha sette.

L’ultimo gruppo, quello delle attuali “disperate”, comprende Palermo a 4 punti, Chievo Verona a 3 e la coppia Cagliari e Siena a 2, con quest’ultima, penalizzata di sei punti, che sul campo di punti reali ne ha fatti otto quanto il Catania.

 

Palermo dunque in piena zona retrocessione, eppure nel momento in cui sto scrivendo apprendo dalla dichiarazione di Ilicic che l’ obiettivo dichiarato della squadra e della società è l’ Europa League.

Talvolta si perde di vista la realtà delle cose e non si ha il buon senso di restare zitti.

Poteva aspettare Ilicic almeno altre cinque partite, vedere i risultati della sua squadra e se il caso, eventualmente, lanciare qualche segnale positivo al posto di fare pericolosi proclami.

 

Chi predica, giustamente, umiltà è Maran, allenatore del Catania, consapevole che la classifica è buona, ma consapevole della necessità di mettere subito fieno in cascina.

Domenica al Massimino arriverà il Parma e una vittoria sulla squadra allenata da Donadoni sarebbe oro colato in vista dei  prossimi impegni contro Inter e Juventus.

Ciò che mi preoccupa più della pesante sconfitta di Bologna è il modo di come è maturata: la squadra evidenzia chiare difficoltà in fase d’attacco, speriamo che sia passeggera.

 

Prima di ritornare nuovamente su Catania – Parma facciamo una rapida carrellata sulle altre partite della settima giornata, che potrebbero ancor di più allungare la classifica creando strani solchi:

La Juventus dovrebbe vincere a Siena. Il Napoli, in formazione volutamente rimaneggiata è reduce da una pesante sconfitta in Olanda, ma per esplicita dichiarazione dello stesso Mazzarri ha deciso di dare priorità al campionato.

L’Udinese ha conquistato una storica e prestigiosa vittoria in coppa battendo per 3-2 le riserve del Liverpool e per esplicita dichiarazione dello stesso Guidolin ha scelto l’Europa, mentre in campionato punta solo a una salvezza dignitosa.

Seppur con qualche difficoltà dovrebbe vincere il Napoli.

L’Inter nel posticipo affronta il derby con il Milan, mentre la Lazio fa visita al Pescara : per entrambe con 4 vittorie e due sconfitte potrebbe scattare l’ora del pareggio e se fosse la classifica si allungherebbe ancor di più.

Ma se Milan – Inter profuma di pareggio, Pescara – Lazio è da tripla.

Un’altra squadra a non aver ancora pareggiato è il Chievo Verona che dopo la vittoria iniziale sul Bologna ha inanellato cinque sconfitte consecutive che sono costate la panchina al bravo Mimmo Di Carlo. Il Chievo riceve la Sampdoria quinta in classifica molto probabile un altro pareggio.

Del folto gruppo delle seste in classifica il Torino dovrebbe vincere facile in casa contro il Cagliari, la Fiorentina dovrebbe battere in casa il Bologna, il Genoa non dovrebbe avere difficoltà a vincere contro il pericolante Palermo ( al di là delle dichiarazioni di Ilicic), mentre domenica all’ore di pranzo fra Roma e Atalanta si capirà chi ha smaltito prima la sbornia del turno precedente.

Per differenza reti chiude il gruppo ad otto punti il Catania che ospita il Parma.

I ragazzi di Maran nelle gare disputate al Massimino fin adesso hanno fatto sempre bene, ma non sono mai mancati i momenti di paura.

Contro il Genoa il Catania è andato al riposo in svantaggio, nella ripresa dopo la doppietta di Bergessio si è fatto raggiungere da Jankovic prima di trovare la vittoria grazie a una punizione capolavoro di Lodi, ma nei secondi finali è stato salvato da un grande Andujar e dalla traversa.

Contro il Napoli è rimasto in dieci per l’intera partita e ha difeso con le unghie il pareggio.

Contro l’Atalanta è andato sotto per una sciocchezza di Andujar, ma per fortuna Spolli ha rimediato subito con un grande colpo di testa e Barrientos ha segnato un gol capolavoro.

Contro il Parma sarebbe gravissimo andare sotto, recuperare diventerebbe problematico.

Il Parma rispetto all’anno scorso non ha più Giovinco e Floccari e si è molto indebolito, il suo organico non vale certo quello del Catania (ma nemmeno l’organico del Bologna faceva pensare a una sconfitta per 4-0), ma rimane lo stesso una buona squadra da dodicesimo- tredicesimo posto in cui spiccano alcuni ottimi elementi come il difensore Paletta e il portiere Mirante e altri buoni giocatori come Amauri, Lucarelli, Galloppa, Parolo, Zaccardo e Biabiany. Donadoni ha dimostrato di essere un signor allenatore e di avere esperienza da vendere e ha messo su una squadra quadrata e solida che non molla mai.

Lo scorso anno a sette giornate dalla fine il Parma aveva otto punti in meno del Catania, era al quartultimo posto e annaspava in piena zona retrocessione, mentre il Catania, saldamente all’ottavo posto, sperava ancora nell’Europa League.

Poi sappiamo tutti come è andata a finire: Donadoni ha compiuto il capolavoro vincendo le ultime sette gare e finendo settimo alla pari della Roma di Luis Enrique, mentre il Catania ha conquistato solo cinque miseri punti e il distacco di otto punti si è rovesciato.

Parma più debole dell’anno scorso, dunque, ma da prendere con la dovuta prudenza.

È necessario vincere perché dopo la sosta ci aspettano due partite sulla carta proibitive a San Siro contro l’Inter e in casa contro la Juventus e poi due una difficilissime, a Udine e in casa contro la Lazio.

L’anno scorso, proprio fra la sesta e la nona gara disputata il Catania di Montella riuscì a fornire delle prestazioni esaltanti (vittoria in rimonta al Massimino contro l’Inter, brillante pareggio per 2-2 a Firenze, autoritario pareggio per 1-1 all’Olimpico e prestigiosa vittoria per 2-1, contro il Napoli). Andò sempre in svantaggio, ma vinse le due partite in casa e  pareggiò le due esterne.

Il Catania di quest’anno è indubbiamente più forte rispetto a quello dell’anno scorso, ma ha cambiato guida tecnica.

Bisogna battere il Parma per evitare che fra il Catania dell’anno scorso torneo e quello di quest’anno si possano aprire strani e non giustificati solchi.

 

  65 Commenti per “Strani solchi”

  1. Ip Address: 85.41.235.41

    Buongiorno a tutti….
    Ciao Chiarezza di luna, hanno incominciato a capirlo troppo fumo e niente arrosto 😉 😉 😉

    Tino invece secondo me il Parma è una brutta gatta da pelare :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: Il Catania si deve impegnare al 1000 x 100 per ottenere un risultato positivo….
    Io spero in una vittoria convincente dopo la caduta di Bologna.

    —————————————FORZACATANIA—————————————

  2. Ip Address: 80.181.204.70

    Salve raga’!!!
    Ciao Tino, buon articolo, ciao joe!!! 😉 😉 😉
    E’ si, joe, il Catania contro il Parma deve assolutamente vincere, perche’ dopo abbiamo due grosse squadre e vincere significa crescere di autostima.

    Buon appetito a tutti e forza Cataniaaaaaaaaaaaaaa!!!

  3. Ip Address: 79.27.108.22

    Un buon pomeriggio a tutti.
    Ciao Joe forse mi sono spiegato male, anche per me il Parma rappresenta un avversario ostico, ma ci servono i tre punti perchè, appunto, una mancata vittoria significherebbe, almeno momentaneamente, una profonda differenza fra il Catania di quest’anno e quello dell’anno scorso e ciò non sarebbe accettabile perchè l’organico di quest’anno è più forte di quello dell’anno scorso.
    Il Catania visto in campo contro il Bologna non avrebbe nessuna possibilità di vittoria e lasciamo stare la traversa di Capuano, se il pallone fosse entrato non avrebbe significato tre gol e vittoria, il risultato col gol sarebbe diventato 2-1 per il Bologna.
    Ma sono sicuro che il Catania non ripeterà gli errori commessi a Bologna.

  4. Ip Address: 2.11.37.107

    Buongiorno a tutti pari
    ciao Prof se Capuano segnava il Catania Vinceva, era solo una mia personalissima convinzione 😉 😉 ma Capuano restava un eroe 😉 😉
    Ora leggo da più parti Fuori Andujar Fuori Legrottaglie fuori Alvarez dentro Frison, Rolin benissimo i due nemmeno 10 minuti in serie A ed io allenatore li schiero? io no!!spero che non lo faccia nemmeno Maran, la partita è importantissima anche se tra Juve e Inter almeno 4 punti li facciamo, chi vuole scommettere?
    e visto che giochiamo in casa è Spolli si nè infortunato e pensando di rivedere il centrocampo, giocherei cosi.
    ————–Andujar
    per qualcuno si andasse a rivedere il Gol dell’Aiax contro il R.madrid forse che domenica Casillas va in panchina :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: e cosi altri, portieri della Champion’s se volete li posto, non fate nemmeno lo sforzo di cercarli

    –Alvarez–Legrottaglie—–Bellusci—Marchese
    ——————Izco——Lodi(Almiron)
    Castro——-Barrientos————Gomez
    —————Bergessio
    cosi ca ndu nuzzintennu di Bergessio puo’ fare qualche gol :mrgreen: :mrgreen:
    Riguardo l’ottima Fiorentina ho postato nell’altra pagina, cosa incominciano a scrivere i giornalai Fiorentini, LO stanno scoprendo? :mrgreen: :mrgreen:

  5. Ip Address: 95.246.41.22

    Buon pomeriggio a tutti.

    Tino, sei in gamba, ma un articolo così lungo, per leggerlo, ho dovuto pranzarci su!! :mrgreen:

    Chiarezza, concordo pienamente su quanto hai detto e sulla formazione da mettere in campo domenica. Però una mezz’oretta a Rolin e uno scampolo di partita a Frison, ad eventuale punteggio favorevole, li farei fare.

    Buona serata a tutti. (ciao Giorgio, Angelo, Joe, Mario, Matteo, Lux, Simone, Marcello, Chiarezza, Il Prof., Peppe, ecc. ecc.)

  6. Ip Address: 79.33.41.95

    buonasera fratelli dal cuore rosso e azzurro ciao prof concordo con te il tuo articolo PLV: “Il vero Catania è quello visto contro Roma, Atalanta. Contro il Parma..”

    Il presidente del Catania parla al quotidiano “La Sicilia”: Il vero Catania non è quello visto a Bologna ma la squadra che ha dimostrato di aver gli attributi per risollevarsi da qualsiasi situazione, come quella vista contro Roma ed Atalanta. Contro il Parma mi aspetto un gran Catania, i tre punti, contro una diretta concorrente alla salvezza, sono importanti. Lo Monaco? Continua a non interessarmi affatto..ciao joe chiarezza giorgio peppe58 e tutti 😉 😉 ”

  7. Ip Address: 79.33.41.95

    ricambio il cordiale saluto a mongibello CATANIA – Torna a parlare dopo una settimana di silenzio successiva (e conseguente?) allo sfogo (relativo ai commenti post-Firenze) rivolto verso alcuni giornalisti e relative testate nel dopo partita di Catania – Atalanta. Il presidente Pulvirenti, ascoltato da Concetto Mannisi per il quotidiano “La Sicilia”, parla del momento del suo Catania ed anche di qualche suo giocatore:

    “Non è facile giudicare una partita come quella di Bologna. Il risultato è bugiardo se da questo si pensa di poter evincere la qualità della prestazione. Molti tifosi bolognesi, tra primo e secondo tempo, si chiedevano come fosse possibile che la loro squadra fosse in vantaggio di ben due reti. Ce lo siamo chiesto anche noi . Pensavamo di poter riagguantare il risultato vista la mole di gioco espressa, ma è andata diversamente. La squadra ha commesso errori evidenti. Abbiamo perso, è vero, ma sono del parere che queste sconfitte possano valere insegnamenti importanti per il futuro, visto che il nostro campionato non si ferma mica.

    “Il vero Catania è la squadra vista contro Roma, Genoa, Napoli e l’Atalanta. Squadra che ha dimostrato di avere il carattere e gli attributi per reagire ad ogni difficoltà. A fine gara, al Dall’Ara, i ragazzi erano incavolati, avrebbero voluto giocare l’indomani. Confido molto in questa rabbia, che non scemi durante la settimana e possa quindi esser impiegata nel modo migliore domenica, quando al Massimino arriverà il Parma. Affronteremo una nostra diretta rivale, per questo i tre punti sarà ancora più importante conquistarli. Sono certo rivedremo un grande Catania.

    “Il Catania incassa tante reti? A me interessa di più il dato di quelle messe a segno. Su Alrmiron dico che è un giocatore importante, assolutamente al centro del progetto e che nessuno ha mai messo in discussione. E’ un punto di riferimento dentro e fuori dal campo. Ha bisogno di un po’ di tempo per andare a pieno regime, il suo fisico è fatto così, ne abbiamo avuto prova lo scorso anno.

    “Rinnovi? La linea societaria non cambia. Andiamo avanti con le trattative sempre nel rispetto dei parametri che mantengono saldo l’equilibrio dello spogliatoio. Col campionato da tre punti a vittoria non si può parlare di Cagliari già spacciato. Quest’anno non faccio più scommesse sui goal coi miei giocatori.. mi basta quanto mi è costata quella con Lodi lo scorso anno. Lo Monaco al Palermo? Francamente non me ne importa niente.

    😈 😈

  8. Ip Address: 79.33.41.95

    Stampa: Castro segnerà, Bergessio segna già..

    La rassegna dei quotidiani in edicola: Lucas Castro promette più conclusioni in porta, Gonzalo Bergessio mette a segno una tripletta nell’amichevole contro la Primavera che non scioglie tuttavia i dubbi su chi tra Bellusci e Rolin vincerà il ballottaggio per rilevare il ruolo da titolare dell’infortunato Spolli.

  9. Ip Address: 79.33.41.95

    Izco, Lodi e Almiron Ci vuole un Catania ad alta velocità (Tuttosport)

    “Il centrocampo atteso ad una prova super col Parma per ritrovare la vittoria. Castro «Lo batteremo»

    “A tutta velocita, verso la vittoria da ritrovare. Perche al Massimino, il Catania vince. Rimonta e vince. Idee ne arrivano parecchie, sotto porta, specie dal centrocampo. Izco, Lodi, Almiron (con Biagianti che e molto piu di un’alternativa, visto che nelle prime tre partite ha giocato bene) sono i protagonisti di un settore che avra la doppia responsabilita: accelerare, perche le avversarie si chiudono, e fare filtro per non mettere in affanno la fase difensiva. Testa al Parma Izco, dopo la sconfitta di Bologna, si proiettava nettamente oltre: ≪Sono sicuro che contro il Parma, a parte l’aiuto del pubblico, dovremo forzare i tempi, evitare gli errori in fase di non possesso e trovare la via del gol. So che possiamo farcela, perche non siamo da scudetto, ma neanche una squadra che puo beccare quattro gol in trasferta≫.

  10. Ip Address: 2.11.37.107

    Ciao Angelo
    Il Presidente ha ribaditto il mio concetto al 100% :mrgreen: :mrgreen:
    Anch’io anche se un pochettino di riposo gli lo darei, dicevo che Almiron è l’uomo più importante del Catania, poi per Bologna? vedo che anche li siamo d’accordo al 100% :mrgreen: :mrgreen:

  11. Ip Address: 79.33.41.95

    CATANIA – Ben ritrovati fratelli miei, settimana con l’amaro in bocca dopo la prima e si spera anche ultima batosta del campionato, resa ancora più amara dal fatto che è arrivata con una squadra non certo blasonata, si spera in un immediato riscatto nella prossima partita con l’altra compagine emiliana del torneo insieme al Bologna, il Parma.

    Già Catania- Parma, io in questa rubrica racconto un vecchio incontro con la squadra che andremo ad affrontare la domenica successiva, ma ragazzi vi giuro, da ieri sto provando a tirare fuori qualcosa, qualche emozione da un precedente con i gialloblu in casa, ma nisba! Tabula rasa! Questa settimana per evitare di rimanere un altro paio di giorni a fissare la tastiera e a tirar fuori qualcosa di forzato che rischierebbe solo di annoiarvi, preferisco parlarvi di una partita a piacere, proprio come ho fatto durante la sosta, quando ho parlato della sfida con la Viterbese.

    Questa volta voglio tornare al 10 marzo 2002, si giocava la 26sima giornata del girone B di Serie C1, era la stagione 2001/02, quella del salto definitivo nel calcio che conta con la promozione tanto sofferta in serie B dopo gli spareggi “battaglie” con i rossoblu del Taranto, quella della piena e definitiva consacrazione della famiglia Gaucci a Catania, degli allenatori esonerati al primo errore. Quell’anno sedettero sulla nostra panchina prima l’argentino Aldo Ammazzalorso, poi il grandissimo ex difensore Pietro Wierchovod, e infine la coppia Ciccio Graziani e Maurizio Pellegrino. Tutti ricordano quella magnifica rosa di giocatori, che tra gli altri aveva tra le loro fila il fratellino del mitico divin codino, Eddy Baggio, il difensore ex fiorentina Baronchelli, il sardo Michele Fini eroe della finale play off, e il portierone di Castellammare di Stabia Gennaro Iezzo. Conservo a casa la bellissima maglietta della Galex di quella stagione, e ogni volta che la vedo mi vengono i brividi

    Quella domenica di marzo di 10 anni fa scendeva a Catania l’osteggiatissimo Taranto di Christian Riganò e dell’ex capitano rossazzurro fino ad allora tanto amato a Catania, Igor Marziano. Ci si apprestava alla volata finale verso la Serie B, e nella città etnea stavolta non si voleva fallire dopo la finale play-off persa la stagione precedente contro i cugini del Messina. Il Catania veniva da quattro vittorie consecutive e l’entusiasmo era a mille. Entusiasmo misto a rabbia per ciò che era successo nella partita di andata allo Jacovone di Taranto e che ora vi racconterò, rabbia ed entusiasmo formarono un cocktail impressionante, l’onda d’urto che si andò ad abbattere dagli spalti verso il terreno di gioco avrebbe disintegrato qualsiasi squadra fosse scesa in campo quel giorno.

    Durante la partita di andata giocata in Puglia e vinta dai tarantini per una rete a zero apparve nella curva locale un orrendo striscione molto offensivo verso tutti i cuori catanesi sportivi e non, insultava infatti l’amatissima Patrona S.Agata. I tifosi rossazzurri covarono rivalsa per tutta la stagione aspettando con ansia trepidante la partita di ritorno, io ricordo che in quel periodo abitavo e lavoravo a Genova, e scesi a Catania proprio per assistere dal vivo a questa sfida. Arrivai a Catania qualche giorno prima della partita, e appena giunto in città mi accorsi subito dell’atmosfera battagliera che si respirava, nel centro storico erano incollati ovunque manifesti scritti dagli ultras etnei in cui si chiedeva la partecipazione in massa allo stadio per la partita contro il Taranto, non solo per sostenere la squadra, ma per difendere l’onore offeso della città, e per difendere l’onore dell’amata Santuzza!

    Finalmente quella domenica arrivò e io seguii la partita con i miei parenti in tribuna B, I catanesi accettarono l’invito degli ultras e riempirono in ogni posto il Massimino, 20.000 cuori rossazzurri arrabbiati e feriti pronti a trasformare la loro rabbia in grinta che potesse aiutare i giocatori a punire sportivamente, lì dove fa più male al cuore dei tarantini, quell’offesa così squallida e malvagia. L’attenzione di ogni tifoso era rivolta sia al terreno di giuoco, dove stava per iniziare questa importantissima gara, sia verso il settore ospiti aspettando l’arrivo dei tifosi Tarantini. La Curva Nord che da qualche tempo aveva preso a livelli di importanza il posto della Sud, sembrava il nostro Vulcano in attesa di eruttare. Iniziò la partita, e intorno al quarto d’ora del primo tempo fecero ingresso nel settore ospiti i tifosi pugliesi, giunti in discreto numero in Sicilia. Appena entrati, in curva Nord, tra l’altro attaccata al settore ospiti apparvero numerosissimi striscioni, ogni punto della curva era coperto da uno striscione, una scena mai vista, un’emozione unica! E’ la cosa più bella fu che i Catanesi si vendicarono dei loro rivali con la loro migliore arma, un’arma che ogni catanese ha come principale caratteristica, quella dell’ironia! Gli striscioni infatti erano ironici e divertenti, non mi va di descriverveli dettagliatamente, ma mi piacerebbe accendere la curiosità dei lettori che magari non li ricordano, effettuando una ricerca su internet, chiedendo a qualche amico, o che so domandandolo proprio a me attraverso i commenti sotto la rubrica, sarò felicissimo di rispondervi!

    La “ vendetta “ sugli spalti era stata consumata nel modo più bello, senza la violenza paventata alla vigilia, solo con ironia e superiorità, ora erano i nostri beniamini vestiti con le casacche rossazzurre che dovevano completarla in campo, e lo fecero alla grande! Sospinti da un incredibile tifo travolsero i tarantini con uno splendido 3-0! Iniziato nel finale del primo tempo con una rete di Amoruso, continuato dal 2-0 del giustiziere Michele Fini, e completato da una splendida rete del riccio centrocampista Claudio Bonomi. Era festa! Giustizia era fatta! Ora si poteva davvero effettuare la volata finale verso la tanta agognata Serie B! e per una strana coincidenza del destino, saranno proprio gli odiati Tarantini l’ultimo ostacolo verso il grande sogno!

    Spero di esser riuscito a evocare in voi ricordi e grandissime emozioni, la mia pelle è d’oca, d’altronde lo è sempre quando vedo quei due fantastici colori!

    LET’SO GO LIOTRU! IL SOGNO CONTINUA! ALLA PROSSIMA!

  12. Ip Address: 79.33.41.95

    05-10-2012

    ORE 16.53 – Autore: TuttoCalcioCatania.net

    Preferito a Marchese per la prima volta in questo campionato, Ciro Capuano non è riuscito a sfruttare al meglio l’occasione concessagli a Bologna. Eccezion fatta per il gol sfiorato al Dall’Ara nel primo tempo, colpendo sfortunatamente la traversa, Capuano non ha disputato una prestazione convincente, in linea con quella della stragrande maggioranza dei compagni. Non si ricordano spinte sulla corsia laterale sinistra degne di nota e anche in copertura il terzino campano ha fornito poche garanzie. L’espulsione maturata nella ripresa, inutile quanto ingenua, rappresenta la perfetta sintesi di un pomeriggio amarissimo. Adesso Marchese ha nuovamente la strada spianata. (.)

  13. Ip Address: 79.33.41.95

    05-10-2012

    Parma mai vittorioso a Catania, ma che lo stadio Angelo Massimino fosse un vero e proprio tabù per i ducali lo si evince anche dal poco elevato numero di reti messe a segno contro i rossoazzurri. Basti pensare che dal 1958 ad oggi i parmensi hanno segnato un totale di soli 5 gol, tra incontri disputati in Serie B e A. Marcatori Smerzy, Giuseppe Calzolari, Macina, Giovinco e Modesto. (

  14. Ip Address: 82.61.7.72

    Buonasera a tutti…..
    attenti ragazzi il Nnapoli ci vuol portarci vi il Papu :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

    De Laurentiis oggi a Catania per Gomez

  15. Ip Address: 80.181.204.70

    Buonasera raga!!!
    Ciao joe!!!
    Qui Napoli, la notizia sembra falsa!!!

    Sogni colorati di rosso e azzurro a tutti!!!

  16. Ip Address: 2.224.195.250

    Chiarezza non ti sembra che 4 anni di Andujar possono anche bastare ?

    non se ne puo’ piu’ …ci ritroviamo ogni anno puntualmente a discutere delle sue performance

    Frison titolare !

  17. Ip Address: 2.224.195.250

    domanda per la redazione…

    perche’ non chiedere a Gasparin come mai si diffonde la voce tra i tifosi che Frison non puo essere valorizzato altrimenti poi per riscattarlo servirebbe una notevole cifra ? Ovvio che smentirebbe tutto pero’ intanto si metterebbe sul chi va là…
    Spero che sia una voce del tutto priva di fondamento …
    Mi rifiuto di pensare che gente navigata di calcio come GSP ed anche come Maran non si accorga dell’improponibilita’ di Andujar nel nostro campionato

  18. Ip Address: 95.235.31.80

    Buongiorno raga’!!!
    Qui Napoli e dintorni, cielo parzialmente nuvoloso e temeratura freddina.

    Come scrivo sempre, non buttare i Nostri ragazzi nella spazzatura fino a quanto non vestono i Nostri colori.
    Mister Maran e GPS non sono pivelli.

    Buona giornata a tutti!!!

  19. Ip Address: 87.10.103.192

    Buongiorno a tutti,si dice, “il mondo è bello perchè è vario”,”la stessa cosa”, spesso la si cita per il calcio,con parole diverse,ma il concetto è lo stesso,spesso però, tralasciando ciò che,è oggettivo agli occhi della maggioranza,ma anche questo fa parte della diversità di ognuno di noi. 🙂 🙂

    In certe occasioni mi sono ritrovato a pensare che la mia opinione fosse quella giusta,magari perseverando nell’insistenza 😳 ma la cosa che più mi fa riflettere in modo positivo,è avere capito che comunque dalle opinioni degli altri c’è sempre qualcosa di positivo da prendere e magari apprezzare 😆 Anche se non sempre,ho la capacità di farlo 😳

    Io non so cosa abbia in mente Maran riguardo la formazione da mettere in campo contro il Parma,se potessi permettermi di darle un consiglio,le consiglierei di fare le cose semplici,spesso nel calcio sono la più efficaci.

    Il mister,ha in mano,una macchina da corsa ben rodata e collaudata,bisogna solo saperla pilotare,che lui sia un buon pilota,il tempo dirà la verità.
    Io,per il bene del Catania,glielo auguro,non c’è niente da sperimentare,queste cose le lasci fare ad altri.

    Il nuovo a volte spaventa,però,in certi casi affascina,e seppur non ritengo Andujar colpevole di nessun gol preso dal Bologna,concordo con “Vai”(perdonami,un nick che sia più semplice per me :mrgreen: ) e chi vorrebbe vedere Frison,quanto meno esordire con la maglia del Catania.

    Su Rolin,non accetto le cazzate,con tutto il rispetto,dell’ambientamento nel campionato italiano,un bravo giocatore,per di più difensore,deve solo acquisire i meccanismi della propria squadra,il resto viene da se.
    Se si sono spesi tanti soldi per prenderlo,o è un bravo giocatore e allora si mette in campo,oppure,è uno come tanti altri e allora si sono spesi soldi inutili.

    Comunque,ha ragione Gasparin,domani,è “d’obblico” una gara di riscatto,sia in termini di punti che,di gioco.

  20. Ip Address: 87.10.103.192

    Ciao Mongibello 😆 Angelo e Giorgio sempre presenti,grazie 😉 😆

    Buon proseguimento a tutti. 😆 😆

  21. Ip Address: 87.10.103.192

    E’ vero,le cose strane del calcio :mrgreen:

    -Corriere dello sport.it-

    Zeman cambia la Roma. Novità in tutti i reparti

    “Si cambia. Zeman è pronto a mettere in campo contro l’Atalanta almeno quattro elementi nuovi rispetto all’undici che ha iniziato la disastrosa partita in casa della Juventus. A Trigoria sembra essere arrivato il momento delle scelte. Martedì scorso, alla ripresa degli allenamenti, la squadra è stata messa di fronte alle proprie responsabilità: sono stati i massimi dirigenti a dire ai giocatori che Zeman non è assolutamente in discussione e che la Roma non si trova in un momento di confusione. Anzi: le idee sono ancora chiarissime e il percorso intrapreso poco più di un anno fa è ancora quello sul quale ci si sta muovendo. Zeman, da parte sua, ha mostrato le immagini del disastro di Torino. poi, come sempre, si è rimesso a lavorare sul campo, per una settimana di duro lavoro. E ieri ha provato una linea difensiva con Piris e Marquinhos al posto della metà di destra della linea difensiva: l’esterno Taddei e Burdisso. Solo una prova? La sensazione è che sia stato il provino per domani”.

    Zeman becca 4 gol dalla Juve e pensa di cambiare “scenario” della sua squadra”,però,siccome è Zeman,è un grande tecnico. 😯 😯

    Maran,becca quattro gol a Bologna e se cambia diventa problematico. 😯 😯

    Sto estrmizzando il concetto :mrgreen: anche se un pò di verità ce la trovo. :mrgreen:

  22. Ip Address: 212.195.241.127

    Questo è un discorso serio :mrgreen: :mrgreen:

    Spazio solo a chi è in forma
    Di:
    Antonio
    Costa

    04 ottobre alle 13:41
    In casa Catania il pesante ko subìto domenica scorsa contro il Bologna verrà sicuramente ricordato per parecchio tempo, ma fortunatamente sia la classifica che gli ottimi risultati conseguiti dai rossazzurri nelle prime giornate di campionato fanno pensare al match del ‘Dall’Ara’ come un brutto e duro incidente di percorso. Contro i felsinei, infatti, la squadra di Maran ne ha combinate di tutti i colori, dominando i padroni di casa per almeno un tempo, fallendo a ripetizione l’appuntamento con il goal del vantaggio e subendo quattro reti per altrettante sciocche disattenzioni. Malgrado non ci si debba scoraggiare, però, questo risultato è certamente figlio di una serie di concause, che secondo il modestissimo parere di chi vi scrive corrispondono solo alla mancanza di forma psico-fisica di un paio di elementi.

    Al di là delle sconfitte contro Fiorentina e Bologna, il Catania ha infatti dimostrato di essere capace di fare un gioco scoppiettante e che può mettere in crisi squadre di qualsiasi caratura, e questo lo si deve sicuramente a Rolando Maran, che è riuscito a mantenere saldo quel gruppo inossidabile che già aveva stupito tutti nello scorso campionato, dando ad esso anche la propria impronta tattica. Senza voler puntare il dito contro nessuno, però, è evidente che alcuni dei cosiddetti ‘titolarissimi’ non sono ancora al top della forma, ed è per questo che forse sarebbe meglio conceder loro un paio di turni di riposo, facendoli partire dalla panchina quando necessario, per permettere non solo che rifiatino ma anche che capiscano come poter aiutare questa squadra a migliorare, osservandola fuori dal campo.

    In questo periodo non sono in pochi a pensare che a riposare un po’ dovrebbero essere Alvarez ed Almiron, considerati da sempre giocatori imprescindibili per questa squadra, ma se di volta in volta ci sarà bisogno di far rifiatare anche qualcun’altro, mai come quest’anno sarà possibile farlo, data l’abbondanza e la qualità della rosa a disposizione di Maran. Alvarez è un terzino coriaceo e spesso invalicabile, sia chiaro, e tutti ricordiamo ancora l’annata con Mihajlovic in panchina nella quale umiliò addirittura avversari del calibro di Maicon, ma il terzino argentino risulta inossidabile solo quand’è al 100%. Parlare delle qualità di Almiron poi è quasi offensivo per il centrocampista rossazzurro, dotato di grandi qualità tecniche, ma se al momento il numero 4 del Catania ha bisogno di recuperare energie psico-fisiche tanto vale farlo ora piuttosto che nella fase centrale del campionato, quando ci sarà enorme bisogno del suo contributo.

    Ciò deve valere per chiunque, che si chiami Legrottaglie, Barrientos, Gomez, Bergessio o Lodi, perchè per il tipo di manovra adottato dalla squadra etnea e per le aspettative con cui ogni volta si affronta l’avversario, il dispendio di energie sarà sempre molto grande per ognuno dei ragazzi di Maran. Pensare che ogni tanto ci si possa risparmiare per un turno, quindi, potrà solo essere produttivo per tutti, e questo sicuramente lo sa anche Maran. Ecco perchè già dalla partita contro il Parma sarà giusto dare spazio solo a chi sarà in forma, facendo leva sulle ottime qualità del gruppo rossazzurro e sulla bravura del suo allenatore.

  23. Ip Address: 79.33.41.95

    buongiorno a tutti fratelli dal cuore rosso e azzurro ciao peppe58 onestamente a me di zeman non me ne puo fregar di meno io penso al nostro allenatore che faccia bene Trascinati da Bergessio, frenati da Alvarez

    Reduce da una domenica non felice, il Catania prima di far i conti col Parma fa i conti anche e soprattutto con sé stesso. Per render l’idea di cosa vada e cosa vada meno bene, utile strumento per il pubblico sono le valutazioni parziali e globali espresse dai maggiori quotidiani nazionali e locali che seguono le vicende etnee.

  24. Ip Address: 79.33.41.95

    Inevitabile che il 4-0 del Dall’Ara punisse i giocatori anche nella media voto. Media squadra della sufficienza come nella difficile trasferta di Firenze, come quella volta La Sicilia si avvicina alla media del sufficiente con un 5,90, mentre più severa è stato la Gazzetta dello sport con un 5,2.

    Il resoconto dei singoli: Diversi giocatori con voti molto bassi. In media il peggiore in assoluto questa settimana è stato Bellusci con una media del 4,9, purtroppo il difesore rossazzurro reduce da una media al disopra della sufficenza rovina la propria media con una prestazione alquanto opaca. Il migliore invece è stato Lodi con 6,2. Resta al comando della media generale della squadra Bergessio ma deve dividere la prima posizione con Gomez e Spolli entrambi 6,3. Seguono il duo Marchese e Lodi con 6,1.

    Il peggiore in media generale è Alvarez ben saldo nella sua prima posizione con 5,26, segue purtroppo dopo la brutta prestazione di domenica Bellusci che passa a un 5,94.

    I singoli della Giornata. Gazzetta dello sport. Podio per Capuano, Lodi e Bergessio, il peggiore Castro. Tutto sport, Podio: Andujar, Almiron, Castro, Lodi, il peggiore: il trio Alvarez, Bellusci, Capuano. La Sicilia. Podio: Ricchiuti, Barrientos, Alvarez. Il peggiore: Castro. Corriere dello sport,, il podio: Spolli, Barrientos, Lodi, Bergessio. Il peggiore: Castro. Repubblica il podio: Lodi, Bergessio, Ricchiuti. Il peggiore: Bellusci.

    Capitolo arbitro. Finora i direttori di gara incontrati dal Catania sono stati giudicati con media 5,98 .
    Ampiamente sufficiente il giudizio su Maran, 6.29 nonostante l’ultima sconfitta.

    Mondocatania mette questa settimana sul podio Almiron con un secco 6 e rivede nuovamente Alvarez uomo peggiore della giornata con un 4. Podio: Almiron, Bergessio, Barrientos.

  25. Ip Address: 95.246.41.22

    Buon pomeriggio a tutti. Ciao Peppe, Angelo, Giorgio, ecc. ecc. Ah! ho letto con gran piacere che Val è ormai uno dei nostri, pertanto, oltre che dargli il benvenuto, lo saluto cordialmente. (vedo che con Andujar non c’è feeling :mrgreen: ).

    Stamattina ho avuto modo di parlare con dei tifosi del Parma, loro dicono di essere molto fiduciosi per una partita che probabilmente faranno punti. 👿
    Io, dal mio canto ho detto loro che sicuramente vinceremo (speriamo!!!)

    Saluti a voi tutti.

  26. Ip Address: 79.33.41.95

    “Ripartire e fare risultato contro il Parma”
    Rolando Maran risponde alle domande di tifosi e cronisti alla vigilia della sfida contro il Parma: “
    😈 😈

  27. Ip Address: 79.33.41.95

    MASCALUCIA(CATANIA) – In Sala stampa c’è Rolando Maran, che su Alexis Rolin, sin dal suo arrivo a Catania, ha sempre avuto l’occhio vigile e l’ultima parola. – Dal suo arrivo non si fa che parlare di lui, dalla scorsa settimana, dalla sconfitta 4-0 contro il Bologna, se ne parla incessantemente, insistentemente. Inevitabile lo si faccia anche in sala stampa, inevitabile quando seduto davanti a riflettori, microfono e telecamere, stampa e tifosi, partecipanti alla rubrica Fai la tua domanda a.. il tecnico del Catania risponde così alla vigilia della sfida contro il Parma.

    Nella scelta su chi sostituirà Spolli, perché preferire Bellusci e perché preferire Rolin?
    (domanda suggerita da Carmelo Di Paola ed Alfio Longo)
    “Sono scelte valide che valuterò in base agli avversari che affronteremo.”

    “Cosa ho chiesto ai miei ragazzi? Ho chiesto di ripartire e fare risultato. A di là della prestazione abbiamo preso comunque 4 goal e fatto diversi errori. Siamo consapevoli che non dobbiamo sbagliare più. E’ il nostro dovere e capire che questo è il nostro pane per avere i risultati.

    “Parma? E’ una squadra molto solida sopratutto dietro, hanno qualità in avanti. Si vede che c’è la mano dell’allenatore in questa squadra, dobbiamo stare attenti sopratutto nei particolari che faranno la differenza in campo. Il Parma è una squadra molto fisica e pericolosa. Rendimento nella media del campionato. La sconfitta la dobbiamo chiudere domani. Sappiamo cosa abbiamo fatto bene e male durante la partita, lo dobbiamo dimostrare domani andando in campo per fare risultato.

    “C’è qualche acciaccato e devo valutare come stanno domani mattina.

    “Come sta Legrottaglie? Sta meglio abbiamo lavorato su vari aspetti. E’ un leader, non è giusto che un giocatore solo si prenda le responsabilità ma tutta la squadra. Ha parlato da uomo squadra.

    “Il nostro attacco? Chiunque vada in campo può dare il loro contributo.

    “Il Catania deve insistere sul cercare di avere una nostra identità e no snaturare. Fuori casa o dentro Casa la differenza? Analizzando la gara di Bologna, l’atteggiamento è stato giusto, non è stata una prestazione deludente. Siamo stati assenti a Firenze, passivi e abbiamo pagato con il risultato.

    “Cattiveria sotto porta? No calci male o calci bene ci stanno anche le parate del portiere, dobbiamo essere sicuri di quello che facciamo.

    “Domani dobbiamo cercare di fare risultato per arrivare giusti alla ripresa.
    bravo maran cosi si discute

  28. Ip Address: 79.27.108.22

    Un buon pomeriggio a tutti gli amici tifosi.
    Ho letto i vostri commenti, complimenti in tutti c’è qualcosa di vero e di valido, almeno secondo il mio modo di vedere s’intende.
    Grazie a Mongibello per le parole nei miei confronti.
    Ancora una volta ribadisco le mie personali opinioni (che potrebbero anche non essere condivise): gli allenatori hanno bisogno di lavorare in pace, compreso Maran.
    In Italia basta perdere una partita e scattano i processi. Per dare un giudizio definitivo si dovrebbe aspettare la fine del campionato.
    Non dimentichiamo che lo scorso anno Donadoni a sette giornate dal termine con il suo Parma era in piena zona retrocessione, poi ha vinto le ultime sette partite ed è diventato un eroe.
    I giudizi sugli allenatori non dovrebbero essere condizionati in maniera eccessiva dai risultati, bisognerebbe valutare nella complessità.
    A proposito cari amici, ho scovato un altro personaggio che aspira a pieno titolo ad entrare nel trio delle meraviglie (Zamparini, Cellino, Preziosi) è il presidente del Grosseto Camilli.
    La scorsa settimana fino al 90′ il Grosseto vinceva a Vicenza poi l’ex rossazzurro Plasmati ha pareggiato con una prodezza e al 95′ si è procurato un rigore trasformato da Pinardi. Che fa il buon Camilli?
    Licenzia Moriero con 7 punti in 7 partite. Ebbene il Grosseto oggi ha perso in casa e Camilli sta meditando se richiamarlo.

  29. Ip Address: 95.246.41.22

    Ahahahahahah!| Grande Tino! Quindi ora sarà il poker delle meraviglie! :mrgreen:

    Comunque, caro Prof., non devi ringraziarmi, perchè bidogna dare a Cesare quel che è di Cesare: è indiscutibile il fatto che tu sia in gamba! 😉

    Nella partita contro il Bologna mi è sembrato di vedere un Bellusci in difficoltà. Aveva dei tempi di reazione molto lenti e tutte le volte che l’avversario scattava, lui rimaneva indietro (almeno nel secondo tempo). Che non sia il caso di far giocare Rolin? ❓

  30. Ip Address: 95.246.41.22

    Bisogna, bisogna!!!

  31. Ip Address: 95.235.31.80

    Buonasera raga’!!!
    Ciao Angelo, Chiarezza;Mongibello, Peppe e il Prof. al nuovo venuto Val!!! 😉 😉 😉
    Il Chievo a vinto e il Palermo a pareggiato a Genova quindi, domani il Nostro Catania deve vincere anche con il c…..o!!!!
    Sogni rosso e azzurro a tutti!!!

    Forza Catania sempre!!!

  32. Ip Address: 2.224.195.250

    Mongibello ti saluto…e anche gli altri fratelli di maglia ovviamente

    risiedo al Nordest da parecchio tempo e sono un trasfertista permanente oltretutto non tesserato oltre che vecchia guardia del 1 storico club ultra’ di Catania …(primi a nascere ultimi a morire)
    con Andujar non c’è feeling perche’ nei suoi anni nel calcio Catania tanti sono i bocconi amari che ho ….nei vari stadi qui’ al nord Italia e che imputo soprattutto a lui ed alla sua inadeguatezza per la nostra serie A …
    Sempre a Sostegno !!!

  33. Ip Address: 2.224.195.250

    Andujar…
    e non nascondo che quando al momento del 4 gol di Bologna osservandolo dai distinti centrali del Dall’Ara e vedendolo affranto rimanere in terra per parecchi secondi ho provato anche un po’ di compassione per lui e un pò di rabbia per la società che continua ad esporlo a certe figure…
    ricordo che anziche’ deviare in alto oltre la traversa o deviare verso il calcio d’angolo quel tiro spiovente , lo ha perfettamente smanacciato in avanti nei piedi dell’avversario …
    Sempre a Sostegno

  34. Ip Address: 95.246.41.22

    Buongiorno a tutti e…… buona domenica.

    Ciao Val 😉 io ero nel settore ospiti e come te seguo tante trasferte del Catania. Da più di 30 anni risiedo vicino a Parma.
    Un caro saluto.

    Rosso come il fuoco, azzurro come il mare, l’amore per il Catania non si può spiegare.

  35. Ip Address: 79.33.41.95

    buongiorno a tutti fratelli dal cuore rosso e azzurro buona domenica a tutti forza catania sempre oggi deve essere una domenica di fuoco 😈 😈 😈

  36. Ip Address: 79.27.108.22

    Un caro saluto a tutti gli amici tifosi.
    Concordo con Mongibello, anch’io contro il Bologna ho visto malissimo Bellusci e in assenza di Spolli oggi non esiterei ad inserire Rolin.
    Per quanto riguarda Chievo- Sampdoria: ho capito perchè il nostro, da alcuni poco amato Mariano Andujar nella nazionale argentina fa la riserva: in tema di papere Romero…è eil titolare !

  37. Ip Address: 80.181.204.231

    Buongiorno raga’!!!
    Qui Napoli e dintorni, cielo grigio e temperatura freddina.
    Ciao Val, Mongibello e Angelo!!! 😉 😉 😉
    Val, sono tifoso del Catania da quando usavo i calzoncini corti cioe’ da 48 anni non per fama ma per fede.
    Quando perde il Catania non combattendo mi prende il nervoso e mi si spezza il cuore.
    Andando a giudicare i giocatori dico sempre criticarli in modo giusto.
    Andujar e’ sempre stato criticato e per me l’ultimo buon portiere che abbiamo avuto e’ stato Bizzarri (quel fetentone sta’ a svernare a Roma e pagato bene) quindi se ha problemi ambientali o fisici e’ bene che Mister Maran lo sostituisca.

    I ragazzi devono affrontare il Parma in tenuta da combattimento e con intelligenza, cuore e grinta!!! 😈 😈 😈

    Forza Catania sempreeeeeeeee!!!!

    Buona domenica a tutti!!!

  38. Ip Address: 79.33.41.95

    Articolo del 7 ottobre 2012, A Cura di: Redazione0 Commenti
    Ospiti: “Catania in calo? S’impenna la scaramanzia 3.0″
    CATANIA – Tradizionalmente quella del Massimino non è mai stata una trasferta da invasione per le tifoserie piccole, medie o grandi del nord. Sarà così anche per la sfida contro il Parma. Tuttavia, dietro migliaia e migliaia di schermi, i tifosi ducali seguiranno le immagini provenienti da Catania con le stesse speranze, gli stessi timori e le st…

  39. Ip Address: 79.33.41.95

    stesse convinzioni della vigilia.. che andiamo testé a sbirciare dai forum gialloblu sparsi sul web.

    Tosta, ardua, dura.. in altre parole Catania.
    “Catania trasferta sempre molto ardua”, “Sarà dura portare a casa i 3 punti”, “Tosta a Catania…squadra che gioca bene e ben messa in campo…”, “la trasferta più difficile insieme a Bergamo e Firenze”.

    Occhio, malocchio, prezzemolo e finocchio. Perché a Parma la scaramanzia si è evoluta in 3.0 ed oltre.
    “Campo ostile, squadra fantastica, pubblico caldissimo, allenatore emergente, giocatori indiavolati, arbitro condizionato. 3-0 per loro mi andrebbe bene, anzi, benissimo”, “Tanto ormai siamo in serie B”.

    Io mister, consigli di contrabbando a buon mercato fuori dal giro di Coverciano.
    “Proviamo a vincerla, spero rientri biabiany che in trasferta è ancora più importante…e che Pabon si sblocchi!”, “Serve qualcuno che limita le azioni offensive su Gomez…”, “Non concediamo punizioni dal limite perchè c’è quello st##o di Lodi che insacca!”, “Puntiamo su Belfodil!”, “Spero che Biabiany parta titolare,poi nel caso fossimo in vantaggio,dentro Rosi verso il 75°”.

    Catania in calo
    “Il Catania non è in grandissima forma e nelle ultime partite abbiamo raccolto molto meno di quanto seminato…”, “Il Catania attuale in effetti non sembra imbattibile..però quel campo è uno dei più difficili in assoluto”.

    So, spero, sogno
    “Campo ostile, un punto andrebbe bene. Meglio la vittoria”, “Catania per noi è sempre stato un campo quasi impossibile, però mi sembra che il Catania sia in calo, qualche speranza c’è..”, “La trasferta di Catania è tra le più dure del campionato,un pareggio giocando bene sarebbe un ottimo risultato ma si può vincere,anche se dopo i 4 gol presi a Bologna i catanesi avranno il dente avvelenato…”, “Ho sognato che perdiamo 4-8. Robe da fantascienza”, ma del resto “nulla è proibito”.

    Mezze verità inducono al “rischiatutto”
    “Io tenterei il colpaccio,visto che saranno senza mezza difesa (Spolli e Capuano)

    Questione di rigore
    Chi vorrebbe un Parma col gioco della big: “Servono rigori inventati a nostro favore”.
    Chi teme il ruolino da big del Catania: “A Catania, tradizionalmente, se li inventano a favore dei rossazzurri purtroppo..”
    Chi è attento osservatore: “Catania e Palermo sono le uniche squadre a non avere avuto rigori né a favore né contro”
    Infine l’accanito scommettitore, tira le somme: “Quindi bisogna giocare rigore si a quota 3″

    Se non vinciamo.. ma si che vinciamo!
    “Vinciamo 2-1 “, “Comunque finisce 1-2, Bergessio , Gobbi , Pabon”, “Il Catania è una squadra di buon livello ma non è superiore al Parma. In classifica stiamo da schifo quindi è ora di vincere. punto”.

    Né Real, né Barca
    “Sono il Catania, mica il Real, e contro il Parma non c’è mai il pubblico delle grandi occasioni”, “Ragazzi stiamo parlando del Catania non del Barcellona, qua 3 punti assolutamente, la nostra rosa e mille volte più forte ,‘ del parma se non vinciamo con queste scuadrette qundo vinciamo forza catania sempre 😈 😈 ”

    Commenti

  40. Ip Address: 82.57.21.152

    Buongiorno e buona domenica a tutti 😆 😆 😆 😆 😉 😉 😉

    nella playstation ho schierato questa formazione: 4-3-2-1,
    che in ripiego diventa 4-5-1

    Frison-

    Bellusci-Legrottaglie-Rolin-Marchese

    Izco-Lodi-Castro-(Almiron)

    Barrientos-Gomez

    Doukarà-

    :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

  41. Ip Address: 212.195.241.127

    Buongiorno a tutti pari

    Penso che il calcio italiano compresi tutti i giornalai italiani, incominciano a darmi la nausea, ieri ho seguito la partita Chievo Samp e nello stesso tempo altre partite del Campionato inglese, quando guardavo l’italiana sembravano dei giocatori al replay e oggi ho appena visto , Roma Atalanta questo il titolo della Gazzetta

    “Lamela-Bradley, super Roma
    L’Atalanta è in ginocchio

    Milano, 07 ottobre 2012

    L’argentino e lo statunitense firmano la prima vittoria all’Olimpico dei giallorossi di Zeman. Bergamaschi alla terza sconfitta di fila.

    Ora a parte che la super Roma anche nel punteggio gli ha rubato una partita Gol di Brandley “Roma” in fuorigioco e quello dell’Atalanta valido ed annullato, ma se nella prima mezzora l’Atalanta avesse fatto 3 gol non c’era per niente da stupirsi, ma i giornalai super Roma 😯 😯 ora se la Roma è indicata come squadra da spettacolo e candidata alla Champion’s POVERO CAMPIONATO ITALIANO senza contare le figure barbine delle italiane in Europa

    Speriamo che il Catania più tardi mi dia almeno una gioia e vincendo sarebbe a pari punti della MAGICA 😯 😯 😯

  42. Ip Address: 212.195.241.127

    Incominciamo come l’anno scorso :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

    GOOoooooooOOOOOOLLLLLLL

  43. Ip Address: 212.195.241.127

    Buono solo il risultato, Catania con il freno a mano, paura di vincere?

  44. Ip Address: 79.33.41.95

    forza cataniaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa 😈 😈 😈

  45. Ip Address: 82.57.21.152

    Biagianti per Barrientos??????????’ mi lascia Lodi(4) in campo????? 😯 😯

  46. Ip Address: 212.195.241.127

    GOoOOOOOOOOOOLLLLLLLL
    Si Bergessio sbagghiava chistu mu mangiavu vivu :mrgreen: :mrgreen:
    Meno male

  47. Ip Address: 80.181.204.231

    Buonasera raga’!!!
    Meno male che e’ finita!!!
    Mio figlio mi ha detto il risultato del Catania, felice per il risultato!!! 😆 😆 😆

    Forza Catania sempreeeeeeeeeee!!!

    Buona serata a tutti!!!

  48. Ip Address: 79.33.41.95

    che bella cosa na jurnata e soleeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee siamo a cuota 11 forza cataniaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa 😈 😈 😈

  49. Ip Address: 80.181.204.231

    Dimenticavo, abbuffata di filmati e commenti!!! :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: 😀 😀 😀 😆 😆 😆 😛 😛 😛

  50. Ip Address: 212.195.241.127

    Azzu……siamo a pari punti con le magiche Roma e Fiorentina 😯 😯 😯
    Oggi abbiamo avuto la fortuna d’icontrare una mediocre squadra, il Catania per me ha giocato con la paura di non vincere, a parte il risultato sono contento per Almiron che sta incominciando a carburare, ora la pausa e poi 4 punti tra Juve e Inter :mrgreen: :mrgreen:

  51. Ip Address: 82.57.21.152

    Vittoria importante ma non bella,forse a volte bisogna anche accontentarsi,però,non sempre le cose possono andare per il verso giusto quando ci metti del tuo per farle andare diversamente.
    Ha ragione Barrientos ad arrabbiarsi,la sua sostituzione è senza logica di cose,soprattutto con il Parma in 10.

    Non ricordo chi ha scritto l’atro giorno che Maran è un difensivista,oggi,ha dimostrato di non avere le palle.
    Questa squadra oggi ha vinto per forza d’inerzia,Maran,non ci ha messo niente del suo,vedere in campo Ricchiuti e i giovani in panchina,mi sembra quanto meno scandaloso.

    Sono arrabbiato perchè,questa squadra è frenata,come dicevo ieri,una bella macchina da corsa senza che il pilota stia dimostrando di essere all’altezza,ogni partita che passa,Maran mi piace sempre di meno,comunque,riconfermo quello che ho postato qualche giorno fa,è giusto aspettare almeno fino a Natale,poi,tireremo le somme.

    La classifica è ottima,ma non c’è niente che non fosse nelle possibilità di questa squadra,anzi.

  52. Ip Address: 79.33.41.95

    ciao peppe58 quando gioca bene perdiamo e quando gioca poco bene vinciamo questa e una cosa strana pero accontentiamocci oggi abbiamo vinto domani si vedra pero sarebbe bello avere la continuita ma questo e solamente un mio pensiero forza catania 😈 😈

  53. Ip Address: 79.33.41.95

    Donadoni: “Gomez e Bergessio decisivi”. Maran: “…
    Le parole dei due tecnici. Roberto Donadoni: “Gomez e Bergessio decisivi. Il goal all’inizio ha modificato più il gioco del Catania che non il nostro. Siamo mancati in attacco ed in difesa in termini di cattiveria”.

  54. Ip Address: 79.33.41.95

    CATANIA – In diretta dalla sala stampa dell’Angelo Massimino, le parole dei due allenatori di Catania e Parma.

    Roberto Donadoni (allenatore Parma): “Il Catania non ha fatto chissà cosa. Abbiamo sempre provato a recuperare il risultato, anche in dieci, ma ci siamo un po’ complicati la vita. Siamo mancati dal punto di vista della cattiveria in attacco ed in difesa. Troppo semplice il goal lasciato al Catania. Il Catania è stato più cattivo. Facciamo tesoro di questo e cerchiamo di capirlo in fretta. Abbiamo le qualità. Serve determinazione. Mi sembra che Benalouane sia stato espulso troppo frettolosamente. E’ e resta un’ingenuità. Ha compromesso la partita. Abbiamo creato presupposti importanti. Abbiamo difficoltà nel finalizzare anche merito dei difensori del Catania. Gomez e Bergessio sono stati determinanti dal punto di vista del risultato. Mi fa rabbia che predicavamo equilibrio ma non siamo stati capaci a tradurlo dalle parole ai fatti. In questo momento la classifica rispecchia quel che il campionato sta esprimendo. E’ un torneo molto equilibrato, i dettagli fanno la differenza, come la determinazione feroce. Il goal dopo un minuto ha modificato soprattutto l’atteggiamento del Catania. Abbiamo sempre cercato di costruire, l’avversario lascio valutarlo all’allenatore.

  55. Ip Address: 79.33.41.95

    Catania – Parma 2-0: Bergessio e Gomez decidono la vittoria 😈 😈 😈

  56. Ip Address: 2.224.195.250

    Fratelli di maglia slt. a tutti
    Giorgio purtroppo per me ti supero di 1 anno ….

    prossima trasferta …
    San Siro …
    l’anno scorso e’ stata indimenticabile …

    sempre a sostegno !!!

  57. Ip Address: 2.224.195.250

    a proposito di Lodi

    ha scritto questo poco fa

    francesco lodi‏@lodiofficial

    Grande vittoria. 3 punti fondamentali. Mi scuso per la mia prestazione al di sotto delle mie qualità
    Grande Ciccio Lodi
    10 e lodi

  58. Ip Address: 2.224.195.250

    a proposito di Gonzalo

    sono stato felice per lui per i gol contro il Genoa

    probabilmente la mia unica partita al Cibali per questa stagione

    ed oggi e’ stato davvero un grande grande Gonzalo

    Montella e tutta Firenze andate a v…

  59. Ip Address: 79.27.108.22

    Una buona serata a tutti gli amici tifosi.
    Il nostro Catania al Massimino è un “gallo” ed ha cantato ancora.
    Vittoria importantissima ed indispensabile, alla ripresa del campionato ci aspettano quattro partite di fila difficili, con 11 punti in saccoccia si affrontano meglio.
    partita condizionata dalla rete lampo di Gomez, ma il Parma senza Giovinco e Floccari non è quello dello scorso anno.

  60. Ip Address: 79.33.41.95

    Tre punti forti.. ed ancora alcuni deboli
    La vittoria contro il Parma spedisce il Catania nelle zone alte della classifica, laddove osano solo le grandi. Forte dei risultati in casa, il Catania dimostra anche contro i ducali importante compattezza nell’interpretazione delle sfide interne. Le prestazioni di Bergessio ed Almiron spingono in avanti ma restano troppi gli errori della mediana. Il Parma è bonaccione e non ne approfitta, ma le grandi non sono così magnanime.

  61. Ip Address: 79.33.41.95

    inShare
    digg
    CATANIA – Il Catania dopo le sberle rimediate a Bologna era chiamato a una prova d’orgoglio e di riconferma delle buone prestazioni offerte in casa con Genoa e Atalanta. Anche per poter arrivare al meglio al ciclo delle partite proibitive che l’attendono dopo la sosta.I rossazzurri dovevano ottenere una vittoria in casa contro una squadra che viaggiava a sei punti in campionato e veniva da 3 pareggi consecutivi per 1-1.

    I rossazzurri hanno messo in campo tutta la grinta che ci si aspettava dopo le critiche dell’ultima trasferta, e anche se in maniera sporadica è riuscita a mettere sotto i ducali, soprattutto sul discorso delle palle gol. Il Parma non è riuscito quasi mai a rendersi pericoloso, anche se a volte il reparto di centrocampo, in primis Lodi, sembrava spesso regalare palle importanti per le ripartenze dei ducali che non hanno sfruttato gli errori etnei e a loro volta hanno commesso svariati errori d’imprecisione.

    I due mister hanno gestito la partita ovviamente in maniera diversa, soprattutto per Donadoni non è stato facile mantenere psicologicamente eretta la propria squadra dopo il gol subito al primo minuto. Quando i parmigiani iniziavano a rendersi più pericolosi, l’ex ct della nazionale italiana ha mandato in campo Pabon, ma è stato reso tutto vano da Benalouane che si è fatto buttare fuori, lasciando la sua squadra in dieci. Per Maran è stato tutto molto più facile, ma non per questo semplice, perchè la squadra con il passare del tempo rischiava di complicarsi la vita non riuscendo a chiudere il match. Il 3-4-3 disposto in corsa ha avuto i suoi effetti quando ben imbeccato dai passaggi. A venti minuti dalla fine ha inserito Biagianti per Barrientos per dare più copertura e successivamente Castro, che ha mandato in rete Bergessio, ma è stato tutto fermato dall’arbitro per fuori gioco.

    Da sottolineare la prova di Almiron che ha fatto in maniera ottimale la fase difensiva e riusciva molto bene a fare da collante fra centrocampo e attacco. Spesso ha provato ad accendere la partita con dribbling e tiri da fuori, da sottolineare soprattutto il tiro dai 50 metri ben parato da Mirante: risultato uno fra i migliori del Parma. Bergessio ha invece offerto un’altra prova da grande prima punta a disposizione della squadra, coronando tutto con il suo terzo gol in campionato.

    Da rivedere la prova di Lodi che ha sbagliato spesso qualche passaggio importante, mandando in porta gli avversari. Da dimenticare invece la prova di tutto il Parma, che ha offerto una prestazione veramente sottotono e ha creato veramente troppo poco per poter arrivare al pareggio.

    I tre punti ottenuti dal Catania con il Parma servono a dimenticare Bologna e darsi un’altra possibilità in trasferta dopo il 3 su 4 di vittorie in casa. Dopo la sosta si andrà in trasferta contro l’Inter, con un impegno di doppia difficoltà,sia per la caratura dell’avversario e per il fattore esterno, che va risolto per poter rendere la stagione indimenticabile.

  62. Ip Address: 79.33.41.95

    Il ‘Massimino’ resta tabù per il Parma che continua a non vincere a Catania, cadendo con il risultato di 2-0. Partita difficile per gli etnei contro un avversario ben messo in campo che ha costretto per lunghi tratti i padroni di casa ad imbastire poche manovre fluide ed efficaci faticando ad imporre il gioco. Bravo il Catania a sbloccare subito la gara portandosi in vantaggio allo scoccare del 1’ con una splendida azione finalizzata da Gomez. Poi la formazione ospite ha guadagnato metri e ottenuto la supremazia territoriale, rivelandosi però scarsamente lucida sottoporta. Centrocampo catanese in affanno nel primo tempo soprattutto dalle parti di Lodi, con Alvarez non sempre impeccabile dietro. Dopo l’intervallo, invece, squadra rossoazzurra di gran lunga più compatta, difesa ben registrata, centrocampo più aggressivo sul portatore di palla e preciso nei passaggi. In questo contesto la sciocca espulsione di Benalouane al 69’ agevola molto il Catania, capace di sfruttare gli spazi in più concessi dal Parma. I ducali perdono equilibrio e Bergessio, dopo aver sprecato in precedenza alcune ghiotte opportunità per andare a segno, si fa perdonare infilando Mirante per il 2-0 che chiude i giochi al 79’. Nel finale lo stesso attaccante argentino firma il 3-0 ma l’arbitro annulla per fuorigioco. Ingenuo nella circostanza Castro che, a tu per tu con Mirante, ha preferito servire Bergessio anziché calciare in porta. L’errore sottoporta del Catania non pregiudica, comunque, il risultato che premia la formazione di Maran e castiga un Parma un po’ sfortunato. Rossoazzurri che possono preparare la trasferta di Milano con l’Inter rinfrancati dalla ritrovata vittoria. (.)

  63. Ip Address: 80.181.204.231

    Buonasera raga’!!!
    Non fa niente “Val” che mi superi di un anno e che il mio e il tuo cuore batte per il rosso e azzurro del Catania da molti anni!!! 😀 😀 😀

    Sogni rosso e azzurro a tutti!!!

  64. Ip Address: 88.66.39.157

    Saluto tutti i tifosi
    contento del risultato deluso dal gioco
    lo ribadisco via maran da catania
    non mi piace il suo calcio , gioca di rimessa
    e attende l’errore dell’avversario di solito con questo tipo di gioco non si va lontano . Abbiamo
    i giocatori capaci di costruire gioco e dare spettacolo
    perchè non fa giocare il Catania in questo modo??
    la risposta e semplice gli mancano la convinzione e l’ardire
    ciao a tutti
    Catania sempre nel cuore

  65. Ip Address: 2.224.195.250

    lux

    via Maran da Catania con la squadra ad 11 punti
    mi pare un tantino esagerato …

    sempre a sostegno !

Spiacenti, i commenti sono chiusi.

su
giu