Un motore che batte in testa

 Scritto da il 4 novembre 2015 alle 09:17
Nov 042015
 

Juve-Stabia

Il Catania visto giocare contro la Juve Stabia sembra un’auto sportiva dei miei verdi anni nei quali gli iniettori ed i turbo ancora non esistevano ed a fare da padroni, dentro i cofani anneriti dai fumi regnavano sovrani ed ammirati carburatori con valvole a farfalla e candele in porcellana.

Accadeva talvolta per malfunzionamento che la normale combustione della miscela non scaturiva dall’elettrodo della candela stessa ma lontano da essa per surriscaldamento della parete del cilindro causando così drastico calo di rendimento alla coppia e minore potenza al motore. Qualora l’orecchio insensibile dell’autista non si fosse accorto dell’anomalia, l’auto sarebbe andata incontro alla rottura della parete superiore del pistone con conseguente blocco del mezzo.

Speriamo che mister Pancaro, le cui capacità non si discutono e la sua voglia di cercare la vittoria su ogni campo apprezziamo, si sia accorto in veste di pilota che qualcosa non gira più come dovrebbe. Infatti, se da una parte la squadra etnea dispone dalla cintola in avanti di uomini che per tecnica, corsa e individualità sono in grado di sovrastare notevolmente le difese avversarie costruendo pericolose azioni da gol nel corso di ogni incontro, si nota che la pericolosità viene talvolta mitigata da mancati utili passaggi al compagno meglio posizionato per il tiro e invece altre volte annullata per via di futili tocchetti dentro l’area nemica quando un assestato tiro dalla distanza verso i numeri uno avversi potrebbe essere più proficuo per l’economia del risultato.

Come lo scoppio della miscela in un momento non aderente allo scopo, così assistiamo impotenti a occasioni sprecate in malo modo dai nostri, imprecando sino all’inverosimile come sia possibile che con solo due tiri in porta la squadra di casa possa aggiudicarsi l’intera posta in palio, come puntualmente capitato anche al Pinto di Caserta.

Adesso, di ritorno all’officina di Torre del Grifo, il nostro Mister, in veste di autiere prima e di meccanico adesso, è chiamato alla verifica del dispositivo, intervenendo in maniera oculata ma se necessario anche drastica per la rimessa in piena efficienza del motore che attualmente non va come dovrebbe e come si aspetta il popolo rossazzurro, in considerazione che la rosa rimane pur sempre di prim’ordine per quello che sinora ha dimostrato il girone c di lega pro. Non possono essere ammessi altri passi falsi.

La macchina sembra attrezzata per competere per i primi posti della classifica finale, ma si impongono degli interventi indispensabili per garantire una resa migliore e ottenere quei cavalli di potenza da sprigionare nei chilometri finali della gara.

Non essendo preparato nei lavori di officina, compito giustamente devoluto al nostro tecnico, mi permetto di osservare che, sarà un caso, ma da quando il Catania ha schierato in campionato Bastianoni, la difesa non mi è parsa quella tranquilla di una volta. Casualità? Me lo auguro e lo spero; certo, si perde e si vince in undici ma come ho avuto modo di esprimere altre volte questo concetto, il portiere è quello sempre più esposto alle ultime critiche o apoteosi di lodi finali. Lui dovrebbe saperlo e lo sa sin da quando da bambino ha preferito parare i tiri dei compagni anziché scegliere di fare i gol. Può avere degli alti e bassi: è normale, come ritengo sia normale per un tecnico preferire quello che in quel ruolo, al momento, dia più garanzie.

Altro fattore che ha sicuramente inciso su questo calo di prestazioni è attribuibile a mio parere al contemporaneo forfait di Musacci e Castiglia che ha privato nella zona nevralgica del campo del braccio essendo quest’ultimo forte e roccioso fisicamente e della mente, il ragazzo di Viareggio, l’unica pedina che riesce ad inventare qualcosa di costruttivo per i nostri avanti, avendo più apprezzato personalmente Agazzi in fase di interdizione.

Altro problema da risolvere a parer mio nel mercato di riparazione, il terzino sinistro in quanto Nunzella non pare avere alternative in quel ruolo e che il De Rossi schierato in campo ad Agrigento ha fatto enormemente rimpiangere.

Ultima nota ma non ultima perché proprio nel giuoco del calcio riveste particolare evidenza, la dea bendata che in queste due ultime partite non ha favorevolmente abbracciato i nostri colori, negando la gioia del pareggio a Russotto in terra agrigentina su calcio di rigore e condannando la nostra squadra sul sintetico di Castellammare. Dopo il bacio sulla fronte a Scarsella che ha consentito di uscire dai campi di Monopoli e Matera con il sacco gonfio di punti pesanti, sembra che stia sonnecchiando.

Occorre svegliarla ma, per riuscirci, magari già dalla prossima partita casalinga, il motore deve ruggire ed i pistoni battere a tempo e nei giusti modi e la guida dovrà essere attenta e pulita sino allo sventolio della bandiera a scacchi.

  23 Commenti per “Un motore che batte in testa”

  1. Ip Address: 62.2.176.13

    Buongiorno a tutti

    Raggio Libero. COMPLIMENTI. Bel articolo.

    Ragazzi vi saluto e FORZA CATANIA

  2. Ip Address: 95.246.3.1

    Buonasera raga!

    Ottimo commento Raggio Libero! 😉

    Allenamenti differenziati per Bergamelli, Falcone, Musacci e Plasmati. Terapie per Castiglia.

    Per Alessandro Bastrini, lesione di 2° grado del gemello mediale destro

    Quindi per Castiglia e Bastrini ci vuole tempo per recuperarli.

    La rosa e’ di 24 giocatori ergo due fuori per variati giorni e 4 malconci.

    Stiamo proprio bene! 😡

    CATANIA, circa 100 persone all’allenamento.

    Pochi i tifosi che sono andati a TdG e’ pero’ sono i primi a intuire quando le cose non vanno bene e meno male nessun fischio contro i giocatori.

    Buona serata e sogni rosso e azzurri a tutti

  3. Ip Address: 151.68.39.62

    Buonasera a tutti i tifosi rossoazzurri. Come siamo messi. Quest’anno ci fosse stato un sondaggio su dove poteva arrivare in classifica il Catania non so se avrei partecipato. Ora posso fare un po’ un ragionamento. Credo che la nostra rosa nelle condizioni migliori e con tutto al meglio possa giocarsi la promozione. Ormai si sono giocate un bel po’ di partite e provo a sbilanciarmi. Credo, nonostante tutto, sia possibile. Non nascondo che mi fa pensare un calendario discretamente difficile, infortuni, mancata preparazione e problemi di amalgama e troppi punti di penalizzazione, sembra allontanare questa ipotesi. Il Catania pero’ ha mostrato un gioco basato sulla tecnica e sulla corsa (per quel poco che ho visto), purtroppo e’ difficile essere sempre al top quando hai pochi cambi. Di buono c’e’ sicuramente che questa squadra puo’ migliorare, la situazione allenatore, rispetto all’anno scorso e’ migliore e gli arbitraggi sembra non ci diano troppo addosso. Attualmente la soglia di sicurezza e’ ancora lontana quindi partite come quella di domenica prossima sono importanti per allontanarsi dalla zona incubo. Inoltre c’e’ da sperare nel ricorso alla giustizia sportiva e che la societa’ sia in grado a gennaio di effettuare eventuali acquisti per migliorarci, ce ne fosse il bisogno . Credo in poche semplici cose che possono essere suffragate dai fatti.

  4. Ip Address: 91.253.54.71

    Buonasera a tutti ESCLUSIVA – AKRAGAS, Zibert: “Contro il Catania per vincere. Siamo un grande gruppo. Tifo Inter e sogno di diventare come Nainggolan”
    04.11.2015 19:04 di Andrea Carlino
    articolo letto 500 volte

    L’Akragas si prepara alla sfida di domenica prossima contro il Catania. Dopo il match di Coppa Italia vinto di misura, adesso è sfida di campionato. Si gioca al ‘Massimino’ con i rossazzurri desiderosi di riscattare la sconfitta maturata all’Esseneto e la beffa contro la Juve Stabia. Non sarà facile, però, contro la squadra dell’ex Nicola Legrottaglie, una delle compagini più sorprendenti di questo inizio stagione. Gli agrigentini sono reduci dal pareggio contro la Lupa Castelli Romani (1-1). Il goal del vantaggio dei siciliani è stato segnato dal centrocampista sloveno, Urban Žibert, uno degli acquisti della campagna acquisti estiva. La prima gioia in Italia per il mediano ex Reggina.

    In esclusiva ai microfoni di ItaSportPress.it Žibert svela la sua felicità per la prima marcatura nel campionato italiano e parla anche del Catania, della sua squadra e del suo futuro: “Sono molto contento per aver segnato prima rete in Italia, peccato però che non sia servito per una nostra vittoria. Mi auguro di segnare in futuro altri goal importanti per la mia squadra”.

    Domenica arriva il derby contro il Catania. Che partita sarà?

    Sarà una gara equilibrata e molto combattuta. Noi dobbiamo mettere in campo tanta grinta e corsa. Andremo lì per fare risultato e se giocheremo come sappiamo possiamo ambire alla vittoria. I rossazzurri sono molto forti, dal portiere fino all’attaccante.

    C’è un giocatore in particolare che toglierebbe al Catania?

    Non solo uno. Mi piacciono in particolare Calil e Scarsella con i quali ho giocato contro in passato. E poi conosco Barisic. Quando io giocavo con il Koper (fino al 2014, poi lo sbarco alla Reggina, ndr), lui muoveva i primi passi nel settore giovanile. E’ un bravo attaccante, ma io non lo vedo come centravanti, ma come esterno alto in un 4-3-3. Penso che così possa rendere molto di più. Sono felice di incontrarlo nuovamente.

    I suoi primi mesi con l’Akragas, come si è trovato con i nuovi compagni e il tecnico?

    Siamo veri amici e affrontiamo tutti gli impegni senza alcun problema. Mi sono trovato fin da subito bene grazie anche alle indicazioni del tecnico Legrottaglie. Si vede che ha un passato importante da calciatore. Dà tanti consigli utili e ti valorizza molto come calciatore e uomo.

    Qual è obiettivo stagionale che si pone l’Akragas?

    Il nostro obiettivo rimane la salvezza, prima la conquistiamo meglio è per noi. Poi si potranno fare altri discorsi, ma ancora è presto per parlarne. Certo, sarebbe molto bello andare in B con questa maglia, ma i conti si fanno alla fine. Dunque manteniamo i piedi per terra e lavoriamo con grinta per la prossima sfida.

    Dove si vede tra qualche anno?

    Mi piacerebbe continuare a vestire la maglia dell’Akragas. Da bambino tifavo Inter e spero un giorno di poter indossare la maglia dei nerazzurri in Serie A sarebbe davvero un sogno per me così come sarebbe ripercorrere le orme di Nainggolan. Mi vedo molto in lui per corsa e grinta.

  5. Ip Address: 87.16.138.181

    Penso che il signor zibert si stia montando la testa. Non ha ancora capito che quello vusto ad Agrigento non era il vero Catania. Troppe assenze importanti, troppi errori e poca grinta. Al cisoetto del suo pubblico la nostra squadra trova l’entusiasmo necessario per risalire in classifica come può e deve e, ci auguriamo, pure fuori casa. Le ultime tre esterne tre sconfitte sono proprio troppe

  6. Ip Address: 91.253.229.25

    ESCLUSIVA- CATANIA, Ferrario: “Non sottovaluteremo l’Akgragas. Le mie tre squadre per la B. Acitrezza quanto mi piaci”
    05.11.2015 18:49 di Beppe Castro

    Viene da diverse stagioni sfortunate il difensore del Catania, Stefano Ferrario che ha già calcato i campi della serie A con la maglia del Lecce. Ai microfoni di Itasportpress.it il calciatore originario di Saronno confessa di voler voltare pagina ed ha inoltre anticipato i temi della sfida di domenica contro l’Akragas: “Dopo il passo falso di Castellammare vogliamo riscattarci e questo derby arriva giusto in tempo. L’Akragas è una bella realtà del campionato e ci precede in classifica anche se sappiamo benissimo che il Catania ha conquistato sul campo 17 punti. E’ una neopromossa la squadra agrigentina ma noi non la sottovaluteremo perché già in Coppa Italia ci ha dato un dispiacere e vogliamo subito rimetterci in carreggiata dopo la sbandata di domenica scorsa”.

    Dopo i due punti di penalizzazione, siete precipitati in zona salvezza. Come si riparte?

    “Abbiamo dimostrato in queste prime giornate di campionato di non guardare la classifica anche se fa male perdere ancora terreno. Sapevamo che questo poteva accadere ma di positivo c’è che tutta la squadra ha un forte senso di responsabilità nei confronti della città e vuole recuperare subito”.

    Domanda scontata: qual è il tuo obiettivo in questa stagione?

    “Risposta scontata allora: spingere più in alto possibile il Catania. Io ho vissuto tre anni difficili dal punto di vista professionale ed ho scelto di venire in Sicilia ritenendo Catania la piazza giusta per tornare a giocare. La difesa etnea è una certezza ma tutta la squadra esprime un ottimo calcio, quindi andiamo avanti con la consapevolezza che bisogna fare punti in casa e fuori. Il mio desiderio è di tornare a giocare in Serie A e spero di farlo un giorno con la maglia rossoazzurra”

    Campionato sempre più incerto per la promozione anche se si fa minaccioso il Foggia

    “Sì i pugliesi sono una bella realtà del Girone C ma anche il Lecce e il Benevento diranno la loro. Sarà un campionato che si deciderà come sempre alla fine e chi avrà più qualità e forza riuscirà a vincerlo”.

    Dal campo alla tavola: cosa le piace della cucina siciliana?

    “Quasi tutto. Io vivo ad Acitrezza un borgo marinaro fantastico e unico e sulla mia tavola non manca mai il pesce. Qui è sempre fresco e apprezzo molto questo aspetto della cucina catanese visto che avendo vissuto in luoghi del Nord spesso mi è capitato di trovarlo congelato”

  7. Ip Address: 5.169.152.21

    Buonasera a tutti i tifosi rossoazzurri. Forza ragazzi forza Mister ! Riempiamoci di orgoglio! Io faccio solo il tifoso perché non posso fare altro.

  8. Ip Address: 95.245.182.252

    Buongiorno raga!

    Bella giornata anche stamattina e la temeratura e’ buona.

    Fra infortunati seri e malconci sono 6 i giocatori su 24 della rosa che hanno problemi fisici.
    Speriamo bene.

    Buona giornata a tutti!
    .

  9. Ip Address: 87.16.138.181

    Agazzi ai microfoni dice che la sconfitta di domenica è’ servita per imparare. Perché? Quella di Caserta non è’ servita? E farsi mettere sotto ad Agrigento non ha insegnato nulla? Ragazzi parole che volano nel vento, quando a noi interessano i fatti. Sembra che domenica Bergamelli sarà assente ed al suo posto torna Ferrario. Ripeto fatti e vin bastianoni pare ancora confermato, che si desse da fare a parare qualcosa

  10. Ip Address: 91.253.205.171

    Buon pomeriggio a tutti

  11. Ip Address: 151.46.204.11

    ciao Filippo .Non se tu condividi il mio pensiero Nelle prossime partite bisogna avere più concentrazione in difesa e un maggiore supporto a Calil che attualmente mostra una più che discreta forma.

  12. Ip Address: 151.46.186.125

    Buonasera a tutti i tifosi rossoazzurri. Non per aspettativa, ma per esperienza, partite settimanali e domenicali…mi hanno insegnato che i numeri sono quelli che contano. Una punta va valutata per i suoi goals, al massimo per gli assist/incursioni, ma allora non andrebbe chiamata punta. La punta deve essere pronta a chiudere l’azione, mantenendo il giusto equilibrio per realizzare/finalizzare. Deve avere momenti chiari in testa e una buona dose di istinto che lo porta a sapere dove cade il pallone prima degli altri. Deve impensierire il difensore gia’ solo con la sua presenza, il difensore fuori serie capisce un attimo prima le intenzioni della punta, quello piu’ smaliziato cerca di intimorirla in modo che la punta pensi prima a cosa fa il difensore che la palla, perdendo di fatto decimi preziosi. Ergo, la punta non deve avere timore; lo deve fare. Non che debba picchiarsi con tutti eh.. C’e’ gente che non sono fenomeni ma nel totale hanno movimenti che pochi possono avere. Poi ci sono quelli piu’ completi nel gioco, fanno salire la squadra col fisico, discreta velocita’ e potenza. Li vedi nei cross che riempono lo spicchio tra dischetto e primo palo. Tutto questo spiego per cosa quindi? Perché noto che il brasiliano ‘timbra’ regolarmente la presenza..
    Non si gioca sugli A4 , quindi serviranno cattiveria, agonismo e tecnica ma ha ragione chi dice.. se esiste un Dio del calcio.. Akragas. Lasciamo fare a Mr Pancaro, sara’ lui a capire come riuscire a impensierire una formazione neo-promossa, che la potra’ buttare sul ritmo, sul pressing ( e ce la stra-giochiamo) credo non sul livello tecnico perché sulla carta c’e’ differenza.

  13. Ip Address: 2.226.180.6

    Certo la differenza c’è, ma in lega bisogna non distrarsi mai specie negli ultimi minuti. Non fare falli dal limite ed impedire i cross dove può succedere di tutto. Poi pedalare e …. Forza Catania.

  14. Ip Address: 95.245.182.252

    Buonasera raga!

    Copia e incolla da Il Quotidiano del Sud di un parziale articolo che ci interessa speriamo che sia l’ultima combine..

    Quei grandi farabutti di Pulvi il socio l’uomo di Miami, delli Carri e soci che ci hanno rovinati.

    Calcio scommesse, gli atti dell’inchiesta di Catanzaro
    alla Procura della Figc e scattano 29 deferimenti
    Ventinove squadre di calcio di vari campionati dalla serie B in giù e oltre una cinquantina di persone sono state deferite dalla procura federale della Figc per le accuse legate al calcio scommesse.

    In tutto si tratta di 27 partite ritenute dal pm federale oggetto di combine, di cui due di Serie B: Livorno-Brescia del 24 gennaio 2015, e Catania-Crotone del 16 febbraio 2015.

    Lo stesso Di Nicola risulta coinvolto nella presunta combine Catania-Crotone per “la violazione dei principi di lealtà, correttezza e probità di cui (art. 1 bis, comma 1 Cgs) “per aver posto in essere attività al fine di ricercare finanziatori, poi non reperiti stante l’impossibilità di offrire loro garanzie, al fine di alterare il risultato”. Anche in questo caso l’Aquila alla sbarra per responsabilità oggettiva.

    Sogni rosso e azzurri a tutti!

  15. Ip Address: 79.13.61.240

    ciao a tutti voi,speriamo bene per il futuro,ci vuole più cattiveria dobbiamo vincere,vincere e ancora vincere.Forza Catania 46

  16. Ip Address: 79.42.16.97

    Buongiorno raga!

    Ancora una volta giornata azzurra con il sole e la temperatura anche se ora e’ freddina ci riscaldera’.

    Buona sabato a tutti nessuno escluso!

    Forza Cataniaaaaaaaaaaaaaa!

  17. Ip Address: 91.253.104.227

    Buongiorno a tutti CATANIA, Bonanno: “Usciamo positivamente dal momento peggiore della storia. Tutti insieme recuperiamo il terreno perduto”
    07.11.2015 08:34 di Andrea Carlino

    Il direttore generale del Catania, Giuseppe Bonanno, durante un incontro tra l’ufficio stampa rossazzurro (diretto da Angelo Scaltriti) e il gruppo regionale dell’Ussi (Unione Stampa Sportiva Italiana) ha tracciato le linee generali della stagione della squadra etnea. Ecco quanto riportato da ‘La Gazzetta dello Sport’: Il Catania esce positivamente dalle vicende e dal momento peggiore della storia calcistica del sodalizio. Insieme agli operatori della stampa cerchiamo di venire fuori da questa situazione con i risultati agonistici che la squadra saprà offrire alla propria tifoseria e a chi ama il Catania. Tutti insieme, dobbiamo rimboccarci le maniche e cercare di riprenderci il terreno perduto”.

  18. Ip Address: 87.16.138.181

    Giornata di vigilia. Già cattiveria e concentrazione non devono mancare. Buon sabato a tutti

  19. Ip Address: 5.168.102.198

    Buongiorno a tutti i tifosi rosso azzurri.
    Domani ore 15 si gioca. Per vincere. Punto.
    Forza Catania!!

  20. Ip Address: 37.227.193.193

    CATANIA, i convocati di Pancaro per l’Akragas. Out Bergamelli, tornano Musacci e Plasmati
    07.11.2015 13:17 di Andrea Carlino
    articolo letto 353 volte

    L’ allenatore del Catania Giuseppe Pancaro ha convocato 23 giocatori per la sfida all’Akragas, in programma domani alle 15.00 allo stadio “Angelo Massimino”, gara valida per la decima giornata del Campionato Lega Pro 2015/16, girone C.

    Questi gli atleti a disposizione di mister Pancaro:

    Portieri
    Bastianoni, Ficara, Liverani.

    Difensori
    Bacchetti, Ferrario, Garufo, Nunzella, Parisi, Pelagatti.

    Centrocampisti
    Agazzi, Lulli, Musacci, Russo, Russotto, Scarsella, Sessa.

    Attaccanti
    Barisic, Calderini, Calil, Di Grazia, Falcone, Plasmati, Rossetti.

  21. Ip Address: 91.252.1.37

    Buongiorno a tutti

  22. Ip Address: 87.16.33.62

    Buongiorno raga!

    Anche stamattina giornata soleggiata con la temperatura un po’ freddina.

    Buona domenica a tutti!

    Forza Cataniaaaaaaaaaaaaaa!

  23. Ip Address: 5.168.36.67

    Buongiorno a tutti i tifosi rossoazzurri. Oggi bisogna vincere senza se e senza ma, per affrontare poi un altro derby con più autostima. Attenzione oggi a nainggolan..

Spiacenti, i commenti sono chiusi.

su
giu