Una manita da vendicare

 Scritto da il 22 ottobre 2018 alle 10:00
Ott 222018
 

Il primo recupero che ci aspetta è quello di Monopoli. In quello stadio che la scorsa stagione ci vide soccombere per 5-0, la nostra squadra sarà chiamata ad interpretare una partita maschia, senza sbavature, cancellando quella umiliazione che ancora non riusciamo a digerire.

In termini numerici, è stata più che una sconfitta: una disfatta che doveva aprire gli occhi a chi detiene le redini societarie e intervenire subito con un cambio in panchina, approfittando della giornata di sosta, ma invece si ritenne di continuare il percorso con mister Lucarelli.

Come sarebbe andata con un tecnico diverso? Non possiamo saperlo ma quel “come sarebbe andata “ ciascuno di noi lo porta dentro il suo cuore.

Il nostro Catania allora  aveva bisogno di riscatto dopo il pareggio interno col   Cosenza strappato al minuto 83 che ci portava addirittura a 6 lunghezze dal Lecce, vittorioso a Bisceglie per 2-1.

Quel 18 febbraio, fu affrontata quella partita al Veneziani con la volontà di far bene contro quella squadra che viveva una tranquilla stagione a metà classifica ed invece Salvemini, con un preciso diagonale, faceva secco Pisseri con Genchi che si ripeteva, indovinando con un tiro anche fortunoso  il palo destro della porta di Pisseri, con la palla che rotolava in rete dalla parte opposta. Anche Sounas non voleva mancare alla festa biancoverde tirando dalla distanza un pallone che, pur toccato dall’estremo rossazzurro, si insaccava nel sette. Sul 3/0 il Catania scompariva dal campo e gli avversari infierivano ancora ebbri di quella vittoria contro la seconda in classifica, calando il poker con Longo e la cinquina con Dudu Mangni.

Di quel Monopoli, sono rimasti in rosa dieci elementi fra cui Sounas e Dudu Mangni tra i realizzatori; degli altri tre andati in gol, Genchi e Salvemini sono accasati a Potenza e Longo al Bisceglie.

La premessa vuole essere un amarcord molto amaro per noi, che ci dovrà spingere a riflettere e ad interpretare la gara col piglio giusto perché errare umano est, ma perseverare sarebbe diabolico.

Di quella partita, tutti i nostri calciatori in rosa lo scorso anno, ricordano sicuramente lo smarrimento vissuto a fine ostilità.

Pisseri, Biagianti. Lodi, Curiale e Aya in particolare, presenti quel giorno, martedì dovranno dimostrare che si era trattato solamente di un incidente di percorso che non dovrà più accadere nella storia del Catania.

Con tutto il rispetto per la simpatica cittadina pugliese, da questa categoria dobbiamo andarcene e si va via solo con i punti e questi non dovranno essere persi per strada per non pentirsene all’ultima giornata di campionato.

Il tecnico è lo stesso, mister Scienza, un allenatore esperto e navigato di questa categoria ed anche in questa stagione lo sta dimostrando, avendo raccolto, su sei partire disputate otto punti, frutto di due vittorie contro Paganese e Reggina e due pareggi con Potenza e Trapani,  perdendo con Rende e Juve Stabia.

La sua  squadra gioca bene ed ha realizzato sette gol subendone soltanto quattro, una in meno del Catania, a dimostrazione di quanto il tecnico curi la fase difensiva e tenga la squadra molto corta, liberando la velocità di Mangni per sfruttare il contropiede.

Non solo velocisti tuttavia: anche gente dai piedi buoni come Sounas e l’ex Scoppa e con attaccanti di categoria. Per tali motivi a Monopoli non si dovranno avere quei cali di tensione ed anche fisici vissuti a Pagani dopo il 3-0.

Mister Scienza ha affrontato molte delle partite disputate con il modulo 3/5/2 ma contro la corazzata Trapani ha preferito optare con un abbottonato 3/4/1/2 e anche per il Catania potrebbe pensare al suddetto schema che gli ha fruttato un meritato pareggio con i granata.

Pertanto potremmo vedere Pissardo tra i pali, difesa con Bei (o Rota) De Franco e Mercadante, al centro Fabris, Zampa, Scoppa e Donnarumma  con Sounas ad innescare le punte Mangni e Mendicino che potrebbe alternarsi con Berardi.

Come risponderà mister Sottil? Ancora il 3/5/2 ponendosi eventualmente a specchio con l’avversario oppure cambierà schema qualora Scienza deciderà per altro sistema di gioco, o ancora opterà per uno schieramento senza curarsi delle mosse che proporrà il tecnico dei gabbiani?

Vada come vada, con la convinzione che Sottil ha dato la sicurezza di saper leggere nel migliore dei modi le partite sinora giocate.

Che anche per martedì indovini tutte le mosse.

  10 Commenti per “Una manita da vendicare”

  1. Ip Address: 93.46.56.84

    Ci vogliono 11 Marotta in campo che considero il miglior acquisto da quando siamo in lega pro

  2. Ip Address: 80.181.62.222

    Come sempre Inail disamina coi fiocchi bravo raggio libero bisogna riscattarsi e lasciare Alla spalle quella brutta sconfitta un saluto Alla redazione

  3. Ip Address: 151.68.127.112

    Buonpomeriggio a tutti ❤️💙bravo a raggio libero….. c’è da dimenticare una brutta manita, sicuramente con sottil sarà un’altra squadra rispetto a quella di mister bingo staremo a vedere comunque il Monopoli rimane sempre un avversario di tutto rispetto

  4. Ip Address: 151.68.127.112

    La vendita dei tagliandi per il settore Ospiti è consentita ai soli possessori della tessera del tifoso, la prevendita terminerà lunedì 22 ottobre alle ore 19:00.

    Il costo del biglietto è di 10,00 € + i diritti di prevendita. Il botteghino del settore ospiti dello stadio “Vito Simone Veneziani” il giorno della gara resterà chiuso.

    Biglietti in vendita in ogni punto CIAOTICKETS in Italia! Cerca il punto più vicino a te qui: [www.ciaotickets.com]

    E’ garantito inoltre ­il servizio di preven­dita per il settore “O­spiti”, in tutti i punt­i vendita della rete ­nazionale Ciaotickets­.

    E’ attiva anche la ve­ndita online per tutti i settori d­al sito di Ciaotickets cliccando qui: ACQUISTA BIGLIETTO ONLINE scegliendo il match in elenco.

  5. Ip Address: 79.35.37.114

    Partita difficile stasera ma va affrontata con giudizio, con intelligenza tattica unita a determinazione. Cancelliamo quella vergogna del 18 febbraio scorso e andiamo a vincere anche 1-0 ma occorre vincere per non mollare la parte alta della classifica in attesa che questa Juve Stabia cominci a perdere colpi

  6. Ip Address: 94.37.31.52

    La società gli occhi li doveva aprire molto tempo prima della sconfitta con il Monopoli, gli indizi che l’uomo non era persona serena e professionale già erano chiari dalla terza giornata con la sconfitta di Caserta. Mettere in campo Fornito arrivato da due giorni e con un solo allenamento è stata una decisione distruttiva che ha soddisfatto solo la sua vendetta personale per essere stato privato di Da Silva. L’uomo con quella scelta ha dimostrato la sua statura professionale. perchè ha voluto dimostrare in modo plateale il suo disappunto ed ha messo in secondo piano le scelte tecniche più adeguate per vincere quella partita. Ha lasciato fuori volutamente in panchina i giocatori che il martedì avevano fatto benissimo in coppa italia con Akragas e trattasi di persone che oggi sono titolari, Biagianti, Manneh, Bucolo ma seduto in panchina c’era anche Marchese ed ha lasciato in campo per 90 minuti Fornito. Personalmente l’avrei esonerato subito dopo aver sentito la formazione e non avrei aspettato neanche la fine del primo tempo.
    L’aspetto umano e professionale vale molto di più dell’aspetto tecnico che fra l’altro ha dimostrato i suoi limiti in svariate occasioni. Dove c’è quell’uomo arriva l’ansia di prestazione e conferenze stampa stucchevoli mirate solo per scaricare la colpa ai giocatori ed ovviamente auto assolversi.
    Tornando al 5 a 0 di Monopoli per fortuna non l’ho mai vista ma stasera spero di vedere un Catania che ci faccia dimenticare il risultato dell’anno scorso.

  7. Ip Address: 151.82.179.39

    Un brutto Catania, forse il peggiore da quando è arrivato sottil , siamo riusciti a strappare un buon punto contro il Monopoli

  8. Ip Address: 78.15.14.235

    Da quello visto in campo risultato giusto ma per il Catania tante ombre e poca luce. Gioco prevedibile perchè affondiamo solo nella fascia sinistra mentre a destra senza Barisic c’è il vuoto assoluto e non esiste alcuna alternativa. Pessima partita di Calapai ed Angiulli è risultato l’unico che ha inquadrato la porta.
    Un pareggio equivale a 2/3 di sconfitta e si lasciano punti pesanti per strada, rimane la consolazione che siamo ancora imbattuti.
    L’esperimento di far giocare Curiale e Marotta insieme e costringere così Manneh rimanere in panchina mi lascia perplesso

  9. Ip Address: 93.46.56.84

    Ci è andata bene considerando le occasioni avute dal Monopoli la squadra sta avendo un’involuzione preoccupante e Sottil sta evidenziando qualche sua lacuna c’è troppa discontinuità e non riesco a capire l’esclusione di Manneh sono deluso

  10. Ip Address: 78.15.14.235

    Dalle interviste rilasciate ieri sera Sottil ed Esposito si augurano di non giocare sabato quindi traspare stanchezza e necessità di riposare. E’ giustificata questa stanchezza per una squadra che ha una rosa lunga in un torneo che prevede 5 cambi a partita ? oppure sta diventando un alibi la storia di dover giocare ogni tre giorni ? qualcosa non quadra perchè anche il Monopoli con una rosa meno attrezzata aveva giocato il 17 e 21 ottobre ed in campo erano più aggressivi e determinati.
    Il problema evidenziato ieri sera dal Catania è stato l’assenza di dinamicità nella zona centrale del campo, discorso già noto da tempo ma è stato aggravato anche dalla cattiva prestazione degli esterni Baraye e Calapai guarda caso quelli meno utilizzati nelle due ultime partite. Considerando l’età di Biagianti e Lodi è giustificabile che dovranno gestire le proprie forze però non è comprensibile perchè non si utilizzano a giro tutti gli altri giocatori che fino ad ora sono stati poco utilizzati ed alcuni addirittura mai giocato. Se Esposito per via dell’età sente la necessità di riposare che si utilizzi Lovric, se Baraye non è in giornata abbiamo Manneh che ricopre quel ruolo, se necessita un centrocampista di rottura che si utilizzi di più Bucolo.
    Sottil se le assenze di Barisic e Rizzo hanno creato qualche problema di quadratura non c’è scritto da nessuna parte che Curiale e Marotta giochino insieme ed indebolire altri reparti.
    Non facciamo i soliti errori del passato, abbiamo buttato Scoppa come ferro vecchio ed ora ce lo ritroviamo come punto di forza di tutta la squadra del Monopoli, quindi coraggio Sottil e chi non ha forza che resti in panchina.
    L’ultima considerazione della partita di ieri sera è che le assenze importanti del Monopoli hanno rappresentato il loro punto di forza, infatti, i subentrati erano freschi e con tanta voglia di dimostrare di meritare il posto il prima squadra. Al Catania sono mancati questi elementi ?

Spiacenti, i commenti sono chiusi.

su
giu