Una settimana calda

 Scritto da il 9 Febbraio 2019 alle 13:59
Feb 092019
 

Domenica inizia una settimana fra quelle più dure che attendono i rossazzurri. Prima la Casertana di Castaldo, D’Angelo e dell’ex Blondet, ma anche di Padovan che lo scorso anno segno’ al Massimino non uno ma due gol che permisero ai falchetti di tornare in Campania satolli e felici.

Inoltre mercoledì andremo a Trapani per la sfida che potrebbe essere quella quasi decisiva per il secondo posto e che il Catania non dovra’  assolutamente perdere in quanto risulta in vantaggio sui granata per gli scontri diretti, avendo vinto all’andata per 3-1.

Sarebbe bello coricarsi mercoledì con sei punti in più in classifica che allontanerebbero non solo la Casertana ma anche il Catanzaro, atteso che i giallorossi mercoledì se la vedranno a Castellammare con le vespe che domenica si fermeranno per la giornata di sosta.

Le due vittorie consecutive darebbero anche una iniezione di fiducia a tutto l’ambiente caricando, in particolare, gli uomini in rosa.

Questa la speranza che, come noto, è l’ultima a morire ma rimane sempre un desiderio, una meta, un traguardo ma questa squadra così composta ed assortita, così a corto di fiato e di idee, così strana e poco incisiva, riuscirà ad ottenere queste due vittorie consecutive? Almeno una forse? Due pareggi che equivalgono a due sconfitte o farà di peggio lasciandoci andare mercoledì a letto con tanto amaro in bocca e tanta rabbia che il cuscino non potrà assorbire tutta?

Questo Catania che ci ha solo illuso in coppa Italia e tanto deluso in campionato avrà la voglia, la forza di rialzarsi e lottare per vincere queste due difficili sfide che ci aspettano in settimana?

La juve Stabia domenica si siederà in poltrona e guarderà il film della venticinquesima giornata tranquilla dall’alto dei suoi nove punti di vantaggio sul Trapani, secondo in classifica  che sarà impegnato a Bisceglie mentre il Catanzaro difficilmente non supererà la Paganese, superando in classifica anche la nostra squadra, qualora non riuscisse a vincere sui campani.

Ci riuscirà? Da Torre del Grifo si apprende che l’esterno, l’unico vero giocatore in grado di saltare l’uomo sulla fascia è ancora infortunato perché, con tutta probabilità, le due gare ravvicinate giocate di recente, lo hanno bloccato ai  box a causa della lunga assenza dai campi di gioco.

Un altro caso Caccavallo dello scorso anno? Andiamo bene se si ripeterà la storia! E cosa dire del giovane terzino Valeau portato a Catania malgrado si sapesse  che prima di fine aprile non può essere disponibile per la causa rossazzurra? Carriero? L’ex Casertano che si è’ espresso con vigore in campo ma che appare il copia ed incolla di Bucolo?

Di Piazza? A segno nella partita del debutto contro il Rende appare in difetto di condizione ed impiegato in un ruolo a lui non consono per esprimere il suo potenziale. Questi gli acquisti che ci porteranno in serie B? Queste le armi segrete per vincere il campionato?

Ci auguriamo che Di Piazza segni a raffica e che non allunghi la serie delle promesse tradite, quella iniziata da Calil, proseguita con Paolucci per poi arrivare a Ripa passando da Curiale lo scorso anno scopertosi killer d’area grazie ai frequenti cross che arrivavano in area dai due esterni Di Grazia e Russotto, ma quest’anno, privato di quelle spalle, cecchino caricato a salve.

È’ possibile continuare a ripetere errori su errori specialmente se a farli è gente navigata e inserita da una vita nel mondo del calcio?

Cosa ci aspetta il pomeriggio di domenica? Sappiamo per certo che la Casertana si giocherà le sue carte disponendosi col 4/3/3 e cercherà’ di ripetere l’exploit della scorsa stagione con Padovan stavolta spostato a destra, Castaldo al centro dell’attacco e Mancino a sinistra.

Il centrocampo potrà contare sul ritorno di D’Angelo, accanto a De Marco e  Vacca. Difesa con i centrali Rainone e Pascali affiancati dagli esterni Meola e Gonzales.

Questa la formazione ospite che ci aspettiamo di trovare in campo anche per via dell’assenza forzata di Zito e che i nostri dovranno battere per aumentare il divario con gli inseguitori mantenendo così almeno inalterato il distacco dalle prime della classe.

Compito difficile ma non impossibile se in primis si giocherà col cuore ma occorre che il tecnico dia finalmente un gioco a questa rosa che appare priva di trame e di schemi efficaci e che conosca soltanto il lancio lungo alla evviva il parroco.

Ci stupisca mister Sottil, questa è una partita che dobbiamo vincere.

  10 Commenti per “Una settimana calda”

  1. Ip Address: 82.58.63.253

    Bella disamina raggio libero buon pomeriggio redazione sarebbe ora di stupirci😠

  2. Ip Address: 151.82.159.90

    Concordo con te raggio libero , però per quando riguarda l’esterno non ci sarà un’altra vicenda caccavallo perché per magia di questa società e stato convocato niente meno che Digrazia ………. come mai 🤔

  3. Ip Address: 79.22.253.180

    Scaglia mandato via , LLAMA e Ciancio ora infortunati e poi fuori squadra…..marchese e Di Grazia reintegrati ed in campo dopo sette mesi e questa sarebbe una società che programma? Perché non imparano come si programma da Stabia, Catanzaro e Reggina? Non stiamo parlando di juve, Milan o Sampdoria ma di realtà calcistiche e città ben più piccole di Catania . .

  4. Ip Address: 37.162.87.85

    Il reintegro di Di Grazia certifica la confusione che regna all’Interno della società e che dovrebbe studiare le strategie per fare meglio degli altri al fine di eliminare quel gap che si è formato, parliamoci chiaro non siamo pronti per salire in B……dopo 5 anni di sofferenza,!! Il bello è che sfottevamo i leccesi ma noi siamo messi peggio!

  5. Ip Address: 84.226.132.80

    Miiiiii

    Di Grazia e Marchese……….

    Scommetto che se va bene LoMo dirà sugnu spetto

    Se va male…….. minghia ve lo dicevo che fitunu sti dui

    Naturalmente lo dirà in napoletano

    Non sa più dove sbattere la testa questo DIRETTORE

  6. Ip Address: 151.18.119.166

    Buonpomeriggio e buona domenica a tutti 💙❤️💙❤️💙❤️ Tra poco si inizia contro la Casertana squadra costruita per andare in B staremo s vedere di che pasta siamo fatti 😁😁😁

  7. Ip Address: 2a01:e0a:2:e540:4def:9e6a:4d48:63ab

    Finalmente un altro 3 -0 ….dopo quello in casa col matera 😛 😛 😛 😛 😛

  8. Ip Address: 151.18.191.66

    Si infatti un’altro tre a zero 😆, forse insperato dopo uno squallido primo tempo comunque speriamo in una continuità di risultati

  9. Ip Address: 93.56.72.137

    Serie C | Lo Monaco Esclusivo: “Fischiate Me Se Volete, Il Catania Non Molla”
    CondividiTwittaPinE-mail
    “Se proprio non potete farne a meno fischiate me, non la squadra. Il campionato non è finito, e il Catania non molla di un centimetro”. L’a.d. rossazzurro chiosa a modo suo il 3-0 sulla Casertana, nato tra i fischi e la contestazione, e finito con gli applausi del Massimino.“La squadra veniva da un momento particolare, e solo con le qualità morali ed il senso del gruppo si poteva venire a capo di un avversario forte ed in forma, come la Casertana, e del disappunto corale della nostra gente, a fine primo tempo. La prestazione è stata equilibrata per 45’, ma loro non hanno mai tirato in porta, mentre noi in un paio di circostanze abbiamo mancato nell’ultima giocata”.

    Dopo aver riannodato, in un martedì ad alta tensione, le smagliature emotive della prestazione di Vibo, Lo Monaco adesso si proietta su quello che si annuncia come un mercoledì da brividi, con Trapani-Catania e Juve Stabia-Catanzaro. “Al Provinciale ci attende un avversario di spessore, che gioca un bel calcio, e molto competitivo nel rendimento interno. Ma ritengo molto significativo il nostro risultato e la prestazione odierna, perché ci libera da alcune scorie mentali, restituendoci autostima nel momento più importante della stagione”.

    In attesa di Sarno (il cui rientro è previsto tra due domeniche a Viterbo), il Catania è ripartito dalla verticalità che fa la differenza: le tre azioni che hanno deciso la gara con la Casertana, sono infatti espressione di quel coefficiente di coraggio (pressione alta sull’uscita avversaria) e di aggressione degli spazi (l’attaccante che detta la profondità per il passaggio al portatore di palla), che si erano smarriti contro Rende e Vibonese. Trapani diventa la prova del nove come un all in.

    Alessandro Vagliasindi

  10. Ip Address: 62.10.114.120

    Riguardo ai fischi che sono sacrosanti, Lo Monaco ha detto una cosa giusta e sembra che abbia preso coscienza che dovrebbero essere indirizzati a lui e non ai giocatori ed allenatore.
    Oggi avevamo di fronte una squadra lenta e compassata formata da giocatori forti e di spessore ma che ha tanti problemi in comune con il Catania. Pertanto la vittoria sicuramente meritata senza una conferma a Trapani non ha alcun significato di svolta.

Spiacenti, i commenti sono chiusi.

su
giu