Walter Novellino è il nuovo allenatore

 Scritto da il 26 Febbraio 2019 alle 12:00
Feb 262019
 

Il Calcio Catania comunica di aver affidato l’incarico di allenatore della prima squadra al signor Walter Novellino, nato a Montemarano (Avellino) il 4 giugno 1953. Il nuovo tecnico rossazzurro dirigerà oggi, alle 15.00, il primo allenamento settimanale. Walter Novellino ed il collaboratore tecnico Simone Tomassoli saranno presentati ufficialmente ai giornalisti ed agli operatori dell’informazione mercoledì 27 febbraio alle 12.00, in Sala Congressi, a Torre del Grifo Village.

  11 Commenti per “Walter Novellino è il nuovo allenatore”

  1. Ip Address: 62.2.176.13

    CATANIA – Tutti aspettavano Gautieri, ma è spuntato dal cilindro Walter Novellino. L’ex giocatore del Catania sostituisce Andrea Sottil in panchina. Gautieri, che era atteso in città per la firma, non si è accordato sulla durata dell’ingaggio. Il Catania proponeva quattro mesi più un anno in caso di promozione, Gautieri chiedeva un anno e mezzo subito.

    Novellino oggi dirigerà il primo allenamento, alle 15, mentre domani sarà presentato ufficialmente insieme con il collaboratore tecnico Simone Tomassoli alle 12, in Sala Congressi, a Torre del Grifo Village.

    La prima squadra allenata da Novellino è stata il Perugia nel 1992. Come allenatore si è specializzato in promozioni, in particolare ne ha ottenute quattro dalla B alla A col Venezia nel 1998, col Napoli (2000), col Piacenza (2001) e con la Sampdoria (2003).

    Da giocatore invece Novellino ha vestito anche la maglia del Catania, a fine carriera, nel 1986-87. Era la squadra che retrocesse dalla B in C durante l’era Massimino. E fu una stagione, per i tifosi, non certo memorabile. Eppure in quella squadra c’erano Rambone in qualità di allenatore, poi subentrò Bruno Pace, ma in campo andavano Piero Braglia, il povero Mattolini, Onorati, Canuti, Polenta, Picone, Tesser, Vullo, Borghi, Mandressi, Sorbello. Molti oggi sono allenatore.

    Il modulo preferito? In un’intervista recente, Novellino dichiara la sua fedeltà per il 4-4-2: «Davanti una punta di peso, e una di qualità, in mezzo al campo un regista dai piedi buoni e dietro difesa alta e in linea».

  2. Ip Address: 62.2.176.13

    tipo le comiche……………………

  3. Ip Address: 151.82.61.161

    Buonpomeriggio a tutti ❤️💙, innanzitutto benvenuto al mister Novellino e che possa essere utile alla nostra causa. Mi spiace tanto per sottil che ancora una volta paga gli errori fatti dalla società

  4. Ip Address: 37.159.110.103

    Benvenuto novellino…a ct ci sarà da lavorare …..eccome squadra da ricucire…lavoro duro. Auguri

  5. Ip Address: 88.75.17.80

    L’allenatore perfetto per il Catania di quest’anno, uno che ha iniziato benissimo (4 promozioni) ma ha continuato in modo pessimo (4 esoneri). Scherzi a parte, auguro il meglio a Walter Novellino e spero che riesca, almeno lui, a riportare il Catania dove merita.
    Buonanotte a tutti e sempre fozza Catania

  6. Ip Address: 62.2.176.13

    io ci andrei cauto. Sempre i stessi giocatori sono…………………….

    Ciao Mexxican alles gut? :mrgreen: :mrgreen:

  7. Ip Address: 79.47.4.107

    Benvenuto a mister Novellino. Spero che gli azzoppati migliorino e gli indemoniati guariscano. Se sarà l’uomo giusto come ci auguriamo lo dirà il campo, ma il cambio in panchina era giusto per come era sprofondata la squadra. Speriamo bene

  8. Ip Address: 62.2.176.13

    hanno preso un portiere…………

    guarda guarda che il problema era li………….

  9. Ip Address: 151.36.243.168

    Buongiorno a tutti ❤️💙 Catania, Novellino: “Ho accettato in meno di un minuto. Convinto che farò bene”
    Il Catania riparte da Walter Novellino. Dopo l’esonero di Andrea Sottil, la società rossazzurra ha designato l’ex Avellino e Palermo come nuovo allenatore. Novellino è stato presentato questa mattina nella Sala Congressi di Torre del Grifo. Ecco le sue dichiarazioni, riportate da Catania46.net.

    “Il direttore mi ha chiamato l’altra sera e non ho avuto dubbi. Non importa la categoria, quando ho sentito Catania ho accettato subito. Non ci ho messo neanche un minuto a dire di sì, credo fortemente in questa squadra anche se l’ho vista un po’ in difficoltà dal punto di vista mentale. Sono convinto di poter lavorare bene, cercherò di fare capire ai giocatori che quelle che rimangono sono come dieci finali di Coppa Italia”.

    “Le mie vittorie sono nate dal 4-4-2, è vero, ma in questo momento i moduli non contano. Conta la testa, è lì che lavorerò. Qui ci sono giocatori importanti, che mi possono aiutare. Questa è una squadra costruita bene, ed inoltre qui c’è una struttura da Serie A. La Serie C è un altro tipo di campionato, chi gioca contro il Catania sa di incontrare grandi giocatori. Sono convinto di poter cambiare i giocatori dal punto di vista mentale”.

    “Organico? Conosco quasi tutti i giocatori in rosa. Dobbiamo pensare partita dopo partita. Qui ci sono giocatori importanti, da Lodi e Biagianti a Marotta e Curiale. Credo che bisogna dargli un po’ di fiducia, creare i presupposti affinché capiscano che ogni partita è come se valesse un passaggio del turno in Coppa. Gli argomenti tattici erano sicuramente ben preparati, credo che la squadra abbia più bisogno di essere aiutata mentalmente”.

    “Un giocatore che viene a giocare a Catania sa benissimo che deve vincere. Le difficoltà ci sono, per esempio le squadre che incontrano il Catania spesso si chiudono. Ognuno di noi deve però pensare alla sua, di partita. Bisogna saper attaccare gli spazi, non concedere molto e poi avere un pochino di amor proprio. Ci vuole la cattiveria agonistica giusta”.

    “Attaccanti in crisi? Il passato di questi giocatori dimostra che hanno sempre fatto gol. In questo momento sono in difficoltà, dobbiamo creare i presupposti per farli esprimere per come sanno. Ci deve essere la convinzione di poter lottare per qualcosa di importante. Io sono venuto perché questa è una piazza straordinaria, non da Serie C. I calciatori in questo momento sono abbattuti, ma le montagne si scalano piano piano”.

    “La mia esperienza da giocatore qui? Ha avuto un ruolo nella mia scelta, certo. Catania è una squadra di Serie A. Mi trovai benissimo, abitavo ad Acitrezza. Sono venuto anche perché qui c’è una società importante. La voglia è tanta. I giocatori l’equilibrio devono trovarlo dentro di sé: si gioca un tempo in campo e uno a casa, con la famiglia. Il calciatore deve sentirsi a suo agio, sta a me dargli le motivazioni giuste. Io sergente di ferro? Sì, diciamo una via di mezzo”.

    Ciao jamajama e si ci mancava il portiere per completare La Rosa 🌹

  10. Ip Address: 79.47.4.107

    Sostituito il preparatore atletico con l’attuale responsabile della fisioterapia. Speriamo rimetta in piedi anche i giocatori sani

  11. Ip Address: 37.159.104.148

    Partecipo allo sciopero delle curve anche a oltranza plm non è degno dei tifosi 🔴 💙 via da catania …..

Spiacenti, i commenti sono chiusi.

su
giu