Di Grazia abbiamo vinto

 Scritto da il 10 ottobre 2016 alle 18:17
Ott 102016
 

ct-me

Quando pensavamo che al Catania fosse tornata quella paura già vista a Reggio o a Taranto, quella di vincere, il folletto Di Grazia ancora non pago di due gol pesanti realizzati con il cinismo di un veterano, scacciava via le nostre paure come meglio non potrebbe fare una folata di vento di tramontana insaccando il terzo pallone alla sinistra di Berardi che poteva solo sfiorare ma non fermare la sfera che andava ad accarezzare il palo per poi fermare la sua corsa in fondo alla rete.

Apoteosi sugli spalti con 9000 e più tifosi catanesi a gustarsi una vittoria oramai conquistata con due gol di vantaggio a nove minuti dal fischio finale. Più per concedergli l’applauso meritato che perché a corto di ossigeno , il giovane catanese Doc  lasciava il campo tra i convinti applausi dei sostenitori etnei ai quali si sono aggiunti gli abbracci di un Rigoli distrattosi solo per questa occasione dopo aver seguito con la giusta attenzione il match dalla sua area di competenza. Finalmente la vittoria sorride ai giocatori di casa .

Era ora, le premesse c’erano con le curve per la prima volta piene come non si  vedeva da tempo e con gli etnei  che dalle prime battute si mostravano decisi e determinati sulle palle, a  cominciare da Calil schierato in avanti insieme a Basiric e Di Grazia e quest’ultimo, da subito, faceva intendere ai difensori  avversari che oggi sarebbe stata dura per loro e proprio un suo lancio nei primi minuti di gioco trovava Caetano  sottoporta che tirava centralmente su Berardi.

Un Catania diverso rispetto a quello di una settimana fa, voglioso, propositivo e coriaceo sicuramente caricato a mille da Lo Monaco e che anche a centrocampo dimostrava carattere con Biagianti e Bucolo a costruire e Di Cecco a ringhiare davanti alla difesa oggi affidata ai centrali Gil e Bergamelli e con gli esterni Parisi e Djordjevic . Il gol doveva arrivare ed è arrivato per merito di Di Grazia che con un preciso tiro a mezz’altezza bruciava  il portiere ospite senza pietà.

Il Messina accusava il colpo e mentre ancora si leccava le ferite su di un ribaltamento di fronte Basiric si veniva a trovare solo davanti a Berardi sprecando la ghiotta occasione con un pallonetto a saltare il portiere ma la palla superava  la traversa e l’occasione sfumava tra il sospiro dei 300 tifosi giallorossi e la rabbia ed incredulità di quelli rossazzurri.

Sembrava continuare il film già visto in altre circostanze, ma il solito Di Grazia , oggi veramente in giornata “di grazia”, al minuto 40 si scatenava sulla sinistra riuscendo a trovare un piccolo buco tra le gambe dei difensori avversari e insaccava di precisione un diagonale sul quale Berardi non riusciva ad intervenire. Nei minuti di recupero della prima frazione Gil scivolava al limite dell’area di competenza e Pozzebon ne approfittava per trafiggere Pisseri riuscendo ad accorciare le distanze e facendosi perdonare per la traversa colpita al diciottesimo.

La ripresa iniziava con gli undici titolari del primo tempo con il Messina alla ricerca del due a due e con il Catania che soffriva ma che cercava di sfruttare le ripartenze per arrotondare il risultato. Al minuto 56 primo cambio con Russotto a rilevare Basiric oggi apparso sottotono rispetto alla prestazione offerta a Taranto, e Marra rispondeva con Madonia per Capua rendendo così la sua squadra più pericolosa in avanti.

Ma era invece Russotto colui che appariva più deciso e un suo tiro micidiale trovata pronto Berardi a deviare prima sul palo e poi in angolo. La sofferenza sugli spalti diventava palpabile ma ancora lui, il catanesino  Doc si lanciava in contropiede insaccando il gol della liberazione a nove minuti dal fischio finale.

Nei minuti di recupero, anche Pisseri strappava gli applausi riuscendo ad opporsi su colpo di testa ravvicinato compiendo un vero e proprio miracolo. La bella prova alla quale hanno partecipato nei minuti finali anche Scoppa e Silva, dimostra che il collettivo del Catania potrebbe agguantare una posizione valida per disputare i play off senza considerare ciò una eresia, in quanto sia gli uomini a disposizione del mister tra infortunati e non impiegati che la  classifica, accorciatasi ieri per il doppio pareggio di Foggia e Lecce e per le sconfitte di Casertana, Matera e Juve Stabia esprimono sensazioni  di un campionato che ancora non è’ entrato nel vivo della stagione e nel quale il Catania potrebbe ben figurare tra le prime della classe malgrado il fardello  della pesante penalizzazione subita.

Infatti, agganciato il Melfi che andremo a sfidare già domenica prossima, in caso di vittoria potremmo trovarci in condominio tra le pericolanti ma anche prossimi ad agganciare il carro dei play off per poi giocarci le nostre carte in casa contro la corazzata Lecce davanti al pubblico amico.

Adesso godiamoci questa vittoria con la certezza che con il +3 in differenza reti, ottenuto senza rigori a favore e con almeno due negati , ci pone al settimo posto in classifica dietro al Monopoli e quella dovrebbe essere la nostra attuale posizione senza penalizzazione ma che piange per la sconfitta interna subita ingiustamente e per i punti persi a Reggio e Taranto.

Ora a Melfi convinti di poter centrare la vittoria piena contro una squadra in difficoltà che vorrà tuttavia riprendersi dalla sconfitta maturata a Pagani. Solo per i tre punti questo deve essere il nostro obiettivo per guardare alla partita contro il Lecce con serenità e determinazione. Avanti liotro non ti fermare.

  15 Commenti per “Di Grazia abbiamo vinto”

  1. Ip Address: 87.30.123.18

    Adesso incominciamo a pensare al prossimo turno di campionato tra gli ultimi due della classe

  2. Ip Address: 87.30.123.18

    Spirammu di essere in digrazia

  3. Ip Address: 93.37.184.254

    Io credo che questo Catania c ` era anche aTaranto. Solo che là è mancato il gol, quando deve venire. Qua tutto è filato perché inpalloni sono entrati. A Taranto c”era solo il Catania. Ieri c`era un buon Messina, coriaceo e irriducibile. Ma non c era storis

  4. Ip Address: 79.32.151.232

    si paoloilcaldo, se il gol non viene tutto è vano. Anche contro l’akragas meritavamo di vincere ampiamente ma penso che il campo pesante non agevoli questa squadra che sui campi asciutti vola che è un piacere guardarla. mi auguro di trovare a Melfi campo asciutto e volontà di vincere. I tre punti sono non necessari ma indispensabili per proseguire questa risalita e allontanarci dalle sabie mobili della bassa classifica nella quale adesso ci stiamo dentro fino al collo. non dimentichiamoci che e’ più di un anno che non vinciamo in trasferta e questa cosa deve finire. Domenica solo per i tre punti si deve andare anche per vendicare la partita dello scorsoi anno del 13.12 quando dopo i tre gol (Agazzi e doppietta di Russotto) fummo raggiunti grazie alla papera di Bastianoni.

  5. Ip Address: 79.36.91.90

    vincere per dare seguito a speranze ,e scacciare la maledizione delle gare esterne.vincere per catania e per i catanesi.

  6. Ip Address: 2.157.171.60

    Buongiorno a tutti , vincere aiuta a vincere

  7. Ip Address: 151.47.67.11

    Vedo che la prestazione,con relativa vittoria ha fatto tornare il sereno tra i tifosi rosso azzurri, Il nostro sito ha ritrovato quella verve e quella voglia di scrivere parole entusiastiche che da tanto tempo non si vedevano ! Anche io mi sono tranquillizzato ,però dato che per carattere e per esperienza ,sono portato sempre a farà il San Tommaso! Cioè ,quello che voglio dire ( e gli amici mi hanno capito ! ) vorrei attendere che ci sia una continuità nelle prestazioni della nostra squadra ! Adesso siamo un po’ meno pessimisti ,però io vorrei esprimere un giudizio completo dopo le due partite che il Catania si appresta a sostenere. A Melfi ,dove ci aspetta una squadra modesta ma che lotterà con gagliardia e sopratutto ,dopo ,in casa con una grande, il Lecce ! È’. In questa partita che si vedrà cosa potrà fare il Catania in avvenire ! Uscirà dall’ anonimato? Entrerà nel gruppetto di squadre che potranno aspirare ai play off? Di Grazia ha dato il via alla riscossa ! I suoi compagni ,specie gli attaccanti ,dovranno rispondere con lo stesso entusiasmo del catanese doc !

  8. Ip Address: 151.47.67.11

    Scusatemi per qualche errore di battitura. volevo scrivere. ……. a fare il……

  9. Ip Address: 87.30.123.18

    Maisani – Mazzarani potrebbe firmare con il Catania
    L’ex trequartista del Modena Andrea Mazzarani sembra una possibilità concreta per il mercato del Catania.

    Secondo quanto riportato dal giornalista di Goal.com Renato Maisani, Mazzarani, che è attualmente svincolato, potrebbe firmare un nuovo contratto con il Catania nelle prossime ore.
    Andrea #Mazzarani, ex Modena attualmente svincolato, potrebbe firmare a ore con il #Catania

    — Renato Maisani (@RenatoMaisani) 11 ottobre 2016
    Mazzarani, dopo la fine dell’esperienza a Modena, quest’estate aveva firmato un contratto con il Crotone, ma le parti prima della fine del mercato erano giunte alla rescissione del contratto. C’è il Catania nel suo futuro?

  10. Ip Address: 87.30.123.18

    Buona cena a tutti

  11. Ip Address: 158.148.209.131

    Mexxican ha dato la notizia e io ve la confermo. Mazzarani ha firmato un biennale e già ha sostenuto il primo allenamento a torre del grifo. Un buon trequartista con esperienza da vendere e con il vizietto del gol. Mister rigoli adesso ha l’uomo per il modulo 4/3/1/2 . Benvenuto tra noi

  12. Ip Address: 79.52.103.220

    Ci voleva questo acquisto,esperienza con vizio del gol da fuori aria,Lo Monaco ci ha fatto questa sorpresa e potrebbe non essere l’unica,si parla di Marchese anche se i posti credo siano finiti come over.Saluti a tutti voi e forza Catania 46

  13. Ip Address: 95.252.223.200

    Come una partita di scacchi. All’acquisto di Mazzarani il Melfi ha risposto portando in Gualloblu il difensore svincolato trentaquattrenne Maurizio Lanzaro ex Foggia Forse già in campo contro di noi .

  14. Ip Address: 151.37.42.244

    Davvero ottimo l ‘ acquisto di Mazzarani ! Il nostro Pietro ci ha fatto un bel regalo . Il calciatore nato a Roma,pur essendo ancora giovane , ha militato in diverse squadre di serie B ,nel Modena ( segnando 22 gol in 91 partite,in serieA nel Novara ( 9 reti ). Ha cominciato la carriera nella Cisco Roma. Trequartista rapido e duttile,capace di fornire assist , di aggredire gli spazi,ma anche di interdire. Talvolta impiegato come mezzala e centrocampista offensivo di destra . In sintesi è un buon giocatore di grande esperienza,dotato anche di buona tecnica ! Farà molto comodo al Catania per la sua presumibile risalita nei piani più alti della graduatoria! Amici , attenzione al Melfi ! Non sarà una passeggiata! Umiltà ! Partire per vincere ma, contemporaneamente coprirsi e non esporsi più di tanto ai loro contropiedi! Ed alla catanese Fozza Catania !

  15. Ip Address: 82.55.201.225

    Bravo Armando sempre FOZZA CATANIA. Buon pomeriggio a tutti

Spiacenti, i commenti sono chiusi.

su
giu