Ufficiale Bergessio alla Sampdoria

 Scritto da il 1 agosto 2014 alle 14:44
Ago 012014
 

Bergessio

La Sampdoria comunica di aver acquisito a titolo definitivo dal Calcio Catania i diritti sportivi del calciatore Gonzalo Bergessio  (nato a Córdoba, Argentina, il 20 luglio 1984).

L’attaccante, che ha già sostenuto le visite mediche e ha scelto la maglia numero 18,  è già a disposizione di Sinisa Mihajlovic.

  39 Commenti per “Ufficiale Bergessio alla Sampdoria”

  1. Ip Address: 91.253.208.159

    Grazie di tutto !!!! ………..: un in bocca al lupo

  2. Ip Address: 79.8.156.212

    Arrivederci . Ci mancherà la tua grinta, la voglia di lottare su ogni pallone, lo spirito di sacrificio che ti ha sempre accompagnato in ogni partita. Ti auguro un mare di gol, anche per far alzare l’asticella dei bonus per il Catania. Sei già nella storia del nostro club, rimarrai impresso nei nostri cuori,

  3. Ip Address: 151.74.162.249

    Ok Barrientos e Lopez, passi per Bergessio e Izco.
    Ma adesso forse sarebbe meglio fermarsi con le vendite, leggo rumors rosella per Spolli, Monzon, Bellusci e qualche altro ancora.
    L’organico così come è va bene ma non bisogna eccedere nelle vendite.

  4. Ip Address: 95.235.30.233

    Buongiorno raga’!!

    Sono ritornato a Napoli, anzi nei dintorni di Napoli! 😀

    Stamattina giornata di sole e la temperatura e’ fresca!

    Buona giornata a tutti!

  5. Ip Address: 95.235.30.233

    Copia e’ incolla da La Sicilia del 1 Agosto 2014.

    “Catania forte
    e presto vincente”

    GIOVANNI FINOCCHIARO
    NOSTRO INVIATO

    TORRE DEL GRIFO. Lo slogan del giorno lo
    conia Maurizio Pellegrino: «Siamo forti,
    dobbiamo diventare vincenti». Ed è
    una frase che riassume il momento del
    Catania dopo il secondo test con l’Equipe
    Sicilia, vinto 2-0 (gol di Barisic e Aveni).
    Spieghiamo perché, Pellegrino.
    «La mentalità va costruita ogni giorno.
    Non pensiamo che il campionato lo si
    possa dominare così facilmente da doverlo…
    chiudere a febbraio. Ci sono avversarie
    che si rafforzano giorno dopo
    giorno».
    E il Catania?
    «Sta lavorando anche in questo senso,
    ma sono felice per il modo in cui il gruppo
    ha gestito la prima parte del ritiro».
    Comincia la seconda fase.
    «Abbiamo lavorato sul recupero fisico,
    d’accordo con il prof. Ventrone. Adesso
    ci daremo un’organizzazione di gioco,
    sviluppando le indicazioni che abbiamo
    ricevuto anche dai due test agonistici.
    Arriveranno amichevoli di spessore. Ce
    ne saranno almeno due, più la Coppa. Se
    dovessimo superare il turno, ci toccherebbe
    il Cagliari».
    Quando recupererà Calaiò e Spolli?
    «Sono già a posto, stanno continuando
    il lavoro personalizzato, ma spero di
    averli già per il prossimo impegno amichevole.
    Abbiamo applicato una metodologia
    diversa per avere a che fare
    con meno infortuni. Avrò un Castro più
    brillante».
    Rosina all’esordio, impatto più che positivo,
    sottolineato dagli applausi del
    pubblico.
    «Più lo vedo accentrarsi, meglio è. Potrebbe
    anche partire da interno di centrocampo,
    scambiandosi la posizione
    con chi corre più in avanti. La sua prima
    è stata più che mai… felice».
    Lodi e Rinaudo insieme…
    «Lo sapevo, tutte le attenzioni erano rivolte
    ai due centrocampisti».
    Non poteva essere diversamente.
    «Capisco. Lodi soprattutto ha avuto
    molta libertà di movimento. L’unica indicazione
    che mi premeva fosse rispettata
    era il possesso palla. E di conseguenza
    il ritmo alto delle giocate. Ho
    anche preteso che si variasse sul fronte
    d’attacco con attaccanti incaricati di
    “tagliare” e di inserirsi. Stesso discorso
    per chi arrivava dal centrocampo».
    Oppure si creerà una concorrenza per
    un posto di centrale.
    «Vedremo. Ci sono 40 partite da affrontare
    e servono tutti quanti. Meglio scegliere
    il meglio che adattare, forzando il
    concetto. L’obiettivo resta uno e uno
    solo: vincere».
    Si sono formate due catene, così
    com’era logico.
    «Castro, Lodi, Martinho a sinistra, Rosina,
    Chrapek e Peruzzi a sinistra. C’è stato
    l’equilibrio giusto? La risposta è sì».
    Qualcosa che non va c’è stata. Pochi
    gol e un pizzico di imprecisione negli
    ultimi metri.
    «Abbiamo lavorato molto, anche in
    mattinata, non pretendevo una goleada,
    ma i movimenti e la padronanza
    dell’azione».
    Almiron e Monzon, rieccoli. Come
    stanno?
    «Meglio. Sono felice che siano rientrati.
    Hanno lavorato molto sul piano individuale
    e i risultati parziali sono incoraggianti.
    Monzon potrebbe tornare a coprire
    la fascia sinistra, permettendo a
    Martinho di avanzare a centrocampo,
    ruolo per cui mi sembra tagliato. Almiron?
    Se sta bene diventa un elemento di
    qualità eccelsa».
    Ma Rinaudo al centro della difesa, nel
    secondo tempo, è un esperimento?
    «In quel momento eravamo a corto di
    difensori centrali, visto che Fabian si
    adatta in ogni zona del campo gli ho
    chiesto di… ovviare».
    I giovani, adesso. Chi ha segnato – Barisic
    e Aveni – chi ha coperto il campo –
    Garufi, De Matteis, Carillo – nel secondo
    tempo…
    «Garufi, Barisic e Aveni hanno rispettato
    i tempi d’inserimento in squadra. Per
    ora restano qui. Andranno via? Vedremo.
    Ne parleremo insieme con i dirigenti
    ».
    Si parla sempre di Pellegrino che dalla
    scrivania passa in campo…
    «Capisco che ci sia diffidenza nei miei
    confronti e che ci siano molti interrogativi
    sulla mia figura di allenatore. Ma io
    so che l’unica squadra che esiste, per
    me, è il Catania e tutti dovremo dare il
    massimo per arrivare al traguardo. Il
    resto, francamente, mi interessa poco».
    Pellegrino: «Lodi e Rinaudo insieme? Si può fare
    Rosina è libero di accentrarsi, Chrapek lo copre»

  6. Ip Address: 95.235.30.233

    Parma, obiettivo Francesco Lodi: offerti Ninis e Rispoli, il Catania dice no

    02/08/2014 – 00:13
    di Gianluca Di Marzio
    lodi pp
    Catania-Parma, asse rovente. Di mercato. In gioco il futuro di più calciatori. Il Parma strizza l’occhio a Francesco Lodi, già qualche contatto tra le parti. Operazione ancora tutta da definire. Ma non è l’unico nome sul piatto. Il club gialloblù vorrebbe inserire nella trattativa anche Ninis e Rispoli, offerti al Catania. E già rifiutati. Il Catania ha detto no. Mercato in evoluzione, il Parma guarda in casa Catania. Lodi in vetrina, per il suo centrocampo.

  7. Ip Address: 79.56.39.179

    buon sabato a tutti fratelli dal cuore rossazzurro FORTE PRESSING PER L’ARGENTINO SPOLLI: IL CATANIA PERÒ RESISTE (STOP AND GOL)

    “Nella giornata di oggi il giornalista ed esperto di calciomercato, Gianluca Di Marzio, ha diffuso la notizia di un forte interesse da parte del Palermo per il difensore argentino del Catania, NicolasSpolli. Dopo la retrocessione degli etnei in Serie B, coincisa con la promozione dei rosanero inSerie A, potrebbe cambiare casacca il 31enne calciatore approdato all’ombra dell’Etna nell’estate 2009 […]Secondo questa indiscrezione di mercato, sarebbe in corso un vero e proprio derby di mercato tra i due club siciliani, che si contendono il cartellino dell’argentino. Il Palermo cerca un difensore e Spolli piace tantissimo ai rosanero, che hanno chiesto informazioni alla società di Pulvirenti. Da parte loro però gli etnei hanno fatto sapere che il prezzo del suo cartellino è di 10 milioni di euro, una cifra che difficilmente il club di Zamparini spenderà per il calciatore. Ciononostante il Palermo resta alla finestra e da un momento all’altro è pronto a sferrare l’attacco decisivo.

  8. Ip Address: 79.56.39.179

    ciao bergessio sei stato un buon combattente nelle nostre file ti auguro tanta fortuna 😉 😉

  9. Ip Address: 91.252.160.115

    Buon pomeriggio a tutti, giù le mani da spolli

  10. Ip Address: 79.8.156.212

    Ciao Mexxican, siamo d’accordo che ormai rimane l’ultima bandiera del Catania ma se il Palermo versa casch 10 mil. come si fa a dire no. Basta che alle entrate corrispondano acquisti intelligenti e funzionali al progetto che, quale primo punto cardine, vuole il Catania in serie A in un anno. Purtroppo, queste amichevoli finora effettuate, non chiariscono la vera forza della squadra, amalgama, schemi tattici ecc,ecc. E’ ancora presto? Si Sa niente delle altre amichevole di cui una in Austria di spessore che andremo a giocare? Tutto tace. Comunque bravo Bergessio, dichiarazioni alla stampa ligure oculate ricche di parole di elogio per il Catania. Per la cronaca, il giorno dopo l’arrivo a Genova, il Toro era già in campo. Grande e serio professionista.

  11. Ip Address: 79.8.156.212

    Sembra definita la terza amichevole: il Catania giocherà il 5/8 a Salisburgo contro una squadra araba…………COSÌ TUCCHI.

  12. Ip Address: 79.56.39.179

    Rinaudo, la ‘fusione’ perfetta tra Baiocco e Carboni?
    Un po’ di Baiocco, un po’ di Carboni. Tanto basta per creare il centrocampista perfetto? E Rinaudo, lo può esser davvero? All’argentino, già amato dai tifosi, come tutti i giocatori di sostanza, Pellegrino affiderà il duplice compito di sospingere l’attacco e reggere la difesa.

  13. Ip Address: 79.56.39.179

    La fusione tra Goten e Trunks è una pagina indelebile nell’ambito della fantasia e dei ricordi dell’infanzia ‘manga’. Dalla fusione di due combattenti valorosi nasceva un nuovo “gladiatore”, quasi invincibile, capace di abbinarne e massimizzarne le differenti caratteristiche. Si chiamava Gotenks nella saga ‘Dragon Ball’. Ma cosa c’entra tutto ciò col calcio? Basta usare un po’ di suggestione e fantasia..

    Parliamo di Ezequiel Carboni, mediano di rottura che navigò in maglia rossazzurra qualche stagione fa. Incontrista puro, scrupoloso in fase difensiva. Tuttavia parecchio affannato in fase offensiva. Lo Monaco,l’allora d.g. che lo portò a Catania diceva: “Se solo alzasse la testa..”. Ma ‘Kely’ questo faceva di mestiere: spaccalegna a testa bassa. Un’ascia in mano, un che di vichingo. Lo paragoniamo a Trunks.

    Parliamo di Davide Baiocco. Imponente la personalità dell’ex capitano rossazzurro. Come le sue avanzate palla al piede verso le linee avversarie. Giocatore che ha scritto pagine di storia in casa Catania, colorate dalla grinta e da quell’amore per la maglia che fa innamorare immediatamente ogni tifoso. A volte poteva perdere la calma, mai il pallone però. Per queste caratteristiche, lo paragoniamo a Goten.

    (Goten + Trunks) = Gotenks come (Baiocco + Carboni) = ? Ecco Fito ! Fabian Rinaudo, accolto come una star al suo ritorno a Catania, già in aeroporto. L’argentino ingloba la capacità d’esser filtro davanti la difesa alla personalità da leader dell’immenso Davide Baiocco. La somma delle differenti caratteristiche lo renderebbe già un giocatore più completo. Riuscirà però a diventare la fusione perfetta dei due, il centrocampista insuperabile?

    Solo sei mesi ma già tanto amato, come a Catania lo son stati tutti i ‘numeri 5′ nel petto (più che sulla maglia). Mister Pellegrino affiderà a lui le chiavi del centrocampo. Gli chiederà di far tanto il Carboni che il Baiocco: sostenere la squadra nella carica e soccorrerla nei ripiegamenti. Aggiungendo i ‘lanci’ di cui è anche capace. La fusione è fatta, o almeno tentata. Parola al campo per scoprire quanto sarà azzeccata.

  14. Ip Address: 37.227.36.227

    Per catanese a Napoli , ciao non credo che le amichevoli estive possano far capire o dare delle indicazioni sul potenziale di una squadra non sappiamo mai che tipo preparazione stanno facendo per affrontare al meglio il prossimo campionato , a questo punto io direi di aspettare prima di dare qualche verdetto , e anche vero che lo scorso anno facendo certe amichevoli di basso livello andò a finire come sappiamo tutti, ma in quel caso fu sbagliata il tipo di preparazione . con dico a tutti e forza CATANIA

  15. Ip Address: 37.227.36.227

    Buona notte a tutti

  16. Ip Address: 87.10.34.84

    Buongiorno raga’!

    Stamattina giornata nuvolosa con un leggero venticello e la temperatura e’ fresca.

    Buona domenica a tutti! 😉

  17. Ip Address: 87.10.34.84

    CATANIA, martedì a Salisburgo contro l’Al Ain
    02.08.2014 18:31 di Andrea Carlino Twitter: @acarlino85

    Il Catania giocherà un’amichevole al di fuori dei confini italiani: la squadra di Pellegrino, dopo i match giocati a Torre del Grifo contro Mascalucia (10-0) ed Equipe Sicilia (2-0) giocherà martedì prossimo in Austria, a Salisburgo, contro la formazione degli Emirati Arabi, vincitrice della Champions League asiatica nel 2003, dell’ Al Ain.

    Nella squadra araba, allenata dal tecnico serbo Zlatko Dalić, milita l’ex attaccante dell’Udinese, il ghanese Asamoah Gyan (a segno contro la Germania a Brasile 2014) già 80 reti in tre stagioni con la maglia degli arabi (a giugno ha rinnovato fino al 2018). Altri giocatori famosi sono: il mediano slovacco Miroslav Stoch, classe 1989, in prestito dal Fenerbahçe, 30 presenze e 4 reti in Nazionale e il centrocampista coreano Lee Myung-Joo, classe 1990, proveniente dalla squadra del Pohang Steelers.

    L’Al Ain, nel suo palmares, ha collezionato 11 titoli nazionali e 5 Coppe degli Emirati Arabi Uniti. La compagine araba si trova dal 30 luglio in Austria e ci starà fino al 12 agosto disputando anche tre match amichevoli, uno proprio contro il Catania, in vista dell’esordio nell’Asian Champions League contro l’Al Ittihad.

  18. Ip Address: 79.8.156.212

    Ok, Mexxican. Aspettiamo per capire il grado d i preparazione fisica raggiunto, poi valuteremo schemi e assetti tattici sperando di rivedere in campo Spolli e Calaio. Speriamo che ci facciano vedere in streaming anche questo incontro. Buona giornata a tutti

  19. Ip Address: 91.253.221.5

    Buona domenica a tutti

  20. Ip Address: 91.252.234.234

    Buonpomeriggio a tutti cari fratelli rossazzurri

  21. Ip Address: 91.252.234.234

    Chievo, si tratta col Catania per Castro: la situazione

    03/08/2014 – 17:32
    di Gianluca Di Marzio

    Verona-Catania, asse di mercato. Dopo il trasferimento di Mariano Izco, il Chievo guarda ancora in casa Catania: nel mirino, il centrocampista argentino Lucas Castro. Il giocatore piace e tra i due club è in corso una trattativa: il Chievo propone come possibili contropartite Sestu o Lazarevic, il Catania valuta la proposta. Castro potrebbe essere invogliato a dire sì al Chievo anche per via della presenza di Izco, che ritroverebbe a Verona dopo l’esperienza in maglia rossazzurra. Trattativa in corso, Castro al centro dei discorsi tra Chievo e Catania.

  22. Ip Address: 91.252.234.234

    Certo a questo punto ci vuole un degno sostituto, di nomi in giro c’è n’è !!!!!! A volontà

  23. Ip Address: 87.10.34.84

    Salve raga’!

    Ciao Mexxican, Catanese a Napoli e Bekk 46! 😉

    Anche Castro, managgia!

    “Saccheggio” dei nostri giocatori a non finire e detto fra noi, loro, desiderano di giocare in Serie A come Izco, quindi non diamo sempre la colpa alla societa’.

    Non so che pensare raga’, spero solo che finisca presto il calciomercato.

    Buon pomeriggio a tutti!

  24. Ip Address: 87.10.34.84

    domenica 3 agosto 2014

    Terza amichevole stagionale per i rossazzurri di mister Pellegrino
    Martedì 5 agosto, allo “Steinberg Stadium” di Leogang, Catania-Al Ain
    Martedì 5 agosto, allo “Steinberg Stadium” di Leogang, Catania-Al Ain
    Completata oggi la seconda doppia seduta consecutiva della nuova fase del ritiro pre-campionato, i rossazzurri si preparano alla terza amichevole stagionale: martedì 5 agosto, allo “Steinberg Stadium” di Leogang, in Austria, Catania-Al Ain. Fischio d’inizio alle 17.00. Per la squadra di mister Pellegrino, un banco di prova certamente importante, in funzione di crescenti esigenze di riscontro tecnico: l’Al Ain, che si affida alla “stella” ghanese Gyan Asamoah in evidenza anche in occasione dei recenti Mondiali, è il club più titolato in patria, l’unico degli Emirati Arabi ad aver vinto in passato una Champions League asiatica. La squadra allenata da Zlatko Dali? lavora, oggi, proprio in funzione degli impegni nei quarti di finale dell’edizione attuale della prestigiosa competizione (19 e 26 agosto, doppio confronto con i sauditi dell’Al Ittihad).

  25. Ip Address: 79.8.156.212

    Adesso pure Castro. Monzon, spolli, Bellusci Lodi, frison, Rolin, terra cciano……….si parla solo di uscite. E di entrate? Neppure una indiscrezione, tanto per stuzzicarci un po’. Concordo con te giorgio, vorrei che il calciomercato finisse subito, invece c’è ancora un mese tutto pieno e noi, penso, ne vedremo ancora delle belle ,,,,,,ops, volevo dire di brutte. Inoltre, con l’addio di Izco, una alternativa a dx in difesa, ci vorrebbe.

  26. Ip Address: 91.253.229.58

    Attenzione per ora sono solo voci di mercato , certo che castro per noi è un giocatore di livello che fa la differenza e per la B e un lusso .

  27. Ip Address: 79.13.47.210

    buonasera a tutti fratelli dal cuore rossazzurro CATANIA – Secondo quanto appreso e pubblicato dal giornalista di Repubblica e Telecolor Alessandro Vagliasindi, i contatti tra Catania e Chievo Verono non si sono interrotti dopo l’affare Izco come dopo l’affare Lopez. Il club veronese è interessato anche ad un altro giocatore della formazione rossazzurra. Si tratta di Lucas Castro. L’esterno offensivo di nazionalità argentina piace e parecchio a Corini. Il Catania, d’altro canto, è ormai notizia stia cercando di convincere il Racing Avellaneda a cedere Ricardo Centurion, giocatore con caratteristiche molto simili a quelle di Castro. Che le due operazioni possano esser collegate? Sono attesi sviluppi.

    Intanto, il Palermo non molla la presa per Nicolas Spolli. Il d.s. rosanero, Ceravolo, è più che mai intenzionato a fornire una guida solida ed esperta alla difesa. Per questo cerca il nuovo capitano del Catania. Il prezzo dell’operazione è però assai più caro di quanto il budget del Palermo preveda. Cosentino, l’addì dei rossazzurri, è stato chiaro: “Servono 10 milioni di euro”. 😉 😉

  28. Ip Address: 91.253.209.58

    Quella izco cessione ci può stare ma quella di Castro no , speriamo che siano soltanto voci di mercato .

  29. Ip Address: 87.10.34.84

    Ciao angelo! 😉

    Notte a tutti raga’!

  30. Ip Address: 91.253.231.122

    Notte a tutti quanti a domani , e speriamo con buone notizie di mercato (entrata)

  31. Ip Address: 151.74.159.58

    Ritorno a dire, basta cessioni pesanti.
    Si deve risalire in A immediatamente, alcuni giocatori vanno tenuti, Castro, Spolli, Rolin e Monzon tra questi.
    Si sono fatti buoni affari economici, adesso si lavori per vincere la B.

  32. Ip Address: 109.113.132.113

    Pista torinese per il Catania: si muove per Barsha. Intanto il Palermo non molla gli occhi dai nostri difensori. Visto l’alto prezzo per Spolli, adesso preme per Rolin. Spero che la dirigenza non lo molli per meno di 12mil. Vista l’età e i miglioramenti che sicuramente farà . Ah come vorrei che si chiudesse qui il calciomercato. E intanto il latina si rinforza ancora. Buona giornata

  33. Ip Address: 80.180.151.106

    Buongiorno raga’!
    Ciao Perplesso e Catanese a Napoli! 😉

    Stamattina cielo luminoso con la temperatura abbastanza calda.

    Speriamo che non cedano i migliori, ma come scrivo sempre sono i giocatori a decidere e non la societa’.

    Buona giornata a tutti!

  34. Ip Address: 95.232.22.99

    Buongiorno a tutti pari!

    Concordo con tutti quelli che sperano che il calciomercato si chiuda il più presto possibile! Vedrete che per Spolli se il Palermo dovesse offrire 6 o 7 milioni cash, Cosentino se li prende e chiude la partita.

    Mi auguro che Castro rimanga al Catania e che si faccia qualche acquisto per rinforzare la squadra!

    Ciao Angelo, Giorgio, Mexxican, Perplesso, Catanese a Napoli ……a Roma ed al nuovo arrivato Bekk46…….e a tutti gli altri che scrivono e scriveranno… :mrgreen:

    Rosso come il fuoco, azzurro come il mare, l’amore per il Catania non si può spiegare!

  35. Ip Address: 95.232.22.99

    Aspettando Gillet, Mattiello e… (La Sicilia 3 Agosto 2014)

    Il mercato dei rossazzurri dipende anche dalle cessioni. Lodi in partenza, anzi no

    “PORTIERE. Il problema del portiere non è proprio un… problema. Nel senso che se tutto dovesse rimanere com’è, in gruppo resterebbero Frison e Terracciano: due italiani, tutt’altro che stagionati. Un vecchietto sempre nel mirino della società è Gillet (Torino). Vecchietto… Non gioca da un anno per la squalifica sul caso scommesse, ma resta sempre un portiere con i fiocchi. Tra due settimane esatte, il 16 tornerà disponibile per giocare e allenarsi ufficialmente con la società che gli darà la possibilità di farlo. Il Toro ha in mano il suo tesseramento, il Catania insiste per averlo. In realtà, se non dovesse farcela, il settore dei numeri uno sarà comunque da lotta al vertice. Per l’esperienza che ha Frison in B, per quella vissuta da Terracciano ad Avellino nella stagione passata. DIFENSORI. I rossazzurri ne aspettano due: un laterale destro che funga da vice Peruzzi (Mattiello è ancora un elemento che interessa) e un centrale. In questo caso, però, bisognerà cedere Bellusci. Lo aveva quasi agganciato la Lazio, adesso l’ipotesi è saltata e il Catania considera le proposte che erano arrivate dall’estero. Se qualcuno parte, insomma, qualcun altro arriverà. E a nulla, a quanto pare, servano gli sforzi di altri club (Palermo in testa) per Rolin. L’uruguaiano resta un calciatore del Catania. Che cosa potrebbe ricreare una cessione alla Izco? Il (vil?) denaro: se pagato adeguatamente, non ci sarà nome che tenga. Il calcio è un’azienda e, incassata una cifra importante, i dirigenti etnei la impiegherebbero per migliorare il proprio assetto. CENTROCAMPISTI. Izco, ceduto al Chievo, ha creato un «buco» a centrocampo, sulla fascia mediana di destra. In realtà, l’argentino ha ceduto, per ora il testimone al polacco Chrapek che sta cercando, a grandi passi, di assimilare ogni movimento, nelle due fasi di gioco, della squadra. C’è anche Almiron, per non parlare di Rosina che si adatta qualche metro più indietro, ma è chiaro che il Catania vuole (e può) agganciare un altro calciatore che possa numericamente e qualitativamente completare il reparto. Anche Lodi sembra costantemente in bilico tra richieste (Parma) e conferme. Oggi le probabilità che rimanga sono elevatissime, ma saranno decisivi gli ultimi giorni di mercato, ammesso che il calciatore accetti una nuova destinazione, dopo che, a più riprese, ha rifiutato fior di contratti (primo tra tutti quello del Palermo). ATTACCANTI. Leto sempre sulla via della cessione? Richieste non ne mancano. Il Catania aveva puntato Babacar quando sembrava avesse un accordo con la Fiorentina per cedere Bergessio. A questo punto la trattativa sembra più lontana, anzi sfumata. Ma non è detto che venga ripescata in coda al mercato di agosto.

  36. Ip Address: 37.227.65.102

    Buongiorno a tutti ,finalmente il sole

  37. Ip Address: 95.234.43.94

    Movimenti sembra che ce ne siano……

    Lavori in corso, in casa Catania. Con la squadra che domani sarà impegnata in amichevole contro l’Al Ain, la dirigenza non si ferma e continua a muoversi sul mercato.

    Innanzitutto è stato individuato l’erede di Izco: sarà l’albanese Basha che dovrebbe arrivare in settimana dal Torino. Intanto, però, Cosentino ha aggiunto un altro centrocampista argentino al reparto rossazzurro assicurandosi Calello, in arrivo dal Chievo Verona. Gli stessi veronesi, però, trattano con il Catania anche sul fronte Castro: il ‘Pata’ piace molto alla società clivense che vorrebbe riunirlo con Maxi Lopez ed Izco a Verona. I rossazzurri nicchiano, la società vorrebbe ripartire proprio da Castro ma a quanto pare il Chievo è pronto a presentarsi con un’offerta irrinunciabile che cambierebbe e non poco le carte in tavola.

    Sempre dal Chievo potrebbe arrivare, in parziale contropartita, il 24enne Dejan Lazarevic. Più difficile che la pedina di scambio sia Alessio Sestu, che a gennaio ha rifiutato la destinazione siciliana.

    Capitolo portiere: le possibilità che Frison rimanga il numero 1 del Catania sono sensibilmente aumentate, ma non è ancora certo che il gigante veneziano rimarrà in rossazzurro.

  38. Ip Address: 95.234.43.94

    Si stannu muvennu!

    CATANIA – In una lunga intervista al quotidiano ‘La Sicilia’ oggi in edicola, l’addì del Catania, Pablo Cosentino, confessa il confessabile su calciomercato, ritiro, programmi societari futuri e presenti senza chiuder perciò entrambi gli occhi su quanto accaduto nel passato più recente, che ha visto il Catania precipitare in serie B dopo otto anni di permanenza nel massimo campionato nazionale.

    “Stiamo facendo l’impossibile per arrivare all’inizio del campionato competitivi. Le voci di calciomercato non ci turbano, affatto. Sappiamo cosa fare. Ho parlato alla squadra, riportando il dato degli abbonamenti. Ha fatto piacere a tutti riscontrare una così importante risposta da parte della città. Dobbiamo rimanere compatti, società, giocatori e città. Solo così il campionato prenderà la giusta piega. Atteggiamento propositivo ed attaccamento alla maglia fanno la differenza. Giorno per giorno noto nel Catania una voglia enorme di risalire. Più che mai, chi ha perso adesso vuole vincere una volta di più.

    “Considero Rinaudo la pedina fondamentale del Catania. E’ un calciatore di spessore gigantesco. Lo guardo in allenamento e penso che oggi come oggi potrebbe giocare serenamente nell’Inter, nella Juventus, nel Milan ed invece è un calciatore del Catania ed assicura strapotere fisico. Era il centrocampista che avrei voluto, qui. Anche Martinho mi piace molto. E’ duttile, veloce. Avevamo necessità di giocatori come lui considerati gli obblighi di tesseramento per questa stagione. Secondo me farà altrettanto bene di due stagioni fa, a Verona. E’ un ambiente che conosce. Calaiò è stata la nostra prima scelta, bloccato subito. Sappiamo quanto possa dare, come Rosina, con cui i contatti erano già iniziati la scorsa stagione.

    “Frison e Terracciano possono giocare sia in B che in serie A. Per Gillet, parlano i numeri.Adesso prenderemo un centrocampista al posto di Izco ed un terzino destro giovane. Chi sarà il centrocampista? Posso solo dire che lo prenderemo bravo. Questo basta ed avanza. Il terzino? Mattiello è in ritiro con la prima squadra. Allegri vuole valutarlo. Se dovessero darlo via, lo prenderei subito. Mi piace molto. Certo ci premuniremo perché, numericamente, non avvenga quanto causato la scorsa stagione dalla sfilza di infortuni a cui abbiam dovuto far fronte. In ogni caso, a destra potremmo adattare Gyomber ed a centrocampo Chrapek è un possibile titolare.

    Personalmente dico che Rinaudo per la serie (…) è un lusso!
    Spero che, oltre al centrocampista ed al difensore, prendano un centravanti…….credo sia fondamentale!

    Rosso come il fuoco, azzurro come il mare l’amore per il Catania non si può spiegare!

  39. Ip Address: 62.19.14.214

    qusta Società non merita fiducia. VEDRETE COSA COMBINERANNO ANCORA…basta vedere con chi organizzano le amichevoli…come l’anno scorso! A Torre del Grifo la preparazione!?. Come l’anno scorso!!! POVERI ABBONATI DISILLUSI

Spiacenti, i commenti sono chiusi.

su
giu